Wimbledon: una Pliskova perfetta doma il servizio di Sabalenka e vola in finale

Flash

Wimbledon: una Pliskova perfetta doma il servizio di Sabalenka e vola in finale

Pliskova trova una delle migliori prestazioni al servizio della carriera e supera Sabalenka nonostante lo svantaggio iniziale. Contro Barty per vincere il suo primo Slam

Pubblicato

il

Karolina Pliskova - Wimbledon 2021 (via Twitter, @Wimbledon)

Pliskova b. Sabalenka 5-7 6-4 6-4

Karolina Pliskova prova a riscrivere la sua storia tennistica e trova la seconda finale Slam in carriera, superando in rimonta la bielorussa Aryna Sabalenka. La tennista ceca non andava oltre gli ottavi di uno Slam dall’Australian Open 2019 e ora si ritroverà opposta a Ashleigh Barty, sabato, quando tenterà di coronare due settimane fantastiche con il titolo Slam che finora le è sempre sfuggito.

Con questa semifinale Pliskova era già diventata la sesta tennista in attività con una semifinale in tutti e quattro i tornei dello Slam. La tennista ceca aveva abbandonato la top 10 per la prima volta dopo cinque anni proprio prima di Wimbledon, e con questa finale ci rientrerà subito – salirà almeno all’ottavo posto, che diventerà quarto in caso di vittoria del torneo. Una vittoria che ha anche il sapore della rivincita: Sabalenka aveva vinto gli unici due precedenti, tra cui uno sull’erba di Eastbourne nel 2018.

 

IL MATCHLa sfida tra due grandi colpitrici rispetta le aspettative. Entrambe si danno battaglia sin dal primo scambio – scambi che comunque non sono frequentissimi, visto che entrambe mantengono un’altissima percentuale di prime. La prima ad avere l’occasione di passare avanti è Pliskova, che riesce a sfilare due palle break dal servizio di Sabalenka nel quinto game. Lo stesso servizio però non lascia possibilità alla ceca di allungare e con un ace millimetrico Sabalenka scampa il pericolo. Anche nei due appuntamenti successivi con la palla break la tennista bielorussa si dimostra pronta, specie quando nell’undicesimo game serve per garantirsi il tie-break. Pliskova sfrutta qualche errore di troppo di Aryna e la numero 4 del mondo si trova dentro il fosso dello 0-40, con tre palle break da annullare.

Ancora una volta Sabalenka riesce ad aggrapparsi alla forza bruta del suo servizio (chiuderà il set con nove ace) e con le unghie e con i denti si garantisce il tie-break. Non servirà però il parziale decisivo per il primo set. Pliskova incappa nel primo vero game di distrazione di una partita fino a quel momento perfetta proprio al momento di servire per restare nel set. La tennista bielorussa capisce che è il momento di dare tutto e guadagna la prima palla break della sua partita. Sarà l’unica, almeno per questo set, ma tanto basta: Pliskova dà una mano alla sua avversaria e con un doppio fallo consegna a Sabalenka un set che più volte poteva finire nelle sue mani.

I frutti del gioco dell’ex numero 1 del mondo vengono colti nel secondo set, in cui Pliskova mantiene la concentrazione che aveva mostrato nella quasi totalità del primo set e torna inavvicinabile al servizio. A fare le spese di questa ritrovata solidità è subito Sabalenka, che torna a balbettare sul suo servizio e si trova di nuovo sotto 0-40 nel quinto game. Questa volta però nemmeno il suo grande servizio (oggi perfetto anche sotto pressione) può salvarla, e Pliskova trova il primo break della sua partita. Il set da lì non si discosta molto dall’andamento del primo, con la differenza che Sabalenka non deve più salvare altre palle break. L’unico momento di appannamento per la tennista ceca arriva puntuale quando serve per il set, in cui si ritrova a dover gestire un pericoloso 0-30, ma due errori da fondo di Sabalenka la aiutano a chiudere la pratica del secondo set.

Non comincia bene il set decisivo per Sabalenka. La tennista bielorussa alterna servizi sostanzialmente imprendibili a seconde che lasciano margine di manovra a Pliskova. La conseguenza naturale è un’altra palla break, che la tennista ceca converte con una risposta di rovescio che costringe Sabalenka ad affondare la palla in rete. Cambia e succede poco nel resto del set, perché entrambe soffrono pochissimo al servizio ma ogni minuto che passa Pliskova si sente (a ragione) sempre più vicina al traguardo.

La finale di Wimbledon arriva con un ace al termine di un game finale mai in discussione, che proietta la tennista ceca nella seconda finale Slam in carriera dopo quella dello US Open 2016. L’ex numero 1 del mondo se la vedrà con l’attuale indiscussa numero 1 del mondo Ashleigh Barty, anche lei alla prima finale nello Slam britannico ma che un Major lo ha già vinto, sulla terra di Parigi. I precedenti sono nettamente a favore della tennista australiana, che ha vinto cinque partite su sette – comprese le ultime tre che si sono disputate.

Il tabellone femminile di Wimbledon con tutti i risultati aggiornati

Continua a leggere
Commenti

Flash

ATP Race to Milano, la situazione post-US Open: Auger-Aliassime è il nuovo leader

SPONSORIZZATO – Auger-Aliassime supera Sinner in testa. Mentre Alcaraz esplode, Musetti esce dai primi cinque e si accende la lotta per gli ultimi due posti disponibili

Pubblicato

il

Felix Auger-Aliassime - 2021 US Open (Darren Carroll/USTA)

Mutatis mutandis, l’estate 2021 ha segnato una grande accelerazione per le carriere di molti dei protagonisti della Race to Milano, la graduatoria riservata ai tennisti nati dopo il 1° gennaio del 2000 che seleziona gli otto partecipanti alle Intesa Sanpaolo Next Gen ATP Finals. Alcuni dei nomi più altisonanti hanno infatti tagliato traguardi importanti nei tornei dello swing nord-americano, mentre altri si sono fatti notare per le loro performance sulla terra europea dei Challenger. Tra le principali modifiche c’è un cambio al vertice, ora occupato da Felix Auger-Aliassime.

Clicca qui per continuare a leggere l’articolo

Continua a leggere

Flash

Discovery Sports (Eurosport) acquista i diritti della Laver Cup fino al 2030

L’accordo di esclusiva segue quello recentemente annunciato per l’Australian Open

Pubblicato

il

Discovery Sports ha siglato un accordo decennale per trasmettere la Laver Cup in esclusiva dal 2021 al 2030, ampliando ulteriormente la sua offerta di tennis che comprende 3 prove del Grande Slam.

In diretta su Eurosport 1 e discovery+, la Laver Cup 2021 si terrà da venerdì 24 a domenica 26 settembre a Boston, negli Stati Uniti, con il Team Europe pronto a difendere il titolo vinto a Ginevra nel 2019 e oggi rappresentato dal campione dello US Open Daniil Medvedev insieme a Stefanos Tsitsipas, Alexander Zverev, Andrey Rublev, il numero 1 d’Italia Matteo Berrettini e Casper Ruud, capitanati da Björn Borg e dal suo vice Thomas Enqvist.

Il Team World sfiderà i campioni in carica rappresentato da Felix Auger-Aliassime, Denis Shapovalov, Diego Schwartzman, Reilly Opelka, John Isner e Nick Kyrgios, capitanati da John e Patrick McEnroe.

 

Il torneo, inaugurato nel 2017 da TEAM8 – società di sport e intrattenimento co-fondata da Roger Federer – e intitolato a Rod Laver unico campione del Grande Slam nel 1969, oppone sei dei migliori tennisti europei a sei del resto del mondo: un evento a squadre fra i più spettacolari del calendario di tennis.

La copertura della Laver Cup sarà estesa al più largo pubblico in tutta Europa grazie ai canali e le piattaforme digitali di Discovery come Eurosport e discovery+, nuovo servizio OTT che a partire dai Giochi Olimpici di Tokyo 2020 ha incluso tutto lo sport targato Discovery.

La notizia segue il prolungamento dello storico accordo che lega Discovery Sports all’Australian Open, su Eurosport dal 1995 e in esclusiva sui canali Discovery per il prossimo decennio fino 2031. Quest’anno, l’Australian Open ha fatto registrare un aumento del 61% dei visitatori su tutte le piattaforme digitali, trainate dall’App di Eurosport.

Andrew Georgiou, Presidente di Discovery Sports: «Siamo lieti di costruire sul nostro recente accordo per mostrare l’Australian Open un’altra partnership decennale per portare la Laver Cup agli spettatori di tutta Europa. Discovery ha una comprovata esperienza nel diffondere la bellezza del tennis attraverso il suo story-telling, la competenza dei suoi commentatori e la migliore tecnologia di distribuzione e copertura dei più grandi tornei a un pubblico vasto e ineguagliabile. Non vediamo l’ora di lavorare come partner di fiducia della Laver Cup per continuare a far crescere la portata del torneo».

Tony Godsick, CEO di TEAM8 e Chairman della Laver Cup: «Siamo entusiasti di poter cooperare con Discovery Sports ed Eurosport in questo storico accordo decennale che porterà la Laver Cup agli appassionati di tennis e di sport in tutta Europa. Il Team Europe ha vinto le prime 3 edizioni della Laver Cup e per questo, grazie a Eurosport, non vediamo l’ora di coinvolgere i fan di tutto il continente su ogni piattaforma».

Continua a leggere

Billie Jean King Cup

Al via il primo novembre la Billie Jean King Cup

Dopo un anno di assenza causa coronavirus, torna il torneo femminile per nazioni

Pubblicato

il

Fed Cup 2020 (via Twitter, @FedCup)

Dopo aver ufficializzato il cambio di sede da Budapest a Praga, ora la Billie Jean King Cup (ex Fed Cup) ha anche un programma e il sipario si alzerà lunedì 1 novembre alle 10:30 con le campionesse in carica della Francia impegnate contro il Canada sul campo centrale, mentre sul campo 1 il Belgio, squadra vincitrice nel 2001, affronterà la Bielorussia finalista nel 2017. La Repubblica Ceca padrone di casa, vincitrice della competizione per 11 volte, sarà in campo nella sessione pomeridiana non prima delle 17:30, contro la Germania. Ricordiamo che lunedì e martedì verranno utilizzati due campi, mentre tutti gli altri spareggi si giocheranno sul campo centrale, con la finale prevista sabato 6 novembre a partire dalle 16.

Questa sarà la modalità di gioco: ogni sfida sarà composta da due match di singolare (al meglio dei tre set con tie-break) e da un doppio (due set senza vantaggi e come terzo set un tiebreak a 10 punti). In finale inoltre l’incontro di doppio si giocherà al meglio dei tre set senza vantaggi. Di seguito i quattro gruppi da tre nazioni ciascuno, dove il vincitore di ogni girone accederà alle semifinali.

Group A: France, Russia, Canada 
Group B: Australia, Bielorussia, Belgio 
Group C: USA, Spagna, Slovacchia
Group D: Repubblica Ceca, Germana, Svizzera

 

Ancora una volta però la Women Tennis Associations non si dimostra particolarmente lungimirante nella logistica. Pochi giorni fa infatti è stata annunciata la decisione di disputare le WTA Finals (anche queste assenti lo scorso anno) a Guadalajara, Messico. Ancora non ci sono date per questo torneo ma avverrà certamente a inizio novembre, rendendo inevitabilmente quasi impossibile per le tenniste che fossero interessate (vedi Krejcikova o Sabalenka), disputare entrambi gli eventi.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement