Flavia Pennetta e Ubaldo Scanagatta celebrano l'exploit di Camila Giorgi e consigliano...

Flash

Flavia Pennetta e Ubaldo Scanagatta celebrano l’exploit di Camila Giorgi e consigliano…

Audio della conversazione avvenuta su Radio Sportiva. Cosa è cambiata in Camila, cosa potrà avvenire adesso in vista dell’US Open. I segnali di Wimbledon e Tokyio. In uscita un prossimo editoriale del direttore di Ubitennis

Pubblicato

il

 

Nonostante le preoccupanti comunicazioni rilasciate a mezzo social da Roger Federer, è la trasvolata in Québec di Camila Giorgi l’argomento del giorno, e ci mancherebbe altro. Nell’infinito festival di commenti, scoppiettanti celebrazioni e opportune analisi dell’eccezionale accaduto, spicca il duetto tematico tra il nostro direttore Ubaldo Scanagatta e la grande Flavia Pennetta, andato in scena sulle frequenze di Radio Sportiva. L’argomento è doverosamente scontato, il piatto unico ma ricco: cosa è scattato nella testa della nostra numero uno? Quali prospettive per il futuro? E le pecche tecnico-strategiche, da sempre al centro delle critiche bipartisan alla maceratese, possono considerarsi del passato? Le opinioni provengono da due soggetti che vale di sicuro la pena stare a sentire, e allora, without further ado, come direbbero gli anglofoni.

Sono stato spesso critico con Camila, specialmente per la sua condotta di gara. In molte occasioni dava la sensazione di dover tirare tutto, a ogni costo – ha esordito il Direttore -. Questo, unito a qualche infortunio di troppo capitatole nel corso degli anni, l’ha fatta addirittura precipitare fuori dalle prime cento posizioni della classifica. Ma qualcosa è cambiato nelle ultime settimane, diciamo a partire da Wimbledon, anche e soprattutto a livello personale. Fino a qualche tempo fa avresti dovuto usare il cavadenti per strapparle una minima dichiarazione, mentre adesso è più sciolta, sorridente ed espansiva. Mi ha persino confidato di apprezzare molto il gioco di Nishikori, che sarà una banalità, ma fino a qualche mese fa a specifica domanda avrebbe detto di non essere interessata al tennis maschile, nemmeno a Federer o a chi per lui. Sembra completamente diversa, riuscisse a stringere la mano con maggior empatia all’avversaria alla fine dei match sarebbe tutto perfetto“.

Anche Flavia Pennetta, che incassa i complimenti spassionati di Scanagatta, sembra su di giri per le imprese dell’erede: Camila è la seconda giocatrice italiana ad aver vinto un trofeo assimilabile alla categorie “Mille”. La prima fu proprio lei, Flavia, a Indian Wells nel 2014. “Non sono assolutamente gelosa – ha dichiarato la campionessa dello US Open 2015 -, ma felice, anche perché come tutti sappiamo il tennis italiano femminile stava vivendo un lungo momento di difficoltà. Vedremo, quello di Montreal potrebbe essere il successo che fa svoltare tutto l’ambiente, anche se non mi preoccuperei più di tanto, sono cicli. Prima tiravamo noi donne, adesso è il contrario, ma le cose cambiano in fretta. Per ora possiamo accontentarci, direi. Camila ha giocato una settimana straordinaria, ma già dal torneo olimpico si erano visti grossi cambiamenti, soprattutto a livello mentale. Ha dimostrato di avere pazienza, e ciò fa tutta la differenza del mondo. Il suo impatto con la palla è sempre stato tra i più belli e puliti del circuito, ha tutti i colpi, grande resistenza e un gioco di gambe favoloso. Le è sempre mancato un piano B: in stato di grazia poteva battere qualsiasi top ten, in giornata no perdere contro chiunque. Ma è difficile vivere sulle giornate di grazia: in un anno ne capitano cinque o sei, incastrarle tutte nella stessa settimana è complicato“. Un concetto, quest’ultimo, condiviso dal Direttore. “Vincere rischiando ogni volta così tanto ti obbliga a dover accettare un’asticella di difficoltà altissima, a saltare alla Tamberi per molte volte prima di alzare un trofeo. è anche vero che la fiducia è fondamentale, quindi qualcosa potrebbe scattare nella sua testa“.

 

Il momento richiede gioia, non pressioni e aspettative. Del resto lo spumante è stato appena tolto dal frigo. Capiteranno altri momenti bui, si spera meno frequenti rispetto al passato. “Non dobbiamo aspettarci che adesso vinca per forza ogni singola partita – prosegue Flavia -. Tutti gli incontri fanno storia a sé, figuriamoci periodi più o meno lunghi all’interno della stagione. L’equilibrio dovrebbe essere generale, invece alla prima partita persa qualcuno sarà pronto a parlare del successo a Montreal come di un exploit, e di Camila come una meteora tornata ai livelli che le competono. Dobbiamo darle tempo, capire se riuscirà a essere continua con costanza. Ma nella WTA di oggi non esistono professioniste dominanti come quelle di qualche tempo fa, in nessun torneo le speranze sono precluse a chicchessia, nemmeno negli Slam“.

Non poteva mancare un commento finale sulla dibattutissima questione Sergio, il padre allenatore da più parti improvvidamente additato come causa di tutti i mali di una figlia portata in solitaria dentro le prime trenta giocatrici del globo. Parola a Pennetta: “Sicuramente il padre è una figura fondamentale, perché Camila di lui ovviamente si fida, ma quello che storicamente è mancato alla loro squadra è una figura tecnica esterna che non sostituisse il lavoro di Sergio ma lo integrasse, con lo scopo di accrescere il bagaglio di conoscenza e opzioni alternative della giocatrice, di obbligarla a fare scelte differenti di tanto in tanto“. A ruota Ubaldo Scanagatta: “Sarei sempre stato curioso di partecipare a una settimana di allenamenti del team Giorgi; di capire se dopo quatto o cinque fucilate da fondo Camila potesse provare una palla corta, una variazione tattica, o se questo fosse invece impossibile per ragioni di impugnatura o di sensibilità. Tante volte manda l’avversaria sui teloni e le basterebbe un dropshot normalissimo per portare a casa il punto, invece si prende ulteriori rischi non necessari rischiando sempre di sbagliare. Evidentemente il padre, che la conosce bene, ha ritenuto che fosse meglio non intraprendere questa strada, però ecco, qualcosa di diverso nel gioco della figlia ogni tanto lo avrei stimolato“.

Ma è il momento di festeggiare, come dicevamo poco fa. Anche perché le buone notizie in questo periodo sono sparse in ogni dove. Flavia ha ufficializzato in diretta la sua terza maternità: il nuovo erede di casa Fognini-Pennetta vedrà la luce alla fine di novembre. A Fabio, Flavia e alla loro famiglia vanno le congratulazioni di tutta la redazione di Ubitennis.

Continua a leggere
Commenti

evidenza

WTA Ranking: brilla la stella di Alycia Parks

L’americana vince a sorpresa a Lione contro la padrona di casa, Caroline Garcia. Sarà lei una delle prossime protagoniste del circuito? La vittoria la proietta vicinissima alla top50. In discesa Elisabetta Cocciaretto: resta solo Martina Trevisan nelle cinquanta

Pubblicato

il

Alycia Parks - Lione 2023 (Foto Twitter @wta)

Doveva essere una settimana relativamente tranquilla. I tornei in programma dopo lo slam australiano, l’Open 6éme Sens Métropole de Lyon, il Thailand Open di Hua Hin e il Copa Oster di Cali, in Colombia, avevano un seeding modesto. In Francia, il nome di punta era quello di Caroline Garcia mentre la nostra rappresentante era Jasmine Paolini, in Thailandia, Bianca Andreescu era testa di serie n.1, nel WTA 125 colombiano, invece, figuravano tra le partecipanti la ex semifinalista al Roland Garros, Nadia Podoroska, e le nostre Martina Colmegna e Nuria Brancaccio. A Hua Hin, la canadese si è ritirata in semifinale e il torneo se l’è aggiudicato Lin Zhu su Lesia Tsurenko. La cinese (qui un approfondimento sul bel momento che sta vivendo il tennis nel suo paese) era già riuscita ad arrivare negli ottavi a Melbourne impegnando per tre set Azarenka. A Cali, invece, Podoroska ha portato a casa il titolo avendo ragione della connazionale Paula Ormaechea. A Lione, infine, si è registrata la sorpresa maggiore: in finale, la giovane Alycia Parks ha sconfitto la beniamina di casa mettendo in mostra tutte le sue qualità. L’americana si porta così a ridosso delle prime cinquanta del mondo ma per quanto abbiamo visto contro Garcia, non sarebbe una sorpresa se tra qualche mese fosse ancora più in alto in classifica. Delle nostre connazionali, hanno centrato i quarti di finale sia Jasmine Paolini che Martina Colmegna, ma solo quest’ultima riesce a migliorare il proprio ranking in modo significativo. Andiamo a vedere come è cambiata la classifica di oggi 6 febbraio 2023.

LA CLASSIFICA WTA DI TENNIS AGGIORNATA

Classifica WTAVariazioneGiocatriceTorneiPunti
10Iga Swiatek1710485
20Aryna Sabalenka206100
30Ons Jabeur185210
40Jessica Pegula175000
50Caroline Garcia234795
60Coco Gauff183992
70Maria Sakkari223811
80Daria Kasatkina233380
90Belinda Bencic202905
100Elena Rybakina222815
110Veronika Kudermetova212740
120Jelena Ostapenko202340
130Petra Kvitova192281
140Beatriz Haddad Maia242195
150Simona Halep142141
160Victoria Azarenka152138
170Ekaterina Alexandrova202030
180Anett Kontaveit171909
190Liudmila Samsonova201905
200Karolina Pliskova211880
210Paula Badosa211862
220Magda Linette291770
230Shuai Zhang331710
240Madison Keys191668
250Martina Trevisan231572
260Marie Bouzkova171521
270Irina-Camelia Begu171472
280Jil Teichmann221429
290Qinwen Zheng181415
300Barbora Krejcikova161410
310Anhelina Kalinina241347
320Elise Mertens241339
330Donna Vekic191326
34+2Petra Martic191325
35-1Ajla Tomljanovic211305
36-1Amanda Anisimova161305
37+5Bianca Andreescu141301
38-1Aliaksandra Sasnovich221291
39-1Leylah Fernandez151258
40-1Sloane Stephens191244
41+13Lin Zhu291220
42-2Danielle Collins151218
43-2Bernarda Pera211205
44-1Anastasia Potapova251179
45-1Yulia Putintseva211114
46-1Shelby Rogers181062
47-1Katerina Siniakova221055
48-1Kaia Kanepi191052
49-1Lauren Davis241014
50+6Linda Noskova201009

Questa è la classifica delle prime cinquanta. Possiamo notare che:

 
  • Sia in top10 che in top20 non ci sono movimenti questa settimana. La finale a Lione permette a Caroline Garcia (n.5) di distanziare ulteriormente la sua diretta inseguitrice, Coco Gauff (n.6).
  • Nelle posizioni tra la n.21 e la n.50, risale di cinque posizioni Bianca Andreescu (n.37), ancora lontana dal ritornare ad essere la giocatrice capace di portarsi a casa una prova dello slam. Dopo aver vinto il suo primo titolo in carriera, entra per la prima volta in top50, all’età di ventinove anni, Lin Zhu (+13, n.41). Con l’exploit agli Australian Open e questo trionfo tutto sommato inaspettato, la cinese è riuscita a guadagnare 46 posizioni in tre settimane. C’è un altro nuovo ingresso nelle cinquanta: si tratta di Linda Noskova, che con i quarti a Lione guadagna le sei posizioni necessarie per arrivare al n.50 del ranking. Escono dalla top50 Mayar Sherif (-3, n.53) e Elisabetta Cocciaretto (-5, n.54).
  • Alle spalle delle cinquanta, il movimento più significativo è quello di Alycia Parks (+28, n.51), che si candida, insieme a Noskova e a Linda Fruhvirtova, ad essere tra le prossime protagoniste del circuito WTA. Guadagnano terreno anche le due semifinaliste a Lione, Camila Osorio (+12, n.61) e Marina Zanevska (+16, n.77), la semifinalista e la finalista in Thailandia, Xinyu Wang (+12, n.69) e Lesia Tsurenko (+36, n.100). Più indietro, ottimi progressi per Nadia Podoroska (+42, n.114), per un’altra giovane statunitense, Peyton Stearns (+51, n.137), vincitrice di un ITF in Georgia e per Paula Ormaechea (+50, n.156).

LA CLASSIFICA WTA DELLE TENNISTE ITALIANE

Martina Trevisan si conferma n.1 d’Italia e resta stabile al n.25 del ranking. Purtroppo per lei ad Abu Dhabi avrà subito un ostacolo di tutto rispetto: l’ex n.12 Elise Mertens. COme abbiam già detto, esce dalla top50 Elisabetta Cocciaretto (-5, n.54). Perdono posizioni anche Lucia Bronzetti (-4, n.66) e Camila Giorgi (-4, n.73), impegnate a Linz. Delle atlete in top100, solo Jasmine Paolini (n.65), guadagna una posizione. Quattro posti in più anche per Lucrezia Stefanini che si ferma oggi al n.111. Grazie ai quarti raggiunti in Colombia, Martina Colmegna fa un balzo di 50 posizioni e si porta al n.351.

Classifica WTAVariazioneGiocatriceTorneiPunti
250Martina Trevisan231572
54-5Elisabetta Cocciaretto251005
65+1Jasmine Paolini25897
66-4Lucia Bronzetti25896
73-4Camila Giorgi19836
106-1Sara Errani30614
111+4Lucrezia Stefanini28589
2130Nuria Brancaccio25319
239-4Camilla Rosatello23278
2980Matilde Paoletti12206
338-5Angelica Moratelli17168
351+50Martina Colmegna21154
401-4Deborah Chiesa14124
406-14Martina Di Giuseppe19122
410-1Anna Turati18120
426-4Diletta Cherubini17114
451-5Lisa Pigato20103
471-5Cristiana Ferrando1194
485-11Giulia Gatto-Monticone1887
492+2Jessica Pieri984

NEXT-GEN RANKING: LE GIOVANI TENNISTE IN ASCESA

Nel duello tra le due Linda a spuntarla questa settimana è Noskova, che supera di nuovo Fruhvirtova e si riprende il secondo posto del Next Gen ranking, la classifica delle giocatrici nate dopo il 1° gennaio 2003. Non è una settimana fortunata per le sorelle Fruhivirtova: anche Brenda (-1, n.6) lascia via libera a Erika Andreeva (+1, n.5). Entra per la prima volta in questa classifica Polina Kudemertova (n.10), che prende il posto della giovanissima Sara Bejlek.

  PosizioneVariazioneGiocatriceAnnoClassifica WTA
10Coco Gauff20046
2+1Linda Noskova200450
3-1Linda Fruhvirtova200552
40Diana Shnaider200494
5+1Erika Andreeva2004131
6-1Brenda Fruhvirtova2007133
70Elsa Jacquemot2003151
80Oksana Selekhmeteva2003158
90Katrina Scott2004159
10Polina Kudermetova2003171

Continua a leggere

Flash

WTA Abu Dhabi: Trevisan sconfitta nettamente da Mertens in due set

La belga gioca una partita praticamente perfetta: perde solo 2 game e raggiunge il secondo turno ai danni di Martina Trevisan

Pubblicato

il

Martina Trevisan - United Cup 2023 Sydney (foto Tennis Australia/ James Gourley)

In uno stadio semi-vuoto e con un pubblico decisamente poco avvezzo al tennis (spesso costretto a intervenire il giudice di sedia per richiamare all’ordine) Martina Trevisan affronta al primo turno del WTA 500 di Abu Dhabi, un’avversaria ostica come Elise Mertens.

IL TABELLONE WTA 500 DI ABU DHABI

E. Mertens b. M. Trevisan 6-0 6-2

 

IL MATCH Giornata decisamente negativa per la nostra Martina; le condizioni sono favorevoli a Mertens che, a dire il vero, gioca bene ovunque ma si trova particolarmente bene quando può essere aggressiva e mettere pressione all’avversaria.

È un primo parziale a senso unico che dura appena 31 minuti e si conclude con un severo 6-0 in favore della numero 32 del mondo. La tennista di Lovanio non regala niente (saranno solo 5 gli errori non forzati alla fine del parziale) ed è molto efficace con la prima, in particolare con lo slice a uscire da destra. Martina fatica a entrare in partita: il servizio funziona a fasi alterne ma sono soprattutto gli errori col diritto a compromettere il match della tennista di Firenze (un totale di 15 errori non forzati nella prima mezz’ora di gioco). La belga gioca un tennis ordinato quando ha in mano lo scambio e attento quando è in difesa.

Il secondo set inizia come si è concluso il primo, con l’azzurra che perde il servizio e non riesce a sbloccarsi nel punteggio. Nel terzo game, la belga si trova sotto 15-40 ma è brava ad annullare le uniche due chance per Martina di rientrare in partita e con due ace si porta avanti 3-0. Finalmente, si sblocca la numero 25 del ranking che sistema i suoi colpi e tenta di restare agganciata all’avversaria ma è troppo tardi. Messo a segno un altro break, Mertens chiude la partita 6-2.

IL TABELLONE WTA 500 DI ABU DHABI

Continua a leggere

Flash

Sinner, novità nel team: Jannik si affida al fisioterapista Giacomo Naldi

Il 21enne di San Candido decide di terminare i rapporti con Jerome Bianchi ed intraprendere una nuova collaborazione con l’ex fisioterapista della Virtus Bologna, Giacomo Naldi

Pubblicato

il

Jannik Sinner - Australian Open 2023 (foto Twitter @atptour)

Jannik Sinner cambia un elemento del suo team e decide di affidarsi ad un nuovo fisioterapista. La collaborazione con Jerome Bianchi giunge al termine dopo circa otto mesi, in cui il numero 17 del ranking ATP ha vissuto diversi problemi fisici che gli hanno impedito di scalare la classifica.

Jannik decide così di affidarsi a Giacomo Naldi, che lo aveva aiutato a recuperare nell’ottobre scorso dall’infortunio alla caviglia destra accusato nel corso della semifinale dell’ATP 250 di Sofia contro Holger Rune.

Nato a Casalecchio di Reno (BO) nel 1989, Naldi era il fisioterapista della Virtus Bologna ormai da sei anni. Il neo entrato nel team di Sinner ci ha tenuto a lasciare un pensiero per la società che lo ha fatto crescere: “Una sola parola per riassumere questi sei anni bianconeri di emozioni, persone e ricordi indelebili: Grazie”.

 

Lo attende ora una sfida importante e ardua, considerando il numero di infortuni che hanno tormentato la carriera giovane ma già esperta del numero uno d’Italia.

Dopo aver salutato la squadra, Naldi ha già raggiunto il tennista azzurro e sta lavorando con lui a Montpellier in vista dell’ATP 250 che si svolgerà dal 6 al 12 febbraio e che vedrà Jannik come uno dei favoriti alla vittoria finale.

Matteo Zamponi

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement