"Alcune cose buone, altre meno". Kim Clijsters serena dopo la sconfitta al rientro a Chicago

Flash

“Alcune cose buone, altre meno”. Kim Clijsters serena dopo la sconfitta al rientro a Chicago

L’ex numero uno del mondo, sonfitta al primo turno da Hsieh, non giocava un match ufficiale dallo US Open 2020. “L’obiettivo era arrivare in fondo senza problemi fisici, per ora va bene così”

Pubblicato

il

Alzi la mano chi, almeno per un momento, non ha pensato che il nuovo tentativo di Kim Clijsters di rientrare nel Tour fosse precocemente abortito. Felici di constatare che le cose non stiano così, ma qualche dubbietto, francamente, l’avevamo avuto: l’ex numero uno WTA è finalmente tornata in campo questa settimana a Chicago, dove ha perso al primo turno per mano di Su-Wei Hsieh, a poco più di un anno di distanza dall’ultimo incontro ufficiale disputato. Era il 2020, lo US Open della pandemia, sconfitta in tre set al primo turno contro Ekaterina Alexandrova, all’epoca ventunesima testa di serie in gara. Prima un infortunio al ginocchio, poi la positività al Covid hanno tenuto Kim ai box per tredici lunghi mesi. Dal momento dell’inaspettato come back, la campionessa di Bilzen ha preso parte a soli quattro tornei e deve ancora vincere una partita.

Nonostante la strada verso la condizione ottimale sia lunga e irta di ostacoli Clijsters non ha intenzione di gettare la spugna, e, analizzando il match perso contro la quadrumane da Taiwan, tende giustamente a prendere quanto di buono sensazioni e numeri le hanno offerto. Si riparta da lì, dunque: dai quarantacinque vincenti (a fronte di cinquantaquattro errori) tirati nella partita e dal discreto 65% di conversione con la prima in campo. Un passo alla volta.

Ci sono state cose buone e cose meno buone – ha dichiarato a caldo la leggenda fiamminga -. Non sono stata particolarmente costante, questo è vero, ma in accordo con il mio Team l’obiettivo era quello di arrivare in fondo alla partita senza accusare ulteriori problemi, ed è andato tutto bene. Non ho ancora vinto, ma le sensazioni sono positive e miglioro di giorno in giorno, quindi avanti così“.

 

Sarà un processo lungo, e forse anche un po’ strano da intraprendere, a trentotto anni, per chi in carriera ha comunque alzato 41 trofei, l’ultimo all’Open d’Australia 2011. Per portarlo in fondo, e togliersi qualche altra soddisfazione, il fuoco dentro dev’essere bello acceso. “Mi godo i piccoli miglioramenti quotidiani. Dai primi match ai tempi del mio rientro sento che molte cose sono cambiate. Se all’inizio cercavo con tutta me stessa di trovare la miglior posizione in campo nelle varie situazioni di gioco, adesso sono al livello successivo. Contro Hsieh, anche se non per l’intera partita, ho anticipato bene i colpi, magari sbagliando qualcosa di troppo, ma ho fatto quello che volevo fare, questo è importante“.

Dando uno sguardo all’immediato futuro, Clijsters spera di ottenere una wild card per il torneo di Indian Wells al via la prossima settimana (al momento, per quanto concerne il draw femminile, è stato svelato solo lo scontatissimo invito a Emma Raducanu). Per lei che nel deserto californiano ha trionfato due volte (2003 e 2005) in tre finali, le porte potrebbero essere aperte dopo dieci anni di assenza. Si attendono buone nuove dal fronte occidentale.

Il tabellone aggiornato del WTA 500 di Chicago

Continua a leggere
Commenti

Flash

Jannik Sinner sbarca nel mondo dei fumetti: al via una collaborazione con la Panini

Collaborazione tra il N.10 ATP e l’azienda modenese per la creazione di un fumetto sulla sua carriera. Uscita prevista per la primavera del 2022

Pubblicato

il

Jannik Sinner - Finale Coppa Davis Torino 2021 (Photo by Jose Manuel Alvarez/Quality Sport Images/Kosmos Tennis)

Caratteristica imprescindibile del grande atleta che cerca di superare i confini della propria fama è quello di intraprendere collaborazioni che vanno al di là del proprio sport, e anche Jannik Sinner sta percorrendo questa strada. Pochi giorni fa, infatti, il tennista altoatesino ha annunciato l’arrivo di un fumetto per bambini che racconta le sue gesta dentro e fuori dal campo; grazie a questo connubio tra tennis e arte verranno narrati alcuni episodi e aneddoti dei primi anni della sua carriera, e sarà lui stesso a dare consigli ai propri lettori. L’uscita è prevista per la prossima primavera con illustrazioni realizzate da Alessandra Patanè e scritto da Diego Cajelli (autore tra gli altri di Zagor e Dylan Dog).

Questo il contenuto del video messaggio rilasciato da Sinner sui social: “Ciao ragazzi, è da un po’ che sto lavorando con gli amici di Panini Comics a un fumetto molto divertente che parla della mia vita in generale, soprattutto della mia vita da tennista. Uscirà la prossima primavera e si chiamerà Piccoli Grandi Campioni, è molto divertente e spero possiate leggerlo. Mi farebbe molto piacere. Ciao”. Qui l’annuncio pubblicato su Twitter:

Continua a leggere

Australian Open

Australian Open: rese note le esenzioni mediche per i giocatori non vaccinati

Un giocatore che potrebbe beneficiarne è Jeremy Chardy, che ha dichiarato di aver dovuto chiudere prematuramente la stagione a causa degli effetti collaterali legati all’inoculazione

Pubblicato

il

Jeremy Chardy - Queen's 2018 (© Alberto Pezzali per Ubitennis)

Anche se la Coppa Davis non è ancora stata archiviata, è già tempo di pensare alla nuova stagione che prenderà il via in Australia il primo gennaio. Ad accompagnare l’avvicinamento all’Australian Open vi è la tematica relativa ai requisiti per poter accedere nello stato australiano del Victoria, di cui Melbourne è la capitale, e quindi essere definiti idonei per poter partecipare al primo torneo stagionale del Grande Slam.

Dopo molte speculazioni, Tennis Australia, l’organo di governo tennistico australiano, ha confermato nelle scorse settimane che sarà necessario il completamento del ciclo vaccinale contro il COVID-19 per poter partecipare all’Happy Slam.  La decisione ha ricalcato quanto stabilito dal premier dello stato Daniel Andrews, che aveva dichiarato che nessuna deroga sarebbe stata concessa agli atleti non vaccinati, classificandoli come “lavoratori essenziali” ai sensi della normativa vigente e richiedendone quindi la vaccinazione.

Tuttavia, vi è ancora la possibilità per alcuni giocatori di poter competere agli Australian Open senza aver ricevuto entrambe le dosi del vaccino (o l’unica dose nel caso di Johnson & Johnson). Infatti, secondo quanto stabilito da Tennis Australia, sono stati individuati quattro requisiti che potranno consentire agli atleti di ottenere un’esenzione medica:

 
  • L’atleta ha una storia di anafilassi (una reazione allergica) a tutte le vaccinazioni COVID-19 approvate
  • L’atleta ha sofferto di “gravi effetti collaterali” legati alla prima dose di un vaccino approvato che hanno comportato il ricovero in ospedale o una disabilità/incapacità significativa
  • L’atleta soffre attualmente di una condizione medica acuta
  • L’atleta negli ultimi sei mesi ha sofferto di una malattia cardiaca infiammatoria.

Le autorità australiane hanno anche confermato che non sarà concessa nessuna esenzione alle atlete in gravidanza né agli atleti che soffrono di una condizione medica cronica di base o che in famiglia hanno registrato eventi di “effetti collaterali”.

Tra gli atleti che potrebbero soddisfare i requisiti sopra indicati potrebbe esserci Jeremy Chardy che, come dichiarato lo scorso settembre, ha sospeso la sua attività agonistica nel 2021 a causa di una reazione avversa al vaccino senza fornire, tuttavia, dettagli su quanto accaduto.

Oltre alla vaccinazione, gli atleti che viaggeranno in Australia dovranno sottoporsi al tampone prima del volo e ancora una volta appena atterrati. Per minimizzare le possibilità di contagio che potrebbero accadere in voli di linea, secondo quanto scritto da Marca, Tennis Australia ha organizzato diversi voli charter, consigliando caldamente agli atleti di utilizzare uno di questi voli. I sei aeroporti ritenuti strategici da cui partiranno i suddetti voli sono i seguenti: Dubai, Abu Dhabi, Los Angeles, Tokyo, Singapore e Santiago del Cile.

Continua a leggere

Flash

Tennis Australia perde 100 milioni di dollari in un anno: quasi mezzo miliardo di spese per l’Australian Open 2021

Le spese aggiuntive dovute alle misure anti-COVID (e le perdite legate al pubblico contingentato) comportano un debito ingente: la speranza è che l’edizione 2022 possa risanarlo almeno in parte

Pubblicato

il

https://twitter.com/AnnaK_4ever/status/1467142104312958976

Lo straordinario sforzo organizzativo messo in atto per far disputare l’Australian Open 2021 costa caro a Tennis Australia, che ha dichiarato perdite da circa 100 milioni di dollari australiani (circa 62 milioni di euro) nel periodo che va dal 30 giugno 2020 al 30 settembre 2021. Il report annuale è consultabile pubblicamente a questo link, e quantifica le perdite in 75.182.525 dollari nei dodici mesi che vanno dal 30 settembre 2020 al 30 settembre 2021 più altri 24.837.411 dollari fra il 30 giugno 2020 e il 30 settembre 2020.

Trovatasi a dover organizzare il torneo in una delle aree più rigorose dal punto di vista della prevenzione anti-COVID, vale a dire lo stato del Victoria (Melbourne detiene il record mondiale per il lockdown più lungo), Tennis Australia e il governo locale hanno compiuto uno sforzo eccezionale per far sì che l’Happy Slam avesse luogo senza un numero eccessivo di forfait e senza rischiare di scatenare una nuova ondata pandemica.

Queste necessità si sono tradotte in grandi spese legate al testing di giocatori e dipendenti, alle prenotazioni alberghiere e all’utilizzo di voli charter per trasportare i giocatori a Melbourne (o ad Adelaide, nel caso di una ristretta minoranza di top players ed entourage annessi) da località come Doha, Dubai e Los Angeles. Per questo, nonostante circa 360 milioni di incassi (cifra già di per sé lontana dai 455 milioni del 2020, un calo dovuto al contingentamento del pubblico e al breve lockdown occorso durante il torneo che è risultato nelle porte chiuse per cinque giorni) a cui si sono aggiunti 25 milioni di introiti aggiuntivi, le spese totali hanno ammontato a circa 486 milioni.

 

Tennis Australia aveva inoltre a disposizione un tesoretto da 80 milioni che è stato interamente prosciugato dalla scorsa edizione dell’Happy Slam. Non solo: la federtennis Down Under ha dovuto chiedere un ulteriore prestito da 40 milioni per sostenere le spese aggiuntive. Ora la speranza degli organizzatori è che la capienza al 100% della prossima edizione del torneo (nonché di tutti gli eventi di preparazione, su tutte la ATP Cup in programma a Sydney) possa consentire di iniziare a colmare un gap davvero importante.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement