Coppa Davis: Gran Bretagna ai quarti grazie al doppio, Repubblica Ceca fuori a testa alta

Coppa Davis

Coppa Davis: Gran Bretagna ai quarti grazie al doppio, Repubblica Ceca fuori a testa alta

Evans sorpreso dal giovane Machac, Norrie soffre con l’ancor più giovane Lehecka. Ci vuole il doppista Salisbury per domare i cechi

Pubblicato

il

Neal Skupski e Joe Salisbury - Davis Cup 2021 (via @the_LTA)

GRAN BRETAGNA b. REPUBBLICA CECA 2-1
T. Machac b. D. Evans 6-2 7-5
C. Norrie b. J. Lehecka 6-1 2-6 6-1

J. Salisbury/N. Skupski b. J. Vasely/T. Machac 6-4 6-2

La Gran Bretagna, vincitrice di 10 edizioni della Coppa Davis che nel 2019 aveva addirittura dovuto far affidamento alla wild card degli organizzatori per partecipare, quest’anno si è qualificata direttamente ai quarti di finale battendo nel doppio decisivo una Repubblica Ceca tenacissima la quale ha dimostrato di avere materiale per competere ad alti livelli nel prossimo futuro.

MACHAC VOLTO NUOVO – Essere nettamente favoriti con l’obbligo di vincere per il proprio paese non è certamente una posizione confortevole e forse proprio con quest’idea sarà sceso in campo Daniel Evans domenica mattina a Innsbruck. Il numero 2 britannico ha affrontato per la prima volta Tomas Machac e ha faticato durante tutto il match nel trovare la giusta tattica offensiva un po’ a causa del suo eccessivo nervosismo, un po’ per via del gioco del ceco (lineare, d’anticipo e propenso verso la rete). L’atteggiamento di Evans certamente non è stato consono e si è rispecchiato anche col suo gioco denso di errori (il più grave il doppio fallo col quale ha concesso palla break sul 5-5, secondo set), ma nulla va tolto all’ispirato Tomas Machac che si è ripetuto oggi dopo la vittoria di prestigio di ieri su Gasquet (i più attenti se lo ricorderanno anche dare filo da torcere a Berrettini a Melbourne). Dal ritiro di Tomas Berdych, la Repubblica Ceca è priva di un tennista di primissimo piano e ora con Machac – insieme all’altro giovane Jiri Lehecka – ha qualcuno su cui puntare per gli anni a venire.

 

Il primo set, come capita spesso in situazioni simili, se l’è aggiudicato il tennista sfavorito che in questo caso corrisponde al n. 143 del mondo: Machac ha brekkato due volte un Evans fallosissimo soprattutto di dritto e, con una disinvoltura che raramente ha manifestato prima, il ceco ha chiuso 6-2 piazzando tre ace consecutivi. Il gioco di apertura del secondo set è stato una sorta di appendice del set appena conclusosi con Machac che, continuando a tirare con scioltezza senza disdegnare le discese a rete, è passato inevitabilmente in vantaggio di un break. Evans ha provato a darsi una scossa facendo confluire la sua rabbia attraverso la racchetta scagliandola al suolo ripetutamente, e una volta portato a termine questo compito il suo tennis di fino ne ha risentito positivamente. Seppur con una certa opposizione del suo avversario, il giocatore di Birmingham è riuscito a rimettersi in corsa prendendo come target offensivo il rovescio del tennista ceco. Il suono sordo della racchetta frantumata che ancora echeggiava nella vuota Olympiahalle di Innsbruck e nelle menti del team britannico, è stato sostituito dall’urlo di liberazione ed esultanza di Evans che con quattro game consecutivi sembrava poter veleggiare senza intoppi verso la vittoria del set.

Tuttavia nel momento di servire sul 5-3 il braccio di Evans ha iniziato a tremare e tre gravissimi errori di dritto hanno rimesso in carreggiata Machac. C’è bastato poco a riportare nuovamente l’inerzia tutta in favore della Repubblica Ceca e con cinque game consecutivi il 21enne Tomas ha chiuso il match sugellandolo ancora con un ace. “Mi sono goduto ogni secondo passato in campo” ha commentato a fine match Machac. “È bellissimo giocare ad un evento del genere contro un giocatore di questo livello. Ho giocato bene ogni game e ad inizio secondo set lui è stato più aggressivo e mi ha messo in difficoltà. Poi però sono riuscito a trovare le contromisure per vincere.”

NORRIE A FATICA – Fomentato dal successo del suo connazionale, il 20enne Jiri Lehecka è sceso in campo per la prima volta in singolare in queste fasi finali di Coppa Davis con grande esuberanza, ma evidentemente il suo dritto non era calibrato a dovere e ha sbagliato spesso in lunghezza. Il n. 1 britannico Cameron Norrie ha così approfittato di qualche errore per passare subito avanti e nel primo set vinto 6-1 ha lasciato solo briciole al ceco. Quest’ultimo ha compiuto 20 anni a inizio mese e rispecchia perfettamente il prototipo di tennista del nuovo millennio: 80kg per 185cm distribuiti su un corpo longilineo, avvezzo ai rapidi spostamenti e dotato di due solidi fondamentali. Nel secondo set il talento di Lehecka – comprovato da due successi Challenger nel 2021 – è conflagrato prendendo di sorpresa Norrie rimasto fermo al palo e completamente involuto rispetto a pochi minuti prima. Un match dalla doppia faccia dopo 61 minuti di gioco ha visto il ceco tornare in parità reagendo con un perentorio 6-2.

Nel set decisivo Norrie è tornato a far male col suo dritto mancino e la fiducia accumulata negli ultimi mesi ha fatto il resto per avere la meglio con un altro 6-1 su un Lehecka comunque combattivo (e tendente alla rete come il suo connazionale Machac) ma un po’ troppo falloso. Il punteggio finale è un po’ ingeneroso ma rispecchia il maggior livello attuale di Norrie che ha commentato con queste parole la quarta vittoria in singolare con la maglia della nazionale: “Sono sceso in campo con l’idea di lottare. Nel secondo set non riuscivo bene a sentire la palla e la panchina mi ha dato un gran sostegno. La situazione non è stata facile ma mi sono goduto la partita. Gran credito al suo tennis e al suo servizio”.

DOPPIO REGALE – In questo nuovo formato di Coppa Davis il match di doppio riveste un ruolo decisivo tanto che avere uno specialista nel team spesso può rivelarsi decisivo, ed è esattamente quanto accaduto al Regno Unito. La loro punta di diamante è Joe Salisbury n. 3 del mondo – vincitore quest’anno degli US Open sia doppio che doppio misto e fresco finalista alle ATP Finals torinesi – il quale ha condotto il suo collega Neal Skupski (n. 20 in doppio) al successo contro Jiri Vesely e Tomas Machac in campo due volte quest’oggi. I due cechi (n. 334 e 472) grazie al loro potente servizio hanno cercato di tenere duro durante i loro game ma la maggior dimestichezza sotto rete e nel posizionamento dei loro avversari alla lunga ha fatto la differenza. Il break che ha deciso il primo set è arrivato sul 4-4 con Vasely al servizio. Salisbury, 29enne e all’esordio assoluto nella competizione, ha vinto un sanguinoso faccia a faccia con Machac concretizzando la chance e non ha battuto ciglio andando a servire chiudendo 6-4.

Sotto lo sguardo attento del capitano Leon Smith, i britannici hanno proseguito col ritmo vincente conquistando un break anche in apertura di secondo set, ancora con lo zampino di Salisbury che con una volé addosso a Vasely ha sigillato il vantaggio mantenuto sino alla vittoria per 6-2. Con questo successo sofferto più del previsto il team GB raggiunge i quarti di finale in programma martedì 30 novembre dalle ore 16, sempre a Innsbruck, contro la vincente del gruppo F (che dopo i risultati di ieri vede la Germania come favorita).

Continua a leggere
Commenti

Coppa Davis

Finali di Coppa Davis ad Abu Dhabi: l’accordo da 200 milioni di dollari in 5 anni si avvicina

Esclusiva Telegraph Sport: gironi in Europa subito dopo lo US Open, fasi finali a novembre negli Emirati

Pubblicato

il

Daniil Medvedev alla 2021 Davis Cup by Rakuten (Credit: Manuel Queimadelos/Quality Sport Images/Kosmos Tennis)

Per via del caso Djokovic e dell’Australian Open, da un po’ di tempo non si sentiva parlare delle nuove ombre che incombono sulla Coppa Davis. Un’esclusiva del Telegraph Sports, tuttavia, riporta ulteriori informazioni su quanto era trapelato per la prima volta durante lo scorso dicembre, ma mai confermato in maniera ufficiale: le finali di Davis sotto la gestione Kosmos sono pronte a traslocare ad Abu Dhabi dopo due edizioni disputate a Madrid. Il Telegraph Sports scrive che gli Emirati Arabi avrebbero offerto la cospicua somma di 40 milioni di dollari all’anno (ovvero 200 milioni per un contratto quinquennale).

Non finisce qui, però. Sembra confermata anche la volontà di dividere in due parti le Davis Cup Finals, in due periodi di calendario distinti. La fase a gironi (alla quale prenderebbero parte 16 nazioni) si giocherebbe in sedi europee nella settimana successiva allo US Open, a settembre. Le otto squadre che riusciranno a passare il round robin saranno poi impegnate nella fase a eliminazione diretta ad Abu Dhabi in novembre: come noto si tratta di una città con una relativa tradizione tennistica, dal momento che il torneo più conosciuto che si gioca da quelle parti è il Mubadala World Tennis Championship, esibizione che nemmeno fa parte del calendario del circuito.

 

La scelta che sta per essere confermata ha fatto e farà storcere il naso a molti. Chiaramente Kosmos non ha messo in primo piano i tifosi, da sempre il cuore pulsante della competizione a squadre: gestire una doppia trasferta non è affatto semplice per gli appassionati, europei e non, e al momento – riporta sempre Telegraph Sports – Kosmos sta provando a trovare una soluzione a questo problema, che probabilmente andava però risolto a monte. Lo scorso 5 dicembre era in programma a Madrid una conferenza stampa nella quale avrebbero annunciato tutti i dettagli del nuovo accordo. L’appuntamento è poi stato annullato, ma non è da escludere che nei prossimi giorni arrivi qualche notizia dai canali ufficiali, anche perché la decisione andrà ad avere un impatto non indifferente sul calendario.

Continua a leggere

Coppa Davis

Preliminari Coppa Davis 2022: Slovacchia-Italia si gioca su cemento indoor a Bratislava

Scelta la sede e la superficie per lo spareggio del 4-5 marzo. Si gioca per raggiungere le Davis Cup Finals di novembre. C’è un precedente datato 2009

Pubblicato

il

Filippo Volandri e Jannik Sinner - Finali Coppa Davis 2021 (photo by Jose Manuel Alvarez / Quality Sport Images / Kosmos Tennis)

Il percorso in Coppa Davis della Nazionale italiana di Filippo Volandri partirà ufficialmente il prossimo venerdì 4 marzo. Berrettini, Sinner e compagni voleranno in Slovacchia per la sfida di playoff che mette in palio la qualificazione alle Davis Cup Finals by Rakuten del 2022. È stata annunciata la sede del confronto, ovvero la NTC Arena di Bratislava. La superficie dovrebbe essere cemento indoor, dunque abbastanza favorevole ai nostri primi due singolaristi – se confermeranno la loro presenza per il 4 e 5 marzo – Matteo Berrettini e Jannik Sinner. La Slovacchia ha infatti ospitato il Cile lo scorso settembre, giocando sempre alla NTC Arena e scegliendo il cemento come superficie. Il team guidato da Gombos e dal capitano Tibor Toth si impose 3-1, guadagnandosi la possibilità di giocare il turno preliminare nel World Group 2022.

C’è un precedente tra Italia e Slovacchia, squadra finalista della competizione nel 2005, sconfitta proprio a Bratislava contro la Croazia. Nel 2009 gli azzurri ospitarono sulla terra rossa di Cagliari la Slovacchia nel match di secondo turno del Gruppo I Europa-Africa e si imposero per 4-1. Vinsero in tre set Starace su Hrbaty (6-1 6-2 6-4) e in cinque set Fognini su Lacko (1-6 6-3 6-2 1-6 6-1). Il ligure, dopo la sconfitta nel doppio, chiuse la pratica superando Hrbaty 7-6 6-1 6-3 (arrotondò il punteggio Cipolla contro Lacko). L’Italia si qualificò così ai playoff di settembre per accedere al World Group, ma nulla poterono Seppi, Bolelli e Starace contro la Svizzera di Federer e Wawrinka, che vinse 3-2 a Genova.

Oltre un decennio più tardi le prospettive sono totalmente diverse per la nostra nazionale, che si presentava già alle Finals del 2021 tra le favorite, ma proverà ad arrivare in fondo nella competizione anche nel 2022, sperando di aggiungere alla squadra il numero italiano 1 Matteo Berrettini, fermato dall’infortunio all’addominale a novembre e assente alle Finali di Davis. Si dovrà passare dal preliminare, così come faranno altre 23 nazionali. Dieci di queste hanno ottenuto il posto vincendo lo spareggio per entrare nel World Group a settembre, mentre le altre 14 sono squadre che si sono qualificate tra il terzo e il 18esimo posto alle Davis Cup Finals ’21. Le prime due classificate, Russia e Croazia, sono già di diritto alle Finali 2022, così come le due wild card, assegnate a Serbia e Gran Bretagna.

 

Continua a leggere

Coppa Davis

Binaghi: “Vogliamo candidarci per ospitare uno dei gironi della Coppa Davis 2022”

Il presidente FIT conferma l’interesse ma la scelta del luogo non è scontata: “L’avremmo voluta fare a Cagliari, ma ci chiedono un palazzetto da 8000 persone”

Pubblicato

il

Angelo Binaghi a Cagliari per Italia-Corea del Sud, Coppa Davis 2020 (foto Felice Calabrò)

A livello di risultati, la stagione 2021 è stata una delle più floride per la storia del tennis italiano, mentre dal punto di vista organizzativo è stata senza dubbio la più gloriosa di sempre. Negli ultimi dodici mesi, gli eventi di maggior prestigio ad essersi svolti nello stivale sono quelli che hanno concluso la stagione: le Nitto ATP Finals e un girone delle fasi finali della Davis Cup by Rakuten entrambi avvenuti al Pala Alpitour di Torino, oltre alle Intesa Sanpaolo Next Gen ATP Finals all’Allianz Cloud di Milano. Al netto del caos biglietti, tutto si è svolto in maniera più che decorosa e tutto lascia sperare che da qui in avanti non si possa migliorare.

E mentre le Finals a Torino sono garantite fino al 2025, ora la Federtennis vuole confermare l’impegno anche nella competizione a squadre. Come già annunciato le settimane passate, infatti, dal prossimo anno la Davis si dovrebbe trasferire ad Abu Dhabi dai quarti di finale in poi, mantenendo tuttavia la forma a gironi per decretare le partecipanti della fase finale, anche se si passerà da sei gruppi da tre a quattro gironi da quattro nazionali. Ebbene, l’Italia vuole candidarsi per ospitare uno dei gironi come accaduto quest’anno.

“Come paese stiamo facendo un’offerta per avere per i prossimi cinque anni la fase finale di Coppa Davis“, ha detto Angelo Binaghi, presidente della Federazione Italiana Tennis. “L’avremmo voluta fare a Cagliari ma ci chiedono un palazzetto da 8000 persone. Per capienza siamo alla posizione N.107 in Italia. Non la possiamo fare perché qui non c’è e a causa di questo la regione che più ha investito si vede scappare questa opportunità. Parteciperemo alla gara per la prima volta. Vorremmo ospitare i gironi a quattro squadre“. Queste le parole del numero 1 della FIT pronunciate durante la presentazione della giornata finale delle Cupra FIP Finals di padel a Cagliari. È scontato aggiungere che visto com’è andato quest’anno, la città di Torino con i 15.657 posti del PalaAlpitour sarebbe sicuramente la scelta più probabile.

 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement