Serie A1, Manuel Gasbarri: "Vi racconto il mio Rungg vice-campione d'Italia"

Flash

Serie A1, Manuel Gasbarri: “Vi racconto il mio Rungg vice-campione d’Italia”

Costretto dagli infortuni ad interrompere una promettente carriera, Gasbarri ha trasformato il piccolo circolo altoatesino portandolo ai vertici del campionato maschile e femminile

Pubblicato

il

Manuel Gasbarri (Photo Courtesy of Manuel Gasbarri)
 

Link utili: http://www.rungg.info

A margine della finalissima scudetto raggiunta dal suo Rungg contro Parioli, scontro poi vinto dalla compagine capitolina, abbiamo intervistato Manuel Gasbarri, ex-giocatore professionista ed oggi Direttore Tecnico del circolo altoatesino, nonché uno degli allenatori di punta del club assieme a suo fratello Valerio.

Buonasera Manuel, innanzitutto grazie per il suo tempo! Ci spiega come dalla periferia di Roma è arrivato, ormai vent’anni fa, a stabilirsi a Bolzano?

 

Sono due ambienti molto differenti, in effetti [ride, ndr]. Negli ultimi anni di carriera ho giocato il campionato a squadre per il TC Bolzano, quindi mi sono preso carico del settore agonistico del circolo. Dopo qualche anno però, ho capito che non era l’ambiente ideale per me, ed ho accettato di buon grado la proposta del Rungg nel 1999, portando con me i miei ragazzi, tra i quali Mara Santangelo (ex-Top 30 WTA) e Farrukh Dustov (tra i primi 100 al mondo nel 2015).

Di lì è nata una collaborazione proficua con il Rungg...

Sì, nonostante siamo in un paesino ed abbiamo un bilancio non paragonabile a quello degli altri circoli partecipanti alla Serie A, siamo l’unica squadra italiana ad avere una formazione che compete nei campionati di A1 e B1 sia nel maschile che nel femminile. Un risultato incredibile per noi, anche per merito dell’imposizione della regola dei vivai nei campionati a squadre, che ci permette di mettere in mostra tutta la qualità del nostro vivaio, un fiore all’occhiello del nostro circolo.

Abbiamo avuto l’opportunità di vederli all’opera anche nella recente finale-scudetto contro Parioli.

Devo dire che se avessimo potuto giocare con il nostro vivaio in condizioni perfette saremmo stati i favoriti per la vittoria finale, però purtroppo abbiamo avuto qualche piccolo problema di infortuni; detto questo, siamo contenti di aver dato spazio ai nostri giovani più interessanti come Lara Pfeifer e Maximilian Figl, che era uno dei nostri obiettivi nella stagione.

E giocatori più affermati come Gaio e Vilella Martinez come li avete convinti ad unirsi a voi?

Con Mario Vilella (attuale N.177 ATP) ci siamo conosciuti anni fa nel circuito Futures, spesso ci allenavamo insieme e ci siamo trovati da subito bene; quest’anno si è poi aggiunto anche Federico Gaio (N.153 ATP), da me voluto fortemente, che da queste parti aveva vinto un 25.000 qualche anno fa ed aveva lasciato buon ricordo di sé. È un bravissimo ragazzo ed ha risposto alla grande perché ha vinto tutti i singoli e i doppi cui ha preso parte; non dimenticherei anche Marco Bortolotti, che sta diventando un doppista di livello mondiale e da un po’ gestisce la nostra squadra di Serie B. Spero possa restare al Rungg anche una volta chiusa la sua carriera.

Ma parliamo un po’ della sua carriera adesso: come mai il ritiro a soli 24 anni?

La stagione ’95 è stata l’ultima vera stagione che ho disputato, dopodiché ho soltanto fatto qualche apparizione qua e là. La causa principale è stato un infortunio fastidioso alla schiena che mi tormentava già da qualche anno e mi impediva di rendere al massimo. Per cui ad un certo punto ho dovuto prendere una decisione sofferta: peccato, perché ero un atleta promettente.

Era arrivato alla soglia dei primi 200 al mondo a soli 19 anni se non sbaglio...

Cominciavo già a pensare in grande, in effetti. Davide Sanguinetti, per fare un esempio, un mio coetaneo che ha avuto una carriera di tutto rispetto, non mi ha mai battuto fino al ’92. A 19 anni, poi, ho battuto Paolo Canè al Challenger di Salerno, in un periodo dove perdeva molto di rado. Persi poi al turno successivo da Martin Strelba in un incontro molto combattuto, ma consideri che Strelba qualche settimana prima aveva battuto Stefan Edberg che era il numero due al mondo. Sulla terra rossa avevo raggiunto un livello molto interessante, che lasciava presagire tutt’altra carriera per me: come dico sempre, per il tennis professionistico ero pronto su tutti i piani, tranne quello fisico. Paragono la mia traiettoria a quella di tanti ragazzi italiani ancora in attività: giocatori di qualità, che però hanno problemi di infortuni già in giovane età, perché magari hanno giocato troppo a livello giovanile.

Il paragone non fa una piega.

Io dico sempre che Quinzi, Baldi e compagnia hanno salvato la vita a Matteo Berrettini [ride, ndr]: ha avuto modo di fare le cose con più calma, è arrivato dalle retrovie ed ora i risultati sono sotto gli occhi di tutti!

Tornando al suo ruolo al Rungg, vedo che si circonda di uno staff di altissimo livello, come suo fratello Valerio o Marco Panichi, il preparatore atletico di Novak Djokovic.

Sì, a cui si aggiungono il bravo Daniele Ceraudo che si concentra in particolar modo sulla squadra femminile e Georg Winkler che ci dà un grosso aiuto. Per quanto riguarda mio fratello Valerio, mi ha raggiunto a Bolzano circa 15 anni fa per un anno di prova, in quanto avevo bisogno di una mano. Ha capito in fretta che era un percorso che gli piaceva molto e sono fortunato che abbia deciso di continuare con me, perché è bravo in tutto! Lo invidio! Marco Panichi è per me come un fratello, perché sono stato il suo primo giocatore quando eravamo ancora ad Ostia; mi ha sempre aiutato e, quando il calendario glielo permette, viene qui al Rungg ed aiuta ad impostare il lavoro atletico.

C’è anche lui dunque dietro la magnifica stagione del Rungg. A proposito del campionato di Serie A1, ha qualche idea in merito a come accrescere l’interesse nei confronti di questa competizione?

Io credo che la chiave di tutto sia economica: i giocatori come Fognini, Musetti sono portati a snobbare la competizione perché giocare tornei ATP è più redditizio. Gli sponsor presenti attualmente in Serie A sono aziende medio-piccole ad estrazione locale: bisognerebbe trovare il modo di far avvicinare al tennis delle aziende di caratura maggiore, e per far sì che ciò avvenga si potrebbe cominciare dal trasmettere in TV tutte le partite. È importante avvicinare le persone al tennis, pensi a quante persone in più verrebbero ad assistere alle partite se Sinner, altoatesino, tornasse a disputare una partita nel nostro circolo. Il margine per migliorare il campionato c’è, e la base non è così malvagia se prendiamo come esempio Pedro Martinez Portero (N.60 ATP), che dopo aver disputato la Davis ha deciso di venire a giocare le finali-scudetto invece di andare in vacanza.

Su una regola mi pare di capire che vi troviate particolarmente d’accordo: il vivaio.

Quella è una regola che secondo me è fondamentale ed è stata la svolta del tennis italiano, perché ha costretto tutte le realtà ad investire su loro stesse. Per un ragazzino di 17 anni è importante allenarsi e fare qualche scambio con un Fognini, o giocare qualche doppio con lui. Poi qui al Rungg abbiamo adottato questa filosofia da ancora prima che la rendessero una regola [ride, ndr].

Continua a leggere
Commenti

Flash

WTA Lione: Osorio, Noskova e Parks ai quarti

Linda Noskova impressiona per facilità contro Sherif, venerdì troverà una vivacissima Camila Osorio. Alycia Parks rimonta Martic, Van Uytvanck prenota Garcia

Pubblicato

il

Camila Osorio - WTA Monterrey 2022 (Twitter - Abierto_GNP)
Camila Osorio - WTA Monterrey 2022 (Twitter - Abierto_GNP)

Cinque incontri in programma all’Open 6e Sens Métropole de Lyon, due di primo turno, con la vittoria di Jasmine Paolini (di nuovo in campo giovedì, secondo match dalle 18.30), e tre validi per gli ottavi di finale, con un un accoppiamento ai quarti già decretato.

Caroline Garcia, idolo di casa, ha conosciuto oggi il nome della sua avversaria nel secondo turno del torneo WTA di Lione. Si tratta di Alison Van Uytvanck che ha archiviato la pratica Tamara Korpatsch per 6-2 6-4, in 1 ora e 31’. Gara ricca di break, ben undici in diciotto game complessivi. Percentuali al servizio pessime per la tedesca che chiude con il 44% di prime servite e ben undici doppi falli. Molto più solida la belga che sfrutta due break di vantaggio per chiudere il primo parziale.

Nel secondo parziale, gli scambi sono combattuti e sono ben cinque i break consecutivi. La n. 76 del ranking scappa via sul 4-2, prima di perdere il servizio nell’ottavo gioco. Van Uytvanck rimette a posto le cose nel game successivo e tiene a “0” il servizio che vale il passaggio del turno.

 

Saluta il torneo la testa di serie n. 4, ovvero Petra Martic sconfitta da Alycia Parks in 2ore e 26’ con il punteggio di 2-6 7-6(3) 6-2.

La statunitense vince in rimonta, malgrado una partenza sottotono. A far la differenza gli undici ace dell’americana, ben sette dei quali messi a segno nel secondo parziale. Nel set decisivo, l’americana ha portato a casa il 94% dei punti serviti con la prima di servizio, mentre la croata, malgrado abbia messo in campo il 74% di prime palle, si è aggiudicata il 55% dei punti.

Martic comincia la gara con un doppio break di vantaggio e un 6-2 arrivato in 39’ con l’americana molto fallosa al servizio. Il secondo set è molto più equilibrato, nel quale non si registrano break. L’unico pericolo lo corre Parks nel secondo gioco, quando è costretta ad annullare una palla break. Il match scivola via agevolmente con pochi scambi all’interno dei giochi. Nel tie-break, la croata subisce un parziale di 5-0 che rimanda il verdetto al terzo set.

Martic spreca tre palle break nel secondo gioco, le ultime opportunità per portare a casa la posta in palio. La gara della croata di fatto finisce qui. Sono cinque i giochi consecutivi di Parks che sfrutta il calo fisico di Martic e passa il turno.

L’americana affronterà la vincente della sfida tra Kovinic e Bondar.

Match godibile quello che ha visto Camila Osorio imporsi 7-6(5) 7-5 su Jule Niemeier. Due set tirati, due ore e due minuti e due anche le volte in cui la tedesca ha servito per chiudere un parziale. Classe 1999 di Dortmund, Niemeier è giocatrice potente, dotata anche di ottima mano, ma non di non eccezionale mobilità, caratteristica che certo non difetta alla ventunenne colombiana, abilissima nel contenere anche affidandosi allo slice e senz’altro più regolare dell’avversaria. Le premesse per un bel match c’erano dunque tutte e sono state mantenute, con forse l’unica pecca di qualche “strappo” avvenuto con grossa complicità di chi era in battuta, ma le belle giocate sono state comunque ricorrenti nella sfida.

È così che Niemeier commette due doppi falli e affossa un dritto quando va a servire per il primo set – peraltro restituendo il favore delle due seconde fallite da MCOS nel break subito al quinto gioco –, per poi cedere al tie-break al terzo set point consecutivo. Jule fa valere la sua pesantezza nel quarto game del secondo, aperto da un doppio fallo, e vola sul 4-1. Brava Osorio a prendere l’iniziativa e riprendersi il break, anche approfittando di una seconda fuori bersaglio e una smorzata dimenticabile. In ogni caso, Niemeier si issa sul 5-3, ma a quel punto subisce quattro giochi consecutivi di una Osorio scatenata che vola per il campo. Emblematico l’ultimo punto: il dritto tedesco fa tre buchi per terra ma torna sempre indietro e la scelta finale del contropiede invece del campo aperto è punita da un lob non scontato sul quale Jule va a vuoto.

L’avversaria di Osorio ai quarti sarà la diciottenne ceca Linda Noskova, vincitrice della n. 50 WTA Mayar Sherif per 6-3 6-2 in sessantotto minuti. Linda è entrata dalle qualificazioni, ma partiva con i favori del pronostico contro l’egiziana che peraltro la precede di appena sei posizioni in classifica. Grande pulizia nei colpi a rimbalzo, con lo sguardo che rimane sul punto di impatto (quindi la testa non “scappa”, con grosso giovamento dell’equilibrio), già un ottimo servizio, Linda ha annullato tutte le tre palle break concesse proprio grazie alla battuta, brekkando invece l’avversaria in ognuno dei quattro giochi in cui si è creata l’opportunità. Match chiuso con un game di risposta imperioso in attesa dell’interessante sfida di venerdì.

(ha collaborato M.S.)

IL TABELLONE DEL WTA 250 DI LIONE

Continua a leggere

Flash

Svitolina sulla scia di Zelensky: “Russi e bielorussi devono essere esclusi da Parigi 2024”

Lo scorso 25 gennaio il CIO aveva aperto alla partecipazione degli atleti russi e bielorussi alle prossime Olimpiadi. Le reazioni ucraine non appaiono concilianti

Pubblicato

il

Elina Svitolina (foto Twitter @ElinaSvitolina)

Manca ancora un anno e mezzo alle prossime Olimpiadi che saranno ospitate da Parigi, eppure il dibattito politico-sportivo su di esse è stato già aperto. Del resto, la storia dei Giochi Olimpici è una storia di diplomazia, propaganda, gesti simbolici di protesta e di conciliazione. Isolare lo sport da questi aspetti sarebbe un’impresa ardua e forse anche inopportuna, perché significherebbe chiudere la porta anche ai messaggi di pace che possono essere veicolati da squadre e atleti.

Dal febbraio del 2022 lo sport convive con il contesto geopolitico della guerra tra Russia e Ucraina. Lo ha fatto e continua a farlo seguendo strade non sempre lineari e coerenti tra loro. Anche per questo motivo, lo scorso 25 gennaio il Comitato Olimpico Internazionale ha emesso un comunicato che si pone come un punto di riferimento per tutte le federazioni e che parrebbe anche una dichiarazione d’intenti verso i Giochi del 2024: “Occorre esaminare un percorso per la partecipazione degli atleti [russi e bielorussi] alle competizioni a rigide condizioni”. Alle istituzioni ucraine, dal Presidente Zelensky in giù, questa presa di posizione del CIO non è piaciuta. E nemmeno a Elina Svitolina.

L’ex numero 3 del mondo, attualmente fuori dal circuito dopo la maternità e un periodo di pausa legato allo shock emotivo causatole dalla guerra nel suo Paese, si è espressa così sul suo profilo Instagram: “Le Olimpiadi sono il sogno più grande e il privilegio più grande per gli atleti. Sono la più grande piattaforma per l’inclusione e la diversità nello sport, in grado di catturare l’attenzione di tutto il mondo. Per questo motivo dobbiamo continuare a escludere gli atleti russi e bielorussi, inviando un messaggio forte in tutto il mondo, ovvero che siamo uniti nelle sanzioni imposte contro la Russia e la Bielorussia e che ci sono conseguenze per gli atti atroci dei loro governi”. Le sue parole non stupiscono in quanto in linea con alcune dichiarazioni rilasciate a The Age la scorsa estate, quando affermò di aver apprezzato le decisioni prese da Wimbledon e di non aver condiviso quelle della WTA.

 

Elina ha poi continuato facendo riferimento alla morte di un giovane decatleta suo connazionale: “Volodymyr Androshchuk, una delle stelle nascenti dell’atletica leggera ucraina, è stato purtroppo ucciso sul campo di battaglia. Non realizzerà mai il suo potenziale o i suoi sogni ai Giochi, quindi perché gli atleti russi e bielorussi dovrebbero avere la loro occasione quando i loro governi stanno privando persone e atleti innocenti delle loro possibilità?!”

La presa di posizione di Svitolina fa eco alla reazione di Zelensky al comunicato del CIO. Il Presidente ucraino aveva infatti contestato le intenzioni di Bach, accusandolo di voler “aprire lo sport all’influenza propagandistica di uno stato terrorista” e ripetere così l’errore fatto nel 1936 con le Olimpiadi di Berlino sotto il regime di Hilter. Zelensky aveva poi concluso il suo discorso minacciando il boicottaggio dei Giochi da parte dell’Ucraina nel caso in cui dovessero essere ammessi atleti di nazionalità russa e bielorussa. Seppur con toni meno duri, anche il governo britannico si è dichiarato contrario al progetto del CIO e sono diversi i Paesi che sarebbero pronti ad aderire al boicottaggio, su cui il Comitato olimpico ucraino esprimerà un voto nella giornata di venerdì.

Continua a leggere

Flash

WTA Hua Hin: Zidansek piega Fruhvirtova dopo tre ore di lotta. Bene Wang e Zhu

La diciassettenne Linda Fruhvirtova si arrende alla semifinalista del Roland Garros 2021. Nell’ultimo match di giornata Tsurenko elimina a sorpresa la testa di serie numero quattro Kalinskaya

Pubblicato

il

Tamara Zidansek – WTA Hua Hin 2023 (Image Credit: 2023 Thailand Open presented by E@)

Si è conclusa nella tarda serata locale la terza giornata del WTA 250 di Hua Hin. Il programma odierno del Thailand Open prevedeva solo quattro match di ottavi di finale, ma tre di questi si sono protratti ben oltre le due ore, con la sfida tra Linda Fruhvirtova e Tamara Zidansek che si è fermata a soli tre minuti dall’ingresso nella quarta ora di gioco. Ad uscire vincente da quello che era il match di cartello di oggi – per le alte aspettative che ruotano attorno alla 17enne ceca, già numero 51 del mondo, e per il valore dell’avversaria cui non fa giustizia la posizione 132 occupata nel ranking – è stata la slovena Zidansek (6-3 4-6 6-4), abile a sfruttare le difficoltà di Fruhvirtova con la seconda di servizio. Ai quarti di finale Tamara troverà la cinese Zhu che, dopo aver eliminato la connazionale e terza favorita secondo il seeding Xiyu Wang, ha superato la coreana Jang con il punteggio di 6-4 7-6.

Anche nell’altro quarto di finale della parte bassa del tabellone ci sarà una giocatrice cinese: la settima testa di serie Xinyu Wang ha infatti sconfitto con un doppio 6-3 la svedese Bjorklund e attende ora la vincitrice del match tra Han e Watson. L’ultimo incontro di giornata è stato quello tra la 24enne russa Kalinskaya e l’esperta ucraina Tsurenko. Quest’ultima ha contraddetto i pronostici, eliminando la numero 4 del seeding per 6-0 6-7 6-4. Ai quarti potrebbe quindi andare in scena un derby con Yastremska che però dovrà prima vedersela con la semifinalista di Wimbledon 2022 Tatjana Maria.

E’ stata semifinalista in uno Slam anche Tamara Zidansek (al Roland Garros nel 2021) che, dopo una stagione negativa, sta provando a scalare nuovamente la classifica. “Sono davvero felice perché l’anno scorso non è stato il migliore per me dopo la trasferta australiana, mentre ora sono in forma, in salute e sto finalmente giocando come voglio. Devo solo ottenere qualche vittoria ma sono molto contenta di come mi sono gestita in campo” – ha detto la slovena dopo la vittoria su Fruhvirtova, che ha provato a rimanere in partita fino all’ultimo. Le condizioni di gioco, però, non hanno agevolato la giovane ceca: l’elevata percentuale di umidità ha infatti reso più lento il campo, dando a Zidansek la possibilità di assorbire con più facilità i colpi offensivi dell’avversaria.

 

Nella giornata di giovedì tornerà in campo, contro la russa Zakharova, la favorita numero 1 del torneo Bianca Andreescu, a caccia di un titolo WTA che le manca dal 2019.

IL TABELLONE DEL WTA 250 DI HUA HIN

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement