WTA Dubai: una Kvitova in gran spolvero annichilisce una Giorgi spenta

Flash

WTA Dubai: una Kvitova in gran spolvero annichilisce una Giorgi spenta

Grande prestazione della mancina di Bilovec che non lascia scampo alla n.29 del mondo, mai realmente in partita. Vincono anche Swiatek e Halep

Pubblicato

il

Camila Giorgi a Montréal 2021 (Credit: @OBNmontreal on Twitter)
 
 

P. Kvitova b. C. Giorgi 6-2 6-0

Che Petra Kvitova, ex numero 2 del mondo e campionessa Slam, potesse dire la sua sul cemento outdoor (dove ha oggi ottenuto la vittoria n.300 in carriera) ce lo si poteva aspettare, ma il suo traballante inizio di stagione, dove aveva perso 4 partite su 6, faceva ben sperare per Camila Giorgi. Certo era impronosticabile che la tennista di Macerata raccogliesse la miseria di 2 game, subendo anche l’onta del 6-0, in questo primo turno del WTA 500 di Dubai, alla sua terza partecipazione in questo torneo (un secondo turno nel 2015 come miglior risultato). Per quanto certamente vada elogiata la prestazione perfetta della ceca, senza sbavature sia al servizio che in risposta, va anche sottolineata una totale opacità di Giorgi, mai capace di far muovere l’avversaria e di comandare il gioco, oltre che molto fallosa al servizio, non riuscendo ad incidere sulle rare occasioni presentatesi. Ci si aspettava certamente di più, ricordando anche l’ultimo incontro sul cemento tra le due, a Montreal, dove vinse Camila in due set.

IL MATCH – Fin dall’inizio Kvitova mette le cose in chiaro, mostrandosi solida dal fondo e molto aggressiva in risposta, spingendo Giorgi sbagliare o a forzare la seconda, e inducendola in doppio fallo (saranno ben 8 a fine partita). Dopo due palle dell’1-0 sprecate dall’italiana, una risposta fulminante regala il break in apertura alla ceca. Da lì subito la partita si fa in discesa, con Kvitova che gestisce tranquillamente il proprio turno di battuta, tenendo i primi due a 15 e a 30, con Giorgi sempre a debita distanza. Nel quinto game l’italiana cede di schianto: arrivano tre doppi falli e una prima timidissima che accomoda una facile risposta vincente a Petra per il doppio break a zero. Nel game successivo un’ottima seconda di Petra annulla l’unica palla break per Camila nel primo parziale, ipotecando in pratica il set per Kvitova, che chiuderà poco dopo con un agevole 6-2. Se nel primo set c’è stato qualche timido segnale della Giorgi, nel provare quantomeno a far muovere la Kvitova e a spostarla dal centro del campo, punto dal quale è pressoché ingiocabile, nel secondo non avviene neanche questo, ed è un monologo della campionessa del 2013. Ancora break in apertura con un vincente, dopo che la Giorgi aveva avuto due palle game, e ancora una volta il game del doppio break (in questo caso il terzo) è una fotocopia del primo: tre doppi falli, conditi anche dall’errore che consegna il gioco (e il match alla Kvitova). Dal 3-0 in poi la partita, già prima inesistente, evapora del tutto: Giorgi ottiene un’immediata palla break per recuperare almeno uno dei due servizi persi, ma è magistralmente annullata dalla mancina ceca, e poi Camila concede un altro break a 0 nel quinto game. Solo nell’ultimo gioco Kvitova finalmente sbaglia qualcosa, smarrendo la perfezione avuta fino a quel punto e regalando due palle break sul 15-40, che annulla però con la classe della campionessa. Petra chiude con il 70% di punti vinti con la prima e il 61% in risposta una partita dominata in lungo e in largo, con tanti meriti suoi ma anche demeriti di Camila Giorgi, mai capace di esprimere il suo gioco o reagire all’aggressività dell’avversaria. Al secondo turno Kvitova avrà di fronte Sabalenka (tds n.1 e n.2 al mondo) o Kostyuk; e sinceramente in queste condizioni di forma la si può inserire tra le favorite del torneo.

 

GLI ALTRI MATCH – Hanno aperto la loro campagna negli Emirati quest’oggi anche Iga Swiatek (sesta favorita del seed), che ha battuto senza problemi 6-1 6-2 Daria Kasatkina, e Barbora Krejcikova (seconda favorita) regolando, più agevolmente di quanto non dica il punteggio, Caroline Garcia (6-4 7-6), che aveva ricevuto una wild card per partecipare. Ottima prestazione anche della solita, e solida, Simona Halep, che si sbarazza agevolmente, con il punteggio di 6-2 6-4, dell’altra wild card, l’americana Alison Riske. Infine per chiudere derby a stelle strisce tra l’ex enfant prodige Coco Gauff e Jessica Pegula, che si afferma con un doppio 6-4.

WTA 500 Dubai, i risultati di lunedì 14 febbraio
[2] B. Krejcikova b. C. Garcia 6-4 7-6
[6] I. Swiatek b. D. Kasatkina 6-1 6-2
J. Pegula b. C. Gauff 6-4 6-4
S. Halep b. A. Riske 6-2 6-4

QUI IL TABELLONE AGGIORNATO DEL WTA 500 DUBAI

Pellegrino Dell’Anno

Continua a leggere
Commenti

ATP

Opelka ancora contro l’ATP: “Un sistema corrotto che va a discapito della remunerazione del talento”

Il gigante statunitense si sfoga su Twitter criticando l’operato del Board dell’ATP e del consiglio dei giocatori in merito alle modifiche del calendario

Pubblicato

il

Reilly Opelka – Indian Wells 2021 (foto via Twitter @FILAtennis)

Assente dai campi da gioco dalla sconfitta contro Nick Kyrgios in quel di Washington, torna a fare sentire la sua voce fuori dal coro Reilly Opelka. Il servebot statunitense è noto per esprimere sempre la sua opinione sui social e nelle interviste su quello che non funziona nei rapporti tra tornei e giocatori, con aspre critiche nei confronti di Gaudenzi, più volte invitato alle dimissioni. Pertanto, non sorprende che in seguito alle ultime novità nel panorama tennistico, Opelka abbia detto sulle modifiche del calendario previste a partire dal 2023 e non solo.

Riepiloghiamo, a partire dal prossimo anno vi saranno diverse novità nel calendario. La più significativa riguarda i tornei più importanti a livello ATP, ossia i Masters 1000. Infatti, dal 2023 non saranno solo Indian Wells e Miami i tornei che si svolgeranno su 2 settimane, bensì anche Roma, Madrid e Shanghai. Dal 2025 la riforma riguarderà anche gli altri due mille nord americani, Canada e Cincinnati.

Questa riforma si innesta in un periodo di “compravendite” per quanto riguarda i diritti di alcuni tornei. Lo scorso febbraio la USTA, proprietaria dei diritti del torneo ATP di Cincinnati, ha messo in vendita la licenza andando a caccia di un acquirente disposto a spendere un importo almeno a nove cifre. Acquirente che secondo le ultime voci dovrebbe essere Ben Navarro, celebre milionario statunitense, proprietario del torneo femminile di Charleston.

 

A fine 2021 ero stato invece il torneo di Madrid a cambiare “organizzazione”, con l’uscita di scena di Ion Tiriac e l’ingresso della società di managemente IMG, già proprietaria dei diritti del torneo di Miami.

Questo giro di denaro ha mandato su tutte le furie Opelka alla luce delle disparità che secondo lui vi sono a livello ATP, tra quanto spetta ai tornei e quanto invece finisce del prize money a disposizione dei giocatori.

Quindi fatemi capire bene, Madrid e Cincinnati vengono vendute per $ 400 milioni / $ 300 milioni. Nello stesso anno il Board dell’ATP decide di concedere ai Masters 1000 una tonnellata di giorni in più, riducendo nel contempo le players commitment protections, portando a sanzioni molto più severe per eventuali Masters 1000 saltati”.

Ma le critiche non si sono limitate solo alle decisioni dell’ATP. Con un sarcasmo per nulla celato Reilly ha giudicato negativamente l’operato dei rappresentati ei giocatori, rei di non aver negoziato accordi negli interessi dei giocatori stessi che loro rappresentano.

“Sembra che il board dei rappresentati dei giocatori abbia fatto una grande lavoro nel negoziare per nostro conto. Hanno ottenuto un incremento del 2% dei prize money e acconsentito alla più grande presa in giro [Opelka la definisce ‘biggest known sucker play’] per la compartecipazione dei ricavi [dei tornei], accettando una percentuale sul profitto netto, invece che lordo”.

Opelka rincara la dose evidenziando come l’accordo permetta ai tornei di poter “manipolare” i numeri secondo il proprio tornaconto:[Questo accordo] permette ai tornei di continuare la pratica di manipolazione dei loro numeri. Basta chiedere a chiunque è coinvolto nel processo le differenze tra i numeri che i tornei presentano ai potenziali venditori rispetto a quelli che utilizzano durante la negoziazione dei prize money”.

La frecciata finale è rivolta alla USTA: “Quanto ha pagato la USTA per la licenza [del torneo di Cincinnati]? Prima che qualcuno polemizzi sul fatto che un atleta professionista parli di denaro, qui si parla di denaro, ma si parla di un sistema corrotto che sistematicamente va a discapito della remunerazione del talento in questa così detta partnership.

Continua a leggere

ATP

Alexandr Dolgopolov torna a farsi sentire: “Tonnellate di bandiere sui tornei”

L’ex tennista ucraino, tra i più attivi sul tema della guerra, rumoreggia su Twitter dopo il recente episodio a Cincinnati

Pubblicato

il

dolgopolov

In campo, una gioia per gli occhi, una manna per gli amanti del bel tennis estroso, mai regolare, in una carriera da artista maledetto fino in fondo, in cui ha dovuto combattere con tanti infortuni, ritirandosi a soli 32 anni, nel 2021. Alexander Dolgopolov è stato uno dei più chiacchierati tennisti degli ultimi anni, genio e sregolatezza, e tutt’ora finisce spesso in discussioni di sorta, ma purtroppo per motivi ben più seri, che esulano dal campo da tennis. Sin dalla primissima dichiarazione di guerra della Russia, il tennista ucraino si è sempre apertamente schierato sulla vicenda, condannando in toto anche i tennisti e gli sportivi russi, appoggiando con vigore ad esempio la decisione di Wimbledon, ed imbracciando egli stesso il fucile per difendere il proprio Paese.

E così, dopo l’episodio di lunedì in quel di Cincinnati (torneo in cui nel 2015, come ricordò al momento del ritiro, giocò la partita con più rimpianti della carriera) era impensabile che non si sarebbe schierato. Il fatto è però, in tutta onestà, quantomeno discutibile: durante il derby russo tra Potapova e Kalinskaya, una tifosa era cinta dalla bandiera ucraina con in testa il Vinok, una corona di fiori tipica della tradizione del Paese. La prima delle due atlete si sarebbe lamentata con la giudice di sedia, portando la sicurezza ad allontanare dai campi la donna senza che avesse fondamentalmente fatto nulla, con la motivazione che “stesse agitando le due tenniste“. La giustificazione decisamente non regge, specie considerando l’eco e le ripercussioni che potrebbe avere a lungo andare un atto del genere, partendo dalla reazione di Dolgopolov.

Sorpreso che nessuno è stato molestato o insultato in questa occasione, nessun ucraino ha giocato lì“, scrive su Twitter l’ex n.13 al mondo, “Le persone che lo dicono sono patetiche. Nient’altro che discriminazione. Sentirsi insultato dalla bandiera di un paese attaccato dal tuo paese, cosa potrebbe significare? Tonnellate di bandiere sui tornei“. Le parole di Dolgopolov sono tutt’altro che pacate, com’era lecita aspettarsi, e la sua “chiamata a raccolta” di bandiere per i prossimi tornei, US Open in particolare, potrebbe non essere un appello nel vuoto, e rivelarsi l’inizio di un gran caso mediatico. Anche considerando altre righe, ben più dure, scritte in precedenza sull’episodio sempre sul suo Twitter: “Solo così lo sapete. Un atleta russo è arrivato negli Stati Uniti e ha deciso di cacciare Lola, che è una meravigliosa persona di cuore, ma anche cittadina americana, nata in Uzbekistan, per essersi seduta in silenzio a una partita di tennis con una bandiera ucraina. Vengono a casa tua e dettano le loro regole“. Gli echi di guerra, purtroppo, sono fin troppo presenti anche sui campi da tennis.

Continua a leggere

Flash

Scanagatta: “Non sono il cugino di Matteo Berrettini” [VIDEO]

Il direttore Ubaldo Scanagatta risponde alle critiche sul tennista romano: “Ingiusto chi dice che non sia nemmeno uno dei primi dieci italiani di sempre. Cosa si pretende da lui?”

Pubblicato

il

La terza sconfitta consecutiva di Matteo Berrettini la più recente al primo turno di Cincinnati contro Tiafoe – alimenta il dibattito sul reale valore del tennista n. 15 del mondo. Il direttore Ubaldo Scanagatta scende in campo in difesa del tennista romano (ma di fede fiesole, calcisticamente parlando), sottolineando i traguardi raggiunti da Matteo, e mettendoli in prospettiva col passato.

“Qualcuno dirà ancora che io sono il cugino di Matteo Berrettini, come si disse qualche anno fa quando io profetizzai un ingresso fra i top 10 a Matteo quando l’avevo visto giocare molto bene, e mi esposi dicendo che Berrettini aveva la stoffa per diventare un campione. Infatti si è qualificato alle ATP Finals due volte restando in top 10 per più tempo di Panatta e Barazzutti. Ingiusto chi dice che non sia nemmeno uno dei primi dieci italiani di sempre. […] Per me è nettamente fra i primi cinque“.

 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement