Carlos Alcaraz e il suo fisico: "Voglio restare così. Per il tennis non va bene avere troppi muscoli"

Flash

Carlos Alcaraz e il suo fisico: “Voglio restare così. Per il tennis non va bene avere troppi muscoli”

“L’unico segreto è lavorare e occuparsi di ogni dettaglio quotidianamente” dice Alcaraz, intervistato da Men’s Health

Pubblicato

il

Carlos Alcaraz contro Sebastian Korda - Roland Garros 2022 (foto Roberto Dell'Olivo)
 
 

Dall’anno scorso a quest’anno lo spagnolo Carlos Alcaraz ha compiuto progressi impressionanti in termini di classifica e di risultati, specialmente considerando la sua giovane età: 19 anni compiuti il 5 maggio, in un tennis ancora dominato dai grandi vecchi ultratrentenni, assediati da una pattuglia di ventenni agguerriti. Oltre alle qualità tecniche, però, frutto del lavoro con il suo allenatore e mentore Juan Carlos Ferrero, è evidente – anche per via dell’abbigliamento che non fa nulla per nasconderlo – il cambiamento fisico che in pochi mesi si è manifestato nel tennista di Murcia. È interessante, quindi, andare a rileggere che cosa raccontava qualche settimana fa Alcaraz al mensile patinato Men’s Health che lo ha anche messo in copertina con pettorali e “tartaruga” in bella mostra; e dare un’occhiata anche ai segreti che il suo preparatore atletico ha rivelato a Joan Solsona, del quotidiano spagnolo Marca.

MH: Quando sei entrato per la prima volta all’accademia creata e diretta da Ferrero a Villena (Alicante, nella Comunità valenziana) in pochi avrebbero previsto la quantità di muscoli che sfoggi in copertina. Anzi, uno dei tuoi primi soprannomi era «spaghetto»…
Alcaraz: Diciamo che non avevo un corpo molto sviluppato.

MH. Negli ultimi due anni, comunque, hai fatto un corso accelerato di allenamento e nutrizione.
A. Un po’ sì. All’inizio ero negato e a poco a poco con l’aiuto della mia squadra ho imparato che cosa debbo mangiare e come mi devo allenare in ogni situazione: durante i tornei, quando sono in preparazione alla stagione successiva, nelle settimane di allenamento…

 

MH. Il tuo segreto?
A. L’unico segreto è lavorare e occuparsi di ogni dettaglio quotidianamente. Riposare, magiare bene, allenarmi al cento per cento. La somma di tutti questi elementi è la chiave e, onestamente, negli ultimi due anni l’ho fatto meglio di sempre. Non ho trascurato nemmeno una virgola.

MH. Allenamento in palestra sì, ma anche dosare alla perfezione l’alimentazione.
A. Qualche hamburger c’è scappato, ma adesso controllo molto meglio tutto ciò che mangio.

MH. Carlos Alcaraz è arrivato al suo massimo tono muscolare o vuole crescere ancora?
A. Per il momento mi fermo qui. Per il tennis non va bene avere troppi muscoli. Preferisco non aumentare ulteriormente la massa, mantenermi como sono adesso e curare altri aspetti che sono basilari per il tennis: l’agilità, la velocità, la potenza.

MH. E a livello di forza mentale?
A. Non mi piace molto dirlo, ma credo di essere abbastanza bravo in campo dal punto di vista meccanico, per ciò che riguarda i colpi e il resto. L’aspetto su cui debbo lavorare di più è proprio quello mentale. Rimanere concentrato per tutto il tempo necessario, non abbassare l’attenzione, non avere alti e bassi durante la partita. Sono lati in cui debbo migliorare un bel po’.

MH. Ricordi con amarezza quando sei stato fischiato dal pubblico a Parigi Bercy.
A. È stato il momento peggiore della mia carriera, perché era la prima volta che mi capitava qualcosa del genere. Al tempo stesso, però, sono contento di averlo dovuto affrontare così presto, perché adesso so come gestire questo tipo di situazioni. Per me il tennis è un fatto quasi puramente mentale. Alla fine sei lì da solo sul campo e tu e solo tu devi affrontare le difficoltà e trovare le giuste soluzioni. Sono aspetti su cui sto lavorando con la mia psicologa, Isabel Balaguer, con cui lavoro già da tre anni.

Per quanto riguarda il fisico, comunque, non si tratta di passare i pomeriggi a sollevare pesi, come qualcuno potrebbe immaginare, ma di un lavoro molto più sofisticato che il suo preparatore atletico, Alberto Lledó, ha descritto in parte al quotidiano Marca. Nella sua forma fisica c’è una parte di genetica, ma l’80 per cento è lavoro, una trasformazione che non riguarda solo il tennis, ma molti dettagli della sua vita. Quando abbiamo cominciato a lavorare con lui avevamo un problema: aveva un percentuale bassa di massa grassa, ma con l’alimentazione siamo arrivati all’obiettivo voluto.”

“Il ragazzo sta crescendo non solo a livello muscolare, ma anche osseo. Dev’essere cresciuto di qualche millimetro anche in altezza e continuerà fino ai 21 anni”. Con il suo 1,85 di altezza (dichiarato) Alcaraz ha lavorato in pre-season su forza, resistenza e velocità. “Ma non con i pesi. Abbiamo usato macchine inerziali, come la puleggia conica, il meglio per accrescere la massa muscolare senza perdere la velocità richiesta nello sport”. L’ambizione, infatti, è rinforzarlo senza che perda esplosività e rapidità negli spostamenti. E anche a fine novembre, quando era stato contagiato dal Covid, la sua tabella di lavoro si è dovuta modificare, ma non ha smesso di allenarsi, con cyclette, elastici e pesi. Il risultato è quello che abbiamo ammirato in questi giorni a Parigi.

Tradotto e adattato da Alessandro Condina

Continua a leggere
Commenti

Flash

WTA multa Wimbledon e LTA per l’esclusione di russi e bielorussi: da pagare 1 milione

La Federazione britannica dovrà sborsare 750 mila dollari. Mentre per l’All England Club la multa è di 250 mila dollari

Pubblicato

il

Secondo quanto riportato dal Daily Mail, la WTA ha deciso di sanzionare la Lawn Tennis Association (che gestisce i tornei di Nottingham ed Eastbourne) e l’All England Club con una multa di un milione di dollari nel complesso, spartita in questo modo: 750 mila dollari per la Federazione britannica e 250 mila all’All England Club per l’esclusione di atleti russi e bielorussi da Wimbledon e dagli altri tornei in Gran Bretagna. Come confermato dalla BBC, il club ha presentato ricorso contro la decisione; nonostante questo le multe andranno comunque pagate interamente prima che inizino le udienze per l’appello.

Sally Bolton, amministratore delegato del club che organizza Wimbledon, ha detto ai giornalisti che l’organizzazione è “profondamente delusa” dalla reazione del tour. Alla domanda sulle multe, ha detto: “Penso che la prima cosa da dire sia che è oggetto di un procedimento legale, quindi non posso commentarlo in modo specifico”. Ma ha aggiunto: “Rimaniamo fedeli alla decisione che abbiamo preso, siamo profondamente delusi dalle reazioni dei tour a quella decisione e probabilmente non posso dire altro al riguardo in questo momento”. Alla domanda se l’AELTC avrebbe presentato ricorso, ha risposto: “Sì, abbiamo presentato ricorso”.

 

Come è noto la LTA (federazione tennis britannica) ha seguito la scia di organizzazioni sportive – come la FIFA o la UEFA – che hanno optato per l’esclusione delle nazionali e delle squadre di club russe e bielorusse dalle competizioni internazionali. L’All England Club si era giustificato a suo tempo sulla decisione attraverso un comunicato “Abbiamo la responsabilità di fare la nostra parte per favorire lo sforzo generale del governo, dell’industria, delle istituzioni dello sport e dello spettacolo per limitare l’influenza globale della Russia. E sarebbe inaccettabile che il regime russo ottenga benefici di qualunque genere dalla presenza di atleti russi e bielorussi a Wimbledon“.

Continua a leggere

Flash

Wimbledon, Jabeur: “Tutto accade per una ragione, credo di meritare di essere qui”

“Non mi piace la routine; cambiare ritmo rispecchia il mio carattere”. E in vista della partita contro Tatjana Maria: “Forse non saremo amiche per un paio d’ore, ma alla fine torneremo ad esserlo”

Pubblicato

il

Ons Jabeur - Wimbledon 2022 (Twitter - @WTA)

Dopo la vittoria contro Marie Bouzkova in quarti di finale Ons Jabeur è diventata la prima tennista araba di sempre ad accedere in una semifinale ai Championships. Ora la attende la sfida con l’amica Tatjana Maria. Di seguito la conferenza stampa della giocatrice tunisina dopo il suo match di quarti di finale.

IL MODERATORE: Ons, semifinali. Dicci le tue sensazioni.

ONS JABEUR: Molto felice. Spero che il mio viaggio continui. Oggi è stata una partita difficile, ma sono contenta di aver giocato ancora meglio nel secondo e terzo set.

 

D. Hai detto che era una vera battaglia, ma sembrava che durante quel secondo set il tuo livello sia salito. È questo il miglior tennis che tu abbia giocato da un po’ di tempo a questa parte, cosa ne pensi?

ONS JABEUR: Sì, penso di aver giocato davvero bene da inizio del secondo set, soprattutto avendo ottenuto un break all’inizio mi ha aiutata a guadagnarmi la fiducia. So che non è facile giocare contro Marie. Lei prende tutte le palle e non mi rende facile vincere un punto. Sono contenta di aver alzato il mio gioco. Ero più aggressiva nel secondo set, e soprattutto tatticamente ho trovato un po’ di angoli che non le piacevano molto.

D. Durante l’intervista in campo hai detto che ti sei “svegliata”. Cosa significa svegliarsi sul Centre Court nel mezzo dei quarti di finale?

ONS JABEUR: Di solito quando dormi. Proprio come me penso di essere stata davvero tesa all’inizio del primo set, e non ho fatto i miei scatti. Non giocavo come avrei dovuto. Forse mia sorella lo era. Non ne sono sicura. Ma sono felice di aver servito forse un po’ meglio, ho calpestato il campo, e mi sono svegliata, davvero.

D. Nel tennis, rimanere indietro di un set, ti può scoraggiare o infastidirti, per questo quando sei 6 pari o 7-6, ha importanza? Sei indietro, ma hai tempo per recuperare. Ti senti in difficoltà quando sei sotto?

ONS JABEUR: Dipende, davvero, contro chi stai giocando. A volte mentalmente potrebbe essere davvero dura, soprattutto sapendo che giocherai contro qualcuno che non ti concederà il secondo set. Ma penso giocando molte partite e imparando come giocare meglio e non mollare mai mi aiuterà personalmente a vincere il secondo set e il terzo set. Ma credo di pensare davvero a ogni punto. Io non penso, ‘oh, c’è un altro set e un altro set’. io non so come pensano i ragazzi di cinque set (sorride). Ma è davvero dura. Penso che devi prendere un punto alla volta, ogni partita alla volta. Questo ti aiuterà ad attraversare la partita lentamente.

D. Hai fatto un sacco di Storia stasera non solo per te stessa ma per il tuo paese, per gli arabi e gli africani del tennis. Cosa significa per te?

ONS JABEUR: Significa molto. Speravo di poterlo fare arrivando a questa fase già da molto tempo. Ho lottato poche volte nei quarti di finale. Sono felice di poterlo fare, perché stavo parlando da un po’ con Hicham Arazi, e lui mi ha detto: “Gli arabi perdono sempre nei quarti di finale e noi siamo stufi di questo. Per favore, rimedia”. Io mi sono detta, ‘ci proverò, amico mio, non farlo, non mettere questo nelle mie mani’ (sorride). Stavamo solo scrivendo messaggi ed ero davvero felice. Erano del tipo ‘grazie per essere finalmente arrivata in semifinale. Ora tu può davvero andare a prendere il titolo‘.

D. La prossima volta giocherai contro la tua buona amica Tatjana. Io mi chiedevo mentalmente ed emotivamente cosa cambia in una partita quando giochi con qualcuno con cui sei così in buoni rapporti. Inoltre, prima del torneo hai detto che sei una di quelle giocatrici che non guarda il sorteggio.

ONS JABEUR: No.

D. C’era qualche battuta tra voi due immaginando di potervi incontrare nella semifinale di Wimbledon?

ONS JABEUR: No, in realtà lei non ci pensava. Ha avuto un sorteggio davvero difficile, insomma, ha vinto contro Ostapenko, vinto contro Sakkari. Davvero, ha giocato veramente bene. So che può giocare davvero bene sull’erba. Ovviamente è difficile giocarci contro e ci stavo scherzando con Charlotte, le stavo dicendo, mi sosterrai contro tua madre? Sto cercando di portare tutti i bambini dalla mia parte, usando la famiglia (sorridendo). Sono davvero carini. Sono davvero felice per lei per quello che ha ottenuto, ciò che si merita. So che ha lottato molto. Non è facile tornare dopo aver avuto due bambini. E sarà un grande incontro tra noi, molto rispetto, di sicuro. Forse non saremo amiche per due ore o, non so quanto a lungo la partita durerà, ma alla fine torneremo ad essere amiche.

D. In aggiunta a questo, ti ha chiamato Zia Ons alla stampa tedesca. Quanto sei vicina ai bambini?

ONS JABEUR: Sono bambini adorabili. È così bello vedere lei con dei bambini in tour. Il fatto che sia davvero tornata e ha fatto tutto questo, merita di essere qui. Amo Charlotte. È davvero simpatica. Lei sta giocando a tennis, quindi è davvero incredibile vederla. La piccola è sempre sorridente, grande energia. Amo la famiglia in generale. Mi hanno invitato una volta a casa loro. Era davvero fantastico stare con loro.

D. In termini tattici contro una giocatrice come lei, proverai a giocare tanto in slice in questa partita? Come cercherai di interrompere ciò che le riesce bene e che ha dato noie a tutte le altre finora?

ONS JABEUR: Penso che ci saranno molti slice in questa partita. Devi aspettartelo. Farò il mio gioco. So di poter essere aggressiva. Io posso usare i tagli, posso cambiare il ritmo. Lo so sulle mie gambe, devo essere davvero pronta a quelle palle. Non è facile. Mi ricorda un po’ la partita che ho giocato contro Parry, perché affetta davvero molto e mescola in quantità. Questo è ciò che cercherò di fare. Devo parlare di più al mio allenatore e vedere.

D. C’è ovviamente molto per cui essere felice. Questa è stata una grande corsa e non è ancora finita. Voglio solo chiedere se sei delusa all’idea di non avere punti in classifica a prescindere da che piazzamento tu ottenga in queste due settimane?

ONS JABEUR: Forse, forse un po’. Non ho intenzione mentirti. Più fai bene, più ti pentirai se non ci sono punti. Sinceramente non guardo solo me stessa. Ma guardo anche Tatjana, perché ha lottato con la sua classifica per tornare. Ha sempre voluto avere delle wild card, ma non è mai facile. Ora fa un buon torneo e non avrà punti. Anche per la giovane tedesca, (Niemeier, ndr) se lo merita davvero di ottenere punti, per Marie, per tutti quelli che sono passati qui. Ma, sai, è quello che è. Smettiamo di concentrarci sui punti, e forse vedere un po’ di soldi va bene (sorride).

D. Mi chiedevo solo come e quando hai imparato a giocare bene di slice?

ONS JABEUR: Il mio slice?

D. Sì. Come hai imparato?

ONS JABEUR: Ho chiesto al mio allenatore ‘come ho iniziato a fare questo, quando ho iniziato ad usare la palla corta e tutto il resto?’ Mi ha risposto, ‘forse per aver guardato un sacco di TV prima, e raccolto alcune cose’. Non sono sicura di chi ho guardato davvero, ma ho appena iniziato a farlo da sola e lui semplicemente lo ha sostenuto. E sono contenta che l’abbia fatto. Rispecchia un po’ il mio carattere, il fatto che cambio un po’ il ritmo e non mi piace molto la routine è una specie di me stessa in campo.

D. Oggi ho parlato con una giovane giocatrice giapponese che ha giocato il torneo ITF in Tunisia e ha detto che ha visto le tue foto non solo sul sito di tennis, ma ovunque in città. Questo per la tua semifinale in Wimbledon, cosa pensi possa significare per il tuo paese, non solo per i tennisti ma anche per le persone in generale, soprattutto per le ragazze?

ONS JABEUR: Forse mi portano la foto in Giappone, No? La metteranno lì. (Risata) Significa davvero molto da vedere.. non vado in Tunisia da un paio di mesi. Non sono sicura di che tipo di foto stanno mettendo ma spero che siano quelli carine. È davvero bello e spero, davvero, di provare a ispirare la nuova generazione. Sappiamo di avere molto talento a livello di giocatori. Abbiamo grandi tornei in Tunisia, non solo junior ma molti altri. Spero che questo possa spingerli di più a fare meglio e vedere più giocatori in tour.

D. Negli ultimi anni, i tuoi progressi sono stati molto graduali, costanti. Quando eri più giovane te lo immaginavi così? Quanto è simile e quanto diverso da come pensavi...

ONS JABEUR: Di solito sono impaziente e voglio i risultati subito. Non immaginavo di prendermi il mio tempo. Ma è un bene che mi sono presa il mio tempo, perché mi ha aiutato a capire molte cose. Io onestamente mi aspettavo di fare meglio dopo gli juniores, perché ero una di quelle brave e vedere altre giocatrici della mia età che mi surclassavano mi ingelosiva. Ma ho anche cercato di essere paziente. Sai, tutto accade per una ragione, e io credo di meritare di essere qui proprio ora quest’ann,.

Continua a leggere

ATP

Gestaccio di Elias Ymer a Salisburgo: con una pallata rompe la telecamera

Ancora episodio di intemperanza nel circuito ATP, con protagonista il maggiore dei fratelli svedesi

Pubblicato

il

Elias Ymer - Roland Garros 2018 (foto Roberto Dell'Olivo)

Abbiamo tutti ancora negli occhi la partita di sabato tra Nick Kyrgios e Stefanos Tsitsipas, uno spettacolo dal punto di vista del gioco, una vergogna per quello che hanno combinato entrambi. Se ormai le multe e le intemperanze di Kyrgios sono all’ordine del giorno (già due multe in questo Wimbledon, la prima per lo sputo verso uno spettatore dopo il match con Jubb) aveva sorpreso l’improvvisa perdita della ragione di Tsitsipas. Il greco infatti, dopo aver perso il secondo set, ha scagliato una pallina in tribuna, e ciò gli è valso 10.000 dollari di multa.

Senza entrare nei meriti di chi abbia ragione tra i due, anche perché hanno più probabilmente entrambi torto, ieri c’è stato un altro episodio che con lo sport ha poco a che fare. Elias Ymer, il più grande dei due fratelli svedesi, ha avuto un accesso d’ira dopo un errore non forzato a fine primo set nella sua partita (poi persa 2-0), al Challenger di Salisburgo contro Corentin Moutet. Ancora una volta, preso dalla rabbia, si vede il giocatore scagliare violentemente la pallina verso le tribune… solo che in questo caso la corsa si è fermata prima. Ymer infatti riesce a colpire, e chiaramente anche a rompere, la videocamera di Challenger TV posta in alto, spargendo vetri sul campo e causando l’interruzione del match da parte dell’arbitro, per verificare la praticabilità.

Ora, chiaramente si può sindacare sulla volontà o meno di centrare proprio la telecamera da parte di Ymer, ma resta il gesto di scagliare una pallina con tanta forza e veemenza verso l’alto, alla cieca, e spesso anche verso il pubblico: celebre tra questi episodi poco edificanti per professionisti come questi, quello di Djokovic allo US Open 2020, che colpendo una giudice di linea con una violenta pallata, fu anche costretto a subire la squalifica dal torneo. Dunque, al di là del livello o del nome del giocatore, sempre meno raramente accade che gesti di rabbia per un errore o un punto perso generino reazioni di questo genere, che alla lunga possono essere pericolose. E, più che procedere con delle multe, il modo migliore per iniziare ad eliminare questo fastidioso vizio sarebbe passare direttamente alle squalifiche.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement