Numeri: Djokovic nell'Olimpo del tennis su erba. Ma Federer resta un gradino sopra

evidenza

Numeri: Djokovic nell’Olimpo del tennis su erba. Ma Federer resta un gradino sopra

Lo svizzero resta davanti al serbo per rapporto match giocati/vinti sull’erba, ranking degli avversari battuti e set persi a Wimbledon. L’approfondimento di Ferruccio Roberti

Pubblicato

il

Roger Federer e Novak Djokovic - Wimbledon 2019 (foto via Twitter, @ATP_Tour)
 
 

85.83 – La percentuale di vittorie sull’erba di Novak Djokovic. Conquistando nei giorni scorsi il suo settimo Wimbledon il campione serbo è diventato nell’era Open il secondo miglior giocatore nel rapporto tra partite vinte (109) e giocate sull’erba (131). Su tale superficie anche in questa classifica comanda il primatista di titoli ai Championships, Roger Federer (lo svizzero otto volte campione di Wimbledon ha ottenuto 192 successi su 221 incontri, pari al 86.88%), ma Nole dopo il trionfo della scorsa domenica è il primo inseguitore, staccando di un centesimo percentuale una leggenda come John McEnroe, (sono 121 i successi su 141 match sull’erba per lo statunitense, corrispondenti appunto a una percentuale di 85.82%). Quarto in tal senso è Rod Laver (89/105, 84,76%) ma il grande campione australiano in questa statistica è penalizzato dal considerare nel nostro calcolo solo i risultati ottenuti in Era Open, a partire quindi dal 1968, quando lui era già trentenne e aveva in bacheca sei degli undici Slam vinti in carriera. Seguono la leggenda australiana come quinti e sesti in questa specifica graduatoria altri due miti tennistici. Uno è Bjorn Borg: sono cinque i titoli consecutivi londinesi tra il 1976 e il 1980 per lo svedese, seguiti dalla finale persa nel 1981 contro McEnroe. Il fuoriclasse scandinavo ha un bilancio complessivo di 72 vittorie nelle 86 partite giocate sui prati, per un 83.72% di resa ed è primo in assoluto considerando solo le partite giocate nel torneo di Wimbledon, dove vanta il 92,7% di successi. L’altro ancora è Pete Sampras: lo statunitense ha conquistato sette titoli in singolare a Church Road a cui vanno aggiunti altri tre sull’erba, superficie sulla quale ha vinto 101 di 121 match disputati, pari a un rendimento dell’83.47%.

Il settimo Wimbledon conquistato sconfiggendo la scorsa settimana in finale Nick Kyrgios ha permesso a Djokovic – attuale primatista di settimane al numero 1 ATP, 373, e di chiusure di stagione sulla vetta del ranking, 7 – di diventare il secondo tennista ad aver vinto più Slam (21, dietro ai 22 di Nadal) e di aumentare il proprio vantaggio sul maiorchino nella classifica dei cosiddetti “Big Titles” (ovvero la somma di Major, Masters 1000, ATP Finals e Olimpiadi) divenuti ora 64, cinque in più dello spagnolo.  Numeri già in precedenza eccellenti, che lo pongono tra i più grandi campioni di sempre del nostro sport.

Le sette partite vinte dal serbo sui prati di Wimbledon nel 2022 – se già da tanto tempo non c’erano dubbi sull’eccezionalità della sua carriera – lo hanno anche definitivamente consacrato come uno dei migliori erbivori di sempre, al netto delle condizioni di gioco ben diverse sulle quali si disputavano i match sull’erba qualche decennio fa. Tra l’altro Djokovic la scorsa settimana è diventato anche il secondo tennista ad aver vinto più match a Wimbledon, 86, davanti agli 84 di Connors e ai 71 di Becker e dietro unicamente ai 105 di Federer (solo Nadal al Roland Garros ha vinto un numero maggiore di partite in un singolo torneo Slam, 112). 

 

Per celebrare una volta ancora la grandezza di Djokovic e Federer abbiamo provato a ricapitolare i quindici percorsi vincenti dei dominatori assoluti delle ultime diciannove edizioni dello Slam più prestigioso al mondo con l’aiuto di tre tabelle. Nella 1 si leggono le sette cavalcate verso il titolo compiute tra il 2011 e il 2022 da Djokovic, indicando i nomi degli avversari, il loro eventuale ranking da top player e i set persi sulla strada per vincere il titolo (e analogamente abbiamo fatto nella tabella 2 per i trionfi ottenuti da Federer tra il 2003 e il 2017). Dando loro un’occhiata evinciamo come il campione svizzero – che pure ha perso tre dei quattro scontri diretti giocati a Wimbledon contro il rivale serbo – sia riuscito a vincere otto titoli nonostante avversari secondo il ranking più difficili di quelli incontrati da Novak. Infatti, sono in totale nove i top five sconfitti da Roger per vincere i suoi otto Wimbledon contro i cinque incontrati da Djokovic nei suoi sette trionfi, mentre sono sei i colleghi tra la sesta e la decima posizione del ranking contro i tre superati dal serbo. Leggendo le tabelle ci accorgiamo che Federer ha alzato otto coppe di Wimbledon perdendo un numero di set nettamente inferiore a quelli smarriti nei sette successi di Djokovic (16 contro i 29 di Nole).

Altre statistiche raccolte nella terza tabella da noi preparata non fanno altro che -nel raccogliere alcuni impressionanti numeri sull’erba di questi due fuoriclasse – confermare come il tennista ad aver raggiunto a tutto tondo i migliori risultati sull’erba sia Federer, recordman a Wimbledon anche per presenze in finali (12) e semi (13). Roger è stato capace di avere in carriera un rendimento invidiabile sull’erba contro i top 5 (64,7% W) e nello specifico contro Novak, Nadal e Murray, i Big Four che complessivamente dominano in esclusiva l’albo d’oro dei Championships dal 2003 ad oggi. Djokovic, pur avendo numeri straordinari, supera il campione svizzero nel rendimento complessivo partite giocate/vinte a Wimbledon (aiutandosi anche con l’aver giocato un minor numero di partite) e nel bilancio dei confronti diretti con tennisti posizionati tra la sesta e la decima posizione del ranking. 

Ci ripetiamo, non crediamo nella possibilità di stabilire in maniera oggettiva chi sia il più grande tra tennisti eccelsi come lo svizzero e il serbo (o Nadal e un altro paio abbondante di fuoriclasse del passato) ma riteniamo che recuperare questo tipo di numeri aiuti meglio a capire la loro straordinaria carriera.

Continua a leggere
Commenti

evidenza

ATP Ranking: Kyrgios in super ascesa, Sinner perde due posizioni

Nonostante i 1200 punti non assegnati da Wimbledon, l’australiano è già al N.37 e punta ad arrivare allo US Open da testa di serie. Sinner non difende il titolo a Washington ed è N.12

Pubblicato

il

È Nick Kyrgios ad avere impresso la maggior scossa al Ranking Atp. La nuova classifica diffusa nella giornata odierna, vede, infatti, Il vincitore del torneo ATP 500 di Wshington guadagnare 26 posizioni risalendo al 37° posto. L’australiano non era così in alto da febbraio 2020.

Per il resto, il re di Los Cabos rafforza la sua leadership: il russo Medvedev con il successo messicano allunga su Zverev e Nadal ancora fermi ai box per infortunio.

Il fatto di non essere sceso in campo a Washington per difendere il titolo conquistato nel 2021 costa due posti a Jannik Sinner, ma la scelta potrebbe pagare a breve raggio a cominciare dal torneo di Montreal.

 

Salgono di una posizione, a discapito dell’altoatesino, sia Hurkacz che Norrie. Da segnalare anche l’exploit di Yoshihito Nishioka: il finalista di Washington guadagna ben 42 posizioni dopo una straordinaria finale guadagnata e sale al N. 54.

La Top 20:
1. Daniil Medvedev (Rus) 7.875 punti
2. Alexander Zverev (Ger) 6.760
3. Rafael Nadal (Spa) 5.620
4. Carlos Alcaraz (Spa) 5.035
5. Stefanos Tsitsipas (Gre) 5.000
6. Novak Djokovic (Srb) 4.770
7. Casper Ruud (Nor) 4.685
8. Andrey Rublev (Rus) 3.710
9. Felix Auger-Aliassime (Can) 3.490
10. Hubert Hurkacz (Pol) 3.015
11. Cameron Norrie (Gbr) 2.985
12. Jannik Sinner (Ita) 2.895
13. Taylor Fritz (Stati Uniti) 2.860
14. Matteo Berrettini (Ita) 2.430
15. Diego Schwartzman (Arg) 2.245
16. Marin Cilic (Cro) 2.085
17. Reilly Opelka (Stati Uniti) 2.010
18. Roberto Bautista-Agut (Spa) 1.850
19. Grigor Dimitrov (Bul) 1.775
20. Gael Monfils (Fra) 1.615

Per quanto riguarda gli italiani, stabili sia Berrettini che Musetti (N.30), mentre Sonego guadagna una posizione. La strada verso Torino impone un cambio di marcia a Berrettini e Sinner già dal torneo canadese.

Restano cinque gli italiani tra i primi cento della graduatoria, con Fognini che perde cinque posizioni, ora è n. 60. Nota positiva per Vavassori che guadagna 34 posizioni e risale al n. 176.

Paolo Michele Pinto

Continua a leggere

evidenza

41 candeline per Federer! Ma è lui a regalare a Zizou il giorno più bello della sua vita. Un video commovente

Nel video “The Promise” Roger Federer realizza il sogno del giovane talento giocando con lui a Zurigo

Pubblicato

il

(Ha collaborato alla scrittura dell’articolo Andrea Mastronuzzi)

Chi da bambino, al momento di spegnere le candeline nel giorno del proprio compleanno, non ha mai espresso un desiderio ingenuo, apparentemente irrealizzabile e lontano dalla seriosità della vita quotidiana degli adulti? Chissà quanti aspiranti tennisti pensano al sogno di incontrare il loro idolo mentre chiudono gli occhi e soffiano sulla torta. Roger Federer è stato ed è il protagonista di tanti di quei desideri che prendono forma nell’immaginazione fanciullesca. Oggi è il suo di compleanno, il 41esimo. Anche lui soffierà sulle candeline e magari nei suoi pensieri ci sarà spazio anche per qualche sogno ingenuo e apparentemente irrealizzabile (vincere un altro torneo, magari uno Slam?), espressione del fanciullino che, secondo Pascoli, rimane sempre in noi.

Nel frattempo, lo svizzero ha esaudito un desiderio di questo genere di un bambino che si avvia a diventare grande. Si chiama Izyan Ahmad, ma per tutti è Zizou. È il numero 1 negli Stati Uniti tra gli under 12. Cinque anni fa Zizou decise di non tenere più per sé il suo piccolo grande sogno perché aveva di fronte proprio la persona in grado di realizzarlo. In una conferenza stampa allo US Open tra i giornalisti c’era anche lui grazie a un’iniziativa della USTA. Il piccolo Zizou, calmo e sicuro di sé, rivolse al suo idolo Federer questa domanda: “Potresti giocare altri 8 o 9 anni così posso sfidarti quando sarò un professionista?”. Più imbarazzato del giovane intervistatore, Roger rispose che sarebbe tornato a giocare appositamente per incontrarlo su un campo da tennis e, incalzato da Zizou, assicurò che quella era una promessa.

 

Grazie a Barilla e alla simpatia – nel senso etimologico di ‘condividere emozioni’ – dello svizzero, Izyan ha realizzato il suo sogno sfidando Re Roger a Zurigo. L’accoglienza riservata al ragazzo in Svizzera, la sua sorpresa per le attenzioni ricevute, l’incredulità nel veder arrivare Federer– e infine gli scambi tra l’ex numero uno del mondo e il giovane talento sono alcuni dei passaggi del nuovo cortometraggio per Barilla. Quelli che più spingono ad immedesimarsi in Zizou. “The Promise” è il titolo del film che, secondo il Chief Marketing Officer di Barilla, Gianluca Di Tondo, rappresenta “un altro bellissimo esempio di cosa significhi per Barilla ‘Un Gesto d’Amore’”. Il fulcro attorno a cui ruota l’opera dell’azienda italiana sta infatti proprio nel tentativo di arricchire la quotidianità unendo le persone attraverso atti gratuiti, di affetto sincero e disinteressato.

Qualsiasi cosa Roger Federer faccia quando si relaziona con gli altri sembra venirgli naturale, senza sforzo, ed è questo che continua a stupire tutte le persone che incontra” – ha sottolineato ancora Di Tondo. Non è la prima volta, infatti, che il campione svizzero si rende protagonista di azioni semplici ma così potenti da rendere la giornata dei fortunati di turno la migliore della loro vita. Sempre in collaborazione con Barilla (un piatto di pasta è sempre facilitatore di incontri e parole), in passato Re Roger ha esaudito il sogno di due ragazze liguri diventate famose per aver provato a giocare a tennis sul tetto di un palazzo durante il lockdown e di una signora sarda che aveva “invitato” a cena lo svizzero attraverso un cartello messo in mostra durante una partita del 20 volte campione Slam a Madrid nel 2019. Gesti che rappresentano segni visibili di quei valori tanto cari a Italo Calvino e applicati da Federer anche con la racchetta in mano: leggerezza (nel senso di semplicità armoniosa), esattezza, rapidità, molteplicità, coerenza e, per l’appunto, visibilità (mai ostentata).

Così umano, Roger. Eppure, allo stesso tempo, divino. Tanto che Gianni Clerici qualche anno fa disse di aver visto in lui la reincarnazione della Divinità tennistica che segretamente sovrintende al gioco. Quello di oggi è il primo compleanno di Roger, arrivato a 41 anni, in cui lo Scriba non potrà dedicargli un pensiero da questo pianeta. Chissà, però, che non possa fare gli auguri direttamente a quella “Divinità tennistica” da cui lo svizzero è sempre sembrato aver tratto origine. Per proseguire sul filo della nostalgia, è anche la prima volta dopo 24 anni in cui Federer festeggerà senza avere una classifica ATP.

D’altra parte, c’è spazio anche per sentimenti che non guardano indietro, ma anzi si proiettano nel futuro, come i desideri che si esprimono quando si soffia sulle candeline. È infatti il compleanno che precede il ritorno in campo dello svizzero, dopo un anno e spiccioli in cui è mancato al suo sport e agli appassionati di questa forma di divertissement probabilmente anche più di quanto a lui sia mancato giocare un match ufficiale. Tornerà a farlo prima nella ‘sua’ Laver Cup e poi nella ‘sua’ Basilea. Se sarà un rientro solo per salutare o se invece Federer alimenterà ancora una volta le speranze di chiunque ami l’eleganza declinata nello sport (o l’eleganza e basta), sarà in ogni caso una festa. Tra nostalgia e gioia, tra sogni realizzati e desideri ingenui e apparentemente irrealizzabili. Proprio come in ogni compleanno.

Auguri Roger!!

Ubitennis ha fatto gli auguri a Federer nel…

2012Federer, un destino nel nome (Mastroluca)

2013Oggi non è solo il compleanno di Federer ma… (Scanagatta)

2014Roger Federer: When I was young… (De Gasperi)

2015Roger Federer, 34 anni e numeri senza fine (Guidobaldi)

2016 Nato l’8 agosto. Tu chiedi chi era Roger Federer (Salerno)

2017Roger Federer compie 36 anni, ma adesso viene il bello (Serrapede)

2018Roger Federer segna 37 ma la febbre non vuole scendere (Guidobaldi)

2019Roger Federer compie 38 anni, ma non è ancora finita (Ortu)

2020 39 anni in cinque rovesci: buon compleanno, Roger Federer (Verda)

2021I 40 anni da paradosso di Roger Federer (Stella)

41 SOSTANTIVI PER FEDERER – Eleganza, vittoria, sportività, disinvoltura, serenità, spigliatezza, talento, regalità, stile, fluidità, varietà, raffinatezza, umanità, empatia, simpatia, umiltà, paternità, fraternità, fragilità, costanza, misura, agilità, originalità, freschezza, pacatezza, ambizione, naturalezza, correttezza, disponibilità, gentilezza, amore, emotività, sorpresa, carisma, entusiasmo, leggerezza, coerenza, molteplicità, visibilità, rapidità, esattezza.

Continua a leggere

ATP

ATP Los Cabos: Medvedev si ritrova sull’amato cemento d’oltreoceano, 14°titolo della carriera

Il n. 1 del mondo Daniil Medvedev centra il primo successo del 2022, ponendo fine ad una striscia di cinque finali perse. Cameron Norrie non riesce a difendere il titolo dello scorso anno, mancando il terzo sigillo stagionale

Pubblicato

il

Daniil Medvedev - Los Cabos 2022 (via Twitter @AbiertoLosCabos)

[1] D. Medvedev b. [3] C. Norrie 7-5 6-0

Daniil Medvedev nella notte italiana ha conquistato il primo titolo stagionale, sconfiggendo la tds n. 3 dell’Abierto de Tenis Mifel di Los Cabos e n. 12 ATP Cameron Norrie con lo score di 7-5 6-0 in 1h23. Il n. 1 del mondo, nonché principale favorito del torneo, completa così un rientro alle competizioni da favola mettendo in bacheca il quattordicesimo alloro, senza neanche smarrire un set lungo il percorso, e ritornando ad alzare un trofeo che mancava dallo scorso Us Open.

Dunque non poteva iniziare meglio la difesa della corona di re del circuito ATP, che sarà preservata almeno sino alla fine dell’ultimo Slam del 2022, da parte del russo; il quale è pronto a giocarsi le sue carte sul cemento nordamericano in un periodo che si prospetta il più emotivamente – e a livello di aspettative riposte in lui – pesante e arduo da quando compete ad alti livelli. Ma allo stesso tempo, si ha la certezza di fondo che il 26enne moscovita non sceglierebbe nessun altro momento della stagione per affrontare questa impresa titanica. Infatti lo swing estivo sul cemento outdoor nordamericano, risultati alla mano, è la fase dell’anno dove Daniil si esprime al meglio delle sue possibilità. Basti pensare che con l’aggiunta al proprio palmares dell’evento messicano, Medvedev può vantare la finale in tutti e sei gli appuntamenti sul cemento all’aperto d’oltreoceano ai quali ha preso parte in carriera: nel 2018 vinse a Winston Salem, ultimo torneo in preparazione a Flushing Meadows; poi ci fu quell’incredibile cavalcata del 2019 con tre finali consecutive, oltre alla vittoria di Cincinnati su Goffin – suo primo titolo ‘1000’ – raggiunse anche le finali a Washington e Montreal perdendo da Kyrgios e Nadal; infine il trionfo a Toronto lo scorso anno su Opelka.  

 

IL TABELLONE DELL’ATP 250 DI LOS CABOS

Quindi la maledizione del primo successo nel 2022 è finalmente spezzata, dato che la rimonta subita dal toro di Manacor all’Australian Open aveva inaugurato una tendenza piuttosto negativa con altri due ko, abbastanza netti, subiti negli atti conclusivi dei tornei, entrambi sui prati a ‘S-Hertogenbosh per mano di Van Rijthoeven e ad Halle sotto i colpi di Hurkacz. Una striscia contraria, che se allargata al rush finale della scorsa stagione vedeva l’orso del tennis moderno aver perso le ultime 5 finali disputate: Parigi Bercy e le Finals torinesi contro Djokovic e Zverev.

Il mancino di origini sudafricane non riesce invece ad ottenere il suo terzo titolo dell’anno, dopo quelli portati a casa a Delray Beach e Lione, alla sua quarta finale stagionale – la seconda in Messico dopo la sconfitta contro Nadal ad Acapulco – e conferma quindi la tradizione avversa a coloro che hanno iscritto il proprio nome nell’albo d’oro del torneo, visto che anche gli altri quattro campioni passati di Cabo San Lucas non sono riusciti a difendere con successo il trofeo conquistato la stagione precedente.  Un solo confronto diretto, vittoria del russo al secondo turno di Shanghai 2019 per 6-3 6-1.

Il momento cruciale della partita si è materializzato proprio sul finire del primo set, quando il n. 1 Medvedev pur portandosi sul 40-15 nel decimo gioco, non è riuscito a sfruttare i due set point consecutivi che si era costruito subendo così il ritorno di Norrie ed il contro-break. Ma Medvedev non si è scomposto, né si è innervosito mantenendo i nervi saldi anche quando nel primo punto della secondo set ha raschiato la mano a terra provocandosi una ferita che ha richiesto l’intervento del fisioterapista per tamponare il sanguinamento, e mostrando uno straordinario cinismo (a fine match saranno 6 palle break concretizzate sulle 9 avute a disposizione) ha allungato nuovamente per poi mettere in ghiaccio il set, ma di fatto anche il match vincendo gli ultimi 8 game della partita.

LE DICHIARAZIONI A CALDO DEI DUE PROTAGONISTI DURANTE LA CERIMONIA DI PREMIAZIONE:

Medvedev: “Ogni partita della settimana è stata molto buona, ma la finale è sempre speciale. In finale si gioca contro il miglior giocatore della settimana in questione, quindi è sempre una partita di alto livello e sono davvero felice di essere riuscito a mostrare un buon livello di gioco, e alcune buone soluzioni in un match così importante. Nel primo set ci siamo strappati il servizio l’un l’altro per essere poi sul 5-5, quando lui è ritornato dal 40-15 ma io ho giocato male quel decimo game. Quindi sapevo che dovevo solo rimanere lì, e in questo senso la ferita alla mano mi ha aiutato a pensare un pò di più a come avrei dovuto tenere meglio i miei nervi. Da allora sono riuscito a giocare bene ed oggi è bastato“.

Norrie: “Ho combattuto il più duramente possibile, ma Daniil è stato troppo bravo. Complimenti a lui e alla sua squadra, sicuramente si sono meritati il trofeo in questa settimana”.

IN CONFERENZA STAMPA Medvedev: “L’aspetto positivo del tennis è in che in una settimana puoi dare una svolta alla tua stagione. Venendo qui avevo perso cinque finali di fila. Non è bello, avevo e ho voglia di fare meglio. Non si sa mai se succederà o no, e di sicuro prima di questa finale ero un po’ nervoso, un po’ più del solito. Ma ora sono davvero felice di essere ritornato a vincere. Non è stato facile, Cam [Norrie, ndr] è un giocatore straordinario, quindi è stato davvero un match molto intenso. Quando giochi contro di lui, sai che devi lottare su ogni punto“.

IL TABELLONE DELL’ATP 250 DI LOS CABOS

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement