WTA Toronto, Haddad Maia orgoglio brasiliano: “Ma non mi paragono a Bueno o Kuerten”

Flash

WTA Toronto, Haddad Maia orgoglio brasiliano: “Ma non mi paragono a Bueno o Kuerten”

La brasiliana è una delle migliori tenniste del momento. “L’esultanza con la lingua di fuori? Non me l’ero preparata…”

Pubblicato

il

Beatriz Haddad Maia - Toronto 2022 (foto Twitter @wta)
Beatriz Haddad Maia - Toronto 2022 (foto Twitter @wta)

La brasiliana Beatriz Haddad Maia si conferma una delle giocatrici più in crescita del circuito WTA nel 2022. Si è dimostrata una grande giocatrice soprattutto sulle superfici veloci quest’estate: prima due titoli sull’erba a Nottingham e Birmingham, ora la prima finale Masters 1000 in carriera in quel di Toronto. Beatriz sta vivendo senza dubbio la miglior stagione in carriera e lo dimostra anche la sfilza di avversarie battute in Canada: Leylah Fernandez, la numero uno del mondo Iga Swiatek, Belinda Bencic e in semifinale Karolina Pliskova. E’ virtualmente al numero 16 del mondo, ma in caso di vittoria in finale contro Simona Halep salirebbe al 14. Così Haddad Maia ha descritto il momento che sta vivendo in conferenza stampa.  

D: Congratulazioni per la vittoria più bella della tua carriera. Puoi parlarcene?

Haddad Maia: “Beh, mi sento felice. Momento speciale. Penso che ho avuto un tabellone molto complicato. Ho dovuto spingermi oltre i miei limiti. Ci sono stati tanti momenti difficili. Penso di aver superato anche momenti in cui non giocavo bene, perché sono stata forte mentalmente. Questo è il motivo per cui giocherò contro Halep in finale”.

D: Sei la prima brasiliana a raggiungere una finale in Canada da 25 anni, prima di te ci riuscì Kuerten nel 1997. Cosa significa per te fare la storia del tennis del tuo paese?

Haddad Maia: “Una cosa speciale. Abbiamo avuto Maria Esther Bueno e Guga. Non mi paragono a loro. Per me sono dei fenomeni. Ma è importante e un vero piacere essere qui non solo in quanto brasiliana ma anche in quanto sudamericana. Abbiamo tanti uomini forti, tra argentini e brasiliani, ma è speciale rappresentare qui il tennis femminile del Sudamerica a questo livello. Sono orgogliosa di me e del mio team”.

D: Hai fatto un gran lavoro nel mixare velocità e rotazioni nei tuoi giochi di servizio. Sicuramente non puoi dirci molto della tattica verso la finale, ma mi chiedo se considererai queste variazioni anche contro Simona.

Haddad Maia: “Lei è una giocatrice molto competitiva. Per me, una delle più competitive sul circuito. Abbiamo giocato l’una contro l’altra a Birmingham e ho vinto, ma ci ho perso all’Australian Open. Lei è una campionessa e una grande lavoratrice. Sarà una battaglia durissima. Ma cercherò di godermi il momento. Di sicuro lascerò tutta me stessa in campo. Cercherò di essere aggressiva, ho capito che devo farlo”.

D: Arrivavi da due titoli sull’erba in tornei di un livello più basso. Quali erano le tue aspettative quando sei giunta qui a Toronto, specialmente quando hai visto che avresti giocato contro Swiatek?

Haddad Maia: “Le mie aspettative erano le stesse di quei tornei sull’erba. Penso che riesco sempre a giocare il mio miglior tennis quando non ho aspettative. Spesso quando pensiamo troppo creiamo cose che non esistono. Quindi ho solo pensato a venire qui e lavorare duramente, perché la scorsa settimana non avevo giocato bene. Sono riuscita a migliorare il mio gioco, pensando a lottare punto dopo punto. Penso che il momento più duro sia stato il terzo set del primo turno. Nessuno vuole uscire al primo turno e c’è stato da lottare. Poi partita dopo partita mi sono sentita sempre più in fiducia. E questo mi ha permesso di arrivare in finale”.

D: Hai detto di essere una giocatrice emotiva. Come gestisci le tue emozioni nel corso del match e come cerchi di trasformarle a tuo vantaggio?

Haddad Maia: “In certi momenti mi impongo di respirare più profondamente e di calmarmi, pensando a quello che ho bisogno di fare, non a quello che sto vivendo. Penso solo a un punto dopo l’altro e al prossimo colpo che devo fare. Non bisogna pensare al contesto, sennò è finita. Fuori dal campo invece mi piace fare altre cose, come suonare la chitarra, leggere, ascoltare musica, e riflettere, perché dalla riflessione cerco di trarre spunti per migliorare”.

D: La tua esultanza con la lingua di fuori al momento di vincere… La farai ancora?

Haddad Maia: “E’ stato un momento emozionante A volte reagiamo spontaneamente a quello che succede senza prepararsi le cose. E’ stata una celebrazione del momento, sicuramente non ci avevo pensato prima. Ho riguardato il video per vedere cosa ho fatto. Mi dite che è un’esultanza che ricorda Micheal Jordan? Wow, grazie”.

QUI IL TABELLONE COMPLETO DEL WTA 1000 DI TORONTO

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
Ubaldo Scanagatta
evidenza1 settimana fa

Roland Garros, Scanagatta: “Nadal subito Zverev. Se fosse meglio così? Il teorico cammino di Sinner” [VIDEO]

Jannik Sinner - Madrid 2024 (foto Florin Baltatoiu)
Flash1 settimana fa

Roland Garros, Scanagatta: “Sinner gioca e punta al n. 1 del mondo. E magari pure al Grande Slam. Si deve sognare in grande. Dove capiterà Nadal? Il campione di 14 Roland Garros é’ una mina vagante o no? Riparte l’UbiContest” [VIDEO]

Senza categoria1 settimana fa

Scanagatta a Radio Sportiva: “La bravura di Sara Errani e le prospettive di Zverev per Parigi”[AUDIO]

Alexander Zverev - Roma 2024 (X @inteBNLditalia)
evidenza2 settimane fa

Roma, Scanagatta: “Zverev può aver salvato il torneo” [VIDEO]

Flash2 settimane fa

Roma, Scanagatta: “Meglio le donne che gli uomini. In gara tre delle prime quattro del ranking, fra gli uomini solo due dei primi otto”

Flash3 settimane fa

Roma, Scanagatta: “Con Paolini bye bye Roma per le italiane. 5 azzurri superstiti. Tre giocano oggi ma il clou è Nadal-Hurkacz. Per lo spagnolo addio Roma più che arrivederci?” [VIDEO]

Matteo Berrettini - Roma 2024 (foto Francesca Micheli Ubitennis)
Flash3 settimane fa

ATP Roma, Scanagatta: “Piove sul bagnato. Dopo il KO di Sinner quello di Berrettini, e sul torneo diluvia. Menomale vincono Darderi e Cobolli” [VIDEO]

ATP2 mesi fa

ATP Montecarlo, Massey: “Il tetto è in programma e dal prossimo anno le chiamate elettroniche” [VIDEO]

evidenza2 mesi fa

Scanagatta: “Un errore arbitrale clamoroso fa perdere a Sinner con Tsitsipas un match quasi vinto” [VIDEO]

ATP2 mesi fa

ATP Montecarlo, Scanagatta: “Jannik Sinner batte l’avversario più duro di sempre sul rosso e conserva il secondo posto mondiale” [VIDEO]

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement