WTA Parma: a vincere è l'esperienza di Begu, il gioiello di Paoletti però brilla sempre di più

Flash

WTA Parma: a vincere è l’esperienza di Begu, il gioiello di Paoletti però brilla sempre di più

La 19enne perugina fa intravedere spunti da futuro roseo, ma il dritto e il servizio della rumena delineano la differenza nei momenti concitati. 12° successo in fila sul rosso per la n. 33 WTA

Pubblicato

il

Matilde Paoletti - Palermo 2022 (foto Palermo Ladies Open)
 

[3] I. C. Begu b. [WC] M. Paoletti 6-4 6-4

L’Italia del tennis femminile ha avuto in questa fredda serata emiliana, la conferma di avere tra le mani un gioiello dal potenziale ancora indecifrabile nella sua totalità – se sarà un diamante, solo il tempo ce lo dirà -, e che potrebbe essere in grado di rinverdire i fasti gloriosi della racchetta delle Ladies italiche. Lungi da noi mettere eccessiva pressione sulle spalle di una giovane 19enne perugina o paragonarla alle dive del passato, ma quello che ha mostrato Matilde Paoletti nel match contro Irina Camelia Begu va ben oltre il – seppur assolutamente significativo – “giocar bene” e fornire una performance importante alle prime esperienze di alto livello nel tennis professionistico. Perché la classe 2003, che si allena presso il Centro Federale di Formia, ha dimostrato di possedere uno stile decisamente completo per quelli che sono i canoni del tennis moderno e soprattutto di poter rappresentare un progetto tecnico diametralmente opposto a quello a cui ci hanno abituato le nostre Girls nel post: Pennetta, Vinci, Errani e Schiavone.

Non sulla stregua delle “trottoline” – l’unica eccezione è Camila Giorgi -, sì forti di gambe che però comunque devono necessariamente impregnare il loro gioco di un’accentuata fase difensiva per essere competitive; ma una giocatrice che fa del servizio e del dritto le sue armi principali ed imprescindibili. A ciò abbina anche un signor rovescio, ed in particolar modo una tenuta mentale da fare invidia per la sua età. La capacità di coprire il campo poi, per una delle sue leve, è più che ottima. Chiaramente bisogna lavorare sulla consistenza da fondo, ma l’istinto alla propensione offensiva, alla spinta e al dominio del punto, con un focus tattico che non si fa distogliere dalla prima tramontana che passa; è una bella base di partenza. Che migliori, il futuro è suo. Nel frattempo ha tenuto testa ad una, esperta come la 32enne di Bucarest che con il successo odierno, conseguenza di un dritto e di una battuta implacabili quando più contava, è arrivata a quota 12 vittorie consecutive su terra – prima di questo torneo, ha trionfato all’ITF 125 di Budapest senza perdere set – e che vuole ripercorrere le orme palermitane. Dal canto suo Matilde fa fruttare ancora una volta la wc concessale dalla Federazione: dopo le prime prime vittorie a Palermo nelle quali, a Parma si è spinta anche oltre e questo è certamente solo l’inizio. Al prossimo turno, il primo quarto di finale della parte bassa, sarà stracittadina rumena per Begu: ad attenderla, infatti, ci sarà la tds n. 6 Ana Bogdan.

 

IL MATCH – Nell’ultimo incontro di giornata al Parma Ladies Open, in una cornice di pubblico non di quelle che si vedono nelle grandi occasioni – tutt’altro, pochissimi i seggiolini occupati, forse anche a causa della temperatura rigida, scesa di colpo nella serata emiliana – si affrontano la nostra Matilde Paoletti opposta alla tds n. 3 del torneo emiliano: la rumena Irina Camelia Begu. La classe 2003 perugina è forse tra le tenniste, su cui è riversato il maggior interesse nazionale tra le giovani ragazze italiche che si stanno affacciando al Tour professionistico. Infatti, grazie al suo metro e 80, si distingue e distacca pienamente dal prototipo italiano, ora in voga nel tennis femminile: grande efficacia in battuta, sfruttando a dovere le sue lunghe leve, accompagnata da un’ottima propensione alla solidità e allo stesso tempo alla spinta con i suoi fondamentali di rimbalzo. Curiosamente la sua avversaria odierna, è una giocatrice che per caratteristiche ricorda molto la 19enne azzurra. La 32enne di Bucarest, chiaramente però può contare su un’esperienza ai massimi livelli del circuito, anche per una questione puramente anagrafica, assolutamente non paragonabile con quella agli albori della propria carriera della giovane nativa del capoluogo umbro.

La prima parte del match è difatti, condizionata e determinata, proprio dal fattore abitudinale a calcare certi palcoscenici: il primo momento di rottura arriva nel terzo gioco, dove sul 30-30 due doppi falli consecutivi dell’italiana spianano la strada al primo break dell’incontro. Sempre un doppio errore al servizio, tuttavia, dà il là al contro-break immediato con la rumena che si fa male un po’ da sola anche a causa di alcuni errori banali in lunghezza uscendo dal servizio. Ciò nonostante, meriti a Matilde per essersi fatta trovare pronta quando serviva, questa sua puntualità è dimostrata perfettamente da una risposta profonda e solida. Ma Irina Camelia, come detto, non è una alle prime armi – anzi – e senza scomporsi minimamente si va a riprendere subito il vantaggio nel quinto game, breakkando addirittura a 0 (3-2). Bisogna comunque sottolineare, come non ci siano state per nulla gravi disattenzioni della “nostra” nel concedere il break, ma che il nuovo strappo sia dipeso esclusivamente dall’eccezionale consistenza della n. 33 WTA, che ha costretto Paoletti a doversi disimpegnare sempre con un ulteriore colpo per vincere un quindici.

Ebbene questo è sostanzialmente il leitmotiv di tutto il parziale, con la n. 366 del mondo a fare la partita in continua spinta da fondo, comandando le operazioni di ogni scambio, e dall’altro lato a contro bilanciare l’estrema solidità difensiva di Begu. La 19enne italiana tiene benissimo il campo, ma come è facilmente intuibile, non è pensabile che in questa fase della sua carriera forzi a tutto gas attraverso le accelerazioni, senza incorrere in qualche gratuito. Tra settimo e ottavo game, altre tre palle break si materializzano: una a favore dell’ex n. 22 del ranking mondiale per il doppio break, annullata meravigliosamente dalla wc di casa che è bravissima nel tirare su dalle sabbie mobili un game quasi perso dimostrando tutta la sua tempra e il proprio attaccamento alla partita, e due per riequilibrare la contesa cancellate dalla prima di servizio da Bucarest. Matilde non molla neanche un punto, e come Paolini nel match precedente, prima mette in mostra tutta la sua forza di volontà frantumando un set point, per poi accorciare sul 4-5. La terza forza del torneo riesce comunque a mettere fine al parziale senza dover affrontare ulteriori insidie facendo affidamento al suo “essere veterana”: a 30 il suo ultimo turno di servizio, per il 6-4 in 51 minuti.

Nonostante il set perso, ripetiamo, prova assolutamente di livello e degna di un appuntamento WTA per la giovanissima azzurra: ha fatto vedere il suo tennis in toto, il dritto – sua arma principale – in tutte le sfaccettature possibili ed immaginabili, dagli strettini alle debordanti fiondate a sventaglio. Anche il rovescio è un ottimo colpo, non solo in tenuta, ma pure in spinta, ed infine ha fatto perfino vedere di possedere buona manualità negli approcci in slice. Nel frattempo una nervosa Begu, o comunque non soddisfatta appieno della propria performance odierna, prima si copre il volto tra un set e l’altro con il suo berretto – non Matteo nazionale, ma un semplice cappellino – giallo e poi dopo aver rotto le corde della racchetta, scaraventa il suo attrezzo rabbiosamente verso il campo. Questo nervosismo è per certi versi propedeutico per la rumena, che rinsavisce dal piattume passivo nel quale era entrato il suo gioco innalzando i giri del motore in termini di velocità delle sbracciate da fondo. Specialmente di dritto, con questo fondamentale tira fuori tre vincenti lungolinea che gli regalano il 3-0 “pesante”. Irina Camelia dà però seguito a qualche sensazione negativa percepita sul suo stato, confermando che non tutto è al proprio posto, rimettendo in partita la padrona di casa con un gentile cadeaux.

A questo punto, sulle ali dell’entusiasmo per il break omaggiato dall’avversaria, l’ex n. 17 junior prova il forcing finale per rientrare completamente nel match: è autrice dell’incredibile e spettacolare punto partita, con un’eccezionale arpionata di rovescio sullo smash al volo rumeno. Ma ancora una volta, la prima della 33 del mondo toglie quest’ultima d’impiccio. (4-2 Begu). La ragazza italica che è seguita dal Centro Federale di Formia, dà riprova del suo invidiabile atteggiamento, che le permette di rimanere sempre “connessa” dentro la partita e di navigare nel fluttuante mare che è un incontro di tennis, senza essere travolta dalle intemperie del momento ed essendo in grado di tener fede al proprio piano tattico qualunque cosa accada. Annulla anche due match point Paoletti ma al terzo deve cedere, per il 6-4 finale a favore di Begu – la quale negli ultimi scampoli del match ha sostituito, come luogo metaforico di rifugio dalla realtà circostante affinché potesse mantenere intatta la propria concentrazione, il cappellino con il classico asciugamano – dopo 1h42’ di una prova alquanto positiva della nostra giovane promessa.

IL TABELLONE DEL WTA 250 DI PARMA

Continua a leggere
Commenti

Coppa Davis

Coppa Davis, Italia-Canada 1-1: Auger-Aliassime non concede nulla a Musetti [AUDIO DEL DIRETTORE]

MALAGA – Il canadese serve benissimo e conferma la sua statura di numero uno al mondo. Il doppio deciderà la seconda finalista

Pubblicato

il

Felix Auger-Aliassime e Lorenzo Musetti - Coppa Davis 2022 (foto Roberto dell'Olivo)
Felix Auger-Aliassime e Lorenzo Musetti - Coppa Davis 2022 (foto Roberto dell'Olivo)

dal nostro inviato a Malaga

Nulla da fare per Lorenzo Musetti, sovrastato da un Auger-Aliassime che non lo ha mai fatto arrivare ai vantaggi quando è stato al servizio: il toscano è stato capace di racimolare appena tredici punti nei turni di risposta dell’intero match. Il canadese si dimostra al momento superiore rispetto al toscano, che pure ha poco da rimproverarsi di fronte a un avversario che ha ottenuto tantissimo dal suo servizio. Nel corso del secondo singolare della semifinale tra Italia e Canada Felix Auger-Aliassime ha fatto valere la migliore classifica confermando come non sia in alcun modo un caso che in condizioni similari a quelle andaluse abbia battuto negli ultimi due mesi per due volte il numero 1 ATP Alcaraz e portato positivamente a casa diciannove delle ultime ventidue partite giocate. Auger-Aliassime risponde a Sonego, Italia e Canada sono sull’1-1. Si va dunque al doppio decisivo, che deciderà chi raggiungerà l’Australia in finale della Coppa Davis 2022 a Malaga.

IL MATCH – Il primo set è caratterizzato da una lenta partenza di Musetti e dal netto predominio di Auger-Aliassime, ingiocabile quando mette la prima (6 ace e 81 % di punti vinti) e bravo ad attendere il momento giusto per effettuare l’allungo nel punteggio. Lorenzo inizialmente è un pò contratto, ha difficoltà a trovare il corretto timing del suo tennis elegante ma con ampie aperture contro un avversario che accorcia gli scambi e capace di essere molto potente coi fondamentali. L’azzurro sbaglia anche molto (8 errori gratuiti e un solo vincente secondo le statistiche fornite dal sito della Davis) e così, dopo 20 minuti di studio in cui entrambi i tennisti tengono facilmente i loro turni di servizio, perde la battuta nel corso del sesto gioco. Sul 2-3, infatti, il tennista toscano fa fatica a uscire dal servizio a seguito delle risposte centrali e al corpo che gli rimanda indietro Auger-Aliassime: sulla palla break, si ripete questo copione già vericatosi nel corso del game e il canadese allunga sul 4-2.  Il numero 6 del mondo non ha problemi a mantenere i successivi due turni di servizio: dopo 37 minuti, al secondo set point (il primo era sfumato con un dritto inside-out finito in corridoio) con un ace si assicura il primo set. Non può molto in tale frangente nemmeno il tifo azzurro che pure fa la sua parte col rumoroso calore che lo ha reso – assieme alla tifoseria croata – il più caldo tra le nazioni ospitate a Malaga: è organizzato quasi come una curva di uno stadio di calcio, con i Capotifosi con le spalle al campo e i tamburi a dettare il ritmo dei cori di incitamento.


Nel secondo set le distanze nel rendimento tra i due si accorciano: solo nel primo game Lorenzo fa arrivare ai vantaggi il suo avversario, ma continuano le sue difficoltà nell’essere incisivo alla risposta: il 6 ATP che continua a tenere facilmente i propri turni di servizio. Nel corso del nono game un paio di gratuiti di Lorenzo lo vedono dover fronteggiare nuovamente delle palle break: sulla prima si salva con un servizio vincente, ma sulla seconda il passante lungolinea di rovescio di Alliassime termina dentro, mandando il canadese a servire per il match. Lorenzo si porta sullo 0-30 e risveglia il tifo azzurro ma è tutto inutile: con un servizio vincente dopo un’ora e venticinque minuti di gioco Aliassime porta il Canada sull’1 pari.

SPUNTI TECNICI: Il nostro coach analizza colpo per colpo, foto per foto, Lorenzo Musetti al microscopio

Continua a leggere

Coppa Davis

Coppa Davis, Sonego: “La convocazione? Ho salutato gli squali delle Maldive e sono partito”

Dagli squali balena alla pesca d’altura di top 20… Sonego dopo Tiafoe infilza anche Shapovalov e racconta le sue emozioni

Pubblicato

il

Lorenzo Sonego - Coppa Davis 2022 (foto Roberto dell'Olivo)
Lorenzo Sonego - Coppa Davis 2022 (foto Roberto dell'Olivo)

dal nostro inviato a Malaga

Dopo il grande match vinto contro Denis Shapovalov in semifinale di Coppa Davis, Lorenzo Sonego si è presentato in sala stampa, ovviamente molto contento. Ecco le sue parole.

D: Lorenzo, come sei riuscito a rimanere focalizzato, anche e soprattutto dopo che nel tie break del secondo set sei arrivato a due punti dalla vittoria?

 

Sonego: “Ho cercato di rimanere positivo e di continuare a pensare solo a giocare; il piano era quello di essere aggressivo per non dare a Shapovalov la possibilità di comandare; quando riesce a prendere in mano lo scambio è molto difficile da affrontare, ha una palla molto pesante ed è difficile tenere il suo ritmo. In un certo senso da un punto di vista tattico è stata un partita simile a quella di giovedì contro Tiafoe”.

D: Oggi è stata la tua vittoria più bella?

Sonego: “Non so cosa dirti, anche giovedì mi avete fatto la stessa domanda (sorridendo). Scherzi a parte sono felicissimo, è stata una grande partita, una delle mie migliori senz’altro e mi sono goduto ogni momento in campo”.

D: Cosa ti diceva Matteo oggi? E quanto è importante il fatto di essere parte di una squadra e di esserti allenato a Torino prima di venire qua?

Sonego: “Con Matteo abbiamo un grande rapporto; mi incitava continuamente e mi diceva di lottare, di essere un guerriero e di giocare col cuore. Ma in generale con tutta la squadra cercavo molto la connessione emotiva e di caricarmi andando a cercare i loro sguardi; è stato bello vedere le loro facce dopo un punto e l’emozione e la carica che trasmettevano. Per quanto riguarda il fatto di essermi potuto allenare a casa nell’ambiente delle Finals è stato molto importante, perchè mi ha consentito di prendere ritmo e giocare con grandi tennisti”.

D: Ci puoi riepilogare la cronistoria degli eventi della tua chiamata, visto che eri in vacanza alle Maldive?

Sonego: “Beh la chiamata è arrivata che stavo già in ferie da qualche giorno, ed è stato ottimo perchè così ho ricaricato le batterie…ho fatto anche qualche immersione con gli squali balena, mi sono divertito. Poi è arrivata la chiamata di Filippo e ho salutato gli squali. Ovviamente mi dispiace che Jannik non abbia potuto giocare però ho risposto subito a Volandri che sarei venuto e poi quando anche Matteo ha annunciato che il suo problema al piede non si risolveva è diventato chiaro che avrei giocato”.

Continua a leggere

Coppa Davis

Coppa Davis, Italia-Canada 1-0: un Sonego gladiatorio porta l’Italia a un passo dalla finale [AUDIO DEL DIRETTORE]

Match fantastico, nel quale Sonego ha la meglio salvando 12 palle break consecutive. Dal tiebreak del secondo set perso malamente al regalo finale di Shapo: Lorenzo ha saputo lottare come un leone

Pubblicato

il

Lorenzo Sonego - Coppa Davis 2022 (foto Roberto dell'Olivo)
Lorenzo Sonego - Coppa Davis 2022 (foto Roberto dell'Olivo)

dal nostro inviato a Malaga

L. Sonego b D. Shapovalov 7-6(4) 6-7(5) 6-4

Un grande Sonego porta a casa il primo punto del scontro fra Italia e Canada. Il ragazzo di Torino è bravissimo a rimanere sempre attaccato al match e fra indicibili sofferenze riesce ad avere la meglio del suo più quotato rivale, con un’altra prestazione sontuosa al servizio. Tra gli alti e bassi di Shapovalov la spunta Lorenzo, che salva 12 palle break su 13 e, nonostante un secondo set perso quando sembrava quasi vinto, ha saputo restare a galla nel terzo set fino ad incassare il break finale grazie a tre doppi falli dell’incostante canadese. Ora tocca a Lorenzo Musetti contro Felix Auger-Aliassime.

 

IL MATCH – Primo match del giorno nel quale scendono in campo Sonego e Shapovalov. Per un approfondimento sulle pre match analysis vi rimandiamo all’articolo pubblicato precedentemente. Unico H2H fra il nativo di Tel Aviv e quello di Torino quello di quest’anno a Roma; certo la superficie è differente, visto che era terra rossa all’aperto, però l’aspetto confortante è che fu comunque una partita lottata, con uno Shapovalov comunque sempre sul filo dell’attacco isterico. Questa dell’aspetto mentale sarà una chiave di lettura fondamentale. Una nota di colore, visto che dopo “il caso Tiafoe” si è parlato parecchio del tema della presenza agli inni; i canadesi, in virtù del bilinguismo riconosciuto (francese e inglese), hanno cantato l’inno ognuno nella lingua di preferenza; Auger Aliassime in francese, Shapovalov in inglese, mentre Pospisil non ha cantato.

Avvio da incubo con Sonego che vince il sorteggio e sceglie di servire. Il torinese però infila subito 4 errori gratuti mentre Shapovalov conferma il break a 0. Primo punto di Sonego che arriva soltanto al terzo game dopo una striscia di 9-0 per il canadese. Peggior avvio di match non ci poteva essere, speriamo che Lorenzo riesca a ritrovare l’assetto in fretta e a mettere pressione a Shapovalov, che vorremmo ardentemente rivedere in versione Sciupavolov. Il canadese sembra ascoltarci e comincia il quarto game con un doppio fallo, seguito da una bella difesa di Lorenzo. Un’ipotesi di opportunità, che si trasforma anche con un pizzico di fortuna. Sul break point la palla del canadese pizzica il nastro ed esce. Match che torna in equilibrio con Sonego bravo a confermare nel successivo game di servizio. Finalmente Sonny ritrova incisività al servizio e va a condurre per la prima volta nel set. La tensione iniziale sembra finalmente essersi sciolta. Adesso bisogna essere bravi a giocare sui turni di servizio del canadese, quando possibile. Il canadese in linea di principio appena può cerca di accorciare gli scambi e chiudere a rete, attaccando preferibilmente sul rovescio di Sonego. Nei suoi turni di servizio Sonego continua a fare un po’ fatica, e deve aggrapparsi nei momenti decisivi al colpo di inizio gioco. Settimo gioco con altri due break point salvati grazie alla battuta e anche nel nono game il torinese si salva ai vantaggi. Un altro aspetto che fa la differenza è la direzione della risposta di Shapo; quando riesce a far partire lo scambio sul rovescio di Sonego spesso e volentieri sono dolori, mentre quando Lorenzo riesce a far partire lo scambio è tutta un’altra musica. In generale vista la piega del set, firmeremo a occhi chiusi per un tie break, che fortunamente arriva. Il canadese avrebbe senz’altro vinto ai punti, con ben 7 punti vinti in più di Lorenzo, che in un set sono tanti. A livello ATP il record del canadese è sorprendentemente negativo, considerando che stiamo parlando di un top player (75W-79L) mentre il saldo è decisamente positivo per Lorenzo (57W-49L). Andando poi a considerare quelli più recenti ancora più emblematica la statistica dei dolori del giovane Shapo quando si arriva sul 6-6; negli ultimi 18 giocati, solo 5 quelli vinti.

Primo set quindi in cui Lorenzo ci ha messo grande cuore e che comincia dopo un’ora di gioco; si resetta tutto e Lorenzo parte benissimo: ace e risposta profonda che il canadese non riesce a gestire, per il primo minibreak Italia. Sonny sfiora l’avvio perfetto, ma l’attacco lungolinea di rovescio non riesce, e quindi 2-1 Italia. Servizio che gira bene anche sulla seconda: le palle lavorate e piene di kick danno fastidio al rovescio a una mano del canadese; Sonego adesso è carico come una molla e con una risposta bloccata di rovescio manda ancora in difficoltà Shapovalov per un sontuoso 5-1 Italia e doppio minibreak. Purtroppo però Denis ritrova le sensazioni tutte assieme e gioca due gran punti sul servizio di Sonego e riporta il Canada in scia per il 5-4. Qua però ancora una volta Sonego dimostra una solidità mentale da grande giocatore: in qualche modo riesce rispondere nei successivi turni di servizio del canadese che non regge la tensione e spara fuori due dritti sanguinosi. Primo set a favore dell’Italia con il pubblico e la panchina italiana che esplodono di gioia.

Neanche il tempo di assorbire la sbornia emotiva di un primo set conquistato con cuore infinito da Sonego e si parte subito per la seconda frazione, vietati cali di tensione adesso. Ma su questo non sembrano esserci problemi, Lorenzo è in trance agonistica: emblematica il punto con cui si avvia il terzo gioco; prima un miracolo in controbalzo sulla risposta profonda di Shapo e poi miracoloso lungolinea di dritto sparato dai teloni di fondo campo che va a pizzicare l’incrocio delle linee, per il primo game chiuso a zero da Sonego nel match. In questo secondo set le operazioni sembrano procedere in modo più ordinato, con entrambi i giocatori che adesso fanno valere il vantaggio del servizio; Sonego nei turni di Shapovalov continua a cercare di aggredire non appena ha una mezza palla utile sul dritto, con risultati alterni. L’idea è quella di sperare di mettere in fila qualche buon colpo per mettere pressione al canadese e comunque non farlo entrare in ritmo, anche a costo di regalare qualcosina. Il problema è che Lorenzo non riesce fino ad ora a far male a Shapo sulla seconda; nella prima parte del secondo set solo 55% di prime in campo per il canadese che però sulla seconda non ha problemi. In altre parole la dominanza del canadese negli scambi è netta. Ragionamento forse un po’ scaramantico, ma servirebbe tenere duro anche nel secondo set e giocarsela al tie break di nuovo.

Primo momento complicato del set per l’italiano che nell’ottavo gioco concede il 30-30, ma il servizio continua a girare su livelli isneriani: due ace a 215 e 209 Km/h e passa la paura. Nel secondo set continuità irreale al servizio, siamo oltre il 90% di prime in campo tirate a tutta. Ma la pressione continua e si va 0-40, con Shapovalov che gioca un gran punto anche soffrendo. Game con Lorenzo che non trova la prima e inevitabilmente arrivano i problemi. Sulla prima palla break Shapo sciupa malamente una seconda non irresistibile; sulla seconda occasione Lorenzo è bravissimo a giocare un diritto in contrabalzo in attacco che sarebbe piaciuto pure a Federer. E infine sulla terza altra bella prima e chiusura senza troppo rischiare col dritto. Si va così ai vantaggi con Shapovalov che si procura un altra palla break con una meravigliosa risposta bloccata di rovescio su un servizio a 213 Km/h. Ma anche questa annullata con una gran botta, sempre oltre i 200 Km/h. Alla fine il braccio di ferro lo vince Lorenzo, con Shapovalov che alterna magie a errori banali. Potrebbe essere il momento che decide il match, Lorenzo in questo game ha salvato ben 5 set point di cui una fondamentale sulla seconda, gentile omaggio del canadese che ha sbagliato una facile risposta. Superato il momento di difficoltà poi Sonego è bravo a portare il set al tie break.

Nel tie break il primo a scappare via è Shapovalov che approfitta di una seconda di Sonego per scambiare e dominare il punto. Ma dura poco, fortunatamente nei momenti di tensione talvolta torna a fare capolino il fratello scarso del canadese, che prima affossa una facile volee e poi sbaglia un approccio di rovescio non impossibile. Situazione ribaltata con Sonego che ringrazia e vola via impeccabilmente sul 5-2, che diventa 5-4, visto che Shapovalov tiene i suoi due turni di servizio. Momento decisivo del match, se Lorenzo tiene il servizio è fatta: tutto il team Italia pagherebbe due prime di Lorenzo a peso d’oro. Decimo punto che però si gioca sulla seconda: scambio durissimo in cui Lorenzo prima salva con un miracolo un rovescio stretto di Shapovalov e poi però spara via il diritto al volo di chiusura. Tutto da rifare e 5-5. Undicesmo punto nel quale Lorenzo mostra la prima crepa vera del match e con un doppio fallo regala il sesto set point al canadese che questa volta trasforma: il passante di dritto di Sonego termina appena fuori. Dopo 2:15 di gioco insomma tutto da rifare per Sonego, contro un Shapovalov che nel secondo set si è messo a macinare tennis di alta qualità; oggi per battere il canadese come minimo servirebbe un top ten, ma Sonego ha dimostrato di avere i numeri per starci a questi livelli.

Terzo set che purtroppo inizia con Sonego al servizio, che deve subito vincere a tutti i costi il game di apertura. Far scappare il canadese potrebbe essere letale. Ma le scorie del tie-break si fanno sentire e arriva subito una palla break per Shapo sulla seconda; lo scambio prende subito una brutta piega e quando Shapo trova il tempo di girarsi sul dritto per sparare lo sventaglio si ha la sensazione che possa essere una condanna a morte. Fortunatamente Denis è di buon cuore e grazia Lorenzo. Il canadese ha anche una seconda palla break ma la risposta si spegne sul nastro. Match che si conferma vietato ai deboli di cuore. Anche stavolta però Lorenzo riesce a trovare il modo di uscire dalla buca e con un rovescio incrociato di grande timing porta a casa il game.

Pressione che continua anche nel terzo game, con il canadese che continua ad incantare con il suo talento e si riporta 0-30, ma di nuovo il servizio paga la cauzione per Lorenzo. Certo che andare avanti così un set intero sarebbe un’impresa ai limiti della realtà. L’unica speranza è che possa esserci un calo fisico di Denis, che infatti a inizio terzo set chiede il medical timeout, per un’aggiustatina col fisioterapista, forse problemi alla schiena.

Sia quel che sia, problemi fisici o un semplice calo mentale, quello che conta è che Sonego nel sesto gioco finalmente riesce a tornare a palla break, grazie a due gratuiti di dritto di Shapo. Sono passate oltre due ore dall’ultima palla break avuta da Sonego. Ma stavolta il canadese non trema e cancella con un ace, chiudendo poi il game ai vantaggi.

Nuovo game al servizio per Sonego e nuova via crucis: altre 3 palle break per il canadese, ma Sonego annulla ancora, nonostante Shapo ormai riesca a rispondere quasi con regolarità servizi tirati sopra i 200 Km/h. Non si sa come, ma Lorenzo anche questa volta la sfanga. Sonego sta tenendo una striscia aperta sulle palle break salvate pazzesca, siamo a 10 consecutive a questo punto. Ma la cosa che impressiona parimenti è che Shapovalov oggi non ha nulla del ragazzo viziato e nervoso. In altre occasioni, dopo tutte queste palle break sprecate avrebbe già sfasciato un paio di racchette. Non oggi però: quello che vediamo sono davvero due giocatori in missione che stanno tirando fuori il meglio, nonostante la fatica di oltre 3 ore di gioco.

Si arriva così alla stretta finale con Sonego che sul 5-4 si issa 30-30 sul servizio del canadese, che con il sesto doppio fallo del set mando Sonego a match point. E qua è un po’ un anticlimax, perchè a questo punto Shapovalov si spegne e con il settimo doppio fallo della terza frazione regala il match all’Italia dopo 3:15 di pura lotta, in quello che potrebbe diventare il match icona della nuova coppa Davis.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement