Federer al NYT: "Mi sento completo, non avevo più nulla da dimostrare"

Flash

Federer al NYT: “Mi sento completo, non avevo più nulla da dimostrare”

In una lunga intervista rilasciata al quotidiano americano, Federer fa un viaggio nel suo mondo e dice di Nadal: “Non dimenticherò mai quello che ha fatto per essere a Londra con me”

Pubblicato

il

Roger Federer - Laver Cup 2022, Londra (twitter @LaverCup)
 

La misurazione del tempo che passa è una delle poche oggettività democratiche su cui non si possono avere dubbi. Non possono esistere complottismi o associazionismi di più o meno identificata natura e ragione, che possano mettere in dubbio il passare del tempo. Quello che fa la differenza, che può in un certo qual modo, influenzare tutti i nostri ragionamenti è la sensazione del tempo che passa. È già infatti passata quasi una settimana da quell’ultimo dolce e romantico passaggio tra i campi da tennis di Roger Federer che in una sorta di messa laica ha salutato, onorandosi e sedendosi al banchetto dei più grandi di sempre dello sport mondiale. Una settimana che è sembrata un’eternità, come se la percezione del suo ritiro fosse traslata in un tempo infinito o in un tempo sospeso da quel 40-15 e due championship point a Wimbledon.

Nel corso di questa settimana molte sono state le pagine scritte su Federer, ma di interviste vere, poche, pochissime. Una su tutte quella concessa al New York Times e nello specifico a Christopher Clarey in cui Roger prova a ripercorrere il filo rosso che unisce momenti così intensi da essere ancora vivi, in lui, in tutti noi. E per farlo si comincia dalla fine, come spesso accade in questi casi: come si sente adesso, che è tutto finito? “Penso di sentirmi completo. Ho perso il mio ultimo match di singolare. Ho perso la mia ultima partita di doppio. Ho perso la voce urlando e sostenendo la squadra. Ho perso l’ultima volta in un contesto di squadra. Ho perso il mio lavoro, ma sono molto felice. Sto bene. Questa è la parte davvero ironica della faccenda, tutti pensano a dei finali fiabeschi felici. E alla fine per me, in realtà, è finita per essere proprio così, con questo tipo di finale: in un modo che mai avrei pensato sarebbe potuto accadere”.

Ma questa storia, che in realtà come dice Federer, può non avere il finale fiabesco che tutti sognano ha quel pizzico di romanticismo sportivo che consegna quel match e quell’evento, all’elenco delle cose da vedere almeno una volta nella vita. L’apoteosi della rivalità sportiva che si discosta da tutto per diventare qualcosa di più, da traslare oltre il campo da tennis, nella vita. Il rapporto con Rafa Nadal è tutto questo: “L’ho chiamato dopo lo US Open, non mi sembrava opportuno disturbarlo durante lo svolgimento del torneo, solo per fargli sapere del mio ritiro. E volevo unicamente informarlo di questa mia decisione, prima che iniziasse ad organizzare la propria programmazione, non includendo la Laver Cup. Gli ho detto al telefono che probabilmente avevo una percentuale di 50 e 50, o al massimo di 60 e 40 a livello di condizione generale per poter prendere parte ad un match di doppio. Infine ho aggiunto: “Guarda, ti terrò aggiornato. Fammi sapere come stanno le cose a casa, e poi ci risentiamo”. Ma invece, rapidamente, è diventato tutto molto chiaro: “Proverò a fare tutto il possibile per essere lì con te”. E questo sua risposta mi è sembrata ovviamente incredibile, perché mi aveva dimostrato ancora una volta quanto siamo importanti l’uno per l’altro e quanto rispetto reciproco c’è tra di noi. E ho solo pensato che sarebbe stata solo una storia bellissima e incredibile per noi, per lo sport, per il tennis, e forse anche oltre, dimostrando che si può coesistere in una dura rivalità sportiva arrivare a lottare per la conquista più grande e poi dire, “hey, è solo tennis”, per poi venirne fuori alla fine, consapevoli di questa grande rivalità amichevole; ho pensato che fosse finita anche meglio di quanto avessi mai immaginato. Rafa ha fatto uno sforzo incredibile per essere a Londra, e ovviamente non lo dimenticherò mai”.

Come probabilmente quello che nessuno dimenticherà mai è ciò che è avvenuto, in particolar modo tra Roger e Rafa, dopo l’ultimo punto del match (di chi fosse è ininfluente ai fini del racconto). “Penso di aver sempre avuto difficoltà a tenere sotto controllo le mie emozioni, quando vincevo e quando perdevo. All’inizio, si trattava più di essere arrabbiati, tristi e piangere; poi, piangevo di gioia per le mie vittorie. Penso che venerdì sia stato un qualcosa di diverso dal solito, ad essere onesti, perché penso che tutti i ragazzi – Andy, Novak e anche Rafa – abbiano visto la loro carriera scorrere via davanti ai loro occhi, sapendo che tutti in un certo senso abbiamo giocato e alcuni di loro giocheranno di più rispetto a quanto immaginassimo. Invecchiando, raggiungi i 30 anni, inizi a sapere cosa apprezzi davvero nella vita ma anche nello sport”. Come l’amicizia, quella vera. Avere a fianco persone che ti hanno accompagnato per tutta la vita, mano nella mano, come la foto simbolo di quella serata e forse di tante altre a venire: “È stato un attimo, un momento breve: stavo singhiozzando così tanto, tutto mi stava passando per la mente e pensavo a quanto fossi felice di vivere questo momento proprio lì con tutti al mio fianco. Credo che fosse così bello stare lì seduto con l’attenzione per un momento rivolta verso Ellie Goulding (la cantante che si è esibita in quei momenti, ndr), da dimenticare che qualcuno potesse scattare una foto. Credo che ad un certo punto non potendo parlargli perché la musica copriva tutto, l’ho toccato con la mano come a dirgli grazie.

Non era solo Roger; lo ha detto chiaramente durante l’intervista non volendo solo far riferimento ai suoi colleghi/amici, ma rivolgendosi soprattutto alla sua famiglia; a Mirka, ai suoi figli a cui ha detto: “non piango perché sono triste, piango perché sono felice”. Difficile da comprendere, difficile non trattenere le lacrime: “Era difficile ad un certo punto non piangere, per me, per loro, per tutti”. In pratica ha contribuito alla disidratazione del mondo.

Ma cosa e quando hanno fatto capire a Federer che sarebbe stato il momento di dire basta? “Si basa principalmente sulle sensazioni di non riuscire ad esprimermi ai livelli che vorrei, muovermi come vorrei. E l’età fa parte di tutto ciò. Arrivi ad un punto in cui ti rendi conto che dopo un’operazione come quella che ho fatto lo scorso anno, per tornare in campo avrei dovuto percorrere una strada, probabilmente lunga un anno. Nei miei sogni, mi sarei visto ancora in campo a giocare ma poi mi sono scontrato con la realtà dei fatti. L’ho fatto (dire basta n.d.c.) in primis per la mia vita personale. Ho lottato per rientrare perché mi sono detto, se ragiono da giocatore professionista farò una riabilitazione post intervento al 100%, al contrario dovessi ritirarmi non l’avrei fatta come si deve. Quindi ho voluto mettere a posto la gamba con una riabilitazione corretta sperando di poter tornare in campo per un 250, per un 500 o un 1000….magari uno Slam, se la magia accade. Ma non è stato così: col passare del tempo, sentivo sempre meno questa possibilità poiché il ginocchio mi creava problemi mentre lottavo per guarire. Ed è allora che alla fine ho detto, guarda, va bene, lo accetto. Non ho più nulla da dimostrare.

Ma la gente del tennis ha ancora bisogno di Federer, questa sua ultima partita ha mostrato a tutti che lo svizzero ha ancora le capacità per continuare a giocare e divertirsi, anche in semplici esibizioni: “Devo capire cosa fare adesso. Penso che sarebbe bello organizzare una esibizione d’addio che vada oltre la Laver Cup. Molta altra gente avrebbe voluto vedermi giocare e vorrebbe tutt’ora continuare a vedermi giocare, ecco perché mi piacerebbe portare il tennis in posti nuovi o in posti dove mi sono divertito”.

Ma esiste all’orizzonte un nuovo Federer o perlomeno qualcuno che giochi come lui? L’ex numero uno al mondo è piuttosto netto sul tema: “Non in questo momento. Ovviamente, dovrebbe essere un ragazzo con un rovescio a una mano. Nessuno ha bisogno di giocare come me, tra l’altro. La gente pensava anche che avrei giocato come Pete Sampras, una volta battuto, e non l’ho fatto. Penso che ognuno debba essere la propria versione di se stesso. E non una copia, anche se copiare è il più grande segno di adulazione. Ma auguro a tutti loro di trovare sè stessi, e il tennis sarà fantastico. Lo continuerò a seguire, a volte sugli spalti, a volte in TV, e spero che ci siano sempre più giocatori con il rovescio ad una mano e che giocano un tennis d’attacco. Adesso mi siederò e mi rilasserò, guardando le partite da una prospettiva diversa”.

È il primo dei fab four a ritirarsi, il più anziano del gruppo, giusto che sia così anche se ha avuto paura che a farlo fossero i suoi principali avversari, prima di lui, come Rafa con il problema al piede che non lo molla: “Mi ha anche fatto preoccupare Andy. Ricordo quando lo vidi nel 2019 in Australia dopo il match con Bautista. Mi ha guardato dicendomi: “Penso sia finita”. Ci chiesero di fare un video di saluto, ma andai da lui e gli chiesi: “vuoi davvero lasciare?”. Mi rispose: “con quest’anca non posso continuare”. Quindi sapeva che era ad un bivio della sua vita. Alla fine sono felice di aver smesso per primo perché era giusto che a finire per prima fossi io. Ecco perché mi sento bene e spero che tutti possano giocare il più a lungo possibile, a tutti loro auguro davvero il meglio”. E l’augurio sarà sicuramente senz’altro ricambiato, noblesse oblige.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Emma Raducanu nominata Cavaliere dell’Ordine dell’Impero britannico

Nella giornata odierna, Emma Raducanu ha ricevuto la nomina a Member of the British Empire da re Carlo III

Pubblicato

il

La star del tennis britannico Emma Raducanu è stata insignita del titolo di Cavaliere dell’Ordine dell’Impero britannico (MBE, Member of the British empire) da re Carlo III in persona, in una cerimonia tenutasi al castello di Windsor, per i grandi traguardi raggiunti nel tennis.

La 20enne, in un comunicato ha detto “È fantastico ricevere questo onore oggi da sua Maestà il Re – ne sono estremamente grata”. Raducanu ha vinto gli US Open nel settembre 2021 a soli 18 anni; è stata la prima britannica a vincere una prova del Grande Slam dopo il successo di Virginia Wade nel 1977 e la prima giocatrice in assoluto a farlo partendo dalle qualificazioni.

Un altro riconoscimento per la stellina del tennis britannico. Sono numerosi i contratti di sponsorizzazione ottenuti durante questo 2022 e l’attenzione mediatica che continua a ricevere non accenna a fermarmi. Sul fronte sportivo invece quest’anno è stato avaro in termini di risultati sul campo e i continui cambi coach sono sintomatici di una lucidità che continua a mancare dopo il grande exploit americano.

 

Continua a leggere

ATP

Holger Rune sogna in grande per il 2023: “Penso sia arrivato il momento di vincere un Grande Slam”

La svolta per il danese è arrivata cambiando piano nutrizionale: “Non assumevo nemmeno la metà del sale e dello zucchero di cui avevo bisogno”

Pubblicato

il

Holger Rune - ATP Parigi-Bercy 2022 (foto: twitter @atptour)

Holger Rune è senza dubbio uno dei nomi nuovi del 2022, anno in cui ha centrato il primo titolo 1000 (Parigi-Bercy) e la prima top 10 della carriera. Ora il danese classe 2003 si candida per un 2023 da grande protagonista.

Il danese si è concesso al sito “Relevant tennis” in un’intervista a tutto campo dove ha parlato della sua vita e dei suoi obbiettivi prossimi. Su di sé ha detto: “Ho 19 anni, sono una persona molto calma e gioiosa. Sul campo da tennis mi piace lavorare sodo, amo le sfide e amo migliorarmi. Sono super ambizioso e voglio vincere”. Rune si sofferma dunque su quanto sia importante nutrirsi in maniera adeguata e di quanto lo facesse male prima:Senza energia il motore si spegne. Ho un piano nutrizionale ora, quindi so si assumere quello di cui ho bisogno. Abbiamo capito che non assumevo nemmeno la metà del sale e dello zucchero di cui avevo bisogno, per questo avevo cali di zuccheri e crampi”. Il suo allenatore dice sempre: “una Ferrari senza carburante è inutile“. Holger sembra aver imparato la lezione dato che adesso ha molta più consapevolezza di quello che mangia: “anche se adoro la pizza e il gelato”.

Il colpo che fatto le fortune del danese quest’anno è il servizio, riconosciuto già ora come uno dei migliori del circuito: “Sto ancora crescendo – dice – il mio servizio diventerà ancora più letale. Sto lavorando sull’essere ancora più preciso. Quando mi alleno con Novak sono sempre impressionato dalla sua precisione, specie al servizio. Sto lavorando su questo, su spin e altri effetti. L’anno scorso non ho fatto particolare attenzione a questo fondamentale. Mi piaceva di più scambiare la palla. Sto studiando molto ora. Quando ti applichi con energia in qualcosa, migliori sempre“. Rune si sofferma poi sulle sue fonti di ispirazione da bambino: “Ho avuto molti idoli quando ero piccolo. Ora che sono un giocatore professionista, mi concentro sul diventare la versione migliore di me stesso. Anche giocando a tennis, ci sono ancora atleti che mi ispirano: Djokovic è uno di questi. Il serbo è un tennista fantastico e cerco di imparare molto da lui: il servizio, la precisione dei colpi e la tenuta fisica”.

 

Alla memoria riaffiora subito la finale poi vinta a Parigi contro Nole: “Vincere a Parigi contro di lui è stato incredibile. È stata una finale da sogno contro un avversario che rispetto molto per tutto quello che ha ottenuto nel mondo del tennis. Novak è sempre stato molto generoso. Come ho detto prima, è una grande ispirazione per me. I Big 3 sono molto speciali. Sono stato molto felice di vedere Novak vincere le ATP Finals a Torino e uguagliare Roger Federer in un’altra statistica” . In chiusura Rune ha parlato degli obiettivi che cercherà di raggiungere il prossimo anno: “A dicembre, io e il mio allenatore fissiamo gli obiettivi per la stagione successiva. Per noi la classifica non è solo un numero. Analizziamo ogni torneo che intendo giocare. Nel 2022 mi sono posto l’obiettivo di raggiungere la top 25, e l’ho superato di gran lunga. Non vedo l’ora di parlare con il mio allenatore e fissare gli obiettivi per il 2023. So già cosa voglio. Ho vinto un ATP 250 , ho raggiunto la finale di un ATP 500 e ho vinto un Masters 1000. Penso sia arrivato il momento di vincere un Grande Slam” 

Continua a leggere

Flash

In Arabia riecco Zverev: “L’infortunio? Ero sereno, è arrivato mentre cercavo di raggiungere l’obiettivo di una vita”

Il tennista tedesco farà il suo rientro alla Diriyah Tennis Cup presented by Aramco, in Arabia Saudita: “Non volevo rientrare in Australia ecco perché gioco qui”

Pubblicato

il

Alexander Zverev - Roland Garros 2022 (foto Roberto Dell'Olivo)

Tra i grandi assenti della seconda parte di stagione 2022 vi è senza dubbio Alexander Zverev. Il tennista tedesco manca dai campi dalla semifinale del Roland Garros, quando è stato costretto ad abbandonare il terreno di gioco in sedia a rotelle dopo il problema alla caviglia. La diagnosi fu una lesione a diversi legamenti del piede destro. Il venticinquenne di Amburgo aveva provato più volte durante la stagione a rientrare, l’ultimo tentativo fu giocare in Davis con la sua nazionale nel girone che si disputava nella sua città natia. Anche in quel caso, tuttavia, il tennista tedesco fu costretto ad alzare bandiera bianca.

Archiviata la stagione chiusa comunque al numero 12 del ranking mondiale, il tennista tedesco si prepara a rientrare in maniera soft in Arabia Saudita.

Zverev, infatti, sarà uno dei protagonisti della Diriyah Tennis Cup presented by Aramco, torneo di esibizione che andrà in scena dall’8 al 10 dicembre. Il tennista tedesco farà parte di un elenco stellare di giocatori, infatti, in Arabia oltre a Zverev saranno presenti Tsitsipas, Medvedev, Fritz, Kyrgios, Norrie, Rublev, Wawrinka e Thiem. 

 

A pochi giorni quindi dal rientro in campo Zverev ha parlato del suo stato fisico e della sua voglia di ritornare in campo al canale YouTube ufficiale del torneo.

Il tennista tedesco si presenta in Arabia Saudita con tanta voglia di mettersi in gioco dopo la lunga assenza: “Non vedo l’ora di tornare in campo, di tornare a giocare un match perché è passato molto tempo per me dall’ultima volta. Qui a Diriyah saranno presenti alcuni dei migliori giocatori, quindi sarà un torneo di alto livello e penso che tutti saranno in ottima forma. C’è chi viene dalla Coppa Davis e chi ha disputato da poco le Nitto ATP Finals, quindi tutti saranno in grado di giocare un ottimo tennis e spero di poter tenere il passo con loro.”

Lunga assenza dal circuito che ha portato un po’ di nostalgia nel gigante tedesco: “Ad essere onesti ho sentito la mancanza di questi ragazzi, anche se siamo rivali, ho anche dei grandi amici nel circuito. In particolare, credo che io e Dominic non ci vediamo da quasi due anni, perché lui si è infortunato nel 2021, mentre io sono stato fuori nel 2022.

Zverev che è ansioso di rimettersi in gioco: “Non vedo l’ora di tornare ad essere parte del circuito. Non vedo l’ora di tornare in campo ma ovviamente non volevo che il mio primo torneo al rientro dall’infortunio sia in Australia. Perché puoi pensare di stare bene, potresti essere in forma fisicamente, forse potresti essere nel migliore stato di forma della tua vita ma se non giochi partite da sette mesi, si tratta comunque di un livello di forma fisica diverso e lo stesso vale anche per lo stress a livello mentale. Per questo ho deciso di rientrare in Arabia Saudita prima di giocare l’Australian Open.

Zverev parla anche dello sport del tennis e della speranza che eventi come questo aiutino a diffondere lo sport anche in paesi che non sono parte del circuito: “Penso che il tennis sia lo sport nel quale il risultato è quasi sempre il più fedele possibile al livello di gioco espresso. Penso che tutto dipenda da te, non puoi fare affidamento sui tuoi compagni di squadra, devi fare affidamento su te stesso, devi fare affidamento su tutti gli aspetti del gioco: la parte tecnica, quella fisica, e anche sulla disciplina durante il match. Nel tennis il più delle volte vince sempre il giocatore migliore. Penso che non ci siano molte opportunità di vedere i migliori giocatori del mondo in Arabia Saudita, quindi spero che molti ragazzini seguano questo evento e iniziano a praticare tennis qui in Arabia Saudita.

In chiusura il tedesco fa il bilancio della stagione e di cosa ha provato dopo l’infortunio subito a Parigi : “Due settimane prima delle Finals, ero ancora in lizza nella Race. Quest’anno sarebbe potuta essere una stagione abbastanza buona ad essere onesti, specialmente la partita contro Rafa a Parigi è stata di altissimo livello ed entrambi eravamo ai nostri limiti assoluti. L’infortunio ha avuto il suo peso. Sai che hai rotto sette legamenti, hai bisogno di un intervento chirurgico, hai bisogno di tempo per guarire, ma sono cose che accadono, sono riuscito a conviverci perché è successo durante le semifinali del Roland Garros mentre stavo cercando di raggiungere l’obiettivo di una vita. Non è successo praticando snowboard o sci o qualcosa del genere; non è stato uno stupido incidente.” 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement