WTA Monastir: Liu sorprende Jabeur, Kudermetova prosegue la sua corsa verso le Finals

Flash

WTA Monastir: Liu sorprende Jabeur, Kudermetova prosegue la sua corsa verso le Finals

Grande delusione del pubblico tunisino per la sconfitta in tre set della padrona di casa, molto nervosa per tutto il match. La russa supera Parry e si guadagna la semifinale contro Cornet

Pubblicato

il

Veronika Kudermetova - Charleston 2021 (foto Volvo Car Open/Chris Smith)

La sorpresa della giornata per quanto riguarda il circuito WTA arriva da Monastir dove è stata eliminata la beniamina del pubblico Ons Jabeur. La numero due del mondo nonché prima favorita del torneo tunisino ha ceduto al terzo set contro l’americana Claire Liu che ha così ottenuto la vittoria più prestigiosa (la prima contro una top10) della sua giovane carriera. Ha rispettato i favori del pronostico, invece, Veronika Kudermetova, numero 2 del seeding, che ha superato con il punteggio di 6-4 6-1 la francese Parry. La russa ha così aggiunto punti importanti alla sua classifica in ottica qualificazione alle Finals di Fort Worth: in questo momento sarebbe l’ultima qualificata. Nella semifinale del Jasmin Open Kudermetova affronterà Cornet che ha avuto la meglio della slovacca Zidansek dopo due ore e venti di grande battaglia.

C. Liu b. [1] O. Jabeur 6-3 4-6 6-4

Se in campo non ci fosse stata la padrona di casa, il pubblico tunisino sarebbe uscito dal campo centrale di Monastir pienamente soddisfatto per lo spettacolo offerto dalle giocatrici. Invece è facile ipotizzare che gli spettatori siano tornati a casa delusi perché il cammino nel torno della loro eroina Ons Jabeur si è interrotto. La tunisina non ha certo giocato un match all’altezza delle sue potenzialità, ma Liu ha ampiamente meritato la vittoria, dimostrando coraggio, tenuta fisica e mentale e ottimi spunti. In particolare, la classe 2000 americana ha tartassato l’avversaria di risposte vincenti come quelle sul 4-4 del terzo set che le hanno dato il break rivelatosi decisivo.

La partita di Claire è stata inoltre caratterizzata da tantissime discese a rete, spesso ben concretizzate con ottimi tocchi. In questo modo ha privato Jabeur della possibilità di imprimere il ritmo preferito allo scambio e di operare le sue variazioni. La numero due del mondo è stata molto incostante, alternando anche in singoli game punti straordinari ad errori gratuiti non da lei, e in diverse occasioni non è riuscita a contenere il nervosismo forse derivante dalla percezione di avere l’obbligo di vincere il torneo di casa. Liu giocherà domani la seconda semifinale della stagione (e della carriera) nel circuito WTA, dopo quella di Rabat.

[2] V. Kudermetova b. D. Parry 6-4 6-1

È durata solo un set la resistenza della francese Parry nei confronti della numero 12 del mondo Kudermetova. Dopo aver perso il servizio in apertura, la russa ha reagito subito prendendo in mano il controllo del match, non correndo più nessun rischio in battuta e andando più volte vicina al break. Parry è comunque rimasta a contatto e solo sul 5-4 Veronika è riuscita a dare una spallata al match. Da lì è iniziata una lunga discesa fino al traguardo, raggiunto da Kudermetova dopo un’ora e mezza di gioco. La russa ha impressionato per il rendimento al servizio: ha infatti chiuso l’incontro con 8 ace e il 90% di realizzazione con la prima in campo. Contro Cornet (sarà il primo incontro tra le due), giocherà la settima semifinale stagionale: un dato che dimostra la costanza di risultati avuta quest’anno e che spiega quindi la sua posizione nella Race.

In caso di vittoria del torneo, Kudermetova porterebbe il suo vantaggio sulla nona posizione di Sakkari a oltre 200 punti: una distanza non indifferente anche perché la greca non giocherà alcun torneo la prossima settimana, mentre Veronika – a meno di cambi di programma dell’ultima ora – parteciperà al 500 di San Diego (l’ultimo torneo che assegna punti importanti prima del 1000 conclusivo di Guadalajara).  

[3] A. Cornet b. T. Zidansek 7-5 7-6 (7)

A fare la differenza nel match tra la terza favorita del tabellone e la numero 101 del mondo è stato il maggior cinismo di Cornet. Il dato che rende al meglio questo aspetto è quello che riguarda la trasformazione delle palle break: Zidansek ne ha concretizzate solo due, pur avendone avute ben 14, mentre Alizé ha brekkato tre volte facendosi bastare le quattro opportunità concessele dall’avversaria. Inoltre, la slovacca ha sprecato due occasioni sul proprio servizio per salire sul 6-6 e, soprattutto, ha mancato due set point nel tie-break del secondo set. Non sono comunque mancati i meriti di Cornet, brava a rimanere fredda in questi momenti decisivi. Domani la francese disputerà la terza semifinale dell’anno andando a caccia della prima finale in stagione.

[5] E. Mertens b. [Q] M. Uchijima 6-0 3-6 6-4

Elise Mertens ha bisogno di tre set per avere la meglio sulla qualificata giapponese Moyuka Uchijima, n. 124 del ranking. Dopo il bagel inflitto da Mertens all’avversaria, tutto sembrava avviato a una conclusione facile. Troppo facile. C’è la reazione di Uchijima, Elise sbaglia troppo senza fare granché perdendo tre turni di battuta consecutivi e si va al terzo. La belga, ora n. 42 ma dodicesima nel 2018, riordina le idee e, se con due doppi falli (saranno complessivamente 11 alla fine) cede subito il break conquistato in apertura, sembra aver ritrovato la strada. Torna finalmente a tenere un turno di servizio e in qualche modo sale su un 5-2 che in altri casi verrebbe definito “pesante”, ma per come vanno le cose servirebbero le doppie virgolette. Infatti, Elise serve inutilmente per chiudere; poi, sempre poco sorprendentemente, ha due match point in risposta, ma Uchijima non ci sta e smette di sbagliare. Sul 5-4, Mertens costruisce un 40-0 rassicurante a sufficienza per fallire un altro match point senza perdere la calma e fa suo il punto successivo. Ritorna così in semifinale (mancava da San José, nell’agosto dello scorso anno) dove troverà Liu.

IL TABELLONE DEL WTA 250 DI MONASTIR

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
Ubaldo Scanagatta
evidenza3 giorni fa

Roland Garros, Scanagatta: “Nadal subito Zverev. Se fosse meglio così? Il teorico cammino di Sinner” [VIDEO]

Jannik Sinner - Madrid 2024 (foto Florin Baltatoiu)
Flash4 giorni fa

Roland Garros, Scanagatta: “Sinner gioca e punta al n. 1 del mondo. E magari pure al Grande Slam. Si deve sognare in grande. Dove capiterà Nadal? Il campione di 14 Roland Garros é’ una mina vagante o no? Riparte l’UbiContest” [VIDEO]

Senza categoria6 giorni fa

Scanagatta a Radio Sportiva: “La bravura di Sara Errani e le prospettive di Zverev per Parigi”[AUDIO]

Alexander Zverev - Roma 2024 (X @inteBNLditalia)
evidenza1 settimana fa

Roma, Scanagatta: “Zverev può aver salvato il torneo” [VIDEO]

Flash2 settimane fa

Roma, Scanagatta: “Meglio le donne che gli uomini. In gara tre delle prime quattro del ranking, fra gli uomini solo due dei primi otto”

Flash2 settimane fa

Roma, Scanagatta: “Con Paolini bye bye Roma per le italiane. 5 azzurri superstiti. Tre giocano oggi ma il clou è Nadal-Hurkacz. Per lo spagnolo addio Roma più che arrivederci?” [VIDEO]

Matteo Berrettini - Roma 2024 (foto Francesca Micheli Ubitennis)
Flash3 settimane fa

ATP Roma, Scanagatta: “Piove sul bagnato. Dopo il KO di Sinner quello di Berrettini, e sul torneo diluvia. Menomale vincono Darderi e Cobolli” [VIDEO]

ATP1 mese fa

ATP Montecarlo, Massey: “Il tetto è in programma e dal prossimo anno le chiamate elettroniche” [VIDEO]

evidenza1 mese fa

Scanagatta: “Un errore arbitrale clamoroso fa perdere a Sinner con Tsitsipas un match quasi vinto” [VIDEO]

ATP1 mese fa

ATP Montecarlo, Scanagatta: “Jannik Sinner batte l’avversario più duro di sempre sul rosso e conserva il secondo posto mondiale” [VIDEO]

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement