Australian Open, Nadal: "Non posso dire di non essere distrutto mentalmente perché mentirei" [VIDEO]

Australian Open

Australian Open, Nadal: “Non posso dire di non essere distrutto mentalmente perché mentirei” [VIDEO]

“Ora non posso muovermi, difficile fare previsioni”, restano incognite sull’infortunio all’anca. “Cosa mi dà la motivazione di continuare? Semplice: mi piace quello che faccio” così Rafa Nadal dopo la sconfitta al 2° turno

Pubblicato

il

Rafael Nadal - Australian Open 2023 (foto Twitter @australianopen)
 

Non aveva convinto particolarmente al primo turno, e adesso al secondo è arrivata la sconfitta per mano di McDonald: Rafa Nadal lascia l’Australian Open 2023 battuto per 6-4 6-4 7-5, e ciò che preoccupa ancor di più il maiorchino è l’infortunio all’anca che ha condizionato pesantemente la parte finale del match. In conferenza stampa il campione in carica ha comunque ammesso che “non so se in buone condizioni avrei vinto la partita”, e ora dovrà valutare la gravità del problema per stilare il programma del rientro in campo. Ma tutto questo processo non chiamatelo ‘sacrificio’: “Quando fai le cose che ti piacciono, alla fine della giornata, non è un sacrificio. Stai facendo le cose che vuoi fare. Il sacrificio è quando fai una cosa che non vorresti fare e non è il mio caso

D: Che sfortuna, Rafa. Abbiamo visto come stavi lottando in campo. Puoi spiegarci cosìè successo?
RAFAEL NADAL: Beh, Mackenzie stava giocando ad un ottimo livello. Per molto tempo sono rimasto lì a combattere, a crearmi le mie chance, ma lui stava andando bene mentre io non tanto. E poi, sì, a un certo punto è arrivata la fine. Questo è tutto.

D. A che parte del corpo ti sei fatto male? È stato solo un movimento improvviso? È successo all’improvviso o avevi già sentito qualcosa?
RAFAEL NADAL: All’anca. Ho passato un paio di giorni così, ma niente rispetto a quando ho fatto quel movimento. Inizieremo a parlarne ora col team, ma non so cosa stia succedendo, se sono muscoli, se sono articolazioni. Già ho dei precedenti con problemi all’anca, ho dovuto fare dei trattamenti in passato, ma non era qualcosa di grosso. Ora sento che non posso muovermi. Ma non lo so finché non faccio test e tutto il resto, non posso dire nulla. È difficile fare previsioni, se si tratta di un muscolo, se è l’articolazione, se è la cartilagine. Non lo so. A proposito, sono stanco di parlare. Capisco, ma ho perso la partita. Questo è tutto: ci provato fino alla fine e non so se in buone condizioni avrei comunque vinto la partita, avrei avuto senza dubbio maggiori possibilità. Ma alla fine, questo è tutto. Ci ho provato e non era possibile. […] Ho cercato di continuare a giocare senza aumentare il danno. Non ero affatto in grado di colpire il rovescio. Non ero in grado di correre verso la palla. Ma volevo solo finire la partita. Questo è tutto.

D. Ricordo che a Wimbledon contro Taylor Fritz la tua squadra premeva affinché tu ti fermassi e tu hai continuato. Mi chiedo se ci fosse qualche interessamento da parte loro oggi, dicendoti di smettere.
RAFAEL NADAL: Non gliel’ho chiesto. Sono abbastanza grande per prendere le mie decisioni. Non volevo ritirarmi, essendo il campione in carica qui. Non volevo lasciare il campo con un ritirto. Alla fine è meglio così. Ho perso. Niente da dire. Congratulazioni all’avversario. Questo è lo sport allo stesso tempo. Fai del tuo meglio fino alla fine. Non importa le possibilità che hai. Questa è la filosofia dello sport. Questa è l’essenza stessa dello sport. Ho cercato di seguirlo durante tutta la mia carriera tennistica, e ovviamente ho cercato di non aumentare i danni, perché non sapevo cosa stesse succedendo.

Q. Quanto sei deluso, hai lavorato molto duramente per arrivare qui?
RAFAEL NADAL: Sì, puoi immaginare. Non ho bisogno di parlare e spiegare i sentimenti. Non era il momento giusto per subire qualcosa di simile adesso. Ma alla fine, devi andare avanti, no? A volte è frustrante. A volte è difficile da accettare. A volte ti senti super stanco per tutte queste cose, parlando di infortuni. Non riesco a venire qui e dirvi, mentendo, che la vita è fantastica e di rimanere positivi e continuare a combattere. Non adesso. Domani inizia un altro giorno. Ora è un momento difficile. È una giornata difficile, bisogna accettarlo e andare avanti. Sai, alla fine, non posso assolutamente lamentarmi della mia vita, ma in termini di sport e in termini di infortuni e momenti difficili, questo è uno di quelli. Non posso dire di non essere distrutto mentalmente al momento, perché starei mentendo. Si spera non sia niente di grave. Alla fine sono state tre settimane positive per quanto riguarda gli allenamenti. Quindi spero davvero che questo non mi tenga fuori dal campo per molto tempo, perché poi è difficile recuperare di nuovo. Non c’è solo il recupero. È tutta la quantità di lavoro che devi mettere insieme per tornare a un livello decente. Ho attraversato questo processo troppe volte nella mia carriera, e sono pronto a continuare a farlo, credo, ma non è facile, senza dubbio.

Q. Cosa ti dà la motivazione, la voglia adesso di ritornare, di lavorare sodo, di tornare in forma, di gareggiare di nuovo?
RAFAEL NADAL: È una cosa molto semplice: mi piace quello che faccio. Mi piace giocare a tennis. So che non durerà per sempre. Mi piace sentirmi competitivo. Mi piace lottare per le cose per cui ho combattuto per quasi metà della mia vita o anche di più. E questo è tutto. Non è così complicato da capire, no? Quando ti piace fare una cosa, alla fine, i sacrifici hanno sempre un senso, perché la parola “sacrificio” non è così. Quando fai le cose che ti piacciono, alla fine della giornata, non è un sacrificio. Stai facendo le cose che vuoi fare. Il sacrificio è quando fai una cosa che non vorresti fare e non è il mio caso. Ma diciamo anche che è frustrante passare buona parte della mia carriera a recuperare dagli infortuni. Ma l’ho accettato abbastanza bene durante tutta la mia carriera tennistica e sono stato in grado di gestirlo bene. Ma ovviamente gli ultimi sette mesi sono stati, ancora una volta, un altro periodo difficile, e basta. Non so cosa possa succedere in futuro. Ho passato sette mesi a giocando quasi niente, e ora se devo passare ancora molto tempo fuori, diventamolto difficile alla fine restare al mio ritmo ed essere competitivo ed essere pronto per la lotta e per le cose per cui voglio davvero competere. Vediamo com’è l’infortunio e poi vediamo come riuscirò a seguire il calendario.

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
ATP4 settimane fa

Trattative Sky-FITP-Supertennis. A che punto è la negoziazione dei diritti-tv

Flash4 settimane fa

Diritti TV SKY e FITP: ecco lo scenario di questa aspra negoziazione infinita [VIDEO]

evidenza3 settimane fa

In Svizzera è polemica sulle On di Roger Federer. La risposta: “In Vietnam paghiamo oltre il minimo salariale”

ATP2 settimane fa

ATP Rotterdam: Sinner: “Fra uno Slam e una medaglia olimpica scelgo la seconda. Non vedo l’ora di conoscere i migliori atleti del mondo” [AUDIO]

evidenza3 settimane fa

Richard Krajicek: “Piatti mi disse di Sinner ‘diventerà un campione’”. Jannik al servizio è come Djokovic: la battuta è un extra, ma quando gli serve la mette dentro” [VIDEO INTERVISTA]

ATP2 settimane fa

ATP Rotterdam, il viaggio di Sinner continua: “Bisogna anche divertirsi. Io ho trovato le persone giuste al momento giusto” [AUDIO]

Flash3 settimane fa

Ubaldo da Rotterdam: “Sinner sulle orme di Camporese? Siamo qui apposta”

ATP2 settimane fa

ATP Rotterdam, Sinner: “Contento del numero 3 ma le cose più importanti sono altre” [AUDIO]

ATP2 settimane fa

Griekspoor, prima “vittima” delle 12 di fila di Jannik: “Per me Sinner è il più forte tennista del mondo” [AUDIO ESCLUSIVO]

Flash4 settimane fa

Mattarella: “Azzurri, in Coppa Davis ho visto un vero spirito di squadra” (Cocchi, Primavera) Campioni d’Italia (Guerrini) Sinner porta il tennis al Quirinale (Piccardi) Italdavis in festa, Sinner incoronato da Mattarella (Mei, Schito)

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement