Roland Garros: Djokovic-Alcaraz arriva troppo presto? Per Novak forse sì

Editoriali del Direttore

Roland Garros: Djokovic-Alcaraz arriva troppo presto? Per Novak forse sì

Stasera Rune-Ruud. Chi vince partirà favorito contro il vincente di Zverev-Etcheverry. Ma c’è chi crede al duello serbo-spagnolo come ad una finale anticipata. Infuria il caso Sabalenka-Svitolina

Pubblicato

il

Novak Djokovic - Roland Garros 2023 (foto Roberto dell'Olivo)

Daniil Medvedev ha fatto un gran dispetto a Novak Djokovic vincendo Roma. Eh sì. Lo ha scavalcato in classifica mondiale e poi il sorteggio del Roland Garros ha piazzato Novak nella stessa metà tabellone di Carlitos Alcaraz. E il sorteggio non ha fatto un favore al serbo, semmai lo ha fatto ad Alcaraz.

Sì, perché il Djokovic visto sin qui, a Montecarlo (Musetti), Banja Luka (Lajovic) Roma (Rune) e Parigi (con Davidovich Fokina e Khachanov) non mi è sembrato davvero il miglior Djokovic.

Ma il serbo, come capitava anche a Nadal, più partite gioca e meglio gioca. Per lui sarebbe stato meglio approdare alla finale con Alcaraz piuttosto che affrontarlo già in semifinale (sempre che alla finale ci fossero semmai arrivati entrambi eh).

Il Djokovic del primo set e mezzo con Khachanov è stato quasi imbarazzante, senza nulla togliere ai progressi del russo n.11 del mondo (che Sonego poteva battere).

Ma certo Alcaraz contro Tsitsipas fino a quando non si è distratto un po’, sul 6-2,6-1,5-2 e primi match point, è sembrato di un altro pianeta. Rispetto a chiunque. Aveva lasciato 7 game a Shapovalov, 7 a Musetti (vabbè 7 anche a Cobolli, e 5 a Taro Daniel nei 3 set vinti su 4), stava per lasciarne solo 5 a Tsitsipas. Carlitos faceva paura. Mazzate di dritto, incrociate come a sventaglio, rovesci debordanti lungolinea a sorprendere l’ateniese ogni qualvolta lasciava scoperto il proprio angolo destro per coprire con il dritto 7 metri e mezzo degli 8 e 23 centimetri della riga di fondo. E come aveva sospinto Tsitsi verso i teloni di fondocampo, zac, l’implacabile, irridente smorzata. Sempre vincente o quasi.

Sembrava quasi che Tsitsipas non fosse il quinto tennista del mondo. E ripensavo a Musetti che almeno qualche colpo bello e vincente era riuscito a giocarlo. Tsitsi quasi neppur quello. La critica è stata severa con Musetti, neo n.17 ATP a partire dal prossimo lunedì, ma allora come avrebbe dovuto trattare Tsitsipas?

E allora mi dicevo: ma Djokovic come farà ad arginare questa furia spagnola?

Però, però poi mi sono anche detto: visto quel che è successo a Khachanov? Djokovic che sembrava in giornata no, ha finito da dominatore.

Già, perché Nole, indiscutibilmente il miglior ribattitore del mondo, nel primo set aveva fatto la miseria di 6 punti in 5 turni di battuta di Khachanov. 4 turni persi a 15, uno a 30.

Fino al quarto game del secondo set Djoko non era riuscito ad arrivare a 40. Ok, Khachanov serviva bene, ma quel Djokovic non era Novak. Forse era Marko, il fratello. Fino al tiebreak e al primo game del terzo set…Marko Djokovic non era stato capace di conquistarsi una pallabreak, limitandosi ad arrivare a 40 pari quattro volte in 11 game di risposta.

Al tiebreak era giunto avendo collezionato 13 errori gratuiti di dritto, alcuni davvero clamorosi, come quello che aveva consentito a Khachanov di raggiungere il 3 pari. E i dritti vincenti erano meno della metà di quelli sbagliati. Aveva però cominciato a servire meglio e a tenere molto più agevolmente i suoi game di servizio. A zero quello del 5-4, a zero quello del 6-5, game per solito delicati.

E poi la svolta cruciale, nel tiebreak: 7 punti a zero!

Lì Djokovic è tornato vicino a quello che ha vinto 22 Slam e cerca il 23mo per lasciarsi alle spalle per sempre Nadal, mentre Khachanov si è lasciato andare al punto da beccare un 6-2 senza alcuna reazione perché sul servizio di Novak gli ha strappato un solo punto e perso altri tre game a zero.

La grande occasione di battere un Djokovic dimesso – e sarebbe stata soltanto la seconda volta in 10 duelli – era svanita. Lui Karen… pollo, mi permetto di dire. Perché bastava poco di più. Nole era nervoso e in sua balìa.

Poi, invece non c’è più stata storiaPerò date ad Alcaraz il Djokovic dei primi due set e Carlitos ne farà un sol boccone.

Quante volte però i fenomenali Fab-Four (o 3 via) cominciavano uno Slam in modo incerto e poi nell’arco delle due settimane salivano esponenzialmente di rendimento? Non so se questi 2 set finali con Khachanov sono bastati a Djokovic a sentirsi forte come ai bei tempi, a dargli quella fiducia che forse si era un tantino incrinata.

Credo che gli avrebbe fatto bene giocare e vincere un’altra partita, per arrivare supercompetitivo nel faccia a faccia con Alcaraz.

Il quale Alcaraz potrebbe aver imparato la piccola lezione che gli ha dato il finale del match con Tsitsipas: invece di stare attento e far di tutto per chiudere sul 5-2 del terzo set si è un po’ ingolosito, ha esagerato nel giocare troppe palle corte, nel giocare lob liftati più narcisisti che efficaci, e si è ritrovato 5 pari e poi al tiebreak con un Tsitsipas di nuovo carico che faceva il pugnetto.

Per il greco, che ha quel rovescio così così, non c’è stato nulla da fare per coltivare il sogno della rimonta. Alcaraz ha avuto bisogno del sesto matchpoint per chiudere (3 prima del tiebreak), ma né lui né Juan Carlos Ferrero hanno tremato neanche per un attimo.

“Sul 5-2 mi sono un po’ deconcentrato” ha confessato il ragazzo di Murcia che, come dimenticarlo?, ha smesso i panni del teenager soltanto il 5 maggio scorso.

Beh, di certo Ferrero gli dirà prima di venerdì, che se si permettesse una simile leggerezza contro Djokovic probabilmente la pagherebbe cara. Novak gli monterebbe in testa.

Capsco, a questo punto, che avendo vissuto una intensa giornata caratterizzata dalle due partite di quarti di finale della metà alta del tabellone, ho trascurato le chance di vittoria finale di chi sta nella metà bassa, cioè del vincitore del primo “quarto” fra il risorto Zverev e l’argentino Etcheverry e forse ancor più dei protagonisti del derby scandinavo Ruud-Rune. (N.B. sull’appartenenza alla Scandinavia della Danimarca, peraltro, si può discutere). Io so solo che i loro derby, fin da quello nei quarti qui a Parigi un anno fa e poi la semifinale di Roma che ha rovesciato l’esito favorevole per 4 volte a Ruud, per me è sempre stato fastidioso. Sì, per il mio bloc-notes. Di solito riporto infatti sulla colonna sinistra l’iniziale del cognome di chi batte. E quando proprio due tennisti hanno la stessa iniziale rimedio con la seconda lettera del cognome. Ma qui c’è un RU contro un altro RU…e lo spazio in un piccolo bloc-notes è un tesoro prezioso da proteggere. Vabbè, scusate l’eccesso di personalismo.

Fra Ruud e Rune, fra Rune e Ruud, ce n’è uno che è la quintessenza dell’educazione e del fairplay. E l’altro che ne è la negazione. C’è bisogno che spieghi a chi mi riferisco?

Però fra i due secondo me Rune è più cavallo da Gran Premio. Se vincesse il suo primo Slam non sarebbe poi una sorpresa pazzesca, salvo il fatto che Alcaraz in questo momento sembra una spanna superiore a tutti. Mentre Ruud, nonostante due finali in altrettanti Slam, qui e a New York, non mi convince mai del tutto perché lo si possa definire un grande talento, un grande campione. Forse perché è troppo ragazzo perbene, troppo modesto, senza lampi…nemmeno quelli di maleducazione!

Chiudo qui perché dell’altro fatto del giorno, con la foto più cliccata di tutto il torneo Iryna Sabalenka che aspetta alla rete Elina Svitolina come se non sapesse che la Svitoliana la mano non gliela avrebbe mai stretta – ne abbiamo scritto a lungo e avrete certo letto anche le dichiarazioni delle due ragazze.

Sabalenka, costretta a presentarsi in conferenza stampa, è finita sotto il fuoco incrociato di tutti i giornalisti perché non aveva indovinato la mossa di sottrarsi alle loro domande al termine delle ultime due partite.

La colpa, oltre che sua che aveva richiesto l’esenzione per troppo stress mentale, era stata anche del torneo che aveva bleffato, inventandosi la balla di aver dato vita a una conferenza stampa ridotta, quando invece si era trattato della registrazione di un monologo bielorusso. Un autogol evitabilissimo. Perché era chiaro che sarebbe venuto fuori…il segreto di Pulcinella.

Elina Svitolina è stata coerente con la decisione sua e delle altre ragazze ucraine, giusta o sbagliata che possa essere la loro scelta. Non meritava quindi i buuh che l’hanno seguita all’uscita. E forse Sabalenka poteva evitare quella che è parsa un po’ una sceneggiata. Situazioni difficili da vivere e, all’esterno, da interpretare. Di certo con la tragedia quotidiana che stanno vivendo le famiglie ucraine – e quasi tutte le tenniste ucraine la stanno vivendo sulla loro pelle e quella dei loro cari – chi vorrebbe che sport e politica non si sfiorassero non si trova nella loro situazione e penso che non possa capirla appieno. Il rischio che un qualsiasi giudizio diventi superficiale c’è tutto.

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
Ubaldo Scanagatta
evidenza5 giorni fa

Roland Garros, Scanagatta: “Nadal subito Zverev. Se fosse meglio così? Il teorico cammino di Sinner” [VIDEO]

Jannik Sinner - Madrid 2024 (foto Florin Baltatoiu)
Flash6 giorni fa

Roland Garros, Scanagatta: “Sinner gioca e punta al n. 1 del mondo. E magari pure al Grande Slam. Si deve sognare in grande. Dove capiterà Nadal? Il campione di 14 Roland Garros é’ una mina vagante o no? Riparte l’UbiContest” [VIDEO]

Senza categoria1 settimana fa

Scanagatta a Radio Sportiva: “La bravura di Sara Errani e le prospettive di Zverev per Parigi”[AUDIO]

Alexander Zverev - Roma 2024 (X @inteBNLditalia)
evidenza2 settimane fa

Roma, Scanagatta: “Zverev può aver salvato il torneo” [VIDEO]

Flash2 settimane fa

Roma, Scanagatta: “Meglio le donne che gli uomini. In gara tre delle prime quattro del ranking, fra gli uomini solo due dei primi otto”

Flash3 settimane fa

Roma, Scanagatta: “Con Paolini bye bye Roma per le italiane. 5 azzurri superstiti. Tre giocano oggi ma il clou è Nadal-Hurkacz. Per lo spagnolo addio Roma più che arrivederci?” [VIDEO]

Matteo Berrettini - Roma 2024 (foto Francesca Micheli Ubitennis)
Flash3 settimane fa

ATP Roma, Scanagatta: “Piove sul bagnato. Dopo il KO di Sinner quello di Berrettini, e sul torneo diluvia. Menomale vincono Darderi e Cobolli” [VIDEO]

ATP1 mese fa

ATP Montecarlo, Massey: “Il tetto è in programma e dal prossimo anno le chiamate elettroniche” [VIDEO]

evidenza2 mesi fa

Scanagatta: “Un errore arbitrale clamoroso fa perdere a Sinner con Tsitsipas un match quasi vinto” [VIDEO]

ATP2 mesi fa

ATP Montecarlo, Scanagatta: “Jannik Sinner batte l’avversario più duro di sempre sul rosso e conserva il secondo posto mondiale” [VIDEO]

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement