WTA Guadalajara: Trevisan si aggiudica il derby contro una Paolini troppo fallosa, avanza anche Giorgi

evidenza

WTA Guadalajara: Trevisan si aggiudica il derby contro una Paolini troppo fallosa, avanza anche Giorgi

Martina Trevisan entra meglio in campo rispetto a Jasmine Paolini e la estromette in due parziali. Bissato il terzo turno del 2022, l’obiettivo ora è fare ancora meglio. Giorgi supera Sherif nel match d’esordio

Pubblicato

il

Trevisan e Paolini in doppio - Roland Garros 2023 (foto Roberto dell'Olivo)
 

C. Giorgi b. [14] M. Sherif 7-5 6-3

Non era un primo turno proibitivo, considerando le caratteristiche di un’avversaria che ama la terra ben di più del cemento, ma era una partita comunque da vincere con concretezza, e Camila Giorgi lo ha fatto. La marchigiana n° 56 al mondo avanza così al Guadalajara Open AKRON, WTA 1000 e primo torneo per lei dopo lo US Open, sconfiggendo Mayar Sherif (n° 33 WTA e tds n° 14 nel torneo) per 7-5 6-3 in un’ora e 51 minuti di ottimo tennis per larghi tratti e di qualche svarione di troppo in altri, soprattutto quando si è complicata inutilmente e da sola il match nel finale. Tutto sommato, però, l’azzurra ha dimostrato ancora una volta di essere superiore rispetto all’egiziana su questa superficie – nonostante le sia dietro in classifica – e ha replicato il successo, in quel caso ancor più netto, ottenuto a Merida qualche mese fa. Per Camila ci sarà ora la 25enne spagnola Cristina Bucsa, che la segue in classifica di 6 posizioni (n° 62) ma che non ha mai affrontato in carriera.  

Primo set: l’equilibrio si spezza in favore di Giorgi nell’undicesimo game

La partenza di Camila non è delle migliori, per usare un eufemismo: immediato break a -0 con un doppio fallo, due errori di dritto e un passante in rete, mentre Sherif cerca, con successo, di evitare scambi a ritmo sostenuto, optando per traiettorie alte e liftate tipiche da terra battuta per togliere ritmo alla marchigiana. La reazione dell’azzurra è immediata, grazie a un costante gioco d’attacco che, se funzionante, fa parecchio male all’avversaria. Il problema, però, è che, come spesso accade, Giorgi non è continua e alterna chiusure pregevoli, specie con degli schiaffi al volo, ad altri non forzati grossolani.

 

I games successivi all’1-1 sono tutti molto lottati, con le tenniste che si vedono di continuo costrette a salvare palle break, ma nessuna delle due cede la battuta. Anzi, dal 3-3 in poi entrambe gestiscono i rispettivi turni al servizio con maggiore agilità, con Sherif che trova pure qualche prezioso ace a disinnescare le risposte aggressive della nostra giocatrice. Quest’ultima, tuttavia, sul 6-5 in suo favore piazza la zampata decisiva. Nell’undicesimo gioco, con l’africana alla battuta, sale subito 0-30, si fa rimontare ma approfitta di due gentili omaggi della testa di serie n° 14 per incamerare il vantaggio nel computo dei set.

Secondo set: Giorgi si complica la vita nel finale ma chiude 6-3

Giorgi sembra rinfrancata dal parziale appena conquistato e mette subito la testa avanti anche nel secondo. La pressione da fondo, ricca di colpi piatti e tesi, che all’inizio non sembrava efficace per scardinare i pallonetti di Sherif, comincia invece a dare i suoi frutti, e il 3-0 che scaturisce di lì a poco è un gap pesante da recuperare per la n° 33 del mondo, che si trova sotto di un set e un break.

Mayar prova a rientrare, e ne avrebbe anche l’occasione grazie alle due palle break che le si presentano nel quinto gioco, ma non ne sfrutta neanche una (a dire il vero è sempre brava l’italiana ad annullarle) e subisce il contraccolpo una volta che Camila conferma il break (4-1). Le ribattute profonde e ficcanti della nostra tennista fanno infatti ancora una volta la differenza, togliendo il tempo alla contendente che cede nuovamente la battuta a -30 (5-1). Per Giorgi la fine del match sembra pressoché immediata, ma la marchigiana non sfrutta un match point nel game successivo cedendo uno dei due break, poi ne dilapida altri due sul 5-2 15-40 e deve aspettare il nono game del parziale per finire la pratica al quinto tentativo per 7-5 6-3.


M. Trevisan b. [15] J. Paolini 7-5 6-2

A scendere sul cemento messicano subito dopo Camila Giorgi, sullo stesso campo, sono state Martina Trevisan e Jasmine Paolini, per un derby che avrebbe significato per una delle due l’approdo al terzo turno a Guadalajara. I precedenti recitavano 2-1 in favore di Jasmine, ma questa volta a prevalere, anche piuttosto nettamente per la verità, è stata la fiorentina, che si è imposta per 7-5 6-2 in un’ora e 37 minuti di gioco.

Paolini si è dimostrata troppo fallosa per riuscire a competere punto dopo punto e, pur avendo evidenziato lampi di ottimo tennis, non ha saputo limitare con continuità i tanti errori da fondo che hanno di fatto compromesso l’equilibrio del match. Per Martina è invece solamente la terza vittoria negli ultimi 19 incontri che l’hanno vista opposta a giocatrici tra le top -50, ma è anche un trionfo prestigioso che le permette di difendere perlomeno i punti dello scorso anno (terzo turno, sconfitta netta contro Gauff) in Messico. L’obiettivo ora è superare un altro ostacolo e fare meglio rispetto al 2022, ma sul cammino ci sarà probabilmente la testa di serie n° 1 Ons Jabeur, se questa supererà Alycia Parks.

Primo set: Trevisan parte forte, si fa rimontare ma chiude 7-5

È una Martina Trevisan in grande forma quella che si presenta sul campo Grandstand Caliente. Con il suo drittone mancino macina gioco fin dai primi punti, spingendo non appena ne ha la possibilità e mettendo a nudo alcune difficoltà nella gestione del ritmo sostenuto da parte di Jasmine Paolini, impacciata negli scambi iniziali. L’esito è un 3-0 con doppio break in pochi minuti, che sembra non lasciare spazio a rimonte da parte dell’italiana più in alto in classifica.

E invece, la n° 35 del mondo rientra subito di uno dei due break – pur senza strafare e approfittando di un passaggio a vuoto dell’avversaria – e inizia a trovare fiducia nei colpi in spinta, procurandosi anche la palla per impattare sul 3-3. Ma Trevisan è attenta, insiste con la chela arrotata sul rovescio di Jasmine e conferma almeno uno dei due break. Ma è un vantaggio che non durerà poi più di tanto, perché nel momento di servire per il set sul 5-4 la tennista fiorentina incappa in diversi errori, tra cui un paio di rovesci a metà rete, che la costringono a ripartire da 0 sul 5-5. Servirà un terzo allungo, questa volta sì definitivo, di altri due game per permettere a Martina di avvantaggiarsi di un set. E ancora una volta i demeriti di Paolini sono evidenti, anche perché dopo un recupero importante l’inerzia era a suo favore e non ha saputo sfruttarla a dovere.

Secondo set: Trevisan approfitta di una Paolini fallosa per approdare al terzo turno

L’inizio di secondo set è ricco di scambi lottati che spesso però si concludono con errori gratuiti. Entrambe conservano la battuta senza patemi nei primi due giochi, poi è ancora una volta Martina a prendere il sopravvento e a spezzare l’equilibrio per il 2-1, con break, in suo favore. Break confermato (3-1) con una prima centrale efficace da sinistra sul 40-30. Paolini è davvero troppo fallosa sia di dritto che di rovescio, e non appena prova a spingere i suoi colpi terminano lunghi o in rete. E se ci si mette anche Trevisan, che improvvisamente alza il livello con un lungolinea di rovescio che spazzola la riga sul 3-1 40-40 (servizio Paolini), allora per Jasmine sono davvero problemi grossi. E infatti, alla prima occasione utile, la n° 54 WTA allunga di un ulteriore break, che di fatto mette una pietra sopra alla partita. La n° 2 italiana pare infatti aver abbandonato mentalmente il match – vedasi uno smash facile tirato fuori di diversi metri – e anche se Martina, altrettanto imperfetta, cerca di rimetterla a galla, lei non ne approfitta e cede nettamente per 6-2.  

Continua a leggere
Commenti

evidenza

Sabalenka tra passato e futuro: “Pensavo ai doppi falli e non riuscivo a controllarmi. Ora voglio vincere altri Slam”

La nuova numero uno del mondo si racconta a Tennis Magazine, dall’amicizia con Badosa alla sua passione per la velocità

Pubblicato

il

Aryna Sabalenka - US Open 2023 (foto Twitter @rolandgarros)

Uscita dallo US Open senza quello che sarebbe stato il suo secondo titolo Slam, ma con in mano lo scettro di nuova regina del tennis mondiale, Aryna Sabalenka ha ancora davanti qualche giorno di riposo e allenamenti prima di rientrare nel circuito. La bielorussa ha infatti deciso di saltare il 1000 di Guadalajara e ha optato per la stessa soluzione anche in relazione al 500 di Tokyo. Il suo primo match da numero uno del mondo sarà quindi a Pechino, nell’ultimo ‘mille’ della stagione femminile. Così, nel frattempo, Aryna ha concesso un’intervista a Tennis Magazine in cui ha affrontato argomenti tennistici e non. Innanzitutto, la campionessa dell’ultimo Australian Open ha ribadito ancora una volta la sua fame di Slam, scoperta proprio dopo la vittoria a Melbourne: “E’ stato il risultato più importante della mia carriera fin qui. Le sensazioni provate dopo quel successo sono così meravigliose che non si provano in nessun altro ambito della vita, quindi voglio viverle di nuovo, molte altre volte”.

Tra i temi extra-campo ma che comunque hanno punti di contatto con il tennis giocato c’è il grande rapporto di amicizia con Paula Badosa, alle prese con un infortunio alla schiena che ha già messo termine alla sua stagione. Le due hanno disputato alcuni tornei di doppio insieme e, in carriera, si sono scontrate quattro volte (con due vittorie a testa): “nessuna delle due si arrabbia e nemmeno esulta per un bel punto – dice però Aryna – durante la partita ci sono momenti in cui si pensa troppo, momenti in cui vorrei urlare, ma so che non devo farlo perché lei è mia amica e non voglio che si arrabbi con me. Continueremo a supportarci a vicenda, come facciamo sempre”.

A proposito di doppi, la bielorussa ha poi spiegato la scelta di ridurre drasticamente il suo impegno in questa specialità, in particolare durante i tornei del Grande Slam: “È molto difficile competere in entrambi i circuiti, anche mentalmente. Ci sono state volte in cui ho disputato singolare e doppio negli Slam, ma durante il doppio stavo lì a pensare al singolare del giorno dopo. Non sapevo se dare il massimo o meno, come gestire le mie energie. Pensavo troppo e poi perdevo il singolare. Nonostante i successi in doppio (ha vinto, in coppia con Elise Mertens, lo US Open nel 2019 e l’Australian Open nel 2021, oltre a due 1000 e altri tre tornei, ndr) il mio obiettivo principale è sempre stato il singolare. Ne ho parlato con la mia squadra e abbiamo deciso di smettere di giocare il doppio nella speranza che la mia concentrazione sul singolo migliorasse. Questo mi ha aiutato molto”.

 

Con un collegamento un po’ forzato, ci spostiamo dal doppio ai doppi falli, che hanno a lungo rappresentato un vero e proprio incubo per Sabalenka. Prima della svolta di fine 2022, Aryna, pur essendo riconosciuta da tutti come un’ottima giocatrice, doveva fare i conti con la poco onorevole nomea di regina dei doppi falli. Con grande abnegazione e capacità di lavorare su se stessa, la numero uno del mondo è però riuscita a mettersi alle spalle questo tormento: “Era una questione innanzitutto psicologica, mi sono successe molte cose negli ultimi anni, molte emozioni nella mia testa, e poi sono arrivati i problemi tecnici. Ho lavorato molto duramente per risolverli, individuando il problema. Ora ho cambiato la meccanica del servizio, sia il mio movimento, sia il lancio, sia l’atteggiamento. Ero in estrema difficoltà, era assurdo iniziare a commettere così tanti doppi falli. Ci pensavo così tanto che non riuscivo nemmeno a controllare il mio corpo o il mio braccio… era come se fossero staccati dal resto. Abbiamo lavorato molto sulla biomeccanica e questo ci ha aiutato”.

Infine, Aryna ha provato a descrivere brevemente la sua personalità fuori dal campo, non così simile a quella a cui siamo abituati: “[Nella vita di tutti i giorni] non sono esattamente come in campo… forse solo quando guido, amo le auto sportive e mi piace guidare veloce. Ma nella vita in generale non sono così impulsiva, mi piace divertirmi, sono abbastanza rilassata, non troppo frenetica. È un buon equilibrio, quindi quando mi ritirerò dovrò continuare a praticare sport per scaricare le energie”.

Continua a leggere

ATP

Nadal: “Sarebbe fantastico giocare la mia ultima Olimpiade in doppio con Alcaraz”

“Io presidente del Real? Mi piacerebbe, ma Perez è un grande. Djokovic il più forte nei numeri, ma il tennis non è solo questo”. Altra intervista del maiorchino

Pubblicato

il

Rafael Nadal – ATP Parigi-Bercy 2022 (foto via Twitter @atptour)

Il giorno seguente la sua apparizione video su Movistar+, Rafa Nadal rilascia la prima intervista alla stampa scritta a quattro mesi dall’annuncio del suo temporaneo ritiro. Il resoconto appare mercoledì 20 sul quotidiano sportivo madrileno AS, nel giorno dell’inizio dei corsi accademici all’Università Alfonso X il Saggio, con la quale collaborano sia l’asso di Manacor che il periodico in questione. Nadal si presenta in maglietta bianca, jeans e giacca blu e con la consueta affabilità risponde alle domande in merito alle sue condizioni e al suo futuro tennistico.

Rafa torna ovviamente sulla questione delle sue condizioni e, riprendendo quanto già esposto nell’intervista precedente, parla del buon evolversi delle proprie condizioni fisiche ma anche delle incertezze legate al livello che riuscirà a raggiungere una volta che riprenderà con continuità in mano la racchetta. La stagione potrebbe essere per me l’ultima, ma non è detto: dipenderà da quanto io potrò essere competitivo. Sinceramente non mi attira fare come Murray, ossia giocare e non vincere. Vedremo” – continua il campione iberico – “potrei anche non tornare del tutto se non mi riprendo davvero, ma spero proprio di no”.

Il discorso passa poi a due argomenti tennistici che stanno molto a cuore di Rafa: la Coppa Davis e le Olimpiadi. E qui il 22 volte campione Slam, ispirato dalle domande del giornalista, confessa un sogno “olimpico”. Il mio paese è stato appena eliminato dalla Coppa Davis, altrimenti avrei potuto provare a farmi trovare pronto per novembre. Ma ovviamente così non sarà.

 

“Per quanto riguarda le Olimpiadi sì, terrei molto a giocarle, tutti sanno quanto io ami il clima olimpico e le sensazioni meravigliose che ho provato vivendolo. Per quanto riguarda un doppio con Carlos, premetto che né io né lui ne abbiamo parlato, ma sarebbe bellissimo poter giocare la mia ultima Olimpiade insieme alla stella nascente di questo sport”.

Il discorso scivola subito sulla finale di Wimbledon e il maiorchino parla con grande ammirazione del suo connazionale. “Ritengo” – è il suo pensiero – “che Carlos stesso non sia affatto stupito dei risultati che ha ottenuto fin qui. In questo momento è l’unico vero avversario di Djokovic, è un gradino sopra gli altri. Quando lui è in campo per il 90% delle volte tutto dipende dal suo talento. La grande notizia per questo sport è proprio il livello che Alcaraz riesce a raggiungere e il tempo che ha davanti a sé per tagliare nuovi traguardi”.

Lo spagnolo non si sottrae all’inevitabile domanda su un confronto con Djokovic su chi sia il più forte; lui riconosce il valore dell’asso serbo, pur andando oltre i freddi numeri dei titoli vinti. “Non c’è dubbio che se ci mettiamo a contare, lui ha vinto più di me e più di ogni altro. Non ho un ego così forte da negare l’evidenza. Mi complimento con lui, che da questo punto di vista è il migliore della storia.

“Tutto il resto possono essere considerazioni, come il numero maggiore di infortuni che ho avuto, e poi anche gusti personali, ispirazione, sensazioni ed emozioni che ognuno di noi trasmette e che raggiungono il cuore degli appassionati. Sicuramente” – chiude l’argomento – io sono pienamente soddisfatto di quello che ho saputo fare”.

Alla domanda sul suo non impossibile ingresso nel Real Madrid, Nadal non si nasconde ma nello stesso tempo glissa. “Concettualmente non mi dispiacerebbe essere il presidente del Real Madrid o avere un ruolo nel club ma questo non vuol dire che succederà. Soprattutto perché non sono certo il più preparato per il ruolo, che oltretutto oggi è ricoperto da uno dei migliori di sempre, Florentino Perez. Quindi la risposta è sì ma nello stesso tempo magari non accadrà nulla”.

Nel finale della chiacchierata con Nacho Albarran protagonisti sono i sentimenti. “La cosa più bella e più difficile da spiegare è quello che provo quando rientro a casa e vedo l’allegria sul volto di mio figlio. Inoltre” – racconta Rafa – “ovunque sia stato in questi mesi, ho trovato grande affetto. In Grecia, per esempio, non sapevo di essere così popolare. Anche alla mia Accademia ricevo tutti i giorni visite, tantissimi bambini e testimonianze di vicinanza. Per questo sono grato a tutti”.

Continua a leggere

ATP

Matteo Arnaldi: “Dopo la sconfitta con Alcaraz ho capito che non sono distante dai top player”

Le parole dell’azzurro su ciò che resta della stagione: “L’esordio in Davis è stato positivo. Ma con la squadra al completo non c’è posto per me”. Per l’immediato furuto: “Punto ad essere testa di serie in Australia”

Pubblicato

il

Matteo Arnaldi – Coppa Davis 2023 (foto di Roberto dell'Olivo)

Sulla carta, stando ai calcoli del computer, è il n.4 d’Italia. Nella pratica, può essere definito pienamente in questo momento il n.2, per le emozioni suscitate e i progressi costanti mostrati. Matteo Arnaldi infatti sta compiendo una crescita vertiginosa, ma non precipitosa, bensì graduale, a piccoli passi. La prima vittoria ATP, prima vittoria su un top 10 (Ruud), primi ottavi in un Major, fino alla soddisfazione dell’esordio in Coppa Davis. Tutto questo in nove mesi scarsi, in cui ha saputo salire alla ribalta delle cronache, iscrivendosi a pieno merito anche nel tennis del presente, oltre che come speranza del futuro. Ma, nonostante le prestazioni, i grandi avversari affrontati, rimane sempre un ragazzo di 21 anni, in cui l’emozione sgorga facilmente, specie guardandosi indietro e rendendosi conto di dove sia arrivato. E, la Nazionale, come rivela in un’intervista a Tuttosport, per Matteo è l’ideale culmine di questo percorso.

L’emozione Davis non ha eguali

Non so esprimere fino in fondo le emozioni provate nel giocare per il mio Paese“, spiega il n.48 ATP, “devo dire che mi piace giocare con la pressione del pubblico: bello sentire il tifo tutto per me, un’iniezione di energia. All’inizio non ero neppure convocato, poi essere io a condurre la nazionale alle fasi finali è una cosa pazzesca. Però è stato un lavoro di squadra, non solo merito mio“.

Umiltà e spirito di sacrificio, due elementi che sono parte fondante dell’essere di Arnaldi, il cui gioco è anche spesso contraddistinto dall’entusiasmo e la passione che sa mettere in campo, come dimostrato nelle vittorie contro Borg e Garin. Ma specie in quella sul cileno: “Le mie due vittorie sono state entrambe importanti, però se devo scegliere diciamo che la prima non si scorda mai…Una settimana veramente fantastica, ho giocato più di quanto mi sarei aspettato. Ma da un certo punto di vista penso di averlo meritato: venivo da New York dove ho disputato il miglior torneo della mia vita, avevo un buon feeling e abbastanza fiducia in me stesso“.

 

Anche dalla sconfitta si impara

Lo US Open ha lanciato Arnaldi in prima pagina, e soprattutto sull’Arthur Ashe, dove si è arreso, a testa alta, a Carlos Alcaraz. Una partita, seppur persa, che il sanremese considera un punto di svolta della sua giovane carriera: “L’avventura agli US Open mi ha permesso di vivere il debutto in azzurro con meno apprensione. Giocare nello stadio più grande del mondo, pieno di gente e contro il n.1, è stata l’esperienza migliore da portarsi dietro. E ne sono uscito con la consapevolezza di non essere distante dai top player. Certo, ci sono ancora tanti aspetti da migliorare, ma il match con Alcaraz è stato un punto di riferimento per capire ciò che questi campioni fanno meglio“.

Il primo obiettivo stagionale, grazie a questo e i tanti buoni risultati accumulati (vedasi la prima semifinale ATP), è stato raggiunto, con l’ingresso in top 50. Ma Matteo non si pone limiti, guarda sempre più in alto: “Sono uno che ha sempre aspettative alte su sé stesso, con continue sfide. La prima è appunto mantenere la top 50, difendo un centinaio di punti da qui a fine anno e non è un traguardo scontato. E uno degli obiettivi stimolanti può essere cercare di chiudere il 2023 in modo da essere testa di serie all’Australian Open“.

Senza dimenticare che c’è anche un’Olanda che ci aspetta in Andalusia, ad aprire il percorso delle Final 8 di Davis, dal 21 al 26 novembre. Un ennesimo scalino che sarebbe la realizzazione di un ulteriore sogno per Arnaldi, consapevole certamente della folta schiera da cui ha da scegliere capitan Volandri. “Nella squadra al completo non credo ci sia posto per me“, ammette con tranquillità e lungimiranza Matteo, “per il momento mi godo l’esordio. Malaga è tra due mesi e ci sono altri giocatori davanti a me in classifica“.

In fin dei conti ci spera, di poter essere nei rappresentanti di quella che potrebbe essere una storica Final 8 per i colori azzurri. E ha ampiamente dimostrato che, quando spera e crede in qualcosa, ben presto fa in modo di realizzarla.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement