Fognini si ritira dal Maia Open. Addio top100? "Non era di certo la fine che desideravo e meritavo!"

ATP

Fognini si ritira dal Maia Open. Addio top100? “Non era di certo la fine che desideravo e meritavo!”

Il ligure attualmente occupa la posizione numero 107, alle spalle di Denis Shapovalov e Tomas Barrios Vera. Il 104esimo posto, quello occupato da Liam Broady, ad oggi, dista 9 punti Atp.

Pubblicato

il

 

Si ferma la scalata di Fabio Fognini, costretto a dare forfait al torneo di Maia per un problema al polpaccio. In questo finale di stagione il tennista ligure, ex numero 9 delle classifiche Atp, stava cercando disperatamente di tornare dentro la top100 per strappare l’accesso diretto al tabellone principale degli Australian Open. Il nativo di Sanremo, vincitore la scorsa settimana del Challenger di Valencia, ha annunciato il ritiro prima di scendere in campo negli ottavi di finale del Maia Open contro il francese Martineau. L’azzurro, n.107 al mondo, non è riuscito a recuperare dai problemi fisici accusati durante la vittoria in rimonta sul tedesco Gentzsch.

Questo lo sfogo del 36enne sul suo profilo Instagram: “Non era di certo la fine che desideravo e meritavo! L’obiettivo era molto vicino e per come stavo giocando mi sentivo in grado di raggiungerlo! Ma si sa, lo sport è così… a volte dà, a volte toglie… E nonostante tutto e tutti sono ORGOGLIOSO di come ho dimostrato a me stesso di aver superato momenti duri con lotta, sacrificio e amore per questo sport. Son dovuto scendere a compromessi con me stesso, e alla mia età e dopo la carriera che ho avuto, non è stato semplice… Nessuno mi potrà togliere ciò che ho fatto con lealtà, trasparenza, sacrificio ma soprattutto onestà, che nel mio vocabolario valgono molto di più di una semplice partita di tennis, vinta o persa che sia!!! Ad maiora. Vi voglio bene”.

Dunque è praticamente certo che Fognini resti fuori dal cut-off per il main draw a Melbourne. Il ligure sarà costretto così ad affrontare le qualificazioni per entrare nel tabellone principale dello Slam australiano nel 2024. L’unica alternativa è sperare nel ritiro di qualche giocatore che lo precede in classifica, in modo da scalare le gerarchie. Ai tornei dello Slam accedono 128 giocatori, di cui 104 tramite ranking, 16 attraverso le qualificazioni e 8 con le wild card. Fabio Fognini attualmente occupa la posizione numero 107, alle spalle di Denis Shapovalov e Tomas Barrios Vera. Il 104esimo posto, quello occupato da Liam Broady, ad oggi, dista 9 punti Atp.

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
Australian Open4 settimane fa

Australian Open – Perché credo che questo Sinner batterà questo incerto Djokovic. Ma non al quinto set

Editoriali del Direttore4 settimane fa

Australian Open: Sabalenka regina quasi scontata. Bolelli Vavassori in vista Slam. E diritti tv: Sky, Supertennis, FITP: la negoziazione langue

ATP4 settimane fa

La storia del tennis italiano chiama a sé Sinner, da De Stefani a Berrettini passando per le vittorie di Pietrangeli, Panatta, Schiavone e Pennetta

Australian Open4 settimane fa

Australian Open – Jannik Sinner è molto più calmo di tutti quelli che oggi lo osannano. Un anno fa era il tennista dei… senza

Novak Djokovic - Australian Open 2024 (X @AustralianOpen)
Australian Open4 settimane fa

Australian Open, Djokovic: “Sono scioccato, uno dei miei peggiori match di sempre”

Australian Open4 settimane fa

Australian Open, Sinner tranquillizza tutti: “L’addome? Nulla di che”. Contro Djokovic alle 4.30 italiane

Editoriali del Direttore3 settimane fa

Jannik Sinner non è un patriota per cui tifare perché non paga le tasse in Italia? Non sono d’accordo con Aldo Cazzullo e Massimo Gramellini

Australian Open4 settimane fa

Australian Open – La grande attesa per i duellanti dai tanti punti in comune Djokovic e Sinner. Vinca il migliore? “Sperem de no”

ATP3 settimane fa

Trattative Sky-FITP-Supertennis. A che punto è la negoziazione dei diritti-tv

Flash4 settimane fa

Australian Open, Scanagatta: “Ora per tutti Sinner è diventato il favorito. Per lui meglio Medvedev piuttosto che Zverev. E’ stato 7 ore in campo meno del russo battuto a Pechino, Vienna e Torino” [VIDEO]

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement