Perché nel gioco della vita lo sport più duro è il tennis

evidenza

Perché nel gioco della vita lo sport più duro è il tennis

Le lacrime di Federer in Australia dopo la sconfitta con Nadal, la disperazione di Murray a Wimbledon: le interviste al giocatore che ha appena perso una finale Slam sono lo spettacolo più viscerale di una profonda disperazione

Pubblicato

il

Wimbledon 2015 - Roger Federer (foto di Fabrizio Maccani)
 

di Tim Ellis, pubblicato da Forbes il 17 settembre 2023

“Forse ci riproverò più tardi. Dio, mi sta uccidendo”, ha detto in lacrime Roger Federer interrompendo il proprio discorso durante la celebrazione della finale dell’Australian Open 2009. Il tennis, e più specificamente Rafa Nadal, aveva inferto un duro colpo al figlio prediletto di Wimbledon. Miliardi di spettatori stavano vedendo dal vivo e in technicolor l’anima distrutta dello svizzero. Esiste un post-partita più brutale in cui devono essere espletati istantaneamente i ringraziamenti di rito e i doveri aziendali?

Gli US Open non sono stati timidi nel promuovere il loro 50esimo anniversario per la parità di premi in denaro per uomini e donne, ma ciò non ha avuto alcun valore rispetto al dolore mostrato dalla finalista sconfitta Aryna Sabalenka. Dopo non essere riuscita a domare il tifo casalingo e Coco Gauff, alla bielorussa è stato chiesto cosa avesse guadagnato dall’anno 2023 (a parte un numero uno in classifica e tanti soldi). Ecco un indizio: dopo una devastante sconfitta in tre set, non sapeva cosa dire. Il tennis è un gioco mentale che dilania le emozioni.

Le interviste al giocatore che ha appena perso la finale di uno Slam sono probabilmente lo spettacolo più viscerale di una profonda disperazione. La sconfitta di Andy Murray a Wimbledon nel 2012 contro Federer era la sua quarta consecutiva in una finale Slam. Ha pianto come Roger. Novak Djokovic voleva così tanto quell’Open di Francia nel 2015 contro Stan Wawrinka. La folla lo ha intuito e ha applaudito a lungo per sollevare lo spirito del serbo. La genialità di Ons Jabeur scompare nella fase finale degli Slam, sostituita da un impostore più grottesco di quanto Rudyard Kipling avrebbe potuto immaginare. È stata sopraffatta da quel pozzo di disperazione prima della fine.

Il tennis è il gioco più duro quando il tumulto interiore diventa pubblico, uno spettacolo dell’anima che si nutre delle inibizioni e le massimizza affinché il mondo possa vederle. Quando il meccanismo si rompe, il giocatore in campo è esposto, privo di controllo. L’avversario deve solo mantenere la palla in gioco se c’è un tracollo dall’altra parte. Il capitano di cricket australiano Steven Waugh era solito scatenare il potere delle tattiche di “disintegrazione mentale”. I tennisti possono sconfiggere sé stessi.

La crudezza della sconfitta è ciò che attraversano tutti i professionisti, ma assorbire tutto da soli senza allenatori, colleghi, partner o amici è una grande sfida. Mentre i vincitori si arrampicano sugli spalti per festeggiare con i propri cari, la visione dei vinti è cruda e vuota. Sabalenka era a pezzi alla fine della sconfitta contro Gauff. Il filmato della miglior giocatrice del mondo che rompe una racchetta e la getta in un cestino dopo la tortura pubblica tra risate e pianti della cerimonia ne è una testimonianza. Niente è più privato .

“Ogni punto è una decisione difficile, quindi devono essere davvero forti. Dico sempre che nel mio sport a volte ci nascondiamo uno dietro l’altro, possiamo sempre trovare delle scuse nel successo e nel fallimento e in questo modo il tennis è fenomenale perché devi essere davvero forte, ha detto l’allenatore di calcio José Mourinho. Ha ragione.

“C’è un uno contro uno là fuori, amico. Non c’è modo di nascondersi. Non posso passare la palla”, ha osservato Pete Sampras riguardo alla sfida specifica che questo sport presenta. Andre Agassi ha ipotizzato che lo sport rispecchia la vita attraverso il suo lessico. “Vantaggio, servizio, fallo, break, love” sono i principi dell’esistenza quotidiana, sosteneva Agassi. Ogni ora può diventare la più bella o la più buia a seconda delle scelte fatte.

La battaglia titanica è un gioco interiore e non esclusivamente contro il rivale. Il livello di coraggio necessario per bloccare la voce interiore è notevole. Quando Federer affrontò nuovamente Nadal nella finale degli Australian Open, otto anni dopo quella schiacciante sconfitta, lo svizzero adottò un approccio diverso.

“Mi sono detto di giocare libero”, ha detto. “Gioca la palla, non l’avversario. Sii libero nella tua testa, sii libero nei tuoi colpi, provaci. Qui i coraggiosi verranno premiati. Non volevo essere spraffatto solo facendo tiri, vedendo piovermi addosso i dritti di Rafa. Penso che sia stata la decisione giusta al momento giusto.”

Il tormento che il tennis porta con sé si vede nel più naturale dei talenti. Nick Kyrgios ha ammesso: “Nel vivo della battaglia, io sono due persone diverse. A volte oltrepasso il limite, è solo la mia passione, questa è la mia emozione. Milioni di persone ti stanno guardano e non stai giocando al meglio. Non saresti frustrato e arrabbiato?”

Oggi c’è un fascino nel modo in cui i giocatori reagiscono anche a un break subito (vedi la racchettata data da Djokovic al nastro della rete a Wimbledon). Gli spettatori possono guardare direttamente nell’anima del solitario tormentato attraverso la rete. La battaglia per imporre la propria superiorità si ripete costantemente. L’equilibrio della partita può essere soggetto ad improvvisi cambiamenti. È stressante perdere il controllo così in fretta. Le urla dei giocatori al proprio box sono disperate richieste di aiuto.

“Come ho detto in campo, sarebbe stato bello vincere entrambi, ma nel tennis non esistono pareggi. A volte è brutale”, ha detto Federer dopo aver vinto il suo primo Slam in cinque anni. Lui lo sa.

Traduzione di Massimo Volpati

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
Australian Open4 settimane fa

Australian Open – Perché credo che questo Sinner batterà questo incerto Djokovic. Ma non al quinto set

Editoriali del Direttore4 settimane fa

Australian Open: Sabalenka regina quasi scontata. Bolelli Vavassori in vista Slam. E diritti tv: Sky, Supertennis, FITP: la negoziazione langue

ATP4 settimane fa

La storia del tennis italiano chiama a sé Sinner, da De Stefani a Berrettini passando per le vittorie di Pietrangeli, Panatta, Schiavone e Pennetta

Australian Open4 settimane fa

Australian Open – Jannik Sinner è molto più calmo di tutti quelli che oggi lo osannano. Un anno fa era il tennista dei… senza

Novak Djokovic - Australian Open 2024 (X @AustralianOpen)
Australian Open4 settimane fa

Australian Open, Djokovic: “Sono scioccato, uno dei miei peggiori match di sempre”

Australian Open4 settimane fa

Australian Open, Sinner tranquillizza tutti: “L’addome? Nulla di che”. Contro Djokovic alle 4.30 italiane

Editoriali del Direttore3 settimane fa

Jannik Sinner non è un patriota per cui tifare perché non paga le tasse in Italia? Non sono d’accordo con Aldo Cazzullo e Massimo Gramellini

Australian Open4 settimane fa

Australian Open – La grande attesa per i duellanti dai tanti punti in comune Djokovic e Sinner. Vinca il migliore? “Sperem de no”

ATP3 settimane fa

Trattative Sky-FITP-Supertennis. A che punto è la negoziazione dei diritti-tv

Flash4 settimane fa

Australian Open, Scanagatta: “Ora per tutti Sinner è diventato il favorito. Per lui meglio Medvedev piuttosto che Zverev. E’ stato 7 ore in campo meno del russo battuto a Pechino, Vienna e Torino” [VIDEO]

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement