Novak Djokovic si racconta. "I giovani risvegliano una bestia dentro di me". Federer e Nadal? "C'è grande rispetto ma non siamo amici"

Flash

Novak Djokovic si racconta. “I giovani risvegliano una bestia dentro di me”. Federer e Nadal? “C’è grande rispetto ma non siamo amici”

E sulla questione COVID 19 dice: “Sono diventato praticamente il cattivo del mondo. In sostanza avevo la maggior parte del mondo contro di me”

Pubblicato

il

Novak Djokovic, Parigi-Bercy 2023 (via @atptour)
 

Novak Djokovic ha concesso una lunga intervista a Jon Wertheim per il programma Cbs “60 minutes”. Tra i tanti temi toccati le vecchie rivalità che lo hanno forgiato (Federer e Nadal) e quelle nuove che lo hanno spinto ad andare oltre i suoi limiti (Alcaraz). Ma anche il Covid, la politica e i sacrifici che occorrono per restare al vertice. Da questa intervista esce un ritratto del campione serbo a 360 gradi.

Djokovic alla CBS: “In campo a volte scoppio, ma poi so resettare”

Novak è come un predatore. Il contatto visivo è una parte importante del gioco. Osserva i suoi avversari mentre cambiano campo, mentre si siedono sulle loro panchine – anche mentre bevono acqua. Il modo in cui bevono, sudano e respirano è importante per Djokovic. Prende tutto in considerazione, valutando come sfruttare i punti deboli del gioco del suo avversario. Quando il serbo vinse la finale di singolare maschile degli US Open del 2023 battendo Daniil Medvedev – che ha quasi dieci anni meno di lui – divenne l’uomo più anziano a vincere il torneo nell’era Open. A favorirlo è questa continua ricerca di stimoli, questi giovani affamati che stanno provando a scalzarlo dal trono. “Penso che in un certo senso risvegliano una bestia dentro di me”, ha detto. 

Certo oggi Djokovic non è più veloce come una volta, ma è più saggio e preciso. Il suo allenamento si concentra non solo sulla precisione ma anche sulla forza mentale. “Non è un regalo”, dice. “È qualcosa che arriva con il lavoro”. Mentre molti nello sport cercano di rimanere positivi e sentono che non c’è spazio per dubbi e paure, Djokovic abbraccia qualunque cosa senta e poi tira dritto per la sua strada. “La differenza, immagino, tra i ragazzi che riescono a diventare i più grandi campioni e quelli che lottano per raggiungere il livello più alto, è la capacità di non rimanere troppo a lungo in quelle emozioni,” ha detto Djokovic. Quindi per me è davvero relativamente breve. Quindi non appena lo sperimento, lo riconosco. Forse, sai, scoppio. Urlo in campo, qualunque cosa accada. Ma poi sono in grado di riprendermi e resettare”.

Djokovic: “La vicenda Covid? Sono diventato il cattivo del mondo, ma non sono no-vax”

A volte capita di superare la soglia dell’autocontrollo, e quando succede si finisce per rompere delle racchette. “Non ne sono orgoglioso. E mi vergogno di me stesso quando lo faccio, senza dubbio”, ha detto. “Ma allo stesso tempo, sai, mi accetto come un essere umano imperfetto.”

Anche se ha superato i suoi rivali in classifica e nel libro dei record, Djokovic sa di non essere sempre il più popolare. “La quantità di pressione e stress è molto maggiore se hai [la] folla contro di te“, ha detto. Novak ha affrontato questo problema per gran parte della sua carriera – e alcuni pensano addirittura che lo faccia giocare meglio. “Allo stesso tempo, in realtà mi piace di più stare in [un] ambiente dove, sai, ho un buon supporto”, ha detto. 

Sebbene non fosse estraneo al tifo contro, Djokovic è diventato oggetto di una controversia più ampia all’inizio del 2022, quando “sono diventato praticamente il cattivo del mondo. Djokovic, che non è stato vaccinato contro il COVID-19, ha ottenuto un’esenzione per giocare agli Australian Open 2022 in un momento in cui il paese stava uscendo da un lungo lockdown. Fu poi allontanato dal paese dopo la protesta pubblica. “Praticamente avevo la maggior parte del mondo contro di me”, ha detto Djokovic. “Ho avuto quel tipo di esperienza sul campo da tennis con un pubblico che forse non mi incoraggiava, ma non avevo mai avuto questa particolare esperienza prima in vita mia.

Nole dice di non essere anti-vaccini, è solo “a favore della libertà di scegliere” quando si tratta di prendere o meno il vaccino. Djokovic è riuscito a tornare in Australia quest’anno dove ha vinto gli Australian Open e ha eguagliato il record di titoli in singolare maschile di Rafael Nadal. 

Djokovic: “La sconfitta con Alcaraz a Wimbledon mi ha fatto inc…are”

Da allora Djokovic ha vinto ancora più titoli, ma all’inizio della sua carriera ha faticato a sfondare contro Roger Federer e Rafael Nadal. C’è grande rispetto per Federer e Nadal ma non siamo amici perché siamo rivali, e questo rende difficile il fatto di stare vicini e condividere intimità della nostra vita che potrebbero essere usate contro di noi. Abbiamo condiviso il palco per così tanti anni con grande rispetto, quindi spero che un giorno, quando il sipario si chiuderà, potremo sederci, parlare e riflettere, sarebbe fantastico”. 

Dice di essersi sentito intimidito da loro prima delle partite importanti, a cominciare dallo spogliatoio. Djokovic ricorda di aver visto Nadal saltare e sprintare negli spogliatoi agli Open di Francia. “Posso persino sentire la musica che sta ascoltando, sai, nelle sue cuffie“, ha detto Djokovic. “Quindi, sai, mi fa incazzare.” Per Djokovic la competizione inizia molto prima di scendere in campo. “All’inizio della mia carriera, non mi rendevo conto di come tutto ciò facesse parte dello scenario, giusto? Quindi ne ero intimidito”, ha detto Djokovic. “Ma mi motiva anche a fare cose da solo e a dimostrare che sono pronto, sai? Sono pronto per una battaglia, per una guerra.”

Djokovic si impegna a restare in gioco e afferma che i suoi figli, Tara di 6 anni e Stefan di 9 anni, sono parte della sua motivazione per andare avanti. “In realtà anni fa sognavo che mia figlia e mio figlio potessero vedermi vincere Wimbledon”. “Quindi è successo diverse volte. Sono stato molto fortunato a sperimentarlo.”

Come restare al vertice superati i 30 anni? Il definitivo prolungamento della carriera potrebbe essere una nuova generazione di rivali per tenerlo sulle spine, come il ventenne Carlos Alcaraz , l’unico giocatore a battere Djokovic in un major quest’anno. Djokovic dice che lo spagnolo è il giocatore più completo che si vedesse da secoli. Perdere contro di lui a Wimbledon è stato energizzante, e Djokovic ha detto che “mi ha fatto incazzare così tanto che avevo bisogno di vincere tutto sul suolo americano, cosa che ho fatto. È una grande opportunità per me reinventarmi e spingere davvero più forte di quanto abbia mai fatto”.

Continua a leggere
Commenti
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement