TORNA LA DAVIS, PARTE LA CACCIA ALLA R.CECA: PARTE ALTA

Coppa Davis

TORNA LA DAVIS, PARTE LA CACCIA ALLA R.CECA: PARTE ALTA

Pubblicato

il

 
 

TENNISNel prossimo week-end riparte la corsa alla storica insalatiera. Nella parte alta del tabellone i campioni in carica affrontano in casa l’Olanda, il Canada di Raonic e Pospisil va a casa di Nishikori. Suggestivo Francia-Australia, mentre la Spagna sarà impegnata in Germania. Stefano Tarantino

Come da tradizione nella settimana successiva alla conclusione del primo Slam dell’anno, gli Australian Open, riparte la Coppa Davis, storica manifestazione a squadre riservata alle rappresentative nazionali maschili.

 

Il prossimo week-end sarà infatti riservato agli ottavi di finale del World Group ed al contempo agli incontri di 1° turno dei vari raggruppamenti zonali.

Si riparte dal successo della Repubblica Ceca, che a Belgrado a novembre si è confermata campione. Chi sarà in grado di detronizzare Berdych & Co. imbattuti oramai da due anni?

Analizziamo il tabellone principale in tre parti. Le sfide della parte alta, il match che ci riguarda più da vicino, Argentina-Italia, ed infine la parte bassa con rapido accenno anche ai match dei vari World Group zonali.

Iniziamo quindi dalla parte alta

R.CECA-OLANDA

I campioni in carica ospitano alla Cez Arena di Ostrava (veloce, indoor) l’Olanda di capitan Siemerink.

Torna sulla panchina dei cechi Jaroslav Navratil, assente nella finale di Belgrado per seri problemi di salute (embolia polmonare). Lo storico capitano non giocatore ha prolungato di altri due anni il contratto con la Federazione Ceca dopo essersi assicurato che i suoi top player, in primis Stepanek e Berdych, avessero voglia di continuare a garantire la loro presenza nella Davis.

Per la sfida con i “tulipani” Navratil ha praticamente confermato il solito quartetto, con l’unica variante che al fianco di Berdych, Stepanek e Rosol, invece di Jan Hajek, presente a Belgrado, è stato convocato il giovane di belle speranze Jiri Vesely, classe 1993.

Sull’altra sponda l’Olanda è riuscita nello spareggio di settembre a tornare nella massima serie della Davis dopo la netta vittoria in casa contro l’Austria. Certo ricominciare dai campioni in carica non è proprio il compito più facile, ma allo stesso tempo gli olandesi non hanno nulla da perdere e possono giocarsi tranquillamente la sfida a cuor leggero. Per l’occasione Jan Siemerink ha convocato un terzetto di singolaristi, capeggiato dal talentuoso ma incostante Robin Haase, che sarà affiancato da Igor Sjisling e Thiemo De Bakker, con il primo che dovrebbe essere titolare. Il quarto uomo è invece il doppista Jean Julien Rojer, dal quale non si può prescindere per il match del sabato.

I precedenti tra le due nazioni sono cinque, la R.Ceca  conduce per 4-1 (anche se nelle prime quattro era ancora Cecoslovacchia) ma l’unica vittoria olandese è datata addirittura 1925. Le sfide più recenti sono state giocate a Praga nel 1978 (vittoria dei padroni di casa per 3-1) e a Leiden in Olanda nel 2006 (vittoria ceca per 4-1 ma sfida già chiusa con il doppio). Piccola curiosità, proprio nell’ultimo precedente ci fu l’esordio di Robin Haase in Davis tra gli olandesi (suo l’unico punto conquistato a risultato acquisito) mentre tra i cechi in campo c’era Berdych.

Inutile dire che i cechi sono nettamente favoriti e quanto visto agli Australian Open non può che confermare il pronostico. La semifinale raggiunta da Berdych é un valido certificato di garanzia per il nr.1 locale, mentre Stepanek ritiratosi in singolare per un problema alla spalla, ha comunque poi giocato il doppio in coppia con Paes e sembra quindi aver risolto l’infortunio. Navratil volendo potrebbe anche rischiare Rosol (buon inizio di anno per lui) nella prima giornata come secondo singolarista per tenersi fresco Stepanek per il doppio.

Tra gli olandesi nessuno dei singolaristi in questo inizio di stagione ha vinto un match nei tabelloni principali ai quali ha partecipato, il solo De Bakker è arrivato all’ultimo turno delle qualificazioni agli Australian Open venendo poi eliminato dall’americano Williams.

Insomma, pronostico a senso unico.

R. Ceca 95% – Olanda 5%

GIAPPONE- CANADA

Sfida suggestiva all’Ariake Coliseum (veloce, indoor) di Tokyo tra i padroni di casa ed il Canada capeggiato da Raonic e Pospisil, team semifinalista nella passata edizione.

Sono cinque i precedenti tra le due nazioni, tutti molto datati. Le sfide furono infatti giocate tra il 1923 ed il 1938, tutte al Mount Royal Tennis Club di Montreal e tutte sull’erba. Ebbene tutti gli incontri furono sempre vinti dal Giappone.

Questa sembrerebbe quindi sulla carta l’occasione buona per i nordamericani per abbattere questo curioso tabù.

Il Giappone si affiderà naturalmente a Kei Nishikori, da poco passato alle cure di Michael Chang, al quale in singolare sarà affiancato Go Soeda, nr. 83 del ranking, decisivo nello spareggio giocato contro la Colombia in settembre in quanto vincitore sul 2-2 dell’ultimo singolare. Contrariamente alle recenti convocazioni, il capitano Ueda a rinunciato a Tatsuma Ito, che in doppio faceva coppia fissa (con risultati non proprio soddisfacenti) con Yoichi Sugita, regolarmente convocato nell’occasione. Come quarto uomo è stato chiamato Yasutaka Uchiyama, nr. 279 del ranking, il che è tutto dire.

Tra i canadesi capitan Laurendeau ha convocato la formazione tipo con Raonic, Pospisil e l’inossidabile Nestor (che a settembre compirà 42 anni) per il doppio accompagnati a Tokyo da Frank Dancevic, preferito in questo caso a Jesse Levine.

In Australia Nishikori ha ben figurato uscendo solo per mano di Rafa Nadal al quarto turno, mentre tra i canadesi Raonic non è andato oltre il terzo turno eliminato dal bulgaro Dimitrov (da Milos ci si attendeva qualcosa in più). Sfortunato invece Pospisil costretto al ritiro prima del match di terzo turno contro il futuro vincitore dello Slam Wawrinka per problemi alla schiena che lo stanno limitando da inizio stagione (il canadese era stato costretto al ritiro anche nella semifinale di Chennai e sempre contro Wawrinka). Poco da dire su gli altri convocati.

I canadesi partono con i favori del pronostico. L’unico dubbio può essere rappresentato proprio dalle condizioni di Pospisil, ma in condizioni normali gli ospiti dovrebbero raccogliere i due punti contro Soeda in singolare e a meno di clamorose sorprese sono nettamente favoriti in doppio (Nestor e Pospisil sono molto rodati, ma anche Raonic al fianco di Nestor si saprebbe far valere).

Per i locali oltre a sperare in una doppia vittoria di Nishikori (che nella sostanza potrebbe anche non essere un evento così improbabile) ci sarebbe da compiere un miracolo o nel doppio o in uno dei due singolari di Soeda.

Sulla carta ci sembra troppo, poi in Davis non si sa mai. Comunque Canada favorito.

Giappone 30%- Canada 70%

GERMANIA-SPAGNA

Le Furie rosse si recano a Francoforte (veloce indoor) dove ad attenderle c’è una Germania che vuole provare a sfruttare il fattore campo.

La Spagna deve fare a meno nella sfida degli ottavi di Rafa Nadal (oltretutto menomato dopo la finale di Melbourne), David Ferrer (che ha preferito saltare l’impegno con la nazionale per tirare il fiato) e Nicolas Almagro  (anche lui reduce da problemi fisici che lo hanno costretto a saltare anche gli Australian Open). Ma la formazione schierata da Carlos Moya, al debutto come capitano non giocatore sulla panchina iberica, non è poi così male. La scelta è caduta su Feliciano Lopez, sempre a suo agio sul veloce, e sul sorprendente Roberto Bautista-Agut, giunto sino agli ottavi a  Melbourne ed al suo esordio in Davis. Ad accompagnare quelli che dovrebbero essere i due singolaristi ci saranno Fernando Verdasco e David Marrero, affiatatissimi in doppio (lo stesso Marrero è nr. 8 nel ranking di specialità, i due hanno vinto in coppia il Master di specialità l’anno scorso). Senza naturalmente contare che Verdasco rappresenta comunque una valida alternativa per i singolari.

La Germania però non intende lasciare nulla al caso e così Arriens ha scelto di convocare il meglio del meglio. Haas, Kohlschreiber, Florian Mayer e Brands gli uomini che dovranno provare a fermare gli spagnoli e guadagnarsi l’accesso ai quarti di finale. Dei quattro tedeschi il più in forma appare Florian Mayer che ha giocato uno splendido inizio di stagione raggiungendo le semifinali a Doha e gli ottavi agli Australian Open. Haas è stato costretto al ritiro in terra australiana per problemi al gomito e non è ancora sicuro della sua presenza a Francoforte, in quanto l’infortunio pare ancora non risolto. Sembra stare meglio invece Philipp Kohlschreiber, costretto a saltare il primo Slam dell’anno per un problema fisico. Brands è invece un ottimo giocatore sul veloce, aggressivo e dal servizio molto potente ed oltretutto dovrebbe essere la prima scelta per il doppio.

I precedenti tra le due nazionali sono addirittura 15, gli spagnoli conducono 9-6. La Germania non batte la Spagna dal 1994, quando sull’erba di Halle i tedeschi si imposero 3-2 guidati da Michael Stich. Nelle due sfide più recenti doppia vittoria spagnola. Nel 2008 a Brema Nadal e Ferrer travolsero i padroni di casa 4-1, mentre nel 2009 a Marbella gli iberici soffrirono non poco la verve di Philipp Kohlschreiber, spuntandola solo 3-2 con vittoria nell’ultimo singolare.

La sfida si presenta bella equilibrata, sicuramente per quanto visto in questo inizio di stagione Feliciano Lopez e Bautista-Agut sembrano in condizioni migliori rispetto ai tedeschi e nel doppio Marrero e Verdasco sembrano più affidabili di una qualsiasi coppia locale possa scendere in campo. Probabilmente si deciderà tutto nella prima giornata, un 2-0 spagnolo metterebbe le cose al sicuro, una situazione di parità renderebbe la sfida molto intrigante e dal difficile pronostico.

Preferenza allora per la Spagna, ma occhio ai tedeschi. Germania 40%- Spagna 60%

FRANCIA-AUSTRALIA

L’Australia torna dopo 7 anni nel World Group e ricomincia dalla difficile trasferta in terra francese  (La Roche sur Yon, terra rossa, indoor).

I francesi rinunciano dopo ben 11 anni a Michael Llodra, sprofondato oltre la 100° posizione ed in non buone condizioni di forma. Ma le scelte di Arnaud Clement sono di primo livello. Gasquet, Tsonga, Monfils e Benneteau sono il top che il team transalpino può permettersi al momento, tenendo conto che Simon ha problemi fisici e Roger-Vasselin sarebbe comunque stato al suo esordio in Davis. Clement ha preferito non correre rischi, i francesi vogliono andare avanti nella manifestazione alla ricerca della Davis che manca dal 2001, guarda caso proprio quando i transalpini colsero un incredibile successo sull’erba australiana.

Gli “Aussie” sembrano spacciati, vista anche l’opportuna scelta della terra rossa da parte dei padroni di casa e l’assenza di Bernard Tomic, costretto al ritiro al primo turno degli Australian Open da un problema all’anca che lo terrà lontano dai campi per almeno un mese e mezzo. Pat Rafter ha preferito allora optare per la convocazione delle due giovani speranze australiane, Thanasi Kokkinakis e Nick Kyrgios (quest’ultimo oltretutto già convocato e schierato in doppio nello spareggio vittorioso in Polonia di settembre) che hanno fatto un’ottima impressione a Melbourne e sui cui sono apposte le speranze del tennis australiano per un radioso futuro, lasciando di conseguenza a casa il più navigato MArinko Matosevic. Chiaramente il leader degli “Aussie” sarà l’instancabile Lleyton Hewitt, dal quale gli australiani non possono proprio prescindere nonostante l’ex nr.1 del mondo vada per i 33 anni. Convocato anche Chris Guccione, che in doppio dovrebbe proprio affiancare Hewitt, a meno che come già fatto a Varsavia nei play-off, non si decida di farlo giocare con Kyrgios.

I precedenti sono ben 14 tra i due paesi e l’Australia conduce 10-4. Curiosità statistica, gli ultimi due precedenti sono stati due finali, entrambe poi vinte dalle squadre in trasferta. Nel 1999 l’eroe della sfida fu Mark Philippoussis, uno che quando decideva di giocare bene non conosceva ostacoli. I francesi scelsero la terra di Nizza per ospitare la finale, ma Philippoussis fece un piccolo capolavoro superando sia Cedric Pioline che Sebastien Grosjean. Completarono l’opera i “woodies” nel doppio (al secolo Todd Woodbridge e Mark Woodforde) per quello che sarebbe stato il penultimo successo nella manifestazione degli australiani, vincitori poi anche nel 2003 (ricordiamo che le Davis “aussie” sono ben 28).

Nel 2001 la scena si ripeté a parti invertite. Gli australiani ospitarono la finale sull’erba del Melbourne Park, l’eroe della sfida fu Nicolas Escude, capace di battere prima Lleyton Hewitt e poi sul 2-2 Wayne Arthurs che aveva sostituito un esausto Pat Rafter. Nel doppio furono Pioline e Santoro ad ottenere il terzo punto battendo Hewitt e lo stesso Rafter. Quello fu per i francesi l’ultimo successo nella manifestazione.

Analizzando invece la sfida del prossimo week-end, i francesi partono nettamente con i favori del pronostico, sia per la superficie, sia per quanto visto ai recenti Australian Open. Ci vorrebbe davvero una prova monstre di Hewitt per portare a casa almeno un punto in singolare o al contrario una brutta prova dei padroni di casa per perdere almeno un paio di singolari ed il doppio.

Vero che può accadere di tutto ma la Francia non crediamo si lasci sfuggire l’occasione di passare ai quarti.

Francia 80% – Australia 20%

 

Continua a leggere
Commenti

Coppa Davis

Coppa Davis, i convocati delle 16 partecipanti: Djokovic c’è, Alcaraz guida la Spagna in assenza di Nadal. Torna Zverev

Il tedesco è pronto a rientrare dopo l’infortunio subito al Roland Garros. Tra i campioni Slam presenti anche Marin Cilic (nel girone con l’Italia) e Andy Murray

Pubblicato

il

Novak Djokovic - Finali Coppa Davis 2021 Madrid (Photo by Diego Souto / Quality Sport Images / Kosmos Tennis)

Tra poco meno di un mese inizierà la fase a gironi della Davis Cup by Rakuten Finals 2022, in programma da martedì 13 a domenica 18 settembre. Le sedi saranno quattro, una per girone: la Unipol Arena di Bologna (Girone A), il Pabellón Municipal Fuente de San Luis di Valencia (Girone B), la Am Rothenbaum di Amburgo (Girone C) e la Emirates Arena di Glasgow (Girone D).

In ogni gruppo avanzeranno le prime due classificate, che approderanno alla Final 8 in programma a Malaga a fine stagione, dal 22 al 27 novembre. L’Italia ha già reso noti i 5 azzurri che saranno a Bologna e così hanno fatto le altre 15 federazioni. Vediamo nel dettaglio la situazione girone per girone.

Girone A: Italia, Croazia, Argentina, Svezia

Il Gruppo A è quello dell’Italia che, oltre ai cinque ragazzi scelti da Filippo Volandri, vede presenti anche la pericolosa Croazia di Marin Cilic (e degli ex numero 1 di doppio Mektic/Pavic), l’Argentina di Diego Schwartzman e la più abbordabile Svezia dei fratelli Ymer. Di seguito l’elenco dei convocati per ogni squadra:

 
  • Italia: Jannik Sinner, Matteo Berrettini, Lorenzo Musetti, Fabio Fognini, Simone Bolelli. Capitano: Filippo Volandri
  • Croazia: Marin Cilic, Borna Coric, Borna Gojo, Mate Pavic, Nikola Mektic. Capitano: Vedran Martic
  • Argentina: Diego Schwartzman, Francisco Cerundolo, Sebastian Baez, Horacio Zeballos, Maximo Gonzalez. Capitano: Guillermo Coria
  • Svezia: Mikael Ymer, Elias Ymer, Jonathan Mridha, Karl Friberg, Andre Goransson. Capitano: Johan Hedsberg

Girone B: Spagna, Canada, Serbia, Corea del Sud

Il Gruppo B doveva essere il girone di ferro, ma le assenze di Felix Auger-Aliassime e Denis Shapovalov peseranno tantissimo sul destino del Canada, le cui speranze di qualificazione sono ridotte al lumicino. Spagna favorita per il primo posto anche senza Nadal, trascinata da Carlos Alcaraz e Carreno Busta fresco vincitore del Masters 1000 di Montreal. Attenzione comunque alla Serbia di Novak Djokovic. Di seguito l’elenco dei convocati per ogni squadra:

  • Spagna: Carlos Alcaraz, Pablo Carreno Busta, Roberto Bautista Agut, Alejandro Davidovich Fokina, Marcel Granollers. Capitano: Sergi Bruguera
  • Serbia: Novak Djokovic, Miomir Kecmanovic, Filip Krajinovic, Laslo Djere, Dusan Lajovic. Capitano: Viktor Troicki
  • Canada: Vasek Pospisil, Alexis Galarneau, Liam Draxl, Gabriel Diallo, Cleeve Harper. Capitano: Frank Dancevic
  • Corea del Sud: Kwon Soon-woo, Hong Seong-chan, Nam Ji-sung, Song Min-kyu. Capitano: Park Seung-Kyu

Girone C: Germania, Francia, Belgio, Australia

Una piacevole e attesa notizia arriva dalla federazione tedesca, che potrà contare su Alexander Zverev. Il numero 2 del mondo non gioca una partita ufficiale dalla semifinale del Roland Garros contro Rafael Nadal, in cui è stato costretto al ritiro. La sua presenza per il prossimo US Open, in programma tra due settimane, è a forte rischio, ma certamente difenderà i colori della sua Nazionale a settembre. Il Gruppo C comprende anche Francia, Belgio e Australia, costretta a fare a meno di Nick Kyrgios.

  • Germania: Alexander Zverev, Oscar Otte, Jan-Lennard Struff, Tim Puetz, Kevin Krawietz. Capitano: Michael Kohlmann
  • Francia: Benjamin Bonzi, Adrian Mannarino, Arthur Rinderknech, Nicolas Mahut. Capitano: Sebastian Grosjean
  • Belgio: David Goffin, Zizou Bergs, Michael Geerts, Sander Gille, Joran Vliegen. Capitano: Johan van Herck
  • Australia: Alex de Minaur, Thanasi Kokkinakis, Matthew Ebden, Max Purcell. Capitano: Lleyton Hewitt

Girone D: Gran Bretagna, Stati Uniti, Kazakistan, Paesi Bassi

Molto intrigante anche il Gruppo D, probabilmente il più equilibrato. Non poteva mancare Andy Murray a Glasgow a lottare per la sua Gran Bretagna, mentre sarà Taylor Fritz a guidare gli Stati Uniti orfani dei suoi big server Reilly Opelka e John Isner. Da non sottovalutare il Kazakistan del funambolico Alexander Bublik e i Paesi Bassi di Van de Zandschulp e Van Rijthoven.

  • Gran Bretagna: Cameron Norrie, Daniel Evans, Andy Murray, Joe Salisbury. Capitano: Leon Smith
  • Stati Uniti: Taylor Fritz, Frances Tiafoe, Tommy Paul, Jack Sock, Rajeev Ram. Capitano: Mardy Fish
  • Kazakistan: Alexander Bublik, Dmitry Popko, Mikhail Kukushkin, Aleksandr Nedovyesov, Andrey Golubev. Capitano: Yuriy Schukin
  • Paesi Bassi: Botic van de Zandschulp, Tallon Griekspoor, Tim van Rijthoven, Wesley Koolhof, Matwe Middelkoop. Capitano: Paul Haarhuis

Continua a leggere

Coppa Davis

Coppa Davis, convocazioni: i cinque azzurri scelti da Volandri

Matteo Berrettini e Jannik Sinner guidano l’Italia per il girone di Bologna. Fognini, Bolelli e Musetti completano il roster

Pubblicato

il

Matteo Berrettini e Jannik Sinner (foto Twitter @federtennis)

In vista della fase a gironi delle Davis Cup by Rakuten Finals 2022, che si svolgerà
dal 13 al 18 settembre prossimi sul veloce indoor della Unipol Arena di Casalecchio di Reno a Bologna,
il capitano della Nazionale italiana, Filippo Volandri, ha convocato i seguenti giocatori:

  • Matteo Berrettini
  • Simone Bolelli
  • Fabio Fognini
  • Lorenzo Musetti
  • Jannik Sinner

La Davis Cup by Rakuten torna dopo 46 anni nella città di Bologna ospitando uno dei quattro gironi della
fase finale e vedrà protagoniste quattro squadre: oltre all’Italia, Argentina, Croazia e Svezia. Il ritorno
della più antica competizione sportiva mondiale per squadre nazionali nel capoluogo regionale coincide
con un anniversario storico: ricorre infatti quest’anno il centenario dalla prima partecipazione della
Nazionale italiana alla Coppa Davis.

Filippo Volandri, capitano della Nazionale italiana di Coppa Davis:
“Quello di Bologna è un girone molto duro, probabilmente uno dei più equilibrati, ma allo stesso tempo
molto stimolante. Ritrovare la Croazia, contro cui abbiamo perso lo scorso anno a Torino, sarà un motivo
ulteriore di rivincita e faremo tesoro dell’esperienza del 2021. Sono sicuro che la squadra si farà trovare
pronta e darà il massimo per centrare la qualificazione ai quarti e volare così a Malaga per la fase
decisiva. Giugno e luglio hanno visto i nostri tennisti conquistare bellissimi successi in singolare con
Matteo, Lorenzo e Jannik e abbiamo anche una coppia di doppio competitiva e affiatata come quella
composta da Fabio e Simone, che di recente hanno vinto il torneo a Umago e giocato la finale a Bastad:
non a caso sono in corsa per la qualificazione alle Nitto ATP Finals di Torino in doppio. C’è un grande
entusiasmo per il nostro sport, come testimoniano lo spazio sempre più ampio sui media,
i dati
dell’audience televisiva e, soprattutto, il fatto che si sente parlare sempre più di tennis e non soltanto di
calcio. È ovvio che questo ti dà delle responsabilità in più però per me queste rappresentano un
privilegio: gestire una squadra importante e forte come la nostra mi rende molto fiducioso, anche per
l’attaccamento che i ragazzi dimostrano quando vestono la maglia azzurra: in Coppa Davis la coesione
del gruppo è un elemento fondamentale che può anche essere decisivo”.

 

SPUNTI TECNICI: Il nostro coach analizza colpo per colpo, foto per foto, Jannik Sinner al microscopio

Gli incontri della fase a gironi si giocheranno in quattro differenti città: oltre a Bologna, le sedi sono
Amburgo, Glasgow e Valencia. Le 16 squadre partecipanti sono state suddivise in quattro gironi da
quattro, con le prime due classificate che accederanno alla fase finale. La formula prevede per ogni
incontro la disputa di due singolari e di un doppio, tutti al meglio dei due set su tre.
Fase a gironi:
Gruppo A (Bologna): Croazia, Italia, Argentina, Svezia
Gruppo B (Valencia): Spagna, Canada, Serbia, Corea del Sud
Gruppo C (Amburgo): Francia, Germania, Belgio, Australia
Gruppo D (Glasgow): Usa, Gran Bretagna, Kazakhstan, Olanda

SPUNTI TECNICI: Il nostro coach analizza colpo per colpo, foto per foto, Lorenzo Musetti al microscopio

Tutti i match della fase a gironi saranno visibili su SuperTennix, la piattaforma di streaming on line della
Federazione Italiana Tennis.
Questo il calendario del Gruppo A, con gli incontri che prenderanno il via alle ore 15:
13 settembre: Argentina-Svezia
14 settembre: Italia-Croazia
15 settembre: Croazia-Svezia
16 settembre: Italia-Argentina
17 settembre: Croazia-Argentina
18 settembre: Italia-Svezia
È possibile acquistare online i biglietti per i sei match del girone di Bologna collegandosi al sito web
tickets.italy.daviscupfinals.com e su quello di Ticket One (www.ticketone.it).

UFFICIO STAMPA FIT

Continua a leggere

Coppa Davis

Niente Coppa Davis per Nadal: a novembre esibizioni in Sudamerica tra polemiche e una causa milionaria in arrivo

Argentina (con Del Potro), Cile, Messico e Colombia aspettano Rafa. Intanto un’azienda chiede un risarcimento da 10 milioni per essere stata messa da parte nell’organizzazione del tour

Pubblicato

il

Rafael Nadal (ESP) in action against Botic Van De Zandschulp (NED) in the fourth round of the Gentlemen's Singles on Centre Court at The Championships 2022. Held at The All England Lawn Tennis Club, Wimbledon. Day 8 Monday 04/07/2022. Credit: AELTC/Simon Bruty

Il 2022 di Rafa Nadal continua a essere ricco di accadimenti: dopo i due trionfi Slam, i problemi fisici e l’attesa paternità, ora potrebbe arrivare anche un affaire giudiziario. Lui e una società rappresentata a livello legale dalla madre saranno probabilmente citati in giudizio in una causa da 10 milioni di dollari. Il pomo della discordia è in questo caso il tour di esibizioni che il campione spagnolo affronterà a fine novembre in Sudamerica. E le notizie fuoriuscite su questa serie di incontri, con date annesse, hanno anche un significato meramente tennistico: ammesso che la Spagna si qualifichi alle finali di Coppa Davis, la squadra capitanata da Bruguera non potrà comunque contare sulla sua stella più luminosa.

Stando alla stampa argentina, il 23 novembre Nadal sarà al Parque Roca di Buenos Aires, dove affronterà l’idolo di casa Juan Martin del Potro nell’ultima passerella d’addio al tennis del giocatore di Tandil. L’indomani, o al massimo il 25, Rafa si dovrebbe spostare in Cile per regalare al pubblico la gioia di vedere il proprio portacolori Tabilo sfidare un 22 volte campione Slam. Se non si dovessero creare conflitti con le ATP Finals di Torino (dal 13 al 20 novembre), proprio nei giorni delle esibizioni, invece, sarà in corso a Malaga la fase finale della Davis. Per quanto Nadal abbia già realizzato imprese ai limiti del possibile nel corso della sua carriera, viene difficile pensare che possa anche essere ubiquo.

D’altro canto, non è nemmeno così scontata la presenza della squadra spagnola visto che prima – a settembre – dovrà superare un girone di ferro condiviso con Serbia e Canada, oltre che con la Corea del Sud. E anche in questa occasione, la Spagna con tutta probabilità dovrà fare a meno di Rafa, impegnato la settimana precedente a New York (US Open) e quella successiva a Londra (Laver Cup). L’Italia del capitano Volandri guarderà interessata, stando però attenta a non sottovalutare il suo di girone.

 

Questo il risvolto “di campo” della vicenda che però è alquanto bollente soprattutto per il suo lato economico-giudiziario. Il tour di esibizioni dovrebbe infatti fruttare a Rafa ben 10 milioni di dollari. “Dovrebbe” perché nell’organizzazione delle partite non tutto è andato liscio. Il manager di Nadal, Carlos Costa, ha infatti ricevuto pesanti accuse da Lisandro Borges dell’azienda argentina “World Padel Center LCC”. Borges ha spiegato al canale televisivo argentino “Todo Noticias” che Costa ha chiuso un accordo con Marcelo Figoli per il pagamento da 10 milioni, mentre sarebbe stato ancora in corso di validità un contratto di esclusiva tra l’azienda di Borges e la società che detiene i diritti d’immagine di Nadal (Aspermir, la cui rappresentante legale è la madre di Rafa) per la programmazione e la vendita delle quattro partite. Il manager spagnolo avrebbe risposto che l’iniziale richiesta di proroga del contratto non si sarebbe poi mai tradotta nella sua firma.

Carlos Costa è un farabutto e gliel’ho detto, ma per lui non conta niente. Crede di poter fare quello che vuole perché ha alle spalle Rafael Nadal. Fare causa a quello che secondo me è il miglior atleta della storia ed anche un bravissimo ragazzo perché il suo manager è un mascalzone, non mi diverte, ma la verità è che quando qualcuno ti crea tanti problemi quanto quest’uomo (Costa, ndr) ha causato a noi, non ci sono altre strade”. Così Borges non ha fatto trasparire tutta la sua frustrazione per il danno d’immagine subito dopo essersi speso per organizzare in prima persona l’esibizione argentina e con la collaborazione dei fratelli Lapentti (Nicolas è un ex top 10) quella messicana. L’imprenditore ha infatti raccontato di aver coinvolto anche il governo argentino e di aver predisposto una serie di attività, iniziando anche l’opera di promozione.

Borges, prima di intraprendere la strada legale, ha cercato una mediazione scrivendo una lettera sia alla società Aspermir che allo stesso Nadal. La risposta attesa nei cinque giorni successivi non è arrivata e così il processo sembra ormai inevitabile.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement