Crotta e lo sport: "Tutti i ragazzi hanno il diritto al sogno"

Interviste

Crotta e lo sport: “Tutti i ragazzi hanno il diritto al sogno”

Pubblicato

il

TENNIS – Per gli amici di Ubitennis intervistiamo Vittorio Crotta, personalità di spicco del movimento tennistico italiano, già capitano non giocatore di Coppa Davis e commentatore sportivo. Attualmente è promotore e ideatore dell’iniziativa di carattere sportivo-sociale: “Il testimone ai testimoni”.

TENNIS – Alle nove del mattino Vittorio Crotta è pronto per la sua giornata di impegni, in perfetta forma. Il suo volto austero è pronto ad illuminare nuovamente una giornata che si preannuncia, come al solito, ricca di eventi. Occorre essere in perfetta forma fisica per affrontare tutti gli obblighi che la sua professione richiede, ma non abbiate paura cari amici di Ubitennis, Vittorio sarebbe in grado di sopportare ritmi ancor più frenetici tant’è  inesauribile la sua carica d’energia “Gli impegni sono una bella cosa e poi non sono nient’affatto vecchio, anzi ho molte più energie di un ventenne.. Se riuscissi a seguirmi per tutta un’intera giornata te ne accorgeresti!”.

 

E’ di buon umore Vittorio e usa l’arma dell’ironia per rendere piacevole ogni istante passato in sua compagnia.

Ci accoglie nel suo ufficio “La mia seconda casa”  come ama definirla lui, che sorge all’interno del Tennis club Ivrea di cui Vittorio (ma da tutti conosciuto come “Victor”) è responsabile tecnico.

E’ dal 2006 che Vittorio ha dato nuova linfa alla terra rossa del circolo d’Ivrea. Sarà lo spirito da Peter Pan  che alberga in lui, o l’esperienza di una carriera che ha segnato in modo concreto la storia del tennis italiano, o semplicemente l’amore per la sua terra. Saranno ragioni più profonde che non desidera comunicare, non sarà nulla di questo o saranno tutte queste ragioni messe insieme. Sta di fatto che Vittorio Crotta ha riportato in auge un circolo che, dopo i fasti dell’era Olivetti, ha rischiato di diventare un cumulo di macerie.

Non me lo ricordare!  E’ stata una di quelle decisioni che non prenderesti mai se la ponderi per bene  – confida il maestro eporediese sorridendo-, ma a un certo punto ha prevalso il desiderio di tornare e fare qualcosa per la mia città. D’altronde se sono stato quello che sono stato il merito va anche alla mia terra. Ancora oggi i miei amici più intimi mi dicono: ma perché Vittorio? A quest’ora potevi rilassarti in ben altri lidi.. Invece ti sei preso proprio una bella gatta da pelare!

Sai però cosa ti dico? Rifarei la stessa scelta, non me ne sono mai pentito e fare qualcosa di concreto per la comunità che mi ha visto nascere è la migliore delle ricompense che possa aspettarmi.”

Eh si, perché Vittorio Crotta oltre ad essere il factotum del Tennis Club Ivrea è anche l’ideatore, il promotore e il principale sostenitore dell’iniziativa sociale “Il testimone ai testimoni” nata nel 2004 e portata avanti nonostante numerosi momenti difficili.

Vittorio ci fa accomodare, ci offre una buona tazza di caffè confermando le sue doti di ospitalità che mi erano state predette e ci presenta l’iniziativa che sta portando avanti che è un po’ la ragione di questa lunga intervista.

Il testimone ai testimoni è un’iniziativa nata nel 2004 da una mia idea – esordisce Victor ,- immediatamente accolta e sostenuta da don Luigi Ciotti, fondatore del Gruppo Abete e dall’associazione Libera.

L’idea è quella di utilizzare la naturale attrazione e le enormi possibilità comunicative che lo sport esercita sui ragazzi per veicolare messaggi che siano positivi per la formazione del loro carattere, diversi da quelli generalmente enfatizzati dai media (vittoria ad ogni costo, notorietà, scorciatoia per la ricchezza, ecc..)”

Vittorio, cos’è per te lo sport?

Lo sport per me è un mezzo per arrivare ovunque. Lo sport ha un potere aggregante e un linguaggio universale che abbattono differenze di qualsiasi genere e consentono la comunicazione tra popoli e culture diverse. Lo sport lo vedo come tutela della salute, come educazione ed un’etica di impegno fisico e mentale, come educazione al consumo e alla  alimentazione consapevoli. Lo sport è vita”.

Vittorio non è mai banale, è davvero piacevole parlare con lui anche perché balugina nei suoi occhi il riflesso dell’amore per l’iniziativa che sta sostenendo da molti anni. Accompagna ogni parola con un gesticolare intenso quasi voglia aumentarne l’effetto. Mi verrebbe quasi da dirgli che non è necessario, perché ogni sua parola è pesante come un macigno, ma mi rendo conto che sarebbe superfluo perché Victor è fatto così. E’ un fiume in piena che non può essere arrestato e non ho nessuna intenzione di farlo.

Vicotr siamo al decennale da quando la tua iniziativa ha preso vita, potresti descrivere per gli amici di Ubitennis  come si articola questa manifestazione?

Certo, hai un paio d’ore?”  sorride “Dai scherzo, vedrò di essere il più sintetico possibile!

L’idea alla base di tutto è che i ragazzi, tutti i ragazzi, hanno diritto al gioco, come modalità primaria di espressione e socializzazione; e hanno diritto al sogno.

Il “testiomone ai testimoni” propone loro la pratica sportiva come gioco, ma un gioco con regole da rispettare; e stimola il sogno, che vuol dire proiettare se stessi in un futuro nel quale i propri limiti attuali saranno superati, grazie all’impegno e alla costanza

Il “testimone ai testimoni” utilizza ogni occasione che si presenti nel corso delle sessioni di sport per focalizzare l’attenzione dei ragazzi sull’importanza del rispetto dell’avversario e il rispetto delle regole. Noi incitiamo i nostri ragazzi a capire che l’avversario non deve venire visto come un nemico, deve essere visto come un compagno di divertimento perché senza di lui, non ci sarebbe competizione.

Allo stesso scopo il progetto organizza incontri con personalità illustri dello sport e della società civile, nel corso dei quali si propongono con forza ai ragazzi messaggi etici, quali il rifiuto del doping e di ogni forma di scorrettezza, il rifiuto di tifare contro, eccetera.

Inoltre cerchiamo di creare un  trait d’union tra i giovani e i meno giovani alternando una competizione indirizzata principalmente ai ragazzi, a momenti culturali e di approfondimento che possano essere apprezzati anche dai cittadini più in là con gli anni”.

Anche dal punto di vista creativo, il tuo progetto alimenta la competizione sana tra le scuole proponendo un concorso particolare. C’è ne vuoi parlare?

“Certo. Sempre con lo stesso obiettivo poc’anzi raccontato, il progetto organizza un concorso multimediale su temi specifici (rispetto della diversità, valori olimpici, eccetera), nel quale i ragazzi possono dare spazio alla loro fantasia ed esprimere la loro creatività con l’aiuto degli insegnanti.

Tutto ciò nella consapevolezza che il rispetto degli altri e delle regole è una tappa fondamentale del percorso che porterà i ragazzi a diventare cittadini consapevoli, attenti ai valori della solidarietà e della legalità.”

C’è davvero da rimanere affascinati Vittorio. In primis ti faccio i miei più sinceri complimenti per l’iniziativa cosa per altro che sono sicuro possa essere condivisa da tutta la redazione di Ubitennis, ora però mi piacerebbe sapere come viene organizzata questa manifestazione, quali sono le modalità operative alla base di questo progetto?

La scuola come ti dicevo in precedenza, è ovviamente il luogo privilegiato per iniziative che vogliano essere indirizzate ad una vasta popolazione di giovani. Fin dalle origini il “Testimone ai testimoni” ha ottenuto il supporto di insegnanti e direttori didattici e ha potuto inserirsi con successo nell’iter formativo delle scuole locali.

In particolare le sessioni di motricità e sport, gli incontri con personalità di rilievo e il concorso multimediale si sviluppano lungo l’intero anno scolastico, mentre nell’ultimo mese di scuola si concentrano un’intera settimana di attività sportiva multidisciplinare e una suggestiva cerimonia/festa di chiusura. In tale occasione si premiano i vincitori del concorso, si premia una persona che, nel proprio campo di azione, abbia vissuto la propria vita all’insegna dei valori sostenuti dal “Testimone ai testimoni” (premio “Campione nella vita”) e si corre per le strade cittadine la cosiddetta “Staffetta della legalità”.

Ci puoi dare qualche numero per permettere ai nostri amici di capire lo sforzo che sostieni con questo progetto?

Assolutamente. La popolazione scolastica interessata dalle attività motorie in ogni singolo anno è di circa tremila unità, con età compresa tra i 4 anni delle materne e i 18 anni dei maturandi .Partecipano al progetto le scuole di 29 comuni del Canavese e, tra attività sportive e incontri culturali, sono coinvolti circa 15.000 studenti.

Complessivamente, nelle nove edizioni già realizzate, il “Testimone ai testimoni” ha dunque avuto circa 100.000 partecipazioni.”

Questo progetto davvero encomiabile ha il sostegno dell’amministrazione pubblica?

“Questo è il più grande rammarico e la principale difficoltà: non esiste alcun aiuto da parte delle istituzioni. E noi a lungo andare non possiamo andare avanti a sobbarcarci tutto senza avere un minimo di sostegno.

Vorrei sottolinearti che di questo circolo siamo solo affittuari essendo proprietà comunale. Abbiamo rifatto praticamente da zero gli spogliatoi, contiamo quattro campi in terra e due polivalenti, senza contare che siamo gli unici in Italia ad aver fornito più di mille ore gratuite di attività alle scuole materne e di prima infanzia. Tutto senza ricevere aiuti di alcun tipo. Per il futuro abbiamo molti progetti, ma senza un aiuto da parte dell’amministrazione saremo obbligati a rivedere i nostri programmi”

Solita Italia insomma, tanti sprechi, tante parole, ma quando effettivamente si potrebbe fare qualcosa di concreto per il bene della comunità, spariscono tutti.

Vittorio, quali sono gli obiettivi di lungo termine? Qual è il motivo per cui ti sei sobbarcato un impegno di questa portata? Cosa piacerebbe che venisse ricordato di questa iniziativa tra 50 anni? Sperando chiaramente che possa rinnovarsi di anno in anno magari con il sodalizio delle istituzioni

“Sono due le ragioni che mi spingono a tenere duro nonostante tutte le difficoltà:

La prima è quella di creare un circolo virtuoso formando giovani cittadini consapevoli, i quali a loro volta potranno aiutare i futuri ragazzi a seguire il loro stesso percorso. Il nome “Testimone ai testimoni”  ricorda appunto che gli adulti, “testimoni” dei valori acquisiti, passeranno ai futuri ragazzi “il testimone”, in una specie di staffetta tra generazioni. 

La seconda ragione è quella di elevare il livello medio fisico, tecnico e mentale di una vasta popolazione a partire  dall’età scolare, aumentando così anche le probabilità di individuare ragazzi che possano sviluppare capacità sportive di alto livello.

Per conseguire questi obiettivi è necessario che tutti coloro che si avvicinano al “Testimone ai testimoni” non si attendano risultati immediati e ne condividano un valore fondante, che è poi un valore fondante anche nella pratica sportiva: la continuità. Senza continuità nessun obiettivo è possibile”.

Vittorio, un’ultima domanda: sei stato ex capitano non giocatore di Coppa Davis, hai rappresentato per numerosi anni il tennis italiano sia come giocatore che come figura fuori dal campo, sei stato uno dei primissimi campioni sportivi a cimentarsi dietro un microfono  come commentatore tecnico in RAI, sei stato giornalista. Insomma hai fatto nella tua vita tantissime cose, ora questa, probabilmente quella che senti maggiormente perché è una tua creatura. In questi 10 anni hai visto una marea di bambini, potresti dirci effettivamente qual è il principale ostacolo per l’avviamento dei giovani allo sport professionistico?

In primo luogo mi permetto di correggerti. Non credo sia corretto dire che una persona svolga un’azione credendoci di meno o di più rispetto ad un’altra. Io credo che in ogni impegno, ognuno di noi dia il meglio di sè. Ho fatto tante cose, mi sono sempre sforzato di farle al meglio, ora sono in una fase della mia vita in cui sto facendo questo e ci sto dedicando il massimo della dedizione. Come ho sempre fatto e come continuerò a fare. Per ciò che concerne la tua domanda, senza essere banale e non considerando forse il fattore economico (probabilmente la causa principale) che spesso risulta decisiva per poter intraprendere una attività sportiva professionistica, credo che una delle cause principali sia l’abnegazione all’allenamento.”

Cosa intendi per abnegazione all’allenamento?

“L’esercizio fisico è purtroppo sottovalutato come componente prioritaria nell’educazione dei più piccoli. Spesso per ignoranza dei genitori che non capiscono come il calcio a un pallone, un servizio nel volley o qualunque altro gesto atletico abbia alle spalle lo studio e l’impegno di allenatori, medici e preparatori impegnati in un lavoro complesso.  I ragazzi dovrebbero fare attività fisica a prescindere, poi, crescendo, possono dedicarsi a ciò per cui si sentono più portati: molti talenti rimangono fatalmente inespressi per questa superficialità. Non si diventa atleti per caso, come non si diventa uomini per caso. La vita è un processo evolutivo, così come lo sport”.

Da cittadino eporediese, da cittadino italiano, da uomo consapevole e rispettoso del lavoro altrui finalizzato al bene comune, non posso fare altro che terminare questa intervista con tre semplici vocaboli che racchiudono meglio di ogni altro panegirico di parole i miei sentimenti e il mio stato d’animo alla fine di questo incontro: Grazie mille Viktor.

Continua a leggere
Commenti

Interviste

Andreescu genuina: “Sono la fo***ta campionessa di Indian Wells!”

La conferenza stampa della vincitrice del BNP Paribas Open 2019. “Un anno fa stavo giocando un 25k in Giappone. Sono rilassata. Mi fido dei miei colpi”

Pubblicato

il

Bianca Andreescu con trofeo - Indian Wells 2019 (via Twitter, @AustralianOpen)

IL PODCAST DEI NOSTRI INVIATI

 

Una nuova stella si è aggiunta al firmamento del tennis femminile. Quella della 18enne canadese (di chiare origini rumene) Bianca Andreescu, che ha sconfitto in una finale incerta sin dalle prime battute Angelique Kerber con un 6-4 3-6 6-4, diventando la prima wild card nella storia di Indian Wells a vincere il torneo.

La tennista canadese ha continuato una tradizione crescente di Indian Wells, quella di lanciare i talenti migliori del tennis femminile. Qui Serena Williams nel 1999 vinse il suo primo Premier Mandatory in finale contro la Graf, e lo scorso anno Naomi Osaka vinse il suo primo titolo WTA in assoluto, lanciandola nella corsa che l’avrebbe portata alla vittoria di due Slam consecutivi. E vista la giovane età di Andreescu, sono stati fatti molti paralleli in conferenza stampa, non dribblati dalla diretta interessata. “Sì, è stata sicuramente un’ispirazione vederla vincere prima qui l’anno scorso e poi due Slam, è stato fantastico.”.

Andreescu non si è mostrata timida davanti alla stampa, come abbiamo imparato a conoscerla durante questo torneo. Esprimendo tutte le sensazioni provate durante la partita, ma parlando con la calma e la spigliatezza di una veterana. La tennista canadese ha ricordato i periodi difficili passati per via degli infortuni, ma in momenti del genere è quasi impossibile non lasciarsi andare almeno un po’; diciamo che non ha avuto molti peli sulla lingua. “Un anno fa, di questi tempi, ho avuto molti problemi con il mio corpo ed il mio tennis. Quindi è pazzesco cosa può cambiare in un anno. Stavo giocando un 25k in Giappone, e ora sono il – posso dire quella parola con la F? No, non posso. (Sorridente). La fo***ta campionessa di Indian Wells! È pazzesco”.

Il suo tennis ha rappresentato una vera e propria novità questa settimana. Ricco di variazioni e di creatività, oltre che solido nei fondamentali, si è rivelato un vero e proprio rebus per qualsiasi sua avversaria, anche contro una giocatrice reattiva ed esperta come Angie Kerber. La stessa Andreescu è stata esplicita sulle soluzioni tattiche adottate durante la partita, soprattutto sulla scelta di giocare una palla molto alta sul rovescio della tedesca. “Sì, è stato sicuramente d’aiuto ma non si tratta di alzare la palla. Ho colpito forte sul suo rovescio e con più rotazione. Sembra una palla molto alta perché non l’ho impostata correttamente, ma non è mia intenzione”.

L’aspetto più impressionante della ragazza canadese è senza dubbio la forzao mentale.  Sul punteggio di 2-1 nel secondo set ha accusato dei problemi fisici al braccio destro, e si è vista costretta a chiamare il medical time-out, per poi subire un break subito dopo. Non si è scomposta, così come dopo i tre match point falliti, in un misto di coraggio ed incoscienza. Sicuramente ha aiutato la sua passione per la meditazione, che spiega parte del suo approccio. Sono rilassata. Mi fido di me stessa. Mi fido dei miei colpi. Sono fiduciosa. In quei momenti, provo a respirare il più possibile, per concentrarmi. Questo è quello che faccio di solito prima della partita. In questo torneo, mi ha sicuramente aiutato. Sono stata concentrata ogni partita. Ci sono stati alcuni alti e bassi in alcune partite, ovviamente. Il tennis non è uno sport perfetto. Questo vuol dire tutto per me”.

IL MOVIMENTO CANADESE – Non sono mancate domande sulla nuova generazione di talenti del Canada, che accomuna Andreescu (classe 2000) a Shapovalov (1999) e Auger-Aliassime (2000). Bianca non ha nascosto che la vittoria di qualsiasi canadese dà a ciascuno di noi la motivazione e l’ispirazione per fare bene. Se loro possono farlo, noi possiamo. Penso che questa vittoria darà fiducia a tante persone, giovani atleti o magari che aspirano a diventarlo. E io ho solo 18 anni, quindi, sì, se io posso farlo, loro possono”. Che sia il Canada il futuro del tennis? Certamente con questo exploit il paese nordamericano promette di ritagliarsi anche uno spazio importante nel circuito femminile, sperando che Andreescu non tradisca le aspettative come già fatto da Eugenie Bouchard.

Certo, stando alla mentalità che dimostra di avere, è difficile che questa ragazza non faccia strada. L’unica pressione che sento è quella che metto su me stessa. Cerco di non pensare alla stampa, ai fan e nulla. Quindi mi concentro solo su me stessa, è tutto ciò che conta per me.”.

STUDI E FUTURO – Ovviamente non è mancato l’accenno alle sue origini rumene, sopratutto per il saluto finale in rumeno che ha riservato al pubblico – “Ho detto, grazie, ragazzi, per il supporto che mi date. Vi amo.” – e alla sua giovane età, in risposta a una precisa domanda sui suoi studi, che ha dovuto un po’ tralasciare. “No, in realtà sono indietro di un anno. Sto facendo online. Ci sto lavorando. Ma è difficile perché dopo gli allenamenti questa è l’ultima cosa che voglio fare. Sono solo così stanca. Ma credo che la conoscenza sia potere, quindi sto facendo del mio meglio per finirlo. E spero in futuro di riuscire a fare alcuni corsi online durante la mia carriera per tenere la mente allenata.”

Chissà che Bianca non possa divenire una vera e propria minaccia per quella che sembrava già pronta a diventare “l’era Osaka”. Lei dopotutto, ancora non ci pensa. Non voglio davvero concentrarmi sul futuro ora. Voglio solo godermi questo momento, perché non voglio dare nulla per scontato. Non si sa mai cosa porterà la prossima settimana. Voglio solo godermelo senza pensarci” . Come darle torto. D’altronde, per pensare in grande c’è ancora molto tempo.

IL VIDEO DELLA CONFERENZA

Giorgio Di Maio

Continua a leggere

Interviste

Federer la prende bene: “Non è una tragedia”

Nonostante la sconfitta in finale, Roger è soddisfatto del suo tennis e guarda con ottimismo al prossimo Masters 1000 di Miami

Pubblicato

il

A volte è inutile cercare di analizzare una sconfitta. Così sembra pensarla Roger Federer riguardo alla finale di Indian Wells persa contro Dominic Thiem, nonostante il parziale di vantaggio. Il turno di servizio sotto 2 a 1 nel secondo set? “Non ho battuto bene e ho fatto qualche errore nella costruzione del punto. Lui è stato bravo ad approfittarne. Forse lo ha aiutato avere il vento a favore”. Le due palle corte che gli si sono ritorte contro sul 5 pari?Volevo vincere il punto e non ci sono riuscito. Lui le ha giocate molto bene”. E allora tutto si riduce al fatto che semplicemente un tennista ha semplicemente giocato un po’ meglio dell’altro nei momenti più importanti, in questo caso Thiem rispetto a Federer. “È difficile capire cosa è andato storto. Non sono riuscito a rispondere come lui ha fatto sul cinque pari? E perché? Puoi guardare ai dettagli e scavare ma alla fine non ci capiresti nulla. Ed è molto più facile e corretto dire che lui ha giocato un po’ meglio quando ne aveva bisogno”, ha tagliato corto il campione svizzero in conferenza stampa.

Peraltro le condizioni di gioco erano particolarmente favorevoli all’austriaco, che ha potuto conquistare il suo primo Masters 1000 in carriera. Quando giochi contro Dominic hai la sensazione che ogni suo colpo sia pesante e carico di rotazioni. Penso che per questo sia andato così bene qui in questa settimana”, ha sottolineato Federer. “Sono sorpreso che non abbia ottenuto buoni risultati anche nelle scorse edizioni perché questi campi premiano i tennisti che giocano in pressione su ogni colpo e hanno un buon servizio in kick. La palla rimbalza molto alta ed è difficile da controllare. Questo è un po’ il suo segreto che lo fa giocare molto bene anche sulla terra”, ha detto in proposito. Detto questo, c’è stato spazio anche per tanti complimenti a Thiem, che è molto ben voluto all’interno dello spogliatoio.

 

Insomma, una sconfitta contro un giocatore che gli sta simpatico, che ha giocato meglio nei momenti decisivi, sfruttando le condizioni di gioco. Una sconfitta che ci sta, che è nell’ordine delle cose, che capita. E allora non si può che prenderla con filosofia, senza farne una tragedia. “Non sono molto deluso. È così che va. È frustrante ma mi è già successo tante volte in carriera e so come superare questa sensazione molto rapidamente”, ha proseguito un Roger estremamente sereno. E a tranquillizzarlo, nonostante la seconda finale consecutiva persa ad Indian Wells, sono la qualità del suo gioco e le buone condizioni fisiche. In California, in tutti gli altri match disputati, il maestro di Basilea non aveva infatti perso nemmeno un set, sconfiggendo anche avversari di tutto rispetto come Stan Wawrinka e Kyle Edmund, grazie a prestazioni molto solide. E le scorie del torneo di Dubai non si sono fatte sentire, cosa ormai tutt’altro che scontata per chi quest’anno spegnerà 38 candeline. “Forse non mi brucia così tanto la sconfitta perché sento di star giocando bene. Come è successo in Australia d’altronde. I colpi ci sono, il corpo risponde bene”, ha affermato Federer. “Quando ti senti così prendi le sconfitte in maniera più positiva. Non è una tragedia. Ma quando invece tutto è difficile le sconfitte fanno più male”. 

Roger Federer – Indian Wells 2019 (foto @Sport Vision, Chryslène Caillaud)

E ora si va a Miami, seconda tappa del Sunshine Double, dove Federer ha vinto tre volte, l’ultima due anni fa in finale contro Rafa Nadal. “Sì vado a Miami”, ha confermato il 20 volte campione Slam. “Mi sento bene e questo mi tiene di buon umore. È un privilegio lasciare un torneo in queste condizioni. Sono molto contento di ciò”. La novità in Florida è la sede del torneo. Infatti, il torneo ha abbandonato la pittoresca ma ormai troppo piccola location di Key Biscane per approdare all’Hard Rock Stadium, lo stadio della locale squadra di Football Americano, e nei campi adiacenti che sono stati costruiti dal nulla per l’occasione. “Tutti si dovranno abituare alle nuove condizioni. Sono curioso di scoprire come sono. Ho sentito che pioverà nei prossimi giorni. Spero di riuscire ad allenarmi un po’”, ha affermato il fenomeno elvetico. Considerate le sue recenti performance e l’assenza di Nadal, tutto lascia presagire che Federer possa arrivare in fondo anche a Miami. Lo svizzero è moderatamente ottimista a riguardo. “Mi sento bene. quindi perché non dovrei avere fiducia? Ma vedremo com’è il tabellone, come mi sento nei prossimi giorni”, ha detto. Non sarebbe di certo una sorpresa vederlo competitivo anche la prossima settimana.

Continua a leggere

Interviste

Thiem finalmente saggio: “Il corpo ha bisogno di riposo. Va ascoltato o se lo prende da solo”

L’austriaco si prepara ad affrontare Federer in finale. Ci è arrivato con un pizzico di fortuna, e con ‘l’aiuto’ delle sconfitte sulla terra. Ed è sicuro che il ritiro di Nadal non lo sfavorisca rispetto a Federer

Pubblicato

il

È un Thiem molto soddisfatto quello che ci viene restituito dalla prima semifinale vinta in un 1000 sul cemento. Come lo scorso anno, quindi, la finale del “cosiddetto” quinto Slam si giocherà tra Roger Federer e un giocatore che non fa parte dei “Fab 3”.

Malgrado non si fosse presentato all’evento californiano con grandissime aspettative – “Non sono arrivato in grande condizione qui, né fisicamente né come morale”, del resto il suo inizio di 2019 e’ stato abbastanza complicato, anche nella sua amata terra rossa, semifinale a Buones Aires letteralmente buttata via con Swartzmann e primo turno a Rio – è riuscito comunque nel corso del torneo a trovare il tennis e la fiducia dei giorni migliori.

 

Non è troppo veloce qui, ed è più simile alla terra rossa” ha sottolineato l’austriaco; la superficie ha agevolato l’adattamento, così come probabilmente le uscite premature sul rosso sudamericano gli hanno procurato qualche giorno di riposo in più che si è rivelato provvidenziale. In proposito, c’è un passaggio molto interessante nella conferenza post-gara: “Quando giochi molto in stagione, arrivi alla fine con molte partite sulle gambe”. Cita anche Cilic, che dopo le Finals di Londra ha giocato la finale di Davis e anche lui non sembra ancora aver trovato smalto e vigore in questo 2019. “Il corpo ha bisogno di riposo e va ascoltato perché altrimenti se lo prende da solo. Questo è quello che mi è successo in Australia, dove mi sono ammalato nonostante un ottima preparazione invernale, e in un certo senso in Sudamerica dove stavo bene ma non ero molto allenato”.

L’uscita prematura di Rio de Janeiro può però spiegare solo per metà le buone prestazioni ad Indian Wells. C’è, ovviamente, dell’altro. Un paio di anni fa avevamo evidenziato le problematiche sul veloce (outdoor e indoor) del talento di Wiener Neustadt, e qualcosa è sicuramente cambiato. Di prestazioni di livello ne abbiamo viste negli ultimi mesi, su tutti il quarto di finale epico dell’US Open 2018 contro Nadal, ma anche qualche progresso tecnico. Piedi più vicini alla linea di fondo, più aggressività in risposta (contro Raonic ha vinto il 44% dei punti in risposta sulla seconda) e un servizio più consistente, già naturalmente baciato dalla dote di un ottimo kick.

Proprio il servizio, secondo Dominic, si è rivelato fondamentale nella vittoria contro Raonic. “Milos serve in maniera incredibile, sapevo che il match si sarebbe giocato su pochi punti e che avrei probabilmente dovuto giocare almeno un tie-break. Oltre a dover essere poco falloso, era fondamentale tenere il servizio, ci sono riuscito servendo una percentuale molto alta di prime palle e concedendo una sola palla break nel game finale”.

Ha fatto la differenza anche la discreta disinvoltura con cui Thiem si è adattato allo Stadium 1 dopo aver giocato tanti match combattuti sullo Stadium 2, considerando che il suo quarto di finale contro Monfils – programmato sul centrale – non si è disputato a causa ritiro del francese. “Aver avuto la possibilità di allenarmici un po’ dopo il match annullato contro Gael è stato molto utile, perché lo stadio è molto più grande e la prospettiva differente, me lo ricordavo dagli anni precedenti”.

Quanto alla finale, che lo vedrà opposto a Federer, Thiem crede di avere delle chance anche se riconosce che sarà difficilissimo: “Ho delle brutte statistiche nelle finali 1000, ma spero di poter arrivare al mio primo titolo”. Interrogato sulla possibilità che Roger possa essere stato favorito dal ritiro di Nadal, evidenzia in maniera piuttosto netta: ”Avrebbe potuto esserlo in uno Slam con incontri 3 set su 5, ma 24 ore piene di recupero per gente in forma come noi sono più che sufficienti”.

In qualche modo, e come è giusto che sia, Thiem ci crede. Malgrado sappia che gli scontri diretti (2-2 in totale) sul cemento (Brisbane 2016 e Londra 2108) parlano esclusivamente svizzero. Anzi, proprio lo status di sfavorito potrebbe concedergli qualche chance psicologica in più. ”Sono arrivato qui in condizioni non buone sia dal punto di vista fisico che mentale, però i 12 giorni di preparazione antecedente al torneo che ho fatto mi hanno ripagato immediatamente” racconta Dominic, che ormai è sicuro di poter essere competitivo fuori dall’amata terra battuta: “È la mia casa, ci sono cresciuto ed è la mia superficie preferita, ma sento di essere un giocatore competitivo ovunque. Ho un titolo sull’erba e due sul cemento, di cui uno indoor”.

Insomma nella serata italiana (non prima delle 23:30) scopriremo se la fiducia e i miglioramenti innegabili dell’austriaco sul veloce saranno tali da consentirgli di fare match pari contro il ‘centenario’ Federer, già pronto per sollevare il 101esimo trofeo. Lo svizzero andrà inoltre a caccia del sesto sigillo a Indian Wells per staccare Novak Djokovic, fermo a quota 5. A Thiem l’arduo compito di provare a bissare l’impresa di del Potro, che dodici mesi fa sconfisse Federer in finale annullando anche tre match point.

Gianluca Santori

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement