Balli, Champagne, tennis e cena con Clerici: la dura vita dell'esordiente

Racconti

Balli, Champagne, tennis e cena con Clerici: la dura vita dell’esordiente

Pubblicato

il

 
 

TENNIS – “In cerca di Federer e Nadal, ho scoperto Wawrinka”. Le impressioni e gli aneddoti della prima esperienza da inviato per Ubitennis a Montecarlo. Una settimana a dir poco sui generis, lavorando (si fa per dire) 12 o 13 ore al giorno senza avvertire la fatica, o quasi…

Il torneo ATP Masters 1000 di Montecarlo, conclusosi domenica con la vittoria di Wawrinka su Federer, è stata la mia prima personale esperienza come inviato in loco di Ubitennis. Un’esperienza strepitosa, un tassello indimenticabile della mia vita, che costituirà fonte di ricordi e storielle con le quali esaspererò negli anni a venire amici e conoscenti, e non potrebbe essere diversamente! Un’intera settimana immerso nel giornalismo con la G maiuscola, come un professionista navigato (anche se non so se il Direttore sarà d’accordo…), io che di mestiere faccio tutt’altro, ossia l’ingegnere.

L’inizio dell’avventura, domenica 13 Aprile, è costituita da un lungo viaggio in macchina, tra Ferrara e Roquebrune-Cap-Martin (lì si trova infatti il Country Club, attaccato al Principato di Monaco ma di fatto fuori dai suoi ristretti confini), costellato da entusiasmo, incredulità, timori, ansie: “Ma sta succedendo davvero? Andrà bene? Saprò essere all’altezza? Il Direttore si ricorderà che è il mio esordio o avranno ragione tutti quelli che me l’hanno descritto (senza fare nomi, non sono mica un infame…) come tanto sorridente e gradevole tra amici quanto severo ed esigente sul lavoro?”. All’arrivo, parcheggio non senza difficoltà e ottengo il pass come giornalista accreditato: è il passepartout magico per tutti i campi, per la sala stampa con vista mozzafiato sul Court Central, per l’attigua sala destinata alle conferenze stampa dei giocatori: “Ma allora sta accadendo davvero!”.

 

Il debutto è dei più morbidi, grazie all’incontro con la più esperta collega Laura Guidobaldi, la migliore compagna di viaggio per dolcezza e aiuto per chi è il più novellino tra i novellini. Davvero non poteva cominciare meglio: un giorno e mezzo di rodaggio con la più serena e gentile delle guide, lontano dalle grinfie del Direttore, al riparo dalle sue possibilissime strigliate!

Lunedì assisto all’esordio del nostro Fabio Fognini contro il portoghese Joao Sousa. Accedo alla tribuna stampa del Centrale, ormai sono senza freni, faccio pure il difficile: “Mah, non si vede certo male ma mi aspettavo di meglio: quelle maledette ringhiere riducono la visuale!. Durante il match, che sembra volgere al peggio per Fabio, sento i contenuti ma dolenti lamenti di una voce nota, mi giro: è Lea Pericoli, la Signora del tennis italiano! La presentazione è d’obbligo, lei risponde cortesissima. Al mattino avevo incrociato nientemeno che Braccio d’Oro, Paolo Bertolucci, ora voce di SKY, anche lui sorridente e gentilissimo. Tutta gente ammirata solo in tv, ora siamo amici (vabbè, concedetemelo…).

Scampato il pericolo per Fogna, prima che il match finisca fuggo in sala stampa per scrivere il prima possibile il pezzo di cronaca, poi a metà m’interrompo perché hanno annunciato l’arrivo del numero 1 azzurro. Sarà così tutti i giorni: match dal vivo, appunti, corse, cronache, conferenze stampa. Il tutto in uno dei templi del tennis più esclusivi, una location da film, con i giocatori più forti del mondo: una meraviglia! Tra l’altro a Fabio, sempre lunedì, faccio pure una domanda: “Affronterai il vincente di Bautista Agut – Pospisil, chi preferisci incontrare?” Non c’è che dire, un quesito corrosivo e penetrante, da premio Pulitzer

Martedì ci raggiunge il Direttore, salutato da tutte le mie paure di cui sopra (non sono propriamente un cuor di leone…), ma le cose continuano ad andare bene, i miei pezzi sono apprezzati, i suoi consigli preziosissimi, una scuola di giornalismo. Tutto fila liscio, fino al giorno di Fognini-Tsonga, il match clou di giovedì, che seguo per la prima volta a fianco di Ubaldo. “Bravo, vedo che sai tenere bene i punti, hai imparato accuratamente il metodo Tommasi!”: un altro complimento incassato, va alla grande, autostima a mille!

Poi il dramma, inatteso e travolgente. Il match sta volgendo al termine, Fognini è completamente partito di testa ed è sotto 4-0 nel terzo, dopo aver giocato per quasi due set un tennis fantastico (non ho difficoltà a dirlo: è stata la partita più bella cui ho assistito, meglio anche della finale o del classico Roger contro Nole in semi). Scanagatta mi ordina di correre a scrivere la cronaca, eseguo diligentemente (avevo forse alternative?), poi pochi istanti prima dell’arrivo del giocatore di Arma di Taggia in conferenza stampa, raggiungo il creatore di Ubitennis, che in quel momento di tempo da dedicarmi ne ha davvero poco: “Scusami Ubaldo, ma mi è un po’ sfuggito il momento decisivo del match, quando il giudice di linea ha chiamato out in ritardo il servizio di Fognini su palla break per Tsonga”. Lo sguardo del Direttore si fa truce: “Fabio serve sulla linea, Tsonga risponde alto e corto, l’italiano sta per chiudere una comoda voleè, quando il giudice di linea chiama out il servizio, sbagliando. Fabio chiede il punto lo stesso, ma il giudice di sedia lo fa ripetere; se lo aggiudica il francese, l’italiano s’incazza e da lì perde la testa. Chiaro?”. Peccato che la sua occhiata e la fretta di entrambi mi avevano fatto andare completamente nel pallone: “Ma allora Fognini ha giocato la seconda di servizio?” – “Macchè seconda! La palla era buona, il giudice di sedia ha corretto l’altro, chiaro ora?”. Comincio a sudare freddo, la vista si annebbia, le ginocchia stanno per cedere: “Ehm… perdonami, ma non ho capito”, gli sussurro con un filo di voce. “Ruggero, è impossibile che tu non capisca! Allora, per l’ultima volta: Fabio serve sulla linea, …” e tutto il resto. Finalmente ho realizzato, non era difficile. “Ora vai a scrivere, sparisci!”. Giro i tacchi mentre entra Fognini e a vedere le nostre facce non si capiva chi dei due stava messo peggio… Finita la conferenza stampa, Ubaldo mi raggiunge: “Mi spiace essere stato un po’ duro prima!” – “Nessun problema Direttore, tutto ok”. Ero ormai stato sverginato…

Venerdì grande giornata (ma lo sono state tutte), con al mattino la colazione (le petit déjeuner) offerta alla Stampa sulla terrazza del Villaggio VIP, e la sera cena di gala al Montecarlo Bay Hotel: in questa occasione mi ritrovo seduto al fianco di Gianni Clerici, lo Scriba in carne ed ossa: “Piacere di conoscerLa, dottor Clerici, non son degno!” – “Ma smettila, e dammi del tu!”, mi risponde lui sorridente, cominciando i suoi racconti, talmente esilaranti e compromettenti che preferisco non riportare… Champagne, pesce, altre delizie, poi uno spettacolo di maghi, equilibristi, mimi e ballerine. Niente al confronto di quello che avviene dopo, quando tutti si scatenano in balli senza freni, con Clerici mattatore a 84 primavere: deve aver fatto un patto con Satana, non ci sono altre spiegazioni!

La mia avventura si conclude lunedì mattina, col viaggio di ritorno onorato (o forse esasperato…) della compagnia di Ubaldo, tra diverbi di opinione su chi sia infine meglio tra Federer e Nadal (“Per me Roger è il GOAT, invece so bene che tu sei Nadaliano, Direttore, ammettilo una volta per tutte!” – “Nient’affatto, non sono più per uno che per l’altro, non me ne frega niente!”, per poi tradirsi qualche minuto dopo per ciò che concerne la diversa personalità fuori dal campo: (“Una differenza fra i due è che Nadal si preoccupa di dar sopratutto risposte intelligenti anche se talvolta discutibili, mentre Federer predilige comunque quelle politically correct che non gli creeranno mai né una critica né un problema…”), racconti del nostro passato (così diverso eppure così comune nell’amore per il tennis e lo sport) e un finale romanticamente sublime, con io e Ubaldo che cantiamo insieme sulle note di “Blowing in the wind”, prima dell’arrivo alla stazione di Bologna, dove le nostre strade si separano.

La mente corre allora, inevitabile, alla torrida estate del 2000, quando dopo un esame di maturità scientifica superato brillantemente, mi chiedevo (senza avere più molto tempo per rispondermi) cosa avrei fatto nella vita, il campo nel quale avrei potuto ricavare le migliori soddisfazioni e al contempo la sicurezza economica. Quale facoltà universitaria mi avrebbe dato le maggiori garanzie per tutto questo? La passione per la matematica mi spingeva verso Ingegneria, quella viscerale per lo sport verso qualcosa, non ben chiaro nella mia testa, che mi avrebbe permesso di diventare giornalista sportivo. Ebbene, dopo un inizio di carriera da ingegnere avara di soddisfazioni e quattrini, ma soprattutto dopo questa fantasmagorica esperienza, mi volto indietro ai tempi di quella famigerata decisione e mi dico, col maledetto senno di poi: “Bravo, complimenti davvero: scelta azzeccatissima!. Meno male che l’evasione di Ubitennis ha lenito questo dolore … anzi no, non ha fatto altro che accentuarlo, maledizione!

Non resta che farmi buddhista: se hanno ragione loro, posso sempre sperare nella metempsicosi… Nella mia seconda esistenza, ammesso che non mi reincarni in un ornitorinco, non avrei più dubbi su cosa scegliere. Allora sì che, dopo un centinaio di Slam da inviato, raggiungerei il mio personalissimo NirvanaCome ama dire Rino Tommasi sulla sua professione: “Sempre meglio che lavorare!.

Continua a leggere
Commenti

evidenza

Lo Slam racconta: Wimbledon 1969, il canto del cigno Gonzales

Si narra fin dall’antichità che il cigno all’approssimarsi della fine esprima nella disperazione il meglio del suo canto. Nessuno sa se sia veramente così ma quella volta per Big Pancho lo fu per certo…

Pubblicato

il

Clicca qui per ascoltare il video intero!

Wimbledon, martedì 24 giugno 1969, pomeriggio.

Un Centre Court gremito attende l’ingresso in campo dei contendenti, siamo al primo turno e l’erba del campo è ancora di un verde splendente, amichevole, rilassante.

 

È verde anche l’età di uno dei due protagonisti dell’ennesima storia che quel luogo magico sta per raccontare.

Charlie Pasarell ha appena compiuto 25 anni, nato a Portorico nel 1944 frequenta la UCLA insieme ad Arthur Ashe e nel 1966 viene classificato n°11 al mondo. L’anno prima di quel che sta per avvenire ha vinto il torneo NCAA.

Sui prati dell’All England Club ha già battuto gente come Santana o Rosewall e in quell’estate del 1969 è un tennista ormai solido e affermato, un combattente dal gran servizio difficile da battere per tutti, soprattutto sul veloce. Sta per entrare nella storia del tennis ma non lo sa ancora.

È però dall’altro lato del campo che si appuntano gli sguardi dei presenti quando tutto ha inizio. Bello come un dio, alto come una torre, la guancia sinistra segnata da una cicatrice e il volto scavato da 41 anni di vita sempre al limite, Ricardo Alonzo Gonzales – per tutti Pancho – ha dominato il tennis per quasi dieci anni consecutivi.

Senza che nessuno lo sapesse, perché tutto questo avveniva nella realtà parallela del circuito pro, che a partire dai tardi anni ’20 fino al 1968 affiancò il tennis ufficiale.

Dopo la Seconda Guerra Mondiale tutti i più grandi, con poche eccezioni come quelle di Pietrangeli ed Emerson, attraversarono lo specchio per diventare fantasmi, scomparire dai giornali e dalle eleganti club houses dei circoli più prestigiosi e poter vivere ufficialmente del loro talento. 

Lì, nella nebbia, difficilmente visibili ma riconoscibilissimi dal suono puro che la pallina faceva sulle loro corde c’erano Sedgman, Rosewall, Hoad, Laver, Segura, Trabert. E Pancho li ha battuti tutti senza pietà.

Nato a Los Angeles nel 1928 grazie al padre che aveva trasferito la famiglia dal Messico, Gonzales ebbe una vita da star hollywoodiana e adeguato numero di mogli. Ma senza il tennis si sarebbe certamente perso.

Completamente autodidatta, abbandona la scuola presto e ciò gli sbarra le porte della federazione giovanile americana, governata da quel Perry Jones che era solito dire: “…per capire se un giovane ce la può fare nel tennis lo porto sul tetto e lo butto di sotto. Se sopravvive allora ha delle possibilità”.

Gli anni dell’adolescenza lo vedono quindi abbandonato a sé stesso, lontano da scuola e da casa, dove il padre lo aspetta per punizioni sempre più frequenti. 

Sarà il tennis la sua bussola, la racchetta a indicare la strada. Certo le avventure del giovane Pancho sono spesso al confine con la legalità – “You don’t know the thrill of going out the back window when someone’s coming in the front door” – ma la gran parte del suo tempo lui la spende all’Exposition di Los Angeles, un parco pubblico all’ombra del Coliseum con otto campi in cemento e un negozietto di racchette gestito da Frank Poulain, un vero amico per tutta la vita. Un rifugio sicuro dove passare la notte o nascondersi dagli ispettori scolastici.

Gonzales guarda, ripete e impara. Fisico, coordinazione e riflessi sono in dono di Dio e a vent’anni è pronto.

Vince i campionati statunitensi nel 1948 e ancora l’anno dopo in una storica finale contro la sua bestia nera Ted Schroeder. È in cima al mondo, gioca un tennis fantastico fatto di servizi tonanti e discese a rete, back di rovescio a passo di tango e riflessi felini. È come trovarsi a rete un enorme gatto con la racchetta.

In quel 1949 Jack Kramer e il mondo pro bussano alla sua porta, non è il momento giusto ma Pancho ha famiglia e bisogno di soldi, soldi che solo Jack gli può garantire. 

Per settantacinquemila dollari più una percentuale sugli incassi si impegna a incontrare in un tour di oltre cento incontri il campione dei pro, ma Kramer è ancora un osso troppo duro per Pancho, che viene massacrato per 96 incontri a 27. 

In quegli scontri epici il destino del perdente era l’oblio perché la formula prevedeva sempre un campione sfidato dal migliore dei cosiddetti amateurs. 

La fredda logica del tennis professionistico lo stritola

Sono anni duri per il nostro, sperpera in fretta i soldi guadagnati e si arrangia dando lezioni a star di Hollywood che in realtà lo vogliono nel loro letto. A ventitré anni sembra un uomo finito ma la bussola indica sempre la rotta giusta. Non ha mai smesso di allenarsi e l’amara esperienza del 1949 l’ha reso duro e spietato, “…always hungry and angry”. Partecipa e vince quei pochi tornei che i pro organizzano in stagione ma nulla più fino a quando Kramer lo chiama per lanciare un testa a testa contro Tony Trabert, campione di Wimbledon e Parigi nel 1955. Pancho non ha mai giocato meglio, non è mai stato più cattivo e affamato di così. Schiaccia l’avversario senza rivolgergli la parola per tutta la durata del tour, alla fine del quale il solitamente civile, manierato e gentile Trabert gli urla in faccia:

Somebody’s going to flush you down the toilet before your life’s over–and I just might be the one to pull the handle.” [Qualcuno ti farà passare per lo scarico di un water prima o poi, e io potrei essere quello che tira la leva]

Contro Pancho era sempre così, si prendeva ogni vantaggio possibile e poco importa se questo significava influenzare arbitri e giudici con la sua magnetica personalità o spaventare l’avversario col suo ghigno selvaggio. Quando non ci riusciva erano guai.

Ecco al proposito un gustoso scambio di battute fra due dei pochi amici di Gonzales nel circo dei pro, Francisco Segura e Alex Olmedo:

Segura says laughing “In 1952 I had the day of my life and beated Gonzalez at a pro-event 6-2, 6-2, 6-2. He wouldn’t talk to me for days”.
[Segura dice ridendo “Nel 1952 ho giocato il tennis della mia vita e ho battuto Gonzalez in un evento pro per 6-2 6-2 6-2. Lui non mi ha parlato per giorni]

“Days? “I was one of his friends, and when I beat him, he wouldn’t talk to me for three months”, says 1959 Wimbledon champion Alex Olmedo.
[“Per giorni? Io ero uno dei suoi amici e quando lo battevo non mi parlava per mesi” dive il campione Wimbledon 1959 Alex Olmedo]

Così lo ritroviamo in quel pomeriggio avanzato di fine giugno, un paio di matrimoni dopo, a tener viva la sua leggenda. E ci riuscì, oh se ci riuscì! 

Cinque ore e dodici minuti sull’erba sono eterni e infatti la partita dura due giorni.

Il gioco viene interrotto per oscurità non appena Pasarell conquista il secondo set per 6-1 dopo aver vinto il primo 24-22 (il tie-break non esisteva ancora…bei tempi). 

È ormai buio quando Pancho torna furioso nella sua camera d’albergo, possiamo quasi vederlo trascorrere sveglio buona parte della notte, sigarette e qualche vodka per distendere i nervi e lasciar vagare i pensieri. 

Improvvisamente un ricordo: Buenos Ayres, metà anni ‘50, notte fonda, un tendone da luna park ghiacciato con luci bassissime e poche persone sui gradoni di cemento. A bordo campo Tony Trabert e Jack Kramer hanno scovato un bidone e ci hanno acceso un fuoco dentro per scaldarsi mentre guardano l’incontro. Sul rettangolo Pancho e Frank Sedgman lottano per puro onore, perché quella sera l’incasso sarà magrissimo. Alla fine di una lotta selvaggia è Gonzales a prevalere 22-20 al quinto, Kramer e Trabert sono surgelati perché il fuoco si è spento da tempo. 

…E Frank era cento volte più forte di questo Pasarell” si dice, “domani vinco io”.

E domani arriva. 

Il terzo set è la chiave, Gonzales parte alla battuta ma l’altro non crolla fino al trentesimo gioco, quando un doppio fallo gli è fatale. Pasarell cede d’infilata anche il quarto set. Il quinto non si può dimenticare.

Stavolta Pancho insegue nel punteggio ed è come giocare in equilibrio su una vasca di piranhas. Ma lui lo ha sempre fatto, il tennis è sempre stato il modo per sottrarsi a una vita da strada e lui con le spalle al muro si trova perfettamente a suo agio. Annulla qualcosa come sette match point, aggrappato al suo mitologico servizio, alla volée, ai refoli di vento che spingono fuori un paio di lob millimetrici di Pasarell. Charlie ha già perso quando come acqua l’ultima occasione gli scorre fra le dita. Cede di fila gli ultimi undici punti e mentre cammina verso la rete per la stretta di mano ci piace pensare che in quel triste momento abbia comunque sorriso.

Ora era certo di essere entrato nella storia.

Continua a leggere

Flash

Le future stelle del tennis mondiale sono tra questi adolescenti?

La ricerca di giocatori d’élite è così competitiva che l’IMG, l’agenzia che una volta faceva capo al tennis, sta coltivando preadolescenti per scovare i prossimi prodigi, dando loro accesso ai rappresentanti dei pro tour e della Nike

Pubblicato

il

tennista under 12 (foto Instagram @tatoiclub)

di Matthew Futterman, NY Times 1 Maggio, 2022

ACHARNES, Grecia – Ammirate Dominik Defoe. Dieci anni e appena più alto della rete. Riccioli dorati lunghi fino alle spalle che rimbalzano nell’aria mentre insegue e schiaccia palle da tennis meglio di qualsiasi altro bambino della sua età.

Defoe ama giocherellare con il GPS nell’auto di sua madre, così la mattina, quando vanno a scuola, il telefono lo indirizza sempre al Roland Garros, sede dell’Open di Francia. Lo fa così spesso che sua madre ormai sa perfettamente la distanza che separa la sede del Roland Garros dalla loro casa in Belgio: 2 ore e 47 minuti in macchina.

 

Defoe era quasi in lacrime all’inizio di quest’anno quando ha ricevuto uno dei 48 inviti da IMG, il conglomerato dello sport e dell’intrattenimento, per partecipare al primo torneo Future Stars Invitational presso il prestigioso Tatoi Club nella periferia nord di Atene. L’evento, per ragazzi e ragazze dai 12 anni in giù, è sia un torneo sia una settimana di formazione che darà il benvenuto a Defoe e ai suoi eccelsi coetanei, completa di seminari condotti da dirigenti della Nike e dei tour professionistici maschili e femminili, l’ATP e la WTA.

La corsa per trovare le prossime stelle dello sport è arrivata a questo: con somme a otto cifre potenzialmente in gioco, agenti e scout stanno valutando e coltivando giocatori anche più giovani di 10 anni che hanno appena iniziato a competere seriamente. Future Stars è il più recente e stravagante tentativo di reclutamento di IMG, la società che ha essenzialmente inventato il business della rappresentanza sportiva e dominato il tennis per anni.

“Nessuno vuole fare un torneo per bambini di 11 e 12 anni”, ha detto Max Eisenbud, che dirige il dipartimento tennis della società. “Preferirei aspettare, ma la concorrenza ci ha costretti“.

Per anni, gli agenti della IMG hanno scovato le future stelle in due modi: Tweens e giovani adolescenti (Maria Sharapova per esempio) si presentavano alla sua accademia a Bradenton, in Florida, una volta il primo campo di allenamento in questo sport, alla ricerca di cospicue borse di studio; oppure gli agenti si presentavano a Tarbes, in Francia, per Les Petit As, il primo torneo del mondo per giocatori più giovani di 14 anni. Sembrava quasi come scegliere tra una cucciolata.

Durante gli ultimi 10 anni, però, le accademie rivali hanno aperto in tutta Europa e l’IMG si è concentrato più sul profitto delle famiglie che pagano le tasse scolastiche piuttosto che sul fare scommesse a lungo termine sugli adolescenti. Inoltre, negli ultimi anni, quando Eisenbud e i suoi colleghi hanno fatto i loro viaggi annuali a Les Petit As, hanno scoperto che quasi tutti i giocatori più promettenti avevano già firmato contratti con altre società, molti dei quali erano operazioni ben finanziate che offrivano generose garanzie, e che a volte si estendevano ben oltre la copertura del costo annuale di circa 50.000 dollari per l’allenamento e i viaggi nel circuito junior.

Così, in tempi difficili per il tennis, IMG sta puntando sui più giovani, anche se la ricerca di talenti preadolescenti può essere quasi impossibile e altamente rischiosa, poiché aumenterebbe la pressione sui bambini che già investono molto su sé stessi e, in alcuni casi, si fanno carico degli impegni finanziari che gravano sulle famiglie.

Se stelle come Naomi Osaka e Bianca Andreescu, campionesse dei tornei del Grande Slam ventenni, hanno dovuto prendersi delle pause dal tennis per curare la loro salute mentale, non è azzardato pensare ai rischi derivanti dall’aumentare le aspettative in modo così esplicito per bambini in età preadolescenziale. Durante un discorso dedicato alle ragazze e a come rimanere fisicamente e mentalmente in salute, Saga Shermis, specialista di sviluppo degli atleti per la WTA, ha detto che si aspetta di vederli nel circuito nei prossimi anni. Può essere già molto.

“A questa età stanno ancora imparando”, ha detto Adam Molenda, allenatore della federazione polacca di tennis, dopo aver visto due delle sue giocatrici, Antonina Snochowska e Maja Schweika, giocare per un’ora lunedì. “Non si può mai dire chi ce la farà. La vita è piena di sorprese”.

E di decisioni.

Grace Bernstein, una giovane atleta svedese, ha attraversato il campo e ha lanciato palle contro un ragazzo mentre sua madre guardava dalla recinzione. Sia che giochi a tennis o a carte, Bernstein compete senza sosta, ha detto sua madre Catharina, ex giocatrice la cui classifica in singolo ha raggiunto il best ranking di 286 nel 1991. Lei gioca in un’accademia gestita da Magnus Norman, un passato da secondo giocatore al mondo. È anche un’ottima giocatrice di calcio.

“Va avanti e indietro, ma per ora c’è il tennis, quindi gioca a tennis”, ha detto Catharina Bernstein.

Per alcuni, fama e fortuna possono davvero sembrare inevitabili. Eisenbud ha notoriamente messo la firma su Sharapova quando aveva 11 anni, dopo averla vista colpire la pallina per 45 minuti con un’intensità e un’impeccabilità mai riscontrata prima. Carlos Alcaraz, che ha compiuto 19 anni il 5 maggio ed è già il giovane giocatore più promettente del circuito, era stato ritenuto degno di investimento già da piccolo, un undicenne da non perdere. Eisenbud era sicuro che il primo giocatore su cui aveva puntato, Horia Tecau della Romania, fosse destinato a grandi traguardi. Tecau è diventato uno specialista del doppio, ma non è mai entrato nei primi 300 in singolare.

Eisenbud ha dato alla luce il suo piano 18 mesi fa: una competizione sontuosa con la maggior parte delle spese coperte e tutti i vantaggi di un evento professionale – raccattapalle, giudici di sedia, campi in terra rossa immacolata, accessori Beats e Nike per tutti i bambini.

“Vogliamo trattarli come atleti professionisti”, ha detto Elli Vizantiou, l’amministratore delegato del Tatoi Club.

Non dimenticando del tutto che sono bambini, erano previste anche una caccia al tesoro, cene di gruppo ogni sera e un tour del Partenone. IMG ha portato Alcaraz, fresco della sua vittoria nella finale degli Open di Barcellona, per farlo giocare contro Hubert Hurkacz, il 14° giocatore del ranking maschile.

Assemblare il campo delle Future Stars ha richiesto mesi di interviste con allenatori e funzionari delle federazioni di tennis di tutto il mondo, valutando curriculum e risultati dei tornei, e setacciando i video, alla ricerca della magica combinazione di atletismo e abilità. Anche la creazione di un campo rappresentativo a livello globale era importante. Trovare un futuro giocatore top 50 da un paese o un gruppo demografico che non ha mai prodotto una stella del tennis potrebbe essere innovativo e incredibilmente redditizio.

I giocatori dovevano venire con un accompagnatore, che nella maggior parte dei casi era un genitore, e un allenatore, dando a IMG la possibilità di costruire nuove relazioni.

Eisenbud ha esortato gli allenatori a tempestare di domande l’allenatore italiano Riccardo Piatti, che ha condotto un seminario di allenamento, descrivendolo come il “migliore” al mondo.

Piatti ha trascorso la mattinata di martedì con gli occhi puntati su Tyson Grant, un giocatore top under 12 con la cui famiglia lavora da quasi sette anni. Piatti supervisiona anche l’allenamento della sorella 14enne di Tyson, Tyra, che è già cliente IMG. Il padre di Tyson e Tyra, Tyrone Grant, è alto quasi due metri e ha giocato a basket professionalmente per 10 anni in Europa. Con buoni geni, un inizio precoce e la guida di un allenatore rinomato, Tyson Grant potrebbe essere una scommessa vincente.

Qualche campo più in là, Haniya Minhas stava abilmente tirando uno dei suoi grandi rovesci, che inizia con il manico della racchetta appena appoggiato sull’anca posteriore.

“Il mio colpo preferito”, ha detto. “Tutti mi dicono di allungare le braccia, ma a me piace come lo faccio”.

Minhas, 11 anni, è pakistana e musulmana. Gioca con un hijab, maniche lunghe e calzamaglia, e sembra già un cartellone pubblicitario.

Vince tornei da quando aveva 5 anni. La sua ricerca di una competizione adeguata l’ha portata dal Pakistan, dove c’è poco supporto per lo sport femminile e dove ha gareggiato contro e battuto tutti i ragazzi della sua età, alla Turchia. Sua madre, Annie, ha detto che lei e sua figlia vogliono dimostrare che qualcuno che ha un aspetto e si veste diversamente dalla maggior parte dei giocatori e viene da un paese che non ha mai avuto una stella del tennis può battere chiunque. Si aspettano un contratto quando Haniya compirà 12 anni.

“Stiamo cercando di cambiare il modo di pensare”, ha detto Annie Minhas.

Teo Davidov ha un asso nella manica. Davidov, probabilmente il miglior giocatore sotto i 12 anni, vive in Florida. I suoi genitori si sono trasferiti dalla Bulgaria al Colorado 10 anni fa, quando suo padre ha vinto la green card alla lotteria. Nato destrorso, colpisce i dritti su entrambi i lati e può servire anche con entrambe le mani. Suo padre e allenatore, Kalin, ha cercato di rendere Teo ambidestro nel tennis quando aveva 8 anni perché era iperattivo. Kalin pensava che stimolando l’emisfero destro del suo cervello, che controlla l’attenzione e la memoria, e il lato sinistro del corpo, con esercizi per la mano sinistra, Kalin si sarebbe calmato.

Speriamo che aiuti anche il suo gioco”, ha detto Kalin Davidov. La tecnica è devastante per ora, ma un top player non ha mai avuto successo giocando in quel modo.

I Davidov hanno conosciuto Eisenbud e IMG per la prima volta tre anni fa, dopo che Kalin ha postato su Facebook un video del gioco a due mani di suo figlio. Il telefono squillò ben presto. Babolat, il produttore francese di racchette, è uno sponsor.

Michael Chang, che ha vinto l’Open di Francia nel 1989 a 17 anni, è venuto con sua figlia, Lani, che ha esibito una smorzata terribilmente familiare per poi rifugiarsi nella lettura di romanzo di Rick Riordan sulla navetta che portava dai campi e all’hotel. Chang ha detto che il circuito per i giovani juniores si è completamente trasformato rispetto alla sua infanzia, con molti più viaggi e competizioni internazionali.

Stanno avendo un assaggio di come sia”, ha detto.

Gunther Darkey, un ex professionista di medio livello dalla Gran Bretagna, ha portato suo figlio, Denzell, un elemento promettente nonché uno dei pochi juniores neri d’élite per la Lawn Tennis Association. Alcaraz ha un fratello di 10 anni, Jaime, che era abbastanza bravo da ricevere un invito, così come Meghan Knight, la figlia di un noto giocatore di cricket inglese.

Devi essere il tipo di persona che da 9 anni può migliorare costantemente pur subendo sconfitte ogni settimana per 10 o 15 anni”, ha detto Seb Lavie, che ha portato due giocatori dalla sua accademia di Auckland, in Nuova Zelanda.

Dominik Defoe ha insistito sul fatto che è pronto a tutto per farcela. Era il più piccolo dei ragazzi. Gioca ancora con una racchetta da junior e ha faticato a tenere il passo di Grant nella sua prima partita. I suoi avversari cercano tutti di colpire con pesanti topspin per seppellirlo a fondocampo. Lui respinge la palla con un breve salto prima che questa gli arrivi sopra la testa.

Defoe, che parla correntemente quattro lingue, ha promesso a sé stesso che avrebbe vinto l’Open di Francia. La sua esistenza si basa sull’idea di darsi qualunque possibilità affinché il suo sogno si realizzi.

Frequenta la scuola al mattino per le lezioni di matematica e di lingua, ma lavora indipendentemente sul resto dei suoi studi per avere più ore da dedicare al tennis. Studiando da vicino i professionisti, ha deciso di non avere un giocatore preferito, ma di voler costruire un giocatore composito che ha il dritto di Dominic Thiem, il servizio di Nick Kyrgios, il rovescio di Novak Djokovic, l’atteggiamento di Rafael Nadal, il gioco a rete di Roger Federer e il gioco di piedi di Felix Auger-Aliassime. Tiene tutto scritto su un diario.

Quando siamo venuti qui mi ha detto che questo torneo è come un viaggio in treno”, afferma sua madre, Rachel, che è stata la sua prima allenatrice. “Questa è solo una fermata, una stazione, ma la corsa prosegue”.

Traduzione di Alice Nagni

Continua a leggere

Flash

Ciao Gianni, caro “Falso Allarme” anche Lassù troverai bei prati verdi dove tuffarti per qualche volée [VIDEO]

“Tranquillo Gianni, non hai dimenticato la racchetta!” Il direttore Ubaldo Scanagatta ricorda l’amico e Maestro Gianni Clerici con i meriti di Rino Tommasi

Pubblicato

il

Il prosieguo del ricordo si può ascoltare al seguente link su Intesa Sanpaolo

Video racconto del Direttore Ubaldo Scanagatta, che ricorda il suo amico e collega Gianni Clerici, scomparso il 6 giugno a 91 anni.

CONTENUTI DEL VIDEO:

Il racconto dei “miracolosi” incontri di Clerici con i grandi nomi del tennis…nei luoghi più inconsueti

 

Perché fu chiamato “Dottor Divago” e “Falso Allarme”

L’ostracismo iniziale di Berlusconi nei suoi confronti e l’ostinata difesa di Rino Tommasi

Perché la verità di un bel racconto non è sempre necessaria se sei un grande storyteller

Gli aneddoti personali del Direttore

Ha giocato a Wimbledon nel ’53 e nel ’54 quando aveva 23 e 24 anni, ma non è stato un campione con in mano una racchetta che pure impugnava benissimo, soprattutto di rovescio e soprattutto a rete dove una volée in tuffo diventava una irresistibile tentazione per lui, adorabile narciso“.

Il punto non era mai così importante come l’eleganza del gesto bianco. Sì, su quegli adorati prati londinesi, ma anche su quelli più spartani della periferia di Melbourne, lui amava tuffarsi sempre e comunque quasi fosse Boris Becker.

Un campo in erba? Attrazione fatale.
La volée era finita fuori? Pazienza
“.

Clicca qui per leggere la classifica ATP aggiornata al 20 giugno 2022!

Clicca qui per leggere la classifica WTA aggiornata al 6 giugno 2022!

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement