La sporca dozzina di Rafa

Focus

La sporca dozzina di Rafa

Pubblicato

il

TENNIS – In occasione delle sorprendenti sconfitte di Nadal sulla sua superficie preferita, tennis.com ha stilato una classifica delle dodici sconfitte patite dal maiorchino sulla terra battuta (a partire dal 2005) alla quale aggiungiamo la fresca uscita di Barcellona.
In ordine di “sorpresa”, si comincia dalla stagione 2005, anno del suo primo Roland Garros, nella quale Nadal fa segnare un bilancio di 50-2 sul mattone tritato, preludio dell’allucinante 274-13 attuale.

13. Gaston Gaudio nel 2005, Quarti di finale, Buenos Aires: 0-6 6-0 7-5

12. Igor Andreev nel 2005, Quarti di finale, Valencia: 7-5 6-2

 

Essendo ancora agli albori del regno dello spagnolo, le due sconfitte subite da due cagnacci del rosso non destarono alcuno stupore. Il match con Gaudio si svolse ad un anno dal successo parigino del sudamericano, mentre Rafa aveva un solo torneo sulla terra in saccoccia. Il risultato schizofrenico è segno di come l’argentino fosse ancora un osso duro all’epoca, e al contempo dimostra come l’isolano fosse già motivo di terrore per chiunque. Dopo questo insuccesso, Nadal infila una serie di 15 vittorie consecutive, e costringe l’allora ingiocabile Federer al quinto set nella finale di Miami; cinque giorni e due vittorie dopo, inciampa in Andreev per l’ultima sconfitta prima della storica striscia vincente.

La classifica si fa abbastanza mista da qui in avanti, con episodi non per forza in ordine cronologico.

11. Juan Carlos Ferrero nel 2008, Roma, primo turno: 7-5 6-1

È l’unica sconfitta di Nadal sulla terra nell’anno delle Olimpiadi di Pechino, eppure non merita una posizione più alta in quanto il campione spagnolo era visibilmente impedito. Come spiegherà successivamente, Rafa non era al meglio – forse l’inizio di una sfortunata abitudine, o una pessima inclinazione alle scuse, a seconda di chi interroghiate – e ricevette un trattamento medico per vesciche al piede destro. “Juan Carlos è un giocatore straordinario, ma è difficile esprimersi al meglio se non sei al meglio”.

10. Novak Djokovic nel 2011, Finale, Madrid: 7-5 6-4

9. Novak Djokovic nel 2011, Finale, Roma: 6-4 6-4

Alle pendici della top ten troviamo l’incubo Nole di tre anni fa. Un back to back da stendere il migliore dei pesi massimi, era chiaro di trovarsi di fronte a qualcosa di speciale. Djokovic veniva da trentasei successi in fila, e aveva già sconfitto il nostro ad Indian Wells e Miami, ma nessuno si sarebbe aspettato una tale superiorità anche nel giardino di casa dello spagnolo. A Madrid il serbo letteralmente disarmò l’avversario in ogni aspetto del gioco, rapidissimo da fono campo e letale con il rovescio bimane, che resero inutili gli sforzi profusi da Nadal con i suoi drives di dritto mancino, sorprendendo lo stesso Djokovic: “Incredibile” dirà a cose fatte.  Ancora più pesante la dichiarazione di Nadal dopo la finale di Roma della settimana successiva: “Sto facendo tutto quello che posso, non posso chiedere nulla di più a me stesso”.

Seguono i capitoli delle vere e proprie sorprese, quelle che non ti aspetteresti mai, specie perché contro carneadi o avversari notoriamente e continuamente dominati.

8. Fernando Verdasco nel 2012, Madrid, Sedicesimi di finale, 6-3 3-6 7-5

Se le cose non cambiano, ci sarà un torneo in meno nel calendario, per me”, fu il ruggito di Nadal in merito alla (a detta sua) scivolosissima terra blu installata da Tiriac a Madrid. La sua dimenticabile settimana si concluse andando a sbattere sul connazionale Verdasco in tre set, nonostante un doppio break di vantaggio sul 5-2 nel parziale decisivo.

7. Roger Federer, 2009, Madrid, Finale: 6-4 6-4

Dopo una semifinale di quattro ore contro Djokovic, che aveva bussato alla porta per tutta la stagione sul rosso, Nadal si imbatte in un ispiratissimo svizzero, che chiude una serie negativa di cinque sconfitte contro Rafa – tre delle quali in finale di Slam – e conquista il primo titolo della stagione. Clamoroso l’ace di secondo sulla parità nell’ultimo gioco, che se fallito avrebbe concesso a Nadal la palla break per una probabile rimonta.

6. Nicolas Almagro, 2014, Barcelona, Quarti di Finale: 2-6 7-6 6-4

5. David Ferrer, 2014, Montecarlo, Quarti di Finale, 7-6 6-4

Metà classifica per la crisi di quest’anno. A Barcelona, torneo dove ha trionfato otto volte, Rafa stenta contro Ramos, passeggia con Dodig e sembra poi avviarsi ad un comodo successo contro PsicoNico, con il quale aveva vinto dieci volte di fila, senza mai soccombere. Sarà invece il murciano ad avere la meglio, rivitalizzandosi nel tiebreak del secondo e annullando una caterva di palle break nell’ultimo set, a conferma del pessimo stato soprattutto psicologico di Nadal. La settimana precedente, il gregario per eccellenza, Ferrer, si rende protagonista della partita perfetta e redime il suo magro score contro il suo più famoso connazionale. 0-8 nelle finali su terra, ma sei successi complessivi, due dei quali sul rosso (il primo addirittura dieci anni fa). Un’insolita aggressiva scelta di colpi e finalmente una scrollata al proprio atteggiamento disfattista sono le chiavi per il meritato successo del valenciano, che inizia quindi a scalfire l’aura del Nadal imbattibile.

4. Horacio Zeballos, 2013, Vina del Mar, Finale: 6-7 7-6 6-4

Federer, Djokovic e Zeballos. L’argentino entra nell’elitario club di coloro che hanno battuto Nadal su terra rossa, nella ormai celebre prima uscita di Rafa dopo l’assenza di sette mesi post Rosol. “È la partita della mia vita” dirà Zeballos, chesarà sempre ricordato per questo successo.

3. Roger Federer, 2007, Amburgo, Finale: 2-6 6-2 6-0

Difficile dire quale possa essere la vittoria più rimarchevole di ella carriera di Federer, ma questo incontro sarebbe senz’altro parte della discussione. Nadal sembra vicino alla vittoria consecutiva su terra numero 82 dopo un primo set da manuale, ma lo svizzero perderà di lì in poi soltanto due giochi. Ad un anno di distanza dalla finale thriller di Roma, la vendetta è servita ghiacciata.

2. Novak Djokovic, 2013, Montecarlo, Finale: 6-2 7-6

Con questo successo Nole si avvicina al personalissimo Grand Slam di vittorie contro Nadal nei tornei sul rosso più importanti, manca solo il Roland Garros. Posto d’onore dovuto ovviamente alla clamorosa serie vincente dello spagnolo nel Principato (46 incontri), alle condizioni psicofisiche dubbie di Novak che aveva da poco appreso della scomparsa del nonno, e soprattutto all’avvio shock, con un bagel soltanto sfiorato ed evitato dall’orgoglio del maiorchino, che comunque non sarà abbastanza per spuntarla al tiebreak del secondo.

1. Robin Soderling, 2009, Roland Garros, Ottavi di finale: 6-2 6-7 6-4 7-6 (prima parte) (seconda parte)

La sconfitta di Rafa per eccellenza. Lo squarcio sul suo mantello di invulnerabilità, provocato dallo svedese al cospetto di minacciose nuvole parigine. Inutile stare a parlare dei motivi per cui questa debacle è al primo posto: il precedente 6-1 6-0 in favore di Rafa poche settimane prima a Roma, la pazzesca inning streak dello spagnolo al Roland Garros, che comunque non ha più perso da allora alla Porte d’Auteile. Ma soprattutto l’incredibile stato di grazia di Soderling, implacabile da ogni parte del campo anche con il rovescio, ingiocabile al servizio anche su una terra particolarmente lenta, il diritto un cannone. Un vero e proprio flagello, che rese Nadal mortale in Francia per la prima e finora unica volta.

Qui l’articolo originale.

Continua a leggere
Commenti

ATP

Australian Open: Monfils domina Bublik, Zverev col vento in poppa. Sarà Sonego-Kecmanovic

Il tedesco non ha problemi con Millman, Kecmanovic supera Paul. Opelka, Khachanov e Albot avanti

Pubblicato

il

Gael Monfils - Australian Open 2022 (Instagram - @australianopen)

Giornata ricca di sorprese all’Australian Open maschile. Anche se sono state poche le teste di serie ad abbandonare il torneo non sono mancate le partite combattute e dei vincitori fuori pronostico. Ecco la seconda parte dei risultati maschili di giornata dei match che non hanno visto impegnati giocatori italiani (qui la prima parte).

Kecmanovic b. Paul 7-6(7) 7-5 7-6(8)

Può essere definita sorprendente la vittoria ottenuta dal serbo Miomir Kecmanovic contro Tommy Paul. Il tennista americano era l’assoluto favorito della vigilia visto il periodo di forma non eccezionale di Kecmanovic e in generale la poca adattabilità del gioco del serbo alle superfici veloci. La giornata poco positiva al servizio è costata cara a Paul, che sullo scambio ha sofferto la grande regolarità e forza atletica del tennista serbo. Nonostante la giornata negativa l’americano ha avuto più chance per portare a casa un set, avendo avuto tre set point sia nel primo che nel terzo set. Kecmanovic raggiuge così il primo terzo turno Slam della sua carriera, approfittando dello spicchio di tabellone lasciato libero dal ritiro del suo connazionale Djokovic: affronterà Lorenzo Sonego nella notte italiana di giovedì per un posto negli ottavi di finale.

 


[28] Khachanov b. Bonzi 6-4 6-0 7-5
[Q] Albot b. [Q] Vukic 6-4 7-6(4) 6-4

[23] Opelka b. Koepfer 6-4 6-3 7-6(4)

È andata meglio al numero due americano Reilly Opelka, che ha battuto il sempre ostico Dominik Koepfer in una partita molto più sofferta di quanto dica il 6-4 6-3 7-6(4) finale. Il tennista tedesco ripenserà a questa partita con tanti rimpianti visto che si è trovato avanti di un break in avvio di primo set salvo poi farsi rimontare con due break subiti nel quarto e decimo game, con in mezzo tre palle break cancellate da Opelka con l’aiuto del servizio. Dopo un secondo set dominato dall’americano Koepfer si è rifatto sotto nel terzo set, guadagnandosi due set point non convertiti nel decimo game per poi subire la beffa nel tie-break con un solo minibreak subito che l’ha condannato alla sconfitta. Vittoria in tre set anche per Karen Khachanov, che ha battuto in due ore il francese Benjamin Bonzi, un avversario sicuramente ostico e che tanto bene aveva fatto nel circuito Challenger nel 2021. Passa anche il moldavo Radu Albot, messo in difficoltà dal padrone di casa Alexander Vukic ma che ha fatto valere la sua esperienza maggiore nel circuito nei momenti decisivi del match.

[2] Zverev b. Millman 6-4 6-4 6-0

Albot avrà vita molto più complicata nel terzo turno contro Alexander Zverev, testa di serie numero 3 del tabellone e favorito assieme a Daniil Medvedev per la vittoria finale. Il tennista tedesco ha superato l’esame posto da John Millman, tennista sicuramente di molte categorie inferiore a Zverev ma che in passato ha dimostrato più volte di essere particolarmente indigesto ai top player specialmente quando gioca a casa sua in Australia. La risposta e la solidità da fondo di Millman hanno messo in difficoltà Zverev nel primo set, in cui l’australiano è riuscito a tenere competitiva la sfida con un controbreak immediato, vanificato dal break subito decisivo per le sorti del set nel game successivo. Millman ha avuto la possibilità del controbreak anche nella metà del secondo set, dopo aver subito un altro break in avvio, ma il servizio di Zverev fa buona guardia e trascina il tedesco al dominio del terzo set, in cui si toglie il lusso di infliggere un pesante 6-0 al tennista australiano.


[16] Garìn b. Martinez 6-7(1) 7-6(4) 2-6 6-2 6-2

[17] Monfils b. Bublik 6-1 6-0 6-4

Si è chiusa inaspettatamente in tre set anche l’ultima partita in ordine cronologico della mattinata italiana, la sfida tra la testa di serie numero 17 Gael Monfils e l’imprevedibile Alexander Bublik. Il kazako ha sofferto per tutta la partita l’estrema regolarità di Monfils, che ha continuato a mostrare l’ottima forma espressa nei tornei di preparazione all’Australian Open. Il tennista francese si è mosso con intelligenza, facendo giocare sempre il colpo in più ad un Bublik in evidente giornata negativa e togliendosi anche la soddisfazione di infliggere un 6-0 nel secondo set sfruttando i quattordici errori non forzati del suo avversario. Bublik ha provato a rientrare nel match nel terzo set, nonostante una seconda di servizio tirata alle velocità della prima ma spesso imprecisa, fattore che gli è costato otto doppi falli in tutto il match a fronte di “soli” quattro ace.

Neanche la verve ritrovata del kazako è bastata a scalfire il solidissimo Monfils in campo oggi. Il francese non ha fatto una piega e con passanti precisi ha messo in difficoltà Bublik durante le sue frequenti discese a rete nel terzo set, trovando il break decisivo nel settimo game. Il numero 37 del mondo ha provato ad instillare dubbi nel tennis di Monfils guadagnandosi due palle break nel game successivo, ma la solidità da fondo di Gael è bastata per scacciare il pericolo e regalare il terzo turno dell’AO al tennista francese. Delusione grossa per il kazako, che nonostante il talento evidente continua a dimostrare di non avere la forza mentale necessaria per competere a buoni livelli nei tornei dello Slam. Monfils sarà il favorito della sfida contro la testa di serie numero 16 Christian Garìn, che ha battuto in rimonta al quinto set in un thriller di quasi cinque ore un altro giocatore poco avvezzo al cemento come lui, lo spagnolo Pedro Martinez.

Qui i tabelloni completi dell’Australian Open 2022

Continua a leggere

Australian Open

Australian Open: Kostyuk si regala la sfida con Badosa, prosegue il buon periodo di Madison Keys

Buona giornata per le tenniste americane, con Madison Keys e Jessica Pegula che avanzano al secondo turno, Kostyuk vince una sfida equilibrata con Sorribes-Tormo

Pubblicato

il

Poche sorprese per quanto riguarda le partite non di cartello dell’Australian Open femminile, con quasi tutte le giocatrici favorite dal pronostico che hanno superato l’ostacolo posto dalle loro avversarie. L’unica testa di serie che ha dovuto lasciare il torneo è stata la spagnola Sara Sorribes Tormo, caduta per mano della giovane e talentuosa ucraina Marta Kostyuk. La spagnola, sicuramente più a suo agio sulla terra rossa che sul cemento outdoor, ha sofferto per tutta la partita un servizio poco competitivo per questi campi. Nonostante la chiara differenza di velocità in battuta Sorribes ha avuto tante chance per chiudere il primo set, prima facendosi recuperare dopo essersi portata avanti di due break e poi subendo il break al momento di servire per il primo set.

Molte meno opportunità nel tie-break, in cui Kostyuk ha preso subito il comando delle operazioni con due minibreak e chiudendo senza troppi problemi. Molto più netto il percorso per Kostyuk nel secondo set, con la tennista ucraina che questa volta è la prima a trovare il break e piega la resistenza della spagnola, che pure si era riportata sul 3-3, con due break consecutivi nel finale che fissano il punteggio sul 7-6(5) 6-3. La tennista ucraina sfiderà un’altra spagnola, la sua amica e testa di serie numero 8 Paula Badosa. Destino migliore per un’altra delle quattro tenniste spagnole presenti in tabellone, la 30enne Nuria Parrizas-Diaz. La numero 63 del mondo ha approfittato del ritiro della belga Maryna Zanevska, comunicato poco prima di scendere in campo.

Parrizas-Diaz sfiderà nel terzo turno dello Slam australiano Jessica Pegula, che ha sconfitto Bernarda Pera nel derby americano del secondo turno. La numero 21 del mondo è stata brava a riprendersi dopo un avvio stentato, in cui si è trovata sotto di un break e costretta a dover salvare tre palle break nel quarto game. Il pericolo scampato ha suonato la sveglia per Pegula, che ha trovato due break consecutivi tra il settimo e il nono game chiudendo il primo set a suo favore. Molto più semplice la pratica nel secondo set, con un doppio break di vantaggio preso da Pegula nei primi due game di risposta che hanno indirizzato definitivamente la partita sul doppio 6-4 finale e proiettato la tennista americana al terzo turno dell’Australian Open.

 

Sorride anche la connazionale di Pegula e semifinalista in Australia nel 2015 Madison Keys, che ha continuato a mostrare la sua forma ritrovata in questo avvio di stagione battendo nettamente la rumena Cristian per 6-2 7-5. Successi anche per Qiang Wang, giustiziera di Coco Gauff al primo turno, sulla belga Van Uytvanck e per la russa Veronica Kudermetova su Ruse, che al primo turno aveva battuto la nostra Jasmine Paolini.

Qui i tabelloni completi dell’Australian Open 2022

Continua a leggere

Australian Open

Fabio Fognini che cosa pensi di fare da grande? Berrettini e Sinner sono da semifinale?

Sognare costa poco, ma dando retta al ranking, Berrettini è il primo candidato a un posto in semifinale così come Sonego lo è per i quarti…contro Matteo. E Sinner, dopo il forfait di Ruud, lo è per i quarti: contro Tsitsipas?

Pubblicato

il

Dal record di partecipazione, 10 azzurri nel tabellone maschile, si passa al record degli eliminati al primo turno, sette su dieci, ma direi che il record che conta è il primo e non il secondo che è più una boutade.

E poi dopo aver visto il sorteggio direi che era tutto abbastanza prevedibile. Berrettini, Sinner e Sonego sono i nostri migliori giocatori, tutti e tre compresi fra le teste di serie, n.7, n.11 e n.25 ed è normale che abbiano superato il primo turno. Il solo ad aver perso un set è stato Berrettini che incontrava in Nakashima il giocatore più forte, il solo compreso fra i primi 100, e dopo aver perso ill primo set ha rischiato forte di cederne un altro perché non stava neppure bene, ma ha dimostrato anche in questa occasione una solidità di nervi non comune per venir fuori da una situazione preoccupante. Prima di dire che cosa mi aspetto dai nostri 3 tenori – vabbè, non è una definizione originale, ma mica potevo chiamarli Fab 3 – mi pare si debba spendere qualche commento su Fabio Fognini.

La sconfitta che fa più male forse è la sua. Anche perché è stata nettissima e contro un giocatore, Griekspoor, che anni fa lui avrebbe ridicolizzato. Invece Fabio ha raccolto 9 miseri game in tre set in un’oretta e tre quarti di tennis da dimenticare. La metà del suo avversario.

 

Non intendo assolutamente infierire nei confronti di Fabio. Mi aspetto che qualche maligno pensi che non si aspettasse altro che di farlo, visti i rapporti spesso polemici tenuti da Fognini nei confronti miei, di Ubitennis e dei suoi collaboratori, però mi pare che Fabio da un bel po’ non sia più lui.

a 35 anni è difficile tornare ad essere quello che si era se non si ha – o quantomeno si mostra di non avere – più neppure grande fiducia nelle proprie possibilità. E forse neppure la voglia di continuare a giocare. Tanto Murray appare irriducibile, tanto Fabio pare sconsolato, sfiduciato, quasi rassegnato.

Figurarsi se mi permetto di dargli consigli. Anche perché lui farebbe certamente il contrario di quel che io gli consigliassi. Ma giocare senza pensare di poter vincere non ha molto senso. Sono abbastanza sicuro che a lui non piaccia viaggiare, lasciando Flavia e tre bambini a Arma di Taggia, o anche in Spagna, per fare figure che non avrebbe mai fatto.

C’è il doppio, meno male, e l’amicizia con Bolelli che può essere uno stimolo a continuare. Qualche risultato, abbiamo visto, lì arriva ancora se non si affrontano i più forti della specialità come quelli che non gli hanno dato scampo in Davis a Torino, e questo lo può tenere su di morale.

Del resto tanti tennisti che non si sentivano di lasciare da un momento all’altro il tennis, l’agonismo, il circuito, gli amici frequentati per anni (nel caso di Fabio quasi una ventina d’anni fra carriera junior e adulta), si sono rifugiati nel doppio e hanno continuato a giocare e anche a guadagnare dei bei soldini fino a 40 anni e oltre.

Ovviamente quello dei soldi per Fabio è l’ultimo dei problemi, beato lui.

Fra moglie e marito – senza mettere il dito – i Fognini hanno guadagnato 30 milioni di dollari (lordi) di soli premi ufficiali.  Quanto da  sponsor, esibizioni, gettoni di presenza in Davis e Fed Cup non ho idea. E mica sono l’agente delle tasse. Ma la coppia Fognini potrà mantenere serenamente i 3 figli e i figli dei figli, forse anche i pronipoti.

Fabio è stato il miglior tennista che abbiamo avuto dal tramonto di Panatta e&. Miglior come talento puro dei tre migliori tennisti italiani di oggi, quei tre tenori che abbiamo visto essere ancora in gara a Melbourne.

Sono contento per lui che proprio poco prima che l’anagrafe e qualche problema fisico gli facessero pagare dazio, Fabio si sia tolto la soddisfazione di entrare finalmente fra i top-ten (n. 9 il 15 luglio– dopo essere stato n. 13 del mondo per un breve periodo nell’estate di 9 anni fa: chiuse l’anno a n.16) e di vincere un Masters 1000 a Montecarlo 2019. A febbraio perderà la seconda metà di quei 1000 punti congelati da allora e il suo ranking peggiorerà notevolmente.

Con Montecarlo ha vinto 9 tornei, ma purtroppo negli Slam non ha raggiunto grandissimi traguardi, un solo quarto di finale a Parigi 2011 quando battè annullando caterve di matchpoint Montanes negli ottavi ma facendosi così male da non poter disputare i quarti contro Djokovic.

Si fosse programmato meglio sarebbe probabilmente riuscito a qualificarsi una volta per un Masters che invece ha solo sfiorato.

Gli sono mancati dei centimetri per servire meglio, in tempi in cui i più forti tennisti oggi sono quasi tutti più vicini ai 2 metri che al metro e 90, ma forse ancora di più una testa per uno sport che è durissimo proprio per gli aspetti psicologici che comporta.

Non avendo mai avuto la continuità dei Fab Four, quelli sì veri fenomeni e stiamo constatando anche in questi giorni di cosa sia capace Andy Murray, i 35 anni di Fognini pesano di più, sono quasi come i 40 di un Federer. Nadal e Djokovic, vaccino a parte, reggono ancora alla grande, ma da Fognini ormai non credo ci si possa più aspettare vittorie in qualche torneo che conta. Qualche exploit magari ancora sì, perché di talento ne ha da vendere e quindi qualche bella giornata gli potrà anche capitare. Ma tre di fila non credo proprio. Il mio non vuole assolutamente essere un De Profundis, perché una partita ben giocata da Fognini varrà sempre il prezzo del biglietto, ma quante di queste partite riuscirà ancora a giocare? Cosa vuoi fare da grande caro Fabio? Ai posteri…  

E sempre posteri saranno anche quelli che vedranno a che punto del ranking mondiale sarà capace di issarsi Lorenzoo Musetti.

Speravo proprio che Lorenzo ce la facesse contro de Minaur e invece dopo un illusorio primo set, vinto in rimonta come avrete constatato dalla nostra cronaca e dalla sua intervista , è purtroppo sceso di intensità, ha perso sempre più campo. Tuttavia, anche se era certamente dispiaciuto, non credo possa avere troppi rimpianti.

De Minaur, classe 1999, fra meno di un mese compierà 23 anni. Ha cioè 3 anni più di Lorenzo (che è nato nel marzo 2002) e a quest’età tre anni di differenza sono un abisso.

Ho fiducia che fra tre anni Lorenzo sarà un altro giocatore.

Questa, come le altre sconfitte degli altri 6 azzurri eliminati ci stavano tutte. E salvo Travaglia che ha lottato parecchio, fino ai crampi, con Bautista Agut, e ha almeno vinto un set quando avrebbe potuto vincerne anche due –nel primo ha servito per il set ma ha perso il game a 15 – tutti gli altri hanno perso 3 set a zero. Dominati.

Ho scritto questo editoriale quando i “tre tenori” dovevano scendere in campo e spero di non portare loro male se dico che in teoria potrebbero arrivare tutti e tre nei quarti.

Se ciò accadesse, visto che per centrare quel traguardo Sonego e Berrettini, i gemelli diversi, si troverebbero l’un contro l’altro armati, avremmo la certezza di uno di loro due in semifinale. Roba da stropicciargli gli occhi, perché a seguito del ritiro di Ruud testa di serie n.8 nel settore di Sinner, Jannik è rimasto come il miglior classificato lì.

Quindi Sinner è il maggior candidato a raggiungere i quarti, proprio come Berrettini, ma senza avere sul suo cammino tennisti del calibro di Alcaraz e Korda che invece Matteo potrebbe dover affrontare. Per carità, il Braveheart Murray che ha vinto al quinto con Basilashvili e che a fine anno scorso  battè proprio Sinner non sarà certo avversario arrendevole, ma secondo me Sinner è più solido di Basilashvili…sebbene quando c’è da chiudere un set con il servizio a disposizione tende un po’ troppo spesso a irrigidirsi e a perderlo.

Forse sarebbe stato meglio per lui incontrare  Murray subito, già al secondo turno, perché lo scozzese sarebbe ancora stanco per la battaglia del primo turno, dopo la finale di domenica scorsa. Invece dovrà giocare contro il giapponese Taro Daniel e probabilmente avrà modo di recuperare.

C’è anche de Minaur nel settore di Sinner, ma Sinner oggi come oggi è ben più forte di Musetti. E De Minaur è comunque un tennista con limiti ben definiti.

Sinner giocherà da favorito i prossimi 3 match con Johnson, Murray e de Minaur. Se li vince eccolo nei quarti, probabilmente contro Tsitsipas, il n.4 del seeding e il più abbordabile rispetto a Medvedev, Zverev e secondo me anche rispetto a Nadal (che è n.6).

Sinner ha battuto a Tsitsipas a Roma, dove ci ha anche perso. E per quanto con il greco abbia perso 2 volte su 3 potrebbe – se arrivassero entrambi a scontrarsi – il traguardo della semifinale non sarebbe un traguardo impossibile.

Ben più difficile sarebbe l’eventuale semifinale con Medvedev, nonostante il matchpoint avuto a Torino…quando però il russo un momento sbadigliava (o si fingeva disinteressato) e un altro momento faceva numeri e recuperi da prestigiatore.

Lo so che mi sono spinto troppo in là, nemmeno io fossi parente del Mago Ubaldo, però se ho detto del tutto illogiche fatemelo pure presente. Non mi offendo. E non ho scritto che due italiani giocheranno due semifinali eh. Diciamo che, sebbene io guardi soprattutto a Berrettini contro Alcaraz con grandissima preoccupazione, quasi maggiore di quella che proverei alla vigilia di un Sonego-Monfils – ma attenzione già stanotte a Otte perchè a New York mi impressionò e non sarà facile domarlo, batte molto bene – magari sotto sotto ci spero. Voi no?

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement