Ecatombe Shanghai: Federer miracolato, fuori Nadal e Wawrinka

ATP

Ecatombe Shanghai: Federer miracolato, fuori Nadal e Wawrinka

Pubblicato

il

 
 

TENNIS ATP SHANGHAI – Clamorose eliminazioni in Cina: fuori un brutto Stan Wawrinka per mano di Simon. Out anche Nadal contro Lopez oltre a Dimitrov e Nishikori; Vincono Murray, Djokovic e Ferrer. Federer miracolato vince dopo aver annullato 5 matchpoint a Mayer: da lunedì tornerà numero 2 del mondo 

“Streaming gratuito e scommesse live: tutto il tennis su bwin.it

Cilic, Nishikori, Dimitrov, Raonic, Wawrinka e Nadal. Tutti eliminati e siamo solo al mercoledì del Master 1000 di Shanghai. Si salva Roger Federer, autentico miracolato di fronte a Leonardo Mayer, argentino che spreca 5 matchpoint nella partita della vita ed esce dal campo in lacrime. Vincono Novak Djokovic, e un Andy Murray alla ricerca di punti importanti per qualificarsi per il master di Londra in extremis. Il pubblico locale sognava per domani probabilmente Kei Nishikori contro Grigor Dimitrov, una delle sfide del tennis di domani. Si ritroverà invece con Jack Sock contro Julien Benneteau. Ma oltre ai due già citati, esce dal torneo anche Stan Wawrinka, eliminato da Gilles Simon. Vincono Andy Murray, senza molti problemi su Janowicz, e Novak Djokovic, che regola Thiem in due set. Si è ritirato infine per infortunio Milos Raonic contro Monaco.

 

Una giornata incredibile quella del Rolex Master di Shanghai per un mercoledì che si ricorderà a lungo. Una giornata in cui 3 vincitori su 4 degli Slam 2014, Wawrinka, Nadal e Cilic, escono dal torneo al primo turno. Alla fine gli organizzatori tirano un sospiro di sollievo per il passaggio del turno thriller di Roger Federer, che ha annullato ben 5 matchpoint prima di chiudere per 7-6 al terzo, dopo quasi tre ore di gioco, il primo turno del torneo contro Leonardo Mayer, argentino che, se il match di oggi fosse stato combattuto su un ring, avrebbe vinto ai punti. Federer da lunedì sarà di nuovo numero 2 al mondo, scavalcando Rafael Nadal. Un sorpasso determinante in ottica ATP Finals e, se confermato a fine anno, nel sorteggio dei tornei 2015 di inizio anno, Australian Open su tutti.

La partita. Mayer sta giocando benissimo quest’anno. E Federer lo ha capito presto visto che Mayer ha imposto da subito un gran ritmo, mettendo pressione allo svizzero. L’argentino guadagnava subito un break di vantaggio che difendeva fino a portarsi a servire per il set sul 5 a 4. Conquistava due set point ma li sprecava. Uno addirittura malamente, con un diritto facile a campo aperto. Il match girava con Mayer incapace di chiudere. Federer saliva 6 a 5 e chiudeva con un altro break, non prima che Mayer sciupasse due palle per andare al tiebreak. Ci si aspettava la resa dell’argentino che invece reagiva e dopo aver salvato una palla break nel primo game strappava il servizio a Federer. Saliva due a zero e conservava con autorità i suoi turni di battuta, chiudendo stavolta sul servizio dello svizzero 6-3, evitando la replica del primo set. Cominciava ad aleggiare sugli spalti la paura di perdere un altro campione nella giornata che già ne aveva visti molti andare a casa.

Mayer iniziava a servire nel terzo set. Il match procedeva con i due cauti a non concedere vantaggi. Si arrivava quindi sul 4 pari quando Federer provava a strappare il servizio a Mayer ma non ci riusciva. Lo svizzero steccava parecchio, anche con il diritto. Nel game seguente la svolta. Federer va sotto 15-40: sono 2 matchpoint per l’argentino. Sul primo un nastro salva Roger, battuto a rete. L’altro viene annullato al servizio. Roger con fatica impatta sul 5 pari. Lo svizzero si porta 0-30 servizio Mayer, che recupera. In quel momento, dopo 2 ore e 26 minuti di gioco, i due hanno totalizzato 112 punti a testa. Partita bella e in perfetto equilibrio. Si arrivava quindi al tiebreak dove Mayer non mollava la presa e saliva 4-1 e 5 a 2, liberando il braccio. Un gran passante di Federer e un diritto fuori di un soffio rimettevano lo svizzero in carreggiata. Ma Mayer conquistava altri due match point grazie a un diritto di Federer sballato, 18 minuti dopo gli altri due. Sbagliava il quarto con un serve and volley facile su cui Federer passava lungolinea e il quindi sul 7 a 6. Il dramma si consumava poco dopo, quando un Roger Federer quasi incredulo alzava le braccia al cielo chiudendo il tiebreak con un lob al suo primo match point: 9-7. Mayer si avvicinava alla rete per stringere la mano piangendo. Il campione svizzero lo consolava. Roger ci sta prendendo gusto a vincere incontri annullando matchpoint.

Si è parlato molto dell’appendicite di Rafael Nadal ma lo spagnolo è sceso comunque in campo. Ad ogni modo, fin dall’inizio della partita le sensazioni non erano buone per lui. Lo si percepiva anche guardandolo colpire con timore, in totale silenzio, lui che solitamente accompagna il là ai suoi fendenti con rantoli di prim’ordine. Nei primi giochi i due si limitavano al compitino. Lopez voleva saggiare le condizioni del compagno d’allenamento, che giocava impaurito. Feliciano decideva quindi di infierire e sul 3 a 2 in suo favore strappava il servizio a Nadal. Era facile per Lopez chiudere il set per 6-3 con le statistiche inesorabili: 5 vincenti e 10 errori per Nadal, 15 vincenti e 9 errori per Lopez, con Rafael vincente del 54% dei punti con la prima. Una miseria (Lopez è all’80%).

Nel secondo set fin da subito Nadal mostrava segnali di voler cambiare l’andamento del match. Recriminava ad alta voce su errori banali e mostrava il pugno non appena chiudeva il primo gioco del parziale, non prima di aver salvato una palla break. Aumentava il ritmo da fondo campo e la profondità dei suoi colpi, martellando Lopez con il rovescio e impedendogli di prendere la rete rapidamente. Lopez batteva le mani all’amico dopo uno straordinario recupero su una sua smorzata. Era anche un segno che Feliciano era rientrato nei panni dei conterranei di Nadal, prigionieri della sindrome di Stoccolma e quindi incapaci di ritorcersi contro chi li tiene tennisticamente “segregati”, volendogli infine bene. E invece no. Nadal accusava un passaggio a vuoto e Lopez tornava a ruggire. Al momento di servire per il set Rafa perdeva malamente il break di vantaggio e si arrivava poco dopo al tiebreak. Pochi errori, due soli mini break, uno per parte finché Lopez non commetteva il doppio fallo-suicidio sul 5 pari. Feliciano si riscattava annullando di prepotenza il setpoint e si issava a matchpoint sul 6 pari pressando Nadal da dietro. Seguiva a rete il servizio Lopez e chiudeva con una volée nel colpo successivo: Nadal usciva battuto al primo turno. Lopez ha battuto quindi per la terza volta in carriera Rafael Nadal che da lunedì sarà di nuovo numero 3 del mondo.

Prima di Federer ha giocato Novak Djokovic, impegnato dal giovane Dominic Thiem. Il numero 1 del mondo ha iniziato col motore al minimo dei giri, lasciando che il suo avversario si limitasse a fare bei punti (a fine match saranno ben 26 i vincenti dell’austriaco) ma senza mettere in discussione l’esito del match. Archiviato il primo parziale per 6-3 (break sul 4 a 3 per Nole, servizio Thiem), nel secondo però il giovane austriaco – che ricorda molto Tommy Haas nella maniera di impattare il diritto e preparare il fantastico rovescio – ci prendeva gusto e faceva soffrire Nole. Thiem cedeva però la battuta, consentendo a Djokovic di giocare il match sui suoi turni al servizio, ma faceva correre il serbo, che cercava di scuotersi con ripetute urla. Alcuni punti messi a segno da Thiem erano spettacolari ma a Djokovic bastava alzare un po’ il minimo dei giri del motore per chiudere 6-4 l’incontro. Per il numero 1 del mondo domani c’è Kukushkin.

Il big day di Shanghai, quello che vede in campo tutti i migliori, era iniziato subito con una clamorosa sorpresa: il numero 4 del mondo Stan Wawrinka esce subito dalle gare per mano di Gilles Simon. Brutta partita quella dello svizzero, che ha terminato il match letteralmente gettandolo alle ortiche con una serie di errori marchiani, segno di un disagio psicologico molto evidente. Eppure l’incontro, non facile contro un giocatore in fiducia come Gilles Simon, sempre un osso duro per tutti, era iniziato bene con Wawrinka che conquistava un break per chiudere il primo parziale per 7 a 5. Nel secondo però cominciavano a palesarsi i primi disagi di Stan, che commetteva molti errori con il diritto. Simon, rimontando, vinceva il parziale  per 7 a 5. Wawrinka si scuoteva e toglieva subito il servizio al francese in avvio del terzo. Lo svizzero allungava poi sul 3 a 0. Ma Simon non mollava. Iniziava la rimonta, con gli errori di Stan che aumentavano, e con questi i lamenti proprio dello svizzero. Arrivati sul 4 pari si assisteva a una sequela di errori grossolani da parte di Wawrinka. Sotto 0-40 lo svizzero tirava fuori di metri, rabbiosamente, un diritto. Simon serviva per il match nel game seguente, con Wawrinka molto nervoso che finiva l’incontro (parziale di 8 punti a 0 per Simon negli ultimi 2 game, dal 4-4) con un “home run”, ovvero scagliando fuori dallo stadio con un rovescio l’ultima palla della sua mesta partita. Un ottimo Simon comunque ha mandato un netto segnale a Clement, capitano della squadra di Coppa Davis francese ancora molto dubbioso su chi schierare in campo. Chissà che questo match fra Simon e Wawrinka non sia riproposto in Francia, questa volta 3 su 5. Gilles giocherà domani contro il qualificato Jaziri, che ha battuto il cinese Wang, giustiziere di Fognini, per 6-0 6-4. E’ bastato quindi un qualificato qualsiasi, Malek Jaziri oggi numero 87 ATP, per ridimensionare ampiamente Wang.

Un’altra sorpresa è stata l’eliminazione di Grigor Dimitrov, per mano di Julien Benneteau, che si è imposto per 7-5 6-3. Domani il francese giocherà contro Sock. Ha vinto anche David Ferrer, rimontando Martin Klizan. Esce dal torneo anche Kei Nishikori, il quale ha scontato le fatiche degli ultimi due mesi vissuti da protagonista. Lo ha eliminato Jack Sock per 7-5 6-4. L’americano, che da lunedì entrerà probabilmente nella top 50 ATP, giocherà contro Benneteau. Andy Murray non ha incontrato molti problemi nel regolare Janowicz per 7-5 6-2. Il polacco, molto nervoso con sé stesso, sul 5 pari del primo set con due errori di diritto grossolani ha concesso due palle break. Murray ne approfittava e chiudeva 7-5 poco dopo. Nel secondo Murray prendeva subito il largo sul 2 a 1, per chiudere poi 6-2.

Risultati:
G. Simon b. [4] S. Wawrinka 5-7 7-5 6-4
[5] D. Ferrer  b. [SE] M. Klizan  4-6 7-6(4) 6-4
[Q] M Jaziri b. [WC] C. Wang 6-0 6-4
J. Benneteau b. [10] G. Dimitrov 7-5 6-3
J. Sock b. [7] K. Nishikori 7-5 6-4
[11] A. Murray  b. J. Janowicz 7-5 6-2
[14] R. Bautista Agut b. V. Pospisil 7-6(1) 3-6 6-4
M. Youzhny b. I. Dodig 7-6(6) 6-7(4) 6-3
[6] T. Berdych b. R. Gasquet 6-3 6-1
[1] N. Djokovic b. D. Thiem 6-3 6-4
[WC] J. Monaco b. [8] M. Raonic 5-2 rit.
[13] J. Isner vs S. Johnson 7-6(6) 7-6(7)
F. Lopez  b. [2] R. Nadal 6-3 7-6 (6)
[3] R. Federer b. L. Mayer 7-5 3-6 7-6(7)

Continua a leggere
Commenti

ATP

ATP Tel Aviv: Cressy elimina Korda, Cilic in tre set su Thiem

L’attaccante franco-americano elimina il figlio di Petr. Nel match di maggior blasone della giornata, primo successo del croato contro l’austriaco.

Pubblicato

il

Cinque incontri di singolare in programma nel mercoledì del Watergen Tel Aviv Open, due a completare il primo turno e i restanti valevoli per i quarti di finale. Per quanto riguarda il doppio, l’attesa coppia formata da Novak Djokovic e il ritirando Jonathan Erlich non è scesa in campo, sembra a causa di un infortunio patito dal veterano israeliano nell’allenamento di sabato scorso insieme al connazionale Andy Ram.

Al primo turno, Tomas Martin Etcheverry aveva ottenuto la sua miglior vittoria in carriera contro il n. 39 Aslan Karatsev, primo top 50 battuto su sei tentativi; una vittoria che il classe 1999 argentino aveva dedicato alla sorella scomparsa la settimana scorsa. Non si è ripetuto al secondo turno contro un altro russo, Roman Safiullin, che lo ha battuto 6-1 6-4 prendendosi il suo secondo quarto di finale ATP in carriera dopo le semifinali raggiunte a Marsiglia in febbraio. Venerdì, Roman cercherà almeno di replicare quel risultato contro il vincente fra Schwartzman e Rinderknech.

Lo statunitense Maxime Cressy, quarto del seeding, si fa bastare un break per set per superare il connazionale Sebastian Korda con il punteggio di 6-4 6-4. La rottura nel primo parziale arriva già nel terzo gioco dopo un primo “15” ben manovrato da Sebi che chiude con il vincente il lungo scambio. Maxime però prende la rete dopo una buona risposta, poi è lui a lavorare bene la palla; un paio di imprecisioni del classe 2000 di Bradenton ed è sorpasso. Korda subito a caccia del contro-break, ma l’altro risale da 15-40 con un ace di seconda e una prima che gli offre una comoda volée. Sebastian non avrà altre occasioni nel resto del match, anzi è lui a rischiare ancora nel settimo gioco, salvandosi però con una seconda profondissima seguita da dritto imprendibile. Nel secondo set, Cressy passa sul 4 pari infilando tre punti ai vantaggi: un doppio fallo, un errore con lo slice e una risposta vincente. Chiude poi tenendo a zero come aveva fatto nel primo set prendendosi il quarto di finale contro Emil Ruusuvuori oppure Constant Lestienne, vincitore di Mannarino nell’incontro che ha aperto il programma del Centrale.

 

Il match di cartello tra due campioni Slam vede Marin Cilic battere 6-7(6) 6-2 6-4 Dominic Thiem, primo successo croato dopo le sconfitte nelle quattro precedenti sfide.

Scambi pesanti, accelerazioni, variazioni slice, occasionali sortite a rete, anche se il livello non è certo il più alto che i due hanno espresso in carriera e che ci si augura possano tornare a farci ammirare, soprattutto da parte austriaca. Insomma, c’è qualche errore di troppo, ma il duello si fa guardare. Il primo strappo è di Domi che gioca un buon quinto game, approfittando anche della complicità croata con lo smash relativamente comodo fuori bersaglio. All’ottavo gioco, però, Thiem si fa prendere dalla fretta dopo l’errore con il rovescio steccato: un serve&volley avventuroso e due colpi fuori di metri significano 4 pari. Il parziale si decide allora al tie-break, dove risulta determinante lo sventaglio di Marin che finisce in corridoio, errore punito dalla battuta vincente di Thiem che gli vale il set.

Riparte più convinto Cilic, mentre Dominic sbaglia davvero troppo e muove il punteggio solo quando è già sotto 0-4. Parziale compromesso per lui, anche perché Cilic in battuta non concede nulla e si va al terzo.

Il ventinovenne di Wiener Neustadt esce per un toilet break e al rientro Cilic gli fa male con il dritto procurandosi subito tre palle break consecutive che si vede però annullare, l’ultima con monomane lungolinea che strappa applausi. Al sesto gioco, Cilic salva il 30-40 con la battuta, mentre Domi può recriminare per non essere riuscito a rispondere in campo alla seconda al corpo sullo 0-30. Si arriva senza scossoni al 3-2 Thiem che ha una palla break non sfruttata nel sesto gioco: non sarà altrettanto generoso nel gioco successivo dove arriva il break decisivo. Cilic lo difende senza problemi e chiude 6-4 dopo 2h44 festeggiando così alla grande il suo 34° compleanno.

IL TABELLONE DELL’ATP 250 DI TEL AVIV

Continua a leggere

ATP

ATP Race to Turin: Berrettini e Sinner, per entrare tra i primi sette serve un gran finale di stagione

Il settimo posto di Auger-Aliassime è l’obiettivo ma la concorrenza è folta: da Hurkacz e Norrie, chi sono i principali protagonisti della corsa

Pubblicato

il

Matteo Berrettini - Laver Cup 2022 (Twitter @LaverCup)
Matteo Berrettini - Laver Cup 2022 (Twitter @LaverCup)

Si infiamma la corsa per la qualificazione alle Nitto ATP Finals di Torino, in programma dal 13 al 20 novembre 2022. A meno di due mesi dalla manifestazione, la situazione vede Matteo Berrettini e Jannik Sinner dover compiere un mezzo miracolo per riuscire a entrare direttamente tra gli otto maestri che si sfideranno al PalaAlpitour. La situazione è complicata dal fatto che Novak Djokovic, vincitore di Wimbledon, è già quasi sicuro del posto (gli basta terminare tra i primi 20 della Race). Il target per i due azzurri dunque diventa il settimo posto della Race, attualmente occupato da Felix Auger-Aliassime. Jannik questa settimana è di scena all’ATP 250 di Sofia, dove difende il titolo; Matteo, dopo aver preso parte alla Laver Cup (che non assegna punti ATP), prenderà parte salvo sorprese all’ATP di Firenze a partire dal 10 di ottobre.

Al momento sono invece due i giocatori già sicuri al 100% di un posto nei primi otto, gli spagnoli Carlos Alcaraz e Rafael Nadal. Quali altri sono i potenziali protagonisti di Torino? Quanto manca agli azzurri per arrivare tra i primi otto?

La classifica ATP aggiornata è disponibile al seguente link, che porta alla sezione “Sotto Rete” del sito web di Intesa Sanpaolo, main sponsor della manifestazione e partner di Ubitennis.

 

Clicca qui per leggere la classifica ATP aggiornata!

Continua a leggere

ATP

ATP Race to Milan: Nakashima vince a San Diego e ipoteca la qualificazione

Il tennista americano sarà quasi certamente a Milano. Sono tanti gli italiani che sperano in un posto alla Allianz Cloud

Pubblicato

il

A close up of Brandon Nakashima (USA) during his game against Nick Kyrgios (AUS) in the fourth round of the Gentlemen's Singles on Centre Court at The Championships 2022. Held at The All England Lawn Tennis Club, Wimbledon. Day 8 Monday 04/07/2022. Credit: AELTC/Simon Bruty

Dall’8 al 12 novembre a Milano si disputerà la quinta edizione del torneo Intesa Sanpaolo Next Gen ATP Finals.

Il torneo è riservato agli otto giocatori nati dopo il 31 dicembre 2000 che nel corso della stagione hanno realizzato il maggior numero di punti.

Il torneo meneghino, oltre ad essere un importante laboratorio per la sperimentazione di nuove regole, nel corso delle edizioni si è anche rivelato il trampolino di lancio di alcuni dei giocatori più importanti dell’attuale scena mondiale, a partire da Daniil Medvedev che partecipò all’edizione inaugurale del 2017 e oggi occupa la poltrona numero 4 della classifica ATP della quale era il leader sino allo scorso 11 settembre; Stefanos Tsitsipas, attuale numero 6 e vincitore dell’edizione 2018; Jannik Sinner numero 11 del ranking e vincitore dell’edizione 2019; Carlos Alcaraz, campione in carica del torneo e odierno numero uno della classifica mondiale.

 

La tabella seguente riporta i nomi dei precedenti vincitori e la miglior classifica assoluta da loro raggiunta:

ANNO*VINCITOREMIGLIOR PIAZZAMENTO ATP
2017Chung Hyeon19
2018Stefanos Tsitsipas3
2019Jannik Sinner9
2021Carlos Alcaraz1

*2020 non disputato causa Covid

Proprio Alcaraz, essendo nato il 5 maggio 2003, è ovviamente il miglior Under 21 del mondo, ma è certo che rinuncerà al torneo riservato ai suoi coetanei per prendere parte alle NITTO ATP Finals di Torino che cominceranno il 13 novembre, alle quali è già matematicamente qualificato. Il suo successore è uno dei primi 15 nomi dell’attuale classifica Race to Milano. Spicca soprattutto Brandon Nakashima, che vincendo l’ATP di San Diego ha ipotecato la sua presenza nei primi otto della Race: l’americano aveva rilasciato due anni fa una interessante intervista insieme al direttore Ubaldo Scanagatta e a Steve Flink.

La classifica Race to Milano aggiornata è disponibile al seguente link, che porta alla sezione “Sotto Rete” del sito web di Intesa Sanpaolo, main sponsor della manifestazione e partner di Ubitennis.

Clicca qui per leggere la Race to Milano aggiornata!

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement