Grande Sfida, una serata da brividi: perdono McEnroe e Chang

Focus

Grande Sfida, una serata da brividi: perdono McEnroe e Chang

Pubblicato

il

 
 

TENNIS FOCUS – Goran Ivanisevic e Ivan Lendl si aggiudicano le semifinali in una serata da brividi, con un palazzetto gremito e tanta solidarietà per gli alluvionati. Oggi le finali a Milano

Ancor più che per i risultati, la tappa genovese de “La Grande Sfida 3” sarà ricordata per l’impressionante risposta del pubblico. Nonostante l’alluvione che ha colpito la città la scorsa settimana, il 105 Stadium era praticamente gremito e ha creato un’atmosfera emozionante, da brividi, sin dalla presentazione dei giocatori. La Grande Sfida diventa la Grande Occasione già dalle 7 quando i campioni prendono la racchetta e si divertono come dei matti con gli spettatori che hanno la possibilità di fare il palleggio che sognavano da una vita. Alla fine sono più di cento che si alternano per scambiare qualche colpo con McEnroe, Chang, Ivanisevic e Lendl. Colore e calore. Qualcuno si presenta con una parrucca bionda che pare tanto Borg, altri con la divisa del proprio circolo tennistico. Pochi secondi ma basta e avanza per ricordarselo tutta la vita. Poi sono entrati in campo “loro”, uno dopo l’altro, accompagnati da una coreografia musicale e dalle rispettive bandiere. Tutti applauditi i giocatori, ma in un crescendo di decibel: Chang e Ivanisevic molto acclamati, un forte applauso per Lendl, un boato che faceva tremare il palazzetto per Supermac. E poi è stata passione, nostalgia e tanto divertimento. Genova ha risposto alla grande. Pochi posti liberi, colpo d’occhio da urlo. In prima fila anche lo sport genovese rappresentato da Sinisa Mihajlovic, tecnico della Samp, e Luca Antonini, difensore del Genoa. Un divertimento che proseguirà oggi presso il Mediolanum Forum di Milano, dove Goran Ivanisevic e Ivan Lendl si giocheranno il primo posto, mentre Michael Chang e John McEnroe lotteranno per il gradino più basso del podio. La passione del pubblico è stata incredibile: di solito, dopo una partita, le tribune si svuotano. Invece nessuno è andato via e hanno accompagnato Lendl e Chang fino all’ultima palla. Nel primo match, Goran Ivanisevic si è imposto col punteggio di 6-2 7-6 su McEnroe per la delusione del pubblico, quasi tutto schierato per il “vecchio” Mac. Qualcuno era più vivace degli altri, tanto da prendersi il ringraziamento di John: “Grazie, papà!” ha detto, col suo slang tipicamente americano. Lo stesso spettatore, dopo una risposta vincente di Ivanisevic, lo ha quasi implorato. “Aoh, tira piano!”. Come se volesse chiedere pietà per il suo campione. Il secondo set è stato decisamente più equilibrato, con McEnroe tirato a lucido e capace di alcune giocate di altissimo livello. Curiosamente, il colpo più spettacolare non è stata una volèe, bensì un passantino stretto di dritto. Di quelli che sanno tirare soltanto quelli che “danno del tu” alla palla. Senza dimenticare una demivolèe morta subito dopo la rete. Uno spettacolo. Sul 5-2. tuttavia, si è disunito e la potenza di Ivanisevic (12 anni più giovane) è emersa tutta. Lo ha ripreso e ha vinto il tie-break senza grossi problemi. Ivanisevic è apparso ancora molto tonico, in grado non solo di esplodere bombe di servizio centrali che alcuni giocatori del tour attuale invidierebbero, ma anche di colpire la palla piena, soprattutto di rovescio, con il quale ha giocato alcuni cross piatti di clamorosa penetrazione. Mac certamente era un pò appannato, forse non concentratissimo ed infastidito dall’illuminazione. Ma saltuariamente ha mostrato ancora i pezzi migliori del campionario: alcuni slice di servizio da sinistra fantastici e quel suo solito tennis-ping-pong, quel suo colpire la palla in anticipo senza sforzo apparente, esattamente come trent’anni fa.

GORAN E LE CORDE ROTTE
Curiosità: il match è stato interrotto per qualche minuto in avvio di secondo set, quando Ivanisevic è rimasto…senza racchette! Gli era successo qualcosa del genere nel 2000, al torneo ATP di Brighton. Ma allora le aveva spaccate tutte per la rabbia. Stavolta gli si erano semplicemente rotte le corde. “Non mi era mai successo in tutta la mia carriera nel Senior Tour” ha detto Ivanisevic. “In effetti è stata una situazione imbarazzante – ha continuato McEnroe, che è anche uscito dal campo per qualche minuto – avrei voluto dargli una delle mie. Ma nel tennis ci sono state situazioni peggiori. Ad esempio, rispondere al servizio di Goran. Il campo era molto veloce, e mi sono trovato a dover rispondere a uno dei migliori servizi di tutti i tempi insieme a quelli di Pete Sampras e Boris Becker. Avrei potuto giocare meglio, ma la buona notizia è stata la partecipazione del pubblico”. “In effetti sto servendo bene – ha detto Ivanisevic – riesco ancora a tirare intorno a 220 km/h. Mi aiutano le racchette di oggi, sono molto confortevoli per la mia spalla”. Prima della conferenza stampa, i due campioni hanno autografato le loro divise da gioco. Saranno messe in vendita online, nell’asta “Stelle nello Sport” organizzata su Ebay per sostenere i genovesi vittime dell’alluvione. Un gesto importante e significativo. Vista la grande presenza di giovani e baby-tennisti, i due hanno voluto dare un consiglio su come crescere e intraprendere la carriera del tennista.“Non è semplice dare consigli – ha detto McEnroe – il tennis è uno sport bellissimo, ma non tutti i giorni sono uguali. Magari un giorno si giocherà male e sembrerà tutto molto duro. E’ fondamentale la figura dei genitori, ci vuole qualcuno che li capisca”. Ancora più preciso Ivanisevic: “I genitori di oggi spingono troppo al professionismo precoce. Capita di vedere ragazzini di 11-12 anni palleggiare per 3-4 ore di fila. Mi sembra assurdo, io l’ho fatto per la prima volta a 19 anni. Ci vuole tempo, bisogna crescere piano piano, un passo alla volta”. A chiudere, Ivanisevic ha spiegato le difficoltà incontrate nell’attività da coach: “All’inizio è stato molto complicato, ho dovuto imparare tante cose. A volte può essere frustrante, ma se le cose vanno bene può essere molto divertente, come all’ultimo Us Open, dove ti senti molto apprezzato dal giocatore. La cosa più difficile sono i momenti dopo una sconfitta. Devi essere bravo a trovare le risposte giuste e trasmetterle al giocatore”.

 

LENDL, CHE SORPRESA!
Mentre durante il primo match l’atmosfera è stata un pò circense, nel secondo incontro si è a tratti vissuta l’atmosfera del match vero. Poche scenette, ed una certa concentrazione da parte dei due giocatori. Lendl si è preso la rivincita dello storico ottavo del Roland Garros 1989, macinando l’avversario con un netto 6-4 6-2. Nonostante i 54 anni compiuti e una silhouette non più straordinaria, ho mostrato un talento eccezionale. Come se questo aspetto, negli anni 80-90, fosse un po’ sottovalutato. Botte di dritto e servizio, sorprendenti tocchi sottorete e una sensazione di sicurezza continua. In particolare il servizio di Lendl è apparso di una continuità e di un’efficacia notevoli. Molti aces e servizi vincenti, sia a pulire la riga centrale che con la battuta esterna da destra. Il problema principale di Ivan, data età e mole, è apparsa essere la mobilità laterale ed in avanti, piuttosto modesta. Ma quando si è trovato a colpire da fermo  o quasi, si è rivisto il leggendario diritto e lo spendido rovescio nelle due versioni, coperto e tagliato. Michelino Chang è apparso più mobile ma non particolarmente in palla. Il match è stato in equilibrio fino al 4-4 nel primo, poi Lendl ha mostrato una superiorità a tratti imbarazzante. Nell’ultimo game, la gente ha cercato di convincere Chang e servire “da sotto” come nel 1989, ma lui si è limitato a tentare un inatteso serve and volley. Ma non era serata. Cercherà di rifarsi contro McEnroe nella finalina. Il titolo della Grande Sfida se lo giocheranno due campioni che hanno avuto in Wimbledon il crocevia della loro carriera: Lendl le ha provate tutte per vincerlo, ma non ce l’ha mai fatta. Goran, al contrario, ha azzeccato il miracolo a fine carriera. Per entrambi è stata una Grande Sfida. Una Grande Sfida che riprenderà al Mediolanum Forum di Milano.

Un’ultima annotazione: al termine dei due incontri, frotte di bambini (ma anche di quaranta-cinquantenni) ha dato l’assalto ai campioni per ottenere un autografo. Incredibile la calca attorno a McEnroe e Lendl, in particolare. Segno che a Genova, e più in generale nel Nord Italia, i tempi per un nuovo torneo ufficiale, magari indoor, sono maturi. C’è tanta, tanta voglia di tennis, e tanta passione nell’assistervi.

ATP CHAMPIONS TOUR – LA GRANDE SFIDA
Semifinali
Goran Ivanisevic (CRO) b. John McEnroe (USA) 6-2 7-6
Ivan Lendl (USA) b. Michael Chang (USA) 6-4 6-2

 

Continua a leggere
Commenti

ATP

ATP Eastbourne: Draper lotta ma passa Cressy, sarà finale a stelle e strisce con Fritz

Nell’ultimo torneo prima di Wimbledon sarà una questione tutta statunitense in finale. Cressy non si ferma più, Fritz rischia ma regola De Minaur

Pubblicato

il

Taylor Fritz – ATP Eastbourne 2022 (foto via Twitter @the_LTA)

Il tabellone completo dell’ATP 250 di Eastbourne

Nella giornata di oggi si sono giocate le semifinali del Nature Valley International, ATP 250 di Eastburne che precede l’attesissimo Wimbledon. In finale si parlerà solamente inglese, non britannico però. Il buon Jack Draper, infatti, ha dovuto arrendersi a Maxime Cressy, che per la prima volta in carriera entra in top50 (da lunedì sarà almeno n°45, mentre vincendo il titolo salirebbe al n°37). Il suo sfidante sarà Taylor Fritz, che su questi campi ha conquistato il primo trofeo della carriera, bravo ad eliminare il campione in carica Alex De Minaur.

M. Cressy b. [WC] J. Draper 7-6(5) 6-7(2) 6-3

 

Non stupisce l’approdo al tie-break nel primo set della sfida Draper – Cressy, con il giovane tennista britannico l’unico ad offrire palle break in tutto il primo set. Forte però delle sue capacità superiori nello scambio Draper riesce a scacciare il pericolo e portare il primo set al tie-break, dove però Cressy fa valere la sua maggiore esperienza e con tutto il suo repertorio di servizi potenti, salite a rete improvvise e bordate da fondocampo riesce a non cedere mai la battuta. In risposta basta il punto conquistato ad inizio tie-break per vincere il primo set e metterlo a metà strada dalla finale.

Il copione sembra ripetersi nel secondo set, con Draper il primo ad offrire palle break nel quinto game. Questa volta però Draper in risposta fa un passo in avanti nelle prestazioni, mancando l’appuntamento col set point sul servizio di Cressy nel decimo game. I progressi però passano nel tie-break, con Draper che trova due minibreak per chiudere il tie-break a suo favore per 7-1 e spedendo la contesa al terzo set. Nel set decisivo le tante occasioni mancate da Draper in risposta costano carissimo al giovane britannico, che dopo aver subito il break nel sesto game manca cinque palle break che avrebbero potuto prolungare ulteriormente il match. Cressy addirittura quando va a servire per chiudere il match va sotto 0-40, ma con pazienza e l’aiuto del servizio risale fino a chiudere game e partita 7-6(5) 6-7(2) 6-3.

[3] T. Fritz b. [6] A. De Minaur 6-1 6-7 (5) 6-3

Il match di fatto comincia con un solo giocatore in campo, Taylor Fritz. Lo statunitense vola subito sul 5-0 contro un Alex De Minaur irriconoscibile, troppo falloso rispetto al lottatore che è di solito. Per la testa di serie numero 3 è un gioco da ragazzi chiudere 6-1 il primo parziale e, anche in avvio di secondo set, il 23enne di Sydney rischia grosso, costretto ad annullare subito due break point in apertura. Per la prima volta nel match, tuttavia, De Minaur riesce a mettere la testa avanti e rischia anche di incrementare il vantaggio, costruendosi tre chance di break nel game successivo. Fritz però trova due ace e un dritto vincente per sventare la minaccia e, dopo due game molto lottati, il resto del set fila via liscio. C’è sicuramente più equilibrio rispetto al primo parziale, con l’australiano decisamente più sicuro al servizio. Si prosegue on serve fino al 6-6, con il tiebreak che è senz’altro la conclusione più giusta e logica del set. De Minaur parte male, commette alcuni gratuiti di troppo e in ben tre situazioni distinte si trova indietro di un minibreak. Fritz si porta avanti 5-4 e ha due servizi a disposizione per archiviare la pratica, ma perde tre punti di fila e permette al suo rivale di pareggiare i set: 7-6 (5) per l’australiano.

Il terzo set parte con grande intensità, con Fritz che riesce a non farsi condizionare più di tanto dal modo rocambolesco in cui ha appena perso il secondo parziale. Lo statunitense, sfruttando il fatto di servire per primo, si mantiene avanti nel punteggio e nel quarto gioco trova l’allungo decisivo, centrando il break alla seconda opportunità e proiettandosi sul 4-1. De Minaur prova in tutti i modi a restare in partita, ma la testa di serie numero 3 ritrova la fiducia e la solidità smarrite nel tiebreak e si impone 6-1 6-7 6-3. Cade così il campione in carica, mentre Fritz ritrova la finale ad Eastburne dopo tre anni.

Con la collaborazione di Giorgio Di Maio

Il tabellone completo dell’ATP 250 di Eastbourne

Continua a leggere

ATP

ATP Maiorca: Tsitsipas doma Bonzi e si prende la finale, lo segue Bautista Agut

Il tennista greco si sbarazza di Bonzi e conquista la prima finale in carriera su erba. Il n.303 Bellier si arrende a Bautista Agut

Pubblicato

il

Stefanos Tsitsipas - Halle 2022 (foto twitter @atptour)

[2/WC] S. Tsitsipas b. Bonzi 6-4 6-4

Fila secondo pronostico la prima semifinale di giornata all’ATP250 di Maiorca, con il greco e testa di serie numero due del tabellone Stefanos Tsitsipas che si prende la finale del torneo battendo Benjamin Bonzi. Una partita più complicata però del previsto, con Tsitsipas che ha dovuto ricorrere al servizio per salvare tre palle break nel primo set. Il greco poi è stato bravo a sfruttare l’opportunità capitata nel nono game, capitalizzando la seconda palla break capitata sul servizio di Bonzi a causa dei troppi errori del tennista francese. Riuscendo così a chiudere senza patemi il primo set.

Molto più semplice la questione secondo set, con entrambi molto più solidi al servizio ma con Tsitsipas che ancora una volta è bravo a cogliere le uniche opportunità concesse al servizio da parte di Bonzi. Il tennista francese va sotto 0-40 già in avvio di set, condannandosi al break dell’1-2 che spalanca le porte della finale al suo avversario, che in tutto il secondo set concede solo sei punti al servizio nonostante il 46% di prime in campo. Ora per Tsitsipas, che non ha mai avuto un gran rapporto con l’erba, ci sarà la prima finale sulla superficie contro uno tra Roberto Bautista-Agut e il sorprendente qualificato svizzero Antoine Bellier.

 

Il tabellone completo del torneo

[5] R. Bautista Agut b. [Q] A. Bellier 7-6(5) 6-2 (Giovanni Pelazzo)

Antoine Bellier si è presentato a Maiorca da numero 303 del mondo, vincendo due turni di qualificazioni ed eliminando giocatori ben più esperti come Federico Delbonis e, soprattutto, Pablo Carreño Busta. Con il risultato odierno è già certo di aver centrato il best ranking, arrivando alle porte della top200 (da lunedì sarà 215): e pensare che, prima di questo torneo, aveva vinto solamente un match ATP in tutta la sua carriera. Il motivo per cui si è spinto così avanti nel torneo è intuibile fin dai primi scambi: Bellier ha un gioco estremamente erbivoro, che ricorda un tennis ormai quasi del tutto tramontato. Il suo credo è il serve&volley e, in generale, cerca di spingersi a rete non appena ne ha l’occasione. Anche un ottimo giocatore come Roberto Bautista Agut ha bisogno di tempo per prendergli le misure, quantomeno in risposta (dato che nei suoi primi tre game al servizio non perde nemmeno un punto). Avanti 4-3, la testa di serie numero 5 si costruisce le prime palle break della partita, ma Bellier riesce a cancellarle e ad agguantare il suo avversario sul 4-4. Il tiebreak è la soluzione più logica per un set equilibrato in cui, tuttavia, l’iberico ha ceduto appena quattro punti al servizio (tiebreak incluso). Dopo uno scambio iniziale di minibreak viene sembre seguito l’ordine dei servizi, con lo svizzero che va sotto 4-5 con due servizi a disposizione. Bautista qui trova la zampata decisiva e, al secondo set point, chiude 7-6 (5).

Vinto il primo set sul filo del rasoio, il numero 20 del mondo ha subito la possibilità di andare avanti nel punteggio, ma non sfrutta l’opportunità offertagli da Bellier nel primo gioco. Al cambio campo, inaspettatamente, è proprio lo spagnolo a concedere le prime chance della partita al suo avversario: sono tre consecutive, con lo svizzero che ne approfitta subito e si porta sul 2-0, vincendo in un singolo gioco tanti punti quanti quelli conquistati in risposta in tutto il primo set. Bautista, però, è tutt’altro che fuori dalla partita e, da quel momento, non concederà più nulla. Lo spagnolo, infatti, si arma di pazienza e pian piano disinnesca le volée (comunque di buon livello) di Bellier, che perde gli tutti gli ultimi sei game del match. La testa di serie numero 5 inserisce il pilota automatico, trova ottimi passanti e qualche buon lob che gli valgono l’allungo e la ventesima finale in carriera: 7-6 6-2 il finale. Domani Bautista cercherà il secondo titolo della stagione (dopo il trionfo a Doha): ad attenderlo c’è Stefanos Tsitsipas, alla prima finale in carriera sull’erba.

Il tabellone completo del torneo

Continua a leggere

Flash

WTA Bad Homburg: forfait Halep manda Andreescu in finale, a Garcia derby francese su Cornet

Caroline Garcia la spunta dopo una lotta da 129 vincenti contro Alize Cornet. Andreescu approfitta del dolore al collo di Halep,

Pubblicato

il

Caroline Garcia Nottingham

Il tabellone completo del WTA Bad Homburg

Dopo aver eliminato la favorita al torneo di tennis di Bad Homburg il giorno prima, la canadese Bianca Andreescu ha approfittato del ritiro per infortunio della rumena Simona Halep per ottenere il suo biglietto per la finale di venerdì.

La WTA ha riferito che la 30enne ha un infortunio al collo che le impedisce di giocare. L’ex numero 1 del mondo, testa di serie n.4 in Germania, era stata dominante nei round precedenti battendo facilmente l’americana Amanda Anisimova e la slovena Tamara Zidansek.

 

“Purtroppo mi sono svegliato questa mattina [venerdì] con il collo bloccato e non mi permette di competere al meglio delle mie capacità”, ha scritto Halep sul suo account Twitter.

La canadese, anche lei colpita dagli infortuni, Andreescu è scesa nel ranking WTA e ora si ritrova 64esima. Sarà in finale di un torneo per la prima volta da aprile 2021, quando è stata sconfitta da Ashleigh Barty a Miami.

Il tabellone completo del WTA Bad Homburg

C. Garcia b. [9] A. Cornet 7-6(9) 6-4 7-5

La seconda semifinale invece per pathos e incertezza non ha fatto rimpiangere quella non giocata. Caroline Garcia e Alize Cornet hanno dato vita ad un derby francese spettacolare 7-6(9) 6-4 7-5 decisosi solamente nel terzo set in favore della più giovane Garcia – 28 anni contro 32 – che proprio sfruttando la maggior resistenza e freschezza fisica, ha avuto la meglio su una come sempre indomabile Cornet. Le oltre due ore e tre quarti di partita si sono decisi in un terzo set pieno di ribaltamenti di fronte dettati dalla grande caparbietà delle due giocatrici transalpine, autrici di 129 colpi vincenti (70 Garcia, 59 Cornet) a fronte di 57 errori gratuiti (39 Garcia, 18 Cornet). Hanno interpretato magistralmente, seppur latenti di discese a rete, un tennis da erba fatto di palle pungenti e spesso tagliate seguite da concrete accelerazioni. Del resto sia la n. 44 che la n. 75 hanno forza e tecnica in abbondanza per fare questo tipo di gioco.

A rendere ancora più scoppiettante la sfida ci ha pensato l’Aeroplanino Caroline, incitando nelle fasi finali del match il pubblico, divertito ed estasiato dall’esibizione offerta. Il primo set è stato letteralmente dominato dal servizio, con abbondanza di game tenuti a ‘0’. Nel tiebreak Garcia è stata la prima a guadagnarsi set point e dopo aver rischiato in un paio di occasioni di perderlo, l’ha fatto suo alla quarta chance, 11-9. Nel secondo Cornet ha sfruttato un passaggio a vuoto dell’avversaria nelle fasi topiche, brekkandola due volte consecutivamente, 6-3.

Grande spettacolo infine nel terzo set con Garcia la prima a passare in vantaggio di un break in maniera tanto convincente da far credere che potesse mantenere il vantaggio fino alla fine. Ma mai dare per vinta Alize Cornet, ex n.11 mondiale e veterana di questo sport, che grazie al suo gioco maggiormente vario ha ribaltato la situazione mettendo parecchio in difficoltà la sua connazionale. Riportatasi in parità, ha poi avuto match point sul 5-4 con una Garcia che si è salvata col rovescio, dopo che questo colpo l’aveva tradita poco prima. La maggior dimestichezza di Garcia a rete l’ha tolta fuori dai guai a più riprese e alla fine è stata lei a piazzare il break decisivo nell’undicesimo game, sigillato con un dritto incrociato fulminante. Bissato poco più tardi da un dritto vincente sul match point; bello ed emozionante l’abbraccio sincero a fine partita, e l’esultanza di Garcia comprensibilmente contenta.

Il tabellone completo del WTA Bad Homburg

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement