G. Monfils: "Se potessi scegliere, contro Roger giocherei sul duro"

Interviste

G. Monfils: “Se potessi scegliere, contro Roger giocherei sul duro”

Pubblicato

il

 

TENNIS INTERVISTE COPPA DAVIS – Le dichiarazioni della squadra francese dopo il sorteggio

 

 

Arnaud, probably no surprise that Roger is playing.

CAPTAIN CLEMENT: No, it’s not a big surprise for us. We prepared. We did all our preparation to play against Roger and against Stan. For us it’s not a big surprise.

Do you see any difference playing an opponent with a back injury or it’s not in your mind?

GAEL MONFILS: I think I know Roger. If he step on on the court, he going to be 100%. I think a couple days ago he just pull out, so if he shows up, it means he’s 100%.

Arnaud, how much of an advantage do you think it is to be playing on clay?

CAPTAIN CLEMENT: You know, I think it’s not a big advantage. Roger and Stan likes to play both on clay. They did a great tournament in Monte‑Carlo this year, played a great final.

So I think it’s going to be very close. Very close to play on hard or clay or even grass. I think it’s quite the same.

How big an advantage to be playing in front of a home crowd?

CAPTAIN CLEMENT: For us, yes, it’s an advantage for sure. We’re going to have our team, lots of positive energy. We’re going to need it.

 

Julien, can you talk about what this means to your country and team to have this opportunity. The history of Davis Cup in your country is very rich.

JULIEN BENNETEAU: Yes. As you said, we are an historic country of Davis Cup. We won like nine times. For us it’s a wonderful opportunity to have this crowd in front of 27,000 people against the best player of all time. For us it means a lot.

Four years ago we were close. We lost this final. But for this weekend I think we are all ready and all more than 100% to be ready to go on the court and to bring back this trophy.

 

Is it special to play in a soccer stadium? Do you expect also a soccer ambiance?

CAPTAIN CLEMENT: Ambiance in Davis Cup is always unbelievable in France. So I think it’s going to be more than soccer ambiance.

Gael, you’ll get a chance to play Roger Federer again tomorrow. I wonder how you reflect on the amazing US Open quarterfinal the two of you played.

GAEL MONFILS: Definitely is going to be special for me ‘cause is always good to play Roger. You know, it’s such a legend.

But for sure it will help me, this last match on my mind. But this one’s going to be different. You know, you have someone you can share your emotion during the match, the captain who can help me, of course, if maybe I’m tight in the match.

Definitely I expect to play a big match again because I know I need to play a big match to beat him. I’m very happy to have this opportunity again.

Gael, I’d like to know if you were to play your dream match of your life versus Federer, which surface would you have picked, to play him on clay or maybe more hard court?

GAEL MONFILS: No, I would definitely choose hard court.

Arnaud, why did you choose Gael instead of Richard? What was your criteria?

CAPTAIN CLEMENT: They are all very close. All the players are very close, the four players around me, and even Gilles, who is not here. There was a strategic decision as to this specific tie, and Gael showed during the preparation that he was very fit. Well, it’s also true for Richard and the others.

You need to make a choice at one point. It was a personal choice. I spoke with all of them. They were all ready to go. But I chose these players.

There’s no specific and obvious reason for choosing one instead of the other.

Gael, you played three times against Roger. Do you remember those three matches and can they help you?

GAEL MONFILS: I don’t want to do like I did in Roland Garros because I lost badly twice at least. I believe this here will be a bit different.

My advantage is that I have a tactical game that I’m going to play, and if it doesn’t work I’ll have the captain by me on the court, the other players, who will be able to help me and change my game if I need to.

Sometimes when you make mistakes during the match, if the player is alone, he can change his tactics, whereas here I will have other options available that sometimes I might not see by myself, but they will help me to see it.

So the other matches you were talking about don’t really count. Here is another type of atmosphere, it’s another match, another moment in my life. I just trust my team and my captain.

Arnaud, Roger will be playing. You all said you were expecting Roger to play. So it’s not a surprise?

CAPTAIN CLEMENT: No, it’s not really a surprise. It was obvious to us that he was going to play. Our preparation was to be able to play against him and Stan.

Gael, if Roger can’t play 100%, will it change the way you’re going to play the match tactically, for instance?

GAEL MONFILS: I don’t believe that. But there’s something you can’t forget: he had a four‑day rest period. Just before that he was playing his best tennis ever. So you can’t say he’s going to play badly.

If he’s there, it’s because he feels good and he wants to win this competition. We all had a period of three days where we were able to rest. All of us do have little physical problems here and there. So if Roger decided to play, it’s because he feels he’s able to win the match, to beat me.

He was playing well before. He rested for three days. On the contrary, I’ll have to do even more to beat him.

When did you learn that you would be the player who would be chosen and what did you think?

GAEL MONFILS: I heard that two months ago (laughter).

No, seriously, I heard that a few hours ago, maybe 24, maybe before. I would have preferred to play first because there’s more stress involved in this tie. When I watch my good friends playing, it takes away a lot of energy from me. It would have been better for me to play first.

Jo, we are talking about the second match a lot, but you are going to open this tie playing first. Do you remember the two big matches you played in the French Open against Stan?

JO‑WILFRIED TSONGA: Well, with Stan, we have a special history against each other. Each time it’s extremely tight matches, whether in a Grand Slam or on the regular tour. We always play three sets, 6‑4 in the third, or in five sets at the French Open.

I know when I step on that court the only thing that will make a difference will not be the tennis itself but the determination, the will to win. So this is what I’m going to do. I’ll be extremely determined when I come to the court and I will try to be the best on the court.

For the doubles on Saturday, did you work enough on the doubles this week? Would you have liked to have worked even more?

RICHARD GASQUET: I have no problems. I will be ready on Saturday. We played well this season, and I practiced enough, so I’m ready.

JULIEN BENNETEAU: It’s the same for me. We played one set together this week and we did a lot of exercises against each other with volleys, et cetera.

Most of the time when I play doubles, I have less preparation than that. We were able to work on certain things in particular. So if we’re playing together, there will be no problems.

Jo, the Swiss players played a lot in competition. You didn’t play as much because of injuries and other reasons. Do you believe the lack of competition can be a factor?

JO‑WILFRIED TSONGA: If I didn’t play these past weeks, it’s not because I chose not to play, first of all. Secondly, what reassures me is that in the past I didn’t always need to have a lot of competition under my belt to play well.

So, on the contrary, when I play too many tournaments, sometimes I get tired. Honestly, for me, it is not something that will be a factor this weekend.

Arnaud, in soccer sometimes we say the matches we play are the matches between the coaches. Gael says you will be important.

CAPTAIN CLEMENT: Well, indeed. Here there will be a psychological dimension that will be important because it is a final. There’s a lot of stress. In those particular moments maybe it’s a good thing to have a sort of outside opinion. Maybe the captain can do that a lot better being on the side of the court rather than in the action.

To those who will be on the court, Jo and Gael, what do you expect from the crowd, those 27, 203, even if there will be some Swiss?

JO‑WILFRIED TSONGA: We expect the values of sport are met. We are trying to promote certain values through our profession: respecting the opponents, respecting ourselves. I think what has to be respected is to give our best, whether we are players or whether we are spectators.

We are in France, so I hope the French crowd of course will push and support and help us to get this very beautiful trophy.

GAEL MONFILS: Of course, I agree with Jo. I just expect a crazy atmosphere, crazy. That will be great (smiling).

Gael, if you beat Roger, how important will this victory be in your career?

GAEL MONFILS: It’s difficult to answer that question before playing. I prefer to wait for tomorrow to give you an answer.

I think I would like to wait for the end of the tie itself before I answer that question.

I asked Jo if he was a bit scared before playing the tie. He said yes. Do you feel that, too?

GAEL MONFILS: Honestly, there’s a lot of pressure, and I feel that pressure myself because we really want to do well. It is an unusual situation. For me, it’s my second chance to get a point for my country in a final.

So, yes, I am very scared.

Arnaud, according to you, is there a possibility that Roger will not play tomorrow, be replaced, only play on Sunday? What do you think?

CAPTAIN CLEMENT: I don’t think so. I don’t see this being possible at all.

I’ll give you an answer: If he plays tomorrow, if his name is on the board for tomorrow, it means he’s 100% and he can play. So I don’t believe the Swiss team will change this at the last minute.

You’re saying choosing Gael was a strategic choice. Can you explain that?

CAPTAIN CLEMENT: The first thing is that Gael is extremely in good shape, physically, and in his tennis. This is the first point. If all my players are fit, in good shape, in good condition, ready to play…

Well, in our team, we’ll see what happens Friday. We’ll see how tired the players are. After Friday, there might be changes for the singles on Sunday.

It’s really a luxury I have as a captain of this team. So if I need to use that, I will.

Jo, you are going to play your first Davis Cup final. Does it feel a bit different from any other tie?

JO‑WILFRIED TSONGA: Yes, we talked about it together. It is extremely important to me. It means a lot.

I look to the future, to the next three days. Whatever happens after those three days, I’m not thinking about it, I can’t see it.

I have one single thought: bringing back the trophy. It’s not only part of the major events in my career, it is the major event in my career. I really hope I’ll be able to fight well on the court, that I will be able to enjoy that moment which will be exceptional for me and the whole team, too.

Do you have extra pressure?

JO‑WILFRIED TSONGA: Oh, yes, of course. There is additional pressure. When people ask whether we are scared or not, well, this is what we’re talking about. We’re talking about that extra pressure that is in the air.

Today, look, there are many more journalists than usual. The expectations of the crowd are even greater. Our personal expectations are higher, too. So when you talk about pressure, you talk about all this.

Our capacity to play will depend on the capacity we will have to manage all this tension.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Toni Nadal su Rafa: “Trofeo al Roland Garros, poi si vedrà”

Lo zio di Rafa Nadal parla di formazione tennistica e caratteriale, dell’incontro con Auger-Aliassime e di Novak Djokovic

Pubblicato

il

“Penso che qualsiasi allenatore debba adattare ciò che insegna all’allievo, pur sapendo che in molte circostanze non funziona. In ogni caso, ci sono principi che devono restare immutati”. Comincia così Antonio Nadal Homar la non insolitamente lunga intervista a Vanity Fair.

Lasciata la racchetta perché non si considerava abbastanza forte, lo zio ed ex allenatore di Rafael Nadal ha cominciato a dare lezioni di tennis mentre studiava giurisprudenza. Il piano era diventare avvocato, ma non sarebbe andata proprio così. Ha cominciato allenando i figli dei soci del Club Tenis Manacor. Poi, il nipotino, “poco complicato e obbediente. Gli dicevi qualcosa e lui la faceva senza fiatare, non come altri bambini indisciplinati che cercano di metterti in difficoltà”.

Contrariamente ad alcuni – se non parecchi – suoi colleghi, è molto raro vedere Rafa dare in escandescenze o mancare di rispetto a qualcuno sul campo. Toni dà il merito ai genitori e a Rafa stesso, aggiungendo che ciò va di pari passo con la la formazione tennistica. “Per esempio, non gli avrei mai permesso di rompere intenzionalmente una racchetta, perché quello è il mio modo di intendere il mondo. Il fatto che poi non l’abbia mai rotta è però una questione di educazione che gli hanno dato i suoi genitori. Se trovi persone che non hanno imparato l’educazione a casa, è complicato”.

 

Un tema, quello della primaria importanza della formazione del carattere rispetto a quella tecnica che ricorre nel suo libro “Tutto si può allenare” (traduzione letterale, non c’è una versione italiana). Perché, se è evidente che per svolgere qualunque attività è necessario apprenderne le specificità tecniche, “giocare a tennis o a calcio è anche questione di carattere. So che, se hai un carattere ben formato, è molto più facile avere una buona qualità tecnica. Per imparare qualsiasi sport, devi fare molte ripetizioni. Per farlo e con successo, bisogna avere un buon atteggiamento e una buona predisposizione. Senza l’atteggiamento necessario, l’apprendimento non progredisce come dovrebbe”.

Su quanto duro e autoritario sia stato nei confronti del nipote, Toni non nasconde che siano necessari quando si hanno grandi ambizioni: “Non c’è scelta. Viviamo in un mondo altamente competitivo. Quindi, in cosa differisci dagli altri tennisti? Colpisci forte, corri veloce e ti concentri, tutto al massimo possibile, ma è difficile farlo se non ti alleni secondo le più alt pretese. Nella vita bisogna essere coerenti con ciò che si sceglie. Se si sceglie di essere un grande giocatore o di eccellere in qualsiasi attività, è quasi impossibile non fare un allenamento impegnativo. Se scegli di entrare nell’avvocatura dello Stato o di essere un grande imprenditore, non puoi lavorare come uno che va a fare un lavoro normale dalle otto alle tre del pomeriggio e poi si dimentica del lavoro fino al giorno dopo. Questo è il mio modo di intendere il mondo”.

Insomma, le basi del metodo Nadal sono piuttosto chiare. Da quasi due anni, Antonio siede nell’angolo del classe 2000 Felix Auger-Aliassime, quindi vediamo come si adatta la sua Weltanschauung a qualcuno con cui ha iniziato quando non era più un ragazzino. Gli ha chiesto subito quale fosse la sua aspirazione: “Mi ha risposto ‘qualunque cosa’, il che è molto difficile, gli ho detto, perché è quello che vogliono anche Medvedev, Tsitsipas… quindi bisogna spingersi al limite. Ma devi essere preparato al fatto che, pur provandoci, potrebbe non funzionare”.

Al momento dell’intervista, era ancora in corso l’Australian Open, dunque non c’era ancora stato l’aggancio di Novak Djokovic a Rafa a quota 22 Slam, quella che per qualcuno pare diventata l’unica corsa tennistica degna di nota, sminuendo così non solo tutto il resto del Tour – vale a dire giocatori ed eventi –, ma il peso degli stessi titoli Major. A ogni modo, non è che Toni possa fornire una previsione tanto diversa da chiunque altro su chi dei due avrà la meglio: “Ovviamente Djokovic è in una posizione migliore perché continua a giocare ad altissimo livello e non ha problemi fisici. È il favorito per vincere l’Australian Open e Wimbledon. Ma nel mondo dello sport le cose cambiano molte volte da un giorno all’altro. Ci sono momenti che ti fanno cambiare idea. Non lo so, chiunque può finire per essere il numero uno in questo conteggio”.

Anche sul fatto che Novak risulti antipatico a qualche appassionato, Toni si tiene sul classico: “Non so perché e nemmeno me ne preoccupo molto. Penso che il problema sia dovuto alla sua irruzione nella rivalità tra Federer e Rafael, un confronto che piaceva alla gente. Penso che non sia mai riuscito ad essere amato come gli altri due, e che il suo comportamento in campo a volte sia stato un po’ più complicato. Ho un buon rapporto con lui. Oltre ad essere un grande campione, ha sempre avuto un buon rapporto con me. Ci sono persone a cui piace Rafael, ad altre Federer e altre ancora Djokovic. È vero che a quasi nessuno non piace Federer, a poche persone non piace Rafael ed è probabile che Djokovic abbia un detrattore in più rispetto a loro due. Ma non so esattamente cosa sia”.

Non resta che l’ultimo, imprescindibile argomento, peraltro introdotto da quel richiamo all’assenza di problemi fisici di Nole, quello alla base della rumorosa battuta di qualche anno fa i cui echi non si sono ancora spenti, “Rafael es una persona lesionada que juega al tenis”, per la quale avrebbe poi chiesto scusa (solo) al nipote. “Dopo tanto tempo e dopo aver avuto tanti problemi nell’ultimo anno che ha finito con troppi infortuni, i piani futuri non vanno oltre il prossimo torneo. Non sai mai veramente come andranno le cose. È vero che il corpo di Rafael è stato particolarmente colpito, ma è anche vero che è nel circuito professionistico da quando aveva 16 anni ed è una cosa che si paga: è facile che il corpo ceda da un giorno all’altro. Confido che possa sollevare il trofeo del Roland Garros quest’anno e poi vedremo”.

Continua a leggere

Circoli in vista

Pietro Romeo Scomparin e il successo nei tornei Open: “In due anni punto a fare il salto” [ESCLUSIVA]

Il 21enne veneto ha vinto l’Open Rodeo di Mirano e sta preparando la stagione del suo decollo. “Mi piace sciare ma non sono bravo come Sinner”

Pubblicato

il

Scomparin Pietro - Foto Padova Oggi

Nel penultimo week-end di gennaio a Mirano è andata in scena la sesta edizione del ‘Rodeo Aquarius FITP’ riservato ai seconda categoria, primo appuntamento dell’anno nel club Miranese, con più di 40 partecipanti provenienti da svariate regioni d’Italia. L’ha spuntata il vicentino Pietro Romeo Scomparin che in finale ha avuto la meglio su un ottimo Riccardo Parravicini, classificato 2.6 e tesserato per il TC Padova. Il tennista veneziano infatti ha dato parecchio filo da torcere al più titolato avversario (classificato 2.2), arrivando anche ad avere un set point nel primo set. Lo avesse messo a segno forse il match avrebbe raccontato una storia diversa, ma il 21enne Scomparin, tesserato per il Tennis Villafranca, è riuscito a salvarsi e a rimettere la partita sui giusti binari fino a concludere col punteggio di 5-4(3) 4-1.

Abbiamo raggiunto telefonicamente il vincitore per avere un suo commento.

Buongiorno Pietro, disturbiamo?

 

Assolutamente no, oggi sono stato a sciare ad Asiago con mio padre e mio fratello e adesso stiamo tornando a casa. Lo sci mi piace moltissimo, tanto che da piccolo facevo le gare.

Un emulo di Sinner dunque?

No, no (ride, ndr), non ero così forte come lui. Diciamo che me la cavavo.

Come te la cavi anche con la racchetta in mano. Nella tua zona fai letteralmente man bassa di Open.

(ride, ndr), effettivamente ne vinco abbastanza. L’anno scorso ho vinto quattro tornei e pure questa stagione è iniziata nel migliore dei modi con la vittoria a Mirano. Anche se qui purtroppo come testa di serie n.1 ho disputato solo una partita mentre avrei bisogno di giocare molto di più per preparare le prossime trasferte.

C’era un premio in denaro?

No, gli unici benefit sono stati che non ho pagato l’iscrizione e che alla fine mi hanno regalato del materiale del Circolo.

Parlavi delle tue prossime trasferte.

In febbraio sarò ad Antalya (Turchia), in marzo invece in Croazia e ad aprile a Palmanova (Spagna).

Riprendi dunque l’esperienza nei tornei Futures che avevi cominciato nel 2022 quando hai giocato 30 partite (con 19 vittorie), raggiungendo tre volte il tabellone principale. Poi ti sei fermato, come mai?

Sì, nei primi mesi ho avuto un buon rendimento, conquistando anche il mio primo punto ATP al Cairo. Poi ho interrotto perché ho cambiato allenatore e mi sono trasferito al Tennis Villafranca. Poi ho anche studiato disperatamente inglese perché mi erano arrivate un paio di proposte di borsa di studio dai College USA. Solo che era richiesto un livello linguistico C1 (il secondo più alto dopo il C2, ndr) e io sono riuscito ad ottenere solo un B2. Così non sono andato (ride, ndr).

Hai detto che ti sei trasferito a Villafranca. Con chi ti alleni?

Con Marco Speronello che come vincitore di Open avrebbe parecchie cose da insegnarmi (ride, ndr).

Con il Villafranca giochi la B2?

Quest’anno non più perché farò la B1 con Schio e probabilmente la prossima stagione giocherò in A2 con Bassano.

La tua superficie preferita?

La terra, però adesso mi sto allenando parecchio sul veloce a Treviso perché il primo torneo sarà a Ortisei per le pre-qualificazioni BNL e lì non solo il superficie è molto rapida ma saremo anche in quota.

Sempre sulle orme di Sinner. A proposito di giocatori forti hai mai giocato con qualcuno di loro?

Con Sinner cinque anni fa ci palleggiai in Grecia quando lui stava iniziando a fare i primi ITF.

E con gli altri ragazzi della cosiddetta new wave italiana?

Non è che tennisticamente li conosca tanto bene perché da piccolo non ero forte come loro. Tanto per dire a 16 anni ero ancora terza categoria. Ho giusto incrociato Bellucci all’Open di Trissino un anno e mezzo fa quando lui vinse battendo in finale Speronello (da cui io persi in semifinale) che era sopra 6-4 4-1 e poi finì per perdere 7-6 al terzo.

Adesso non stanno attraversando un momento particolarmente brillante.

Ci sta perché nel tennis non è facile tenere costantemente un livello alto. Poi ci sono vari fattori che possono influire: infortuni, cambio di allenatore, la famiglia. Quindi non è mai un processo rettilineo.

Tu comunque li vedi tutti in top 100?

Certamente, hanno tutti il livello per ottenere quei risultati.

E tu invece che ambizioni hai?

Per quest’anno mi piacerebbe arrivare al n.600 ATP. L’anno prossimo magari arrivare a 300/400 per poi fare il salto.

Parliamo anche di un eventuale piano B. La scuola?

Ho fatto il Liceo Scientifico Scienze Applicate, i primi quattro anni frequentando e l’ultimo online perché viaggiando non ci riuscivo più.

Grazie Pietro, speriamo tu ci dia occasione di scrivere ancora di te.

Farò il possibile (ride, ndr) e intanto grazie per l’interesse.

Segui su Instagram: @massimogaiba

Continua a leggere

Australian Open

Australian Open, Ivanisevic: “Novak ha ragione: questa è la sua vittoria Slam migliore”

“In campo può dirmi quello che vuole. L’importante è che vinca” così il coach di Djokovic, Goran Ivanisevic. Il 22-22 con Rafa? “Come un match di pallamano. Se Nadal gioca a Parigi è sempre favorito”

Pubblicato

il

Dopo la conferenza del vincitore Novak Djokovic, e quella dello sconfitto Stefanos Tsitsipas, ha parlato anche il coach del neo-numero 1 del mondo: Goran Ivanisevic.

D. Goran, in che posizione collochi questo successo nella classifica dei titoli vinti da Novak con la tua collaborazione?
IVANISEVIC: Credo che lui abbia ragione, e che questo sia proprio il migliore. Non solo per il suo ritorno dopo quello che è successo lo scorso anno, ma anche per le ultime tre settimane, che sono state oltremodo dure. Credevo di aver visto tutto nel 2021, quando vinse qui con uno strappo agli addominali. È stato incredibile, voglio dire, giocare ogni giorno sempre meglio. Impressionante.

D. Ha detto che temeva di non poter giocare più qui. Quanto c’era di vero in questo?
IVANISEVIC: Diciamo così: non dico il 100% ma se il 97% dei giocatori ricevesse un esito di risonanza magnetica uguale a quello che lui ha ricevuto, si ritirerebbe. Ma non lui. È di un altro pianeta; il suo cervello lavora in maniera diversa. Sono con lui da cinque anni, e ogni cosa è legata al modo in cui pensa. Ha dato tutto; 77 terapie al giorno. Ha migliorato piano piano, non me l’aspettavo. Mi ha scioccato. Tutto bene per i primi due turni, ma poi contro Dimitrov è stato spaventoso. Alla fine, ne è uscito e ha vinto.

 

D. Quando abbiamo parlato con Novak l’altro giorno, ci ha confessato che il non avere suo padre sugli spalti lo ha influenzato. Puoi dirci quanto è stato difficile dal punto di vista emotivo per lui?
IVANISEVIC: È stata dura. Nel match contro Tommy Paul è stato più fragile: da 5-1 a 5 pari, in questi casi di solito lui chiude 6-1, non importa chi sia l’avversario. Cose che capitano, fortunatamente ha saputo vincere il torneo nonostante tutto. È un traguardo incredibile.

D: Tu lavori con Novak ormai da un po’. Hai imparato qualcosa di nuovo su di lui durante il torneo?
IVANISEVIC: Si impara sempre. Lui è ogni giorno più matto (ride). La sua follia non ha limite, in senso buono (sorride). Sul serio, è un tipo incredibile, indescrivibile. Di nuovo credevo di aver visto tutto, e poi è andata così. Probabilmente ne vedrò ancora delle belle. Sul campo ha emozioni, ci parliamo; anche oggi, come durante tutto il torneo, ha avuto momenti buoni e momenti meno buoni. Ma alla fine non importa, ha vinto 10 Australian Open. Spagna-Serbia sembra una sfida di pallamano: 22-22. Nel 2023 la questione si fa interessante.

D: Dopo questi match ti chiede sempre scusa, spiegando quanto sia difficile avere a che fare con lui. Davvero è così dura? A cosa si riferisce?
IVANISEVIC: Potrei andare avanti a parlarne per dieci giorni. Insomma, sono stato un tennista, anche piuttosto matto. Capisco come si sente, le sue emozioni. Siamo in una finale Slam, se parlarci lo aiuta, allora parliamo. Gliel’ho detto, dimmi quello che vuoi ma tu devi vincere, altrimenti avrai un problema. Finché vince, non ci sono problemi. L’anno scorso non è stato facile; niente è facile anche per un coach. Per esempio, il coach del Real Madrid ha bisogno di avere pressione; se non vinci uno o due incontri, ti fanno fuori. È bello fare le finali, ma le devi vincere. Contano solo gli Slam, ed è una grande sfida. E io ci sono abituato; ormai sono nella sua squadra da quattro anni.

D: Oggi ti ha ben impressionato il suo dritto?
IVANISEVIC: il suo diritto mi ha impressionato per tutto l’anno; ci abbiamo lavorato molto. Ha iniziato a giocarci così a Torino, ma abbiamo lavorato molto nella pre-season. Ad Adelaide è andato bene. Ma qui quando si è fatto male ha avuto bisogno di essere più aggressivo. Ha intensificato lo sforzo e ha iniziato a colpire di dritto in maniera incredibile; credo le migliori due settimane di dritti che io abbia mai visto nella sua vita. Non aveva mai colpito così bene prima d’ora. Forse oggi è stato un giorno in cui li ha colpiti meno bene; ma quando ne ha avuto bisogno, ha giocato un grande tennis.

D: Hai parlato del 22-22 tra Novak e Rafa. Nole ha 36 quasi anni. Ci sono alcuni ragazzi che ne hanno 19; quanto tempo pensi ancora lui possa stare a questi livelli?
IVANISEVIC: Due o tre anni ancora. È incredibile il modo in cui si prende cura del suo fisico, approccia ogni aspetto, il cibo. Incredibile. I giovani sono il futuro del tennis, ma ancora abbiamo questi due ragazzi che si danno battaglia. Melbourne è il campo di casa per Novak, e adesso andiamo a casa di Rafa, per continuare il match di pallamano. Alcaraz sta arrivando; è un grande. Ma secondo me se Rafa scende in campo a Parigi, per me è sempre il favorito. In diversi lo possono battere, anche Novak. Ma Rafa ha vinto 14 volte, pazzesco. Quei due si sono davvero spinti l’un l’altro a migliorarsi. È bello avere i giovani; Stefanos vincerà un gran Slam sicuramente, perché è un giocatore incredibile.

D: Puoi dirci qualcosa di quando Novak è venuto da voi subito dopo il match? Non l’avevamo mai visto così emozionato dopo una vittoria Slam. Ti ha colpito questo fatto?
IVANISEVIC: Sinceramente, sì e no. Lui si tiene tutto dentro, e a volte bisogna esplodere. Mi ha sorpreso vederlo tranquillo per un set e mezzo; alla fine ha lasciato emergere tutto. È stato emozionante per noi e per lui. Un grande risultato dopo tre settimane davvero dure. È riuscito a vincere su tutto.

D: Hai parlato del Roland Garros; quanto sarebbe speciale vincere il ventitreesimo titolo?
IVANISEVIC: Ho detto otto o nove anni fa che Novak e Rafa avrebbero superato Roger. Considerato quanto fossero indietro, la gente mi guardava come se fossi matto, e ora siamo 22-22. Due guerrieri incredibili, due tennisti incredibili, cosa hanno fatto per il tennis! Non vedo l’ora che entrambi stiano al meglio, e poi la battaglia sarà là, con i giovani che cercheranno la loro strada per fare qualcosa di buono. Ma saranno quei due ad avere l’ultima parola.

Danilo Gori

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement