Re Arthur di Wimbledon. Storia di un grande uomo e di una magistrale vittoria

Focus

Re Arthur di Wimbledon. Storia di un grande uomo e di una magistrale vittoria

Riviviamo la storica finale di Wimbledon ’75, vinta a sorpresa da Arthur Ashe su Jimmy Connors, ricordando la vita dentro e fuori dal campo dell’afroamericano, grande campione e grande uomo

Pubblicato

il

Come on, Connors”, grida un tifoso vedendo Jimmy in gran difficoltà. “I’m trying”, è la risposta rabbiosa del mancino dell’Illinois. Quello che sta succedendo sull’erba del Centre Court ha dell’incredibile. Arthur Ashe, il vecchio campione, mai finalista a Wimbledon all’alba dei trentadue anni, sta dominando il monarca del tennis mondiale, il ventiduenne mancino Jimmy Connors, campione in carica che non ha perso un solo set nel corso del torneo e ha macellato il picchiatore Roscoe Tanner nel turno precedente tirando più forte di lui. La finale dei Championships non avrebbe potuto proporre uno scontro più stridente di personalità, stile di gioco e comportamento.

Arthur Robert Ashe, nero nato a Richmond il 10 luglio 1944, ha vissuto parte della sua giovinezza segnato dalla segregazione razziale imperante negli Stati Uniti del tempo. Ha nove anni quando a Montgomery in Alabama Rosa Parks rifiuta di cedere il suo posto ad un bianco su un pullman e viene arrestata. Ne ha ventuno quando Malcolm X cade colpito da sette proiettili durante un comizio a Manhattan ed è già un campione affermato quando alle 18.01 del 3 aprile 1968 le radio e le televisioni di tutto il mondo diffondono la notizia dell’assassinio di Martin Luther King.

Persa la madre troppo presto, Arthur e il fratello Johnnie, di cinque anni più giovane, vengono allevati dal padre Arthur senior che inculca in loro disciplina e senso del dovere, spingendoli ad eccellere sia nello studio che nello sport. Non nel football americano però e il nomignolo di “Bones” (ossa) affibbiato al giovane Ashe ci fa intuire il perché. Art junior sceglie il tennis e sotto la guida di Ron Charity e Robert Walter Johnson, coach di un’altra afroamericana, la campionessa di Wimbledon 1957  e 1958 Althea Gibson, cresce e si rafforza al punto da impostare la sua tattica di gioco sul Big Game, ovvero il serve and volley.

 

Johnson plasma anche l’etica e la coscienza civile del giovane allievo insegnandogli l’importanza dello sport e dell’educazione nel percorso di integrazione razziale fra i popoli. Ashe non dimenticherà mai e sarà fino all’ultimo un alfiere convinto di quei valori in ogni sua iniziativa, sia difendendo i colori della sua nazione in Coppa Davis, prima da giocatore e poi da capitano, sia impegnandosi in prima persona contro ogni tipo di discriminazione. Nel 1969 si schiererà per l’esclusione del Sudafrica dell’Apartheid dalla federazione internazionale di tennis ma rifiuterà sempre l’invito degli attivisti più estremi, come Bobby Seale delle Pantere Nere (ricordate Tommie Smith e il suo pugno alzato sul podio dei giochi olimpici del 1968?), a non scendere in campo contro i giocatori di quel paese. Arthur era un uomo di fine intelligenza e non si fece mai manipolare da interessi che non sentiva propri. Nel 1968 vince il primo US Championships dell’era open a Forest Hills e si ripete agli Australian open del 1970. E’ il primo afroamericano ad aggiudicarsi prove dello Slam in campo maschile, imitato dal solo Yannick Noah al Roland Garros 1983.

James Scott “Jimmy” Connors nasce e East Saint Louis, Illinois, otto anni dopo Arthur, il 2 settembre 1952. La madre Gloria lo alleva al gioco e a sedici anni lo affida alle cure del grande Pancho Segura, uno dei più forti giocatori di sempre del circuito professionistico di Jack Kramer. Jimmy è un fighter, un combattente mai domo e mai morto sul rettangolo di gioco. Colpisce la palla con violenza sconosciuta fino ad allora, soprattutto col suo leggendario rovescio a due mani, impattato sempre piatto con un lieve effetto ad uscire.

Sul campo è maleducato e scorretto, grugnisce ad ogni colpo ed è disposto a tutto per aggiudicarsi ogni singolo punto. Chiedete a Corrado Barazzutti, che lo incontrò nella semifinale di Forest Hills 1977. Su un punto contestato Jimmy non esitò a correre verso il segno lasciato dalla pallina sulla terra verde, cancellandolo col piede prima che l’arbitro potesse dare il suo parere. Gli anni lo ammorbidiranno e la capacità di prendersi in giro anche nel pieno di un match serrato ne faranno un idolo delle folle verso il termine di una carriera lunghissima. Il suo ultimo acuto sarà la semifinale raggiunta a 39 anni sul cemento di Flushing Meadows nel 1991. Solo Jim Courier, che avrebbe potuto essere suo figlio, lo fermò alle soglie della finale.
Connors hit the ball so hard you only have to put your raquet out and the ball goes back himself

Jimmy avrebbe dovuto prestare maggiore orecchio alle parole di Ashe prima di quel fatidico 5 luglio 1975. Mentre nessuno era disposto a scommettere un pound sulla sua vittoria contro il giovane leone del circuito, Arthur si allenava serenamente mettendo a punto una tattica luciferina per disinnescare le bombe di Connors. Anche i rapporti personali fra i due non erano al massimo allora. Ashe aveva criticato lo scarso, quasi nullo, attaccamento di Jimmy alla Coppa Davis e per questo scese sul Centre Court il giorno della finale indossando la giacca del team USA. Connors camminava al suo fianco vestito in bianco rosso verde dallo sponsor italiano, la mano sinistra già armata della fedele Wilson T2000 metallica, inventata da René Lacoste, che solo lui era in grado di usare.

Jimbo serve per primo e vince uno dei due soli game portati a casa sui primi quattordici giocati. Nello spazio di un respiro Arthur si aggiudica i primi due set per 6-1 6-1 ed è avanti di un break anche nel terzo set. Connors è furibondo, cerca di spaccare la pallina ad ogni colpo ma la ragnatela di effetti e traiettorie sapientemente proposte dalla Head del suo avversario non gli stanno lasciando scampo. Sembra un uomo nelle sabbie mobili, più si agita e più affonda. Ashe oltre il net sembra monolitico e inattaccabile. Colpisce morbido, profondo e in slice sul colpo forte di Jimmy, il rovescio, mettendolo in crisi perché la palla è senza peso e non rimbalza. Era stato Bill Tilden il primo a proporre la tattica di sorprendere l’avversario giocando sul suo punto di forza, perché quando questi  perde le sue sicurezze “la vittoria è dietro l’angolo. Gioca al centro Arthur, per non aprire angoli alle sassate di Connors e appena lui attacca lo ributta indietro con lob millimetrici e chiude a rete.

Ma un campione è un campione e il giovane mancino dal 2-3 con break del terzo set trova una serie di punti incredibili. Schiumando rabbia recupera lo svantaggio, salva due palle break nell’undicesimo gioco e nel dodicesimo strappa per la prima volta il servizio al suo avversario con tre vincenti di dritto in risposta e un nastro. Il ciclone si scatena e Connors vola tre a zero nel quarto. Sembra finita, Ashe appare provato e Jimmy è al massimo quando improvvisamente perde il servizio nel quinto game rimettendo tutto in discussione. Arthur recupera forza e convinzione, Connors è incredulo e  quando serve sul quattro pari è in piena confusione. Lascia una palla che accarezza la riga, viene passato da un rovescio magistralmente mascherato e affossa in rete un facile dritto a campo aperto. La risposta nei piedi che dà a Ashe il break  suona come una campana a morto per le sue ambizioni di vittoria. Il decimo game è una passerella trionfale e la volée che conclude la contesa sancisce una delle maggiori sorprese della storia del tennis. Ed anche una delle rare volte in cui i bookmakers inglesi hanno fallito il loro pronostico. Prima della finale la vittoria di Ashe era data quattro a uno…

Nel 1979 Arthur farà in tempo ad arrivare ad un punto dalla conquista del Masters al Madison Square Garden contro il diciannovenne McEnroe prima di lasciare la carriera agonistica a causa di un infarto. In seguito alle trasfusioni subite per un secondo attacco di cuore contrasse il virus HIV nel 1988. L’umanità e il suo amore per il prossimo ne fecero uno dei principali testimonial contro la diffusione dell’AIDS e due mesi prima di morire, il 6 Febbraio 1993, fonderà l’Arthur Ashe Institute for Urban Health, per promuovere le cure delle persone sprovviste di assicurazione medica.

Nel 1997 la federazione statunitense intitolerà a lui il nuovo centrale di Flushing Meadows e la città di Richmond erigerà un monumento  in suo onore, una statua nella quale Arthur, circondato da bambini, stringe nella sinistra una racchetta e nella destra due libri per eternare l’importanza eguale dello sport, della cultura e dell’educazione. Così come il padre gli aveva insegnato.

A. Ashe b. J. S. Connors 6-1 6-1 5-7 6-4

Raffaello Esposito

Continua a leggere
Commenti

WTA

Fiona Ferro campionessa della ripartenza: domina Kontaveit nella finale di Palermo

Fiona Ferro vince il Palermo Ladies Open. Ottima performance della francese che domina l’estone Anett Kontaveit in due set

Pubblicato

il

Esattamente cinque mesi dopo l’ultima finale WTA, il circuito femminile e il tennis mondiale incoronano a Palermo la prima campionessa della ripresa post lockdown. Accade in Italia, al Palermo Ladies Open, dove sui campi del Country Club la francese Fiona Ferro supera in finale l’estone Anett Kontaveit col punteggio di 6-2 7-5. Prestazione ineccepibile per la transalpina, davvero di …ferro, nata in Belgio e di papa’ italiano (Padova), che domina nettamente una Kontaveit che, pur non sufficientemente incisiva durante il match, è riuscita a portarsi due volte in vantaggio nel corso del secondo parziale. Fiona ha imposto per tutto l’incontro un ritmo infernale all’avversaria, grazie a un servizio molto aggressivo e martellandola sugli angoli; a fine partita i vincenti saranno ben 51. Con la vittoria a Palermo, Fiona Ferro, attuale n. 53 del mondo, da lunedì entrerà in top 50 a n.44.  Per lei si tratta del secondo titolo dopo quello vinto un anno fa a Losanna (in finale sulla connazionale Cornet).

LA PARTITA

Una giornata e una finale storica per il tennis femminile e la città di Palermo. Il Country Club del capoluogo siciliano ha l’onore di assegnare il primo titolo WTA dopo ben cinque mesi di stop in questa stagione 2020 funestata dal coronavirus. L’ultima tennista a sollevare un trofeo è stata Elina Svitolina, l’8 marzo scorso, vittoriosa a Monterrey contro la ceca Marie Bouzkova. Le protagoniste di questa prima finale della ripartenza sono la francese Fiona Ferro e l’estone Anett Kontaveit, al loro secondo scontro diretto. Per la Kontaveit, 24 anni e n. 22 del mondo (ma ex n.14 e da oggi n.20) si tratta della sesta finale in carriera mentre per la Ferro, 23 anni e n. 53 WTA, è appena la seconda finale ma il suo score è immacolato dopo quella vinta contro Alizé Cornet. Due finali, due vittorie. E nel suo percorso palermitano un solo set perso, quello con Camila Giorgi che l’aveva dominata nel primo set, 62. Cui aveva fatto seguito un 62 per lei e un 75 finale. Prima della Giorgi la Ferro aveva battuto in due set anche la Errani. A sentire il suo coach il match con la Errani era stato il più duro come stress…”perché Sara nel primo set giocava davvero bene e le aveva messo grande pressione. Curiosamente però la Ferro avrebbe poi detto che il match più duro era stato invece quello con Camila, effettivamente più incerto fino alla fine.

 

FIONA DI “FERRO” NEL PRIMO SET – La francese mostra subito la grande personalità messa in campo per tutto il torneo e strappa il servizio all’avversaria alla prima palla break. Si salva dal contro-break con grande aggressività da fondo campo e sale 2-0. Continua a spingere all’impazzata Fiona, infliggendo ad Anett un ritmo che l’estone fatica a tenere. Kontaveit resta attaccata allo score e, alla fine, dopo tre giochi sofferti, riesce ad aggiudicarsi il primo game del match, avvicinandosi 1-2. Ferro non si scompone e continua a martellare allungando ancora sul 3-1.

Ottimizza il break ottenuto ad inizio match salendo ancora 4-2. Potente e chirurgica, martella da un lato all’altro del campo, cercando angoli e profondità, mandando in apnea Kontaveit.

Anett Kontaveit al Palermo Ladies Open 2020 (foto Twitter @LadiesOpenPA)

Sul 5-2, Ferro si procura tre setpoint ma Anett riesce a raggiungerla sul 40-40. Per Fiona c’è una quarta palla del set ma l’estone fa partire dalle corde un vincente lungolinea di rovescio che lascia ferma l’avversaria. Annulla anche il quinto setpoint ma, al sesto, nulla può, subendo per l’ennesima volta il servizio dirompente di Ferro che, dopo 40 minuti, intasca la prima frazione con lo score di 6-2.

LA REAZIONE DI KONTAVEIT NON BASTA – L’Inizio del secondo set segue lo stesso copione del primo ma questa volta a favore della tennista estone che cerca di reagire, strappa per la prima volta il servizio all’avversaria e si porta sul 2-0. Tuttavia, il vantaggio estone dura un attimo e Fiona annulla il gap raggiungendo l’avversaria sul 2-2. Sul 3-3, Kontaveit ha un ulteriore guizzo d’orgoglio che le permette di salire ancora in vantaggio sul 4-3. La francese però non regala nulla con il servizio che le frutta tanti punti gratuiti.

Alcuni errori di troppo da parte della transalpina permettono alla tennista di Tallinn di procurarsi un’altra palla break che Fiona prontamente annulla. Poi è Anett a fare la differenza: grazie a un ottimo dritto con cui si apre il campo, fa suo il punto del 5-3 con un impeccabile incrociato di rovescio, imprendibile per la francese. Ottima la reazione della n. 22 del mondo che le prova tutte per allungare il match al terzo. Ma è notevole anche la contro-reazione di Fiona che, per la seconda volta nel set, annulla il vantaggio dell’avversaria pareggiando sul 5-5, dopo che la ragazza estone era stata a due punti dal set nel servire sul 5-3 e 30-15. Non solo. Le infligge il break e vincendo il terzo game consecutivo può andare a servire per il match sul 6-5.

L’estone tenta il tutto per tutto, spinge, cerca angoli e profondità ma alla fine sbaglia e la francese si ritrova a due punti dal match sul 30-30. La prima di servizio le procura il match point, annullato con un vincente di rovescio lungolinea sparato disperatamente da Anett sulla “seconda” un pochino tremebonda. Ma la francesina se ne procura nun secondo. Questa volta il rovescio della estone va fuori giri e Fiona Ferro diventa la regina di Palermo. Nell’albo d’oro succede alla Svizzera Jil Teichmann, campionessa lo scorso anno quando il torneo era ritornato in calendario dopo sei anni di assenza perché i palermitani avevano “prestato” la data ai malesi di Kuala Lumpur. È, inoltre, la terza francese a trionfare a Palermo dopo Mary Pierce (1991-1992) e Sandrine Testud (1997).

Eccellente la prestazione della francese – che impreziosisce ulteriormente l’ottima performance di Camila Giorgi in semifinale – che ha dominato quasi sempre il match e soprattutto ha dimostrato una forza mentale invidiabile rimontando due volte Kontaveit nel secondo set. La prima campionessa della ripresa dopo il lockdown viene dunque dalla Francia anche se Fiona, allenata dall’ex coach di Pouille Emmanuel Planque, ha origini italiane (suo papà Fabrizio è italiano). Una ripartenza alla grande per lei che, da lunedì, sarà n.44 WTA con il suo allenatore che ha talmente tanta fiducia nel suo potenziale da sostenere, sottolineando “il suo formidabile dritto e la sua determinazione nel lavorare per migliorarsi” nell’intervista resa a Ubaldo Scanagatta presente a Palermo, “non mi stupirei se riuscisse a entrare tra le prime cinque del mondo”. E se così fosse peccato che la ragazza che ha il passaporto italiano grazie al papà che e’ di Padova ed proprietario di una pizzeria in Costa Azzurra vicino Nizza – ha invitato il direttore a mangiarla chez Ferro! – non abbia optato a giocare per l’Italia. Due finali, due vittorie, Losanna e Palermo, dopo 6 vittorie consecutive nelle esibizioni francesi quest’estate (2 su 2 contro la Mladenovic), una potenziale top-player di 23 anni ci avrebbe fatto davvero comodo anche se – dice Planque che e’ succeduto a Huet lo scorso dicembre – “preferisce non esprimersi in italiano sebbene lo parli un po’ …perché è’ troppo timida”. Ma sul campo non lo e’ affatto. E risentiremo parlare di lei, vedrete.

Il tabellone completo

Continua a leggere

Flash

Cocciaretto: “Devo lavorare su fisico e atteggiamento, ma è stato un buon torneo”

Parole di soddisfazione per Elisabetta nonostante la sconfitta contro Kontaveit a Palermo. Errani paga la fatica, ma è contenta del proprio tennis

Pubblicato

il

Elisabetta Cocciaretto al Palermo Ladies Open 2020 (foto Twitter @LadiesOpenPA)

A Palermo, nel primo torneo dell’era Covid, ben tre tenniste italiane sono arrivate ai quarti di finale. Solo Camila Giorgi è riuscita a qualificarsi per le semifinali, ma sia Elisabetta Cocciaretto che Sara Errani possono lasciare la Sicilia con un pieno di sensazioni positive.

Elisabetta da lunedì entrerà tra le prime 150 giocatrici del mondo, grazie alle vittorie contro Polona Hercog (45 WTA) e soprattutto Donna Vekic (24 WTA). La sua corsa si è arrestata al cospetto di Anett Kontaveit (22 WTA), non prima però di aver lottato per tre set. “Questo match può darmi moltissimi spunti. Lei è una giocatrice molto forte, ha una grande esperienza ed è stato un onore giocare contro di lei”, ha detto alla stampa dopo la partita. “L’atteggiamento è una cosa fondamentale: sono partita male nel primo set e nel terzo set, ma ho giocato un ottimo secondo set. Lei ha avuto più continuità di me, dopotutto è la numero 22 del mondo. Posso giocarmela contro giocatrici di questo livello, ma devo migliorare sotto il punto di vista fisico e dell’atteggiamento“.

Buono anche il percorso di Errani, che sulla terra di Palermo ha ritrovato un buon livello di tennis, ma ha finito per pagare contro Fiona Ferro le fatiche dei match precedenti. “È stato un buon torneo, a prescindere da oggi. Ho fatto molta fatica fisicamente. Sentivo che potevo fare di più, però fisicamente il corpo non reagiva come cercavo di comandare. Credo sia stata una questione di fisico, perché di tennis sentivo di poter fare di più. Cerco di prendere le cose positive“.

 

Entrambe probabilmente non andranno a New York (qui l’entry list aggiornata dello US Open). Il ranking non permette a nessuna delle due l’accesso al tabellone diretto, ma Elisabetta non ha chiuso completamente la porta all’eventualità di attraversare l’oceano e sembra sperare ancora in qualche defezione dell’ultima ora. “Se entro, vado. Altrimenti per le ragazze che non giocano negli USA ci sono due tornei, uno a Praga e uno in Austria, ma non sono ancora sicura di quali giocherò, è tutto ancora da programmare“. Sara è invece certa di rimanere in Europa: “Deciderò se giocare a Praga o in Austria e poi eventualmente vedrò dove si potrà giocare“.

Continua a leggere

Italiani

WTA Palermo, Giorgi annulla due match point e vola in semifinale. Eliminate Errani e Cocciaretto

Quasi tre ore per la rimonta di Camila su Yastremska, brava “Coccia” ma non basta. Passa anche Martic

Pubblicato

il

Camila Giorgi al Palermo Ladies Open 2020 (foto Twitter @LadiesOpenPA)

Stava per diventare piuttosto nero il venerdì azzurro di Palermo che vantava tre italiane in altrettanti quarti di finale. Dopo che Elisabetta Cocciaretto e Sara Errani non erano riuscite a ribaltare il pronostico, Camila Giorgi si è trovata due volte a un punto dalla sconfitta. La vittoria della ventottenne di Macerata, insieme a un’altra buona prova della nostra giovane promessa, ha invece gettato una lampo di luce nella notte palermitana. Prima di loro, è toccato alla numero 1 del seeding soffrire per conquistarsi il campo per il sabato. Vediamo nel dettaglio com’è andata.

PETRA FATICA ANCORA – In una canottiera bianca che vedremmo bene addosso a Raonic però con una macchia di ragù, Petra Martic deve ricorrere a due tie-break per superare la n. 119 WTA Aliaksandra Sasnovich. Questa settimana, la ventiseienne di Minsk ha dato l’impressione di poter tornare alla forma di due anni fa, quando raggiunse il best ranking al n. 30: partita dalle qualificazioni, non ha perso un set in cinque incontri. Sicuramente stanca, non ha brillato contro Martic che, dal canto suo, non è certo stata un esempio di continuità.
Con l’eccezione di qualche sbavatura da parte di entrambe, l’incontro si avvia su binari accettabili pur senza particolari sussulti, con il punteggio che segue il servizio. Le due ragazze mostrano una buona mano con le smorzate e, se Petra ne gioca qualcuna senza alzare il ginocchio sinistro (un’ulteriore sorpresa per l’avversaria), Aliaksandra si fa applaudire anche per i lob perfetti. Un brutto nono game di Martic terminato trattenendo il braccio su una palla da chiudere manda Sasnovich a servire per il set, ma la tensione si mette di traverso. All’occasione sprecata si aggiungono le tre palle break salvate dalla croata, che però si vede poi annullare un set point da una battuta che tocca la riga e salta come certi kick di Isner contro Federer in quel tie di Coppa Davis. Incapace di salirle sopra come suggerirebbe la classifica, Petra riesce a far suo il tie-break grazie a un pizzico di lucidità in più.

Lucidità che evapora del tutto dal lato bielorusso in apertura di secondo parziale: incapace di prendersi il punto nonostante tre palle comode a disposizione, Sasnovich cede un game di battuta dal sapore di resa e la ventinovenne di Spalato pare dirigersi senza patemi verso la semifinale. Sorride al vago tentativo di rientro dell’avversaria, forse perché ha letto lo studio secondo cui non è vero che “tutto può succedere” nel tennis femminile e la regola è che vince chi ha la classifica più alta. Magari le viene qualche dubbio qualche minuto dopo quando è raggiunta sul 5 pari, con tre match point (due consecutivi) cancellati da un paio di “numeri” di Sasnovich, oppure quando serve una seconda e ancora inutile volta per il match. Il tie-break è di una bruttezza tale che imprigiona lo sguardo, ma rispetta le statistiche e Martic è la prima semifinalista dell’era Covid.

 

LAMPI DI COCCIA – Deve ricorrere alla sua maggiore esperienza, Anett Kontaveit, per venire a capo in tre set di Elisabetta Cocciaretto, diciannovenne di Ancona al suo primo quarto di finale WTA. Lunedì prossimo entrerà nelle prime 150 del mondo e può in ogni caso dirsi più che soddisfatta del suo torneo – un torneo che l’ha vista superare Donna Vekic.
Una partenza senza indugi dell’estone che fa valere da subito il suo peso superiore e una comprensibile componente emotiva della nostra rappresentante si sommano in una misura che non permette di essere contrastata. Cercando di muovere l’avversaria, Elisabetta riesce anche a procurarsi un paio di occasioni per rientrare in fretta dall’istantaneo 0-2, ma Anett è davvero centrata e si accaparra indisturbata i primi 5 giochi. Il game conquistato in extremis da Cocciaretto non solo le evita il bagel, ma vale quel mattoncino di fiducia indispensabile per iniziare la seconda partita con piglio completamente diverso. E allora tiene in difesa, ruba il tempo, sfonda e vola 3-0, Elisabetta, mentre l’illusione di un match facile, se mai c’è stata, svanisce dai pensieri della ventiquattrenne di Tallin. Dopo il MTO per l’azzurra che si fa trattare la coscia sinistra, Kontaveit muove il punteggio, ma il dritto di “Coccia” ribalta gli scambi e sventra in campo. E il rovescio fa anche più male. La n. 22 del ranking si affida al servizio per ottenere punti facili e rimanere in scia mentre cerca di ritrovare completamente le sensazioni del primo parziale. Le dà una mano l’assenza della prima di servizio marchigiana nel settimo gioco ma, lungi dall’accontentarsi di quanto fatto vedere finora, Elisabetta sale 5-3 e, subito un altro break, pareggia meritatamente il conto dei set nel successivo game di risposta.

Kontaveit è brava ad approfittare del calo di tensione dell’avversaria per portarsi sul 2-0, ma la nostra si riprende in tempo per evitare il doppio break in un terzo gioco ricco di ottime giocate da parte di entrambe, con cinque parità per ribadirne l’importanza. Anett, però, resta impassibile, come lo è stata durante il MTO o dopo essere finita a terra subendo una velenosa smorzata in contropiede – una caduta scomposta a cui qualche maschietto avrebbe reagito come se avesse riportato fratture multiple. Non può non esserci un’evidente differenza di tenuta mentale tra le due a questo punto del match ma soprattutto del torneo e la speranza che ci possa essere ancora partita finisce dopo pochi minuti: Kontaveit raggiunge Martic in semifinale. E grande Coccia, anche perché non sono questi i match da vincere. Per adesso.

SARA SENZA PIANO? – Dopo un buon avvio, Sara Errani perde bandolo e confronto davanti a Fiona Ferro, interessante francese n. 53 del ranking. Buon servizio, dritto pesante con swing da circuito maschile, Fiona paga un po’ debito sul lato sinistro, quello più forte di Sara, che si è nondimeno presentata a Palermo con un dritto in spinta più che apprezzabile. Nella serata siciliana, tuttavia, Errani non ricorre agli attesi cambi di ritmo indispensabili per non dare riferimenti a chi possiede un’arma importante.
È comunque la romagnola a uscire più velocemente dai blocchi, con la francese allenata da Emmanuel Planque che commette troppi errori prima di trovare la misura dei colpi e raggiungere l’avversaria al sesto gioco. Sara brekka ancora, ma poi la sua intensità cala vistosamente senza che ne sia privilegiata la ricerca di variazioni: la ventitreenne di Libramont prende in mano il gioco, piazza vincenti anche di rovescio su palle azzurre troppo corte e morbide, infila tre game e fa suo il set 6-4. Il leitmotiv non cambia alla ripresa e diventano sette i giochi consecutivi di Ferro che scatena efficacemente il suo drittone su ogni palla che può spingere (obiettivamente troppe, a cominciare dal servizio di Sara che “esce” poco anche rispetto ai suoi standard) e chiude in un’ora e mezza.

CAMILA IN RIMONTA –Cambi di spin e di ritmo, tocchi delicati, uso sapiente del campo, attacchi in controtempo, strenue difese in attesa della palla giusta per rovesciare lo scambio: nulla di tutto ciò era previsto e la sfida dalla quale Camila Giorgi esce vincitrice contro Dayana Yastremska dopo quasi tre ore e due match point annullati non ha deluso quelle attese. Ma, una volta entrati nello spirito del loro gioco, le emozioni non sono mancate.
Si parte con due doppi falli di Camila e il conseguente 2-0 per Dayana, ma non è assolutamente un problema perché al quarto gioco la ventenne di Odessa decide che deve fare ace con ogni seconda di servizio e si torna in parità. Di nuovo troppi gratuiti di Giorgi e Yastremska torna avanti al settimo game, un vantaggio che le permette di servire per chiudere sul 5-4. Un doppio fallo sul 30 pari offre una palla del contro-break, ma l’azzurra spreca il dritto da buona posizione. Un’altra occasione del 5 pari fa invano capolino fra quattro set point, ma al quinto tentativo l’ucraina mette al sicuro il parziale.

È di nuovo break in apertura, poi una Camila all’apparenza meno frenetica rimette la testa avanti. Non le riesce però l’allungo nonostante tre opportunità; meriti dell’avversaria a parte, è chiaro che, per quanto l’idea sia di rispondere come se il punteggio fosse 40-0, la testa sa che non è così. Come nel primo set, Yastremska opera lo strappo al settimo gioco, ma non le bastano due match point per chiudere sul 5-4 dopo essere risalita da 15-40 e allora sarà il tie-break a decidere. Camila è pressoché perfetta fino al 5-1, giocando come potrebbe fare per lunghi tratti se quel suo talento venisse indirizzato, poi qualcosa si incrina. Una prima battuta le dà il 6-3 e, dopo due set point volatilizzati, chiude ricorrendo ancora a una prima sul dritto di Dayana, che preferisce replicare la precedente risposta rasoterra piuttosto che buttare la palla di là in qualche modo e vedere cosa succede.
La regola del settimo gioco si conferma nel parziale decisivo, ma questa volta tocca a Camila approfittarne e, sempre più precisa e letale, evita la tensione di servire per il match chiudendo direttamente 6-3 in risposta. Giorgi torna così in semifinale – troverà Fiona Ferro – a quasi un anno di distanza dopo quella vinta al torneo del Bronx, anche allora salvando palle match.

Risultati:
[1] P. Martic b. [Q] A. Sasnovich 7-6(5) 7-6(3)
[4] A. Kontaveit b. [WC] E. Cocciaretto 6-1 4-6 6-1
F. Ferro b. [WC] S. Errani 6-4 6-1
C. Giorgi b. [7] D. Yastremska 4-6 7-6(5) 6-3

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement