Andrea Gaudenzi, l’uomo Davis in credito con la fortuna

Focus

Andrea Gaudenzi, l’uomo Davis in credito con la fortuna

Andrea Gaudenzi, per anni n.1 d’Italia, compie oggi 42 anni. Per l’occasione ripercorriamo la carriera del faentino, che ha regalato tante emozioni al nostro paese, e che non si è mai tirato indietro per difendere i colori azzurri

Pubblicato

il

 
 

Quando nel 2003 Andrea Gaudenzi si ritirò dal tennis professionistico, l’Italia perse uno dei suoi più grandi portacolori, un ragazzo con una fortissima etica per il lavoro, il n.1 azzurro per quasi tutti gli anni ’90.

Nato a Faenza nel 1973, a 17 anni, nel 1990, si aggiudica Us Open e Roland Garros juniores, diventando n.1 ITF. Il primo momento di difficoltà della sua vita tennistica gli si pone davanti appena entrato nel circuito ATP, un passaggio spesso difficile per chi si affaccia al professionismo. Allenato da Bob Hewitt (allenatore scelto dalla federazione), grande doppista degli anni ’70 e condannato pochi mesi fa ad otto anni di prigione in seguito alle accuse di violenza sessuale, Gaudenzi quasi pensa di abbandonare tutto, visti i rapporti tesi con Hewitt, finché non va in Austria ed inizia a collaborare con Ronnie Leitgeb e Thomas Muster. Giocatore solido da fondocampo, potente e resistente ai lunghi scambi, costruisce una discreta carriera nel circuito maggiore: 3 vittorie sulla terra rossa, nel 1998 a Casablanca e nel 2001 a St. Polten e a Bastad. Negli Slam manca l’acuto, il suo miglior risultato in carriera sarà un ottavo di finale al Roland Garros del 1994 (dove perde da Goran Ivanisevic). Ma la terra rossa si lega a doppio filo al destino tennistico di Andrea.

Nel 2002, sulla terra battuta del Foro Italico di Roma, Gaudenzi incontra al primo turno un giovanissimo Roger Federer, ancora lontano dalla grandezza cui poi ci abituerà in seguito, ma un Federer che concluderà l’anno al n. 6 del ranking ATP (era tds n. 11). Questo resterà l’unico incontro fra i due, vinto da Andrea con un doppio 6-4; Gaudenzi perderà al turno successivo da James Blake.
Nello stesso anno, al primo turno del Roland Garros, si consuma il dramma di un americano vincitore di 14 titoli del Grande Slam. Pete Sampras è alla sua ultima apparizione a Parigi, in realtà quella stagione sarà l’atto conclusivo della sua straordinaria carriera. Pistol Pete veniva da una cocente sconfitta ai quarti dell’Australian Open per mano di Marat Safin. Quello ai French Open era l’ultima occasione per lo statunitense di coronare il sogno del Career Slam ed eguagliare il suo grande rivale Andre Agassi. Ma quel giorno Andrea Gaudenzi sembrava essere tornato quello dei tempi migliori, prima che i problemi alla spalla segnassero la sua carriera. In un match durato quasi sei ore, a causa anche di alcune interruzioni per pioggia, e dopo aver subito per l’intero primo set il gioco dell’ex n.1 del mondo, Gaudenzi inizia a dettare il proprio ritmo e prende in mano le redini del match. Finirà al quarto set con il punteggio di 3-6 6-4 6-2 7-6(3).

 

Ma il momento che segnerà la sua carriera, anche agli occhi della nazione, è la finale di Coppa Davis del 4 dicembre 1998, che l’Italia di Paolo Bertolucci aveva la possibilità di giocare in casa per la prima volta nella sua storia. L’Italia arriva per il terzo anno consecutivo alle semifinali. Due anni prima il team azzurro aveva subito una sconfitta pesantissima contro la Francia di Pioline e Boetsch, sconfitta al quinto match, il singolare fra Gaudenzi e Boetsch, con tanto di polemica contro l’arbitro australiano Wayne McEwen, reo di aver fatto un errato over-rule su una palla buona di Gaudenzi, dando la possibilità alla Francia di andare a match point. Nel 1997 invece l’Italia trova in semifinale la Svezia, tie giocato a Norrkoping, sul sintetico indoor. Il team azzurro arrivava da periodi poco sereni, con l’ombra delle dimissioni di Adriano Panatta e Nargiso, Gaudenzi, Furlan e Camporese in agitazione ed in aperto conflitto con la Federazione. Quell’incontro finirà 4-1 per la squadra di Bjorkman. Questa volta davanti al pubblico del Forum di Assago, gli azzurri avevano la possibilità di riportare l’insalatiera in Italia dopo 22 anni. Andrea Gaudenzi ha sempre dato il meglio di sé nella competizione a squadre, un giocatore difficile da battere per chiunque, era l’elemento portante della squadra, e non ha mai avuto remore a trascinare il gruppo alla vittoria. Con il compagno Diego Nargiso formava una coppia imprevedibile e solida. È per questo che il primo singolare lo gioca lui contro il giovane Magnus Norman, che si attestava intorno alla 50esima posizione mondiale. Gaudenzi era reduce da un delicato intervento alla cuffia dei rotatori della spalla destra, un’articolazione particolarmente sollecitata dal movimento del servizio. Il suo era stato un recupero veloce, ma la volontà di esserci in finale era ancora più forte. L’incontro che inizialmente partì equilibrato si trasformò presto in una maratona di quasi cinque ore. Andrea vinse il primo set al tie-break ma perse il secondo parziale a 0, sempre al tie-break. Arrivati ormai al quinto set, sul 5 pari, dopo aver recuperato da 0-4, Andrea ottenne un break che pareva decisivo. Al cambio campo il faentino avrebbe servito per il match. Andrea in panchina si volta verso il dottor Candela, e lui alla panchina italiana: “Non ce la fa”. Il tendine della spalla destra ha fatto crack, ha ceduto. Andrea resta in campo per altri 6 punti, sul 6-6 0-30 si ritira. Si dovrà operare e resterà fuori 3 mesi.

L’impegno e la serietà con cui Andrea Gaudenzi ha sempre affrontato questo sport lo hanno reso uno di quei personaggi sportivi difficili da dimenticare nonostante i traguardi e le vittorie non siano stati ai livelli di tanti altri grandi campioni. Ma è proprio per questo che si è sempre contraddistinto, per l’umiltà con è riuscito ad affrontare il circuito, e ad accettare ed apprezzare le vittorie e gli obiettivi raggiunti.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Buon Compleanno Sinner: 21 candeline da spegnere in campo a caccia di grandi obiettivi

Compie 21 anni Jannik Sinner. Dall’exploit del 2019 al sogno slam, passando per la sfida odierna con Kokkinakis in quel di Cincinnati

Pubblicato

il

Jannik Sinner - Wimbledon 2022 (foto Twitter @atptour)

Se per gli italiani agosto è spesso sinonimo di vacanze, per i tennisti il mese di agosto è quello del cemento nordamericano. Per noi italiani appassionati di tennis, il mese di agosto rappresenta anche l’opportunità per fare gli auguri di buon compleanno ad una delle stelle del firmamento italiano, Jannik Sinner.

Nato il 16 agosto 2001 nella ridente San Candido, comune con poco più di 3000 abitanti della provincia autonoma di Bolzano e nota località turistica delle Dolomiti, rinomata più per gli sport invernali. E seguendo la vocazione del territorio, sin da bambino il piccolo Jannik si è dedicato allo sci. Finché alla passione per gli sport invernali è subentrata quella della racchetta che ha portato l’Italia ad avere uno dei talenti più cristallini di questo periodo storico.

Sembra passata un’eternità da quando nel febbraio 2019 a grande sorpresa dominò il Challenger di Bergamo, facendosi conoscere dal grande pubblico data la scelta di saltare la carriera da junior prediligendo sin da subito la via dei tornei professionistici. Un 2019 che Jannik chiuse facendo faville alle Next Gen ATP Finals. Titolo arrivato sconfiggendo nettamente in finale Alex De Minaur, dopo aver sconfitto lungo il cammino Tiafoe, M. Ymer nella fase a gironi e Kecmanovic in semifinale. Un successo che portò Jannik ad essere sempre più richiesto dal grande pubblico e dagli sponsor e gli valse il titolo di Newcomer dell’anno dell’ATP.

 

Se il 2019 è stato quello dell’esplosione il 2020 è diventato quello della scalata del ranking, dei primi quarti a livello Slam al Roland Garros autunnale fermato solo da Nadal, e del primo titolo ATP in quel di Sofia diventando il più giovane tennista italiano dell’Era Open a conquistare un trofeo a 19 anni e 2 mesi.

Una scalata in classifica rallentata dalla pandemia di COVID e dalle modifiche al ranking che, tuttavia, non hanno impedito a Jannik di entrare in top 10 issandosi fino alla posizione numero 9 che rappresenta finora il suo best ranking. Palmares che oggi vede Sinner a soli 21 anni avere già 6 titoli in bacheca. E come non ricordare che l’ultimo trofeo conquistato da Jannik risale a solo qualche settimana fa, quando ad Umago sconfisse colui che potrebbe essere uno dei suoi più grandi rivali del prossimo futuro, Carlos Alcaraz.

Ventunesimo compleanno che per Sinner sarà da festeggiare sul campo. Il tennista altoatesino, dopo il rammarico per la precoce eliminazione a Montreal, cercherà di riscattarsi in quel di Cincinnati. Ad attenderlo nel match di esordio ci sarà un ostacolo non banale come l’australiano Kokkinakis.

SPERANZA PER IL FUTURO – E nel fare i nostri più sentiti auguri a Jannik per il suo ventunesimo compleanno ci accodiamo a quanto detto dal supercoach Darren Cahill che nei giorni scorsi ha ribadito come Sinner “possa vincere uno slam”. Senza dimenticare la speranza che il proseguo della stagione sia anche libero da quegli infortuni che lo hanno assillato in questo 2022, caratterizzato anche dal cambio di team da Piatti a Vagnozzi. La speranza di un finale di alto livello non solo per lui ma anche per il tennis italiano che in questi anni con la quantità e la qualità dei nostri tennisti punta in alto, con un occhio sempre su quella Coppa Davis vinte nel 1976 e che vedrà Sinner protagonista sin dal girone di Bologna alla caccia di un posto per le Finali di Malaga.

Continua a leggere

ATP

Andy Murray: “Mi manca la costanza per andare in fondo nei tornei”

“In questo momento devo giocare e competere per cercare di mantenere la classifica e sperare di essere testa di serie negli eventi”, cos’ Murray dopo il successo su Wawrinka

Pubblicato

il

La scalata per tornare in alto è ardua e ricca di insidie. Murray ci sta provando da anni, combattendo contro i suoi demoni sotto forma di infortuni. La vittoria al primo turno a Cincinnati è arrivata al terzo set contro un vecchio leone come lui, Stan Wawrinka. Tutto quello che Murray vuole è tornare a competere per vincere tornei: “Vorrei che il mio tennis a volte fosse migliore, perché sono ancora convinto che possa essere migliore di quello che è adesso.

D: Un’altra dura battaglia per te oggi. Come ti senti fisicamente?

ANDY MURRAY: Sì, è stata dura fisicamente. Ho lottato un po’ col fisico da Wimbledon, in realtà. Sì, è qualcosa che devo elaborare con la mia squadra nelle prossime due settimane.

 

D. Dopo i crampi, hai giocato in modo davvero aggressivo nel set finale. Come ti sentivi allora? Come ci si sente ad avere problemi fisici del genere?

ANDY MURRAY: Beh ti lascia con meno opzioni, certamente. Sì, ovviamente vuoi provare a finire i punti un po’ più velocemente. Stavo lottando con questo verso la fine del secondo set, quindi psicologicamente c’è la sensazione di sapere che sei vicino alla fine della partita potenzialmente nel secondo set, quindi forse ci proverai e a volte giochi un po’ più prudente, perché quando stavo giocando in risposta e guadagnando palle break Stan stava facendo alcuni errori. Ma poi, ovviamente, quando ho perso quel set e poi ho lottato con i crampi, non avevo alcuna opzione e niente da perdere davvero. Così ho iniziato a cercare di essere un po’ più offensivo e di finire i punti più velocemente, e in realtà ho iniziato a sentirmi bene verso la fine della partita e sono riuscito a trovare una via di mezzo.

Il tabellone completo dell’ATP 1000 di Cincinnati

D. Questa è stata la tua 37esima partita della stagione, il massimo che hai giocato dal 2016. Per tutta la stagione hai parlato della prospettiva che stai cercando di mantenere. Sono curioso, con quel numero in mente, cosa significa per te giocare più partite quest’anno dal 2016.

ANDY MURRAY: Sì, mi sentivo bene come a Madrid. Mi sono sentito abbastanza bene durante la stagione su erba. Sono stato sfortunato con l’infortunio agli addominali, il ché non è stato male ma è stato abbastanza per fermarmi durante la preparazione. In termini di come mi sono fermato dopo le partite e cose del genere, non mi sentivo così da molto tempo. Quindi va bene. Vorrei che il mio tennis a volte fosse migliore, perché sono ancora convinto che possa essere migliore di quello che è adesso. Sì, ci sono stati dei bei momenti quest’anno, ma non è stato facile in questi ultimi anni mantenersi in forma e in salute e, sai, giocare abbastanza a tennis per ottenere partite da cui imparare per costruire fiducia o migliorare fisicamente per irrobustirmi. Questa è una cosa positiva il fatto di aver giocato molte o più partite quest’anno. E spero di poter continuare così fino alla fine della stagione.

D. Tornando alla tua forma fisica, è questa la parte più difficile per te in questo momento, trovare il giusto equilibrio tra giocare abbastanza per prendere il ritmo e non affaticarti. Dove vuoi che sia il tuo tennis senza rischiare di giocare troppo e ferire il tuo corpo?

ANDY MURRAY: Sì, la cosa che è stata frustrante per me quest’anno è che molti dei tornei in cui ho giocato fino a quando – e questo è il motivo per cui ho avuto il problema a Stoccarda – è che ho giocato le semifinali a Surbiton, e penso di aver giocato giovedì, venerdì e sabato lì, tipo, dal secondo turno alle semifinali, e poi sono andato a Stoccarda e ho giocato cinque partite quella settimana. Quindi qualcosa come 13 giorni, ho giocato 9 partite o qualcosa del genere, e non lo facevo dal 2016. Quindi il mio corpo probabilmente non era abituato a giocare quel volume di partite ad alta intensità, alto livello, per molto tempo. È comprensibile ma molto frustrante per me che il mio corpo potrebbe avere dei problemi dopo. Quest’anno fisicamente mi sono sentito abbastanza bene negli ultimi mesi, ma molti dei tornei li ho persi al secondo turno, quindi non ho avuto l’opportunità di fare un torneo davvero buono e poi magari prendermi una pausa, che è qualcosa io e la mia squadra speriamo di poter tornare a quel livello in cui arrivo costantemente alle ultime fasi degli eventi, e quindi saremo in grado di pianificare e programmare meglio i miei tornei. Mentre in questo momento devo giocare e competere per cercare di mantenere la classifica e sperare di essere testa di serie negli eventi e partecipare a più tornei, non devo fare affidamento sui jolly. Quindi, sì, è un equilibrio difficile.

D. Solo per dare seguito a questo pensiero: sei 13-3 nei primi turni quest’anno. Mentre sei 5-7 nei secondi turni. Si riduce tutto alla forma fisica? Vedo che la percentuale delle prime di servizio diminuisce leggermente in quelle seconde partite. Quale pensi sia la differenza tra i round 1 e 2?

ANDY MURRAY: Beh, in alcuni casi sto giocando contro giocatori migliori. Voglio dire, questo ovviamente contribuirà un po’. Anche in questo caso, se sei testa di serie negli eventi o sei classificato più in alto, potenzialmente eviti di giocare con giocatori migliori all’inizio dei tornei. Questo è un vantaggio. Ma il motivo per cui mi sento come se non avessi vinto tutte le partite che avrei voluto quest’anno è perché non ho giocato abbastanza bene. Anche in alcune delle partite del primo turno che ho passato, non ho necessariamente giocato un tennis fantastico e poi non ho intensificato la partita successiva o quando ho giocato contro avversari migliori. Sì, è quello che deve cambiare. È una cosa evidente – ne ho parlato molto negli ultimi 18 mesi con i giocatori contro i quali ho vinto e contro cui ho avuto successo -, che il problema sta lì, ma la costanza non c’è stata. Fino a quando questo non cambierà sarà difficile avere corse profonde.

Il tabellone completo dell’ATP 1000 di Cincinnati

Continua a leggere

ATP

Alcaraz prova a tornare al top: “A Montreal ho sofferto le aspettative”

“Alzano il livello contro di me? Lo prendo come un complimento”. Inciampato al debutto nel Masters 1000 canadese, il numero 4 del mondo arriva a Cincinnati consapevole di poter far meglo

Pubblicato

il

Carlos Alcaraz - Roland Garros 2022 (foto Roberto Dell'Olivo)

Il mondo è cambiato, nell’ultimo anno, per Carlos Alcaraz. Con una brusca accelerazione che il filtro del suo ritorno a Cincinnati aiuta a misurare: nella scorsa edizione del Western & Southern Open, lo spagnolo si è arrampicato dalle qualificazioni fino al tabellone principale, per poi perdere al primo turno da Lorenzo Sonego. Dopo 12 mesi, entra nel Masters 1000 dell’Ohio da terza testa di serie con alle spalle cinque tornei vinti (di cui due Masters 1000, Miami e Madrid) in un anno. A Montreal ha iniziato la campagna americana con un passo falso, fuori al secondo turno contro Tommy Paul, per quella che è stata soltanto l’ottava sconfitta in 50 partite giocate nel 2022. Alle spalle, aveva la doppia finale su terra persa contro gli italiani: Musetti ad Amburgo, Sinner a Umago. Qui a Cincinnati riparte contro Mackenzie McDonald, battuto senza affanni a Indian Wells nell’unico (e recente) precedente.

Il tabellone completo dell’ATP 1000 di Cincinnati

CONSAPEVOLEZZA – “In questo momento ogni partita è una sfida – ha raccontato alla vigilia -, sono il numero quattro del mondo, uno dei favoriti del torneo, quindi non è semplice gestire la pressione. Ma mi sto allenando al meglio, con l’obiettivo di migliorare e produrre il livello di gioco che ho avuto nella stagione sulla terra e a Miami“. A freddo, il talento di Murcia torna anche sull’incidente di percorso che l’ha fermato in Canada: “Credo di aver capito cosa mi abbia frenato contro Paul – la sua analisi -, ho sofferto la pressione della classifica di vertice che ho in questo momento e delle aspettative sulla mia vittoria nel torneo. Ora sono qui per mostrare il giocatore che sono, per farlo devo questa volta sfruttare la pressione a mio favore“. Anche quella derivante dall’innalzamento del livello di gioco degli avversari, che lo conoscono bene e sono motivati nel cercare l’impresa. “Prendo come un complimento il fatto che gli altri diano il meglio quando giocano contro di me – ha concluso -, penso che se non giocassero un tennis aggressivo e di alto livello tecnico andrebbero in difficoltà“. Senza falsa modestia.

 

Il tabellone completo dell’ATP 1000 di Cincinnati

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement