La realtà supera il sogno: Roberta Vinci elimina Serena e raggiunge Flavia Pennetta in finale!

US Open

La realtà supera il sogno: Roberta Vinci elimina Serena e raggiunge Flavia Pennetta in finale!

Sembra incredibile ma Roberta Vinci ha compiuto il capolavoro della sua carriera rimontando un set a Serena Williams. Si spegne il sogno del Grande Slam, oggi – per la prima volta nella storia del tennis – una finale Slam tra due giocatori italiani. Roberta perfetta nelle scelte di gioco con il suo gioco a tutto campo

Pubblicato

il

 

Il commento di Ubaldo Scanagatta

NON CI CREDO. Una tennista italiana vincerà l’US Open. La finale è tutta italiana!!! Qualcuno mi svegli, non è possibile!!!
Prima Flavia Pennetta lascia quattro games alla n.2 del mondo. Poi Roberta Vinci batte Serena Williams, dopo 32 vittorie consecutive di Serena negli Slam, interrompendo l’impresa di una carriera e permettendosi addirittura di rimontarla due volte. Forse il Grande Slam di Steffi Graf resterà l’ultimo per anni ancora.
– Quando ti hanno detto stamani che avresti potuto vincere, cosa hai pensato? –
Mi sono detta no! Nono posso vincere ma cerca di mettere la palla dall’altra parte e corri. Non ci pensare, e corri! Sorry for you guys, Today is my day, sorry guys!” ESPN ha continuato a dire che pagavano una vittoria di Roberta Vinci 300 a 1! Non credo sia vero, perché anche se nel tennis i giornalisti non possono scommettere, avrei fatto in modo che a quella quota… Un infortunio può capitare, un miracolo può avvenire… Ovviamente scherzo, ma il miracolo è avvenuto!
“È il miglior momento della mia vita!”, ha gridato Roberta Vinci.
Beh, nella mia vita di giornalista che segue il tennis di certo uno dei più memorabili di sempre.

 

Parlando con Steve Flink, nel nostro video riassuntivo, lui ha definito questa vittoria di Roberta Vinci come forse la più clamorosa sorpresa nella storia del tennis WTA.
Poco prima che andassimo… in onda, avevamo ricordato insieme sia la vittoria di Cathy Horvath al Roland Garros (unica sconfitta di Martina nel 1983: 86 vittorie a 1) sia soprattutto quella di Helena Sukova su Martina Navratilova nel 1984, semifinali dell’Australian Open…
Quest’ultima partita impedì a Martina di realizzare il Grande Slam. E anche quella volta, come oggi per Serena, fu la semifinale dell’ultimo Slam a impedire il Grande Slam alla grande Martina che, come .
Ma Steve ha aggiunto: “Well, but… Sukova era una top-ten abituale. La Vinci meritava una soddisfazione così, ma non aveva fin qui lo stesso palmare di Helena”. Steve ha ragione ma… io sono felice come una Pasqua. Chissà perché in tanti qui in sala stampa vengono a congratularsi con me, quasi che avessi vinto io che non c’entro proprio nulla. Perfino Chris Widmaier, il direttore della comunicazione USTA e primo responsabile della concessione degli accrediti, incrociando Vanni Gibertini ed il sottoscritto mentre giravamo il video in italiano per la home, scherzava: “Mi avete rovinato il torneo e la finale, l’anno prossimo a voi italiani niente accredito, sorry!”
In effetti, mentre noi gioiamo, mi rendo conto che per gli americani, e soprattutto per le audiences televisive,  una finale tutta italiana è un vero disastro. Pensate che la CNN quando ha annunciato fra le breaking news che la corsa di Serena al Grande Slam si era interrotta, non ha neppure citato il nome dell’italiana che l’ha battuta!
Per la prima volta nella storia dell’US Open i biglietti per la finale femminile erano andati “sold out” prima di quella maschile. Ma è possibile che questo sabato ci siano anche diversi posti vuoti… a meno che Little Italy si rovesci qui.

Fra le più grandi sorprese della storia del tennis io ricordo la vittoria della diciassettenne Arantxa Sanchez nella finale dell’89 a Parigi, nello stesso anno in cui Chang sorprese prima Lendl, in ottavi, e poi Edberg in finale. Poi di certo ci fu anche quella di Lori McNeil che sconfisse Steffi Graf a Wimbledon ma era un primo turno. Non è la stessa cosa. E chi ricorda Linda Ferrando battere Monica Seles qui a Flushing Meadows nel 1990 giocando un incredibile match tutto d’attacco? Poi Linda perse dalla georgiana Leila Meshki (che sarebbe diventata presidente della federazione georgiana) che aveva annullato matchpoint a Katia Piccolini. Ricordo quel match perché non era coperto dalle telecamere ed andai con un cameraman ed una telecamera mobile di Tele+ a raccontare quella partita come – così mi davano la linea Rino e Gianni dal campo centrale del vecchio Armstrong – “il nostro inviato all’Avana!”.

Questa vittoria di Roberta le consente di risalire da n.43 a n.16 e…se dovesse vincere di nuovo a n.11! Un numero quasi maledetto per lei, come ha ricordato oggi Francesco Cinà – ribattezzato ormai “Chinatoglou!” da Francesco “Ciccio” Vinci, il fratello di Roberta che ama prenderlo in giro – nella doppia intervista che ho registrato con lui che allena da 8 anni Roberta Vinci, dopo aver prima allenato Aldi (“L’ho portato da 750 a 120”) È stato il nostro più anno brutto, dopo la delusione del mancato ingresso fra le top-ten, la delusione della sconfitta in Fed Cup con la Francia, la separazione da Sara Errani dopo le gioie di cinque Slam vinti, le tante voci distraenti che hanno seguito quel periodo, tre sconfitte al primo turno in Inghilterra (Birmingham, Eastbourne e Wimbledon dopo che aveva perso al primo turno anche al Roland Garros; n.d.r) …Roberta ha anche giocato un paio di tornei da sola senza di me prima dell’US Open…”. Insomma, non dico che ci fosse aria di crisi, ma quasi. Ora tutto è svanito, la realtà è diventata più bella del sogno.
Nessun italiano aveva mai vinto uno Slam fuori dal Roland Garros. Ora il vuoto è colmato. Se penso che all’inizio del torneo si pensava che la tennista italiana con il maggiore potenziale fosse Camila Giorgi, beh davvero mai dare nulla per scontato nello sport.
Una finale di Slam fra due italiane, una di 32 anni e l’altra di 33, non era davvero minimamente prevedibile. E la cosa curiosa è che non solo non ce n’era ovviamente mai stata una tutta italiana… ma, nonostante Roger Federer e Stan Wawrinka, nonostante Martina Hingis e Patty Schnyder, non ce n’è mai stata neppure una tutta svizzera. Per una volta abbiamo fatto meglio di loro. Siamo arrivati prima. Chiunque vinca fra Roger e Stan uno solo di loro due disputerà la finale dell’US Open 2015.

 

La cronaca del match:

 

R. Vinci b. [1] S. Williams 2-6 6-4 6-4 (da New York, Luca Baldissera)

Con ancora negli occhi la meravigliosa cavalcata di Flavia Pennetta, mi accomodo a bordocampo (oltre alle indimenticabili emozioni regalate a tutti noi in questo US Open, un’altra cosa di cui ringraziare le nostra ragazze sono i posti ultrariservati per i media del paese delle giocatrici), per assistere alla seconda semifinale tra Serena Williams e la nostra Roberta Vinci.Le ragazze sembrano entrambe abbastanza tese, per opposti motivi: Serena gioca per la storia del tennis mondiale, Roberta per quella del tennis italiano e la sua personale. Al via la Williams con il servizio, subito ace, poi rovescio affondato sotto la rete. Anche la Vinci commette un paio di errori tipici del “braccio contratto”. 1-0 Serena, anche Roberta tiene bene, 1-1. La Williams sbaglia ancora qualche rovescio di troppo, e si fa trascinare ai vantaggi da una Roberta che sembra ora essere entrata meglio in partita. Sono i servizi vincenti l’arma in più di Serena, e la tengono a galla in questo avvio, perchè sullo scambio Roberta è decisamente più incisiva, affettando bene lo slice per poi chiudere con ottimi dritti. E così, dopo due parità, è break point Vinci, che Serena annulla con una bastonata di servizio accompagnata da un “Come on!” tanto urlato da sembrare quasi di paura. Infatti subito altro errore gratuito, secondo break point Vinci, e questo è quello buono, ennesimo gratuito della Williams e si va al cambio campo sul 2-1 per l’azzurra. Serena, seduta a tre metri da me, fruga nervosamente nel borsone Wilson, forse non soddisfatta della racchetta.

Roberta va al servizio, e subisce la reazione della Williams, con tre vincenti diretti (e altrettanti urli da battaglia), cede la battuta a 15, e siamo 2-2. Ace Williams in apertura del quinto game, poi servizio-dritto e servizio-schiaffo, poi ancora servizio vincente, è chiaro che Serena ora si è sbloccata, 3-2 per lei. Il pubblico tifa come fosse una partita di NFL, anche dal box-media: non il massimo della professionalità (Gianni Clerici soleva ammonire i colleghi troppo chiassosi con un bel “no cheers in the press box!”), ma tant’è. A Roberta, che continua a giocare molto bene, esce un dritto lungolinea di pochi centimetri, concede ancora palla break, e Serena affonda per portarsi sul 4-2. Si fa davvero durissima per l’azzurra, vedere gli scambi – e soprattutto i servizi – da così in basso e vicino fa veramente capire la differenza di peso della palla tra le due, ma Roberta non molla e si concede anche tocchi di gran classe, come un drop shot fintato che lascia la Williams ferma ad applaudire l’avversaria. Ma a forza di botte tremende Serena va 5-2, purtroppo un cambio di marcia simile Roberta lo regge con difficoltà: due set point per Serena, annullati, poi un  terzo, e qui è fatale alla Vinci un attacco in slice che le va lungo di poco. 6-2 Williams, è chiaro che in questo match dipende praticamente tutto dall’americana.

Inizia il secondo, Serena va alla battuta un minimo distratta, ed è 0-40: Roberta sceglie di attaccare, ma viene ripetutamente passata (notevole il cross di rovescio con cui l’americana annulla la terza palla break). Poi due legnate delle sue con il servizio, e la Williams tiene il primo game. Bene la  Vinci nel gioco successivo (splendido pallonetto liftato in contropiede sul 30-15, ancora sportivo l’applauso di Serena), vantaggi e poi 1-1. Il pubblico, passata la preoccupazione iniziale, e con Serena avanti, si calma un po’, e incita entrambe applaudendo con entusiasmo. Due ace consecutivi della Williams la mandano 2-1, poi ancora due gratuiti da fondo per l’americana, un buon dritto di Roberta, un terzo errore di Serena, e siamo 2 pari. Finchè ci riesce, la Vinci è bravissima a tenere, il problema è che a Serena la palla va trenta all’ora in più.

Gran volée di Roberta nel primo punto del quinto game, errore Serena, poi ancora ottima risposta e chiusura a rete dell’azzurra, e siamo di nuovo 0-40, tre break point. La reazione di Serena è l’ennesima accoppiata di ace, ma sul 30-40 le scappa lunga la palla nello scambio, e la Vinci brekka per la seconda volta, 3-2 per lei. Gli spettatori dell’Arthur Ashe la prendono bene, ballando in allegria durante il cambio campo per farsi inquadrare dai maxischermi. L’intervistatrice di ESPN Pam Shriver seduta di fianco a me mi dice, guardando gli improvvisati sketch sugli spalti sopra di noi: “I’ve seen this a thousand times, but I keep finding it hilarious”, e io sono d’accordo con lei. Insieme alla sua assistente, sta programmando un’altra intervista in campo, a Serena, e dice “not now, she’s still down a break”, evidentemente attendendo una per lei certa rimonta immediata della Williams. Io spero che non abbia la possibilità di farla per nulla, ma me lo tengo per me.

Roberta, tra una musichetta e l’altra, nel frattempo tiene il servizio e si porta 4-2, Serena che ha davvero l’aria di una che non vuole complicarsi troppo la vita mette giù quattro bombe, va 3-4 in un attimo, e poi arriva a palla del contro-break: splendida palla corta di Roberta che la annulla, ora il pubblico esplode di nuovo nel tifo, zittito dalla Vinci con l’ace e il gran dritto che la portano 5-3. L’intervista in campo mid-match si allontana, penso soddisfatto. Adesso la Williams strilla come un’aquila ogni singolo punto che fa, tiene la battuta andando 4 a 5, e il momento della verità arriva per Roberta, chiamata a servire per portare il match al terzo. Comunque vada, e sto scrivendo in diretta col pc sulle ginocchia, splendida Vinci. 

Drittone in cross Serena, poi rovescio orribile (almeno il quarto-quinto tirato sulla base della rete), poi ancora vincente ed errore Serena, 30 pari. Qui a Roberta esce di pochissimo un dritto che sarebbe stato vincente, break point Williams, ma con grandissima personalità la Vinci tira di nuovo nello stesso angolo e fa punto, poi errore Williams ed è set point Roberta, che con altri due dritti splendidi alla fine di uno scambio tirato chiude 6-4. Incredibile ma vero, siamo al terzo, ed è tutta da giocare.

Va Serena alla battuta all’inizio del set decisivo, e sbaglia subito uno smash, segno evidente che un po’ di ansia la sente, ma come sempre risolve tutto con il suo grande servizio, 1-0. Onestamente il match non è memorabile dal punto di vista tecnico, ma non importa, se la Williams commette diversi errori non saremo noi a lamentarcene. Sul servizio di Roberta però un paio di drittoni le entrano bene, si conquista il 15-40, e alla seconda opportunità con uno schiaffo al volo di rovescio sale 2-0 e va alla battuta di nuovo. Ovazione del centrale come avesse già vinto, e il timore è che non abbiano tutti i torti. Ace, ancora rovescio in rete, sono moltissimi ormai (sto pensando, in diretta, che dovesse andare male questa, su quella diagonale sinistra Flavia potrebbe darle un bel fastidio con il suo super-rovescio diagonale in finale), solita botta di servizio, poi discesa a rete incerta, ancora errore stavolta col dritto, ed è palla del contro-break Vinci. Doppio fallo dopo che Hawk-Eye toglie quello che pareva un ace a Serena, e Roberta brekka per la terza volta, riportandosi sotto nel punteggio. 1-2, magari sarò da solo insieme a qualche collega italiano contro tutto lo stadio, ma io ci credo ancora. L’importante è che ci creda Roberta.

Pare proprio che sia così, perchè con un buonissimo game di servizio la Vinci tiene a 15 ed è 2-2. Gli spettatori mormorano con l’aria di chi si chiede “ma cosa sta succedendo?”, l’intervistatrice di ESPN ha messo via il microfono. Esplode il centrale, con grida ovunque, per ogni punto fatto da Serena, Roberta adesso sta facendo molta paura a tutti. Quando la Williams tiene la battuta e va 3-2 devo tapparmi le orecchie. Chi sia la più forte è chiaro, ma è chiaro anche chi sia la più tranquilla, e non è Serena. Speriamo che basti a fare partita pari fino in fondo, intanto la Vinci pareggia 3-3 con autorità. E nel game successivo, doppio fallo Williams, 15-30, Roberta sbaglia una volée di rovescio non impossibile, poi un passante di dritto anch’esso fattibile, Serena a sua volta non va abbastanza giù su un colpo al volo, è 40 pari. Ace Williams, poi scambio pazzesco chiuso al volo da Roberta, viene giù l’Arthur Ashe, tutto magnifico, ancora parità. Ennesimo rovescio in rete di Serena, ed è palla break per Roberta: dritto lungo della Williams, siamo 4-3 e servizio avanti nel set decisivo, e stavolta sono io a chiedermi se quello che sto vedendo è tutto vero. Mamma mia che match indimenticabile.

La Vinci adesso sta dando tutto in attacco e in difesa, e Serena deve giocare alla grandissima per conquistarsi il 15-40 e due palle per pareggiare, sulla prima le scappa un rovescio lungo (malissimo con quel colpo oggi l’americana), poi un dritto largo, è parità, Roberta mostra il pugno al suo angolo con tutta la grinta del mondo. Con altrettanta intelligenza tattica continua ad andare sulla sinistra di Serena, incassa ancora un gratuito di rovescio. Palla del 5-3. Qui forse per la tensione commette doppio fallo, ma poi va ancora  in vantaggio (manco a dirlo, rovescio lungo di Serena): risposta di rovescio larga della Williams, è 5-3. Giuro, mi tremano le mani. 0-15. Meno tre all’avvenimento più clamoroso della storia del tennis italiano, 15 pari con smash tremebondo Williams, poi ace, 30-15, ace, 40-15, altro smash, 4-5. Ma adesso sarà Roberta Vinci ad andare al servizio per chiudere, il game di battuta più importante della sua vita.
Risposta in rete Williams, 15-0. Demi-volée Vinci, 30-0. Cuore in gola. Schiaffo in rete Serena, 40-0, tre match point. Dio mio. Ancora gran demi-volée di dritto Roberta, e la storia del tennis viene riscritta qui a New York, e parla italiano. Pelle d’oca alta due dita, che bello esserci stati, e che bello sarà esserci domani. Grazie, grazie ragazze.

 

Serena-Vinci stats

Guarda il videocommento di Ubaldo Scanagatta

Il videocommento di Ubaldo Scanagatta e Steve Flink (in inglese)

 

 

 

Continua a leggere
Commenti

evidenza

Frances Tiafoe fa parlare di tennis a Freetown, in Sierra Leone

Tiafoe, i cui genitori sono emigrati dal paese dilaniato dalla guerra prima della sua nascita, è il più giovane americano a raggiungere i quarti di finale allo US Open negli ultimi 16 anni, e ha abbastanza talento per due nazioni

Pubblicato

il

Frances Tiafoe - US Open 2022 (foto Twitter @usta)

Traduzione dell’articolo di David Waldstein, New York Times, 7 settembre 2022

Negli stadi e nei club sportivi di Freetown, in Sierra Leone, il calcio è l’argomento preferito. Ma martedì (6 Settembre) diverse ore dopo che Frances Tiafoe, figlio di due emigrati della Sierra Leone, ha battuto Rafael Nadal per raggiungere i quarti di finale dello US Open, anche il tennis si è intrufolato nella conversazione.

“Oh, sì, si parla molto di Tiafoe in questo momento”, ha detto Abdulai Kamara, un blogger sportivo e proprietario della Hereford Sierra Leone Football Academy, in un’intervista telefonica da Freetown. “Non seguiamo da vicino il tennis qui, ma ora c’è un certo interesse. Alcune persone sono curiose di Frances e vogliono saperne di più”.

 

Mentre la comunità del tennis negli Stati Uniti è entusiasta del fatto che Tiafoe, nato a Hyattsville, Maryland, sia diventato il più giovane americano a raggiungere i quarti di finale dello US Open in 16 anni, alcuni in Sierra Leone rivendicano con orgoglio il giovane tennista come loro connazionale. L’estroverso e talentuoso Tiafoe, 24 anni, ha abbastanza magnetismo e talento per due nazioni. La piattaforma mediatica Sierraloaded ha fatto riferimento a “Sierra Leone’s Tiafoe”, in un aggiornamento lampo sulla vittoria storica, e Kei Kamara, una stella del calcio della Sierra Leone che gioca per il Montreal nella Major League Soccer canadese, ha scritto su Twitter, “Uno di noi”, dopo la vittoria di Tiafoe, definendolo un “risultato enorme”.

La storia edificante di Tiafoe è iniziata quando i suoi genitori – che non si erano ancora incontrati – lasciarono la Sierra Leone per gli Stati Uniti negli anni ’90 per sfuggire a una guerra civile. Si trasferirono ciascuno negli Stati Uniti e, dopo essersi conosciuti, si stabilirono nel Maryland e ebbero due gemelli, Franklin e Frances.

Il padre dei ragazzi, Constant Tiafoe, trovò lavoro nel cantiere del Junior Tennis Champions Center di College Park, Md. Constant Tiafoe era così industrioso che gli venne offerto il lavoro di direttore della manutenzione della struttura. Gli fu assegnato un ufficio, dove a volte i gemelli dormivano per approfittare, man mano che crescevano abbastanza da poter tenere la racchetta in mano, della possibilità di passare più tempo sui campi.

Entrambi giocavano, ma Frances ha mostrato una passione unica, guardando le lezioni impartite ai ragazzi più grandi del centro e imitando ogni loro mossa, poi lanciando palle contro i muri e servendo contro i fantasmi sui campi esterni fino all’imbrunire. 

“Tutte le storie sono vere”, ha affermato Mark Ein, imprenditore e presidente del Citi Open di Washington, DC, uno degli eventi più importanti del calendario del tennis. Frances era ossessionato dal tennis“. Ein conosce i Tiafoe da quando i ragazzi avevano cinque anni ed è diventato amico, consigliere e mentore. Il suo proprio mentore era Ken Brody, un banchiere appassionato di tennis che ha voluto costruire il Junior Tennis Champions Center per mettere in atto una visione che un giorno Frances Tiafoe avrebbe potuto realizzare. “Ken diceva: ‘Se la Repubblica Ceca può produrre campioni in un paese di quelle dimensioni, allora possiamo farlo anche qui a Washington'”, ha detto Ein.

Non passò molto tempo prima che Frances iniziasse a mostrare un’agilità atletica unica – velocità, potenza e abilità in campo – combinata con una sete quasi inestinguibile per il gioco. Fu affiancato a Misha Kouznetsov, un giovane allenatore russo che ha spinto e trascinato Frances attraverso le prime fasi del suo straordinario sviluppo tennistico.

All’inizio, i genitori dei due gemelli vedevano il tennis come un veicolo per assicurare ai ragazzi un’istruzione universitaria, che sembrava raggiungibile solo con una borsa di studio. Constant lasciò il lavoro al centro di allenamento per avviare un’attività in proprio, ma fini a lavorare in un autolavaggio mentre la madre dei ragazzi, Alphina, faceva l’infermiera. I soldi scarseggiavano.

“Non si pensava che potesse essere niente del genere”, ha detto Tiafoe lunedì [5 settembre] dopo aver sconfitto Nadal. “Una volta che siamo entrati nel mondo del tennis, mio padre disse, ‘Sarebbe fantastico se voi ragazzi poteste usarlo per ottenere una borsa di studio e completare gli studi’. Voglio dire, non possiamo permetterci un’università. Quindi, usate il tennis“.

Ma Tiafoe ha brillato così fortemente in tenera età, che il college è stato rimandato a un secondo tempo quando è esplosa una redditizia carriera professionale. All’età di 14 anni, nel 2012, Frances ha vinto il prestigioso torneo Petits As in Francia, più o meno nello stesso periodo in cui le pubblicazioni sportive hanno saputo della sua umile e fortuita educazione al J.T.C.C. L’anno successivo, Tiafoe vinse l’Orange Bowl, uno dei migliori tornei che si svolge vicino a Miami per i migliori junior del mondo. La meta era vicina, almeno così sembrava.

Gli allenatori di tennis americani, gli amministratori, gli agenti e i fan più informati hanno cominciato a vedere in Tiafoe il prossimo grande giocatore americano, che per così tanto tempo era mancato nel tennis statunitense. Ma la crescita dei giocatori professionisti nel gioco di oggi spesso avviene lentamente e Tiafoe, a volte, ha avuto delle difficoltà. È diventato professionista nel 2015 e nei successivi quattro anni ha raggiunto il terzo turno di un torneo dello Slam solo una volta, a Wimbledon 2018.

Ha concluso lo scorso anno al numero 38 ed è attualmente al numero 26. La sua posizione migliorerà dopo la sua prestazione allo US Open, qualunque cosa dovesse accadere mercoledì [7 Settembre] contro la testa di serie numero 9, Andrey Rublev. [Attualmente è salito fino al n. 19, ndt] Ora la popolarità di Tiafoe sta crescendo rapidamente, non solo tra le stelle del calcio della Sierra Leone, ma anche tra le megastar del basket, tra cui LeBron James, che si è congratulato con Tiafoe su Twitter.

“Quello è il mio idolo”, ha detto Tiafoe di James, uno dei suoi atleti favoriti. “Vedendolo postare, ho pensato, ‘Lo ritwitto non appena lo ha inviato? Ero tipo, ‘Sai una cosa? Sarò cool e mi comporterò come se non l’avessi visto e poi lo ritwitterò tra tre ore.'” La carriera di Tiafoe è stata definita da grandi aspettative, momenti di stallo, autoanalisi e miglioramenti.

“C’erano grandi aspettative per lui in così tenera età”, ha detto Ein. “Ha ottenuto tanti primati ed era considerato il futuro, la speranza del tennis americano. È molto per un adolescente, e l’ha gestita molto bene. Sa che il successo non è sempre una linea retta, ma sa anche che se procedi sempre nella direzione giusta, puoi raggiungere i tuoi obiettivi“. Ein e Tiafoe si ripetono regolarmente un detto: che tutti vogliono essere una star come Beyoncé, ma nessuno vuole impegnarsi per arrivarci.

Durante uno dei suoi momenti di stallo, dopo la stagione 2018, Tiafoe ha iniziato a sentire dalle persone intorno a lui che gli dicevano che aveva bisogno di allenarsi di più, mangiare meglio, studiare i suoi avversari guardando i video delle loro partite e migliorare la sua preparazione, tutto ciò lo avrebbe potuto spingere nei top 5 del mondo.

Durante l’inverno di quello stesso anno, durante un pranzo a Georgetown, Tiafoe spiegò a Ein ciò che aveva in mente di fare in merito alle pressioni esterne. “Disse loro: ‘Non preoccupatevi‘”, ricorda Ein, “Ho capito”. Pochi giorni dopo, era in viaggio per l’Australia, dove raggiunse per la prima volta i quarti di finale di uno Slam. Questa è la storia di Frances Tiafoe. Molte persone nel mondo del tennis conoscono anche la storia dei primi anni di vita di Tiafoe nel Maryland. Ma gran parte della sua storia di tennis è ancora diretta verso mete più alte. Parte è stata scritta allo US Open, e parte è stata scritta in Sierra Leone, dove la leggenda di Frances Tiafoe sta prendendo forma.

Traduzione di Massimo Volpati

Continua a leggere

Flash

Gli outfit dello US Open 2022

Slam newyorkese a tinte scure per i grandi campioni, poche scelte estrose per gli altri giocatori

Pubblicato

il

Serena Williams, sfilata Vogue 2022 (Instagram @serenawilliams)

Ultima fermata New York. La grande mela, la città che non dorme mai. Quella con le luci accese anche di notte. Quella del melting pot e di Wall Street. Ma anche quella delle nuove tendenze in fatto di moda. Lo sanno anche le grandi marche di abbigliamento da tennis che hanno fatto spesso indossare ai loro atleti i completi più stravaganti e controversi proprio durante gli US Open. Come dimenticarsi ad esempio degli short di jeans di Agassi o degli stivali da pantera di Serena. E anche quest’anno i brand non si sono smentiti, a colpi di scelte cromatiche vistose e tagli particolari.

Serena Williams – Nike

Serena Williams – US Open 2022 (foto: twitter @usopen)

Questo US Open era per Serena la “last dance”, l’ultimo torneo prima del ritiro, davanti al proprio pubblico, quello dell’Arthur Ashe Stadium. E forse non è un caso che per l’occasione, la più giovane e più vincente delle sorelle Williams ha indossato un abito ispirato alla disciplina sportiva che più si avvicina la danza, ovvero il pattinaggio artistico: gonna a tutu, parte superiore stretta e maniche coperte. Il colore è il nero, quello più volte indossato dalla campionessa statunitense durante le sue vittorie serali a Flushing Meadows. Ad arricchire (nel vero senso della parola) questo look ci sono le paillette nel vestito, 400 (!!!) diamanti nelle scarpe e qualcuno anche nei capelli, lacci delle scarpe placcati in oro. Con questo outfit Serena non ha voluto però solo mettere in mostra la quantità di zeri nel suo conto in banca ma anche celebrare la sua straordinaria carriera ed esperienza di vita. I sei veli nella gonna sono un riferimento ai 6 US Open vinti, i diamanti nelle scarpe servono a formare le parole “Queen” e “Mama”. Insomma, più che davanti ad un semplice completo di tennis siamo di fronte ad uno statement a tutto tondo, che ribadisce come Serena sia un icona che trascende il mondo del tennis e, forse, persino quello dello sport in generale. (Valerio Vignoli)

 

Rafa Nadal – Nike

Rafael Nadal – US Open 2022 (foto Twitter @rolandgarros)

Luci e ombre su Rafa quest’anno a New York e non solamente perché è uscito per mano di Tiafoe agli ottavi di finale, ma anche per gli outfit indossati. Promosso infatti a pieni voti il completo diurno con pantaloncino rosso magenta e maglia bianca, scarpe intonate al pantaloncino. Una scelta estiva, elegante che si sposa perfettamente con l’esplosività di Nadal. Bocciato invece l’outfit serale. Se infatti possiamo apprezzare la scelta del rosa per fascia e polsini, il color “vino” di maglietta e pantaloni è spento, triste, inadatto a un campo da tennis. Un colore simile, seppur in tonalità più chiara, era già stato portato a Flushing Meadows da Roger Federer nel 2018, quando proprio durante una sessione serale venne sconfitto inaspettatamente da John Millman. Apprezziamo, però, sempre ad ogni Slam il tocco di classe sulle scarpe dove Nike, oltre a scrivere il nome di Rafa, incide gli anni delle sue vittorie a New York: 10, 13, 17 e 19. Come dire, per non dimenticare… (Chiara Gheza)

Collezione Nike

Carlos Alcaraz – US Open 2022 (foto Twitter @atptour)
Aryna Sabalenka – US Open 2022 (foto via Twitter @WTA)

Una collezione grintosa ma poco entusiasmante al tempo stesso. Appropriato il rosso acceso della t-shirt di ‘Carlitos’ Alcaraz che, del resto, simboleggia il “fuego” in campo dello spagnolo, nuovo campione di New York, nonché n. 1 del mondo più giovane della storia. Tuttavia, le fasce laterali color vinaccia non si sposano al meglio con il rosso, così come le maniche bianche rendono il tutto un po’ banale.

Forse sarebbe da rivedere la scelta degli abbinamenti cromatici, anche per quanto riguarda l’outfit indossato da Aryna Sabalenka, semifinalista allo US Open. La fascia rossa laterale del top altera decisamente l’estetica della canotta – bianca e classica – e del gonnellino – di un bel color rosa ciclamino e dalle pieghe leggere. (Laura Guidobaldi)

Iga Swiatek – Asics

Iga Swiatek – US Open 2022 (foto Twitter @rolandgarros)

Iga Swiatek vince gli US Open a soli 21 anni, compiuti lo scorso 31 Maggio, e diventa il nuovo volto del tennis femminile dopo una stagione trionfale. Asics nella sua collezione autunnale scegli per lei un leggero color Tiffany, niente di più in linea con New York ammettiamolo, che si sposa perfettamente con il tessuto impalpabile del gonnellino. La canotta fin troppo classica sul davanti, recupera con un gioco di tessuto sulla schiena. L’outfit di Iga insomma ci piace molto e si adatta perfettamente a lei: sobrio, ma incisivo. Forse le scarpe azzurro chiaro non si sposano granché ma è solo un dettaglio. Infine il cappellino è ormai parte integrante di Iga, tanto che senza diventa quasi difficile riconoscerla. Asics dovrebbe quindi pensare a questo e sbizzarirsi nel disegnarne di speciali per la sua campionessa. (Chiara Gheza)

Casper Ruud – Yonex

Casper Ruud – US Open 2022 (foto Twitter @daviscup)

Casper Ruud, neofinalista dello US Open, dall’atteggiamento sempre classy, avrebbe forse meritato un completo più raffinato. Certo, la maglietta evoca l’energia del suo tennis ma il color vinaccia dominante, che sfuma verso il beige e il rosa nelle strisce oblique, non è tra i più adatti per l’atmosfera frizzante di Flushing Meadows. Il bianco, comunque, viene ad “addolcire” questo outfit geometrico e chiassoso al tempo stesso, conferendogli quel tocco di eleganza che tanto dona al 23enne norvegese. (Laura Guidobaldi)

Matteo Berrettini – Hugo Boss

Matteo Berrettini – US Open 2022 (foto Twitter @atptour)

Hugo Boss e Berrettini: che dire? Sono ormai una garanzia su ogni campo da tennis. Anche a New York Matteo è perfetto in bianco e nero con un dettaglio beige. Elegante, classico, esclusivo. Su di lui anche il cappellino portato con la visiera all’indietro, che potrebbe fare Jovanotti anni 80, è invece perfetto. Hugo Boss ha compreso le potenzialità di Berrettini e le sta usando magistralmente. Il suo outfit di questo US Open entra di diritto negli outfit più raffinati che si possano indossare per praticare un qualsiasi sport. Complimenti. (Chiara Gheza)

Daniil Medvedev – Lacoste

Lacoste è sinonimo di polo. Per non dire che la polo è sinonimo di Lacoste. E allora c’è di che stupirsi a vedere Daniil Medvedev, tennista di punta del marchio francese, indossare una t-shirt in campo. E che t-shirt, verrebbe da dire. Probabilmente quello visto a New York è il miglior outfit indossato dal russo in questa per lui non semplice stagioni 2022. La maglietta è blu avio con diversi panelli e un motivo geometrico tono su tono, che dà un tocco di originalità e modernità. Impeccabile l’accostamento con pantaloncino navy. Per la sessione notturna il moscovita ha sfoggiato lo stesso completo a colori invertiti, con maglietta navy e pantaloncino avio. Ma il risultato non era altrettanto buono (Valerio Vignoli).

Collezione adidas

Jessica Pegula – US Open 2022 (foto via Twitter @usopen)

Per questo US Open, Adidas ha creato una collezione con l’emergente fashion designer sudafricano Thebe Magugu. I completi rimandano all’africa per via dei loro colori sgargianti (fucsia, bianco panna e arancione) e per il profilo di una donna di colore, con una folta chioma di capelli e il rossetto. L’intenzione, più che lodevole, è quella di mandare un messaggio di inclusività e di amore, in un periodo in cui se ne sente molto il bisogno. Gli outfit però nel loro complesso non convincono del tutto tra tagli piuttosto basilari e accostamenti di colori azzardati. In definitiva, meglio nella teoria che nella pratica questa collezione del brand delle tre strisce per l’ultimo slam dell’anno.

Venus Williams – Eleven by Venus Williams

Venus Williams non si smentisce nemmeno quest’anno e a New York regala una lezione di classe ed eleganza con un outfit verde, complicato da indossare per chiunque tranne che per Venere, come la ribattezzò Gianni Clerici. Top cortissimo e gonnellino hanno un sapore quasi vintage per via delle righe bianche che attraversano il total green. Il colpo di classe però è nello scaldacuore candido, con le maniche lunghe, con il quale Venus inizia il match di doppio. Ancora una volta inarrivabile. (Chiara Gheza)

Coco Gauff – New Balance

Cori Gauff - Us Open 2022 (Twitter @usopen)
Cori Gauff – Us Open 2022 (Twitter @usopen)

Coco Gauff e i suoi outfit, un binomio vincente. La New Balance, infatti, con i suoi outfit esprime sempre al meglio il carisma e la bella personalità della 18enne americana. Inoltre, non manca mai l’eleganza unita all’originalità. Per questo US Open, il tocco d’eleganza è dato dal gonnellino a scacchi neri, leggero ed etereo nel tessuto, ma grintoso nella tinta e nella fantasia. Peccato, però, che, in questa occasione, la maglietta non sia all’altezza delle aspettative. Tanti elementi eterogenei messi insieme creano un mélange un po’ troppo chiassoso: le maniche bianche bucherellate, le fasce laterali rosse, disegni obliqui color lilla, verde chiaro e azzurrino che ricordano petali di fiori sullo sfondo a scacchi neri, i polsini gialli e la fascia per i capelli a scacchi neri e bianchi… Insomma, sono decisamente too much. Peccato. (Laura Guidobaldi)

Ajla Tomljanovic – Original Penguin

Per la prima volta in carriera, la dolce e graziosa Ajla ha raggiunto i quarti di finale allo US Open. E ha brillato non solo grazie al suo tennis ma anche per l’eleganza che ha sfoggiato in campo. Tomljanovic ha sempre e comunque un portamento aggraziato e il brand americano Original Penguin, con i dettagli dello stile per golfisti, realizza sempre completi di gran classe. E a lei stanno a pennello, proprio come il vestitino indossato a Flashing Meadows, raffinato e sbarazzino al tempo stesso, grazie all’eleganza del blu elettrico, vivacizzata quanto basta dalla fantasia bianca e rosa del corpetto e della gonna. Leggero, etereo e fresco, proprio come Ajla. (Laura Guidobaldi)

Continua a leggere

Flash

US Open, l’edizione 2022 è da record anche sugli spalti

Le due settimane di main draw hanno fatto registrare 776.120 spettatori, mentre sono stati 888.044 includendo anche la Fan Week. Per lo US Open è record assoluto

Pubblicato

il

US Open 2022 - foto: twitter @usopen

———————————————————-

Il video-commento di Ubaldo che compare qui continua sul sito di Intesa Sanpaolo nella sezione “Sottorete” curata in collaborazione con Ubitennis, che potrete trovare al seguente link.

Clicca qui per guardare il video-commento completo di Ubaldo Scanagatta sulla finale maschile dello US Open 2022 sul sito di Intesa Sanpaolo

———————————————————-

 

Iga Swiatek e Carlos Alcaraz – 40 anni in due! – si sono aggiudicati l’ultima, recentissima edizione dello US Open 2022. Un torneo che certamente resterà indimenticabile per le tante storie proposte: Serena Williams ha definitivamente salutato il tennis e lo stesso Alcaraz ha vinto il suo primo Major in assoluto, diventando il più giovane n°1 del mondo nella storia del tennis.

Lo spagnolo, nella conferenza stampa dopo la finale, ha sostenuto più volte come l’aiuto del pubblico sia stato fondamentale per lui, che si è sentito amato e supportato fin dal primo giorno. Proprio sugli spalti lo US Open 2022 ha fatto registrare un altro record, diventando l’edizione con il numero di fan più elevato nella storia di questo torneo.

I precedenti primati, stabiliti nel 2019, erano di 737.872 spettatori per quel che riguarda le due settimane di main draw e di 853.227 tifosi allargando il conteggio alle tre settimane di US Open, includendo la Fan Week. Quest’anno entrambi sono stati sbriciolati: nell’arco delle due settimane è stato stabilito un nuovo record con 776.120 spettatori, mentre allargando il discorso alle tre settimane e alla Fan Week il conteggio sale a 888.044 tifosi. Va detto che il primato assoluto – tenendo conto esclusivamente delle due settimane in cui si disputano i tabelloni principali – appartiene all’Australian Open 2019, quando furono addirittura 796.435 i fan ad essere presenti sugli spalti.

Come se non bastasse, per la prima volta nei suoi 25 anni di storia l’Arthur Ashe Stadium è sempre andato sold out in tutte le sue sessioni, tanto pomeridiane quanto serali. Insomma, abbiamo assistito ad uno US Open storico sotto tutti i punti di vista.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement