Challenger: Vanni fuori in semifinale. Attesa per il derby canadese

Flash

Challenger: Vanni fuori in semifinale. Attesa per il derby canadese

L’azzurro sconfitto in Cina da Kavcic con un risultato perentorio. In Canada comandano i giovani di casa

Pubblicato

il

Blaz Kavcic dimostra ancora una volta di essere in splendida forma e con una prestazione impeccabile batte con un doppio 6-2 un Luca Vanni che ha davvero poco da rimpiangere. Lo sloveno è stato per gran parte del tempo ingiocabile, e con questa vittoria raggiunge la finale a Shenzhen, la sua terza stagionale nel circuito Challenger (ha perso sia a Bangkok che a Kyoto). Il suo avversario di domani sarà la testa di serie numero 2 Yuichi Sugita, che ha dovuto faticare molto di più contro l’indiano Bhambri, riuscendo a spuntarla solo al terzo set col punteggio di 4-6 6-4 6-3. Tra i due finalisti si regista un unico precedente, avvenuto nel 2015, niente meno che sull’erba di Wimbledon, dove a vincere fu Kavcic in 3 set.

Trasferendoci negli USA, ad Irving per la precisione, riportiamo la vittoria in due set del britannico Bedene sul tennista di casa Donaldson. Gli avvenimenti più interessanti però avvengono un po’ più a nord, in Canada, dove sul cemento indoor di Drummondville sono andati in scena gli ultimi due quarti di finale che hanno visto trionfare due giovani promesse del tennis canadese. Shapovalov ha battuto lo sloveno Blaz Rola faticando solo nel primo set, durato quasi un’ora e conclusosi al tie-break dove ha salvato persino 3 set point, mentre il secondo è filato liscio fino al 6-4 finale. Subito dopo di lui è toccato al classe 2000 Felix Auger-Aliassime che ha sconfitto, anche lui in due set e anche lui salvando set point, il più quotato De Minaur. C’è grande attesa adesso per la semifinale tra i due teenager (17 anni Shapovalov, 16 Auger-Aliassime) che si giocherà questo pomeriggio alle 19 ora italiana.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Nadal: “Non so se giocherò a Roma”

Il maiorchino ha commentato la rinuncia allo US Open e parlato della sua programmazione ora che Madrid è stato cancellato: “Aspetto il nuovo calendario”

Pubblicato

il

Rafa Nadal - Roma 2019

Il grande tennis è ripartito a Palermo, e lo swing newyorchese (con tappa femminile a Lexington) è alle porte. Eppure, il clima è ancora di grande incertezza, come si evince dalle parole di Rafa Nadal, che ha rilasciato una video-intervista da Maiorca per commentare l’avvenuta rinuncia a Flushing Meadows e per discutere dei suoi piani a breve termine.

Se da un lato la decisione era attesa, dall’altro la coincidenza con la cancellazione di Madrid ha gettato delle ombre sulla stagione della terra europea, e quasi certamente avrà influenzato i piani di Rafa in termini di programmazione. In proposito ha detto: Non so ancora se giocherò a Roma, aspetto il nuovo calendario dopo la cancellazione di Madrid. Mi preparerò per la terra europea, e al momento del dunque prenderò una decisione finale. Bisognerà valutare la situazione fra un mese, al momento non saprei dire quale sia il mio programma”.

Il N.2 ATP non si è dunque sbilanciato. La logica porterebbe a pensare che, in vista del Roland Garros, deciderà sicuramente di giocare quello che è rimasto l’unico 1000 di preparazione allo Slam parigino, ma durante l’intervista Nadal ha più volte sottolineato come sia difficile prendere delle decisioni riguardo a una situazione del tutto senza precedenti.

In particolare, questa attitudine è emersa parlando dello US Open, dove era il campione uscente: “Ammiro il lavoro dell’ATP e della USTA, credo che i giocatori dovrebbero essere grati per l’opportunità di tornare a giocare. Nel mio caso, dovevo prendere una posizione, e spero che sia quella giusta, anche se in questo momento nessuno sa cosa stia succedendo, perciò per come la vedo io ogni decisione potrebbe essere corretta. Tutti sanno quanto ami giocare a New York, è difficile descrivere come mi sento, ma dopo aver parlato con il mio team e con la famiglia ho dovuto prendere questa decisione – non è il momento di fare lunghi viaggi, perché non sappiamo cosa potrebbe succedere. Chiaramente non sono felice di non giocare uno dei più grandi tornei al mondo, ma ora come ora il cuore mi sta dicendo di non pensare alla competizione.

 

Alla domanda sulla legittimità di questa edizione del torneo americano come Slam non ha avuto dubbi: Lo US Open sarà comunque uno Slam, non sono tanto arrogante da dire che se non ci sono io allora non è un grande torneo! Sarà uno Slam, e il vincitore lo percepirà come tale”.

Sulla cancellazione del torneo di casa ha detto: “La speranza era di giocare a Madrid, ma ora dovremo vedere come si evolve la situazione del calendario. Comunque andranno le cose, bisognerà accettarle cercando di muoversi con la massima cautela e con tutte le precauzioni del caso. Un grande torneo non si organizza dall’oggi al domani. E capisco anche che dal punto di vista finanziario, senza pubblico e con un delicatissimo protocollo da rispettare, le cose possano essere molto difficili“.

Infine, è arrivato anche un commento sull’Adria Tour, circostanza per la quale Nadal non vuole giudicare i suoi colleghi: “Credo che gli sportivi debbano essere un esempio, perciò bisogna essere responsabili. L’Adria Tour è stato un errore, ma è normale sbagliare quando si ha a che fare con una situazione mai affrontata prima. Come dicevo prima, in un momento di imprevisti come questo ogni decisione potrebbe essere giusta o sbagliata, è difficile saperlo”.

Continua a leggere

Flash

Ladies Open Palermo, il programma di giovedì 6 agosto: in campo Camila Giorgi

L’azzurra sfiderà la qualificata Juvan nel terzo match di giornata. Si parte alle 16 con Kontaveit-Siegemund, poi Martic. In chiusura tocca a Yastremska

Pubblicato

il

Camila Giorgi - Palermo 2020 (via Twitter, @LadiesOpenPA)

Quarta giornata di gioco al WTA di Palermo che vedrà scendere in campo i restanti incontri di secondo turno. In apertura di programma (ore 16) il match tra Anett Kontaveit e Laura Siegemund, che stabilirà l’avversaria di Elisabetta Cocciaretto nei quarti di finale. A seguire scenderà in campo la prima favorita del seeding Petra Martic, opposta alla qualificata russa Liudmila Samsonova. Nel terzo incontro di giornata (alle 20 circa) si sfideranno invece in un match inedito Camila Giorgi e la qualificata Kaja Juvan. Chiuderanno il programma di giovedì la testa di serie numero 7 Dayana Yastremska e la lucky loser francese Oceane Dodin.

IL PROGRAMMA DI OGGI

Campo centraledalle ore 16.00
[4] A. Kontaveit vs L. Siegemund
[1] P. Martic vs [Q] L. Samsonova
C. Giorgi vs [Q] K. Juvan
[7] D. Yastremska vs [LL] O. Dodin

Campo n. 6 – dalle ore 16.00
G. Gatto-Monticone/J. Paolini vs A. Rus/T. Zidansek
[1] G. Garcia Perez/S. Sorribes Tormo vs E. Cocciaretto/M. Trevisan

IL TABELLONE AGGIORNATO

 

Continua a leggere

Flash

Lo US Open ha annunciato il montepremi di quest’anno

Pochi cambiamenti nel prize money, leggero aumento per il premio di primo turno, 3 milioni di dollari al vincitore. Oltre 7 milioni al Players Relief Fund

Pubblicato

il

Continuano i preparativi per gli US Open, nonostante le incertezze dovute al Coronavirus negli Stati Uniti. L’USTA ha annunciato oggi il montepremi dello Slam americano, con 43 milioni di dollari destinati al singolare e al doppio.

Il prize money resta sostanzialmente invariato rispetto lo scorso anno, con il premio totale di questa edizione che sarà il 95% di quella precedente. Addirittura aumentati del 5% i premi del primo turno di singolare per uomini e donne, con il vincitore del torneo che riceverà 3 milioni di dollari. Nessuna novità per il doppio, che manterrà lo stesso montepremi dello scorso anno.

Ci saranno altri 7,6 milioni di dollari nel pacchetto economico di quest’edizione, destinati al Players’ Relief Fund. Una decisione presa dall’USTA vista la riduzione dei partecipanti del doppio e l’eliminazione delle qualificazioni del singolare. I fondi saranno divisi equamente tra ATP e WTA.

 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement