Yonex Power Cushion Eclipsion 2, le scarpe di Wawrinka

Area test

Yonex Power Cushion Eclipsion 2, le scarpe di Wawrinka

Confort, stabilità e durata sono le caratteristiche della scarpa Yonex Power Cushion Eclipson 2, un modello che migliora costantemente e che si rivolge ai tennisti esigenti

Pubblicato

il

Stan Wawrinka pesa poco più di 80 kg e basa tutto il suo gioco sulla potenza dei colpi da fondocampo. Chiave di questa potenza è la stabilità dei suoi piedi a terra prima di impattare la pallina. Stan non potrebbe impattare così forte se non avesse quindi questi appoggi stabili, e quindi un’ottima scarpa, solida e robusta visto il peso dell’atleta ma ovviamente anche confortevole, perché il livello è quello dei professionisti. E la scelta di Stan, che veste Yonex dalla testa ai piedi, è ovviamente il meglio disponibile oggi sul mercato da parte della casa giapponese, ovvero il modello Power Cushion Eclipsion 2, e cioè la versione migliorata di una scarpa già ottima nella prima edizione. La scarpa è disponibile nel rosa scuro usato da Stan agli Australian Open, in giallo-blu navy e anche in un celeste scuro.

La tecnologia alla base di questa scarpa, che è quella che poi dà il nome alla stessa, si chiama Power Cushion, e consiste in tre strati sovrapposti per formare l’intersuola del tallone. I due esterni sono rigidi mentre quello centrale, molto ampio, è morbido. Questo nella parte del tallone perché nell’avampiede lo strato è unico per favorire la sensibilità. I due strati, quello in alto e quello in basso, assorbono gli urti nella misura di un 30% in più rispetto alla versione originale del Power Cushion. Assorbire gli urti vuol dire restituire energia all’atleta e questo avviene tramite lo strato centrale che torna rapidamente in posizione originare trasformando lo shock in energia, come una spugna (Yonex dichiara che un uovo lanciato da 7 metri di altezza sul Power Cushion rimbalza per 4 metri senza alcun danno). Fra le altre tecnologie implementate da Yonex su questo modello segnaliamo la Round Sole, ovvero una suola disegnata per facilitare il footwork, il gioco di gambe dell’atleta, e poi la Durable Skin, ovvero il rivestimento della parte superiore della scarpa, rinforzato per aumentarne la durata senza diminuire il comfort di gioco. Un’altra tecnologia usata ha il nome di Toe Assist Shape, e cioè la tomaia adattiva che si adatta alla forma del piede riducendo la possibilità di scivolamenti laterali del piede favorendo il supporto nei movimenti. La scarpa pesa poco più di 400 grammi circa per il numero 44.5, 28,5 centimetri.

 

In campo
La prima sensazione che proviamo è quella di una calzata avvolgente, che stringe il piede fin da subito cercando di modellarvisi attorno per eliminare qualsiasi effetto di scivolamento dello stesso all’interno della scarpa. C’è quindi una prima fase di assestamento della tomaia, specie se il vostro piede è a pianta larga. Dopo questo mini periodo di adattamento potrete concentrarvi su tutti i benefici di questa scarpa. La tomaia si rivela molto flessibile, offre un grande sostegno al piede specie quando si tratta di ripartire o quando si effettuano torsioni improvvise in seguito a repentini cambi di direzione. La suola ha un grip ottimo sul terreno e finalizza tutto il gran lavoro del Power Cushion, ovvero del sistema di ammortizzazione degli urti. Eccellente la protezione del tallone e della caviglia. Ai piedi il feeling è quello di assoluto comfort, di una calzata “alta” rispetto al terreno. I materiali che compongono la scarpa assicurano anche ottima traspirabilità. Ma quello che colpisce, la caratteristica di questa scarpa che rimane più impressa al termine del gioco, è la spinta che offre la scarpa subito dopo l’impatto con il terreno. È il Power Cushion il motore di questa spinta aggiuntiva, questa energia che torna utile dopo uno shock e che, unitamente al confort e alla sensazione di stabilità e protezione del piede, rende questa scarpa un ottimo prodotto.

tennisworld-logo-blue

Continua a leggere
Commenti

Area test

Il test della Mizuno Wave Exceed Tour 3 CC, stabilità e comfort per la scarpa giapponese

Recensione e test della Mizuno Wave Exceed Tour 3 CC, una scarpa da tenere in considerazione per la scelta dell’agonista

Pubblicato

il

Le scarpe Mizuno Wave Exceed Tour 3 si rinnovano ma mantengono inalterate le caratteristiche l’hanno resa famosa. Si tratta di uno dei modelli più usati fra i tennisti di club, una scarpa confortevole ma e che ripropone il sistema di ammortizzazione Mizuno Wave, che offre comfort e supporto al piede durante i movimenti ma senza tralasciare il fattore di protezione della caviglia, da sempre un criterio chiave nella scelta della scarpa per il tennista di circolo. Qualche accenno sulle tecnologie utilizzate. La suola utilizza la Mizuno Wave, un accorgimento che garantisce una migliore ripartizione dell’onda dello shock al momento dell’impatto con il suolo, questo per trovare un equilibrio molto efficace fra l’ammortizzazione dell’urto e la stabilità. Sempre nella suola troviamo l’utilizzo di AP+, un elastomero rimbalzante, e la PoWnCe, una tecnologie posta nella suola intermedia atta proprio a migliorare l’ammortizzazione degli impatti favorendo la restituzione di energia. Le tecnologie D-Flex Groove e SR-Touch si occupano della torsione interna alla scarpa; la soletta interna amovibile esalta comfort e ammortizzazione (Premium Insock), mentre il battistrada è gommato con la X10, una gomma posizionata nelle zone strategiche della scarpa, quelle soggette a più consumo, che aumenta la resistenza all’abrasione della suola esterna e procura una maggiore trazione al tallone. La scarpa, disponibile in diverse colorazioni, è disponibile con il battistrada per la terra battuta (CC, clay court) e per tutte le superfici (AC, all court).

Test sul campo
La prima impressione è quella di avere una scarpa che avvolge molto bene il piede. Stringe attorno alla caviglia, e ci vuole un po’ affinché la pressione si allenti. Questa sensazione è dovuta alla tomaia, realizzata con un morbido tessuto confortevole e traspirante a doppio strato, che avvolge la caviglia fornendo un supporto e una stabilità che si percepiscono praticamente da subito. Come nella tradizione delle Mizuno, la calzata è stretta: chi ha il piede largo potrebbe impiegare un po’ ad adattarsi. I due livelli di ammortizzazione inseriti nella suola e nella suola intermedia offrono un ottimo livello di comfort e stabilità negli impatti col suolo. Buona la torsione nei cambi di direzione, quando la scarpa risponde prontamente. Man mano che si macinano ore di gioco con queste Mizuno ai piedi, cresce la sensazione di avere una scarpa che protegge molto bene il piede negli spostamenti repentini, nelle frenate improvvise, il tutto senza penalizzare la libertà di movimento interna per quanto riguarda le torsioni. Anche il grip della scarpa sulla superficie (terra battuta) è ottimo. I materiali esterni promettono dura resistenza alle abrasioni delle classiche frenate dei giocatori, da questo punto di vista Mizuno è una garanzia.

 

Continua a leggere

Area test

A tutta velocità con la Asics Solution Speed FF

Test e recensione sul campo della scarpa Asics Solution Speed FF, la soluzione migliore per la velocità, garantisce David Goffin

Pubblicato

il

Costruire una scarpa che coniughi stabilità, comfort e leggerezza. Asics ha provato a fare questo con la nuova Solution Speed FF, un prodotto che vediamo ai piedi di David Goffin (e presentato ai recenti US Open), un giocatore rapido e veloce e che non può permettersi di appesantire troppo le sue scarpe, pena la perdita di velocità. Infatti, questo modello di Asics si rivolge ai giocatori à la Goffin, quei tennisti che il marchio categorizza sotto il nome “Speed” player. Ma il forte tennista belga non può neanche permettersi, da giocatore che predilige le superfici veloci qual è, di avere una scarpa che non tenga conto della sicurezza degli appoggi, e quindi della stabilità del piede. E, non ultimo, il comfort di gioco. Su questa scarpa Asics ha alleggerito l’intersuola in FlyteFoam, aumentandone inoltre la durata; l’utilizzo della tecnologia TWISTRUSS™ agevola la velocità nei cambi di direzione favorendo le torsioni interne mentre la FLEXION FIT, incorporata sulla tomaia anteriore, garantisce una calzata eccezionale e confortevole durante il gioco. Asics non ha tralasciato nulla per questo modello, uno di quelli di punta della linea tennis, che quindi viene presentato con suola All Court (AC) e terra battuta. E poi l’estetica, una caratteristica che Asics non lascia mai al caso: la scarpa viene presentata nelle classiche colorazioni nere e bianche con inserti silver e con l’eccezzionale e stilosa versione azure/white, decisamente la nostra preferita.

 

Test sul campo
Prima ancora di stressare la scarpa con scatti e cambi di direzione repentini, rimaniamo felicemente sorpresi di quanto morbida e comoda sia la calzata di questa Solution FF. La linguetta protegge il collo del piede senza far sentire la pressione mentre l’intersuola FlyteFoam ™ garantisce una ammortizzazione leggera e continua: proviamo a toccarla nella parte esterna della scarpa e il materiale si deforma per poi tornare alla posizione iniziale. Praticamente quello che succederà in campo di lì a poco quando salteremo e scatteremo. La scarpa pesa 345 grammi circa per la taglia 44, un compromesso eccezionale in termini di peso per quanto riguarda il rapporto protezione del piede/facilità di movimento. Il sistema di ammortizzazione GEL, presente nel tallone e nell’avampiede, è oramai una garanzia di comfort e restituzione di energia dopo gli impatti al suolo. Non c’è tempo di adattamento con questa scarpa: risulta comoda fin dall’inizio e man mano che ci si gioca si adatta ancora meglio alla forma del piede quasi senza sentirla indosso. Buona la torsione interna, uno degli aspetti migliori di questo modello considerato che riesce allo stesso tempo a proteggere il piede consentendogli “margine di manovra” all’interno della scarpa. Da non sottovalutare, questo per dire l’attenzione che Asics ha riposto su questo modello, la possibilità di estrarre soletta per sostituirla con una versione ortopedica.

Continua a leggere

Area test

Il test della Yonex VCORE FEEL, per giovani e principianti

Recensione e test della nuova Yonex VCORE FEEL, leggera e maneggevole

Pubblicato

il

Con un peso incordata di circa 270 grammi, la versione FEEL della rinnovata linea VCORE di Yonex si segnala come uno dei modelli più accessibili della casa giapponese. Rispetto alle sorelle maggiori, la versione VCORE 100 e la versione VCORE 98, questo telaio esalta ancora di più la maneggevolezza, vero punto di forza di questa gamma di racchette. Non potrebbe essere altrimenti grazie al peso, ma vedremo che in campo non disdegnerà di farsi amare anche dai tennisti esperti. La forma del telaio è una delle meno isometriche di casa Yonex: il piatto misura 645 centimetri quadrati (100 pollici) in ampiezza.  Su questo modello non mancano le nuove tecnologie della rinnovata gamma: i nuovi grommet, i passacorda migliorati che permettono alle corde verticali di entrare dritte anche nei fori diagonali per una migliore tenuta della tensione e che, nella parte alta della racchetta, sono incavati nel telaio per favorirne l’aerodinamicità; la tecnologia Aero-Fin, che favorisce l’aerodinamicità del telaio grazie a delle scanalature inserite in punti chiave. Rispetto agli altri modelli VCORE, su questa FEEL non è presente la grafite Namd ma la tecnologia Nanomesh Neo, e cioè una struttura in carbonio che aiuta nella flessibilità e nella stabilità del telaio. Lo schema corde è basato sull’oramai classico 16×19, un pattern che aiuta ad ottenere un maggior topspin.

Caratteristiche tecniche
Piatto corde:  100 pollici (645 centimetri quadrati)
Peso: 250 grammi senza corde
Bilanciamento: 34,5 cm
Materiale: Graphite ad alto modulo
Profilo: 24-26-22 mm
Stringing Pattern: 16×19

 

Test in campo
Le prime sensazioni di gioco con questa FEEL sono ovviamente di grande maneggevolezza e velocità nello swing. La bassa rigidità del telaio favorisce la generazione di potenza, questo grazie anche alle innovazioni aerodinamiche di Yonex che rendono questo telaio capace di fendere l’aria riducendo al minimo la resistenza. Gli inserimenti aerodinamici aumentano – dichiara Yonex – la penetrazione dell’aria a parità di movimento di circa il 10% rispetto al modello precedente. I giapponesi hanno studiato un sistema per il quale, ad ogni fase del movimento (apertura-slancio verso la palla-impatto-chiusura), le scalanature aerodinamiche poste in punti chiavi del telaio riducono la resistenza dell’aria. Gli impatti sono confortevoli, sia che si colpisca di piatto che in topspin ma anche nei pressi della rete. Il telaio è comunque ben stabile anche se si colpisce forte, con movimenti decisi e potenti. Si comporta bene al servizio, dove si lascia preferire nelle soluzioni con taglio rispetto ai classici impatti di piatto. Il giocatore con swing ben definiti non si gioverà delle caratteristiche principi di questo telaio, mentre i principianti e chi ha iniziato da poco con il tennis potranno sfruttare a pieno la leggerezza del telaio e la grande capacità di fendere l’aria anche con movimenti non definiti. Infatti, è a questa tipologia di pubblico che Yonex si rivolge con questa racchetta, adatta anche a chi è avanti con l’età e vuole tenere in mano una racchetta super leggera. Ma la FEEL può rappresentare anche un’ottima soluzione per i tennisti junior, per quei giocatori nella terra di mezzo alle prese con la scelta fra modelli prettamente junior e fra questo con dimensioni da adulto ma con pesi e caratteristiche, pensiamo a quei giocatori fra i 10 e i 12, 13 anni.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement