Underdogs: Thiem e Pouille rampolli del jet set monegasco?

Focus

Underdogs: Thiem e Pouille rampolli del jet set monegasco?

Nella mai banale cornice del Country Club di Montecarlo andiamo a scovare i possibili protagonisti a sorpresa. Due nomi: Thiem e Pouille

Pubblicato

il

Il tabellone del primo Masters 1000 dell’anno su terra è un grande contenitore di notizie prima ancora dello start: basti pensare che l’incontrastato monarca di questo avvio di stagione, Sua Maestà Roger, ha deciso di guardare gli altri dal canapè di casa con Mirka e la sfilza di gemelli; che Andy e Nole sono ancora claudicanti e senza chilometri nelle gambe; che a Stan The Man, non trattandosi di Slam, la cosa interessa meno di giardinaggio e bricolage; che Raonic e Monfils hanno la bua ma non è una novità; che Kyrgios invece non ha nulla ma è al fresco di Canberra e di volare fino a Nizza non ci pensa proprio e che l’unico, vero favorito, non può che essere quel Rafa a caccia della decima. Però, c’è un però. E che però. L’urna di Montecarlo infatti, è stata tutt’altro che benevola con il maiorchino, relegato in una parte – quella bassa del tabellone – pullulante d’insidie più vere che presunte. Una, su tutte: Dominic Thiem. Ebbene si, più di Djokovic, potrebbe essere proprio la stella austriaca il problema principe per il campione in carica. Ed è il ventitreenne pupillo di Gunter Bresnik uno dei due underdogs prescelti per la settimana nel ricco Principato di Monaco.

L’altro, nella parte alta e per ragioni diverse da quelle dell’austriaco, è un altro (quasi) rampollo della Next Gen: Lucas Pouille. Il francese, coetaneo decisamente meno titolato del vicino d’Oltralpe – un solo alloro ATP all’attivo contro gli otto dell’altro – è in un buon momento, arriva carico dal successo in Davis sulla Gran Bretagna e darlo sfavorito nel probabile derby in ottavi con Tsonga, alla luce delle ultime magnifiche notizie per quest’ultimo, sembra quantomeno azzardato.

Da un punto di vista tecnico poi, i due giovanotti, offrono ampie garanzie. Thiem, stilisticamente perfetto in tutti i fondamentali, ha dalla sua mezzi fisici impressionanti: il ragazzo tira forte e molto preciso, ricorda tantissimo Wawrinka ma anche il primo Lendl ( soprattutto per il basso profilo, da gran lavoratore ) e ha tutto – testa compresa – per arrivare sul tetto del mondo. Pouille invece, è un pò più indietro: al servizio non è mortifero e quando è attaccato sulla diagonale del rovescio e decide di andare lungolinea, spesso e volentieri, si perde in corridoio. Dalla sua, però, ha una tigna fuori del comune che, quando gioca in casa spinto dal suo pubblico, fa la differenza e neanche poco. Insomma, se riesce a superare lo scoglio Tsonga in ottavi, diventa pericoloso. Anzi, una mina vagante.

 

Jacopo Bartalucci

Continua a leggere
Commenti

Focus

Laver Cup: l’Europa prende il largo, Berrettini vince il suo singolare ma perde in doppio

Casper Ruud vince il punto inaugurale contro Reilly Opelka. Matteo Berrettini rimonta Felix Auger Aliassime. In serata Andrey Rublev batte Diego Schwartzman prima che la coppia Isner/Shapovalov accorci le distanze con la vittoria su Berrettini/Zverev

Pubblicato

il

Matteo Berrettini - Laver Cup 2021 (foto Twitter @LaverCup)

EUROPA – RESTO DEL MONDO 3-1

Grande entusiasmo e spettacolo al TD Garden di Boston per la prima giornata della Laver Cup. Con Roger Federer in prima fila a fare da spettatore, e osannato ogno volta che la telecamera lo inquadra, l’Europa esce subito velocissima dai blocchi e conquista i primi due punti nella sessione pomeridiana.

Roger Federer – Laver Cup 2021 (foto Twitter @LaverCup)

Casper Ruud approfitta della superficie e delle palle lentissime per regolare Reilly Opelka in due set; poi Matteo Berrettini e Felix Auger Aliassime danno vita alla partita più lunga nella storia della Laver Cup, rimanendo in campo 2 ore e 52 minuti. Auger-Aliassime era arrivato a condurre 7-5 nel match tie-break, ma non è riuscito a chiudere la partita, dando via libera a Berrettini e al 2-0 per il Team Europa.

 

Nella sessione serale ritardata di oltre un’ora a causa del protrarsi del match precedente, poco dopo le ore 20 vanno in campo Andrey Rublev e Diego Schwartzman. Anche loro danno vita a una gran battaglia: Schwartzman vince un primo set pieno di break (ben cinque), poi Rublev impatta il punteggio e manda il match al tie-break decisivo. Ancora una volta Team World è avanti 7-5 nel set finale, e ancora una volta non riesce a chiudere: Rublev va a servire per il match sul 9-8 ma commette doppio fallo. Un errore di Schwartzman concede un secondo match point a Rublev, che questa volta chiude dopo uno scambio incredibile con una volée di diritto su un corpo a corpo a rete.

In chiusura di giornata, il Team World è riuscito ad accorciare le distanze con la vittoria al match tie-break in doppio per John Isner e Denis Shapovalov che hanno superato Matteo Berrettini e Alexander Zverev per 4-6 7-6(2) 10-1. Decisivo John Isner nel finale, che ha preso in mano la coppia del Team World e l’ha trascinata alla vittoria a forza di servizi e risposte vincenti.

C. Ruud (EUR) b. R. Opelka (WOR) 6-3 7-6(4)

È iniziata in salita l’avventura del Team World, impegnato nel difficile compito di strappare la Laver Cup al Team Europe che l’ha sempre vinta in tutte le altre edizioni della manifestazione. In quello che poteva apparire come uno degli incontri più possibili per la sqadra in rosso capitanata da John McEnroe, il n. 1 americano Reilly Opelka è stato sconfitto in due set da un altro esordiente nella competizione, il norvegese Casper Ruud, confermando così il risultato dei due precedenti confronti diretti a livello ATP.

La superficie nera posata sulle leggendarie assi incrociate del TD Garden di Boston (per la verità le assi incrociate originali erano quelle del vecchio Boston Garden, demolito nel 1998 e sostituito con questa più moderna arena) si è dimostrata lenta come era stato anticipato dai giocatori nel corso della settimana, ed ha permesso a Ruud di contrastare in maniera efficace il servizio di Opelka e di manovrare sapientemente con la propria battuta, mai ceduta nel corso dell’intero match e in pericolo solamente in due occasioni. Infatti dopo aver ottenuto il break al terzo gioco, Ruud ha dovuto salvarsi da una chance per il 4-4, uscendone in maniera molto brillante con un parziale di 8-2 che ha chiuso il parziale per 6-3.

Nel secondo set, anche se non ci sono stati break e solamente due palle break a testa, la sensazione generale è stata di una maggiore laboriosità dei game di servizio di Opelka, che ha provato con maggiore frequenza a sottrarsi agli scambi cercando la rete, anche sulla seconda, ma che ha trovato difficoltà nel dare sufficiente penetrazione ai suoi colpi, soprattutto le volée, per chiudere i punti. Incitato da McEnroe e Kyrgios durante i cambi di campo, Opelka ha ottenuto le sue uniche due chance nel set al settimo game, caricando con la risposta sulla seconda di Ruud, ma non è riuscito a concretizzare il 15-40 a seguito di un paio di servizi molto carichi del norvegese.

Nel tie-break una risposta di diritto da sinistra effettuata quasi dalla prima fila ha dato a Ruud il minibreak per il 2-1 che lo hanno messo saldamente al comando nel punteggio e gli hanno permesso di controllare il gioco fino al 7-4 finale in 1 ora e 48 minuti.

M. Berrettini b. F. Auger Aliassime 6-7(3) 7-5 10-8

Felix Auger-Aliassime – Laver Cup 2021 (foto Twitter @LaverCup)

Si può pensare ciò che si vuole della Laver Cup, ma lo spettacolo che offre e le emozioni che vengono prodotte dai match possono arrivare davvero a picchi molto alti. Il match tra Matteo Berrettini e Felix Auger-Aliassime ha certamente legittimato il prezzo del biglietto pagato dai 20.000 (forse qualcuno in meno, considerando alcuni posti vuoti) del TD Garden: 2 ore e 52 minuti di grande battaglia, che magari non ha mostrato le prelibatezze nei pressi della rete che fanno sciogliere anche gli appassionati più esigenti (sanguinosa la volée a campo aperto sbagliata da Berrettini nel match tie-break, poi comunque rivelatasi ininfluente), ma che hanno tenuto gli spettatori sugli spalti e in TV incollati al match.

Berrettini ha portato a casa anche il secondo punto a disposizione per il Team Europa grazie alla sua grande capacità di tirare fuori il meglio dal suo tennis nei momenti importanti e quella di saper resistere rimanendo nella partita anche nei frangenti nei quali il suo avversario sembra avere il controllo del gioco. Matteo ha annullato 12 delle 13 palle break avute nel match, perdendo la battuta solamente nel primo set dopo un game di 18 punti nel quale Auger Aliassime aveva giocato maluccio alcuni punti importanti, sbagliando malamente almeno tre risposte sulla seconda di servizio. Berrettini era riuscito a recuperare il break di svantaggio nel primo set impattando sul 5-5, ma nel tie-break successivo Auger Aliassime è riuscito a contrastare efficacemente il servizio dell’italiano, allungando gli scambi e martellandolo sul rovescio fino all’errore.

Matteo Berrettini con Bjorn Borg - Laver Cup 2021 (foto Facebook Laver Cup)

Negli 80 minuti del primo set Berrettini è riuscito a mettere a segno solamente quattro aces, ed è rimasto sotto al 50% nella conversione sulla seconda di servizio. Per buona parte del secondo parziale Auger-Aliassime è sembrato essere in grado di iniziare gli scambi sulla battuta dell’avversario. Dopo aver mancato due chance per breakkare al terzo game, la partita è stata quasi dominata dal giocatore al servizio fino a che non si è arrivati in dirittura d’arrivo del parziale, quando Berrettini ha annullato le due palle break affrontate sul 5-5, mentre è riuscito a convertire l’unica occasione avuta sul 6-5 per mandare il match al super tie-break.

L’episodio forse più curioso, e potenzialmente rilevante, del tie-break decisivo è stato l’insolito stop richiesto da Auger-Aliassime sul 7-5 in suo favore, dopo che Berrettini aveva mancato una incredibile volée di rovescio a campo spalancato: a causa della rottura di una scarpa, il canadese si è cambiato solamente una calzatura, invece di sostituire il paio. Da quel momento Berrettini ha girato il match vincendo cinque punti su sei, chiudendo il match con uno straordinario passante di rovescio incrociato che ha provocato anche i complimenti di John McEnroe. “Non l’ho mai visto passare di rovescio come oggi”, ha detto ‘Mac’ dopo la partita, facendo i complimenti a tutti e due i giocatori per il livello di gioco espresso. Auger-Aliassime ha valutato la prestazione di Berrettini superiore a quelle prodotte contro di lui a Wimbledon e a Cincinnati, aggiungendo che probabilmente il servizio di Berrettini ha fatto la differenza nei momenti importanti.

Naturalmente molto soddisfatto Matteo Berrettini per la sudatissima vittoria: “Una battaglia durissima contro un grande amico. Splendida atmosfera, mi sono gustato ogni minuto là fuori, e questa è stata la maniera migliore per iniziare la competizione con Bjorn al mio fianco. Essere convocato in Laver Cup era uno dei miei obiettivi di quest’anno, sono felicissimo di essere qui, è molto bello poter giocare non solo per se stessi ma anche per la squadra”.

Continua a leggere

ATP

ATP Nur-Sultan: Ivashka e Bublik raggiungono le semifinali

Il bielorusso rimonta Ruusuvuori, mentre il tennista di casa regola Taberner. Sabato affronteranno rispettivamente Duckworth e Kwon

Pubblicato

il

Alexander Bublik - Miami 2021 (via Twitter, @AustralianOpen)

Si allinea alle semifinali l’ATP 250 di Nur-Sultan. I quarti del venerdì non hanno riservato grosse sorprese, nonostante le due vittorie messe a segno dagli sfavoriti in termini ranking.

L’incontro di apertura del programma kazako ha aggiunto un’ulteriore conferma all’ottima stagione di Ilya Ivashka, in saldo ATP positivo su tutte le superfici con l’atteso picco sul duro. Il ventisettenne di Minsk ha superato in rimonta Emil Ruusuvuori, il quale si deve accontentare di avergli strappato un set dopo le due nette sconfitte subite quest’anno. Dopo i primi due parziali equilibrati, Ivashka ha preso il sopravvento nel terzo una volta consolidato il break nel lunghissimo secondo game; caratterizzato da bei punti ed errori evidenti, le diverse occasioni avute da entrambi non potevano non ripercuotersi su Ruusuvuori che è lentamente scivolato fuori dal match, facendo anche registrare cinque doppi falli nel parziale decisivo. Questa settimana al nuovo best ranking (n. 52 ATP), Ivashka è già sicuro di entrare in top 50 da lunedì. Nel frattempo, sulla corsa al suo secondo titolo in carriera dopo quello di un mese fa a Winston-Salem, il penultimo ostacolo sarà James Duckworth, uscito vincitore in due set dal derby con John Millman, quinta testa di serie ma undici posizioni più indietro nella Race rispetto al giustiziere di Sinner a Toronto.

Per quanto riguarda la parte bassa del tabellone, il secondo favorito del seeding Alexander Bublik regola con un break per set lo spagnolo Carlos Taberner, coetaneo del kazako ma di certo più avvezzo alla terra battuta dei Challenger che al duro indoor del circuito maggiore. Una sola palla break concessa e annullata per Bublik che regala anche qualche bello scambio dei suoi, forte del vantaggio conquistato nel quarto gioco con due rovescioni lungolinea. Nel secondo parziale, il break sul 3 pari è propiziato da due buoni punti di Bublik, ma le colpe di Carlos sono evidenti sulla palla break con uno smash non chiuso seguito da un altro completamente fuori bersaglio. Due match point consecutivi se ne vanno con un doppio fallo e un Taberner bravo a prendere in mano il gioco fin dalla risposta, ma poi Bublik pianta l’ace numero 16 e, dopo un sorriso a rassicurare tutti ma soprattutto sé stesso, anche il numero 17 che sigilla il risultato.

 

Per lui, semifinale contro il coreano Soonwoo Kwon che in tre set si è liberato di Laslo Djere, bravo fin qui ad approfittare di un buon tabellone (Galan e un Musetti ancora in periodo negativo) per raggiungere il suo primo quarto finale fuori della terra battuta dopo ben diciotto sulla superficie preferita. Il bagel nella terza partita ha comunque sancito la maggior attitudine di Kwon per il “veloce” (le virgolette perché non pare rapidissimo, tutt’altro). Il n. 82 da Seul, anch’egli classe 1997, cercherà così la rivincita del match a livello Challenger del 2017 proprio a Nur-Sultan, che all’epoca si chiamava ancora Astana.

Risultati:

[8] I. Ivashka b. Emil Ruusuvuori 4-6 6-4 6-1
J. Duckworth b. [5] J. Millman 6-4 6-4
S. Kwon b. [7] L. Djere 7-6(4) 2-6 6-0
[2] A. Bublik b. C. Taberner 6-3 6-4

Il tabellone completo

Continua a leggere

ATP

ATP Metz: Murray gioca alla pari con Hurkacz, ma esce sconfitto in due set

Come a Cincinnati, il polacco rifila un 7-6 6-3 all’ex numero 1 mondiale. Quarta ‘semi’ del 2021 per lui. Sfiderà Gojowczyk

Pubblicato

il

Hubert Hurkacz - Miami 2021 (via Twitter, @atptour)

Hubert Hurkacz mantiene viva la speranza di qualificarsi alle Nitto ATP Finals di Torino. All’ATP 250 di Metz il campione del Masters 1000 di Miami ha raggiunto la semifinale, la quarta della sua stagione, consolidando la sua nona posizione nella classifica ‘Race’ (data per certa l’assenza di Nadal, al momento settimo, ‘Hubi’ sarebbe qualificato). Nei quarti affrontava Andy Murray, già affrontato e battuto nel secondo round di Cincinnati: il match si è concluso con lo stesso identico punteggio, 7-6(4) 6-3.

Lo scozzese ha più volte esternato il suo disappunto, soprattutto nel finale di match, ma ha dimostrato di saper tener testa a uno dei migliori giocatori del circuito al momento. Questo ovviamente non sarebbe sufficiente per un campione Slam ed ex numero 1 ATP; lo è però per l’Andy Murray del 2021, anche se non è bastata una prova discreta contro il numero 1 del tabellone Hurkacz.

L’incontro avrebbe preso una piega totalmente diversa se lo scozzese avesse portato a casa un primo set in cui ha raccolto ben più del suo avversario in risposta. Murray ha mancato tre palle break nell’ottavo game (in due occasioni il polacco ha servito la prima in campo) ed è arrivato a due punti dal 6-4 nel turno di risposta successivo. Il tie-break non è partito bene per Andy e un colpo di coda finale non è bastato a ricucire lo strappo di 5 punti.

 

Lo stesso si può dire del secondo parziale. Murray, molto costante al servizio nel primo parziale, è andato più in difficoltà alla battuta, al contrario di Hurkacz, che si è involato sul 4-1. Il pubblico non ha risparmiato applausi per il tentativo di Murray di stare attaccato al match, sia nel sesto game (quando ha evitato un secondo break) che sul 5-3 e servizio Hurkacz. Lo scozzese ha salvato due match point (uno con un rovescio vincente) e si è guadagnato una palla break. Il 13esimo ace di Hurkacz ha però spento la fiamma di Murray e il match si è concluso dopo 1 ora e 50.

Nonostante abbiano giocato tre set, Marcos Giron e Peter Gojowczyk hanno impiegato mezz’ora in meno a concludere il loro match. Il giocatore tedesco (in gioco dal torneo di qualificazione) ha vinto in rimonta 3-6 6-1 6-3 e contro Hurkacz giocherà la seconda semifinale dell’anno. L’altra l’ha raggiunta sempre in Francia, al ‘250’ di Montpellier. Uno dei due protagonisti della semifinale della parte bassa del tabellone sarà invece Gael Monfils, in ripresa nelle ultime uscite, che non ha mai realmente sofferto contro Basilashvili (sconfitto con un doppio 6-3). Il francese si giocherà un posto in finale con il vincente dell’ultima sfida di giornata, quella tra il danese Holger Rune e il secondo favorito Pablo Carreno Busta.

Il tabellone completo

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement