Roger Federer dice "Pasta"! 40 milioni di dollari da Barilla?

Flash

Roger Federer dice “Pasta”! 40 milioni di dollari da Barilla?

Il tennista svizzero intraprende una collaborazione con il marchio Barilla. Contratto pluriennale che frutterebbe 40 milioni di dollari. Dal video promozionale sembra che a Djokovic debbano fischiare le orecchie…

Pubblicato

il

Esce inaspettata la notizia di una nuova partnership tra un’azienda italiana e Roger Federer. Il 18 volte campione Slam, nonostante non scenda in campo dal torneo di Miami (decidendo tra l’altro di saltare anche il torneo italiano), può ancora contare sulla sua fama mondiale per conquistare altre sponsorizzazioni. Il tennista svizzero sarà uomo rappresentante della Barilla. Queste le parole di Federer rilasciate attraverso i social network: “È sempre stata lì per me ma non l’ho mai detto. Ora è tempo di rivelarvi il mio integratore segreto sin dall’inizio: PASTA! Grazie Barilla!”

Il vicepresidente dell’azienda Luca Barilla ha dichiarato: “Per tanti anni ho nutrito il sogno che Roger potesse unirsi a Barilla nell’affascinante missione di aiutare la gente a mangiare meglio, per la propria salute e la sostenibilità del Pianeta. Ora questo sogno è diventato realtà. Roger è una persona e un atleta straordinario che nel corso della sua lunga carriera ha dimostrato principi e comportamenti che gli hanno permesso di conquistare i cuori di milioni di persone nel mondo”.

ll contratto con la più grande azienda produttrice di pasta nel mondo sarà di diversi anni, per una cifra complessiva che si avvicinerebbe ai 40 milioni di dollari. Raggiunge così quota 11 sponsor, una quantità importante che gli frutta da sola ben 50 milioni di dollari l’anno.

 

Inoltre il tennista svizzero ha aggiunto“La pasta e i sughi mi hanno sempre dato l’energia necessaria per avere successo sul campo da tennis e per godere del tempo passato in famiglia. La pasta è nella mia dieta da così tanti anni che una collaborazione era naturale.” Va anche ricordato infine che Federer non è l’unico tennista ad aver pubblicizzato il marchio Barilla, prima di lui c’erano stati Steffi Graf e Stefan Edberg.

https://twitter.com/Barilla/status/860485827654242304

P.S. Il contenuto del messaggio promozionale diffuso da Barilla sembra nascondere anche un velato e simpatico riferimento a Djokovic, che invece ha costruito i suoi successi proprio sulla rinuncia agli alimenti contenenti glutine tra cui, ovviamente, domina la pasta. E la tempistica, nel momento forse peggiore della carriera di Nole da quando è esploso nel 2011, sembra anche molto poco casuale. Non che sia stato fatto di proposito, s’intende, ma qualcuno ci ha già scherzato su…

Continua a leggere
Commenti

Flash

Federer continua ad allenarsi a Dubai con Dominic Stricker

Il giovane connazionale, compagno di allenamento di Roger per tre settimane, ha pubblicato uno scatto su Instagram assieme al campione di Basilea

Pubblicato

il

Dominic Stricker e Roger Federer (foto via Instagram @domistricker)

Lontano dalle problematiche che affliggono organizzatori e giocatori in Australia, Roger Federer prosegue il suo percorso di riavvicinamento al Tour ATP. Lo svizzero si sta allenando sui campi di Dubai, come sempre fa durante il periodo di pre-season. Una nuova foto di Roger è spuntata giovedì 15 gennaio sui social, pubblicata dal suo compagno di allenamento (nelle ultime tre settimane). Si tratta del giovane svizzero Dominic Stricker, che (a 18 anni) milita nel circuito juniores.

“Tre grandi settimane” ha commentato Sticker su Instagram. “Mi sono goduto ogni singolo minuto a Dubai. Che gran modo di iniziare la stagione! Grazie a Roger Federer e al suo team per questi allenamenti”. Il venti volte campione Slam ha deciso di saltare tutta la lunghissima trasferta australiana, sia per non stare così tanto tempo lontano dalla famiglia, sia per non affrettare troppo il rientro in campo dopo l’infortunio al ginocchio. È possibile che lo rivedremo in campo a Dubai o a Rotterdam nelle settimane successive all’Australian Open. Gli obiettivi principali, ha dichiarato, sono però Wimbledon, le Olimpiadi e lo US Open.

 

Continua a leggere

Flash

L’annuncio di un doppista: “Il 10 per cento di quello che guadagno in beneficenza”

Questa la promessa del neozelandese Marcus Daniell, n.45 della classifica mondiale. “Non ho bisogno di macchine o orologi costosi. Voglio migliorare la vita delle persone”

Pubblicato

il

Marcus Daniell (sulla sinistra) e Dominic Inglot (via Twitter, @the_LTA)

Abbiamo visto negli anni tante lodevoli iniziative di beneficenza da parte dei tennisti. Ma quella di Marcus Daniell forse le batte tutte. Un po’ perché, dalla sua posizione n.45 della classifica di doppio, il neozelandese non è certo un paperone del tennis. Un po’ per la promessa lanciata dal 31enne Daniell: donare il 10 per cento del proprio prize money annuale per il resto della propria carriera. 

“Mi fa molto piacere sapere che ogni successo che ho nel mio lavoro sarà utile per salvare e migliorare le vite”, ha dichiarato al sito della ATP il tennista Kiwi, che nella scorsa stagione ha vinto il titolo di doppio al Sardinia Open insieme all’austriaco Philipp Oswald. “Non ho bisogno di macchine lussuose o orologi costosi per essere felice. Donare il 10 per cento dei miei guadagni non diminuirà la mia felicità. Ma farà quella di migliaia di persone che miglioreranno le loro condizioni di vita”. 

Inoltre, Daniell si è assicurato che le sue donazioni non vadano sprecate. Infatti lo scorso novembre ha lanciato “High Impact Athletes”, un’organizzazione che si pone lo scopo di far arrivare le donazioni degli atleti alle associazioni di beneficenza che riescono ad avere un impatto maggiore, soprattutto nei campi della lotta alla povertà e della tutela dell’ambiente. La lista delle associazioni ritenute più meritevoli da Daniell include anche la “Against Malaria Foundation”, un ente che cerca di combattere la diffusione della Malaria in Africa.

 

L’anno scorso, il doppista neozelandese ha guadagnato poco più di 74mila dollari di montepremi sul tour. Per quanto il suo gesto sia davvero apprezzabile, difficilmente può fare realmente la differenza. Daniell ne è ben consapevole e per questo ha coinvolto nella sua iniziativa “High Impact Athletes”, due tennisti ben più importanti e ricchi di lui, Stefanos Tsitsipas e Jan-Lennard Struff, che nel 2020 si sono intascati rispettivamente 2 milioni e 700mila dollari in montepremi. L’obiettivo è raccogliere almeno un milione di euro in donazioni tra i tennisti da destinare alle associazioni individuate da Daniell, un tennista che definire generoso è dire poco. 

Continua a leggere

Flash

Fokina positivo al Covid, Australian Open a forte rischio

Il giovane tennista spagnolo e il suo allenatore sono risultati positivi. Molto probabilmente dovrà saltare il primo Slam stagionale

Pubblicato

il

Alejandro Davidovich Fokina - Bercy 2020 (via Twitter, @RolexPMasters)

Alejandro Davidovich Fokina si aggiunge alla lunga lista di giocatori ad essere contagiati al Covid in questi giorni. Prossimi ormai alla partenza per l’Australia, lui e il suo allenatore, Jorge Aguirre, sono risultati positivi al test. Il 21enne tennista spagnolo ha richiesto dei nuovi test per tentare di atterrare a Melbourne in tempo e giocare gli Australian Open. Quella di Fokina è però una corsa contro il tempo visto che gli organizzatori del torneo hanno richiesto ai giocatori di arrivare entro la fine di questa settimana per iniziare la quarantena in hotel. Per non rischiare di dover rimanere lontano dalle competizioni fino a fine febbraio, il n.53 del ranking ATP si è iscritto al Challenger di Quimper, in Francia, che si svolgerà dal 1 al 7 febbraio.

In una situazione simile si trova Andy Murray. Il due volte campione di Wimbledon è risultato positivo al Covid e non si hanno ancora notizie di un suo approdo in Australia. Per la stessa ragione, nel torneo femminile, sono praticamente ufficiali le rinunce al primo Slam stagionale di Madison Keys e Amanda Anisimova, rispettivamente n.16 e n.30 della classifica mondiale. C’è poi lo strano caso di Tennys Sandgren, il quale, nonostante sia risultato positivo all’ultimo tampone effettuato, ha comunque ricevuto il permesso per poter raggiungere Melbourne dagli organizzatori e dalle autorità australiane.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement