WTA Birmingham: Giorgi convince, battuta Svitolina. Fuori Konta

Italiani

WTA Birmingham: Giorgi convince, battuta Svitolina. Fuori Konta

Camila supera la numero 2 della Race in un incontro lottato. Ottava vittoria contro top 10. Ai quarti avrà l’australiana Barty. La britannica dominata da Coco Vandeveghe, bene Mladenovic e Muguruza

Pubblicato

il

L’erba di Birmingham sorride a Camila Giorgi, che, al termine di una prestazione finalmente convincente, elimina in tre set la n.2 del seeding Elina Svitolina ed accede ai quarti di finale, dove troverà l’australiana Barty. Un match straordinario, in cui a tratti la tennista di Odessa è sembrata del tutto frastornata, in quanto non riusciva a controllare le accelerazioni dell’azzurra. Certo qualche passaggio a vuoto c’è stato, ma l’italiana ha dimostrato di poter ritornare in pista e di dare una svolta ad un anno complicato.

Camila Giorgi, via Twitter (@BritishTennis)

Il match si apre con un break e controbreak, entrambe faticano a controllare la misura dei colpi. Giorgi è molto aggressiva, cerca di stare sempre molto vicina alla linea di fondo, mentre Svitolina si limita a rimettere la palla dall’altro lato del campo. Dai primi minuti è evidente un dato, con il diritto Camila è in difficoltà mentre con il rovescio comanda le operazioni e trova spesso il vincente. Un altro errore in lunghezza porta di nuovo avanti Elina, che in difesa ha certamente una marcia in più. La n.5 del mondo è una tennista in fiducia, del resto i risultati ottenuti nel 2017 (4 titoli, in cui spiccano  i Premier 5 di Dubai  e Roma) lo dimostrano. Discorso diverso per Giorgi che quest’anno, oltre ad essere scivolata in classifica mondiale, sembra avviluppata in una crisi tecnica senza una chiara via di uscita. Anche l’ucraina concede in battuta, infatti si trova subito sotto 15-40 ed arriva il 3-3 immediato. Il gioco è frammentato, molti “unforced” e qualche vincente ma è soprattutto Giorgi a muovere meglio la palla anche se cerca poco la via della rete. Elina ha una costruzione del punto più equilibrata ma contro una tennista aggressiva come l’azzurra è difficile trovare il ritmo, perché la marchigiana chiude lo scambio non appena ha la possibilità di affondare il colpo. Fallite due opportunità di break, Svitolina si incarta e perde il primo parziale con il punteggio di 6-4. Un epilogo abbastanza imprevedibile, considerando il fatto che è sempre stata avanti nel punteggio.

C’è da dire che Giorgi ha avuto il merito di non perdere la calma e di continuare ad impostare il gioco sulle sue caratteristiche, ovvero verticalizzazioni e continue accelerazioni. Elina non si sconvolge e ottiene il break in apertura di secondo set e in pochi minuti si porta sul 4-0. Giorgi appare spenta e non riesce ad abbattere il muro di gomma costruito dall’ucraina, per la n.102 del mondo è un momento di difficoltà evidente, i “gratuiti” si accumulano copiosi ed i vincenti diventano sporadici. Sul 5-2 Svitolina manca la prima chance di vincere il parziale, sul 15-40 viene infilata da un passante di rovescio straordinario dell’italiana. Camila prova a rimettere in discussione il set, ma sono molti i rimpianti per le occasioni sprecate sull’1-0 e sul 3-0 (cinque in totale), che forse avrebbero potuto mettere pressione alla sua avversaria, che quando è tesa tende a “regalare” qualche punto. Un errore di diritto a campo aperto della Giorgi (bastava indirizzare la palla senza cercare inutilmente la prima) permette alla sua avversaria di salvarsi dal 5-5 e di vincere poi il secondo atto con il punteggio di 6-4.

 

Come ormai è tradizione la 25enne di Macerata subisce il break in apertura, rincorrere non è sempre un bel segnale, perché Svitolina ha dimostrato che quando gioca con il punteggio a favore è più sciolta e convinta. Camila non si arrende, anzi ribalta immediatamente il parziale e si porta sul 2-1, una reazione emotiva importante. Questo atteggiamento può darle fiducia e farle capire che non è lontana dalle migliori del circuito, ma necessita di una conduzione tattica più accorta e meno adrenalinica. Da qualche minuti è l’italiana a tenere il match in pugno, infatti Svitolina si limita alla difesa, mentre Giorgi dal centro del campo tira dei fendenti angolati e definitivi. Ecco il 3-1, con il rovescio Camila è padrona del gioco mentre l’attendismo dell’ucraina non ha più alcun effetto. L’erba è una superficie che premia chi attacca, chi prende rischi e chi cerca il vincente, tutte cose che Giorgi è in grado di fare. Svitolina prova a cambiare qualcosa, ma è investita dalla velocità di palla della sua avversaria, che alla minima occasione si piazza al centro del campo e spazzola le righe. Ormai Camila è on fire, l’ucraina è in affanno permanente, infatti crolla al primo match point e saluta Birmingham. Per Giorgi arriva adesso il test Barty che non va assolutamente sottovalutata, in quanto l’unico precedente, sulla terra di Strasburgo, è stato vinto nettamente dall’australiana poche settimane fa.

Le vittorie di Camila Giorgi contro Top 10:

Pechino 2012 – Sara Errani (n. 7)
US Open 2013 – Caroline Wozniacki (n. 8)
Indian Wells 2014 – Maria Sharapova (n. 5)
Roma 2014 – Dominika Cibulkova (n. 10)
Eastbourne 2014 – Victoria Azarenka (n. 8)
Katowice 2015 – Agnieszka Radwanska (n. 9)
Praga 2017 – Karolina Pliskova (n.3)

Nelle altre partite di giornata la spagnola Muguruza trova finalmente continuità ed elimina in due rapidi set la statunitense Riske.  Per la finalista di Wimbledon del 2015 una boccata di positività dopo un periodo costellato di sconfitte, infortuni e prestazioni mediocri. Vince anche la francese Mladenovic, che al netto di un piccolo passaggio a vuoto nel secondo parziale, batte la cinese Zhang. Per Kiki è l’ennesima prova che è pronta al definitivo salto di qualità ed ai Championship potrebbe essere una mina vagante. Al prossimo turno c’è Kvitova, che rappresenta un test importante dal punti di vista tattico, in quanto la ceca su erba difficilmente soffrirà i cambi di direzione della francese. La n.4 del seeding Konta cade sotto i colpi di Vandeweghe, che sui prati vanta due titoli a s’Hertogenbosch ed i quarti a Wimbledon del 2015.  Il primo set è dominato da Coco, che da poche settimane si fa coadiuvare, come consulente, da Pat Cash che vinse Wimbledon esattamente trenta anni fa. Konta è andata immediatamente in difficoltà, sopratutto perché Vandeweghe ha un gioco violento e molto adatto alla superficie. Nel secondo parziale c’è un po’ di equilibrio, poi una palla corta mal riuscita della britannica ed un nastro regalano il break all’americana. Coco si assesta e chiude sul definitivo 6-3.

Risultati:

[Q] C. Giorgi b. [2] E. Svitolina 6-4 4-6 6-2
[6] G. Muruguza b. A. Riske 6-1 6-4
[5] K. Mladenovic b. S. Zhang 6-4 7-6(3)
C. Vandeweghe b. [4] J. Konta 6-1 6-3

Continua a leggere
Commenti

Australian Open

[ESCLUSIVA] Santopadre: “Berrettini tiene l’Italia sveglia di notte. Ma stavolta ha qualche rimpianto” [AUDIO]

Il coach del numero uno italiano ai microfoni di Ubaldo Scanagatta: “Matteo ha avuto qualche chances per fare meglio”

Pubblicato

il

Matteo Berrettini esce dall’Australian Open a testa alta, con in tasca la terza semifinale Slam ma anche qualche rimpianto dopo la sconfitta in quattro set contro Nadal in semifinale. Lo sottolinea Vincenzo Santopadre, coach del numero uno d’Italia, contattato telefonicamente dal direttore Ubaldo Scanagatta. “Contro Nadal la coperta è sempre corta – ha esordito Santopadre -. Sicuramente Matteo non ha iniziato nel miglior modo possibile ma Nadal è stato davvero impeccabile. Poi Matteo ha trovato il modo di alzare il livello e, quando ha ingranato la marcia, l’inerzia del match è cambiata. La partita è diventata equilibrata, anzi, Matteo aveva qualcosa in più. Nel terzo set è salito tanto, ha avuto delle occasioni ma Nadal ha neutralizzato sapientemente le sue occasioni. Infine c’è stato un game non bellissimo di Matteo sul 4-3. Però la cosa da portarsi dietro di questo match è stata la reazione del match e il livello espresso nell’arco di tutta la partita che comunque è stato buono”.

Scanagatta: “Lo hai visto arrabbiato dopo il match, o l’ha presa con filosofia?”

Santopadre: “Matteo ha un grandissimo pregio. Non è mai contento quando perde (qui la sua conferenza stampa post partita, ndr). Poi ha anche l’equilibrio per capire che Nadal ha giocato molto bene e che lui ha avuto un’ottima reazione”.

 

Scanagatta: “Nei primi due set ha servito al massimo il 62% di prime, contro Carreno Busta aveva fatto molto meglio… E poi sulla seconda di servizio Nadal faceva più di 8 punti su 10 nel primo set. La chiave è stata quella, perché concedere due set a Nadal poi rende complicato tutto…”

Santopadre: “Le statistiche aiutano parecchio a capire come è andato un match. Matteo, per fortuna, anche quando non ha delle percentuali altissime poi ha un ottimo colpo dietro al servizio. Però in generale c’è qualche rimpianto; ci sarebbe piaciuto vedere un quinto set, non solo a me ma credo a tutta l’Italia. Penso tuttavia che Matteo sia sempre più vicino a questi giocatori. D’altronde, se sei il numero 6 del mondo tanto lontano non puoi essere”.

Scanagatta: “Peccato per l’errore di diritto con cui ha concesso il break nel quarto set. Forse ha pagato la stanchezza perché era reduce da uno scambio difficile. Però c’è da essere ottimisti sul futuro…”

Santopadre: “Matteo continua a crescere parecchio e velocemente da anni. Di certo bisogna tenere i piedi per terra, ma sta facendo delle cose grandiose. Tutti noi dobbiamo ringraziarlo perché ci sta facendo emozionare, sta tenendo l’Italia sveglia di notte”.

Scanagatta: “Ho chiuso il mio lancio su Instagram dicendo che bisogna dire a Matteo: bravo e grazie. Una curiosità. All’inizio ha chiamato il fisioterapista, ma che problema aveva?”

Santopadre: “Non glielo ho nemmeno chiesto, credo non fosse niente di grave. Non so dire di preciso cosa fosse”.

Scanagatta: “Il programma ora?”

Santopadre: “Ci sarà la trasferta in Sudamerica tra Rio e Acapulco. Poi la Coppa Davis, in seguito Indian Wells e Miami. Il calendario è fitto perché per fortuna siamo andati avanti qui. Prima del Sudamerica, faremo tappa a Montecarlo”.

Continua a leggere

Australian Open

Australian Open, Berrettini: “Fuori fase nei primi due set contro Nadal: chiedo di più a me stesso”

Il numero uno d’Italia in conferenza stampa dopo l’eliminazione dall’Australian Open: “Ma non posso dire di essere deluso, se penso che ero reduce da un infortunio”

Pubblicato

il

Matteo Berrettini - Australian Open 2022 (Twitter - @AustralianOpen)
Matteo Berrettini - Australian Open 2022 (Twitter - @AustralianOpen)

A differenza di quanto accadde nel 2019 allo US Open, Matteo Berrettini è riuscito a vincere un set contro Rafael Nadal. L’esito del match, però, è rimasto lo stesso: in finale dell’Australian Open ci va il maiorchino, che può mettere nel mirino il suo 21° Slam. E la partita lascia qualche rimpianto un Berrettini che sa di aver fatto una buona cavalcata ma anche di avere dei margini di miglioramento su cui lavorare. Ecco le dichiarazioni del numero uno d’Italia in conferenza stampa: “All’inizio ero un pochettino sfasato. Ci sta, perché non capita tutti i giorni di entrare in campo contro Nadal in una semifinale Slam, ma la prossima volta vorrei fare meglio. Lui ha iniziato benissimo, variando il gioco, cambiando gli attacchi. Ha giocato una partita di grandissimo livello. Io sono rompipalle con me stesso, sento e credo che posso fare di più. La prossima volta non è detto che vinca, ma spero possa essere ancora migliore”.

Gaia Piccardi – Corriere della Sera: “Nella semifinale del 2019 eri partito meglio dai blocchi, ma anche nelle sfide contro Djokovic. Come ti spieghi il fatto di aver regalato i primi due set, cosa che poi diventa difficilmente rimediabile contro Nadal?

Berrettini: “Non credo sia giusto dire che ho regalato i primi due set, anche nei confronti di Rafa. Lui ha giocato a una grandissima intensità tecnica e fisica. Posso sicuramente fare meglio, ma è complesso. Posso dire che ho fatto fatica a entrare nel match, ma lui ha giocato sempre bene. Non mi ricordo un suo errore gratuito nei primi due set, questo perché lui è un grandissimo campione. Spero che se capiti un’altra semifinale contro Nadal io possa essere fin da subito più adrenalinico”.

 

Gaia Piccardi – “Un supercoach che ti possa dare ulteriori motivazioni è uno scenario concreto?”

Berrettini: “Non ne abbiamo parlato, non è una cosa che è alle porte, ma non è un’ipotesi che disdegno. Magari tra sei mesi o un anno le cose cambieranno. Ma in questo momento non ne stiamo parlando”.

Barbara Grassi – Sky Sport: “Considerato come stavi un mese e mezzo fa e considerato come sei arrivato in Australia, quali sono le sensazioni che provi adesso?”

Berrettini: “Hai detto una bella cosa. Oggi non ci avevo pensato, a volte sono troppo tosto con me stesso. Non posso dire di essere deluso, ma questo è uno sport maledetto: devi sempre chiederti di più altrimenti queste partite non le vinci. Guardate Rafa: è stato fermo sei mesi, ora è tornato qui e si chiede di vincere il torneo. Io sono contento del fatto che sono tornato rapidamente; durante il torneo ci sono stati dei piccoli infortuni che ho imparato a gestire. Però quello che dici è giusto, non era scontato avere questo inizio di stagione, viste le premesse”.

Ubaldo Scanagatta – Ubitennis: “Prima di tutto grazie per le emozioni. Nel quarto set, ci sono state alcune chances sul 15-30 all’inizio, in quel momento lui non giocava così bene come all’inizio e tu stavi meglio, la partita forse si poteva recuperare davvero. Ci sono dei rimpianti per quella parte di match?”

Berrettini: “Sai come funziona il tennis, hai ragione. Nel primo game del quarto, 15-30, ho sbagliato due diritti. In una di queste due occasioni, stavo andando a rete e poi sono tornato indietro perché avevo colpito male, Nell’altra, ho tirato a tutto braccio ma la pallina è finita in rete. Sono chances che contro Rafa non puoi non cogliere. Però è più facile da digerire il fatto di perdere un set in cui hai le tue occasioni e giochi alla pari. Giocare due set in cui sento che ci sono e non ci sono, a Rafa non li puoi concedere, anche se lui ha giocato sempre bene. Poi certo, in quei due punti del quarto set potevo fare meglio. Ma con i se e con i ma non si va da nessuna parte”.


TABELLONE MASCHILE

TABELLONE FEMMINILE


Continua a leggere

Australian Open

Australian Open, Berrettini domato al 4° da Nadal: Rafa mette il 21° slam nel mirino [VIDEO]

Il maiorchino domina Matteo nei primi due parziali, poi la reazione dell’italiano. Rafa, però piazza la zampata quando gli serve: sarà la sua sesta finale a Melbourne

Pubblicato

il

[6] R. Nadal b. [7] M. Berrettini 6-3 6-2 3-6 6-3

S’era detto, scritto, sussurrato: Rafa è stanco, ha problemi fisici, il match di quarti con Shapovalov, ripreso per i capelli dopo quattro ore di lotta, l’ha lasciato cotto, bollito. Se Matteo mette almeno il 75% di prime, se martella con il dritto, si può fare. Se, se, se, ma le ipotesi evaporano abbastanza in fretta quando la realtà piomba nella sua nuda freddezza al fischio di avvio di una semifinale Slam, soprattutto quando la semifinale Slam la giocano certi habitué. Dire che anche il contesto climatico-ambientale s’era messo bene: Giove Pluvio pareva aver inteso infondere ulteriore coraggio al Nostro, scaricando su Melbourne la pioggia fitta di una giornata cupa, che ha forzato gli organizzatori a serrare il tetto sulla Rod Laver Arena. “Le condizioni indoor aiutano i grandi colpitori“, lo aveva detto anche Nadal, e Matteo Berrettini della categoria moderni colpitori è uno dei rappresentanti più illustri. Tuttavia un colpitore, anche il migliore, può poco, se non gli è dato modo di colpire la palla per più di un’ora e mezza.

La semifinale, a suo modo storica, dell’Open d’Australia 2022 è stata a lungo un pianto per il nostro numero uno, e ha rischiato di rimanere impressa nei libri di storia alla voce mattanza. Non che le colpe di Matteo fossero esorbitanti, questo va detto. Più corretto, piuttosto, parlare di deficit strutturali, i più temuti: il leggendario dritto di Rafa Nadal è andato come prevedibile a incocciare continuamente sul malcerto rovescio di Matteo, e ciò ha prodotto l’esiziale disequilibrio utile a condizionare l’intera contesa almeno per i primi due set. Nello scambio, il sempre sagace maiorchino cambiava sul dritto una volta ogni cinque, sei colpi, tanto per diversificare. Poi tornava puntualmente di là, sulla diagonale favorita, provocando in Berrettini dannosissime emorragie di precisione e spinta.

 

Il lato sinistro, il nodo cruciale: incapace di reggere finanche con il solitamente affidabile back di rovescio, il numero uno italiano non è stato a lungo in grado di aggrapparsi all’ossigeno dei cambi lungolinea, finendo per rimanere rincantucciato in un angolo, con la guardia chiusa, impossibilitato a spingere. E se uno come Matteo non può spingere, come minimo finisce nella leggendaria ragnatela di Nadal: un colpo, due, tre, dieci: fine della storia. A un certo punto, sul conclamato 6-3 6-2 Spagna si è temuto il peggio, ma l’allievo di Vincenzo Santopadre è stato bravo, ha rialzato la testa e, costretto al rischiatutto, non è nemmeno andato lontanissimo dal riaprire la contesa, quando i suoi colpi hanno preso a far male e quelli di Rafa ad arrivare un po’ più tardi e un po’ più corti. Un brutto game, l’ottavo del quarto set, ha condannato l’italiano, che esce comunque a testa altissima e una posizione più in alto nel ranking, per quanto conta: da lunedì sarà il nuovo numero sei del mondo.

LA PARTITA – Berrettini, che giocava la terza semifinale Slam della carriera a fronte delle sole trentasei nel curriculum del rivale, e che è entrato in campo senza comunque aver mai battuto alcun top 10 in un Major, è partito molto contratto, incapace di imboccare l’unica via d’uscita razionalmente disponibile: lucrare altissimi dividendi dal fondamentale d’inizio scambio, chiudere con il vincente entro i primi cinque colpi ed evitare, per quanto possibile, di rimanere imbottigliato sulla diagonale sinistra. Purtroppo il cannone non è stato così efficace, anche perché il demonio di Manacor gli ha spesso preso il tempo impedendogli una proficua organizzazione. Il primo set, dopo un game inaugurale ai vantaggi, se n’è andato insieme al break chiuso da Rafa nel secondo gioco figlio di due errori consecutivi commessi da Matteo con il rovescio. Nei rari casi in cui ha provato a mettere la testa fuori dall’acqua, il romano è stato subito ricacciato indietro da Nadal: sul 30 pari del settimo game, per esempio; una mini-chance strozzata da due dritti da cinema giocati dallo spagnolo.

Non sento la palla“, abbiamo potuto leggere sulle labbra di Berrettini a fine primo set, mentre il collega, rinfrancato dal punteggio, faceva sfracelli sulla sua seconda di servizio (15/34 alla fine, percentuale migliorata grazie alla resa nelle ultime due frazioni). Stessa solfa, anzi, solfa persino peggiore, nel secondo set: nel primo gioco è subito arrivato un nuovo break per Nadal, discreto regalo dell’azzurro prodigo nel concedere due errori di dritto oltre alla solita svista di rovescio, e nel terzo la slavina si è ingrossata con una nuova incursione di Rafa nel turno di servizio dell’italiano, bravo ad annullare tre palle break e meno nel tirare lunghissimo il dritto dello 0-3 cosiddetto pesante.

Per fortuna, ma anche per merito di un Berrettini forse ora più libero di testa, la tempesta si è acquietata nel terzo set. Primo segnale nel settimo gioco, il primo vinto a zero dal nostro connazionale. Il secondo, discreto spartiacque ancorché parziale, nell’ottavo, sul 30 pari servizio Berrettini, quando Nadal ha mandato fuori di un soffio la stop volley che lo avrebbe portato a palla break. Lì la partita è cambiata: Matteo ha inaugurato una striscia di ventitré punti consecutivi al servizio, mentre Rafa, che nel frattempo aveva perso un pizzico della strabordante brillantezza d’inizio match, ha preso ad accorciare sensibilmente i colpi. Il combinato disposto dei due fattori ha partorito una chance, che Berrettini è stato bravo a cogliere insieme allo stupendo ottavo game giocato in risposta, vinto alla seconda delle tre consecutive palle break procuratesi grazie a uno sventaglio di Nadal out di metri, a un eccezionale passante con il dritto lungo linea e a una decisa risposta di rovescio.

Di tutt’altro umore rispetto al complicatissimo avvio di partita, Matteo ha preso ad aggredire anche in risposta: bravissimo, ma non abbastanza da approfittare dei due 15-30 avuti in dotazione nel primo e nel settimo game del quarto set. Si sa, certi avversari sono avari: concedono un’occasione, due quando va grassa, tre è già una di troppo, e te la fanno pagare cara. Nel decisivo ottavo gioco, quello che ha chiuso la famosa striscia dei ventitré punti in fila al servizio, Matteo è stato improvvisamente abbandonato da battuta e dritto. Ha annullato una prima palla break resistendo in modo commovente a uno scambio da ventitré colpi, ma il terzo dritto sbagliato nel game gli è stato fatale. Rafa non ha avuto problemi a chiudere la contesa al servizio di lì a poco, quando l’ennesimo rovescio in rete di Berrettini, simbolo della partita se ce n’è stato uno, ha decretato la fine dei giochi.

LE PAROLE A CALDO –I primi due set sono stati i migliori che io abbia giocato in non so quanto tempo“, ha confidato Nadal a Jim Courier durante l’intervista in campo. Questo per dire che Matteo non ha avuto una giornata particolarmente fortunata. “Il ventunesimo Slam? I record in questo preciso momento mi interessano poco, adesso conta solo provare a vincere l’Australian Open. Due mesi fa non sapevo nemmeno se avrei potuto continuare a giocare a tennis, dunque questo risultato resta straordinario“. In molti non lo vedevano affatto bene, dopo il match con Shapovalov chiuso in ginocchio e disidratato, “ma quarantotto ore di riposo, che a volte sono anche troppe, stavolta mi hanno aiutato. Il mattino dopo la partita mi sono svegliato sorpreso di stare così bene“. Stava benino Rafa, l’abbiamo notato. Domenica giocherà contro uno tra Daniil Medvedev e Stefanos Tsitsipas la sua sesta finale all’Open d’Australia, alla caccia del secondo hurrà. Sarà la ventinovesima in uno Slam: dovesse vincere sarebbero ventuno trionfi Major, uno in più di Roger Federer e Novak Djokovic. Numeri da leggenda, ci mancherebbe altro, e un risultato impensabile anche solo qualche settimana fa. Per Matteo un altro scalino nella scalata verso il trionfo che vale una carriera, ma l’ora non è ancora giunta. Le solite facce per il momento non hanno voglia di svernare sul divano.


TABELLONE MASCHILE

TABELLONE FEMMINILE


Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement