Coric in esclusiva: "Vado a prendermi Milano"

Interviste

Coric in esclusiva: “Vado a prendermi Milano”

“So di poter vincere contro i più forti”. Dopo il successo su Zverev agli US Open, Borna non vuole fermarsi. E le NextGen Finals sono un obiettivo

Pubblicato

il

 
 

Non deve essere facile, reggere l’enorme peso delle aspettative di un intero movimento. Arrivare in vetta nemmeno maggiorenni, per poi confrontarsi con il mondo dei grandi, gli stessi che cercano disperatamente un sostituto per le leggende che pare siano agli sgoccioli, e invece non lo sono. Servono spalle larghe, larghissime come quelle che Borna Coric mette in mostra sotto una aderente t-shirt celeste, ancora umido dopo la doccia. Lo avevamo raggiunto in esclusiva al Roland Garros, dopo la vittoria di routine all’esordio contro Mathias Bourgue. Perderà poi al turno successivo contro Steve Johnson, spaccando la racchetta con violenza belluina al momento della sconfitta: come se a un certo punto quel corpo palestrato non contenesse più l’energia, la voglia e perché no anche la frustrazione di progetti che stentano a decollare. Si è messo di mezzo quel tedeschino biondo, a togliergli le telecamere di dosso: si è messo a vincere quello che Coric non ha ancora mai vinto, ed ecco che adesso si parla di promesse non mantenute, di quasi fallimento. Non deve essere facile, per chi a vent’anni già si vede definito come un ex speranza.

Ieri sera però è stato lui a prendersi la scena. Con un match da libro scolastico, tatticamente perfetto, fatto di sudore, gambe e lavoro. Un risultato di rilievo, in un 2017 che può ancora dargli soddisfazione: è già il secondo successo personale contro Zverev (sebbene il primo sia datato 2015). Quest’anno il primo titolo ATP, a Marrakech, dove in finale ha salvato cinque match point contro Philip Kohlschreiber. Forse qualcosa è scattato: “Fu un torneo interessante, molto positivo. Anche la finale, un match che non dimenticherò. A inizio settimana non stavo bene fisicamente, poi sono stato fortunato, e coraggioso allo stesso tempo. Mi ha dato molta carica per il resto della stagione”. Nel 2016 un fastidioso infortuno al ginocchio lo aveva limitato, andando a incidere anche sulla sua mentalità e la sua fiducia: “La testa è fondamentale nel tennis, lo sappiamo benissimo. L’anno scorso ho avuto un calo di fiducia importante, dovuto ai guai fisici che ho avuto. Ma la vittoria a Marrakech mi ha fatto capire che posso ancora giocare ai livelli più alti, posso ancora battere avversari quotati. Posso ancora vincere tornei, e questo mi aiuta molto a credere in me stesso”.

Sudore e lavoro, come sempre nella sua giovane ma già ricca carriera. E a dargli una mano, da inizio stagione, una vecchia conoscenza del circuito: Ivica Ancic, fratello ed ex coach di Mario, top 10 nel 2006 (semifinalista a Wimbledon nel 2004). Il nuovo dritto di Coric è un suo regalo: “Sì, lavoriamo da otto mesi insieme ormai e ci siamo concentrati molto su servizio e dritto: sono le parti più importanti del mio gioco, stiamo cercando di accorciare gli swing, di essere più rapidi. I frutti stanno arrivando”. Negli ultimi anni Borna ha cambiato una discreta serie di allenatori: Ryan Jones (2012-2014). Zeljko Krajan (2014-2015), Thomas Johansson (2015) e Miles Maclagan (2015-2016). Chissà che questa non sia la volta buona per instaurare un rapporto duraturo: “Siamo molto amici fuori dal campo, e questo aiuta. Discutiamo ma non litighiamo praticamente mai, è molto positivo. E mi trovo, ci ho vinto il primo titolo!”, per poi  sciogliersi, e nemmeno tanto, in un sorriso. Prima di sedersi sulla enorme poltrona dell’area interviste smanetta incessantemente con l’iPhone, scrive, digita, parla: ma durante la chiacchierata è sereno, concentrato.

 

Numero uno del mondo Juniores, dopo il trionfo agli US Open di categoria nel 2013 (aveva già fatto semifinale a Wimbledon e Roland Garros); una carriera già segnata dalle stimmate del campione, di cui forse adesso sta un po’ faticando a dare conferma. Il successo di ieri su Zverev però è un segnale forte, come a dire che i riflettori devono essere puntati anche su di lui. E non si arriva a questo punto senza una mentalità da lottatore, consapevole e soprattutto autocritica: “C’è sempre qualcosa che può andare meglio, posso sempre lavorare più duramente. Credo sia positivo aspirare al meglio, non accontentarsi; ma nel complesso posso dire di essere contento della mia vita”. E gli obbiettivi, adesso? “A inizio anno mi ero prefissato la top 20. Non ho giocato granché nei primi mesi, è come se mi fossi ritrovato con una stagione più corte a disposizione e adesso mi manca un po’ il tempo. Ma sono pronto a dare tutto”. Come al solito.

Quando parla si ferma a fissare spesso nel vuoto: non ha un atteggiamento simpatico, figlio forse della pressione che da anni ormai gli vieni sparata sulla schiena. Prima di iniziare l’intervista, l’addetto alle Public Relationships sentenzia: “Cinque minuti, deve fare altre quattro interventi tra radio e TV”. Cinque appuntamenti con i media. Dopo un primo turno stravinto, anonimo. A vent’anni. E a proposito di età, Coric è abbondantemente in gara per le NextGen Finals di Milano, il Masters U21 di fine anno: è terzo nella Race, dietro Khachanov e l’irraggiungibile Zverev (che ha un imbarazzante vantaggio di quasi quattromila punti sul secondo). “Ho saputo dei cambiamenti che sperimenteranno, credo siano molto cool, mi piacciono. È una bella trovata per sponsorizzarci. E io non vedo l’ora di esserci, so di potercela fare”. Ora il terzo turno degli US Open contro Kevin Anderson, l’unico enorme ostacolo tra Coric e il miglior piazzamento Slam della sua carriera. Avrà di certo le spalle abbastanza larghe per sopportare il peso delle aspettative. Ancora una volta.

Continua a leggere
Commenti

ATP

Darren Cahill : “Jannik può giocare qualsiasi tipo di tennis. Può vincere uno Slam”

Il supercoach di Jannik Sinner parla a Tennis Italiano: “Può farcela in uno Slam ora, a patto che continui a migliorare”

Pubblicato

il

Darren Cahill

Darren Cahill è stato un tennista di tutto rispetto, sia in singolare (n.22) che in doppio (n.10), ma se possibile da allenatore – consigliere tecnico che dir si voglia – ha fatto ancora meglio. Tra gli altri si è seduto, portandoli in alto, sulle panchine di Lleyton Hewitt (che definisce il più vicino a Sinner dei suoi assistiti), Andre Agassi, e Simona Halep, prima di approdare come supercoach al fianco di Simone Vagnozzi su quella di Jannik Sinner. E proprio dell’altoatesino, in un’intervista realizzata da Stefano Semeraro per la rivista “Il Tennis Italiano“, parla lungamente e con vista rosea sul futuro.

Ho accettato di allenare Jannik perché è un bravissimo ragazzo, oltre che un grande giocatore“, esordisce Cahill, “In Australia mi ha impressionato perché sorrideva sempre, era molto gentile e determinato. Non mi interessa il ranking, ma la persona e le potenzialità che vedo in lui“. Ma da ciò, subito si parte poi a parlare dei miglioramenti in campo di Jannik, e degli obiettivi per il prossimo futuro: “Negli ultimi 12-15 anni il tennis è stato dominato da quattro signori molto forti, e per gli altri è stata dura. Potevano andare un po’ avanti, ma poi c’erano Roger, Rafa, Nole e Andy, anche gli ottimi giocatori. Ora le cose stanno cambiando, ci sono giovani campioni che crescono, e Jannik è tra quelli che possono vincere negli Slam. E non intendo in futuro, ma proprio ora, a patto che poi continui a migliorarsi nei prossimi 10 anni“.

SPUNTI TECNICI: Il nostro coach analizza colpo per colpo, foto per foto, Jannik Sinner al microscopio

Jannik gioca molto bene sul duro“, prosegue il coach con sguardo alle prossime, intense settimane, “Ho visto i suoi match agli Australian Open, si muove bene sul cemento e il suo gioco è abbastanza potente per quel tipo di superficie, i campi degi US Open sono inoltre abbastanza veloci. Il suo servizio sta migliorando, come la transizione a rete e il gioco a volo, ha fatto importanti progressi negli ultimi due anni, con Riccardo e poi con Simone; è importante però che ragioni in prospettiva, che sappia che tipo di tennis vuole giocare nel giro di due anni e faccia di tutto per arrivarci“. E Sinner è migliorato decisamente anche sulla seconda di servizio, oltre che nel gioco a rete, per cui Cahill ha ricevuto i complimenti di Pat Cash: “Sia io che Simone ci stiamo lavorando, abbiamo le idee chiare ma Jannik deve esserne convinto. Sta dando il massimo, l’esercizio e la costanza rendono automatico ciò che non lo è. Pensiamo a Rafa, Novak o Andy: nessuno di loro all’età di Jannik andava volentieri a rete, hanno sviluppato il loro gioco nel corso degli anni. Ha inciso anche il secondo servizio, importantissimo, perché se riesci a renderlo vario ti aiuta anche con il primo, ti fa sentire più libero. Per me è più importante“.

 

Non dimentichiamo, inoltre, che Sinner senza mai aver vinto prima un match su erba, è stato due set in vantaggio contro Novak Djokovic, con Cahill al suo angolo: “Sull’erba più ci giochi e più ti trovi a tuo agio. I primi match sono stati incredibilmente importanti, ha imparato come muoversi, come stare nel punto. Sull’erba Jannik può diventare un giocatore molto pericoloso e lo ha dimostrato nella seconda settimana a Wimbledon. Deve essere solo orgoglioso di ciò che ha fatto“. Toccando l’argomento superfici, ormai sempre meno limitanti di quanto fossero un tempo, si parla anche della varietà gioco che possiede l’azzurro: “Per me è un tennista all around molto aggressivo da fondo che deve rifinire le sue qualità a rete. Non è il solo, altri possono fare il suo gioco, ma non si può vincere facendo un solo tipo di tennis, devi avere una varietà di opzioni, e Jannik può farlo“.

L’obiettivo ATP Final non può naturalmente essere taciuto: “Non ci siamo posti un traguardo preciso, un numero, un torneo. Jannik può vincere subito. ma è un processo che richiede tempo. Le ATP Finals sono importanti, un obiettivo per chiunque. Ci sono gli Slam e poi le Finals, giocarle è un grande onore; che siano a Torino è bellissimo, ma lo sarebbe ovunque“. In ultimo l’australiano parla anche del ruolo dell’allenatore, e di quanto sia cambiato: “Oggi è più facile allenare rispetto a 20 anni fa, perché non c’è un solo coach, ma i tennisti investono per avere più voci tecniche da ascoltare. Novak, Rafa, Roger e Andy hanno reso questo sport molto professionale. Sono scattati avanti, e gli altri hanno dovuto inseguirli e imparare da loro, capire perché erano così forte e dove migliorare“.

Continua a leggere

Flash

WTA Toronto, Halep in finale grazie al tifo rumeno e… alle racchette rotte: “È un buon segno, voglio ancora lottare”

Simona ribadisce nuovamente l’importanza di Mouratoglou: “Lui e l’energia della sua accademia hanno riacceso la mia passione per la competizione”

Pubblicato

il

Il Canada sta diventando casa per Simona Halep. Lo dicono i risultati (quella di oggi sarà la quarta finale della sua carriera tra Montreal e Toronto) e lo dice lei stessa nella conferenza stampa seguita alla vittoria in tre set su Jessica Pegula. Grazie, infatti, alla massiccia presenza sugli spalti di suoi connazionali “sembrava di essere in Romania e ciò, a sua detta, le ha dato un boost di energia su cui spera di poter contare anche nella finale con Haddad Maia. Non che le stia mancando quell’elettricità necessaria per venire a capo di match duri come quello di ieri. Proprio l’energia, la passione, il fuoco sacro sono stati infatti indicati dalla rumena come i principali responsabili della vittoria e più in generale della sua seconda giovinezza tennistica.

La partita contro Pegula non sarà stata certo la migliore della carriera di Simona e la frustrazione mostrata in alcune fasi è stata certo conseguenza di errori evitabili. Tuttavia, proprio il fatto di aver più volte scaraventato a terra la racchetta – gesto piuttosto inusuale per lei, di solito mai oltre le righe – è stato derubricato dalla stessa Halep in “segnale positivo, dimostrazione di voler lottare. “Significa che dentro di me il fuoco si è riacceso. So che [rompere la racchetta, ndr] non è una bella cosa, ma in alcuni momenti mi può aiutare”.

IL TABELLONE DEL WTA 1000 DI TORONTO

 

D: Simona, qual è il tuo giudizio su questo match?

Halep: È stata una partita molto complicata. Lei è una top 10 ed è molto solida. Non avevamo mai giocato contro e quindi non sapevo bene cosa aspettarmi. È stata una grande lotta.

D: Che sensazioni ti dà essere di nuovo in finale in Canada? Hai già vinto due volte a Montreal, ci sono differenze rispetto qui a Toronto?

Halep: È fantastico, mi piace molto giocare in Canada. Sono soddisfatta per come ho lottato oggi e per come ho giocato durante questa settimana. Tra Montreal e Toronto non ci sono differenze notevoli: l’atmosfera è simile, così come i campi e il club. La gente è sempre molto carina in entrambi i tornei. Forse qui ci sono più tifosi rumeni.

D: Tornando indietro al 2015… finale con Bencic qui a Toronto: è stata una delle finali più dure a cui hai preso parte? Avevi un problema al ginocchio e c’era molto caldo.

Halep: Se ricordo bene non riuscii a terminare l’incontro. Non mi sentivo bene, faceva caldissimo. Non mi piace ritirarmi a partita in corso, a maggior ragione in finale. In quel caso non avevo altra scelta, quindi sì: è stata la finale più dura in assoluto. Ma ho anche ricordi positivi qui a Toronto e cerco di trarre energia solo da quelli.

D: Qualche giorno fa ho letto su una rivista un articolo su di te: eri molto timida quando eri più piccola, tanto che non ti piaceva nemmeno parlare al telefono. Mi chiedevo come tu riesca a sopravvivere nel mondo del tennis professionistico in cui devi scendere in campo di fronte a grandi pubblici?

Haelp: Sì, ho dovuto lavorare molto con me stessa per migliorare e il tennis stesso mi ha aiutato. Mi ha spinto ed insegnato ad affrontare momenti difficili. Penso di essere sempre stata aperta ad imparare e questo mi ha aiutato a migliorare ogni giorno: ho accettato il fatto di essere timida e ho iniziato a buttarmi in situazioni fuori dalla mia confort zone. E ora sono contenta di ciò che sono.

D: Prima hai parlato del fuoco che hai ritrovato. Cosa è stato a farlo tornare?

Halep: La persona accanto a noi. Patrick [Mouratoglou, ndr]. E anche l’atmosfera della sua accademia mi ha dato grande energia: vedere tutti quei bambini che si allenano ogni giorno per realizzare i loro sogni è fantastico.

D: Nel secondo set mi è sembrato che tu abbia fatto delle piccole modifiche al servizio, quali e perché?

Halep: Spesso è semplicemente una questione di rilassare la mano e di colpire bene la palla. In alcuni momenti sono troppo tesa e quindi il servizio non funziona. Ma oggi [ieri, ndr] è andata molto meglio rispetto ai giorni precedenti, quindi spero che in finale andrà ancora meglio.

D: Qual è stato il momento chiave che ti ha riportato in partita dopo il primo set?

Halep: Dopo il primo ho cambiato un po’ di cose a livello tattico, ma soprattutto ho cercato di calmarmi. Il primo set era stato velocissimo e non avevo giocato nel modo giusto. Volevo semplicemente lottare e credevo fortemente di avere la possibilità di farlo, anche se lei stava giocando molto bene.

Infine, a Simona è stata rivolta una domanda “extra” su quale fosse il suo giocatore preferito da ragazza. La risposta: Justin Henin. Perché? Era alta esattamente quanto lei.

IL TABELLONE DEL WTA 1000 DI TORONTO

Continua a leggere

Flash

WTA Toronto, Haddad Maia orgoglio brasiliano: “Ma non mi paragono a Bueno o Kuerten”

La brasiliana è una delle migliori tenniste del momento. “L’esultanza con la lingua di fuori? Non me l’ero preparata…”

Pubblicato

il

Beatriz Haddad Maia - Toronto 2022 (foto Twitter @wta)
Beatriz Haddad Maia - Toronto 2022 (foto Twitter @wta)

La brasiliana Beatriz Haddad Maia si conferma una delle giocatrici più in crescita del circuito WTA nel 2022. Si è dimostrata una grande giocatrice soprattutto sulle superfici veloci quest’estate: prima due titoli sull’erba a Nottingham e Birmingham, ora la prima finale Masters 1000 in carriera in quel di Toronto. Beatriz sta vivendo senza dubbio la miglior stagione in carriera e lo dimostra anche la sfilza di avversarie battute in Canada: Leylah Fernandez, la numero uno del mondo Iga Swiatek, Belinda Bencic e in semifinale Karolina Pliskova. E’ virtualmente al numero 16 del mondo, ma in caso di vittoria in finale contro Simona Halep salirebbe al 14. Così Haddad Maia ha descritto il momento che sta vivendo in conferenza stampa.  

D: Congratulazioni per la vittoria più bella della tua carriera. Puoi parlarcene?

Haddad Maia: “Beh, mi sento felice. Momento speciale. Penso che ho avuto un tabellone molto complicato. Ho dovuto spingermi oltre i miei limiti. Ci sono stati tanti momenti difficili. Penso di aver superato anche momenti in cui non giocavo bene, perché sono stata forte mentalmente. Questo è il motivo per cui giocherò contro Halep in finale”.

 

D: Sei la prima brasiliana a raggiungere una finale in Canada da 25 anni, prima di te ci riuscì Kuerten nel 1997. Cosa significa per te fare la storia del tennis del tuo paese?

Haddad Maia: “Una cosa speciale. Abbiamo avuto Maria Esther Bueno e Guga. Non mi paragono a loro. Per me sono dei fenomeni. Ma è importante e un vero piacere essere qui non solo in quanto brasiliana ma anche in quanto sudamericana. Abbiamo tanti uomini forti, tra argentini e brasiliani, ma è speciale rappresentare qui il tennis femminile del Sudamerica a questo livello. Sono orgogliosa di me e del mio team”.

D: Hai fatto un gran lavoro nel mixare velocità e rotazioni nei tuoi giochi di servizio. Sicuramente non puoi dirci molto della tattica verso la finale, ma mi chiedo se considererai queste variazioni anche contro Simona.

Haddad Maia: “Lei è una giocatrice molto competitiva. Per me, una delle più competitive sul circuito. Abbiamo giocato l’una contro l’altra a Birmingham e ho vinto, ma ci ho perso all’Australian Open. Lei è una campionessa e una grande lavoratrice. Sarà una battaglia durissima. Ma cercherò di godermi il momento. Di sicuro lascerò tutta me stessa in campo. Cercherò di essere aggressiva, ho capito che devo farlo”.

D: Arrivavi da due titoli sull’erba in tornei di un livello più basso. Quali erano le tue aspettative quando sei giunta qui a Toronto, specialmente quando hai visto che avresti giocato contro Swiatek?

Haddad Maia: “Le mie aspettative erano le stesse di quei tornei sull’erba. Penso che riesco sempre a giocare il mio miglior tennis quando non ho aspettative. Spesso quando pensiamo troppo creiamo cose che non esistono. Quindi ho solo pensato a venire qui e lavorare duramente, perché la scorsa settimana non avevo giocato bene. Sono riuscita a migliorare il mio gioco, pensando a lottare punto dopo punto. Penso che il momento più duro sia stato il terzo set del primo turno. Nessuno vuole uscire al primo turno e c’è stato da lottare. Poi partita dopo partita mi sono sentita sempre più in fiducia. E questo mi ha permesso di arrivare in finale”.

D: Hai detto di essere una giocatrice emotiva. Come gestisci le tue emozioni nel corso del match e come cerchi di trasformarle a tuo vantaggio?

Haddad Maia: “In certi momenti mi impongo di respirare più profondamente e di calmarmi, pensando a quello che ho bisogno di fare, non a quello che sto vivendo. Penso solo a un punto dopo l’altro e al prossimo colpo che devo fare. Non bisogna pensare al contesto, sennò è finita. Fuori dal campo invece mi piace fare altre cose, come suonare la chitarra, leggere, ascoltare musica, e riflettere, perché dalla riflessione cerco di trarre spunti per migliorare”.

D: La tua esultanza con la lingua di fuori al momento di vincere… La farai ancora?

Haddad Maia: “E’ stato un momento emozionante A volte reagiamo spontaneamente a quello che succede senza prepararsi le cose. E’ stata una celebrazione del momento, sicuramente non ci avevo pensato prima. Ho riguardato il video per vedere cosa ho fatto. Mi dite che è un’esultanza che ricorda Micheal Jordan? Wow, grazie”.

QUI IL TABELLONE COMPLETO DEL WTA 1000 DI TORONTO

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement