Zverev e Ferrero, finisce qui (e maluccio)

Flash

Zverev e Ferrero, finisce qui (e maluccio)

Si conclude bruscamente la partnership tra il tedesco e l’ex n.1 al mondo, nata al termine della scorsa estate. “Insormontabili differenze professionali”, Zverev chiedeva più libertà. Se ne occuperà Becker?

Pubblicato

il

 
 

La prima esperienza con un allenatore extra-familiare è durata poco per Alexander Zverev, che sta iniziando a bruciare anche qualche tappa di troppo. Nelle ultime ore Marca ha informato della separazione tra il classe 1997 di Amburgo e Juan Carlos Ferrero, a giudicare dal comunicato anche piuttosto brusca sia nei tempi che nei modi. Si parla di “insormontabili differenze a livello professionale”, per entrare poi più nel dettaglio: Ferrero intendeva rendere il suo assistito un professionista a tutto tondo, non soltanto sul campo di gioco, allo scopo di ottenere risultati migliori attraverso un maggiore livello di maturità; al contrario, Zverev ha preferito mantenere piena libertà su come impiegare il proprio tempo al di fuori dei match e delle sessioni di allenamento. I risultati deludenti di questo inizio di stagione, in cui il “Next Gen” è apparso a tratti non troppo concentrato, devono aver contribuito all’acuirsi della divergenza.

Quello di super coach di Zverev era il primo ruolo ufficiale ricoperto dal valenciano nel circuito ATP dai tempi del ritiro, avvenuto nel 2012 al defunto torneo di casa. L’ex numero 1 al mondo nel 2003 aveva iniziato a seguire il tedesco lo scorso 20 di luglio, inizialmente soltanto per la stagione estiva del cemento americano, unendosi successivamente in pianta più stabile al team dopo gli ottimi risultati di quel bimestre (tra cui il titolo Masters 1000 alla Rogers Cup di Montreal). Risulta facile immaginare l’amarezza da parte di Ferrero: accettando l’estensione di un anno della partnership, aveva messo da parte la propria JC Ferrero Equelite Sport Academy, dove aveva preso residenza per mantenere uno stretto contatto con gli iscritti (tra i quali figurava anche la grande promessa del tennis iberico Nicola Kuhn) dei quali curava in prima persona gli allenamenti. Per Zverev Ferrero aveva inoltre rinunciato a ricoprire il ruolo di capitano del team Spagna di Coppa Davis, offertogli in settembre.

Ognuno per la sua strada allora, fin da subito, dato che Zverev ripartirà dall’ATP 500 di Acapulco, in programma tra pochi giorni, con il padre (ex giocatore con un best ranking di numero 175) di nuovo alla guida dei suoi allenamenti. Il tedesco ha però già fatto sapere che potrà contare sul supporto tecnico di Boris Becker per alcune settimane, senza essere tuttavia più preciso a riguardo. Dalla separazione con Novak Djokovic, Becker è rimasto libero e si trova ora in una situazione economica personale che sfiora il tragico: i due potrebbero finire per essersi utili a vicenda. In ogni caso, del progetto a lungo termine di “Mosquito” – che aveva risposto a una domanda sulla possibilità di Zverev di raggiungerlo tra i giocatori capaci di conquistare la vetta del ranking parlando più realisticamente di 2019 – si dovrà occupare qualcun altro. Nei prossimi mesi, o settimane, potrebbe spuntare fuori qualche altro nome.

 

Continua a leggere
Commenti

Flash

ATP/WTA Cincinnati: il programma di Ferragosto, all’una di notte Berrettini vs Tiafoe

Matteo unico azzurro in campo in singolare. Nel torneo di doppio Fognini e Bolelli sfidano Kyrgios e Kokkinakis in prima serata

Pubblicato

il

Nemmeno il tempo di archiviare l’Open del Canada e la giornata di Ferragosto regala subito un super programma al Western&Southern Open di Cincinnati altro combined 1000 ATP e WTA.

Si gioca su 7 campi di cui 5 dedicati ai match di singolare a partire dalle ore 17 italiane.

Per quanto riguarda i colori azzurri un solo match di singolare ci interessa: Matteo Berrettini aprirà la prima sessione serale all’1 di notte sul Centrale contro il giocatore di casa Frances Tiafoe, esordio tutt’altro che banale dopo la sconfitta di Matteo all’esordio a Montreal contro Carreno Busta. Un solo precedente vinto dal nostro giocatore sulla terra di Roma nel lontano 2018.

 

Si segnala sul Centrale come terzo match, la sfida classica tra due ex vincitori a Flushing Meadows: Stan Wawrinka contro Andy Murray: precedenti 12-9 in favore dello scozzese.

Per quanto riguarda i colori azzurri da non perdere sul Campo N.11 il match di doppio Italia vs Australia: Bolelli/Fognini vs Kokkinakis/Kyrgios in programma come secondo match non prima delle 20:30 italiane.

Diretta televisiva integrale su SKY Sport Tennis (torneo maschile) e Supertennis (torneo femminile) a partire dalle 17:00 italiane

Qui il programma completo del 15 agosto:

Continua a leggere

ATP

Scanagatta: “Carreno Busta dice che a 31 anni non è mai troppo tardi” [VIDEO]

Il commento del direttore: Carreno Busta come Fabio Fognini: primo Masters 1000 dopo i 30 anni. Dai 2 azzurri di Montreal ai 5 di Cincinnati. Ma brutti sorteggi

Pubblicato

il

Da Orbetello a Montreal 9 anni dopo. “Carreno Busta dice che a 31 anni non è mai troppo tardi”.

CONFERENZA CARRENO BUSTA

TABELLONE ATP 1000 CINCINNATI

 

Continua a leggere

Coppa Davis

Coppa Davis, convocazioni: i cinque azzurri scelti da Volandri

Matteo Berrettini e Jannik Sinner guidano l’Italia per il girone di Bologna. Fognini, Bolelli e Musetti completano il roster

Pubblicato

il

Matteo Berrettini e Jannik Sinner (foto Twitter @federtennis)

In vista della fase a gironi delle Davis Cup by Rakuten Finals 2022, che si svolgerà
dal 13 al 18 settembre prossimi sul veloce indoor della Unipol Arena di Casalecchio di Reno a Bologna,
il capitano della Nazionale italiana, Filippo Volandri, ha convocato i seguenti giocatori:

  • Matteo Berrettini
  • Simone Bolelli
  • Fabio Fognini
  • Lorenzo Musetti
  • Jannik Sinner

La Davis Cup by Rakuten torna dopo 46 anni nella città di Bologna ospitando uno dei quattro gironi della
fase finale e vedrà protagoniste quattro squadre: oltre all’Italia, Argentina, Croazia e Svezia. Il ritorno
della più antica competizione sportiva mondiale per squadre nazionali nel capoluogo regionale coincide
con un anniversario storico: ricorre infatti quest’anno il centenario dalla prima partecipazione della
Nazionale italiana alla Coppa Davis.

Filippo Volandri, capitano della Nazionale italiana di Coppa Davis:
“Quello di Bologna è un girone molto duro, probabilmente uno dei più equilibrati, ma allo stesso tempo
molto stimolante. Ritrovare la Croazia, contro cui abbiamo perso lo scorso anno a Torino, sarà un motivo
ulteriore di rivincita e faremo tesoro dell’esperienza del 2021. Sono sicuro che la squadra si farà trovare
pronta e darà il massimo per centrare la qualificazione ai quarti e volare così a Malaga per la fase
decisiva. Giugno e luglio hanno visto i nostri tennisti conquistare bellissimi successi in singolare con
Matteo, Lorenzo e Jannik e abbiamo anche una coppia di doppio competitiva e affiatata come quella
composta da Fabio e Simone, che di recente hanno vinto il torneo a Umago e giocato la finale a Bastad:
non a caso sono in corsa per la qualificazione alle Nitto ATP Finals di Torino in doppio. C’è un grande
entusiasmo per il nostro sport, come testimoniano lo spazio sempre più ampio sui media,
i dati
dell’audience televisiva e, soprattutto, il fatto che si sente parlare sempre più di tennis e non soltanto di
calcio. È ovvio che questo ti dà delle responsabilità in più però per me queste rappresentano un
privilegio: gestire una squadra importante e forte come la nostra mi rende molto fiducioso, anche per
l’attaccamento che i ragazzi dimostrano quando vestono la maglia azzurra: in Coppa Davis la coesione
del gruppo è un elemento fondamentale che può anche essere decisivo”.

 

SPUNTI TECNICI: Il nostro coach analizza colpo per colpo, foto per foto, Jannik Sinner al microscopio

Gli incontri della fase a gironi si giocheranno in quattro differenti città: oltre a Bologna, le sedi sono
Amburgo, Glasgow e Valencia. Le 16 squadre partecipanti sono state suddivise in quattro gironi da
quattro, con le prime due classificate che accederanno alla fase finale. La formula prevede per ogni
incontro la disputa di due singolari e di un doppio, tutti al meglio dei due set su tre.
Fase a gironi:
Gruppo A (Bologna): Croazia, Italia, Argentina, Svezia
Gruppo B (Valencia): Spagna, Canada, Serbia, Corea del Sud
Gruppo C (Amburgo): Francia, Germania, Belgio, Australia
Gruppo D (Glasgow): Usa, Gran Bretagna, Kazakhstan, Olanda

SPUNTI TECNICI: Il nostro coach analizza colpo per colpo, foto per foto, Lorenzo Musetti al microscopio

Tutti i match della fase a gironi saranno visibili su SuperTennix, la piattaforma di streaming on line della
Federazione Italiana Tennis.
Questo il calendario del Gruppo A, con gli incontri che prenderanno il via alle ore 15:
13 settembre: Argentina-Svezia
14 settembre: Italia-Croazia
15 settembre: Croazia-Svezia
16 settembre: Italia-Argentina
17 settembre: Croazia-Argentina
18 settembre: Italia-Svezia
È possibile acquistare online i biglietti per i sei match del girone di Bologna collegandosi al sito web
tickets.italy.daviscupfinals.com e su quello di Ticket One (www.ticketone.it).

UFFICIO STAMPA FIT

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement