Johnson regala il bis a Houston: Sandgren K.O. e commozione

ATP

Johnson regala il bis a Houston: Sandgren K.O. e commozione

Steve Johnson vince il terzo titolo della carriera confermandosi campione a Houston. Sandgren rimonta e poi si perde nel finale, ma fa comunque il suo ingresso in top 50

Pubblicato

il

 

[6] S. Johnson b. [8] T. Sandgren 7-6(2) 2-6 6-4

Arrivano a dieci le vittorie consecutive sulla terra di Houston per Steve Johnson, che bissa il successo dello scorso anno e vince il terzo titolo della carriera (l’altro a Nottingham) su quattro finali, battendo Tennys Sandgren. Per la nona volta nell’era Open due giocatori statunitensi incrociano le loro racchette nella finale dell’unico torneo rimasto negli USA a giocarsi sulla terra rossa, mentre l’ultima doppietta in questo torneo storico (prima edizione 1910) era stata messa a segno da Andre Agassi nel biennio 2002-03.

Steve Johnsonn bacia il trofeo dell’U.S. Men’s Clay Court Championships (via Twitter, @mensclaycourt)

Non stupisce il fatto che in finale ci siano giunti Johnson e Sandgren, i tennisti più dotati tecnicamente di tutta la batteria made in USA, o quanto meno due che cercano spesso di inglobare nel loro gioco soluzioni che esulano dal classico ‘servizio e dritto’. I due precedenti sorridevano a Sandgreen (oggi alla sua prima finale ATP) e sorprende un po’ il fatto che siano stati disputati proprio sulla terra e proprio negli USA, ma sono comunque un po’ datati (2013 e 2009) e non a livello ATP.

 

Il vento, come nei giorni scorsi, cerca di rendersi partecipe e i tennisti a tratti sembrano perdere la bussola: Sandgren rischia svariate volte di andare sotto nel punteggio a causa delle sue frequenti discese a rete non sempre efficaci, mentre Johnson non riesce a sfondare con il dritto a sventaglio come suo solito. Quest’ultimo quindi decide di rallentare le manovre con un costante utilizzo del rovescio in back che porta quasi allo sfinimento il ragazzo del Tennessee. Il tie-break sembra inevitabile ma prima di arrivarci i giocatori decidono comunque di scambiarsi vicendevolmente un break; è Sandgren ad avere l’occasione più ghiotta andando a servire sul vantaggio di 6-5. Forse proprio il pensiero di quanto sciupato lo accompagna nel tredicesimo game e lo porta a compiere diversi errori – tra cui un doppio fallo – che gli costano il set.

Il momentaccio di Tennys Sandgren – da lunedì nella top 50 per la prima volta – prosegue anche all’inizio del secondo set quando continua a soffrire il gioco del suo avversario, ma come ben sappiamo, la mente gioca sempre un ruolo fondamentale nel tennis e a volte basta un solo punto a ribaltare completamente gli stati d’animo. Nel sesto game Sandgren vince con un tweener uno scambio tanto lottato quanto spettacolare e da lì a poco si appresta a brekkare l’avversario e a riportare il match in equilibrio. Dopo la vittoria in rimonta contro Karlovic, Tennys aveva dichiarato: “ho come la sensazione di impegnarmi di più quando le cose mi si mettono male” e anche oggi ha confermato questa sua intuizione.

Nel parziale decisivo Sandrgren inizia una ‘partita nella partita’ il cui avversario è se stesso: ogni punto è seguito da un monologo di incoraggiamento o di rimprovero a secondo dell’esito dello scambio, Johnson invece torna a rallentare il ritmo e la scelta paga. Nel decimo game, in maniera del tutto inaspettata piazza il break decisivo e chiude 6-4 nel gioco successivo, dopo 2 ore e 24 minuti. Sandgren è deluso ma quello che versa più lacrime è il vincitore che mostra tutta la sua commozione per la scomparsa del padre avvenuta lo scorso anno.

La scena più bella dunque è rappresentata dal gesto di Sandgren, che (metaforicamente) assieme a tutto il pubblico presente sul centrale, abbraccia Johnson affettuosamente per consolarlo e congratularsi per il suo successo. Si tratta appena del secondo tennista in grado di confermare, nel 2018, il titolo vinto dodici mesi prima. L’altro, neanche a dirlo, è stato Roger Federer in Australia. Forse per questo Steve ha ben deciso di festeggiare la vittoria con il più classico dei ‘tuffi a bomba’ in piscina.

Il tabellone completo

Continua a leggere
Commenti

ATP

Novak Djokovic gioca in carrozzina a Tel Aviv: la gioia di Elay Chayot

Il 21 volte campione Slam rende felice un giocatore di wheelchair israeliano tennis scambiando qualche palla lui

Pubblicato

il

Novak_Djokovic_Elay_Chayot (foto: Instagram Novak Djokovic)

Al Tel Aviv Watergen Open, Novak Djokovic ha alzato il suo 89° trofeo, portandosi a meno tre da Rafa Nadal, con i 94 titoli di Ivan Lendl nel mirino. In realtà, sappiamo bene che, più che alla quantità, Nole punta alla qualità dei titoli (“i tornei dello Slam e i principali eventi dell’ATP sono quelli che contano di più”), ma non per questo rinuncia ad attività, diciamo così, collaterali. Con questo non intendiamo certo l’ATP 250 israeliano – tappa invece necessaria per assicurarsi un posto in top 20 a fine Race, condizione per poter partecipare alle ATP Finals –, bensì la sua apparizione in campo prima di disputare la vittoriosa finale contro Marin Cilic.

Djokovic si è infatti accomodato su una carrozzina per colpire qualche palla. Non è la prima volta che il fenomeno di Belgrado si cimenta nella specialità: nel 2017, all’Australian Open, aveva giocato con Dylan Alcott, vincitore del Golden Slam nel quad singolo e del Grande Slam in doppio. Questa volta, l’avversario è stato Elay Chayot, giocatore israeliano di wheelchair tennis.

Un momento che Elay certo non dimenticherà. Ecco cosa scrive sul suo account Instagram:

“In due giorni, ho conosciuto un nuovo amico. E non un nuovo amico qualunque, ma uno dei più grandi tennisti della storia e attualmente uno dei principali atleti del mondo.

Oltre a essere un grande atleta, Novak Djokovic è un essere umano meraviglioso. Dopo esserci incontrati giovedì, ieri Novak mi ha visto dopo la fine del suo incontro a ha proposto di giocare insieme.

Mi ha domandato se avessimo un’altra carrozzina e, dopo che gli ho risposto “certamente!”, mi ha chiesto di portargliela. Ci si è seduto ed è così che abbiamo giocato a tennis insieme, entrambi su una sedia a rotelle ai lati opposti del campo: io e il tennista numero 1 nel mondo.

Novak mi ha domandato dello sport paralimpico in Israele, era molto interessato a me e ai miei nel settore del tennis israeliano a mi ha detto quanto si stesse divertendo qui.

La sera, mi dono chiesto se fosse stato un sogno, se tutto quello che ho passato in quei due giorni fosse accaduto davvero.

Sono la persona più felice per aver avuto il privilegio di conoscere Novak da vicino.”



Continua a leggere

ATP

ATP Ranking: Alcaraz e Nadal, domina la Spagna. Sinner fuori dalla top 10, best ranking per Musetti

La classifica mondiale aggiornata: Huesler sale al n.64 grazie alla vittoria di Sofia, Nishioka al n.41

Pubblicato

il

Rafael Nadal - US Open 2022 (foto Twitter @ATPTour_ES)

E dopo Federer venne Huesler. Lo svizzero Marc-Andrea ha reso onore al ritiro del suo grande connazionale (e al proprio portafoglio) vincendo il torneo di Sofia con uno stile di gioco che avrà riscaldato i cuori dei nostalgici del gioco a rete. La settimana di eventi del circuito ATP appena trascorsa ha visto anche il ritorno alla vittoria di Novak Djokovic, che torna a conquistare un titolo ATP, il numero 89 della sua straordinaria carriera, superando in finale Marin Cilic. Infine, a Seul trionfa il giapponese Nishioka in finale sul canadese Shapovalov. La top 20 della classifica ATP del 3 ottobre 2022 vede dunque alcune novità.

La classifica ATP aggiornata è disponibile al seguente link, che porta alla sezione “Sotto Rete” del sito web di Intesa Sanpaolo, main sponsor della manifestazione e partner di Ubitennis.

Clicca qui per leggere la classifica ATP aggiornata!

 

Continua a leggere

ATP

ATP Tokyo: Nakashima e Tiafoe senza problemi contro le wild card giapponesi

Dopo il 1° titolo a San Diego, prosegue il buon momento per il 21enne Brandon Nalashima nel suo paese d’origine. Frances Tiafoe concede poco e niente a Uchiyama

Pubblicato

il

Il primo match dopo il primo titolo vinto in carriera non è mai facile, ancora di più quando di mezzo ci si mette una traversata oceanica, ma Brandon Nakashima non ha deluso le attese: dopo il successo nella sua città natale di San Diego, il 21enne americano ha superato il 1° turno al Rakuten Japan Open Tennis Championships. Nakashima, il cui padre è di origine giapponese, ha sconfitto la wild card giapponese Shintaro Mochizuki 6-3 6-2 alla sua prima apparizione nell’ATP 500 di Tokyo.

IL TABELLONE COMPLETO DELL’ATP 500 DI TOKYO

“È la mia prima volta in Giappone, quindi sto ancora imparando molto a riguardo, ma è molto eccitante. È bellissimo finora”, ha detto Nakashima nella sua intervista post-partita. “Il lato della famiglia di mio padre è giapponese. È da lì che prendo il mio cognome. Ogni volta che imparo di più sul mio background sono super eccitato,quindi sono felice di essere qui. L’atmosfera è davvero fantastica. Mi sento come a casa.”

 

Il 19enne Mochizuki, attuale n.401 del mondo, ha iniziato bene concedendo pochissimo al servizio, ma la battuta d’arresto – come spesso capita in queste situazioni – c’è stata a cavallo dei due set. Il primo si è deciso con un break sul 4-3 che ha mandato Nakashima a servire sul 5-3, e poi c’è stato un altro break in avvio di secondo set che ha definitivamente spezzato le gambe al giovante tennista locale, uscito sconfitto 6-3 6-2 dopo 67 minuti. Ogni volta che servo bene, influisce su tutte le altre parti del mio gioco, ha detto Nakashima, che non ha mai fatto arrivare il suo avversario neanche ai vantaggi. “Sono felice di aver servito bene oggi”. Nakashima affronterà ora la nona testa di serie Borna Coric o l’australiano Thanasi Kokkinakis.

IL TABELLONE COMPLETO DELL’ATP 500 DI TOKYO

Nella partita di apertura del programma, Pedro Martinez ha abbattuto Alexei Popyrin 7-5 6-4. Con questa vittoria, lo spagnolo ha interrotto la striscia di otto sconfitte consecutive ad ogni livello, comprese sei sconfitte nel tour. In giornata è arrivata anche la vittoria di un altro spagnolo: Bernabe Zapata Miralles ha superato il giapponese Taro Daniel 7-5 7-5, recuperando in entrambi i set un break di svantaggio. Ora l’avversario del n.80 del mondo sarà Frances Tiafoe.

L’americano n.19 del mondo ha chiuso il programma del primo giorno di torneo affrontando la wild card giapponese Yasutaka Uchiyama (30 anni, n.314). Anche in questo match non c’è stato nulla da fare per il tennista di casa, vittima del grande gioco di gambe di Tiafoe che ha mostrato grande tecnica ma anche concretezza chiudendo 6-4 6-3, e annullando col servizi le uniche due palle break concesse nel quarto game del secondo set. La testa di serie n.4 ha sfruttato proprio queste chance non concretizzate da Uchiyama per piazzare subito dopo il break che di fatto ha deciso la partita; neanche un’ora e un quarto rimasto in campo, facendo divertire il pubblico di Tokyo e proseguendo al meglio la sua campagna asiatica, iniziata con l’incontro pochi giorni fa con la stessa NBA Stephen Curry.

IL TABELLONE COMPLETO DELL’ATP 500 DI TOKYO

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement