Nadal: “Partita chiave”. Thiem: “Pensare di batterlo non è realistico”

Rafa non pensa ai record, Thiem mette la mani avanti ma "ci proverò". Delpo e Halep rimangono fiduciosi, Sharapova pretende di più. Pliskova: "Sorpresa da me stessa"

Nadal: “Partita chiave”. Thiem: “Pensare di batterlo non è realistico”
Dominic Thiem - Madrid 2018 (foto via Twitter, @MutuaMadridOpen)

RAFA NADAL – “Non è stato un match semplice. È stata dura. All’inizio della partita ero in controllo, alla fine… non molto. Stanco? Fisicamente, no. Non voglio essere ipocrita. Mai una partita finita al terzo, non puoi stancarti più di tanto vincendo sempre in due set. Poi ovviamente, c’è la stanchezza mentale. Devo essere concentrato ogni giorno. Ma sono felice perché le cose stanno andando bene per me. Non ho giocato molto quest’anno, ma adesso sono in un buon momento. Di solito il giorno dopo una partita do sempre uno sguardo alle statistiche del match. A Carlos piace molto guardare questo genere di cose. Verifichiamo dove ho posizionato i miei colpi, quante palle sono andate dentro e fuori dal campo, quanto sono stato aggressivo, la posizione in campo, quanto sono stato vicino alla riga di fondo. Il record? Quando la mia carriera sarà finita, queste cose rimarranno. È difficile vincere 50 set consecutivi. L’ho fatto, ok, ora andiamo avanti. Non parliamone più e pensiamo a quello che mi aspetta, che è la cosa che mi interessa maggiormente. Poi ci sono alcuni record che mi rendono felice, sono quelli che dicono che sei stato capace di mantenere un determinato livello per tanto tempo, come vincere il Roland Garros così tante volte. Thiem il migliore avversario su terra? L’avversario più pericoloso è sempre il prossimo. Poi ci sono dei momenti in cui un avversario è semplicemente più duro da affrontare, in passato ad esempio è stato così con Djokovic. Adesso, non è molto chiaro. Domani giocherò contro uno dei tennisti più forti del mondo su questa superficie. Sarà una partita chiave per il torneo. È una di quelle partite in cui devo fare qualcosa in più. E sono pronto per farlo”.

Rafa Nadal – Madrid 2018 (foto via Twitter, @MutuaMadridOpen)

DOMINIC THIEM – Giocare contro Rafa sulla terra, è la più grande sfida tennistica che puoi trovarti ad affrontare in questo momento. È molto, molto dura. Andrò in campo per vincere, anche se adesso non è molto realistico pensarlo… per come sta giocando lui e per come sto giocando io. Ma ogni caso ci proverò. La partita che ho vinto lo scorso anno contro di lui a Roma, è stata una delle migliori della mia carriera. Se voglio batterlo, dovrò fare lo stesso. Dovrò giocare uno dei migliori match della mia vita, essere aggressivo, commettere pochi errori. Lo scorso anno era diverso, adesso non sembra molto realistico. Ma tutto può succedere, ci proverò ovviamente. Se qui è più facile batterlo per via delle condizioni particolari? Beh, se è concesso dire una cosa simile, allora sì, qui e a Roma. Qui per l’altitudine, il campo è più veloce. Anche a Roma è lo stesso”.

 

DENIS SHAPOVALOV – Ho sempre saputo che essere mancino sarebbe stato un grande vantaggio. Sono cresciuto guardando Rafa. Allora dominava, e lo sta facendo anche adesso. Dovevo trovare il mio passo sulla terra, capire come adattare il mio stile di gioco alla superficie, i rimbalzi alti, gli scambi lunghi. Trovare il giusto compromesso tra rimanere negli scambi lunghi ed essere comunque aggressivo. Credo di averlo trovato. Ma sto ancora imparando, imparo ogni giorno. Sono felicissimo di essere nei quarti, ma questo risultato non cambia le mie aspettative su terra. Continuerò a lavorare, sperando tra qualche anno di poter essere un serio candidato al titolo del Roland Garros. Adesso, nessuna pressione, nessuna aspettativa”.

Denis Shapovalov – Madrid 2018 (foto via Twitter, @MutuaMadridOpen)

JUAN MARTIN DEL POTRO – “La partita è stata decisa da piccoli dettagli. Rimango sereno. So che ci sono tante cose che potrò migliorare tra Roma e Parigi. Posso salire di livello. Forse due soli incontri giocati sono un po’ poco, ma mi sento bene. La terra è sempre una superficie un po’complicata per me, a causa del movimento dei piedi e degli scambi che sono in genere più lunghi. Ma sto bene fisicamente, sono in forma e sto giocando bene”.

MARIA SHARAPOVA – “La sua palla era veramente pesante oggi. Sta molto indietro sul campo e si muove molto bene lateralmente. Forse avrei dovuto portarla un po’ più avanti, usare meglio gli angoli stretti. Ho esitato troppo in alcuni momenti. Mi porto dietro cose positive da questa settimana anche se quando penso a queste partite, vedo tante cose che avrei potuto fare meglio. Quindi ok le cose positive, ma devo anche essere un po’ dura con me stessa, aspettarmi qualcosa di più. Devo migliorare sotto questo aspetto. Non puoi sempre darti una pacca sulla spalla. Le settimane post Indian Wells sono state molto dure. È così bello giocare a tennis quando non devi preoccuparti di niente, quando puoi semplicemente giocare a tennis. È una bellissima sensazione, ma non è sempre così. È lo sport”.

KAROLINA PLISKOVA – “Oggi persino nel riscaldamento mi sono sentita benissimo. A livello di gioco non ho cambiato molto rispetto ai nostri precedenti incontri. Ho servito in maniera un po’ diversa, più intelligente, non solo velocità, anche percentuali. Ho variato molto e il kick ha funzionato molto bene. Durante gli scambi mi sentivo benissimo, anche dal lato del rovescio. Ho giocato uno dei migliori incontri della mia carriera su terra, sicuramente. Anche i miei movimenti sono stati ottimi, non ho solo giocato bene in fase offensiva, mi sono anche difesa bene. Sono un po’ sorpresa ad essere onesta… tabellone duro, quando l’ho visto ho pensato: ‘Ok, forse un turno lo supero. Ma va bene così’. E adesso sono in semifinale, non credevo sarei arrivata così lontano”.

Karolina Pliskova – Madrid 2018 (foto via Twitter, @MutuaMadridOpen)

SIMONA HALEP – “Penso che lei abbia giocato veramente bene. Deve aver stipulato una sorta di contratto con le righe e il net (ride). Complimenti a lei. Si è mossa benissimo e ha colpito forte la palla. Non penso di aver giocato una brutta partita. Ma non sono frustrata. Ha meritato lei, ha giocato meglio di me. Forse non ho giocato al mio massimo, ma lei non me lo ha permesso. Rimango fiduciosa in vista dei prossimi appuntamenti. Ovviamente sono delusa per la sconfitta, ma ogni partita è importante se la prendi nella maniera giusta”.

CATEGORIE
TAG
Condividi