Esclusiva Courier: "Cecchinato ha il rovescio di Stan Wawrinka" [AUDIO]

Flash

Esclusiva Courier: “Cecchinato ha il rovescio di Stan Wawrinka” [AUDIO]

PARIGI – Raggiante coach Vagnozzi: “Nessuno di noi si aspettava wuesto risultato, ma solo adesso Marco sta scoprendo quello che può diventare”

Pubblicato

il

dal nostro inviato a Parigi

Entriamo all’interno dell’esclusiva Players Lounge, circa 15 minuti dopo che Marco Cecchinato ha segnato l’impresa più grande della sua vita, “aver scritto un pezzo della storia del tennis italiano” come dirà lui nella conferenza stampa di due ore dopo. Un quarto d’ora dopo aver conquistato il quarto match-point, non troviamo nessuno che si rilassa davanti a una birra o mangia qualcosa nel ristorante giocatori. L’accesso agli spogliatoi è naturalmente inibito ai giornalisti, così non ci resta che armarci di pazienza, aprire gli occhi e drizzare le orecchie. Dopo una buona mezz’ora, scorgiamo coach Vagnozzi, ma le parole più importanti sono quelle di Jim Courier. Gli chiediamo di poterlo intervistare, fa una faccia non proprio entusiasta ma ci concede “just two questions”.

 

L’INTERVISTA ESCLUSIVA A JIM COURIER

Cosa è stato decisivo per la vittoria contro Novak Djokovic?
Ci sono un saggio di ragioni che hanno portato Marco a questa vittoria. Prima di tutto ci ha creduto, non era semplice in un match di questo livello contro Novak Djokovic. Il suo rovescio lungo linea è un colpo eccezionale, ha fatto moltissimi vincenti. Nei primi due set ha attaccato moltissimo, poi è calato parecchio ma ha saputo resistere. Il tie-break è stato uno dei più drammatici cui abbia mai assistito qui al Roland Garros.

Cosa ne pensa del rovescio di Marco?
Il suo rovescio è meraviglioso. Stavo commentando il match in diretta per la TV americana e ho subito detto che all’inizio del match il suo rovescio sembrava quello di Stan Wawrinka. Ha lo stesso tipo di potenza. È un colpo bellissimo e molto efficace. Ciò che mi ha più colpito è che ha saputo giocarlo benissimo anche sotto pressione.

LA GIOIA DI COACH SIMONE VAGNOZZI

Coach, quali sono le maggiori emozioni che provate in questo momento?
È qualcosa d’indescrivibile, nessuno di noi avrebbe mai pensato a un risultato del genere. Siamo felicissimi.

Cosa porta un giocatore a uscire ad Aprile al primo turno al Challenger di Barletta e poi poo più di un mese dopo a centrare la semifinale del Roland Garros?
Beh a Barletta Marco non era in condizioni di giocare al 100%, lui smistava ATP e Challenger a inizio anno. Poi si è convinto dei suoi mezzi, aver vinto un torneo ATP, aver battuto a Roma un giocatore come Cuevas e sempre a Roma aver giocato alla pari con Goffin gli ha dato fiducia. Ora Marco inizia a scoprire quello che può diventare. La semifinale sarà venerdì, avremo tempòo per pensarci, se poi Thiem sarà più bravo saremo i primi ad applaudirlo.

Ovviamente ora testa alla semifinale, ma un risultato del genere non può non essere celebrato. Cosa fate stasera?
A dire il vero ancora non lo so. Ora Marco sta già facendo una sessione di crioterapia, poi seguiranno le conferenze stampa, i massaggi… temo che  la cena non sarà prima delle 23:30. Intanto magari ci facciamo una birra.

Coach Vagnozzi spiega poi a noi e ai colleghi della carta stampata: “Non sembra ma Marco è un burlone, solo che manifesta questo lato del suo carattere esclusivamente con le persone a lui vicine. Non vi dico le cose che finisco per ritrovarmi nella borsa per colpa sua. M’infila di nascosto cose assurde tipo portaceneri degli alberghi…”. Stefano Semeraro de La Stampa gli chiede come abbia superato la nota vicenda della squalifica per le scommesse e che idea si è fatto lui: “Non ne parla più, io sono convinto che lui non sia stato colpevole di nulla. La cosa è stata ingigantita dai giornali, d’altra parte quante volte succede che un titolo non centri il focus del problema e poi si legga di cosa si tratti effettivamente solo nelle righe dell’articolo”. Marco tifa Milan (poco dopo in conferenza stampa spiegherà che i suoi idoli sono Kakà e Marat Safin), mentre Simone tifa Inter: “E’ un continuo beccarsi da mattina a sera, solo che quest’anno nessuno dei due può prendersi grosse soddisfazione”. Come giustamente gli fa notare Gaia Piccardi del Corriere della Sera, questa estate che saremo orfani ai Mondiali in Russia della Nazionale azzurra, la storia di Marco è la storia della nostra estate. Ora che l’appetito vien mangiando e che nessuno di noi è sazio, speriamo con tutto il cuore che questa storia non sia ancora finita.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Lo US Open delle ricorrenze: anniversario storico per Laver, McEnroe, Agassi e Serena

L’edizione 2019 dello Slam newyorchese è l’occasione per celebrare alcune grandi vittorie degli ultimi 50 anni. Qual è la vostra preferita?

Pubblicato

il

Lo US Open 2019 sarà all’insegna del ricordo e della celebrazione. Tanti i campioni che anni fa, nella Grande Mela, hanno realizzato record e conquistato vittorie storiche. Tanti traguardi, raccontati in articolo del New York Times.

50 anni dal secondo Grande Slam di Rod Laver (1969)

È un anniversario speciale per la leggenda australiana Rod Laver. 50 anni fa (1969), a 31 anni, “The Rocket” sconfiggeva a New York – allora si giocava a Forest Hills – il connazionale Tony Roche 7-9 6-1 6-2 6-2 aggiudicandosi così lo storico secondo Grande Slam, dopo quello realizzato nel 1962.

 

40 anni fa trionfava la giovinezza con Tracy Austin e John McEnroe (1979)

Nel 1979, la 16enne Tracy Austin interrompe il regno di Chris Evert (vantava 31 vittorie consecutive prima di quella finale) trionfando allo US Open e diventando così la più giovane campionessa del torneo. Nel torneo maschile un altro teenager americano, John McEnroe, batte in finale Vitas Gerulaitis vincendo a 20 anni il primo dei suoi sette titoli Major.

25 anni fa, finalmente André Agassi (1994)

25 anni fa, il “Kid” di Las Vegas sollevava la tanto agognata coppa dello US Open. Con la vittoria contro il tedesco Michael Stich (6-1 7-6 7-5) Agassi, guidato dal nuovo coach Brad Gilbert, si aggiudica il secondo dei suoi futuri otto Slam.

20 anni fa, a New York primo Major per Serena Williams (1999)

Sono passati già vent’anni dal primo grande successo di Serena Williams, che avvenne proprio nella Grande Mela, il primo di 23 storici titoli slam. A quasi 18 anni, la fuoriclasse statunitense sconfisse Martina Hingis. Quest’anno, a poche settimane dal suo 38esimo compleanno, mamma Serena tenterà di celebrare il suo primo sigillo con la 24esima vittoria. Ci riuscirà? Il primo passo verso una nuova gloria sarà tra i più ostici visto che all’esordio l’aspetta la nemica/rivale Maria Sharapova.

10 anni da quando Juan Martin del Potro è andato in paradiso (2009)

Un grande campione del Potro, in campo e fuori. Il tennista argentino nel 2009 sorprende tutti, Federer in primis e, a 20 anni, con lo score di 3-6 7-6 4-6 7-6 6-2 si aggiudica il suo primo (e unico, finora) titolo Slam. Da allora, tanti, troppi infortuni ne hanno minato la carriera e l’ascesa. Quest’anno a New York non ci sarà, impegnato nella riabilitazione del ginocchio, dopo l’ennesimo intervento chirurgico. 

Continua a leggere

Flash

Telefoni vintage e Tamagotchi: le tenniste alle prese con le tecnologie del passato

Ecco il video di cui avete decisamente bisogno in questa domenica di estenuante attesa

Pubblicato

il

(via Twitter, @WTA)

Telefono con quadrante rotante, musicassette e videocassette: oggetti non ben identificati per le giovani protagoniste del circuito. In un video di intrattenimento organizzato dalla WTA, Simona Halep, Naomi Osaka, Caroline Garcia, Daria Kasatkina, Aryna Sabalenka, Jelena Ostapenko, Angelique Kerber, Bethanie Mattek-Sands e tante altre si sono confrontate con la tecnologia degli anni Novanta, dando vita ad un siparietto divertente e curioso. Nell’era del digitale, in cui imperano smartphone, tablet e computer (il tutto rigorosamente senza fili), le ragazze si sono divertite a scoprire il telefono con i numeri rotanti, le ormai “ingombranti” videocassette e le “superate” musicassette.

Tuttavia, le più “anziane” come Kerber e Mattek-Sands hanno dimostrato maggiore dimestichezza e la 24enne Kontaveitt ha riconosciuto nel telefono vintage l’apparecchio in casa della nonna. Per le giovanissime, cresciute a suon di iPod e smartphone, è stato più complicato far funzionare le ormai superate video e musicassette. Ma alla fine ce l’hanno fatta, divertendosi non poco. Insomma, un dolce “amarcord”, alla vigilia dello Slam nella città simbolo dell’inarrestabile progresso verso il futuro.

Continua a leggere

Flash

US Open, il programma di lunedì 26 agosto: in campo Federer e Djokovic. Sinner o Williams-Sharapova?

Sinner-Wawrinka all’una italiana apre il programma serale del Louis Armstrong, in contemporanea a Williams-Sharapova. Djokovic nel tardo pomeriggio, Federer in nottata

Pubblicato

il

Nel pomeriggio di lunedì scatterà la 139esima edizione degli US Open, ed è già disponibile il programma della prima giornata che vedrà in campo la parte alta del tabellone, quella con Djokovic e Federer per intenderci. I primi match cominceranno alle 11 statunitensi, le 17 italiane. Il primo “big” a scendere in campo sarà Kei Nishikori che sul Grandstand se la vedrà con l’argentino Marco Trungelliti. Cinque gli italiani impegnati.

Alla testa di serie n. 1 Novak Djokovic è stato riservato l’Arthur Ashe Stadium e il suo esordio contro Roberto Carballes Baena avverrà circa alle 20:00 italiane, dopo il match tra Ashleigh Barty e Zarina Diyas. Anche Roger Federer è stato assegnato al campo centrale e il suo sarà l’atto conclusivo della sessione serale: lo svizzero infatti, che verosimilmente non scenderà in campo prima delle 2, giocherà per ultimo contro il qualificato indiano Sumit Nagal.

La sessione serale, prima di Roger, prevede forse il piatto forte di giornata: l’attesissima sfida tra Serena Williams e Maria Sharapova che inizierà all’01:00 italiana. Purtroppo la scelta, per chi deciderà di restare sveglio fino a quell’ora, non sarà facile perché in contemporanea ci sarà anche la partita tra il 18enne italiano Jannik Sinner e l’ex campione Slam Stan Wawrinka sul Louis Armstrong.

 

Gli altri quattro italiani impegnati saranno Fabio Fognini il cui incontro contro Reilly Opelka sarà il secondo sul campo n. 17 (attorno alle 18:30); un paio d’ore dopo dovrebbe giocare, sul campo 11, Andreas Seppi opposto al bulgaro Grigor Dimitrov il quale sta attraversando uno dei periodi più difficili della sua carriera; Camila Giorgi, terzo match sul campo 12 e circa alla stessa ora il lucky loser Paolo Lorenzi, terzo sul campo 5, contro il giovanissimo Zachary Svajda (sedici anni).

IL PROGRAMMA DI GIOCO COMPLETO

Arthur Ashe Stadium – inizio ore 18 (italiane)
Z. Diyas vs [2] A. Barty
[1] N. Djokovic vs R. Carballes Baena
Dalle 01
[8] S. Williams vs M. Sharapova
[3] R. Federer vs [Q] S. Nagal

Louis Armstrong Stadium – ore 17
[Q] T. Martincova vs [3] Ka. Pliskova
P. Gunneswaran vs [5] D. Medvedev
S. Zheng vs V. Williams
dalle 01
[23] S. Wawrinka vs [Q] J. Sinner
M. Doi vs [10] M. Keys

Grandstand – ore 17
[Q] M. Trungelliti vs [7] K. Nishikori
[14] A. Kerber vs K. Mladenovic
S. Querrey vs J.I. Londero
[20] S. Kenin vs C. Vandeweghe

Court 17 – ore 17
[16] J. Konta vs D. Kasatkina
[11] F. Fognini vs R. Opelka
[5] E. Svitolina vs W. Osuigwe
dalle 23
[26] T. Fritz vs F. Lopez

Court 5 – ore 17
E. Bouchard vs [12] A. Sevastova
E. Alexandrova vs S. Stosur
[LL] P. Lorenzi vs [WC] Z. Svajda
N. Jarry vs [21] M. Raonic

Court 10 – ore 17
[27] C. Garcia vs O. Jabeur
A. Mannarino vs D. Evans
[Q] G. Barrere vs C. Norrie
[Q] C. Dolehide vs [18] Q. Wang

Court 13 – ore 17
T. Berdych vs [Q] J. Brooksby
[Q] W. Kwon Soon vs H. Dellien
V. Golubic vs [33] S. Zhang
L. Zhu vs [Q] X. Wang

Court 4 – ore 17
[22] P. Martic vs T. Zidansek
M. Niculescu vs [32] D. Yastremska
C. Moutet vs [15] D. Goffin
Y. Nishioka vs [WC] M. Giron

Court 6 – ore 17
M. Fucsovics vs [17] N. Basilashvili
I. Jorovic vs I. Swiatek
[Q] S Peng vs [LL] V. Lepchenko
[19] G. Pella vs P. Carreno Busta

Court 7 – ore 17
[31] C. Garin vs [WC] C. Eubanks
[Q] E. Rybakina vs K. Muchova
[12] B. Coric vs [Q] E. Donskoy
C. Mcnally vs T. Bacsinszky

Court 8 – ore 17
M. Puig vs R. Peterson
P.H. Herbert vs A. De Minaur
[Q] D. Koepfer vs J. Munar

Court 9 – ore 17
[Q] M. Bolkvadze vs B. Pera
[Q] J. Cepelova vs [29] S.W. Hsieh
P. Kohlschreiber vs [25] L. Pouille
R. Berankis vs [Q] J. Vesely

Court 11 – ore 17
P. Monteiro vs B. Klahn
L. Davis vs [Q] J. Larsson
A. Seppi vs G. Dimitrov
[Q] M. Frech vs L. Siegemund

Court 12 – ore 17
D Kudla vs [PR] J. Tipsarevic
A. Sasnovich vs J. Brady
[30] M. Sakkari vs C. Giorgi
[WC] J. Sock vs P. Cuevas

Court 14 – ore 17
[Q] A. Bogdan vs [Q] H. Dart
M. Gasparyan vs [LL] P. Hon
L. Djere vs M. Kecmanovic
H. Hurkacz vs J. Chardy

Court 15 – ore 17
[PR] S. Darcis vs [27] D. Lajovic
F. Ferro vs D. Gavrilova
V. Kuzmova vs A. Van Uytvanck
[Q] E. Benchetrit vs D. Dzumhur

Il tabellone maschile completo
Il tabellone femminile completo

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement