Caso Kyrgios, Lahyani sospeso per due tornei

Flash

Caso Kyrgios, Lahyani sospeso per due tornei

Il giudice di sedia svedese salterà i tornei di Pechino e Shanghai. “Anche se mosso da buone intenzioni, le sue azioni non potevano restare impunite” dice l’ATP

Pubblicato

il

Alla fine l’ATP ha deciso di sospendere per due tornei (e senza paga) Mohamed Lahyani in seguito alle vicende che lo avevano visto protagonista di un atipico caso di “coaching” agli US Open. Durante il match di secondo turno tra Nick Kyrgios e Pierre-Hugues Herbert, il giudice di sedia è sceso a incoraggiare il giocatore australiano che in quel momento era sotto di un set e di un break. “Sei meglio di così, Nick. Ti voglio aiutare. Non è un bello spettacolo quello che stai offrendo”. Questo il discorso rivolto a Kyrgios, che ha poi finito col ribaltare la partita. Che siano state le parole di Lahyani o meno a far scattare qualcosa nella mente di Nick non è dato saperlo, fatto sta che con questo gesto l’arbitro svedese ha palesemente trasceso i limiti del suo ruolo.

La sanzione dell’ATP non segue quindi la linea di condotta adottata dalla USTA (United States Tennis Association). Sulle prime infatti, la federtennis statunitense aveva diramato un comunicato molto controverso che puntava a scagionare in toto Lahyani, mentre successivamente aveva fatto retromarcia, limitandosi però ad un’ammonizione senza ulteriori provvedimenti. Il giudice di sedia svedese ha di fatto continuato ad arbitrare durante il torneo, ma è stato relegato a match di secondo piano, per lo più di doppio.

L’ATP ha però ritenuto necessaria una punizione, vista anche la posizione di primo piano che Lahyani ricopre all’interno dell’associazione e della truppa degli arbitri. Lo svedese è infatti uno dei sette giudici di sedia che lavora a tempo pieno per l’ATP (gli altri sono Carlos Bernardes, Damien Dumusois, Cedric Mourier, Fergus Murphy, Ali Nili e Damian Steiner). “Nonostante si sia verificato agli US Open, sotto la giurisdizione della USTA, l’incidente è anche soggetto all’azione disciplinare dell’ATP essendo Lahyani un impiegato a tempo pieno dell’ATP e considerati gli alti standard che si richiedono ai giudici di sedia, a prescindere dagli eventi a cui sono stati assegnati, per mantenere l’integrità del Tour“. Così dichiara una nota dell’associazione rilasciata al New York Times.

Lahyani salterà dunque il torneo di Pechino e il Masters 1000 di Shanghai, per poi tornare probabilmente ad arbitrare in quel di Stoccolma. “Mohamed è un ufficiale di classe mondiale e molto rispettato, tuttavia le sue azioni durante il match hanno oltrepassato una linea che ha compromesso la sua imparzialità di arbitro“, ha affermato Gayle David Bradshaw, vicepresidente esecutivo dell’ATP. “Anche se mosse da buone intenzioni, le sue azioni non potevano rimanere senza conseguenze. Sappiamo che imparerà da questa esperienza e non vediamo l’ora di riaccoglierlo ad ottobre“.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Internazionali di Roma 2020 LIVE: Koepfer porta Djokovic al terzo

La diretta dei quarti di finale del combined ATP/WTA di Roma. Subito Berrettini-Ruud. Djokovic alle 14:30, Nadal a cena. Occhio a Shapovalov-Dimitrov e Azarenka-Muguruza

Pubblicato

il

Matteo Berrettini - Internazionali di Roma 2020 (foto Giampiero Sposito)

L’ordine di gioco, i campi e gli orari del day 6
I tabelloni con i risultati aggiornati in tempo reale: maschile – femminile

per visualizzare gli ultimi aggiornamenti premi F5 (desktop) oppure scrolla la pagina verso il basso (mobile)

16:20 – Vika Azarenka vince il primo set 6-3 su Garbine Muguruza sul Pietrangeli

 

16:05 – Koepfer vince il secondo set per 6-4 contro un Djokovic estremamente nervoso

15:50 – Novak Djokovic ha vinto il primo set contro Dominik Koepfer ma si è fatto recuperare il break di vantaggio che aveva nel secondo. Conduce 6-3 3-3

15:09Niente da fare per Berrettini: l’azzurro si arrende al tiebreak decisivo per 7 punti a 5 dopo quasi tre ore di match. Ruud in semifinale contro Djokovic o Koepfer

14:58 – Il quarto di finale tra Berrettini e Ruud si deciderà al tiebreak del terzo set

14:51 – 5-5 tra Berrettini e Ruud, Matteo al servizio. Intanto Djokovic strappa subito la battuta a Koepfer: 3-0 Nole

14:31 – Berrettini recupera il break subito nel primo gioco del terzo set, siamo 3-3 nel parziale decisivo. Sul Centrale, Novak Djokovic sfida Dominik Koepfer

13:50 – Ruud conserva il vantaggio e chiude il secondo parziale per 6-3. Si va al terzo

13:21 – Berrettini perde il servizio in apertura di secondo set, Ruud conduce 3-0

13:05 – In 54 minuti di gioco, Berrettini si aggiudica il primo set per 6-4. Fatale a Ruud il break subito nel primo gioco dell’incontro

13:01 – Yulia Putintseva è costretta al ritiro sotto 2-6 0-2 contro Simona Halep. La romena attende in semifinale la vincente di Muguruza-Azarenka

12:42 – Halep conquista per 6-2 il primo set contro Putintseva, Berrettini avanti 4-2 contro Ruud

12:00 – Scatta la sesta giornata di gioco al Foro Italico di Roma, in programma tutti i quarti di finale. Sul Pietrangeli si parte con la sfida tra Matteo Berrettini e Casper Ruud (1-1 i precedenti), mentre sul Centrale si affrontano Simona Halep e Yulia Putintseva

APPROFONDIMENTI E INTERVISTE

LE CRONACHE DEGLI OTTAVI DI FINALE

IL COMMENTO DEL DIRETTORE

Continua a leggere

Flash

Il pubblico torna a Roma: Nadal non è sorpreso, Djokovic prenota il Centrale. “Motivazione extra” per Berrettini

Il maiorchino è comprensivo: “La situazione è quella che è… non mi aspetto cose preparate in anticipo”. Mentre Dimitrov è dubbioso: “Metterli a metà torneo? Non lo so”. La gioia di Berrettini: “1000 persone si fanno sentire”

Pubblicato

il

Rafa Nadal - Internazionali di Roma 2020 (foto Giampiero Sposito)

Le dure parole di Binaghi in sede di presentazione del torneo non sono state vane; alla fine gli Internazionali d’Italia avranno il pubblico seppur in forma ridotta: ci saranno infatti tre sessioni da 1000 persone, due domenica per le semifinali e una lunedì per la finale. Il grande caos che ha portato a questa decisione ha spinto persino il Direttore Scanagatta a dar ragione al Presidente FIT, mentre tra i tennisti si respira un’aria di positività.

Novak Djokovic è stato informato della cosa quando ancora non c’era la certezza: “Spero sia vero. Se avremo 1000 persone è meglio che non averle affatto” ha ammesso il serbo. “A tutti noi mancano i fan, e una parte della nostra carriera da professionisti consiste nel giocare davanti a loro e per loro. Quindi sono molto contento di questa cosa. Ovviamente spero che si resterà sul centrale perché ho sentito che si sta considerando di usare anche il Pietrangeli o la NextGen Arena per le semifinali. Spero non sia il caso perché, secondo me, la qualità della terra e del campo sul Centrale è molto più alta rispetto agli altri“.

Un po’ più cauto ma altrettanto raggiante è Rafael Nadal: Se le condizioni sono sicure a sufficienza sarebbe fantastico. Sono convinto che faranno le cose nel miglior modo possibile e anche se 1000 non è molto, almeno è qualcosa. Sono contento per il torneo e per il tennis“. Questa decisione va ovviamente in contrasto con quanto era stato pattuito all’inizio del torneo, ma questo è un periodo di costate evoluzione e anche in Francia per il Roland Garros le modifiche sono all’ordine del giorno: l’aumento di contagi infatti ha fatto ridurre il numero di ingressi a 5000.

Non sono sorpreso per questi cambiamenti ha detto Rafa. “La situazione è quella che è, molto difficile e imprevedibile quindi è normale che si cambi molto velocemente. È normale che chi prende le decisioni lo faccia con le maggiori precauzioni possibili. Non mi aspetto cose facili, né mi aspetto cose preparate in anticipo perché è difficile prevedere come si evolve la pandemia“.

Forse ancor più entusiasta è il tennista di casa Matteo Berrettini, unico italiano superstite di un’ottimo gruppo di tennisti. “È una cosa molto, molto positiva, mi sarebbe piaciuto che ci fossero state fin dall’inizio o già da domani. Però è una cosa che mi da extra-motivazioni perché 1000 persone si fanno sentire. La voglia di vincere ogni partita resta comunque la stessa; di per sé resta una cosa positiva per il torneo in generale”.Tra le donne anche a Simona Halep è stato chiesto un parere sulla questione, e la notizia fresca fresca è stata riportata alla romena in conferenza stampa dopo la sua faticosa vittoria contro Dayana Yastremska: “Avremo i fan per la fine del torneo? Non lo sapevo. Sarà interessante e piacevole avere qualche persona sugli spalti. Ci trasmetterà energia positiva. Per quanto riguarda gli Open di Francia invece manca ancora una settimana prima che comincino quindi sicuramente le cose cambieranno ancora“.

 

Anche Grigor Dimitrov, il giustiziere di Sinner, era all’oscuro della notizia quando si è presentato telematicamente davanti ai giornalisti, e il suo finora è l’unico parere ambiguo. Non so come mi senta in proposito. Mi ci sono voluti alcuni incontri per abituarmi al fatto che non avevamo i fan attorno. Onestamente non so cosa dire. Adoro avere il pubblico, noi siamo quello che siamo grazie a loro. Così stanno le cose. Ovviamente mi mancano, non ci sono dubbi. Ora metterli a metà torneo? Non lo so. Al momento sono concentrato su altre cose: sto cercando di rimettere in sesto il mio gioco, di ritrovare la mentalità giusta in campo. Non sto pensando molto ad altro”. Sembra proprio che il bulgaro sia rimasto sorpreso dalla notizia, ma alla fine comunque non può negare che “a tutti quanti fa piacere, più o meno”.

Continua a leggere

Flash

Musetti: “Tutte queste attenzioni non mi fanno montare la testa, anzi… mi motivano”

Il 18enne azzurro sconfitto al terzo turno degli Internazionali di Roma da Koepfer: “Avevo un problema alla spalla che non mi permetteva di usare tutta la potenza”

Pubblicato

il

Lorenzo Musetti - Internazionali di Roma 2020 (foto Giampiero Sposito)

Dopo cinque vittorie consecutive sulla terra di Roma (qualificazioni incluse) Lorenzo Musetti è costretto a salutare la capitale dopo una netta sconfitta subita per mano del tedesco Dominik Koepfer. “Ovviamente oggi in campo non ho giocato al meglio, ero un po’ stanco” ha ammesso il 18enne in conferenza post-match. “Avevo giocato parecchio in queste settimane e inoltre avevo un problema alla spalla che non mi permetteva di usare tutta la potenza che volevo. Ma comunque porto con me una grande esperienza e credo che nelle prossime settimane giocherò con maggior fiducia nelle mie armi e in me stesso”.

La storia più interessante di quest’edizione degli Internazionali per il tennis italiano è stata seguire l’andamento della coppia Sinner-Musetti. I due teenager hanno entrambi raggiunto il terzo turno con prestazioni convincenti, e pochi giorni fa Jannik aveva parlato positivamente del collega dicendo addirittura che “potenzialmente è più forte di me”. Adesso è toccato a Musetti ricambiare i complimenti: “Jannik lo scorso anno ha fatto una stagione fantastica. Ci motiviamo a vicenda e anche qui ci diamo la spinta per giocare meglio ed essere più professionali in generale. Lui è molto umile e un grande lavoratore, si merita tutto quello che ha fatto finora. L’ho ringraziato personalmente per le belle parole ma credo che al momento lui sia più avanti sia di ranking che come costanza e solidità di gioco“.

Tuttavia c’è una cosa sulla quale i due giovani tennisti vanno d’accordo. Ha ragione Jannik quando parla di lavorare sul fisico perché noi siamo ancora dei ragazzi, non siamo ancora sviluppati al 100% ha affermato Musetti. “Il mio avversario di oggi era alla quinta partita ed era stato più volte al terzo ma era comunque fresco come una rosa, quindi sicuramente c’è tanto da migliorare fisicamente. Credo anche che il tempo e l’età siano dalla nostra parte. C’è solo da lavorare duro e crescere di giorno in giorno”.

 

Giocare su un palcoscenico così prestigioso inevitabilmente attira gli occhi anche di altri top player, tanto che non sono mancate attenzioni di primissimo piano.I complimenti di Nadal, che è stato molto umile e tranquillo nel farmeli, mi hanno fatto molto piacere. Mentre con Djokovic avevo già avuto la possibilità di giocarci in allenamento a Melbourne e conoscere il suo team; oggi mi ha fatto piacere averlo sugli spalti anche se non ha visto una bella partita. Tutte queste attenzioni non mi fanno montare la testa, anzi mi motivano“.

Questo exploit romano non ha cambiato di molti i piani di Musetti: giocare il più possibile ad ogni livello. “Molto probabilmente la prossima settimana giocherò a Forlì (Challenger 100) grazie ad una wild card, poi una settimana di stop. Dopo giocherò a Parma (Challenger 125) e in Sardegna (ATP 250). L’obiettivo è giocare quasi tutte le settimane per fare più partite, ma ovviamente una settimana di riposo dovrò prendermela anche perché la spalla ne ha bisogno”.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement