Agnieszka Radwanska, futuro in bilico

Al femminile

Agnieszka Radwanska, futuro in bilico

Lo storico coach di Radwanska, Tomasz Wiktorowski, ha rivelato che Aga non ha ancora deciso se continuare o ritirarsi. Una scelta difficile per tanti motivi, legati anche all’evoluzione dell’intero circuito femminile

Pubblicato

il

Sta per finire la stagione 2018. Mentre le tenniste di vertice sono proiettate alle Finals di Singapore, o in subordine al “Masterino” di Zhuhai, per chi è nelle posizioni di rincalzo comincia il momento di fare bilanci e orientarsi verso il 2019.
Ma c’è anche chi in questo momento non sta semplicemente interrogandosi su come agire per migliorare l’anno prossimo, perché cerca la risposta giusta a una domanda più radicale: continuare a giocare a tennis o smettere? Si tratta di Agnieszka Radwanska, e che si trovi in questa situazione lo ha rivelato in una intervista della scorsa settimana il suo storico coach Tomasz Wiktorowski.
In proposito Wiktorowski ha detto: “Solo Aga e i suoi familiari sanno cosa sia meglio per lei. Ormai è una donna esperta, intelligente e matura, sa cosa vuole fare nella vita, quindi aspettiamo solo di vedere quello che accadrà. Solo lei sa cosa ha passato di recente, quali problemi ha dovuto affrontare. Non dirò ora che continuerà la sua carriera dall’inizio della stagione, o chissà, magari da Wimbledon, usufruendo del ranking protetto”.

La situazione di Radwanska mi colpisce per due ragioni differenti. La prima è del tutto specifica. Aga è una giocatrice importante per il circuito femminile, con caratteristiche particolari che ne hanno fatto una protagonista molto amata: ha vinto per molti anni il “WTA Fan Favorite Award” più una infinità di volte il premio per lo “Shot of the year”, grazie alle prodezze e alle improvvisazioni che ha saputo mostrare sui campi di tutto il mondo.
La seconda ragione è più generale, e parte da quanto lei stessa ha raccontato in un articolo dello scorso anno: come sta evolvendo il tennis femminile e cosa questo significa per una giocatrice come lei. Direi quindi che in questo momento si può pensare a Radwanska e al suo futuro in chiave doppia: Aga rispetto a se stessa, ma anche rispetto alle avversarie.

 

1. Il futuro di Radwanska rispetto a se stessa
Agnieszka Radwanska è nata il 6 marzo 1989, e appartiene a un poker di giocatrici quasi coetanee che ha fatto la storia in WTA: oltre a lei, Vika Azarenka (nata nel luglio 1989), Petra Kvitova (marzo 1990), Caroline Wozniacki (luglio 1990); quattro nomi che hanno segnato un’epoca grazie alla loro permanenza ai vertici del ranking per molti anni, dando per diverse stagioni una impronta significativa al circuito.

Ma in più Aga rappresenta l’unica ufficiale rappresentante polacca di un altro gruppo di tenniste che se avessero avuto vicende familiari diverse avrebbero potuto ritrovarsi sotto la stessa bandiera: Wozniacki innanzitutto (con entrambi i genitori polacchi), ma anche Kerber (con i nonni polacchi, che in Polonia ha aperto la sua Academy) e Lisicki. Avessero giocato per lo stesso team probabilmente qualche Fed Cup la Polonia l’avrebbe vinta.
Mi domando se questa comune origine sia un elemento di cui tenere conto rispetto al loro modo di stare in campo. Lo dico perché, Lisicki a parte, Wozniacki, Kerber e Radwanska hanno forse rappresentato il massimo del tennis di contenimento/difesa del circuito contemporaneo; quasi che si potesse rintracciare una “anima polacca” con in sé alcune doti speciali; irriducibilità, grande mobilità e capacità di resistenza, qualità che hanno consentito ad Angelique, Caroline e Aga di emergere ad altissimi livelli.

Dei nomi che ho citato, Radwanska è stata con Wozniacki la più precoce. Vincitrice da junior di Wimbledon 2005 e del Roland Garros 2006, non ebbe problemi a inserirsi subito tra le adulte, tanto che in quello stesso 2006 venne votata come “Newcomer of the year“ in WTA.
Rapidissimo anche il progresso nel ranking: numero 941 nel 2004, poi 381 nel 2005, e addirittura numero 56 al primo anno affrontato solo parzialmente tre le pro. Numero 26 nel 2007, è entrata in Top 10 nel 2008 e ci è rimasta praticamente per nove anni di fila, se si esclude una parentesi di pochi mesi a fine 2010 a causa di una frattura da stress al piede che le aveva impedito di gareggiare. Questo il ranking dal 2008 al 2016: 10, 10, 14, 8, 4, 5, 6, 5, 3. Poi numero 28 nel 2017 e attualmente 74.

Insomma, per molto tempo Aga è stata una costante protagonista del circuito, e ogni appassionato di tennis ha finito per conoscerla a fondo, con i suoi pregi (tanti) e i suoi limiti (pochi). Giocatrice agile e rapida, con piedi leggerissimi, un gran tocco e la capacità di essere a proprio agio in qualsiasi parte di campo. Però con un deficit di potenza nei fondamentali da fondo campo e una certa difficoltà a digerire la terra battuta.
A dispetto del ranking (che sembrerebbe suggerire come migliore stagione il 2016) secondo me il picco di tennis più alto lo ha proposto fra il 2012 e l’inizio del 2014, con tre momenti topici che hanno segnato in negativo il grande obiettivo mancato della carriera, vale a dire la conquista dello Slam.

a pagina 2: I tre momenti-chiave alla ricerca dello Slam

Pagine: 1 2 3

Continua a leggere
Advertisement
Commenti

Al femminile

WTA 2018: 12 match da ricordare (seconda parte)

Dalle partite australiane di inizio anno sino all’Asian Swing di fine stagione, dodici incontri memorabili scelti per qualità tecnica, tattica e agonistica

Pubblicato

il

By

QUI la prima parte con i match dal 12 al 7

Seconda parte della selezione dei match più memorabili del 2018. Se qualcuno dopo le partite pubblicate nella prima parte ha aspettato a criticare, oggi con le ultime scelte avrà, temo, la conferma di non essere d’accordo.  Ma è inevitabile, non ho la pretesa di avere ragione, e sicuramente si sono giocate altre partite degne di essere ricordate. In ogni caso, ecco le prime sei:

 

6. Julia Goerges b. Caroline Wozniacki 6-4, 7-6(4) – Auckland, finale
A volte i grandi match sbocciano sui campi meno attesi. Il torneo di Auckland non è certo il palcoscenico più importante della stagione: è un semplice International, utile al rodaggio pre-Australian Open; eppure questo incontro neozelandese rimane, secondo me, uno dei picchi del 2018. È il risultato di un confronto fra due giocatrici in forma eccezionale che in più si combinano nel classico contrasto di stili fra attaccante e difensivista.

Qualche dato per inquadrare la situazione. Auckland si disputa dall’uno al sei gennaio, cioè nella prima settimana del Tour; e in finale approdano due giocatrici in totale fiducia: nel 2017 Wozniacki ha chiuso vincendo il Masters di Singapore, mentre Goerges ha conquistato consecutivamente l’indoor di Mosca e il “Masterino” di Zuhai. Nell’impegno di apertura del 2018, Caroline e Julia arrivano alla partita decisiva avendo perso nel torneo un solo set. In sostanza dimostrano di avere cominciato la nuova stagione là dove avevano lasciato la precedente: vincendo e convincendo.

La partita ha un andamento molto lineare. Basta un break in apertura per decidere il primo set, che Goerges si aggiudica senza concedere nemmeno una palla break. Dopo un avvio identico anche nel secondo set, Wozniacki reagisce, ottiene il controbreak pareggiando sul 4-4 ed è quindi il tiebreak a decidere la vincitrice del torneo. Per andamento sembra una partita di normale amministrazione, ma le statistiche complessive dimostrano che non è affatto così, con un saldo finale (vincenti/errori non forzati) impressionante per entrambe; e maggior ragione se si tiene conto che si gioca sul cemento. Wozniacki +6 (18/12) Goerges addirittura +18 (41/23). Mettere a segno 41 vincenti in due set contro una giocatrice così forte in difesa come Caroline rimane una impresa straordinaria.

Davvero troppo brevi gli Highlights offerti da WTA per un match di questa qualità, con una Goerges ispiratissima. Ma non è che Wozniacki abbia avuto un ruolo da hitting partner: ricordo che per Caroline questa è risultata l’unica sconfitta  in una serie positiva che le ha permesso di vincere i due più importanti trofei della carriera uno dopo l’altro (WTA Finals 2017 e Australian Open 2018).

5. Angelique Kerber b. Hsieh Su-Wei 4-6, 7-5, 6-2 – Australian Open, ottavi di finale
Australian Open 2018: a trentadue anni compiuti (è nata il 4 gennaio 1986) Hsieh Su-Wei diventa la protagonista della prima settimana del torneo. E lo diventa a suon di sorprese, visto che sconfigge al secondo turno la testa di serie numero 3 Muguruza, e poi al terzo turno la numero 26 Radwanska. Le vittorie della “quadrumane” di Taiwan sono frutto di un tennis del tutto personale, fatto di accelerazioni improvvise, soluzioni di tocco, e invenzioni quasi illeggibili dovute a un modo di colpire del tutto particolare.

Hsieh sta giocando il miglior tennis della sua carriera, ed è decisa a provocare un nuovo upset quando approda agli ottavi per misurarsi contro la testa di serie numero 21 Kerber. D’altra parte Angelique è una testa di serie sottostimata, la cui bassa posizione nel ranking è conseguenza di un 2017 deludente dopo i grandi exploit di due anni prima; ma a Melbourne si è presentata con maggiore convinzione, per provare a riprendersi il titolo conquistato nel 2016.

Si gioca in un caldissimo lunedì pomeriggio. Il pubblico ancora non lo sa, ma fra l’ex detentrice del titolo e la poco conosciuta Hsieh sta per uscire un match straordinario: Su-Wei inventa soluzioni inattese a getto continuo, e di fronte questo tennis in cui i normali schemi sono “terremotati”, con molta umiltà Angelique cerca soprattutto di rimanere in scia, nella speranza di riuscire prima o poi a riportare il match in un ambito più ortodosso.

Vinto il primo set per 6-4, Hsieh continua a dare filo da torcere a Kerber in un secondo set tesissimo in cui obbliga Angelique a servire per rimanere nel match sul 6-4, 5-4. Kerber resta attaccata al punteggio a prezzo di continue rincorse e scambi in cui spesso viene sballottata qua e là per il campo, nell’impossibilità di leggere le intenzioni dell’avversaria: lo sforzo fisico è notevole, ma ancora maggiore è quello mentale. Nell’undicesimo gioco del secondo set Kerber riesce a brekkare l’avversaria, consolidando poi nel game successivo il vantaggio per il 7-5 in suo favore: un set pari. È il momento-chiave del match: la partita è ormai indirizzata, e il terzo set dopo l’apertura ancora in equilibrio pende nettamente in favore di Angelique.

131 minuti totali che costeranno molto nello sviluppo del torneo a Kerber, obbligata a dare tutto per spuntarla, con troppe energie nervose lasciate sul campo per rendere al meglio nei turni decisivi. Saldo vincenti/errori non forzati: Hsieh -4 (41/46, ma su cui incide molto il calo nel terzo set), Kerber +6 (31/25). Gli Highlights restituiscono solo in parte l’atmosfera di quel match davvero fuori dagli schemi:

a pagina 2: Le partite numero 4 e 3

Continua a leggere

Al femminile

WTA 2018: dodici match da ricordare (prima parte)

Dalle partite australiane di inizio anno sino all’Asian Swing di fine stagione, dodici incontri memorabili scelti per qualità tecnica, tattica e agonistica

Pubblicato

il

By

Come tradizione alla fine dell’anno, ecco la scelta dei match WTA del 2018. I criteri sono sempre gli stessi da quando preparo questa selezione, e quindi anche l’introduzione non cambia: non posso parlare di “migliori match” non solo perché i criteri di giudizio sono soggettivi, ma anche perché ho considerato solo le partite che ho visto personalmente. Dunque una parte molto piccola rispetto a quelle disputate durante la stagione.

Quest’anno ne ho scelte dodici, perché mi sembravano tutte meritevoli di entrare in una ipotetica “prima fascia”, seppure per ragioni a volte diverse: per qualità tecnica, per ricchezza di emozioni, per importanza dell’evento, etc. Come sempre, ho dovuto fare molte rinunce e mi spiace che non abbiano trovato posto giocatrici che pure hanno offerto notevoli prestazioni. Ma perché una partita diventi speciale non è sufficiente la grande prestazione: occorre che in campo ci siano contemporaneamente due protagoniste che si combinano in un’alchimia particolare; un dominio che si risolve in un 6-0, 6-0 non può offrire il coinvolgimento di una partita decisa sul filo di lana.

 

Questa selezione è presentata in due parti. Qui trovate i match dal numero 12 al 7, domani (mercoledì) uscirà la seconda parte con le partite dal numero 6 al numero 1.

a pagina 2: Le partite numero 12 e 11

Continua a leggere

Al femminile

Contro le Top 10, le “ammazzagrandi” del 2018

Da Bertens a Svitolina, da Jabeur a Sabalenka: chi ha fatto meglio in stagione contro le prime della classifica

Pubblicato

il

By

Dopo l’articolo uscito due settimane fa, dedicato alle statistiche conclusive del 2018 fornite da WTA, questa volta presento dati elaborati da me, che riguardano i confronti con le Top 10. Perché una attenzione specifica rivolta ai match contro le prime? Perché penso che le potenzialità delle giocatrici si possano verificare al meglio nel momento in cui sono messe alla prova dalle più forti. Quando l’ostacolo si fa più impegnativo si può capire chi trova dentro di sé la capacità di alzare i propri standard e chi no; e di fronte a prestazioni forse inaspettate si possono intuire possibilità ancora inespresse.

Naturalmente queste statistiche non comunicano verità assolute, perché sono influenzate anche da aspetti contingenti: le prime classificate possono vivere giornate-no, scadimenti di forma, piccoli infortuni che determinano risultati non sempre attendibili. Per questo sta a noi provare a discernere tra reali capacità e semplici circostanze fortunate.
Di sicuro più sono numerosi i risultati positivi, meno incide il caso, e più la statistica si rivela attendibile. Per questo nelle tabelle che seguono non sono presentate le giocatrici che durante il 2018 si sono fermate a una sola vittoria contro le Top 10; ho cioè tenuto conto soltanto di chi ha vinto almeno due match contro le più forti. In appendice troverete comunque l’elenco di riferimento in base al quale sono state costruire le tabelle, che contiene anche le tenniste che hanno all’attivo una sola partita vinta.

 

1. Numero di vittorie
Prima tabella, la più diretta: chi ha vinto più partite nel 2018 contro le prime del mondo:

Comanda Kiki Bertens, unica con più di dieci vittorie stagionali: 12 successi e solo 7 sconfitte. La conferma che il 2018 è stato senza dubbio il miglior anno della sua carriera, in cui ha compiuto due progressi sostanziali: ha allargato il rendimento di insieme, trasformandosi da specialista della terra in giocatrice in grado di fare bene su ogni superficie. E ha rafforzato la tenuta mentale, un aspetto che le ha permesso di vincere sul filo di lana partite che in passato quasi regolarmente finiva per perdere.

Segue Elina Svitolina, che ha consolidato il bilancio in extremis, con la vittoria al Masters. E come si sa, al Masters si affrontano solo Top 10. Per Svitolina le cinque vittorie (su cinque) a Singapore sono state fondamentali.
Terzo nome non meno significativo è quello di Aryna Sabalenka, che non ha solo compiuto un grande progresso in termini di ranking, ma lo ha fatto dimostrando di poter competere alla pari con qualsiasi livello di avversaria. Sotto questo aspetto le otto vittorie stagionali sono una prova di forza importante anche per il futuro. Non dimentichiamo che si tratta di una giocatrice nata nel maggio 1998, con tutto quello che significa in termini di possibili ulteriori progressi.

2. Percentuale di vittorie
Di solito un valore ponderato, come quello della percentuale di vittorie, è più attendibile di una statistica “grezza” come quella presentata sopra. Però in questo caso una serie di fattori ne limitano l’attendibilità. Occorre dunque interpretare la situazione.

Comanda la classifica Ons Jabeur: 100% di vittorie, due successi e nessuna sconfitta. Senza voler sminuire una giocatrice eccezionalmente creativa come lei, bisogna contestualizzare i risultati. Prima vittoria a Pechino contro Simona Halep costretta al ritiro (sul 6-1, 1-0); in pratica l’ultima partita di Halep nel 2018, visto che dopo quel match si è fermata per un serio problema alla schiena. Seconda vittoria a Mosca contro una Stephens ormai sicura del posto alle Finals, che probabilmente non aveva voglia di battersi all’ultimo sangue. Ricordo però che a Mosca Jabeur partendo dalle qualificazioni è comunque arrivata in finale, a dimostrazione di un torneo giocato davvero ad alto livello.

Appaiate al 75,0% seguono Elina Svitolina e un’altra sorpresa: Coco Vandeweghe. Anche per Coco vanno contestualizzate le cose: in un anno per lei disastroso in cui ha perso quasi cento posti nel ranking (da numero 10 a numero 104) ha fatto eccezione l’exploit di Stoccarda dove ha giocato benissimo e perso solo in finale da Pliskova. I tre successi di Vandeweghe (contro Halep, Garcia e Stephens) risalgono tutti a quella settimana speciale, di alta qualità.

Al quarto posto ritroviamo Aryna Sabalenka, che contro le migliori ha vinto mediamente due match su tre, la stessa percentuale della numero 1 Simona Halep.
Seste a pari merito un nome non sorprendente come Garbiñe Muguruza e uno molto meno atteso: Aleksandra Krunic. Dopo un po’ di anni nel circuito (è nata nel 1993), riguardo a Krunic ho la sensazione di una giocatrice che non sempre scende in campo con la stessa convinzione; per dare il meglio di sé ha bisogno di motivazioni particolari: grandi palcoscenici o grandi avversarie stimolano il suo orgoglio e allora diventa davvero pericolosa. In carriera contro le Top 10 vanta un record di 4 vittorie e 5 sconfitte. Un 44,4% di successi è un dato da giocatrice di ottimo livello, sicuramente superiore a quello di una tennista che negli scorsi anni ha perfino dovuto affrontare le qualificazioni per entrare negli Slam. Un tipico caso di tennista che secondo me fino a oggi non ha espresso tutto il suo potenziale, e questo dato contro le Top 10 è un segnale in proposito.

a pagina 2: Il rendimento delle prime 20 nel ranking – Ultimi tre anni

Continua a leggere