Strycova minacciata di morte per le sue dichiarazioni su Serena Williams

"Ho ricevuto tante minacce. Dicevano che mi avrebbero ucciso" ammette la tennista ceca. Che poi ribadisce: "Serena non è stata punita abbastanza. La multa è ridicola"

Strycova minacciata di morte per le sue dichiarazioni su Serena Williams
Barbora Strycova - Australian Open 2018 (@RDO foto)

Ad un paio di mesi di distanza, l’affaire Williams-Ramos torna a far sentire la sua eco, ma stavolta i diretti interessati non sono coinvolti. È infatti Barbora Strycova la protagonista degli ultimi strascichi della vicenda. La tennista ceca, che già a settembre aveva affermato come la presunta accusa di sessismo ai danni del giudice di sedia Albert Ramos fosse una “str****ta, ha rivelato di essere stata minacciata. “Mi sono arrivate un sacco di minacce. Sicuramente da parte di fan di Serena“, ha dichiarato Strycova al sito Reflex.cz. “Anche se le traduzioni non erano molto buone, i messaggi erano minacciosi. Alcuni erano davvero crudeli… dicevano che mi avrebbero ucciso e cose del genere. Non è la prima volta che Strycova riceve minacce. Come molte sue colleghe e colleghi, spesso si è trovata a dover affrontare insulti e messaggi minatori da parte di scommettitori

Ad ogni modo, Strycova ha poi voluto ribadire che, secondo lei, Serena non è stata punita a sufficienza per le sue azioni. La statunitense ha ricevuto una multa dell’ammontare di 17,000$, frutto della somma delle tre infrazioni commesse. “So che la multa di Serena è totalmente ridicola. Non è stata punita abbastanza“. Discorsi che lasciano un po’ il tempo che trovano, dal momento che le multe sono ben regolamentate e le cifre relative ad ogni infrazione sono stabilite chiaramente. Dal canto suo, Serena Williams, dopo quella finale persa nettamente contro Naomi Osaka agli US Open, non è più scesa in campo, preferendo sparire dai radar per un po’. In una delle pochissime interviste rilasciate in questo periodo, a proposito dell’incidente, ha dichiarato di voler “provare a superarlo e andare avanti“.

 

CATEGORIE
TAG
Condividi