Mondo Challenger: la 'young week' manda Sock in Australia

Challenger

Mondo Challenger: la ‘young week’ manda Sock in Australia

La prima settimana post-tour incorona Ymer, Bublik e soprattutto Opelka. Il suo titolo, grazie a una serie di incastri, garantisce al connazionale la wild card USTA per il primo Slam dell’anno

Pubblicato

il

Ancora una volta, per gli incastri strani del tennis, a festeggiare è chi non gioca, in questo caso Jack Sock. La prima settimana di Challenger dopo la fine della regular season consegna all’ex top 10, sprofondato ora alla posizione numero 106, la certezza di ottenere un posto nel tabellone principale degli Australian Open. La mini-race da tre settimane, messa in piedi dalla USTA per assegnare una wild card per il primo Slam dell’anno, è di fatto già conclusa con la seconda, dato che nessuno degli avversari di Sock può più superarlo.

A fare la fortuna del ragazzotto di Lincoln è stato il successo di Reilly Opelka sul cemento di Knoxville, Tennessee: battendo in finale Bjorn Fratangelo, al tie-break del set decisivo, il gigante classe 1997 ha estromesso dalla corsa anche l’ultimo degli inseguitori. Sock deve ringraziare di nuovo il torneo di Bercy, l’unico evento del tour ATP considerato per la raccolta punti. Per superare i 180 punti dei quarti di finale parigini, un suo connazionale avrebbe dovuto vincere due Challenger in meno di un mese, scegliendo peraltro tra quelli “validi”. È per questo che Opelka, pur festeggiando il terzo titolo in carriera, dovrà pensare a strade alternative se vuole raggiungere Melbourne: la prossima settimana sarà in campo a Champaign, in Illinois, che però è il torneo ‘sbagliato’, dato che anche vincere il titolo non basterebbe. In contemporanea si giocherà anche a Houston, di maggior valore, ma nessuno degli iscritti all’evento texano porta con sé un bottino di punti sufficiente.

 

C’è comunque grande soddisfazione per Opelka, il più alto tra i Next Gen (2.13 metri, più di Isner e Karlovic!), che, con una serie di risultati post-US Open molto buoni, rilancia una stagione minata dalla mononucleosi. La truppa giovane ha portato a casa anche altri due titoli nelle finali di domenica, con Alexander Bublik ed Elias Ymer campioni rispettivamente a Bratislava e a Mouilleron-le-Captif, entrambi eventi ricchi per montepremi e per punti. Specialmente per il kazako (nato russo) si tratta di un titolo importante sia per il ranking che per il morale: aveva iniziato l’anno a ridosso della top 100, per poi rompersi una caviglia a Indian Wells e sprofondare fuori dalle prime 250 posizioni, tanto che per imporsi al Peugeot Slovak Open, ultimo evento della sua stagione, è dovuto partire dalle qualificazioni. Sia Bublik che Opelka portano il proprio record nelle finali Challenger a un perfetto 3-0. Sale addirittura a cinque invece il più maturo dei fratelli Ymer, che sullo sgargiante tappeto arancio-rosso francese difende un titolo per la prima volta in carriera, battendo in finale lo stesso avversario di dodici mesi fa (il tedesco Yannick Maden).

Nota finale sul disastroso bilancio degli italiani in campo, nove in quattro tornei: soltanto Lorenzo Giustino ha raggiunto i quarti di finale, sulla terra dell’Uruguay Open di Montevideo, prima di ritirarsi per un problema al polso destro contro il poi campione Guido Pella. Non è andata troppo meglio rispetto alla scorsa settimana

Continua a leggere
Commenti

Challenger

Mondo Challenger: da Humbert un altro sorriso per la Francia “jeune”

Il Next Gen transalpino vince in casa, sui campi di Cherbourg. A Bangkok invece si impone Laaksonen. Questa settimana si gioca a Bergamo

Pubblicato

il

Cherbourg (indoor, 46.600€ +H)

La Jeune France del tennis va a braccetto: la scorsa settimana c’era stato il terzo titolo Challenger di Corentin Moutet, mentre stavolta è toccato a Ugo Humbert festeggiare il quarto. Davanti al pubblico amico di Cherbourg, in Normandia, il mancino classe 1998 ha difeso al meglio la propria testa di serie numero uno, perdendo appena due set, entrambi al tie-break: la vittoria che è valsa il trofeo è arrivata in rimonta su Steve Darcis, con il punteggio di 6-7 6-3 6-3. Humbert sta colmando senza problemi il buco di punti lasciato dalla riforma del circuito ITF, principale contributore alla sua classifica per la prima metà della stagione passata: con il nuovo best ranking, alla posizione numero 75, è arrivato per lui il momento di lanciarsi nel circuito maggiore.

 

Bangkok (cemento, 54.160$ +H)

Con Federer in pausa e Wawrinka sul secondo gradino del podio a Rotterdam, ci ha pensato lo “svizzero adottato” Henri Laaksonen a riportare una piccola vittoria ai rossocrociati. Al Jobtopgun Bangkok Open, torneo da 80 punti, il ventiseienne nato in Finlandia ha sconfitto nettamente in finale Dudi Sela, un vero specialista del circuito Challenger, riportando con un 6-2 6-4 il quarto successo Challenger in carriera. Laaksonen sarà di nuovo in campo a Bangkok questa settimana per la seconda tappa della mini-trasferta thailandese, slittata in avanti di un mese e mezzo nel calendario rispetto allo scorso anno: gli riuscirà la stessa doppietta di Marcel Granollers nel 2018?

AZZURRI – La settimana passata, come prevedibile, l’Italia del circuito Challenger si è riversata oltralpe, con ben sette tennisti nel tabellone di Cherbourg. Quello che si è comportato meglio è stato Stefano Travaglia, numero tre del seeding, spintosi fino in semifinale e fermato soltanto da Steve Darcis. Bravo anche Luca Vanni a raggiungere i quarti di finale, dove è stato fermato proprio da Travaglia, mentre Raul Brancaccio torna a casa con il secondo posto del tabellone di doppio (ottenuto in coppia con lo spagnolo Javier Barranco Cosano). Uno solo e pure sfortunato invece l’azzurro ad aver scelto l’Asia: Gianluca Mager si è dovuto ritirare per crampi durante il terzo set negli ottavi di finale, dopo essersi spartito due tie-break con JC Aragone.

QUESTA SETTIMANA – Tre tornei per tre continenti nella penultima settimana di febbraio: oltre al bis a Bangkok si gioca anche a Morelos, in Messico, sempre sul cemento, e soprattutto a Bergamo. Sul Greenset del Palazzetto dello sport del capoluogo lombardo andrà in scena la quattordicesima edizione del Trofeo Faip-Perrel. Nel tabellone, guidato dall’unico top 100 Evgeny Donskoy, ben 16 italiani, dalla seconda testa di serie Travaglia fino al baby Lorenzo Musetti, vincitore degli ultimi Australian Open junior. Il 16enne esordirà già questo lunedì sera alle 20 contro il russo Roman Safiullin, dopo l’incontro che vedrà impegnato Giulio Zeppieri (battuto da Musetti in semifinale a Melbourne) contro Viktor Galovic. L’ingresso sarà gratuito per tutto il pubblico fino alla finale.

Continua a leggere

Challenger

Mondo Challenger: Moutet e Bublik, Next Gen all’attacco. Marcora sconfitto in finale

Vittorie giovani a Chennai e a Budapest, dove il kazako ferma in finale Roberto Marcora. Primo titolo per Krueger nella sua “casa” di Dallas

Pubblicato

il

Dallas, Texas (indoor – 135.400$ +H)

Torneo a stelle e strisce al cento per cento l’RBC Tennis Championships of Dallas. L’evento più ricco della settimana del circuito Challenger, con ben 110 punti ATP in palio, ha visto trionfare Mitchell Krueger, nato e cresciuto proprio sui campi del T Bar M Racquet Club, in un tabellone che accoglieva ben 25 tennisti statunitensi su 48. Krueger ha conquistato il suo primo titolo marchiato ATP di fronte alla famiglia e agli amici, rimontando un set e un break di svantaggio al connazionale Mackenzie McDonald per imporsi 4-6 7-6(3) 6-1 in oltre due ore di gioco. Dopo ventun anni di storia il torneo di Dallas può festeggiare il primo “campione della porta accanto”, mentre lui si gode a venticinque anni il nuovo best ranking alla piazza 160 della classifica. “Sono stato raccattapalle qui, poi ho giocato le qualificazioni, e infine il tabellone principale” ha detto Krueger durante la cerimonia di premiazione. “Per un paio di anni non ho partecipato, perché avevo difficoltà con il gioco indoor. Ma questa off season ho lavorato duro, ho cambiato racchetta e impugnatura di dritto, e ho lasciato la USTA per tornare ad allenarmi col mio vecchio coach Dave Licker a venti minuti da qui“. Un grosso rischio che nel suo caso ha già dato i primi frutti.

 

Chennai (cemento – 54.160$ +H)

Se la Francia del presente vivacchia, pur dignitosamente, è a quella del futuro che bisogna guardare con occhi bene aperti. Dopo Ugo Humbert è definitiva anche la conferma dell’altro Next Gen transalpino, Corentin Moutet (in foto in testa all’articolo), testa calda ma mano di gran talento. Il diciannovenne ha conquistato all’Open di Chennai, in India, il suo terzo titolo Challenger, ed è il primo teenager da oltre dieci anni a riuscire a ottenerne almeno uno in tre stagioni consecutive. Seconda testa di serie del tabellone, Moutet ha dovuto rimontare per due volte un set di svantaggio nel suo percorso verso la finale contro l’australiano Andrew Harris, battuto con un doppio 6-3. “Ho cercato di fare del mio meglio e continuerò così” ha detto Moutet ai microfoni dell’ATP. “Devo continuare a migliorare il mio gioco, il ranking verrà dopo. Se do il massimo, mi muoverò sempre in avanti“. Da questo lunedì è numero 131 al mondo.

Budapest (indoor – 46.600€ +H)

Ottima settimana senza lieto fine per Roberto Marcora, che deve accontentarsi del trofeo di consolazione allo He-Do Hungarian Challenger Open. A festeggiare è Alexander Bublik, al termine di un match per il titolo a senso unico, 6-0 6-3. Il risultato schiacciante vale al ventunenne kazako (naturalizzato) il quarto titolo Challenger in carriera, e un record perfetto nelle finali a questo livello, ma non annulla le grandi prestazioni di Marcora sotto il tetto del SYMA Sports and Conference Centre: tre teste di serie sconfitte dall’azzurro, nell’ordine Gregoire Barrere, Zdenek Kolar, e Oscar Otte, a cui si aggiunge anche lo scalpo dell’ex numero 80 del mondo Norbert Gombos. All’aggiornamento delle classifiche di stamattina, il ventinovenne di Busto Arsizio è rientrato tra i primi 250 del mondo. Bublik invece, dopo una stagione 2018 segnata dalla rottura della caviglia, è nuovamente in top 150.

Continua a leggere

Challenger

Mondo Challenger: Harris si conferma, peccato per Giustino

A Lexington l’azzurro manca ancora una volta l’appuntamento con il primo titolo Challenger, dominato dal sudafricano. Sorpresa Cressy a Cleveland, Evans sconfitto in finale a Quimper

Pubblicato

il

Cleveland, Ohio (cemento – 81.240$ +H)

Sorpresa a Cleveland, con la vittoria del tutto inaspettata di Maxime Cressy. Il ventunenne nato a Parigi, ma di passaporto statunitense, era uno degli unici due tennisti passati dalle mini-qualificazioni del nuovo formato del circuito Challenger, che prevede tabelloni a 48 giocatori con 16 bye e soltanto quattro giocatori a contendersi l’accesso attraverso il turno preliminare. Gli sono servite quindi ben sette vittorie, tra cui quella di rilievo su Tim Smyczek, per imporsi in un tabellone affollato, appena il secondo a questo livello nella sua intera carriera. L’aggiornamento della classifica ATP lo vede salire di ben 215 posizioni, raggiungendo la posizione 313. Giocatore di serve and volley ancora in forza al team universitario della UCLA, questa settimana Cressy si ritroverà nuovamente a partire “dal basso” anche a Dallas.

 

Launceston (cemento – 54.160$ +H)

Si è fermata a un solo match dall’arrivo la corsa di Lorenzo Giustino al primo titolo Challenger in carriera. Sul cemento di Launceston, in Australia, il ventisettenne napoletano ha ceduto nettamente in finale alla testa di serie numero uno Lloyd Harris per 6-2 6-2. Fattosi strada con vittorie di grinta, quasi sempre al terzo set, Giustino non è riuscito a ripetersi contro un avversario più fresco e quotato, dovendosi accontentare di un secondo “piatto” di consolazione a due anni e mezzo dal primo. Per Harris si tratta del terzo successo in carriera nel circuito minore, il secondo senza cedere neppure un set (gli era già successo a Lexington lo scorso agosto, quando in finale battè un altro azzurro, Stefano Napolitano). Grazie agli 80 punti ottenuti, il classe 1997 sudafricano fa il suo definitivo ingresso in top 100 (esattamente alla posizione 100).

Quimper (indoor – 46.600$ +H)

Festeggiamenti casalinghi nell’unica tappa indoor della settimana, con Gregoire Barrere campione in Bretagna. In finale il ventiquattrenne francese si è imposto in rimonta su Daniel Evans, che sta sfruttando bene il circuito Challenger per ricostruirsi un ranking dopo la squalifica per uso di stupefacenti risalente al 2017. Entrambi i finalisti hanno ritoccato il loro ranking e rimangono stabili tra i primi 150. Male gli azzurri, nonostante la vicinanza a casa: cinque presenze, di cui tre dotate del bye, ma quattro sconfitte all’esordio (una sola vittoria, quella di Raul Brancaccio su Carlos Taberner). Lo stesso bilancio di Launceston, senza però nessun exploit.

QUESTA SETTIMANA – L’ATP Challenger Tour prosegue con un nuovo terzetto di tappe, ricalcando lo schema USA-Europa-Pacifico. Si giocherà a Budapest, con cinque italiani in tabellone, a Chennai, con due, e a Dallas, in Texas, senza presenze azzurre ma con due nomi “più grandi del torneo” nel tabellone di doppio: John Isner e Nick Kyrgios, in due coppie separate che potrebbero affrontarsi in finale.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement