L’incerto futuro del Tennis Club Napoli

Flash

L’incerto futuro del Tennis Club Napoli

La giunta comunale della città partenopea ha deciso di mettere all’asta la struttura. Ma gli storici gestori del club non hanno esercitato il diritto di prelazione, ritenendo la richiesta di 23,5 milioni di euro troppo alta. Ora però si aprono spiragli nella trattativa

Pubblicato

il

Un enorme pezzo di storia del tennis a Napoli rischia di andare perso per sempre. La giunta comunale e gli attuali vertici del Tennis Club Napoli non hanno ancora trovato un accordo per la vendita della struttura del circolo. Tuttavia, sembrerebbe esserci un avvicinamento tra le due parti. Da una lato, la dirigenza del club che vanta 113 anni di vita e oltre 800 soci, ha riaffermato la sua volontà di acquisire l’immobile, seppur ad una cifra più bassa di quella richiesta dal comune. Dall’altra, per evitare il peggio e forse spinte dalla mancanza di potenziali altri gestori, le autorità partenopee stanno cercando di venire in contro al club.

La storia è riassumibile in maniera molto breve. A fine novembre, il sindaco Luigi de Magistris aveva approvato una serie di delibere per la dismissione di immobili pubblici al fine di “rilanciare i servizi strategici” ma, forse soprattutto, “raggiungere in maniera efficace gli obiettivi del piano di rientro”, nel bilancio si intende. Della lista di immobili da vendere faceva parte anche lo storico circolo del tennis di viale Anton Dohrn, proprio sul lungomare. La valutazione del comune per l’immobile e dunque l’ammontare di denaro che si sperava (e si spera ancora) di ottenere dalla vendita era stata stimata a 23,5 milioni di euro.

 

Una cifra che però è stata ritenuta troppo alta dalla dirigenza del Tennis Club Napoli, il gestore attuale, che sorprendentemente non aveva esercitato il diritto di prelazione. “23,5 milioni di euro non stanno né in cielo né in terra”, aveva tuonato Riccardo Villari, attuale presidente del club, “Abbiamo costruito il Tennis Club con i nostri soldi. Purtroppo negli anni cinquanta i soci non hanno preteso che venissero riconosciute queste spese. Vogliamo acquistare la struttura ma ad un prezzo congruo e giusto”. Ma la giunta comunale non era scesa a compromessi. Così, seguendo la procedura, il circolo dovrebbe andare all’asta con questa valutazione di base. Se anche la seconda asta, con una base scontata del 10 per cento, ossia 21 milioni, non sarà fruttuosa dovrebbe ripartire la trattativa. Nel frattempo però si potrebbe assistere ad uno stallo delle attività.

Tuttavia, lo spirito natalizio sembra aver portato a miti consigli la giunta comunale. Carmine Sgambati, presidente della commissione Sport e Patrimonio Comunale di Napoli, ha infatti rassicurato tutti. “Stiamo lavorando perché il Tennis Club Napoli rimanga ai propri soci”, ha dichiarato Sgambati in visita al circolo, “Fa bene il presidente Villari a sentirsi padrone di casa. Il nostro obiettivo è fare in modo che rimangano i soci rimangano padroni a casa propria”. Villari ha ribadito la sua posizione, ferma ma tesa a risolvere positivamente la situazione. “Era ora che qualcuno facesse un passo in avanti”, ha affermato, “Noi siamo pronti ad acquistare la struttura e non è solo una dichiarazione di intenti. Naturalmente non ai valori di mercato indicati dal comune che non condividiamo. Abbiamo chiesto aiuto a dei professionisti a una valutazione più reale possibile”.

Il presidente ha anche sottolineato l’impegno del circolo nella promozione del tennis e la disponibilità ad ospitare grandi eventi che danno lustro all’intera città di Napoli. “Noi siamo pronti a fare la nostra parte come sempre”, ha proseguito, “Al comune abbiamo offerto la nostra piena disponibilità nel sociale come nello sport, sia quando si è trattato di affrontare il problema del fitto del circolo sia per i grandi eventi organizzati a Napoli negli scorsi anni, come la Coppa Davis (la sfida vinta contro al Gran Bretagna di Murray nel 2014 ndr) e le World Series di vela”.

E infine, una mano tesa al sindaco De Magistris: “Lo aspettiamo per poter parlare da vicino delle nostre criticità e del nostro futuro”. Chissà che anche dall’altra parte non arrivino segnali positivi. La meravigliosa città partenopea ha già perso il suo torneo più prestigioso dato che dal 2016, il Tennis Club Napoli ha smesso di organizzare l’annuale Challenger per mancanza di fondi. Ora però in bilico c’è addirittura la gestione dello stesso circolo, per un disguido con l’amministrazione. C’è dunque da sperare che si arrivi ad una soluzione che accontenti entrambe le parti per il bene del tennis e di Napoli.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Miami, il programma del day 3: altra giornata ricca, in campo Sonego e Fabbiano

Tra rinvii e prosecuzioni sale a 53 il numero dei match programmati giovedì: 27 WTA e 26 ATP. I due azzurri in campo intorno alle 17.30, l’esordio di Andreescu al termine della partita di Fabbiano

Pubblicato

il

Miami Open 2019 (foto via Twitter, @MiamiOpen)

Dei 54 incontri originariamente programmati mercoledì, se ne sono conclusi 42: 6 del tabellone maschile, 12 di quello femminile e tutti i 24 previsti dell’ultimo turno di qualificazione. Dei 12 non disputati, 4 sono stati interrotti a match già iniziati (tra cui Fabbiano), e gli altri 8 rinviati integralmente a giovedì (compreso l’esordio della campionessa di Indian Wells Bianca Andreescu).

La partita di Fabbiano riprenderà non prima delle 17.30 italiane sul Butch Buchholz Court dal punteggio di 6-4 0-3 per Ivashka. A seguire il debutto di Andreescu contro Irina-Camelia Begu, battuta al primo turno anche in California (6-7 6-3 6-3). Lorenzo Sonego, uscito con successo dalle qualificazioni, affronterà al primo turno lo slovacco Martin Klizan in una sfida inedita (secondo match sul Court 2, intorno alle 17.30).

 

Nel tabellone femminile sarà giornata di esordio anche per le prime teste di serie: Kvitova (3) se la vedrà con Maria Sakkari, Bertens (7) con la 17enne Xiyu Wang, Barty (12) con la 18enne ucraina Yastremska. Non prima delle 22, sul Grandstand, occhio al match tra Vika Azarenka e Caroline Garcia, che ha vinto l’unico precedente (Cincinnati 2018). Nel torneo maschile, due incontri da tenere d’occhio in chiusura di programma: Gulbis-Kecmanovic (a mezzanotte sul Grandstand) e Querrey-Ferrer (alle 02 sul nuovissimo centrale).

Il programma completo di giovedì (orari italiani)

Stadium dalle 17
[Q] D. Jakupovic (SLO) vs V. Williams (USA)
[WC] C. Eubanks (USA) vs D. Dzumhur (BIH)
non prima delle 21
[3] P. Kvitova (CZE) vs M. Sakkari (GRE)
non prima di mezzanotte e mezzo
S. Stosur (AUS) vs [17] M. Keys (USA)
non prima delle 02
S. Querrey (USA) vs [WC] D. Ferrer (ESP)

Grandstanddalle 17
T. Sandgren (USA) vs [Q] A. Bublik (KAZ)
non prima delle 19
Y. Wang (CHN) vs K. Mladenovic (FRA)
F. Lopez (ESP) vs B. Paire (FRA)
non prima delle 22
[19] C. Garcia (FRA) vs V. Azarenka (BLR)
non prima di mezzanotte
E. Gulbis (LAT) vs [WC] M. Kecmanovic (SRB)

Court 1dalle 16
C. Norrie (GBR) vs J. Thompson (AUS)
non prima delle 17.30
S. Zhang (CHN) vs P. Martic (CRO) da 0-2
M. Marterer (GER) vs T. Fritz (USA)
J. Sousa (POR) vs [WC] C. Tseng (TPE)
[Q] R. Opelka (USA) vs J. Struff (GER)
[WC] Xiy. Wang (CHN) vs [7] K. Bertens (NED)

Butch Buchholz Courtdalle 16
L. Mayer (ARG) vs [Q] M. Ymer (SWE)
non prima delle 17.30
T. Fabbiano (ITA) vs I. Ivashka (BLR) da 4-6 3-0
I. Begu (ROU) vs B. Andreescu (CAN)
O. Jabeur (TUN) vs A. Van Uytvanck (BEL)
J. Konta (GBR) vs [Q] J. Pegula (USA)
S. Sorribes Tormo (ESP) vs [26] D. Vekic (CRO)

Court 6dalle 16
R. Haase (NED) vs [Q] L. Lacko (SVK)
[WC] W. Osuigwe (USA) vs [WC] M. Osaka (JPN)
A. Tomljanovic (AUS) vs A. Friedsam (GER) da 4-6
[Q] R. Albot (MDA) vs M. Ebden (AUS)
[Q] K. Muchova (CZE) vs [Q] N. Hibino (JPN)
P. Herbert (FRA) vs F. Krajinovic (SRB)
P. Andujar (ESP) vs I. Karlovic (CRO)

Court 8dalle 16
[Q] K. Kanepi (EST) vs A. Riske (USA)
D. Lajovic (SRB) vs [Q] P. Cuevas (URU)
V. Lapko (BLR) vs A. Cornet (FRA) dal 5-7 7-6(7) 1-0
[Q] V. Golubic (SUI) vs A. Sasnovich (BLR)
[LL] D. Evans (GBR) vs M. Jaziri (TUN)
[12] A. Barty (AUS) vs D. Yastremska (UKR)
[LL] M. McDonald (USA) vs U. Humbert (FRA)

Court 9dalle 16
[Q] S. Vickery (USA) vs [Q] Y. Wickmayer (BEL)
[Q] T. Townsend (USA) vs J. Larsson (SWE)
R. Peterson (SWE) vs [Q] L. Siegemund (GER)
[Q] M. Niculescu (ROU) vs T. Zidansek (SLO)
M. Rybarikova (SVK) vs [15] J. Goerges (GER)
A. Mannarino (FRA) vs A. Bedene (SLO)

Court 2dalle 16
[WC] Xin. Wang (CHN) vs [Q] M. Doi (JPN)
M. Klizan (SVK) vs [Q] L. Sonego (ITA)
[Q] F. Auger-Aliassime (CAN) vs [Q] C. Ruud (NOR)
J. Munar (ESP) vs [Q] P. Gunneswaran (IND)

Court 3dalle 18
J. Chardy (FRA) vs N. Jarry (CHI)
[Q] A. Rublev (RUS) vs T. Daniel (JPN)

Court 5non prima delle 18
M. Copil (ROU) vs A. Ramos-Vinolas (ESP)
B. Tomic (AUS) vs [Q] T. Monteiro (BRA)

Court 7dalle 16
E. Mertens/A. Sabalenka vs D. Collins/J. Ostapenko
[WC] C. Gauff (USA) vs [WC] C. Mcnally (USA)
V. Kuzmova (SVK) vs D. Gavrilova (AUS)
A. Schmiedlova (SVK) vs T. Maria (GER)

Il tabellone maschileIl tabellone femminile

Continua a leggere

Flash

Daniel Dobre (un suo ex coach) è il nuovo allenatore di Simona Halep

Simona ci riprova: dopo aver assunto e subito licenziato Van Cleemput, si accorda con l’ex tennista rumeno Dobre. Aveva già lavorato con lui

Pubblicato

il

Simona Halep - Roland Garros 2018 (foto @Gianni Ciaccia)

Destrimano, ‘rovescio sconosciuto’, best ranking di numero 832 a fine settembre 1989. Il sito ufficiale dell’ATP non dice altro a proposito di Daniel Dobre, ex tennista rumeno che da qualche ora è anche ufficialmente il nuovo allenatore di Simona Halep. Lo ha confermato oggi il suo team, dopo che l’ex numero uno del mondo aveva pubblicato uno scatto su Instagram raffigurante lei e una serie di altri commensali, tra cui proprio Dobre.

Nuovo allenatore ma anche vecchio, poiché Dobre aveva già fatto parte del team durante la prima parte della sodalizio Halep-Cahill; accompagnava Halep nei tornei a cui l’allenatore australiano non poteva essere presente. Un ruolo di spalla, o per meglio dire di vice-allenatore, che dopo qualche tempo Dobre ha lasciato nelle mani di Andrei Pavel. Lo scorso agosto anche Pavel ha salutato la tennista rumena, secondo fonti locali perché si sentiva troppo all’ombra di Cahill, e dopo tre mesi è andato via anche lo stesso Cahill lasciando Halep a ballare completamente da sola.

Simona ha quindi iniziato il 2019 senza allenatore, accogliendo il supporto del capitano di Fed Cup Florin Segărceanu durante l’Australian Open. Poi ha concesso a Thierry Van Cleemput – fresco di divorzio con Goffin – un periodo di prova salvo dargli il benservito dopo appena una settimana. Nonostante Daniel Dobra sia stato annunciato come allenatore ‘full-time‘, secondo i giornali rumeni anche da questa collaborazione non ci si deve attendere per il momento alcuna certezza. I due lavoreranno assieme a Miami e al termine della trasferta statunitense faranno il punto della situazione.

Continua a leggere

Flash

Martina Navratilova: “Andreescu mi ricorda Hingis, ma con più potenza”

La pluricampionessa Slam esalta l’impresa della 18enne canadese: “Ha tutto per diventare grande, presto sarà in top 10”

Pubblicato

il

Il torneo WTA di Indian Wells verrà ricordato per molto tempo per l’impresa della canadese Bianca Andreescu. Classe 2000, in tabellone grazie a una wild card, Andreescu ha trionfato in finale su Angie Kerber in tre set, sull’onda di un’avvio di stagione esaltante. In mezzo ai tanti pareri sul giovane talento che ha conquistato il deserto della California, c’è anche quello – recentissimo – di Martina Navratilova, che ha commentato il successo di Andreescu con un articolo pubblicato sul sito della WTA.

Martina, che qualche settimana fa aveva fatto parlare di sé per un altro articolo, che aveva però ben altro argomento, ha esordito così: “Se pensavate che la vittoria di Naomi Osaka a Indian Wells un anno fa fosse sorprendente, ora è stata eclissata da Bianca Andreescu, 18enne del Canada. Osaka era già conosciuta da un po’ di tempo, mentre Andreescu è venuta fuori dal nulla per poi andar a vincere Indian Wells”.

 

Ha poi azzardato un paragone di non poco conto: Bianca ha fatto vedere la varietà di colpi di Martina Hingis, ma ha anche tanta potenza, cosa che Martina non aveva, perciò può picchiare la palla quando vuole. Bianca ha davvero tutto. La scelta dei colpi che ha mostrato a Indian Wells è stata immacolata, faceva la cosa giusta al momento giusto. Tutto era così istintivo, credo sia la dimostrazione di una ‘saggezza tennistica’ che ha sviluppato nella giusta maniera”.

Ma dove può arrivare Andreescu secondo Martina Navratilova? “Sarà stimolante vedere dove potrà spingersi nell’immediato futuro, molto dipenderà dal suo fisico, se rimarrà in buona salute e se saprà reggere. Credo che sarà presto in top 10, magari nascerà una grande rivalità con Naomi Osaka. Bianca Andreescu è qui per restare”.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement