Super-Andreescu batte anche Venus. Sabalenka, vendetta su una Sharapova zoppa – Ubitennis

Focus

Super-Andreescu batte anche Venus. Sabalenka, vendetta su una Sharapova zoppa

La giovane canadese non scende dalla nuvola e raggiunge la sua prima semifinale. A Brisbane è la giornata di una grande Vekic, che sfiderà Pliskova. Vendetta ‘monca’ per Aryna

Pubblicato

il

BRISBANE

Due soli incontri nel venerdì del Brisbane International, unico torneo di categoria WTA Premier della settimana, che delineano la semifinale della parte superiore di tabellone (nell’altra si affronteranno le vincitrici della giornata di ieri, Naomi Osaka e Lesia Tsurenko). Vekic ha steso Aljaksandra Sasnovich in appena 57 minuti, lasciandole la miseria di due game a metà del primo set prima di scappare da sola verso la vittoria. Una prestazione sontuosa e senza sbavature, peraltro contro una giocatrice che, pur mostrando qualche titubanza di troppo, era riuscita a eliminare la campionessa in carica Elina Svitolina.

Il risultato vale a Vekic non solo un posto tra le ultime quattro nel Queensland, ma soprattutto la certezza di una testa di serie agli Australian Open: è il giusto coronamento per una crescita costante che dura ormai da oltre un anno e mezzo. Per migliorare ulteriormente la propria situazione, la ventiduenne croata potrebbe sperare in un nuovo calo di tensione di Karolina Pliskova, quinta testa di serie emersa vincitrice sulla padroncina di casa Ajla Tomljanovic con il punteggio da montagne russe di 6-1 1-6 6-1.È stata una partita strana” ha commentato la ceca, “l’inizio di ogni set è sempre stato decisivo“.

 

Risultati:

D. Vekic b. A. Sasnovich 6-2 6-0
[5] K. Pliskova b. A. Tomljanovic 6-1 1-6 6-1

Il tabellone completo


AUCKLAND

Al lato opposto del mondo rispetto a noi e al nostro fuso orario, ancor più a sud-est dell’Australia, c’è la Nuova Zelanda. E più nuova di così non potrebbe essere, visto che il risultato del giorno, per il secondo giorno consecutivo, arriva da una ragazza del 2000: Bianca Andreescu, canadese di origini romene e numero 152 WTA all’inizio della settimana, si è presa la semifinale dell’ASB Classic di Auckland battendo Venus Williams in un match memorabile (non solo per lei), centocinquanta minuti di grande tennis neppure ventiquattr’ore dopo aver sconfitto un’altra ex numero uno e campionessa Slam come Caroline Wozniacki.

Nata vent’anni meno un giorno dopo Venus, che a quell’epoca già faceva faville sul circuito, Andreescu è riuscita in una di quelle vere imprese da teenager che non si vedono così di frequente nel circuito femminile. Ha dovuto metterci grinta e ritrovare la calma, soprattutto, perché, dopo averle recuperato per due volte un break nel primo set, la maggiore delle sorelle Williams ha dominato il tie-break e si è portata in vantaggio, strappandole anche il primo game del secondo parziale. Da lì in poi però Andreescu ha fiammeggiato, mettendo in fila undici game consecutivi prima di tremare appena il giusto per ridare pathos all’incontro.

Venus è apparsa stanca già dalle fasi centrali di partita, però dopo due risultati del genere non c’è da fare altro che applaudire l’impresa della sua giovanissima avversaria che adesso affronterà in semifinale Hsieh. Nella metà opposta di tabellone invece resiste la campionessa uscente Julia Goerges, che ha dovuto però faticare e andare a un passo (anzi, a un punto) dall’eliminazione contro una delle migliori Eugenie Bouchard degli ultimi anni. La canadese ha gestito bene il forte vento, ha strappato il primo set grazie a un break ottenuto con un bel passante in corsa e ha persino avuto match point nel set decisivo, perso poi al tie-break con un punto finale di altissimo livello.

In una delle tre partite (su quattro) lunghe oltre due ore, Goerges ha confermato il suo amore per Auckland e la sua voglia di rimanerci il più a lungo possibile. In semifinale troverà Viktoria Kuzmova, vincitrice di uno “young match” contro la duemilauno Amanda Anisimova. La giovanissima statunitense si è sciolta proprio nell’ultimo game di un match equilibrato, spaventatissima in un turno di battuta nel quale conduceva per 40-0 e si è ritrovata ad attendere quasi venti secondi per ritrovare la calma necessaria a mettere in campo una seconda di servizio. I colpi ci sono, in ogni caso; la maturità invece arriva per ognuno in un momento diverso.

Risultati

V. Kuzmova b. [WC] A. Anisimova 6-3 2-6 6-4
[2] J. Goerges b. E. Bouchard 3-6 6-3 7-6(6)
[Q] B. Andreescu vs [6] V. Williams 6-7(1) 6-1 6-3
[3] S. Hsieh b. S. Sorribes Tormo 6-3 6-2

Il tabellone completo


SHENZHEN

Dopo la pioggia battente che aveva rovinato la giornata precedente si è tornati a giocare allo Shenzhen Open, lontani dall’Australia ma non dalle storie interessanti. Il match di cartello era senza dubbio quello tra Aryna Sabalenka e Maria Sharapova. La russa sperava di recuperare il suo feeling con l’Oriente per ripartire, dato che in Giappone vinse il suo primo titolo WTA nel 2003 e proprio in Cina il suo finora unico titolo post Meldonium-gate, a Tianjin nel 2017, in una tiratissima finale proprio contro Sabalenka. È andata all’opposto: un infortunio alla coscia sinistra la ha costretta ad alzare bandiera bianca a punteggio ormai compromesso.

Si è trattata della sesta sconfitta per ritiro in carriera per Sharapova (curiosamente anche qui c’è di mezzo l’Asia, scenario di ben cinque di questi sfortunati incontri). In conferenza stampa Masha si è mostrata comunque sorridente: “La stagione è ancora lunghissima, devo mantenere un atteggiamento positivo“. Sorride ancor di più Sabalenka, ora ad appena 220 punti dall’ingresso in top 10. La vittoria all’International cinese non basterebbe comunque ma l’impressione è che l’ingresso tra le prime dieci sia ormai questione di settimane, anche perché gli Australian Open possono soltanto portarle guadagni (lo scorso anno venne eliminata al primo turno).

Sabalenka affronterà in semifinale la numero 70 WTA Yafan Wang, brava a sfruttare il fattore campo per ribaltare il suo incontro con Monica Niculescu. La vera rimonta della giornata è però quella di Vera Zvonareva, che ha ribaltato il parziale pre-sospensione del giovedì, nel quale si trovava sotto di un set contro Veronika Kudermetova. Dopo aver strappato il primo parziale della giornata per 7-5, Zvonareva ha chiuso al sesto match point di un game interminabile sfinendo un’avversaria stanca (il suo torneo era iniziato dalle qualificazioni, addirittura tre giorni prima di Capodanno) e allenata dal suo ex coach Sergey Demekhin.

Per mamma Vera è una giornata potenzialmente storica: i punti di questa semifinale la proiettano di nuovo tra le prime 100 giocatrici del mondo, al numero 95, per la prima volta dal gennaio del 2013. Da allora, è dovuta ripartire due volte da zero. Per ritrovare una finale WTA che le manca addirittura dall’ottobre del 2011, a Tokyo, la trentaquattrenne di Mosca dovrà superare nella giornata di sabato Alison Riske, che a Shenzhen ha già raggiunto due volte la finale, nel 2016 e nel 2017. Quella della ragazza di Pittsburgh è un’altra storia “a Est”: a Tianjin, cinque stagioni fa conquistò il primo e finora unico titolo della sua carriera.

Risultati

[1] A. Sabalenka b. [5] M. Sharapova 6-1 4-2 rit.
A. Riske b. S. Cirstea 7-5 6-1
[WC] V. Zvonareva b. [Q] V. Kudermetova 4-6 7-5 6-3
Y. Wang b. [Q] M. Niculescu 2-6 7-6(4) 6-1

Il tabellone completo

 

Continua a leggere
Advertisement
Commenti

Australian Open

Australian Open: Nishikori va ai quarti, a Carreno Busta rimane solo la frustrazione

La partita più lunga dell’intero torneo viene viziata da un singolo, clamoroso, episodio che penalizza Carreno Busta. Merito a Nishikori, che rimane calmo e completa una grande rimonta

Pubblicato

il

Spazio sponsorizzato da Barilla

VIDEO – Ubaldo Scanagatta con il giornalista Vuk Brajovic, Telegraph Belgrade: il nuovo Djokovic

 

Nella storia del tennis il concetto di “furto” ha sempre trovato poco spazio. L’arbitro, nella maggior parte delle occasioni, si ritrova a leggere il punteggio e, al massimo, a essere bersaglio di qualche protesta. Tuttavia quando una sua decisione viene percepita come un errore grave, specialmente se arriva in un momento cruciale come il tie-break del quinto set di un ottavo di finale Slam, il rischio è che l’intero incontro ne esca irrimediabilmente rovinato.

L’immagine di copertina della vittoria di Kei Nishikori su Pablo Carreno Busta non sarà purtroppo il cronometro finale che segna un cinque alla cifra delle ore. E non sarà il recupero con passante al volo che ha permesso al giapponese di girare il tie-break del terzo set, rimettendo in piedi un incontro in cui si era trovato sotto di due set e di un break, né il clamoroso rovescio vincente con cui lo spagnolo ha concluso uno scambio tesissimo nel set decisivo, strappando il servizio quando si era trovato a rispondere per rimanere nel torneo. Non sarà, in buona sostanza, nessuno dei momenti che hanno reso davvero bello l’incontro più lungo di questa edizione degli Australian Open, bensì quello appena successivo, in cui Carreno Busta, paonazzo in volto, lascia la Margaret Court Arena gridando in spagnolo contro il giudice di sedia Tom Sweeney.

Al centro della rabbia di Carreno c’è la decisione dell’umpire di non ripetere il punto sull’8-5 del super tie-break a dieci punti che da quest’anno decide i set decisivi dell’Australian Open che raggiungono il sei pari. I fatti: Nishikori spedisce Carreno fuori dal campo, Carreno con un recupero disperato rimette la palla in campo, mentre Nishikori sta colpendo di rovescio in campo aperto il giudice di linea chiama “out” il recupero di Carreno, che però tocca la riga. A quel punto Carreno sa che, a termini di regolamento, se chiama il challenge e la sua palla è dentro il punto va rigiocato da capo, dalla prima di servizio dell’avversario, e lo fa. Il giudice di sedia glielo concede, salvo poi assegnare comunque il punto perché secondo lui la chiamata non ha influenzato nessuno dei due giocatori, e non c’era possibilità che l’esito del punto fosse diverso.

Citando il regolamento ITF alla voce “Hindrance by Officials”, ovvero “disturbo da parte degli arbitri:
Se la chiamata viene corretta da “out” a “good”, bisogna giocare un Let [e quindi ripetere il punto, ndr] a meno che il giudice di sedia stabilisca che si trattava di un chiaro ace o di un chiaro colpo vincente che il giocatore non avrebbe potuto in alcun modo raggiungere. Nel caso in cui ci sia anche una minima ragionevole possibilità che la palla potesse essere giocata, al giocatore va concesso il beneficio del dubbio.

La situazione sembra proprio questa, anche se fanno storcere il naso un paio di questioni: la chiamata arriva circa in contemporanea del colpo di Nishikori, in un certo senso modificando l’approccio sulla palla del tennista giapponese (che magari, più teso, avrebbe commesso un errore gratuito); a Carreno viene comunque concesso di chiamare il challenge nonostante, pur senza un overrule, sia già stata presa la decisione sull’assegnazione del punto, facendo semplicemente rischiare allo spagnolo di consumare invano la sua ultima chiamata a Hawk-Eye. Di certo si tratta di una situazione spinosa dal punto di vista regolamentare, in cui la più grave mancanza da parte del giudice di sedia è comunicativa. Se Sweeney avesse negato a Carreno il challenge, spiegando la sua decisione, forse l’incontro sarebbe proseguito senza intoppi e con un’altra conclusione.

(ecco il video dell’intero tie-break: il punto incriminato comincia a 10:10)

Carreno deve comunque prendersela soprattutto con se stesso, e con la sua incapacità di rimanere saldo nei nervi a un passo dal successo. In quel momento, di fatto, non gli era stato sottratto nulla se non un potenziale regalo (il torto lo avrebbe al massimo subìto Nishikori, il cui vincente sarebbe stato cancellato da una chiamata errata, che peraltro sembrava disposto al replay). Del resto l’intero incontro è stato prolungato, oltre che da un livello di gioco costantemente alto, da almeno quattro cambi di direzione, tutti dovuti anche alla incapacità di concretizzare un possibile vantaggio. Alla maggior parte dei break è infatti seguito un immediato contro-break, in un punto per punto in cui il servizio è stato determinante soltanto in parte e le emozioni, anche quelle negative, hanno tenuto tutto il pubblico con il fiato sospeso fino alla fine.

Sono molto triste, perché dopo cinque ore di lotta ho lasciato il campo nel modo sbagliato” ha poi detto Carreno in conferenza stampa, dopo essersi calmato almeno un po’. “Mi dispiace perché quello non è il vero me. Ma penso che il giudice di sedia abbia sbagliato, e ho cercato di andarmene il prima possibile” – senza stringerli la mano, ma facendo i complimenti a Nishikori – “dopo aver perso l’ultimo punto perché sapevo che potevo perdere la testa in qualsiasi istante“. Nishikori sull’episodio ha preferito glissare, chiedendo ai giornalisti di concentrarsi sulla sua terza rimonta in carriera da due set di svantaggio. “Era soltanto un punto, e la pausa per la discussione avrebbe potuto avere un effetto anche su di me. Sono molto contento di come sono rientrato nel match, non so neppure come ho fatto ma sono davvero felice per la vittoria“.

In effetti nei primi due set Nishikori, pur non giocando male, aveva collezionato un numero di gratuiti molto alto, e le sue gambe sembravano muoversi in maniera poco sciolta. Ai quarti di finale affronterà un Novak Djokovic presumibilmente un po’ stanco dopo il successo su Daniil Medvedev, ma forte di un largo 15-2 nei precedenti. Intanto il giapponese si conferma principe dei tie-break (anche di quelli super, dato che al secondo turno aveva avuto la meglio su Ivo Karlovic nello stesso modo). Curioso, ma fino a un certo punto: se nelle situazioni di comodo vantaggio gli capita di smarrirsi di colpo, è in quelle di punteggio tirato che il numero 8 del mondo dà il meglio, e il temuto gioco decisivo ne è forse il miglior esempio. La vittoria anche in questo senso è meritata: ha saputo affrontare meglio dell’avversario una difficoltà in più, l’ultima, ed è stata decisiva.

Risultato:

[8] K. Nishikori b. [23] P. Carreno Busta 6-7(8) 4-6 7-6(4) 6-4 7-6(8)

Il tabellone maschile

Continua a leggere

Australian Open

Australian Open: Raonic facile, troverà Pouille. Zverev negli Slam proprio non c’è

MELBOURNE – Sconcertante inizio di Sascha, totalmente senza servizio. Sconfitta senza attenuanti, bravissimo Milos

Luca Baldissera

Pubblicato

il

Milos Raonic, Australian Open 2018, foto di Roberto Dell'Olivo

Spazio sponsorizzato da Barilla

VIDEO – Ubaldo Scanagatta con il giornalista Vuk Brajovic, Telegraph Belgrade: il nuovo Djokovic

 

da Melbourne, il nostro inviato

[16] M. Raonic b. [4] A. Zverev 6-1 6-1 7-6(5)

PARTENZA HORROR DI SASCHA – L’ultima volta che ci avevano giocato contro, venendo entrambi sconfitti uno dopo l’altro (Hopman Cup a parte nel caso di Roger), Federer e Djokovic, intervistati alle ATP Finals di Londra, concordavano nell’affermare che rispondere al servizio di Alexander Zverev a volte poteva essere più difficile che ribattere a Isner. Il capofila della truppa “next gen” qui a Melbourne affronta negli ottavi di finale il bombardiere canadese Milos Raonic, uno che sulla qualità e sull’esplosività del servizio fonda il suo gioco. In tribuna stampa, quindi, siamo tutti con il pallottoliere, ma veniamo subito spiazzati dall’inizio del match il cui esito sarà altrettanto sorprendente.

Break e controbreak nei primi due game, un po’ regalato il primo da Raonic, con due errori e un doppio fallo, lottatissimo (14 punti) il secondo, in cui Sascha ha avuto una palla del 2-0. Il canadese, da questo momento, si scioglie sia come colpi (belle alcune volée al seguito del servizio) che come corsa e gioco da fondocampo, mentre il giovane tedesco sembra ancora contratto, e non riesce a impostare i suoi prediletti scambi in feroce pressione da dietro. Nel quarto game ancora Zverev nei guai, con doppio fallo e gratuiti evitabili: c’è il 15-40, e alla seconda occasione un passante di rovescio di Milos lo manda 3-1. Altro break, che brutto inizio per Sascha. Diventa pure peggio poco dopo, sul 4-1 Raonic, quando un doppio fallo, già il terzo, gli costa una palla break contro; poi ce n’è un’altra, e un’altra ancora, e addirittura una quarta, che alla fine (molto bene in attacco Milos) gli costa il terzo break subito. Zverev non ha ancora tenuto un turno di battuta. In 34 minuti è 6-1 Raonic. 12 palle break affrontate, 3 servizi persi, statistiche orribili per Sascha, non è proprio sceso in campo finora. Milos bene senza nemmeno fare cose straordinarie, ma contro questa dimessa versione del campione 2018 del Masters non ce n’è proprio bisogno. Chissà cos’ha Zverev, fisicamente sembra a posto, ma peggio di così è difficile giocare.

Primo punto del secondo set, doppio fallo, poi di nuovo (siamo a 5), 0-40, Sascha pare totalmente bloccato di nervi e muscoli, partono i primi fischi dagli spalti. Parte anche un drittone di Raonic che si prende il quarto break e il vantaggio immediato, Ivan Lendl in tribuna è impassibile come sempre, dove sia finito il servizio al fulmicotone mostrato a Londra da Zverev non si sa. Milos continua con la sua onesta partita, sale 2-0, e oltre alla superiorità per adesso schiacciante alla battuta, sta pure scambiando meglio da dietro, e a rete se la cava alla grande (20 punti al volo su 27 discese, 14-20 con il serve&volley diretto, sono numeri da anni ’90). Tutte brutte notizie per Sascha, che finalmente tiene un game di servizio nel frattempo, ma dovrà salire di livello davvero molto se vorrà darsi una possibilità di far partita. Purtroppo per lui la vicenda non cambia direzione: nel quinto game tre doppi falli (siamo a 8), ennesimo break (il quinto), racchetta frantumata con certosina dedizione (abbiamo contato 9 botte sul cemento), ovvio warning e code violation. Quel che conta è che siamo 4-1 e servizio per Milos, pochi minuti dopo 5-1, ennesimo game disastro alla battuta di Sascha, un paio di bei dritti di Raonic, ed è un altro 6-1. E’ passata un’ora e 3 minuti. Personalmente, mentre mi interrogo a sguardi con i colleghi in tribuna stampa, e faccio mente locale, ho difficoltà a ricordare un numero 4 ATP, dotato di gran battuta (almeno in teoria) che a livello di ottavi Slam tenesse un servizio su 7 in due set.

Alexander Zverev – Australian Open 2019 (via Twitter, @AustralianOpen)

ALMENO UN SET LOTTATO – Quando in avvio di terzo parziale Zverev conquista il suo game di servizio per l’1-1, pare un avvenimento. Anche se il tennis espresso dai due in campo è molto diverso, sembra un po’ quello che è accaduto ieri nei primi 2 set tra Nadal e Berdych, col ceco assente ingiustificato per la prima ora. Come Tomas ieri, nel terzo parziale Sascha si sveglia, ritrova ritmo e percentuali col servizio, e inizia a tenere con autorità sufficiente i suoi game di battuta. Nulla di che, intendiamoci, ma almeno ora il punteggio ha un andamento regolare. Da parte sua Raonic va via col pilota automatico, e continua a vantare statistiche molto buone: 12 ace, un ottimo 39-21 tra vincenti ed errori e un 29/40 di punti fatti rispetto alle discese a rete. Nello scambio il canadese utilizza bene lo slice, appena ha una palla sul dritto spara, e va a rete a ogni occasione utile: non sarà aggraziato, o stilisticamente “bello” come esecuzioni (cosa significherà, poi), ma non si può dire che non sia super-propositivo e spettacolare, uno dei pochissimi attaccanti puri in giro.

Nel decimo game, in risposta, Milos mette a frutto tutte queste qualità, si prende il 15-40 e due match point (aiutato dal nono doppio fallo di Zverev), ma è bravo il tedesco a salvarsi con la regolarità (29 palleggi sul secondo), pareggiando 5-5. Forse qui Raonic avrebbe potuto e dovuto prendersi qualche rischio in più, se li è giocati a far sbagliare l’altro, il che visto l’andazzo ci poteva stare, ma alla fine non ha pagato. Grande urlo di celebrazione, si vede che Sascha ci crede ancora e naturalmente fa benissimo. Anche perché, dopo essersi arrampicato al tie-break, un passantone diagonale di rovescio lo manda in vantaggio di un mini-break. Che restituisce subito con il decimo doppio fallo, però, ma poi se lo riprende grazie a un gratuito di Milos. Si esalta il tedesco con la “veronica” a rete che lo manda 4-2, ma poi sbaglia un rovescio e siamo di nuovo in equilibrio, 4-4. Un dritto in rete di Sascha manda Milos 6-4, sono altri due match-point. Il primo viene cancellato dal servizio, ma sul secondo un grandissimo serve&volley di Raonic conclude la partita. Ennesimo stop prima delle fasi finali di uno Slam per Zverev, imperdonabili i primi due set non giocati. Avanti con pieno merito Milos, che su questi campi rapidi, nello stato di forma che sta dimostrando, sarà un cliente difficile per tutti. A partire da Lucas Pouille, contro il quale conduce 3-0 nei precedenti.

“Beh, quando ho perso il servizio all’inizio, pensavo che sarebbe stata ben diversa la partita, ma l’ho fatta girare subito. Ho giocato molto bene, sui primi due match-point però ero teso e avrei potuto fare di più” analizza lucidissimo come sempre Milos a fine partita. “Le cose stanno andando bene per me. Certo, non avevo calcolato come tattica di giocare 29 palleggi sul match point! (ride) Con Goran mi trovo alla grande, ci capiamo molto bene, e le cose tra noi vanno avanti in modo semplice. Borna gioca bene nell’ultimo anno, Lucas sta facendo un bel torneo, vedremo, ora vado a riposarmi poi li guarderò!”.

LUCAS AI QUARTI – Un po’ a sorpresa, l’avversario ai quarti di finale di Raonic sarà Lucas Pouille, 28esima testa di serie che entra per la prima volta tra i primi otto dello Slam australiano. Nella sfida di solidità e pragmatismo contro Borna Coric ci si aspettava che avrebbe prevalso il più giovane, lanciatissimo dopo un ottimo finale di 2018 che invece certo non aveva sorriso a Pouille, capace nella scorsa stagione di distinguersi solo in tornei minori (e tutti a febbraio, per curiosa coincidenza). Invece la vittoria è stata raccolta con pieno merito dal francese che torna a giocare un quarto Slam dopo l’ottimo 2016 in cui ci era riuscito sia a Wimbledon che allo US Open.

Il primo set rispetta tutto ciò che ci si attendeva dalla partita. Generale equilibrio nello scambio da fondocampo, soprattutto sulla diagonale del rovescio, scambio di break a inizio parziale e quindi un viaggio più o meno regolare fino al tie-break che viene vinto dal giocatore che ha affrontato l’incontro con maggiori credenziali. Coric, per i motivi che abbiamo descritto. Nel secondo parziale però, quello che già era sembrato un piccolo allarme per il 22enne croato si trasforma in un problema piuttosto cospicuo: la seconda non funziona e il francese capisce che può aggredire con profitto. Pouille si procura occasioni di break nei primi due game di risposta ma Coric annulla prima con il servizio e poi spingendo sul rovescio del suo avversario, il suo colpo forte, con discreto coraggio. La sensazione però è che Pouille ora stia manovrando meglio, e infatti sul 3-3 l’equilibrio si rompe. Coric va sotto 0-30, commette doppio fallo e poi spara un pessimo dritto in corridoio. Per un altro set e mezzo il croato non riuscirà a guadagnarsi alcuna occasione di break, tanto da permettere a Pouille l’aggancio e poi il sorpasso. Due set a uno per Pouille, che ora si lascia preferire anche al servizio.

La passività che ha avviluppato Coric per quasi tutto l’incontro sparisce nel settimo game, con Pouille già in vantaggio di un break – conquistato in apertura di set – e proiettato al turno successivo. Il croato recupera una palla corta presuntuosa di Pouille e pareggia i conti, convincendo poi anche il suo avversario ad accettare il tie-break. Il gioco conclusivo boccia però il croato, tradito ancora del dritto e poi addirittura scherzato da un pallonetto di Pouille che ne frustra le residue speranze di rimonta. Difficile dire se questo è già l’impatto di Amelie Mauresmo, nuova allenatrice di Pouille, ma la certezza è che il francese non giocava così bene da un bel po’ di tempo.

Lucas Pouille – Australian Open 2019 (via Twitter, @AustralianOpen)

Risultati:

[16] M. Raonic b. [4] A. Zverev 6-1 6-1 7-6(5)
[28] L. Pouille b. [11] B. Coric 6-7(4) 6-4 7-5 7-6(2)

Il tabellone maschile

Continua a leggere

Australian Open

Australian Open: Osaka rimonta e rimane la favorita. Pliskova è perfetta

MELBOURNE – La giapponese accede ai quarti di finale, dove troverà un’ottima Svitolina; resta la prima favorita per la vittoria finale? Pliskova annichilisce Muguruza e sfiderà Serena

Pubblicato

il

Spazio sponsorizzato da Barilla

VIDEO – Ubaldo Scanagatta con il giornalista Vuk Brajovic, Telegraph Belgrade: il nuovo Djokovic

 

Serena è la vera numero 1, ma Halep merita applausi

SVITOLINA SI GUADAGNA OSAKA Third time is a charmAl terzo confronto diretto Elina Svitolina supera Madison Keys, qualificandosi per la quarta volta ai quarti di finale di uno Slam, la seconda in Australia dopo quella dello scorso anno. L’ucraina, reduce da un esordio 2019 negativo con una sconfitta immediata a Brisbane, sembra essere ancora ai livelli dello scorso ottobre, quando macinava regolarità e avversarie fino al titolo nelle WTA Finals.

Tre set speculari, con una a comandare e l’altra a rincorrere. E quando ciascuna riesce a mettere in atto il suo piano principale, non c’è contromisura che tenga. Svitolina si appoggia alla grande e punge con il rovescio per volare 4-0 e poi 6-2; nel mezzo un Time Out Medico per trattare un dito del piede sinistro, che forse la condiziona nella mobilità brillante mostrata fino a quel momento. Keys si affida al suo dritto esplosivo che nel corso del torneo si è rivelato via via più potente e preciso, in sorprendente controtendenza con le sue abitudini, e risponde con un roboante 5-0 in avvio di secondo set, poi convertito in 6-1. Il terzo è una nuova passerella ucraina. Vittoria che in un certo senso potrebbe sbloccare Svitolina: è la prima contro una top 20 in uno Slam negli ultimi sette incontri (appena la terza totale in carriera), non ne batteva una dal 2016 (Ivanovic al Roland Garros 2016). Il suo problema, adesso, è che l’asticella si alza sensibilmente.

Elina Svitolina – Australian Open 2019 (via Twitter, @AustralianOpen)

Ai quarti se la vedrà infatti con la campionessa degli US Open Naomi Osaka. La giapponese spara 51 vincenti e resiste all’affondo iniziale di Anastasija Sevastova, già battuta anche a inizio stagione a Brisbane (3-2 i precedenti adesso). “Mi hanno ispirato Tsitsipas e Tiafoe“, e si è visto. Incontro divertente, la lettone varia e a tratti incanta, leggera ma aggressiva, toglie il tempo e prende l’iniziativa. Break immediato che non cederà fino a chiudere il primo set, con Osaka che aggiusta il mirino prendendo rischi che non pagano.

Dal secondo parziale è un crescendo di vincenti per Naomi, che è ancora in corsa per diventare la decima donna della storia a vincere New York e Melbourne in fila (Serena Williams l’ultima a riuscirci nel 2015). Una pioggia di soluzioni definitive, specialmente con il dritto, costringono Sevastova a rincorrere e a perdere terreno in progressione: nel secondo set Osaka allunga nel sesto gioco, spingendo da 3-2 a 6-3. Si aggiunge un break di inerzia in avvio di set conclusivo (2-0), ma Sevastova è brava a concedersi un’ultima possibilità, variando al servizio spesso al centro e rimanendo concentrata fino al controbreak del 3-3; è un colpo di reni effimero, Osaka strappa immediatamente il servizio (4-3), e poi amministra. Con Svitolina sarà match da prime timee la giapponese dovrà convivere con la pressione di essere la favorita.

MONOLOGO CECO, OCCHIO A PLISKOVA – Se è vero che quando Karolina Pliskova gioca a tennis da par suo può raggiungere picchi di rendimento assai difficili da eguagliare, di questa sconfitta si dovrebbe fare una colpa solo parziale a Garbiñe Muguruza, il cui raggiungimento degli ottavi di finale è sostanzialmente in linea con la sua attuale dimensione. Appare persino doveroso rivalutare ulteriormente la prestazione di Giorgi, capace di tenere il testa a testa fino a metà del secondo set contro una giocatrice che oggi ha spazzato via dal campo Muguruza in un’ora di gioco commettendo appena tre errori gratuiti, uno nel primo set e due nel secondo.

Baldissera e Gibertini, da Melbourne, avevano pronosticato un incontro non bellissimo che difficilmente avrebbe potuto avere una vincitrice diversa da Pliskova. È andata così. Nonostante il break subito in avvio di incontro – Muguruza è passata a condurre 2-1 e servizio – Karolina non ha battuto neanche per un istante le sue ciglia boeme, anzi ha preso immediatamente a giocare con un ritmo e una profondità insostenibili per la sua avversaria. Qualche aiuto da Muguruza è certamente arrivato: assai rivedibile lo smash che ha consegnato a Pliskova la palla del contro-break, così come il rovescio sballato che subito dopo l’ha convertita. La forbice tra le due giocatrici si è quindi fatta prima apprezzabile, poi severa e quindi incolmabile. Dal 2-2 del primo set Pliskova ha perso soltanto tre punti al servizio e ha potuto concentrarsi sui game di risposta, trovando soluzioni aggressive sia da fondo campo che nei pressi della rete. Un dato più di tutti: quando Muguruza ha messo in campo la prima, ha vinto solo la metà dei punti. Notevolissima Pliskova soprattutto con il rovescio incrociato – un paio di esecuzione strette da applausi – e il dritto in corsa, colpo che non sempre le ha garantito punti come è accaduto oggi.

Karolina mantiene così intatte le speranze di titolo e di leadership della classifica, che pure la vede ancora al settimo posto per la contemporanea vittoria di Svitolina. Ai quarti sfiderà Serena Williams, ma scendendo in campo così, potrà giocarsi le sue carte.

Karolina Pliskova – Australian Open 2019 (via Twitter, @AustralianOpen)

Risultati:

[16] S. Williams b. [1] S. Halep 6-1 4-6 6-4
[7] Ka. Pliskova b. [18] G. Muguruza 6-3 6-2

[4] N. Osaka b. [13] A. Sevastova 4-6 6-3 6-4
[6] E. Svitolina b. [17] M. Keys 6-2 1-6 6-1

Il tabellone femminile

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement