Murray decide di operarsi: lo rivedremo?

Focus

Murray decide di operarsi: lo rivedremo?

Lo scozzese si è fatto impiantare una protesi metallica all’anca, come Bob Bryan. Dubbi sulle prospettive di ritorno, ma una speranza: Wimbledon 2020

Pubblicato

il

Andy Murray - Australian Open 2019 (foto @Sport Vision, Chryslène Caillaud)
 

Andy Murray si è operato all’anca. Ad annunciarlo è stato lo stesso scozzese tramite un post sul proprio profilo Instagram. Oltre alla foto di rito sul lettino dell’ospedale (un grande classico degli atleti infortunati), Andy ha voluto pubblicare anche una radiografia che mostra perfettamente la sua nuova protesi metallica.

https://www.instagram.com/p/BtNiST6FrYn/

Murray si è sottoposto allo stesso intervento di ricostruzione dell’anca di Bob Bryan. Il gemellone, costretto a fermarsi dopo il torneo di Madrid, si è operato ad agosto ed è poi tornato in campo questo gennaio, a Brisbane, a circa sei mesi dall’intervento. Nelle scorse settimane, Bob ha rivelato di aver parlato spesso con Murray durante il torneo. Proprio dallo statunitense sono stati chiariti i dettagli dell’operazione e del processo di recupero. “Viene impiantato un sostituto artificiale dell’anca, una barra di metallo comunque molto performante per gli sportivi. Dopo due giorni dall’intervento mi sono alzato con le stampelle, tre settimane più tardi camminavo con un bastone allo US Open, il 5 dicembre ho ripreso ad allenarmi dopo la riabilitazione”. Lo scozzese si è informato minuziosamente su ogni aspetto medico e alla fine ha optato per l’intervento chirurgico.

Non si sa se la decisione di andare subito sotto i ferri sia motivata dalla chimera di un ritorno o piuttosto semplicemente da un dolore che, anche nella vita di tutti i giorni, si era rivelato insostenibile. Murray stesso aveva parlato delle sue difficoltà anche nei piccoli gesti quotidiani, come mettersi i calzini o allacciarsi le scarpe. Il colloquio con Bob Bryan e il suo esempio potrebbero però anche essere d’ispirazione per un ultimo valzer. Certo il doppio e il singolare richiedono uno sforzo fisico ben diverso e sia Murray che Bob hanno ammesso che non c’è certezza di poter tornare a competere. Questo tipo di intervento ha aiutato giocatori di basket, baseball e football con lo stesso problema, ma non è mai stato effettuato su un tennista singolarista di alto livello. Nessuna certezza dunque, ma una speranza di potersene andare alle proprie condizioni, quella sì.

Se infatti è piuttosto difficile, dati i tempi di recupero, che Murray possa coronare il suo sogno di dare l’addio al tennis a Wimbledon quest’anno, è anche vero che lo scozzese potrebbe anche posticipare l’ultimo saluto all’anno prossimo. In questo modo potrebbe affrontare la riabilitazione con calma, senza bisogno di affrettare i tempi, e poi concedersi l’ultimo ballo sull’erba di casa. Come vuole lui. Come è giusto che sia.

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
ATP4 settimane fa

Trattative Sky-FITP-Supertennis. A che punto è la negoziazione dei diritti-tv

Flash4 settimane fa

Diritti TV SKY e FITP: ecco lo scenario di questa aspra negoziazione infinita [VIDEO]

evidenza3 settimane fa

In Svizzera è polemica sulle On di Roger Federer. La risposta: “In Vietnam paghiamo oltre il minimo salariale”

ATP2 settimane fa

ATP Rotterdam: Sinner: “Fra uno Slam e una medaglia olimpica scelgo la seconda. Non vedo l’ora di conoscere i migliori atleti del mondo” [AUDIO]

evidenza3 settimane fa

Richard Krajicek: “Piatti mi disse di Sinner ‘diventerà un campione’”. Jannik al servizio è come Djokovic: la battuta è un extra, ma quando gli serve la mette dentro” [VIDEO INTERVISTA]

Flash3 settimane fa

Ubaldo da Rotterdam: “Sinner sulle orme di Camporese? Siamo qui apposta”

ATP2 settimane fa

ATP Rotterdam, il viaggio di Sinner continua: “Bisogna anche divertirsi. Io ho trovato le persone giuste al momento giusto” [AUDIO]

ATP2 settimane fa

ATP Rotterdam, Sinner: “Contento del numero 3 ma le cose più importanti sono altre” [AUDIO]

ATP2 settimane fa

Griekspoor, prima “vittima” delle 12 di fila di Jannik: “Per me Sinner è il più forte tennista del mondo” [AUDIO ESCLUSIVO]

Flash4 settimane fa

Mattarella: “Azzurri, in Coppa Davis ho visto un vero spirito di squadra” (Cocchi, Primavera) Campioni d’Italia (Guerrini) Sinner porta il tennis al Quirinale (Piccardi) Italdavis in festa, Sinner incoronato da Mattarella (Mei, Schito)

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement