Medvedev, parla il coach: "È stato un processo. Gli abbiamo costruito un team attorno"

Interviste

Medvedev, parla il coach: “È stato un processo. Gli abbiamo costruito un team attorno”

Quattro chiacchiere con Gilles Cervara, che segue il 23enne russo dal 2014. L’Academy, la crescita di Daniil, gli obiettivi, i vari aspetti della gestione e i dati statistici

Pubblicato

il

Daniil Medvedev - Barcellona 2019 (foto via Twitter, @bcnopenbs)

da Barcellona, il nostro inviato Federico Bertelli

Zverev, Tsitsipas, Khachanov, Shapovalov, Tiafoe, Garin, Auger-Aliassime. Cosa hanno in comune tutti questi nomi? Sono tutti i Next Gen di punta e sui quali i fari sono puntati. E a Barcellona sono tutti usciti prima dei quarti di finali. Daniil Medvedev, 23 anni, giocherà invece oggi la semifinale contro il due volte campione Kei Nishikori (a partire dalle 13.30). La lista dei giovani talenti continua ad ampliarsi, ma raramente il grande pubblico mette in posizione preminente Danil Medvedev. Sarà per un gioco pulito ma privo di picchi entusiasmanti come Shapovalov, o per un appeal mediatico anni luce indietro rispetto a Tsitsipas.

Il progresso nel Ranking da giugno 2016 ad oggi: clicca per ingrandire

Tuttavia il ragazzo di Mosca, che spesso e volentieri nei grandi tornei viene relegato sui campi secondari, non potrà rimanere a lungo nascosto. Ad oggi, è il giocatore nel circuito con il maggiore numero di partite vinte nel 2019 (24) e al quinto posto nella Race to London. Non essere al centro di attenzione non sembra infastidirlo più di tanto, semplicemente dice: “Se riuscirò a raggiungere buoni risultati nei 1000 e negli Slam la gente mi noterà”.

 
Legenda colori: blu Garin, rosso Medvedev, verde Shapovalov, viola Tsitsipas

Per scoprire un po’ di più su Daniil Medvedev e sul suo percorso, abbiamo allora fatto due chiacchiere con il suo coach, Gilles Cervara, co-fondatore della Elite Tennis Academy, situata nei pressi di Cannes, non lontana dalla Mouratoglou Tennis Academy.

Qual è la proposizione tecnica e manageriale che caratterizza la Elite Tennis Academy?
Io e Jean Renè Lisnard abbiamo creato questo centro nel luglio 2013. Quello che volevamo era offrire un percorso di qualità, non prendiamo mai più di 20 giocatori. Prima di accettare un giocatore testiamo il suo livello tecnico, le aspettative, e cerchiamo di capirne anche il profilo come persona. Valutiamo anche il contesto familiare di provenienza.

Avete qualche connessione con la Federazione Francese?
Da parecchi anni la federazione dice di volere fare degli investimenti nel sud della Francia, ma non si sono mai concretizzati. Il centro federale è a Parigi e rimane a Parigi. Ci sono alcuni club dalle parti di Nizza che vengono utilizzati in preparazione della stagione, in vista della stagione junior ITF in aprile o presso la Mouratoglou Academy in occasione della Davis, ma non credo ci sia davvero l’intenzione di spostare il centro nazionale.

Parlando di Daniil, direi che è il giocatore più importante che si allena alla vostra accademia, a partire dal 2014. A quel tempo aveva a malapena una classifica ATP, era intorno al numero 700. Il 2016 ruppe per la prima volta la barriera dei primi 100, ma poi ci furono diversi alti e bassi. Nel 2014, quando era solo un prospetto, perché avete deciso di puntare su di lui?
A quell’epoca era un junior che aveva ottenuto buoni risultati, era fra i primi 10 al mondo e il progetto che stavamo costruendo era interessante. Speravamo potesse migliorare, ma poi per sfondare serve un mix di lavoro, talento e anche fortuna. Tutte e tre le componenti devono andare assieme.

C’è stato un momento in cui Daniil non sembrava particolarmente focalizzato, magari su piccoli aspetti. Tra il 2014 e il 2016 ha impiegato un po’ di tempo per arrivare in top 100. Mi ha colpito un episodio in cui lei sferzava Daniil, dicendogli che se quello che stava dando in quel momento era il 100%, allora era meglio lasciar perdere perché non era abbastanza.
Sì, con Daniil è stato un processo. Abbiamo cominciato a lavorare pienamente con lui nel 2017, e abbiamo costruito un team attorno a lui. Abbiamo capito che dovevamo costruire un team per poterlo aiutare al 100% e sistemare ogni piccolo dettaglio. A quel punto anche Daniil iniziava a capire che tutte le piccole cose che cominciavamo a predisporre funzionavano, come ad esempio l’attenzione all’alimentazione. E vedere che i risultati erano positivi ha contribuito a stabilire un circolo virtuoso.

Parlando in generale, c’è una deadline oltre la quale se un giocatore non ha sfondato allora probabilmente non lo farà mai?
È difficile, ognuno deve trovare la sua strada e capire come superare i suoi limiti. Non credo ci sia una regola meccanicistica. Naturalmente se parliamo di campioni o di top ten è necessario sfondare quanto prima per avere il tempo e il margine per migliorare, ma per essere semplicemente un professionista dipende. C’è una grossa differenza fra top ten e vincitori di Slam e il resto del gruppo.

All’inizio dell’anno di solito vi prefiggete degli obiettivi? E se sì quali sono gli obiettivi per il 2019?
Prima di tutto all’inizio dell’anno concordiamo quelli che sono gli obiettivi per la stagione, ma poi non c’è una schedule analitica, con i risultati minimi da raggiungere torneo per torneo. E poi dobbiamo capire cosa è necessario fare per arrivare li. Ovviamente raggiungere buoni risultati nei tornei importanti cambia la prospettiva e influisce sul raggiungimento degli obiettivi. L’idea più che altro è di migliorare una partita alla volta e cercare di pensare un match alla volta. Cerchiamo di rimanere nel presente.

Il sorteggio sembra essere favorevole per Daniil (l’intervista è stata fatta prima dei match di ottavi e di quarti di Medvedev, ndr), sembra esserci la possibilità di arrivare avanti, magari anche in finale, lei che ne pensa?
Come dicevo, non ragiono in questi termini e anche Daniil lo fa; ragioniamo step by step, match by match. Ci sono troppe variabili che vanno fuori dal nostro controllo. Ovviamente spero che arrivi in finale e vinca il torneo comunque.

Al giorno d’oggi gli atleti sono ormai dei marchi ed è necessaria una gestione del profilo, dei media… con Daniil curate anche questi aspetti? Anche per avere condizioni migliori?
Io mi focalizzo sulla parte sportiva. C’è un’agenzia che si occupa specificamente di queste cose che portano via parecchio tempo. Non ho il tempo di focalizzarmi su questi aspetti anche perché non è il mio lavoro, io sono prima di tutto il trainer. Tuttavia questi ragionamenti sono corretti e c’è chi ci sta lavorando.

Nel preparare le partite e curare aspetti tecnici e strategici fate uso di dati statistici? Toni Nadal ad esempio nella Nadal Academy implementerà tecniche di intelligenza artificiale per raccogliere dati e capire pattern di gioco. Lei che ne pensa?
Utilizzare in maniera così strutturata i dati non fa parte del mio modo di lavorare. Servirebbe un team dedicato su questi aspetti. Quello che faccio talvolta è raccogliere dati e statistiche per preparare le partite, ma non è un modus operandi sistematico, dipende dalle occasioni. Dipende anche da cosa voglio approfondire e da quello che sento in quel momento. Mi lascio la porta aperta anche a questa opzione, ma al momento non sono in grado per motivi di tempo di farlo con continuità. Ieri ad esempio volevo verificare alcuni aspetti del gioco di Daniil e ho fatto una rilevazione ad hoc, ma ripeto, niente di sistematico.

Continua a leggere
Commenti

Australian Open

Australian Open, Sinner: “Non sottovaluterò Daniel. Se ha battuto Murray vuol dire che sta giocando bene!” [VIDEO]

Commenti sul prossimo rivale: “Io contro Andy ho perso, e vincere qui dipende da tanti fattori”. Daniel ha già battuto quattro italiani nel 2022, ma Jannik non ha ancora perso un set in cinque partite

Pubblicato

il

Jannik Sinner - Sydney 2021 (foto via ATP Tour)

Difficile capire se sia stata più rapida la vittoria di Jannik Sinner ai danni di Steve Johnson o la conferenza stampa che ne è seguita: le sole domande per Jannik sono arrivate dal direttore di Ubitennis Ubaldo Scanagatta. L’unico commento dell’altoatesino sul match odierno è quindi arrivato su invito del moderatore del Q&A: “Ovviamente non è facile giocare contro [Johnson], l’avevo già affrontato due volte. Ho provato a ribattere i suoi servizi in qualche modo, soprattutto le sue prime che sono precise e difficili da leggere. Quello era il mio primo obiettivo, poi ho cercato di variare un po’ il mio gioco per muoverlo il più possibile. Penso di essere stato solido; sono contento perché ho sfruttato bene le chance che ho avuto per breakkare“.

Il direttore si è invece concentrato sul prossimo avversario del numero due italiano, vale a dire il qualificato giapponese Taro Daniel (giustiziere di Sir Andy Murray e vincitore di 8 partite su 9 giocate in stagione) e più in generale su un tabellone che rispetto al passato sembra aprire prospettive decisamente ambiziose. Di seguito le sue domande.

Ubaldo Scanagatta, Ubitennis: Meglio di così forse non potevi fare, grande solidità e una sola palla break concessa, complimenti! Forse sarai contento di affrontare Taro Daniel, anche se ha battuto tre italiani nelle qualificazioni [Arnaboldi, Moroni e Caruso, più Musetti all’Adelaide International 1 nella prima settimana dell’anno, ndr]. Cosa sai di lui e cosa pensi del prossimo match?

 

Sinner: “Se è al terzo turno è perché sta giocando bene. Non sapevo che avesse battuto tre italiani, dovrò stare attento perché i nostri giocatori sono tutti incredibili, quindi non è semplice batterli. Le partite sono sempre difficili, ad ogni livello; io sono favorito sulla carta ma vincere qui è sempre tosto, dipende tanto dalle condizioni e dal vento. Murray lo devi battere, io per esempio ci ho perso! Domani ho una giornata libera e cercherò di migliorare il mio gioco, poi mercoledì mi adatterò alle condizioni“.

Ubaldo Scanagatta, Ubitennis: Terzo turno con Daniel e potenziale ottavo con il vincente di De Minaur-Andujar. Direi che dopo tanta sfortuna nei sorteggi potrai finalmente sorridere scorrendo il tuo tabellone – che ne dici?

Sinner: “Vediamo come va”.

Laconico anziché no il classe 2001, più focalizzato che mai sul primo Slam della stagione: nel 2022 non ha infatti ancora perso un set in cinque incontri disputati, un 12 su 12 che, al netto di avversari ancora non di primissima fascia, racconta bene la forma di Sinner.


TABELLONE MASCHILE

TABELLONE FEMMINILE


Continua a leggere

Australian Open

Australian Open, Berrettini: “Alcaraz è in forma, ma io vivo per queste partite”

Il N.1 italiano commenta la vittoria su Kozlov: “Buon livello nei punti importanti”. E sul match con Alcaraz: “Queste condizioni favoriscono me”

Pubblicato

il

2022 AUSTRALIAN OPEN, Matteo Berrettini (ITA), Photo © Ray Giubilo

Giunto in conferenza stampa in seguito alla vittoria ottenuta contro Stefan Kozlov, Matteo Berrettini ha scambiato qualche battuta con i giornalisti in maniera decisamente più tradizionale rispetto a quanto successo lunedì, quando un problema allo stomaco gli aveva impedito di concludere il Q&A.

L’attenzione si è ovviamente soffermata sul match odierno ma anche su quello che sarà il terzo turno più atteso della competizione, vale a dire quello contro quel Carlos Alcaraz che nelle prime due uscite è sembrato in grandissima forma nonostante la mancanza di partite pre-torneo. Nell’unico precedente l’iberico classe 2003 aveva vinto nei quarti dell’Erste Bank Open di Vienna per 6-1 6-7(2) 7-6(5), ma stavolta Matteo sente di poter fare meglio.

Di seguito le domande della conferenza in italiano:

 

Lorenzo Ercoli, Tennis Italiano: Tornando anche al match con Nakashima, dato che poi non hai fatto la conferenza stampa. Dopo questi due incontri quali sono le cose di cui sei contento e quelle che vuoi rivedere?

Berrettini: “Mi dispiace di non essere riuscito a finire lunedì ma dovevo andare in bagno! Oggi credo di aver espresso un buon livello nei momenti importanti, ho lavorato in modo positivo durante la pre-season quindi mi sento bene. Ogni match ti porta a giocare in un certo modo, ma la fiducia per fare bene c’è. Il prossimo match sarà più difficile di questo, ma anche i due avversari precedenti mi hanno messo in difficoltà per alcune caratteristiche di gioco. Comunque sono contento della mia forma e di aver raggiunto il terzo turno di uno Slam un’altra volta”.

Lorenzo Ercoli, Tennis Italiano: C’è un avversario che attendi di affrontare?

Berrettini: “Mi piacerebbe giocare la finale di Wimbledon contro mio fratello! Non lo so, è tanto che non gioco contro Rafa, ma ogni partita è difficile, il livello medio si è alzato parecchio secondo me“.

Ubaldo Scanagatta, Ubitennis: In cosa potrà essere diversa questa partita rispetto a quella dello scorso ottobre a Vienna [vinta da Alcaraz in tre set], su cosa punti per farla girare a tuo favore questa volta?

Berrettini: “Innanzitutto conto sul mio tennis. Inoltre io sono un giocatore che tende a conoscere meglio gli avversari giocandoci contro più volte. Quella partita si è decisa su pochi punti nonostante lui stesse giocando ad un livello pazzesco, soprattutto nel primo set. Sono rimasto agganciato al match pur non giocando la mia miglior partita. Lui è aggressivo e si muove bene, ma sento che le caratteristiche di questo campo mi danno la possibilità di fare bene, è uno dei giocatori più caldi, lo sappiamo, ma si vive e ci si allena per giocare partite così, quindi sono pronto“.

LE DOMANDE DELLA STAMPA INTERNAZIONALE

Durante la conferenza in inglese, Berrettini ha detto una cosa interessante su Kozlov: “Lui è un giocatore curioso, sembra quasi farti addormentare perché a volte colpisce apposta più piano. In questo modo tu rallenti istintivamente con i piedi e lui può tessere la sua tela come un ragno. Giocatore molto particolare, non l’avevo mai affrontato nemmeno da junior“.

Non poteva infine mancare una domanda a tema Djokovic, l’avversario che l’ha battuto negli ultimi tre Slam giocati che però non è presente a Melbourne: “Sicuramente è diverso senza Novak, è il migliore del mondo e ha vinto gli ultimi tre Slam, quindi sì, le cose sono diverse ma io devo concentrarmi su Carlos“.


TABELLONE MASCHILE

TABELLONE FEMMINILE


Continua a leggere

Australian Open

Australian Open, Medvedev su Kyrgios: “È un personaggio. Ma in campo non mi piace sempre”

Le parole del numero due del mondo verso il secondo turno contro Nick: “Ha giocato poco ultimamente, quindi sono curioso di vedere qual è il suo livello attuale”

Pubblicato

il

Daniil Medvedev - Australian Open 2022 (Twitter - @AustralianOpen)
Daniil Medvedev - Australian Open 2022 (Twitter - @AustralianOpen)

Una vittoria in tre set, seppur non del tutto agevole, per iniziare la campagna all’Australian Open. Il russo Daniil Medvedev, senza dubbio uno dei principali favoriti del torneo vista anche l’assenza di Novak Djokovic, ha sofferto solo nel terzo parziale contro lo svizzero Henri Laaksonen, N.91 ATP, chiudendo la pratica in un’ora e cinquantasei minuti con il punteggio di 6-1 6-4 7-6(3). Il numero due del mondo affronterà al secondo turno Nick Kyrgios. Si prospetta una partita da fuochi d’artificio. I precedenti sono due ma piuttosto datati e tutti in favore dell’australiano di Canberra, entrambi nel 2019: una vittoria in due tiebreak a Washington e una vittoria in tre set agli Internazionali d’Italia di Roma. Di certo Daniil sarà favorito, ma da Nick ci si può aspettare sempre di tutto. E nella conferenza stampa dopo il primo turno vinto, buona parte delle domande fatte a Medvedev sono state focalizzate proprio sulla prossima sfida contro l’australiano.

D: Daniil, bella vittoria contro Laaksonen, ma non è stata facile soprattutto nel terzo set.

R: “Già, non è stato un match facile. In realtà è iniziato con un break per lui e poi sono riuscito a vincere il set 6-1. Stava facendo molti errori. Il secondo set si stava facendo più duro, ma sono riuscito a brekkarlo dal lato di campo con il vento a favore e così è stato più facile, per me, giocare. Nel terzo set lui ha giocato davvero ad alto livello. Sono felice che sono riuscito a mantenere la calma sul mio servizio. Non ho affrontato nemmeno una palla break e, certo, non ne ho nemmeno avuta io una a favore, ma è per questo che si è arrivati al tie break. Sono felice di essere riuscito a girare il tiebreak nella mia direzione. I primi turni negli Slam non sono mai facili, e vincere in tre set a prescindere dal punteggio è sempre buono”.

 

D: Arrivare a Melbourne con in tasca la vittoria di un Major, dopo che l’anno scorso sei stato finalista nell’ Happy Slam, porta ad avere una sensazione ed un approccio diversi nella partita inaugurale del torneo?

“L’approccio sicuramente non è diverso, perché io, in un certo senso, cerco sempre di migliorare come giocatore o, diciamo, quantomeno mantenere il livello, ma secondo me non puoi davvero mantenere il livello, puoi solo provare a migliorare e basta. Quindi so cosa devo fare prima della partita, dopo la partita, un giorno prima della partita, per stare bene. E’ quello che sto cercando di fare. A dire il vero, so che sono a posto con me stesso se ho fatto tutto quello che dovevo in fase di preparazione, sia in caso di sconfitta al primo turno sia in caso di vittoria del torneo. Il trionfo di New York mi dà, comunque, una sicurezza in più perché ora so che è possibile farlo. So che ora sto giocando un buon tennis e che è davvero difficile battermi. Quindi per me è solo una sicurezza in più, non una pressione”.

D: Hai accennato di aver avuto una off-season particolarmente corta. Quanto pensi che dovrebbe essere lunga? Il tema del calendario stagionale è stato ampiamente dibattuto.

R: “Sì, in realtà parliamo sempre tra giocatori di queste cose importanti, e penso che in questo momento sia quasi impossibile cambiare qualcosa, perché non ci sono settimane libere per inserire la Coppa Davis. Ad esempio, magari si potrebbero spostare le Finali di Torino un po’ prima. Però, non puoi davvero farlo perché tutti i tornei hanno acquistato licenze, quindi non puoi semplicemente chiederglielo. Dovresti dire loro, abbiamo deciso di accorciare la stagione, siete fuori. E’ impossibile, e comunque non basterebbe. Se vuoi rappresentare il tuo Paese ogni anno in Coppa Davis e se ogni anno arrivi in finale, beh, diventa impossibile. Quindi dovrai sacrificare qualcosa. A volte il tuo corpo ti dirà cosa devi sacrificare, a volte dovrai decidere tu. E non sono decisioni facili perché molte persone saranno contrarie alle tue decisioni. Sì, voglio dire, 14 giorni di off-season non bastano. Ma ancora una volta, non vedo cosa possa cambiare nella stagione. Di sicuro è molto probabile che non ci sia nessun altro sport che venga praticato per 11 mesi senza sosta”.

D: Le condizioni sono le stesse dell’anno scorso, la velocità del campo, le palle? Noti qualche differenza?

R: “Non è sempre facile rispondere a queste domande, perché giochi così tanti tornei che ti dimentichi esattamente com’era la situazione dell’anno prima. Ho la sensazione che forse la superficie sia solo un po’ più veloce, anche se non ne sono sicuro. E si avverte meno controllo delle palle. Si possono vedere in questo inizio di torneo molte partite con tanti errori non forzati. Forse questa sensazione cambierà durante il torneo perché ci si abituerà. Ma oggi ho provato questo in campo. Soprattutto con le palle nuove, non si sentivano sulle corde. Era come se non riuscissi a capire quello che stavo facendo. Molte volte, per esempio volevo andare sul suo rovescio e invece giocavo in mezzo, non il massimo. Quindi sì, le palle sembrano diverse e il campo più veloce. Ma di solito, come ho detto, hai bisogno di una, due partite per abituarti. L’anno prossimo, probabilmente avrò la stessa sensazione”.

D: Ci puoi parlare della prospettiva di giocare con Nick Kyrgios di fronte ai tifosi australiani? Ovviamente gli piace caricare il pubblico, il quale si schiera dalla sua parte ed è un giocatore piuttosto pericoloso da incontrare al secondo turno come giocatore non testa di serie. Puoi darci un po’ d’impressioni?

R: “Prima di tutto non è facile quando non giochi molto a tennis, e Nick non l’ha fatto per molto tempo. Lui può sempre giocare bene. L’abbiamo visto l’anno scorso qui, ha quasi eliminato Dominic (Thiem), ha battuto Ugo Humbert in una partita pazzesca in cui penso che abbia salvato match point quando Ugo stava servendo per la partita. Quindi sarà interessante vedere qual è il suo livello, perché, sai, meno si gioca meno si è favoriti. Non sarà sicuramente facile giocare anche contro il pubblico. Lui cercherà di acquistare energia da loro, poi lui si esalta in queste grandi partite. Ma farò la mia preparazione al match, cercherò di giocare bene per essere pronto e probabilmente faremo una bella partita”.

D: Ci hai giocato due volte nel tour, due sconfitte, ma l’ultima risale a due anni e mezzo fa. Puoi dirci quanto sei cambiato in questi due anni e mezzo, quanto sei diverso?

R: “Si, sono diventato un giocatore diverso per classifica e titoli. Ho più esperienza. E questo ti permette di vincere partite che in precedenza perdevi. Ti permette di battere avversari con i quali prima perdevi. Ci sono ancora dei ragazzi che non ho battuto, perché sono rimasti fuori dal Tour per molto tempo, come Nick. Inoltre, la nostra ultima partita è stata così tanto tempo fa e siamo entrambi così diversi, con uno slancio nelle nostre carriere davvero diverso. Vincerò, o perderò, ma non credo che due partite conteranno su questa nostra nuova sfida”.

D: Kyrgios è un personaggio molto divisivo: a te piace l’atteggiamento che ha in campo? Pensi sia un valore aggiunto per il tennis?

R: “Lui è sicuramente un personaggio. A volte mi piace quello che fa in campo, a volte no. Non dirò esattamente cosa non mi piace. Però sicuramente attrae l’attenzione anche di coloro che magari non lo amano e questa è una sua forza. Quanto a me, penso sia un ottimo ragazzo fuori dal campo. In campo, ci sono momenti in cui mi piace e momenti in cui mi piace meno. Però tutto sommato è una cosa che posso dire per tanti giocatori (sorridendo)”.

D: Hai pubblicato a novembre un tweet dicendo, ci vediamo a gennaio, con una tua foto all’Australian Open. Quale era la motivazione di quel post, era una vaccinazione appena fatta per poter andare a giocare in Australia?

R: “No, assolutamente. Semplicemente qualcuno aveva twittato qualcosa su di me. Era una bella foto, così ho ritwittato. E’ stato davvero divertente il fatto che abbia portato l’attenzione di tutti sul tema della vaccinazione, ma era semplicemente un modo per interagire coi fan”.

Cipriano Colonna

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement