Wimbledon, qualificazioni: Caruso, Arnaboldi e Gatto-Monticone nel main draw

Flash

Wimbledon, qualificazioni: Caruso, Arnaboldi e Gatto-Monticone nel main draw

Ottimo tre su tre per i colori italiani al turno decisivo delle qualificazioni dello Slam londinese. Per Caruso e Gatto-Monticon è un bis dopo la qualificazione di Parigi

Pubblicato

il

Salvatore Caruso - Roland Garros 2019 (foto Roberto Dell'Olivo)

È un grande giornata per il tennis italiano. Alle vittorie di Thomas Fabbiano e Lorenzo Sonego nei tornei di Eastbourne e di Antalya si aggiunge un fantastico tre su tre nel turno finale delle qualificazioni dei Championships. Salvatore Caruso e Andrea Arnaboldi (del TC Park Genova) hanno superato il terzo turno di qualificazione giocato come da tradizione al meglio dei cinque set e raggiungeranno la truppa italiana già presente del tabellone principale (che verrà sorteggiato domani alle ore 11 italiane). Saranno quindi nove gli azzurri al via dello Slam londinese; eguagliato il record fatto registrare lo scorso anno.

Caruso ha battuto in scioltezza il canadese Schnur (ottava testa di serie) perdendo solo sei giochi e giocherà il secondo Slam consecutivo dopo l’ottimo Roland Garros, conclusosi solo al cospetto di Djokovic. A Wimbledon è invece la prima partecipazione in assoluto. Sarà la prima volta a Church Road anche per Andrea Arnaboldi che ha faticato molto più del siciliano per guadagnarsi l’accesso al main draw. Sono state necessarie ben tre ore e 22 minuti per piegare il russo Karlovskiy 6-3 al quinto set.

COMPAGNIA PER CAMILA – Buone notizie anche a livello femminile, dove Camila Giorgi non sarà sola a rappresentare l’Italia. Come Caruso, anche Giulia Gatto-Monticone ha ripetuto il risultato ottenuto al Roland Garros e per il secondo Slam di fila sarà presente nel tabellone principale passando per le qualificazioni. La piemontese ha prevalso in tre set sulla francese Dodin, in rimonta, dopo un’ora e 50 minuti di gioco e a 31 anni farà il suo esordio sui campi di Wimbledon.

Oltre allo straordinario risultato di Cori Gauff, che sarà la più giovane in Era Open a giocare Wimbledon da qualificata, c’è da sottolineare la sconfitta dolorosa per Sabine Lisicki, battuta 0-6 6-4 6-4 dall’olandese Kerkhove. La finalista di cinque edizioni fa non sarà presente al via per il secondo anno consecutivo. Kristie Ahn ha vinto il derby statunitense contro la più quotata Lauren Davis (t.d.s. 3) mentre non ce l’ha fatta a raggiungere il main draw Olga Danilovic. Nel maschile semaforo rosso anche per Lukas Rosol, sconfitto in tre set da Yuichi Sugita. Restando in tema di veterani del Tour, Marcel Granollers ha staccato il pass per il tabellone principale battendo l’ungherese Balazs e tornerà a disputare uno Slam dopo aver saltato il Roland Garros.

 

Il tabellone maschile completo
Il tabellone femminile completo

Continua a leggere
Commenti

Flash

Tutti i campioni di Wimbledon 2019

Da Novak Djokovic e Simona Halep, ai campioni del wheelchair tennis Gustavo Fernandez e Aniek Van Koot, passando per i junior Mochizuki e Snigur

Pubblicato

il

Simona Halep e Novak Djokovic - Wimbledon 2019 (foto via Twitter, @wimbledon)

Singolare maschile: Novak Djokovic

Novak Djokovic – Wimbledon 2019 (foto via Twitter, @wimbledon)

Singolare femminile: Simona Halep

Simona Halep – Wimbledon 2019 (foto via Twitter, @wimbledon)

Doppio maschile: Juan Sebastian Cabal/Robert Farah

 
Juan Sebastian Cabal/Robert Farah – Wimbledon 2019 (foto AELTC/Simon Bruty)

Doppio femminile: Barbora Strycova/Su-Wei Hsieh

Barbora Strycova/Su-Wei Hsieh – Wimbledon 2019 (foto AELTC/Joel Marklund)

Doppio misto: Ivan Dodig/Latisha Chan

Ivan Dodig/Latisha Chan – Wimbledon 2019 (foto AELTC/Ian Walton)

Junior, singolare maschile: Shintaro Mochizuki

Shintaro Mochizuki – Wimbledon 2019 (foto AELTC/Ian Walton)

Junior, singolare femminile: Daria Snigur

Daria Snigur e Alexa Noel – Wimbledon 2019 (foto AELTC/Ian Walton)

Junior, doppio maschile: Jonas Forejtek/Jiri Lehecka

Jonas Forejtek/Jiri Lehecka – Wimbledon 2019 (foto AELTC/Dillon Bryden)

Junior, doppio femminile: Savannah Broadus/Abigail Forbes

Savannah Broadus/Abigail Forbes – Wimbledon 2019 (foto AELTC/Dillon Bryden)

Wheelchair, singolare maschile: Gustavo Fernandez

Gustavo Fernandez e Shingo Kunieda – Wimbledon 2019 (foto AELTC/Tim Clayton)

Wheelchair, singolare femminile: Aniek Van Koot

Aniek Van Koot e Diede De Groot – Wimbledon 2019 (foto AELTC/Chloe Knott

Wheelchair, doppio maschile: Joachim Gerard/Stefan Olsson

Joachim Gerard/Stefan Olsson – Wimbledon 2019 (foto AELTC/Chloe Knott)

Wheelchair, doppio femminile: Diede De Groot/Aniek Van Koot

Diede De Groot/Aniek Van Koot e Marjolein Buis/Giulia Capocci – Wimbledon 2019 (foto AELTC/Tim Clayton)

Wheelchair, singolare quad: Dylan Alcott

Dylan Alcott – Wimbledon 2019 (foto AELTC/Dillon Bryden)

Wheelchair, doppio quad: Dylan Alcott/Andy Lapthorne

Dylan Alcott/Andy Lapthorne e Koji Sugeno/David Wagner – Wimbledon 2019 (foto AELTC/Ben Queenborough)

Continua a leggere

Flash

Djokovic aggancia Federer nei “Big Titles”

Il torneo di Wimbledon è il 54esimo grande titolo (Slam, Finals o 1000) per il serbo. Raggiunto lo svizzero. Impressionante la media di riuscita: un titolo ogni 3,3 tentativi

Pubblicato

il

Novak Djokovic e Roger Federer - Wimbledon 2019 (foto via Twitter, @wimbledon)

La finale di Wimbledon ha regalato mille emozioni agli appassionati di tutto il mondo, ma soprattutto ha regalato a Novak Djokovic il quinto titolo a Church Road e il sedicesimo Slam. Questo successo permette a Nole di raggiungere Roger Federer, proprio l’avversario battuto domenica, nella classifica dei cosiddetti “Big Titles”, ovvero Slam, ATP Finals e Masters 1000. Il serbo è ora a quota 54, esattamente come Federer, mentre Rafael Nadal è leggermente più indietro con 52 “titoli pesanti”.

SlamATP FinalsMasters 1000Totale
Roger Federer2062854
Novak Djokovic1653354
Rafael Nadal1803452


La cosa che veramente sorprende però è la percentuale di realizzazione di Djokovic. In media il serbo torna a casa con un grande trofeo una volta ogni 3,3 eventi giocati (54 su 180). Quasi identico il rapporto tentativi/vittorie di Rafael Nadal, che curiosamente ha giocato lo stesso numero di grandi tornei del serbo (gli infortuni hanno il loro peso): un successo ogni 3,5 tentativi (52 su 180). Un po’ più alto, ma sempre impressionante invece quello di Federer: 4,2 (54 su 229).

Novak adesso appare sempre più lanciato e soprattutto può contare anche su un discreto vantaggio anagrafico (un anno meno di Nadal, sei meno di Federer) e se il corpo e la mente lo sosterranno può puntare a staccare (e anche di molto) gli altri due mostri sacri del tennis.

Continua a leggere

Flash

La giornata WTA: Paolini al secondo turno a Losanna, Errani KO nelle quali di Bucarest

Jasmine batte Sugnaux e avanza in Svizzera, dove perde Gatto Monticone. Sarita cede a Shinikova in Romania. Primo main draw in carriera per Martina Di Giuseppe

Pubblicato

il

Jasmine Paolini - Roland Garros 2019 (foto Roberto Dell'Olivo)

Si torna alla rassicurante quotidianità degli International al femminile, dopo la sbornia verde di Wimbledon. Un lunedì molto tranquillo sull’asse Losanna-Bucarest, per giunta, con teste di serie non abituatissime al ruolo decise a far fruttare al massimo una settimana priva di star. E così, tra Svizzera e Romania, le cinque favorite scese in campo hanno tutte vinto perdendo complessivamente la miseria di due set, quelli ceduti da Laura Siegemund ad Anhelina Kalinina sulla terra battuta dell’Arenele BRN e da Daria Gavrilova alla wild card In-Albon nel Cantone di Vaud. Più semplici, in territorio romeno, le partite vinte da Bolsova e Kuzmova contro Flink e Jakupovic, e non ha avuto maggiori problemi a Losanna Caroline Garcia, reduce dalla brutta eliminazione al primo turno a Wimbledon, al cospetto di Antonia Lottner.

Altalenanti i risultati delle azzurre scese in campo nel terzo lunedì di luglio: a Bucarest, dove si completavano le qualificazioni sospese ieri dalla pioggia, Martina Di Giuseppe ha sconfitto in due Anna Bondar per centrare l’accesso al primo main draw di un evento del tour maggiore in carriera: per lei domani debutto ostico contro Varvara Lepchenko. Niente da fare invece per Sara Errani, sconfitta al terzo dalla bulgara Shinikova, attualmente occupante la posizione numero centottantadue del ranking: per Sarita si tratta della dodicesima sconfitta nel 2019 contro una collega esclusa dalla top 100 WTA.

Un successo e una sconfitta azzurra anche a Losanna, dove già si sono disputati incontri del tabellone principale. Buona vittoria per Jasmine Paolini, brava a sfruttare il fortunato sorteggio che l’ha opposta alla wild card di casa Tess Sugnaux, mentre Giulia Gatto Monticone, ormai specialista nel qualificarsi dopo le imprese di Parigi e Londra, ha ceduto molto nettamente a Bernarda Pera.

 

Vale la pena segnalare, infine, l’ennesimo rovescio stagionale patito da Eugenie Bouchard, stavolta battuta da Tamara Korpatsch dopo aver dilapidato il vantaggio di un set e un break e un match point nel terzo set.

Risultati:

Bucarest, primo turno

[2] V. Kuzmova b. D. Jakupovic 6-2 6-2
[7] A. Bolsova b. V. Flink 6-3 6-2
[6] L. Siegemund b. A. Kalinina 4-6 6-3 6-4
E. Rybakina b. P. Badosa Gibert 7-5 7-6(4)
Y. Bonaventure vs T. Mrdeza
Qualificazioni, turno decisivo italiane
I. Shinikova b. S. Errani 6-3 6-7(4) 6-3
[7] M. Di Giuseppe b. [3] A. Bondar 6-3 6-4

Losanna, primo turno

F. Ferro b. M. Barthel 7-6(3) 6-2
B. Pera b. [Q] G. Gatto Monticone 6-0 6-3
[Q] J. Paolini b. [WC]. T. Sugnaux 6-3 6-3
[Q] A. Potapova b. [LL] K. Kucova 6-3 6-1
[7] D. Gavrilova b. [WC] Y. In-Albon 7-5 4-6 6-3
[LL] X.Y. Han b. [Q] V. Gracheva 6-4 7-6(3)
[2] C. Garcia b. A. Lottner 6-2 6-3
T. Korpatsch b. [8] E. Bouchard 2-6 6-4

I tabelloni della settimana

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement