Wimbledon: curiosità per Kyrgios, affetto per Baghdatis. Rischia Thiem

Focus

Wimbledon: curiosità per Kyrgios, affetto per Baghdatis. Rischia Thiem

Dominic non deve distrarsi con Querrey. Quando va in campo Nick, può succedere di tutto. Marcos (forse) all’ultimo giro di giostra

Pubblicato

il

 

da Londra, il nostro inviato

Dominic Thiem – Sam Querrey (secondo incontro, campo 2, precedenti 3-1 Thiem)

Dopo aver visto che fine hanno fatto i due giovanotti rampanti Zverev e Tsitsipas ieri, gli under-30 (tra i primi dieci ATP) in corsa rimangono Dominic Thiem e Karen Khachanov. L’austriaco, risultati alla mano, sembra il più pronto per i titoli pesanti, o almeno per provarci, come a Parigi. Un primo turno peggiore, però, da testa di serie numero 5, non poteva capitargli: Sam Querrey, oltre a essere un picchiatore tra i più devastanti del circuito, qui ha fatto quarti nel 2016 e semifinale nel 2017, non sta attraversando un periodo brillante, però appena vede l’erba il simpaticissimo Sam si rianima (finale a Easbourne la scorsa settimana, battendo il nostro Thomas Fabbiano in semi tra l’altro). Thiem dovrà evitare di farsi seppellire dal bombardamento, e se possibile degnarsi di rispondere e scambiare non in braccio ai giudici di linea. Rimane favorito, piuttosto nettamente, per qualità complessive di tennis, ma come è accaduto ieri con Jiri Vesely che ha sgambettato Sascha Zverev, dovesse verificarsi la sorpresa non sarebbe un avvenimento clamoroso.

Consigliata a chi ama il contrasto di stili, e le botte da orbi, che siano servizi, dritti o rovesci. I ricamini verranno lasciati a casa, oggi.

Nick Kyrgios – Jordan Thompson (ore 12 italiane, campo 3, nessun precedente)

Sulla carta, un match equilibrato che più equilibrato non si può: Nick, 43 ATP, contro Jordan, 44. Il simpatico australiano coi baffi gioca bene, ma è più un animale da terra e cemento che da erba. Però, inutile nasconderselo: di chi sia l’avversario di turno che affronta Kyrgios non frega nulla a nessuno, lui per primo. Tutti, ma proprio tutti, saranno sul campo 3 per vedere cosa succede. I possibili scenari sono tre:

1) Kyrgios entra in campo di buzzo buono, tranquillo e concentrato, e spazza via Thompson (come farebbe regolarmente su erba con chiunque se avesse questa attitudine, top compresi), in tre set rapidi rapidi. Probabilità: 10-15%

2) Kyrgios inizia bene, magari vince un set, poi qualcosa (un piccione all’orizzonte, un bimbo che starnutisce tre campi più in là, i baffi dell’avversario) lo infastidisce, in un attimo il match si trasforma in caciara totale, a quel punto che di là ci sia Baldissera o Thompson non cambia nulla, perché Nick se ne va incazzato come un bufalo mandando affanculo arbitro, spettatori e raccattapalle, e venendo bandito a vita da Wimbledon. Probabilità: 50/60%

3) Kyrgios serve solo da sotto fin dall’inizio, piazza (alternandoli) 50 vincenti e 50 errori nei primi 5 game, che durano mezz’ora l’uno, poi sul 3-2 al cambio campo si fa beccare dall’arbitro a giocare a NBA 2019 sul cellulare, che gli viene sequestrato come a scuola. Deluso e intristito, per il resto del match fa solo pallonetti alti 20 metri seguendoli a rete, e nonostante questo si arriva 12 pari al quinto set. Sul primo match point in suo favore, Nick mette tre tweener consecutivi, di cui l’ultimo in tuffo, all’incrocio delle righe, vince, e grida “IN YOUR FACE!!!” all’arbitro, per poi abbracciarlo fraternamente invece di dargli la mano. Nadal, nascosto in tribuna, spacca una Babolat dal fastidio, e si infortuna. Probabilità: 20/30%

Consigliata a tutti, stiamo scherzando?

Marcos Baghdatis – Brayden Schnur (secondo incontro, campo 8, nessun precedente)

Nulla da dire né tecnicamente né tatticamente, ma per la splendida persona che è Marcos dal punto di vista umano, da seguire perché potrebbe essere l’ultima. Solo questo. Chissà, in futuro un po’ della tranquillità e saggezza nell’approccio alla vita e al tennis di Baghdatis potrebbero essere utili al tormentato Stefanos Tsitsipas, come ci han raccontato separatamente entrambi. Nel frattempo, forza Marcos, e se dovesse andare male, grazie di tutto.

Consigliata ai cultori dell’involontariamente comico concetto di “Weak Era”, ai terrapiattisti, e a quelli che non credono che siamo andati sulla Luna. Più o meno siamo lì.

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
ATP4 settimane fa

Trattative Sky-FITP-Supertennis. A che punto è la negoziazione dei diritti-tv

Flash4 settimane fa

Diritti TV SKY e FITP: ecco lo scenario di questa aspra negoziazione infinita [VIDEO]

evidenza3 settimane fa

In Svizzera è polemica sulle On di Roger Federer. La risposta: “In Vietnam paghiamo oltre il minimo salariale”

ATP2 settimane fa

ATP Rotterdam: Sinner: “Fra uno Slam e una medaglia olimpica scelgo la seconda. Non vedo l’ora di conoscere i migliori atleti del mondo” [AUDIO]

evidenza3 settimane fa

Richard Krajicek: “Piatti mi disse di Sinner ‘diventerà un campione’”. Jannik al servizio è come Djokovic: la battuta è un extra, ma quando gli serve la mette dentro” [VIDEO INTERVISTA]

ATP2 settimane fa

ATP Rotterdam, il viaggio di Sinner continua: “Bisogna anche divertirsi. Io ho trovato le persone giuste al momento giusto” [AUDIO]

Flash3 settimane fa

Ubaldo da Rotterdam: “Sinner sulle orme di Camporese? Siamo qui apposta”

ATP2 settimane fa

ATP Rotterdam, Sinner: “Contento del numero 3 ma le cose più importanti sono altre” [AUDIO]

ATP2 settimane fa

Griekspoor, prima “vittima” delle 12 di fila di Jannik: “Per me Sinner è il più forte tennista del mondo” [AUDIO ESCLUSIVO]

Flash4 settimane fa

Mattarella: “Azzurri, in Coppa Davis ho visto un vero spirito di squadra” (Cocchi, Primavera) Campioni d’Italia (Guerrini) Sinner porta il tennis al Quirinale (Piccardi) Italdavis in festa, Sinner incoronato da Mattarella (Mei, Schito)

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement