Palermo Ladies Open: tennis, arte, cultura e gastronomia di qualità

Flash

Palermo Ladies Open: tennis, arte, cultura e gastronomia di qualità

Presentato ufficialmente a Palermo il torneo WTA International al via il 22 luglio. Kiki Bertens guida il seeding, le wild card saranno tutte italiane (il primo invito è andato a Sara Errani)

Pubblicato

il

Tutto pronto al Country Time Club per il via ai “30esimi Palermo Ladies Open”, torneo del circuito WTA in programma dal 20 al 28 luglio. Dopo la wild card a Sara Errani, saranno le migliori tenniste azzurre a ricevere gli altri inviti per il tabellone principale e il torneo di qualificazione (al quale parteciperà anche la licatese, Dalila Spiteri, che si era guadagnata la chance vincendo il torneo ad inviti organizzato dalla FIT Sicilia). “La classifica mondiale penalizza attualmente le nostre tenniste – ha spiegato nella conferenza stampa di presentazione tenuta nei locali della Rinascente di Palermo, il direttore del Torneo Oliviero Palmain pieno accordo con la FIT si è deciso di offrire l’opportunità alle nostre azzurre di partecipare al WTA del Country. Da tempo, invece, avevamo deciso di assegnare una wild card a Sara Errani alla quale siamo particolarmente legati”.

Il tabellone principale è guidato dalla numero 5 al mondo, Kiki Bertens, e chiuso dall’ex numero 4, Samantha Stosur (vincitrice nel 2011 degli US Open). Tra le pretendenti  per la vittoria finale, oltre a Julia Goerges (n. 25 della classifica mondiale), la ventiduenne ceca, Karolina Muchova che, dopo l’exploit a Wimbledon (ha raggiunto i quarti dopo avere battuto negli ottavi la numero 3 al mondo, la connazionale Karolina Pliskova), ha scalato ben 25 posizioni nel ranking passando dalla 68esima alla 43esima posizione.

Il torneo di qualificazione prenderà il via sabato 20 luglio, mentre lunedì 22 avranno inizio i match del tabellone principale. Gli incontri si giocheranno dalle ore 16 alle 24 su tre campi all’aperto. Sono 1.300 gli abbonamenti, già, venduti, ma per i ritardatari c’è ancora tempo per acquistare sia abbonamenti che biglietti per le singole giornate del torneo collegandosi alla piattaforma web Vivaticket. La mobilità durante il torneo sarà curata da Peugeot con una flotta di 10 auto, mentre ufficiali di gara e raccattapalle saranno vestiti da Napapijri ed il timing ufficiale del torneo sarà di Tag Heuer (che, tra l’altro, premierà la vincitrice con un orologio della nuova collezione Tag Heuer Carrera Lady). Veneta Cucine, invece, metterà a disposizione del cuoco Filippo La Mantia una cucina per lo show cooking a base di cous cous di lunedì 22 luglio.

 

Nella conferenza stampa di lunedì 16 luglio – alla quale hanno preso parte, tra gli altri, il Sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, il Presidente della Camera di Commercio di Palermo ed Enna, Alessandro Albanese, il Presidente del Country, Giorgio Cammarata, ed il Direttore della Rinascente di Palermo, Attila Martinelli – è stato anche ufficializzato l’intero cartellone di eventi in programma durante il torneo. Il grande tennis è il filo conduttore di un evento che spazia dall’arte alla cultura, dal giornalismo sportivo alla gastronomia di qualità.

CENE SOTTO LE STELLE– Dopo il prologo di lunedì 22 luglio con il cuoco ed oste palermitano Filippo La Mantia, che cura a Milano un prestigioso ristorante in Piazza Risorgimento, da martedì 23 tre chef stellate monopolizzeranno le cucine. Nei tavoli piazzati a bordo piscina, ci sarà spazio per i piatti creati da Patrizia Di Benedetto del Bye Bye Blues di Palermo, Martina Caruso del Signum di Salina e Caterina Ceraudo del Dattilo di Strongoli in Calabria. Tutte hanno in comune l’amore per la cucina e una prestigiosa stella nella Guida Michelin. Il 23 luglio sarà la volta di Martina Caruso, quindi il 24 toccherà a Caterina Ceraudo e giovedì 25 luglio a Patrizia Di Benedetto. Per prenotare basta inviare una mail all’indirizzo di posta elettronica countrytime@tin.it, scrivendo il proprio nome, cognome e numero di telefono.

POMERIGGI LETTERARIBertens sarà la star assoluta sui campi in terra rossa, ma sul palco (montato all’interno del village con ingresso gratuito in viale dell’Olimpo) saliranno anche i fuoriclasse della scrittura. La libreria indipendente Modusvivendi ha allestito un programma che, in otto giorni a partire da sabato 20 luglio, vedrà alternarsi alcune tra le migliori penne italiane. Questo il programma dettagliato: sabato 20 luglio Gaetano Savatteri e la Sicilia a partire da Non c’è più la Sicilia di una volta (Laterza) e Il delitto di Kolymbetra (Sellerio); domenica 21 Filippo La Mantia e Chiara Maci presentano Ma tu come la fai la caponata? (Harper Collins); lunedì 22 Stefania Auci presenta I leoni di Sicilia (Nord); martedì 23 Agata Bazzi presenta La luce è là (Mondadori); mercoledì 24 Il sapore della rinascita di Oliviero Palma e Pucci Scafidi (ed. Pucci Scafidi); giovedì 25 Simonetta Agnello Hornby parla della sua Sicilia a partire dalla nuova edizione de La Mennulara (Feltrinelli); venerdì 26 Francesca Maccani presenta Fiori senza destino (Sem); sabato 27 Alberto Milazzo presenta La morale del centrino (Sem).

AREA CULTURA  In un’altra ala del village, la Soprintendenza del Mare svolgerà attività di promozione e valorizzazione del patrimonio culturale del Mare Nostrum. Sarà possibile consultare le pubblicazioni, la documentazione fotografica e video della Soprintendenza del Mare. Uno degli spazi sarà gestito in collaborazione con l’Associazione Amici della Soprintendenza del Mare (che racconterà il grande “viaggio”, dalla subacquea alla archeologia subacquea), ed un altro sarà dedicato ai bambini, con la creazione di laboratori rivolti alla Sirena “Accoglienza” di Tommaso Domina. Il Museo Riso, invece, attraverso l’Archivio SACS, lo Sportello per l’Arte Contemporanea della Sicilia volto alla promozione e diffusione della creatività siciliana in Italia e all’estero, realizzerà la residenza dell’artista Nicola Console che lavorerà a “cantiere aperto” dando la possibilità al pubblico partecipante di potere assistere in diretta alla creazione artistica ispirata ad un progetto che si caratterizza per una marcata relazione con la realtà contemporanea e con le sue immagini sociali. In un altro gazebo saranno distribuite le riproduzioni fotografiche di alcune opere trafugate nell’ambito dell’iniziativa “Wanted Caravaggio”. 

PREMIO USSI ESTATE – Sabato 27 luglio spazio, infine, ai giornalisti sportivi ed ai Premi Ussi Estate. Valerio Tripi e Marzia Cannata presenteranno la cerimonia di consegna dei riconoscimenti ad atleti, allenatori, dirigenti e società che hanno portato in alto i valori dello sport siciliano. Tra i premiati anche Italo Cucci, firma storica del giornalismo sportivo.

Ufficio stampa Palermo Ladies Open

Continua a leggere
Commenti

Flash

Il tennis riparte anche in Spagna: in campo Bautista Agut e Carreño Busta

Si gioca anche in Spagna questo week-end: tre spagnoli più un ‘intruso’ australiano, che però è cresciuto (tennisticamente e non) ad Alicante

Pubblicato

il

Vi avevamo fatto un riepilogo dei posti in cui si giocherà a tennis a giugno, benché ancora fuori dai circuiti professionistici, ma l’elenco è in costante aggiornamento. In attesa di novità sul circuito nazionale che dovrebbe partire da Lleida il 10 luglio, tre dei migliori giocatori del paese torneranno in campo a Benitachell, piccolo centro della comunità autonoma Valenciana. Gli spagnoli Roberto Bautista Agut, Pablo Carreño Pablo Andújar e l’australiano Alex de Miñaur – che è cresciuto in Spagna, ad Alicante – competeranno nel Region of Valencia Tennis Challenge, un quadrangolare che andrà in scena da venerdì a domenica.

Il mini-torneo, pensato anche per rilanciare il turismo nella zona valenciana, verrà trasmesso dall’emittente sportiva spagnola Gol e dovrebbe andare in onda anche su Tennis Channel Internazional. Riportiamo di seguito l’ordine di gioco delle tre giornate d’esibizione:

Venerdì 5 giugno

 
  • 16:30 – de Miñaur vs Andújar
  • 18.30 – Bautista Agut vs Carreño Busta

Sabato 6 giugno

  • 13.30 – Andújar vs Bautista Agut
  • 15.30 – de Miñaur vs Carreño Busta

Domenica 7 giugno

  • 13.30 – Bautista Agut vs de Miñaur
  • 15.30 – Carreño Busta vs Andújar


Continua a leggere

Flash

Tennis Channel mischia le epoche: Sampras, Agassi e Federer si sfidano in un torneo virtuale

Due tabelloni da 32 giocatori, uno maschile e uno femminile, vedranno sfidarsi i più grandi campioni degli ultimi 25 anni. In forma simulata, s’intende…

Pubblicato

il

Lo sterile eppure irresistibile esercizio di confrontare tennisti che hanno calcato i campi da tennis in epoche diverse non troverà mai una vera e propria risoluzione. Ma ogni tanto ci si prova, tra il serio – con analisi comparative di statistiche e titoli – e il faceto, come proverà a fare in questo caso Tennis Channel.

Il canale statunitense interamente dedicato al tennis è pronto a lanciare il torneo simulato All-Star Fantasy Showdown, che vedrà sfidarsi in due tabelloni da 32 giocatori i migliori tennisti e le migliori tenniste di delle ultime decadi. Non è ben chiaro se verrà utilizzato il motore grafico di un videogame o quale altro software – lo scopriremo a partire dall’8 giugno – ma sappiamo che nel tabellone maschile coesisteranno Sampras, Agassi, Federer e Nadal, oltre a Djokovic, Hewitt, Rafter, Murray e altri campioni tra cui Carlos Moya che giocherà – non proprio lui, diciamo il suo simulacro – il match d’esordio contro Agassi.

Anche tra le donne sarà aspra contesa – benché virtuale. Le sorelle Williams, ovviamente, ma anche Halep e Sharapova, Capriati e Davenport; quest’ultima sarà coinvolta anche in persona nella trasmissione Tennis Channel Live in cui diversi analisti discuteranno gli esiti delle partite.

 

Il claim del torneo annuncia che nove scontri diretti che non sono mai andati in scena sul campo verranno simulati da questo torneo. “I telespettatori di Tennis Channel vedranno per la prima volta alcune sfide tra giocatori che hanno influenzato profondamente il gioco nelle ultime due decadi e mezzo“, ha detto il senior vice president dell’emittente John MacDonald. Sarà possibile anche rivedere i match on demand sulla piattaforma Tennis Channel Plus.

A.S.

Continua a leggere

Flash

De Minaur: “Kyrgios è un vero uomo-squadra”

Il ventunenne australiano ha rivelato alcuni aspetti poco noti del suo controverso connazionale

Pubblicato

il

Nick Kyrgios e Alex de Minaur - ATP Cup 2020 (via Twitter, @ATPCup)

Alex De Minaur, N.26 ATP, ha chattato su Facebook con tennis.com dalla sua casa di Alicante, in Spagna, concentrandosi su un tema in particolare: il suo rapporto con Nick Kyrgios, l’altra metà del tennis australiano d’alta classifica. Apparentemente, i due non hanno moltissimo in comune, al di là della cittadinanza. Alex è un ragazzo tranquillo e un gran lavoratore che si è costruito una straordinaria base atletica per compensare alcuni limiti di peso di palla, mentre Kyrgios ha sempre fatto di tutto per farci sapere che, a) della professionalità non gli interessa molto, e b) che la sua opinione, possibilmente cosparsa di Trinidad Scorpion, non mancherà mai.

E invece Demon ha rivelato una grande affinità fra i due, parsa già evidente durante la ATP Cup, quando i due si sono distinti per una vittoria drammatica contro il doppio britannico nei quarti di finale della neonata competizione, ufficializzando la loro bromance:

“Abbiamo sempre avuto un grande rapporto. Nick ha sempre fatto tutto ciò che può per aiutarmi e gliene sarò sempre riconoscente. Siamo piuttosto diversi ma complementari.

Si può dire che la ATP Cup giocata in casa, in particolare, sia stata un grande anello di congiunzione fra i due, perché che Nick sia un eccezionale frontman è noto, ma anche De Minaur, da buon epigono di Hewitt, è un giocatore che fagocita l’entusiasmo del pubblico, e che ha già dimostrato di trovarsi a suo agio nei match più equilibrati, anche perché, leggero com’è, di punti facili non ne porterà mai a casa molti – in ATP Cup, ha giocato quattro match su quattro al terzo.

Il finalista della scorsa edizione delle Next Gen milanesi (pubblico a favore: poco), ha infatti voluto sottolineare l’attitudine dell’amico per questo tipo di eventi: “Quando si parla di competizioni a squadre, non vorresti mai avere nessun altro al suo posto. Starà dalla tua parte in ogni situazione e farà qualunque cosa per aiutarti. Sono aspetti che non si vedono in campo, cose che succedono a porte chiuse. Vorrei che ci fossero delle videocamere a riprenderci in spogliatoio e sul nostro pullman, così tutti potrebbero vedere quanto riesca a coinvolgere tutti”.

I due hanno giocato insieme in Davis per la prima volta nel 2018, e chissà che non riescano a farlo anche quest’anno, seppur in un contesto molto diverso. Risiedendo in Spagna (ha la doppia cittadinanza da parte di madre), la situazione del Demone non è diversa da quella di tutti noi: “Non siamo potuti uscire di casa per due mesi, è stato un periodo decisamente folle. Due settimane fa ho potuto ricominciare a uscire e ad allenarmi.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement