A Cincinnati, Kuznetsova rimonta Pliskova e vola in semi con Barty. Si ritira Osaka

WTA

A Cincinnati, Kuznetsova rimonta Pliskova e vola in semi con Barty. Si ritira Osaka

Svetlana Kuznetsova ferma la rincorsa alla vetta della classifica di Karolina Pliskova, Ashleigh Barty vince in tre set su Maria Sakkari e Naomi Osaka si deve ritirare contro Sofia Kenin

Pubblicato

il

Svetlana Kuznetsova – Western & Southern Open (foto via Twitter @CincyTennis)

Sono almeno due i motivi di interesse per la giornata dei quarti di finale a Cincinnati: la promessa di match interessanti dopo alcuni godibilissimi incontri degli ottavi e la lotta a distanza (sempre più ravvicinata) per la vetta del ranking. Barty e Pliskova entrano infatti in campo anche per riprendersi il numero 1 WTA, mentre Osaka per non lasciare il trono che è tornata a occupare lunedì scorso.
Il giovedì, dicevamo, ha offerto alcune sfide pregevoli, come quella annunciata e tuttavia relegata sul campo 10 Su-Wei Hsieh e una Naomi che, risatine al limite dell’isteria a parte (anche un warning per la conseguente violazione di tempo), sembra poter tornare ai livelli precedenti alla rottura con coach Bajin. Oltre match tirato che ha visto Madison Keys prevalere su Simona Halep, c’è stata la vittoria in rimonta di un’incredibile trentanovenne di nome Venus Williams su Donna Vekic. E anche Barty e Sakkari, protagoniste del quarto d’apertura, se lo sono dovuto sudare parecchio contro, rispettivamente, Kontaveit e Sabalenka. Vediamo intanto cosa è successo nei primi due confronti e perché Pliskova sicuramente non si muoverà dal suo terzo posto…

LA TORRE DI IPSWICH? –Con l’esclusione di un breve passaggio a vuoto nel finale del primo set, un’Ashleigh Barty capace di salire inesorabilmente di intensità batte in rimonta Maria Sakkari, grazie anche a una resa al servizio con numeri che potrebbero essere propri di John Isner sul ghiaccio: 4 punti persi nei 7 turni di battuta tra secondo e terzo parziale in barba ai suoi 166 cm.
È proprio Ashleigh a partire meglio e, nonostante un dritto ancora da registrare appieno, piazza il break al secondo gioco. Maria muove finalmente il punteggio senza però a incidere minimamente in ribattuta e, sotto 1-4, chiede l’intervento di coach Hill che le consiglia di essere aggressiva in risposta e di tenere la diagonale sugli slice di rovescio australiani aspettando la palla giusta per tirare, senza farsi ingolosire subito. Finora inattaccabile al servizio, Barty lo cede addirittura a zero sul 5-3: prima, la ventiquattrenne di Atene sorprende l’avversaria (e tutti quanti) ricamando un rovescio tagliato strettissimo e imprendibile, un punto che deve fare malissimo ad Ash che poi “sbuccia” un dritto a campo aperto con la palla che le resta sulla racchetta. La gran corsa greca in avanti a scavare da terra un nastro fortunato dell’altra è premiata dal lob oltre la linea di fondo e, a quel punto, la fiducia a mille si concretizza in una risposta vincente. L’inerzia si è completamente invertita e Barty si è dimenticata di come vinceva i punti fino a pochi minuti prima, con l’inevitabile conseguenza di cinque giochi consecutivi e set per Sakkari.

Ashleigh torna incisiva in battuta, mentre Maria paga il calo di intensità al quarto game e si ritrova ancora a dover inseguire, così richiama in campo Tom Hill sullo stesso punteggio della prima partita. La mossa non funziona né dal punto di vista tattico né psicologico perché la numero 1 del seeding non sbaglia più, lascia due punti in battuta e pareggia il conto dei set andandosi a prendere un altro break, insperato dal 40-0, che le evita la pressione di servire per chiudere, magari con la testa a quanto successo prima. Entrambe cercano di mettere molta attenzione e dispensano qualche bella giocata, ma il match non si accende, anche perché i picchi dell’una coincidono con i cali dell’altra. Cali ormai dimenticati per Ashleigh, che continua a rasentare la perfezione nei suoi game di servizio, ha trovato contromisure ai kick e continuità in risposta e sale sempre più di livello. Sakkari non può evitare il bagel e Barty vola in semifinale contro una sorprendente Kuznetsova.

 

MISSION SVETLANA –È una rimonta quasi impossibile quella messa a segno da Svetlana Kuznetsova contro una Karolina Pliskova che ha vestito i suoi migliori panni da grande colpitrice per quasi due set, salvo poi disunirsi a due punti dalla vittoria. I suoi 47 vincenti sono stati annullati da altrettanti gratuiti e, soprattutto, da una Kuznetsova che non ha mai smesso di crederci a dispetto di un’avversaria che si era presentata subito in grande spolvero.

Aveva rischiato di addirittura di non essere qui, Svetlana, la cui età effettiva (34) inizia ad avvicinarsi a quella percepita – a quella percepita anni fa per una ragazza che è nel circuito dallo scorso millennio. Più forte delle vicende burocratiche e degli infortuni, Svetlana si è riavvicinata alla top 100 per essersi guadagnata i quarti battagliando da par suo nei primi due turni; e lo avrebbe fatto anche agli ottavi se non si fosse trovata di fronte una con l’entusiasmo di una stiratrice dipendente in una lavanderia il pomeriggio del 14 di agosto. Anzi, proprio a Ferragosto. Meglio così, un po’ di riposo per le gambe che le tornerà utile. Da parte sua, Pliskova ha sofferto un po’ o, forse, ha voluto dare l’impressione di doversela giocare contro Rebecca Peterson.

L’impressione è ben diversa, ora: partenza travolgente di Karolina che sale subito 3-0 con un break che custodirà fino ad assicurarsi la prima partita, grazie a tre prime su quattro in campo ; la ragazza di Louny (e moglie di Michal) aveva sottolineato la necessità di essere aggressiva e mantiene fede al suo piano, come dimostrano i 16 vincenti in nove game. Pliskova colpisce che è un piacere, però c’è anche Kuznetsova, brava ad annullare una potenzialmente letale palla break al terzo gioco con un gran passante di rovescio e a farsi pericolosa al game successivo, ma le sue prime tre occasioni sono schiacciate da gialli comodini made in Czechia. Sul 3 pari, Karo accelera in risposta e consolida il vantaggio salvando un’altra palla break con il servizio; contrariamente al primo set, ora si gioca almeno sulla seconda battuta di Karolina, ma il risultato pare non cambiare. Come nella miglior tradizione tennistica, l’ultimo treno per Svetlana passa quando Pliskova deve chiudere sul 5-4: la nativa dell’allora Leningrado ha il biglietto giusto, praticamente offerto dall’avversaria che sente il momento e deve addirittura risalire da 15-40 (due set point contro) per agguantare il 6 pari. Fatica inutile perché il feeling con la palla appare al momento irrimediabilmente perduto, come dimostra il tie-break a senso unico che porta Kuznetsova al terzo. Com’era logico aspettarsi, la leggerezza è tutta della russa che concretizza il vantaggio al terzo gioco e, con l’avversaria che pare inerme, si procura addirittura due palle del 4-1 pesante. La ceca le annulla e ciò basta per farla ridestare dal torpore ma, nonostante i consigli “base” di Conchita Martinez (guarda la palla, due-tre passetti non uno lungo, aspetta prima di cambiare direzione), manca l’opportunità dell’aggancio, prima al sesto poi all’ottavo game. Karolina accusa il colpo e Svetlana non si fa pregare oltre, prendendosi un altro break e il match dopo due ore e un quarto. E, ça va sans dire, rientra prepotentemente (e abbondantemente, n. 82 virtuale) fra le prime 100 del mondo.

OSAKA ABBANDONA E RISCHIA LA VETTA – Giornata davvero sfortunata per i tennisti giapponesi quella odierna al Western&Southern Open di Cincinnati: dopo il forfait per intossicazione alimentare che ha messo fuori gioco Yoshihito Nishioka, si è dovuta ritirare a partita in corso anche la n.1 del mondo Naomi Osaka durante il suo quarto di finale contro Sofia Kenin.

Sofia Kenin

Naomi ha iniziato la partita senza in maniera piuttosto distratta: il servizio era sicuramente a posto, tanto da mettere a segno due ace nel primo turno di battuta, ma il rovescio non ne voleva sapere di ingranare. Ben tre gratuiti le costavano il break al terzo gioco in un match che vedeva scambi molto scarni, molto probabilmente a causa del gran caldo (i paramedici hanno dovuto soccorrere un paio di persone colte da malore nel corso della giornata). Kenin proseguiva nella sua partita ordinata, alternava i rovesci coperti a quelli tagliati e gli errori da parte di Osaka continuavano ad arrivare, come sul 4-3, quando la nippo-americana metteva in rete un facile rovescio sulla palla del controbreak. Sofia mostrava grande carattere annullando con la battuta l’altra palla break di quel game (saranno tre in tutto nel set quelle cancellate) e poco dopo incamerava il primo parziale per 6-4 in 38 minuti.

Tutt’altra musica nel secondo set: Osaka vinceva i primi sette punti del set, si portava subito avanti 2-0, resisteva al ritorno di Kenin nel game successivo e poi finiva per dilagare: 5-0 per lei, con i colpi che d’incanto sembravano trovare gli angoli giusti. Purtroppo per Naomi però, nel corso del secondo parziale iniziavano ad affiorare dei fastidi alla gamba sinistra, che sullo 0-1 del terzo set la costringevano a fermare il gioco ed a chiedere l’intervento del fisioterapista. Dopo un medical time-out Osaka riprendeva con la zona intorno al ginocchio visibilmente fasciata, ma riusciva a giocare solamente altri due punti prima di stringere la mano all’avversaria e prendere mestamente la via degli spogliatoi.

Con questa vittoria Kenin conquista la seconda semifinale consecutiva di un Premier 5, dopo quella della settimana scorsa a Toronto, e si assicura per la prima volta in carriera l’ingresso nella Top 20 della classifica WTA. Osaka, invece, potrebbe perdere la vetta del ranking se Ashleigh Barty dovesse sconfiggere Kuznetsova sabato e arrivare in finale.

Risultati:
[1] A. Barty b. M. Sakkari 5-7 6-2 6-0
[WC] S. Kuznetsova b. [3] K. Pliskova 3-6 7-6(2) 6-3
S. Kenin b. [2] N. Osaka 6-4 1-6 2-0 rit.

Continua a leggere
Commenti

Flash

WTA Adelaide, un’ottima Paolini si arrende in tre set a Coco Gauff

La tennista italiana annulla match point nel secondo set e porta la giovane americana al terzo ma finisce per cedere 6-2. Swiatek non fa sconti a Brengle

Pubblicato

il

Jasmine Paolini - Roland Garros 2019 (foto Roberto Dell'Olivo)

Per molti tennisti e molti appassionati con la conclusione degli Australian Open è terminato anche quel pezzo di stagione che si disputa in Oceania. Tuttavia c’è rimasta una piccola appendice: il WTA 500 di Adelaide che tra le altre vede impegnata la n. 1 del mondo Ashleigh Barty. Purtroppo il tennis azzurro deve subito salutare la sua unica rappresentante, Jasmine Paolini, la quale ha dato filo da torcere a Coco Gauff. Le due provenivano entrambe dalle qualificazioni ma questo non ha impedito loro di lottare fino alla fine e mettere in scena un incontro durato due ore e 35 minuti, vinto dalla statunitense per 6-4 6-7(4) 6-2.

La 25enne di Castelnuovo di Garfagna ha continuato a mostrare atteggiamenti e giocate positive come aveva fatto nel torneo di preparazione allo Slam, tanto da riuscire a risalire nel secondo set dopo esser stata sotto 5-2 e annullare un match point sul 5-4. La differenza tra la n. 99 e la n. 52 del mondo purtroppo si è resa evidente alla battuta dove entrambe hanno sì commesso cinque doppi falli, ma la statunitense ha anche servito sette ace, a secco invece Paolini. Dopo il tanto lavoro svolto in questi mesi dunque ci sono ancora aspetti da migliorare e l’atteggiamento della tennista italiana lascia ben sperare. Per la 16enne Gauff invece nell’immediato futuro c’è Petra Martic.

Il match di cartello del primo turno era probabilmente quello che vedeva coinvolta la campionessa in carica del Roland Garros, Iga Swiatek. Purtroppo di spettacolo ce n’è stato poco per merito – o demerito a seconda dei punti di vista – della polacca. La n. 18 del mondo infatti ha battuto nettamente 6-3 6-4 Madison Brengle, n. 81 WTA. Al pubblico di casa saranno sicuramente interessate di più le gesta delle tenniste australiane Maddison Inglis e Samantha Stosur (quest’ultima recentemente ha perso la finale di doppio misto nello Slam di casa al fiano di Matthew Ebden) opposte una all’altra. La veterana Stosur, beneficiaria di una wild card, si è arresa in rimonta alla qualificata 23enne Inglis per 5-7 7-5 6-4 dopo 2 ore e tre quarti di battaglia.

 

Risultati:

[6] P. Martic b. [Q] L. Samsonova 4-6 6-0 7-5
J. Teichmann b. K. Mladenovic 6-2 7-6(5)
[Q] C. Gauff b. [Q] J. Paolini 6-4 6-7(4) 6-2
[5] I. Swiatek b. [Alt] M. Brengle 6-3 6-4
[Q] M. Inglis b. [WC] S. Stosur 5-7 7-5 6-4
[Q] M. Doi b. A. Blinkova 7-6(5) 3-6 6-2
L. Siegemund vs Y. Putinseva
[Q] S. Sanders vs [WC] A. Tomljanovic
S. Rogers vs [3] J. Konta

Il tabellone aggiornato

Continua a leggere

Flash

WTA 500 Adelaide, il tabellone: possibile quarto Barty-Swiatek

Forfait a pioggia (Andreescu e Brady su tutte) per il 500 che chiuderà lo swing australiano. Jasmine Paolini all’ultimo round delle qualificazioni

Pubblicato

il

Ashleigh Barty a Melbourne 2021 (foto Twitter @AustralianOpen)

La seconda edizione dell’Adelaide International (WTA da 500 punti, cemento all’aperto, tabellone a 28, financial commitment di 535.530 dollari australiani) sarà l’unico evento dello swing australiano a non disputarsi a Melbourne, dove giocatori e giocatrici hanno soggiornato per cinque settimane (due di quarantena più tre di tornei).

La favorita d’obbligo sarà la N.1 al mondo Ashleigh Barty, che, reduce dalla delusione dell’Australian Open contro Muchova, ha chiesto e ottenuto una wildcard. Dopo un anno di stop, si può dire che la vincitrice del Roland Garros del 2019 stia cercando di recuperare il terreno perduto: prima ha giocato un’esibizione proprio ad Adelaide, contro Halep; poi ha vinto il torneo di Melbourne 1; ha giocato l’Australian Open; e ora chiuderà con questo torneo (non è invece ancora chiaro se deciderà di giocare al di fuori del Paese a pandemia ancora in corso).

Il suo percorso, dopo il bye al primo turno, inizierà contro Danielle Collins o Saisai Zheng, prima di un potenziale quarto contro la ragazza che l’ha succeduta sul trono di Parigi, vale a dire Iga Swiatek, in quella che potrebbe essere considerata una finale anticipata; in semifinale troverebbe poi Mertens o Wang.

 

Questo il tabellone:

Il torneo ha per la verità accusato un gran numero di rinunce, da Andreescu (che questa settimana ha giocato un torneo intenso a Melbourne 4 e sta ancora cercando la condizione migliore) ad Azarenka (che dopo la quarantena dura ha avuto problemi respiratori in campo e ha preferito lasciare subito l’Australia) alla finalista dell’Happy Slam Jennifer Brady, per ovvi motivi un po’ stanca.

La seconda favorita sarà quindi Belinda Bencic, altra giocatrice che non si è potuta allenare per le prime due settimane di quarantena: esordirà al secondo turno contro Blinkova o una qualificata/lucky loser, per poi incrociare Putintseva (o magari Tomljanovic) e la tds N.3 Jo Konta, la quale però si è ritirata al primo turno dello Slam e ha poi rinunciato a Melbourne 4 – la sua presenza è dunque in forte dubbio.

Non ci sono italiane nel tabellone principale, ma Jasmine Paolini è la tds N.6 delle qualificazioni (dove guida Cori Gauff): l’azzurra ha vinto in rimonta il primo turno contro Asia Muhammad per 4-6 6-3 7-6 (3), e si giocherà l’ingresso in main draw domani contro l’undicesimo seed Astra Sharma.

Qui i tabelloni aggiornati della prossima settimana

Continua a leggere

Flash

Phillip Island Trophy: Kasatkina torna al successo dopo due anni e mezzo

Dasha rimonta un’esausta Bouzkova e mette fine a un periodo nerissimo. “Mi sono tolta uno zaino pieno di sassi dalle spalle”

Pubblicato

il

Daria Kasatkina - WTA Melbourne 4, Phillip Island 2021 (via Twitter, @AustralianOpen)

Si è tolta un peso enorme, al termine di trentasei mesi che avevano incrinato tutte le certezze costruite in una vita dedicata al tennis. Daria Kasatkina ha vinto il torneo di Melbourne numero 4, stavolta denominato Phillip Island Trophy, la manifestazione-paracadute per le atlete respinte nei primi giorni dell’Open d’Australia. “Una sensazione meravigliosa, un enorme sollievo – ha detto a fine match Dasha -, mi sento come mi fossi liberata da uno zaino carico di sassi che portavo sulle spalle da tempo immemorabile“.

Ci sono volute più di due ore e una rimonta per avere la meglio su Marie Bouzkova, ma secondo e terzo set sono volati dalla parte della tennista di Togliatti senza controindicazioni eccessive. La ceca, qui tredicesima testa di serie e ultima nella top 50 WTA, è parsa provatissima dalle scorie lasciatele in eredità dalla semifinale vinta su Bianca Andreescu dopo oltre tre ore di battaglia. Convocato al capezzale il trainer verso la metà del secondo set, Bouzkova non ha potuto impedire che le forze residue via via l’abbandonassero con il prolungarsi del match, e di finire in balia di una Kasatkina sempre più tendente al controllo della contesa con il drittone carico.

La russa ha potuto dunque mettere le mani sul terzo titolo della carriera, il primo da Mosca 2018, spartiacque sportivamente drammatico di una carriera che proprio in quel momento, con l’ingresso tra le prime dieci del mondo a ventuno anni, sembrava sul punto di decollare. Aveva sollevato la coppa nella sua capitale, ed era stato il culmine di un’annata coi fiocchi: finale a Dubai, finale a Indian Wells, quarti al Roland Garros e a Wimbledon. Improvvisamente, all’inizio del 2019, gli schermi si oscurarono. Quattro eliminazioni consecutive al primo turno e l’ingresso nel tunnel, la caduta oltre la settanta WTA e un record fatto di tredici vittorie e ventuno sconfitte nella stagione definita dalla protagonista “un vero disastro. Poi la lenta risalita, una semifinale a Lione prima del lockdown e risultati rincuoranti dopo, nonostante il brutto infortunio patito a Roma nella sfida con Vika Azarenka.

 

Ho dovuto lottare per recuperare un minimo di fiducia – ragiona Dasha -, avevo problemi sotto molti punti di vista. Giocavo male, perdevo, ero insicura, e tutto è franato insieme. C’è voluto del tempo per ricostruire il mio gioco, per ritrovare la giusta confidenza, per cambiare me stessa. Ma finalmente sto bene“. Ha giocato una buona partita, adornata da trentacinque vincenti, più che sufficienti a sistemare la bilancia gravata da venticinque errori non forzati, comunque sintomo di una ritrovata propensione al comando del gioco.

Nonostante la seconda finale persa sulle due disputate in carriera dopo quella lasciata a Elina Svitolina lo scorso anno a Monterrey, Marie Bouzkova può guardare con orgoglio all’ottimo torneo disputato, oltreché ai prestigiosi scalpi portati a casa. Ma i riflettori sono tutti per Daria, il cui sorriso a lungo scomparso ritroviamo con gioia. “Il tennis è uno sport competitivo, devi lottare da solo. Negli ultimi due anni sono stata aiutata molto da uno psicologo, e mi sono convinta del fatto che anche i più piccoli dovrebbero iniziare a servirsene presto, per imparare a gestire i problemi quando e se passeranno al professionismo“, conclude. “Il vero cambiamento può partire solo dal modo di pensare di ognuno di noi, e da un concetto in particolare: la fiducia che riponiamo in noi stessi non deve essere legata a doppio filo alla vittoria o alla sconfitta, ma a come abbiamo lavorato“. Ansiosi di osservare i passi che la nuova Dasha compirà nella stagione ormai iniziata.

Il tabellone aggiornato di Melbourne 4

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement